Web Promotion della “Dieta Med-Italiana”

Versione stampabileVersione PDF
Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Lecce / Puglia
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Istituto Tecnico Economico Statale “Costa”
Tipo dell'organizzazione: 
School
Sito Web
http://www.dietameditaliana.it
Tipo di progetto
Educazione da 16 a 18 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Attività di web marketing (e-mailing, social networks, blog, etc.) relativa alla promozione e diffusione della Dieta Mediterranea Italiana per incentivare l’export del settore agro-alimentare e stimolare la ripresa dell’economia reale basata sulla “tripla A”: agricoltura, alimentazione e ambiente.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
L’idea è nata nella classe 3B a settembre 2011 con lo scopo di individuare un progetto che potesse svilupparsi al punto tale da offrire un lavoro o un’occupazione ai giovani del territorio, in primis a quegli studenti stessi della classe che, una volta diplomati, avessero deciso di non proseguire gli studi universitari. Si è pensato che uno dei settori col maggior potenziale fosse quello dell’agroalimentare, confidando sul fatto che la ripresa dell’economia nel meridione e in tutta Italia possa basarsi sullo “sfruttamento” ottimale delle nostre ricchezze agricole e gastronomiche nel pieno rispetto della sostenibilità ambientale, da qui la “tripla A”: Agricoltura, Alimentazione, Ambiente. Si è voluto quindi fare leva sulla rinomata e sana “Dieta Mediterranea” e sul suo recente riconoscimento da parte dell’Unesco quale “patrimonio immateriale dell’umanità”. A questo scopo abbiamo inventato e registrato il nome “Dieta Med-Italiana” (abbinato ad un logo identificativo) con cui caratterizzare tutte le nostre attività, le quali hanno come comune denominatore il pieno utilizzo e sfruttamento delle potenti e innovative tecniche di comunicazione attraverso Internet: web, blog, social network, e-mailing, newslettering, invio di comunicati stampa internazionali, etc. Oltre che nel “virtuale” ci siamo mossi anche nel “reale”, organizzando in pieno centro a Lecce la prima edizione del “Festival della Dieta Med-Italiana” (24/27 maggio 2012) con il patrocinio del Ministero dell’Agricoltura e curando una campagna mediatica internazionale con l’assegnazione onoraria alla First Lady Usa Michelle Obama di un ulivo ultramillenario salentino quale riconoscimento per tutta l’attività svolta negli Stati Uniti a favore della Dieta Mediterranea attraverso la sua iniziativa “Let’s move!”. Il progetto proseguirà anche nel prossimo anno scolastico (la classe sarà la 4B) ed è allo studio la realizzazione di un portale di e-commerce adibito alla vendita on-line dei nostri prodotti agroalimentari. Inoltre sono già in programma diverse iniziative promozionali per l’autunno 2012, oltre all’organizzazione di una più ampia edizione 2013 del Festival. Sul web il progetto è visionabile attraverso: il sito www.dietameditaliana.it il blog http://dieta-med-italiana.blogspot.it Facebook www.facebook.com/pages/W-la-Dieta-Med-Italiana/147842395323622 Video su Youtube www.youtube.com/watch?v=8p74IafxRf0 Per una panoramica generale sull’attività svolta è sufficiente inserire “dieta med-italiana” sui motori di ricerca (es. www.google.it)
Da quando è funzionante il vostro progetto?
