video

DISACCORDI

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
ROMA / LAZIO
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
LICEO ARTISTICO STATALE "G.C.ARGAN" / III ISA ROMA
Tipo dell'organizzazione: 
School
Specificare: 
Scuola Secondaria Superiore
Sito Web
www.liceoargan.it
Tipo di progetto
Educazione da 16 a 18 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Il progetto DISACCORDI è un laboratorio musicale e multimediale che si propone di realizzare esperienze didattiche che abbiano come perno centrale l’analisi e lo studio dei rapporti tra immagine e suono, tra forme artistico-espressive e musica, nell’ambito delle crescenti interrelazioni multimediali e dei prodotti conseguenti realizzabili.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Il Laboratorio Musicale e Multimediale DISACCORDI del Liceo Artistico “G.C.Argan” /III ISA Roma nasce nel 2003 con un progetto del prof. Antonio Buldini, che ne è oggi anche il coordinatore e referente, con l’intento di offrire ai giovani uno spazio dove poter convogliare le energie creative attraverso l'utilizzo delle attuali tecnologie informatiche. Per le motivazioni suddette DISACCORDI è integrato nel progetto “Romarock-Romapop” del Comune di Roma, direttore Artistico Mogol, nel progetto POR della Regione Lazio ed è inserito nell’iniziativa della Provincia di Roma per la realizzazione dei Centri per la Creatività e l’Innovazione. Il laboratorio quindi si caratterizza soprattutto – ma non solo - per l’orientamento verso le seguenti componenti: 1) laboratorio musicale, inteso come spazio per una propedeutica teorica, studio e suono strumentale, musica d’insieme per gruppi e singoli, sala prove; 2) computer-music, intesa come studio, approfondimento ed utilizzo di software specifici nell’ambito Midi ed Audio (Logic, Cubase) e tale da permettere ai ragazzi di poter realizzare brani, tracce, ecc. costituite sia da parti di suoni sintetici che da registrazioni audio (voce e strumenti). In pratica il nostro laboratorio è attrezzato per realizzare delle vere e proprie produzioni. 3) composizione; intesa come possibile espressione delle proprie emozioni attraverso la canzone ( testo e musica ) ed il brano strumentale, visti attraverso la sperimentazione dei seguenti punti cardine: soggetto / tema / struttura / arrangiamento. 4) rapporto musica/immagine, inteso come momento applicativo di verifica / sperimentazione circa le potenzialità evocative ed emozionali reciproche esistenti tra forma (statica e/o in movimento) e suono; 5) realizzazione prodotti audio e video; 6) realizzazione prodotti di didattica multimediale. Il Laboratorio DISACCORDI ha una sua sede stabile al piano seminterrato all’interno dell’ex appartamento del custode. Detta sede è costituita da spazi destinati ad una sala musica, una regia audio, un montaggio video, una sala proiezioni, servizi. L’accesso è attualmente consentito da una rampa di scale. Sono previsti ulteriori interventi della Provincia di Roma per rispondere alle esigenze di accesso da parte dei diversamente abili, opere finitura esterne, oltre alla fornitura di arredi / impianti ( sedie, tende, condizionamento, ecc.). Sono presenti negli spazi laboratoriali strumenti musicali - chitarre, basso, tastiere, batteria, impianto voci, ecc. - sia per lo studio dei medesimi, sia per le necessarie prove e registrazioni. Vengono curate anche l’organizzazione e la preparazione di band, gruppi e singoli. La presenza di attrezzature informatiche e software per il montaggio video permette inoltre di effettuare post-produzioni per la lavorazione di corti, video, clip, ecc., con sperimentazioni dirette tra linguaggio musicale / sonoro ed immagine fissa o in movimento. Il neolinguaggio costituito da musica + parola + immagine è nel Laboratorio approfondito anche per tematiche disciplinari specifiche, andando a definire prodotti per una Didattica Multimediale. Un obiettivo della struttura è anche quello di avere un rapporto stretto con il territorio, essere luogo sperimentale ed aggregativo per un qualificato approccio alla creatività musicale e delle immagini. La particolare connotazione ed ubicazione del Centro Disaccordi, consentono di pensare ad una utenza esterna, con la creazione di specifici Corsi di Aggiornamento / Formazione e di collaborazioni attuate e da attuarsi con Enti Istituzionali e non.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
01/2003
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Gli obiettivi specifici del progetto sono: - sviluppare una sensibilità creativa nell'ambito sonoro e video; - determinare consapevolezza dei mezzi tecnologici con un utilizzo integrato ed idoneo dei software; - realizzazione di corsi teorici musicali e di strumento; - formazione di band e singoli strumentisti/cantanti; - composizione e registrazione di brani musicali; - produzione e montaggio di video, corti, clip, filmati didattici; - incontri, proiezioni, eventi, dibattiti, manifestazioni, concerti, concorsi. - stage formativi e collaborazioni con enti e istituzioni in ambito formativo giovanile.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
I risultati raggiunti sono, espressi per gruppi omogenei e a titolo esemplificativo per mancanza di spazio di scrittura, la realizzazione di: PROGETTI REALIZZATI - specifici corsi musicali e formazione band/singoli; - realizzazione di prodotti musicali e multimediali ( Esempio: Realizzazione CD per Romarock-Romapop; Cine-Video: composizione / realizzazione e montaggio di commenti musicali e sonorizzazione per i corti realizzati: “Suoni e luoghi del Cinema “Sempre Tardi”; “Il mistero di Giulia” , “Il Graffito”, “Verso La Vita”; “Hylas e le Ninfee”); - concerti/eventi (esempio: rassegna Matelica, Notte Bianca, Auditorium, Musica e Metropoli, ecc); - didattica multimediale : realizzazione prodotti DVD (esempio: WorkClip con Vittorio Nocenzi); - ricerca: La Musica del Silenzio, esperienza per un ri-ascolto dei suoni della natura e per una loro ri-elaborazione creativa. COLLABORAZIONI E RAPPORTI: RAIUNO; TG5; TV SAT2000; RadioVaticana ACEA ICBSA (Istituto Centrale beni Sonori e Audiovisivi) Università di Tor Vergata CET – Centro Europeo Toscolano – di Mogol Comune di Roma / Provincia di Roma / Regione Lazio Comune di Ciampino Biblioteche di Roma Municipio Roma XIII Ribes Edizioni Musicali di Vittorio Nocenzi PARTECIPAZIONI ED ESIBIZIONI A CONCERTI, MANIFESTAZIONI ED EVENTI: Auditorium Parco della Musica; Teatro Studio APM; Festa di Intermundia a Piazza Vittorio; Scuola in Festa; Globe Theatre per la Notte Bianca; Pontile sul Lungomare di Ostia; Teatro Piermarini di matelica (Mc); Cortile del Visconti al Collegio Romano; Stazione Birra a Ciampino, Roma; Teatro Don Bosco; Teatro Orione; Festival e concerti presso Scuole ed Istituzioni; CONCORSI E PREMI 1) Concorso “Una Canzone per la Sicurezza Stradale” Concorso bandito dalla Provincia di Roma; Premio con il brano “La Velocità” composto ed eseguito dagli studenti del Laboratorio Disaccordi; soggiorno-studio presso il Centro Europeo Toscolano (CET) di Mogol (2009) 2) Concorso Video “Esperanto” , Comune di Ciampino, 1° Premio con il corto “Il Graffito” (€ 300,00) (2011) 3) Concorso “Chiare, Fresche e Dolci Acque” Comune di Roma; 1° Premio ACEA con la canzone “Memorie d’Acqua” (impianto a pannelli solari nell’ala ex scuolamedia del nostro Istituto) (2011) 4) Il CortiGiano, Comune di Roma - Biblioteca Sandro Onofri, finalisti con il corto “Multitasking” (2011); 5) Primo Premio del Concorso MIUR con il video "La Donna Automa" con premiazione al Palazzo del Quirinale (8 marzo 2012); 6) Premiazione 2° classif per il video "Suoni e Luoghi del Cinema", Concorso Filo di Arianna, Palazzo delle Esposizioni, Roma, 2012; 7) Premiazione per il progetto "Message in the Bottle", Auditorium della Biblioteca Nazionale, Roma PUBBLICAZIONI CreaEuropa – il magazine della creatività nell’istruzione – MIUR TerzoISA BlogMag , N.21 dic 2008 Catalogo delle Buone Pratiche - Provincia di Roma I criteri per la valutazione dei risultati sono: monitoraggio in itinere e conclusivo dell'utenza; relazioni al Collegio dei Docenti; verifica delle ricadute didattiche e formative.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Gli utenti che interagiscono con il progetto DISACCORDI sono mensilmente ca. 180; Il laboratorio è attivo in orario antimeridiano durante le fasi curriculari ed è aperto il pomeriggio 2 giorni a settimana (martedi e giovedi dalle 14,30 alle 17,30)
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Più di 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
No
Da quanto tempo?: 
08/2012
Quando prevedete che diventi autosufficiente?: 
09/2014
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
La possibilità di utilizzare le tecnologie informatiche attuali al fine di sviluppare adeguatamente e secondo una metodologia idonea la creatività musicale e multimediale giovanile.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Per il futuro il progetto prevede una sempre più radicata presenza sul territorio della struttura di laboratorio, un incremento delle già esistenti collaborazioni con enti ed istituzioni, una maggiore autonomia finanziaria.