09/2011
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Gli obiettivi sono piuttosto ambiziosi, ossia stimolare e sviluppare l’economia del settore agroalimentare del territorio per far sì che cresca il lavoro e, di conseguenza, aumentare la possibilità di nuova occupazione, soprattutto giovanile. Pensiamo che se riuscissimo a far conoscere ed apprezzare le nostre produzioni ed il nostro stile alimentare all’estero, si potrebbe innescare un meccanismo tale da far crescere esponenzialmente la domanda dei prodotti (vino, olio, ortaggi, etc.) e la loro vendita on-line, ad un prezzo interessante sia per l’acquirente che per il venditore. Il progetto intende raggiungere l’obiettivo della promozione all’estero della Dieta Med-Italiana utilizzando appieno e al meglio le nuove tecnologie di comunicazione via web, le quali sono contemporaneamente molto potenti e assolutamente poco costose. Sono utilizzati i social network, un blog specifico ed un sito ufficiale. Un altro strumento è la “creatività” e l’individuazione e applicazione di idee originali a forte impatto comunicativo, come ad esempio l’aver assegnato l’ulivo millenario a Michelle Obama. In questo caso specifico, l’abbinamento dei due mezzi (idea originale e uso dei web media) ha fatto sì che la notizia dell’assegnazione dell’ulivo alla First Lady degli Stati Uniti fosse pubblicata su oltre 300 grandi news media internazionali (Msn, Yahoo, Sky, etc.) e letta da oltre 13 milioni di persone in tutto il mondo (approfondimento su www.dietameditaliana.it/ michelleobama) . Il progetto affronta il problema della scarsa occupazione giovanile, soprattutto al sud e, tramite l’opportunità offerta dall’uso delle nuove tecnologie di comunicazione via web (grandi potenzialità a costi irrisori) ed il riconoscimento internazionale della Dieta Mediterranea quale “patrimonio immateriale dell’umanità”, intende utilizzare la leva della tripla A di agricoltura, alimentazione e ambiente per rilanciare l’economia del territorio ed incentivare la creazione di nuovi posti di lavoro. Innanzitutto pensiamo che sia “unico” il fatto che un progetto di tale portata sia stato concepito e sia portato avanti da una scuola, è più “consueto” che progetti simili siano opera della Camera di Commercio, della Provincia, della Regione o delle associazioni di categoria (agricoltura, commercio, artigianato, industria, …), tutte istituzioni, queste appena menzionate, partner dell’Istituto Costa nel progetto “Dieta Med-Italiana”. Un’altra caratteristica che lo rende speciale, è la velocità con cui il progetto si è imposto sul mercato, è sufficiente infatti effettuare una ricerca in rete di “Dieta Med-Italiana” per avere un riscontro della sua diffusione ed importanza.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
In undici mesi di lavoro abbiamo: • pubblicato e gestito un sito web, un blog, diverse entità sui social network (eventi, pagine, etc.); • creato e registrato un marchio (nome e logo); • inviate oltre 600.000 e-mail in Italia e all’estero; • promosso ed organizzato a Lecce il “Festival della Dieta Med-Italiana”; • invitato a Lecce dieci buyer internazionali e veicolato il loro incontro con le aziende locali di produzione; • ricevuto una medaglia di merito dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano; • cooperato in strettissima collaborazione con il Ministero dell’Agricoltura, Ministero della Salute, Inran, Regione Puglia, Provincia di Lecce, Camera di Commercio di Lecce, Comune di Lecce e le associazioni di categoria (Coldiretti, Cia, Confindustria, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti, etc.); • conosciuto e stretto rapporti con oltre 150 aziende locali del settore agro-alimentare; • ideato l’iniziativa di assegnazione di un ulivo ultramillenario a Michelle Obama (notizia pubblicata e letta in tutto il mondo da oltre 13 milioni di persone, con pubblicazioni in inglese, francese, spagnolo, tedesco, arabo, indiano, …); • preparato il terreno per gli sviluppi da attuare a partire da settembre 2012. In questo particolare progetto gli utenti sono di diversa natura. Alle aziende locali dell’agroalimentare, che operano sia nella produzione che nella trasformazione, abbiamo offerto un nuovo strumento di conoscenza e diffusione del loro operato e della qualità e varietà dei loro prodotti, contribuendo così allo sviluppo della loro economia. Alle istituzioni locali abbiamo offerto un’ulteriore opportunità per far conoscere ed apprezzare il territorio salentino e pugliese. Ai cittadini abbiamo fornito un’ulteriore mezzo di informazione su quale sia un migliore, più corretto e sano stile e regime alimentare, contribuendo così alle campagne di informazione istituzionali legate alla nutrizione e alla cura della salute. Per quanto concerne il lavoro realizzato in rete, i risultati li abbiamo misurati attraverso i parametri quantitativi e qualitativi dei contatti che, come descritto precedentemente, hanno toccato in alcuni momenti (maggio 2012) picchi altissimi (la sola notizia relativa all’assegnazione dell’ulivo a Michelle Obama si stima sia stata letta da oltre 13 milioni di persone in tutti i continenti). Mentre i risultati ottenuti attraverso l’organizzazione del Festival della Dieta Med-Italiana sono stati espressi direttamente dai soggetti coinvolti, ossia le aziende locali che operano nell’agroalimentare, le quali hanno riconosciuto l’importante valenza del lavoro eseguito e hanno già da ora confermato la loro presenza per la nuova edizione prevista nella primavera 2013.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
La valutazione quantitativa non è equamente distribuita nel tempo, nel senso che, ad esempio, il mese di maggio ha registrato un picco di interazione altissimo, sia on line (sito web, blog, facebook, con oltre 350.000 contatti complessivi) che in maniera “fisica”, di partecipazione al Festival della Dieta Med-Italiana (circa 18.000 visitatori
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 3 a 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 10.001 a 30.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
No
Da quanto tempo?: 
07/2012
Quando prevedete che diventi autosufficiente?: 
09/2013
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
I ragazzi hanno ideato un vero e proprio prodotto da vendere sul mercato, ideare un logo identificativo, simpatico e originale e ad iniziare a prendere contatti con gli attori del territorio (aziende agricole, istituzioni, associazioni di categoria) per farsi un’idea del settore e di come è possibile promuoverlo. Una bella esperienza di business per far conoscere il mondo del lavoro.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
L’ostacolo maggiore è stato quello di far superare nelle persone coinvolte, nella maggior parte dei casi, l’infondata convinzione che una scuola non possa creare ed organizzare un qualcosa che non sia semplicemente “scolastico”, nel senso diminutivo del termine. Spesso in Italia si è convinti che “scolastico” faccia rima con “approssimativo” e “simulazione”. In qualche modo però, il lavoro svolto dalla nostra scuola “fuori dalla scuola” negli ultimi 5/6 anni ci ha aiutato. Siamo riusciti a superare la difficoltà sopra esposta insistendo sulla bontà e sulle potenzialità del progetto. Confessiamo che i primi articoli relativi alla nostra idea pubblicati su quotidiani, riviste e webzine nazionali ci hanno sicuramente dato una grande mano in termini di credibilità.
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Abbiamo diversi progetti, alcuni sono a brevissimo termine (questo autunno), alcuni a medio termine (2013 e 2014) e altri proiettati un po’ più in là. In ottobre e novembre realizzeremo quello che abbiamo battezzato come l’ “Autunno della Dieta Med-Italiana” con l’ambizione di invitare e far venire (grazie anche alla possibilità dei voli low cost) persone dalla Germania, dall’Austria e dall’Inghilterra in tutti i fine settimana, per scoprire, degustare ed acquistare le nostre produzioni di stagione. Per il 2013 e 2014 vorremmo implementare il portale e-commerce adibito alla vendita dei prodotti on-line e vorremmo rafforzare l’importanza e la rilevanza del “Festival della Dieta Med-Italiana”, in maniera che possa attirare sempre più stranieri (operatori commerciali, esperti e semplici cittadini) a visitarci e conoscere da vicino il nostro stile alimentare. L’ambizione maggiore è quella legata ad un nostro possibile lavoro futuro in questo ambito, una volta diplomati. Se fossimo così bravi da far crescere a dovere il progetto, abbiamo buone speranze che quello che oggi realizziamo in un’aula, domani possa rappresentare il nostro “job”. Probabilmente l’unica cosa che ci occorre per la realizzazione completa del progetto e la continua credibilità e fiducia da parte delle istituzioni e degli imprenditori locali.
AllegatoDimensione
logo_dieta_mediterranea.png73.6 KB