Walterman

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Roma
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
I.C. Uruguay
Tipo dell'organizzazione: 
School
Specificare: 
scuola media statale
Sito Web
http://www.istitutouruguay.it/
Tipo di progetto
Educazione da 11 a 15 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Realizzazione di un video sul Bullismo per fare conoscere agli studenti questa dimensione sociale, apprendere a riconscerla ed a difendersi.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
L'idea di realizzare un video sul Bullismo con i ragazzi, è nata dalla loro diretta richiesta di conoscere meglio questo argomento, apprendere a difendersi soprattutto. Così è stato realizzato un video come prodotti finale di un lavoro di approfondimenti sull'argomento. Conoscere, studiare, impegnarsi ha capire agli studenti quanto una tematica se scandagliata correttamente possa essere foriera di grandi apprendimenti e di dare una gran forza a chi la studia. Fondamenta è stato il lavoro di gruppo realizzato dai ragazzi che hanno accettato di lavorare per squadre, e di collaborare tra tutti per un fine comune.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
09/2011
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Far conoscere ai ragazzi come scandagliare un sentimento, un vissuto e come muoversi nel mondo di oggi, restando sempre attenti e attivi. Dover realizzare un prodotto finale insieme ha contribuito alla buona riuscita del progetto.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Il livellodi attenzione della classe, ma anche il livello di consapevolezza acquisita.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Tutta la classe del progetto con i suoi familiari, ma anche tutta la scuola in occasione delle ricorrenze generali.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Meno di 1 anno
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
No
Da quanto tempo?: 
07/2012
Quando prevedete che diventi autosufficiente?: 
10/2012
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Gli altri possono imparare che c'è sempre posto per tutti, che lavorare in rete è importante, che far lavorare i ragazzi per prima cosa è un punto da non perdere di vista.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
Far lavorare gli studenti su una tematica che è loro è molto cara, anche perchè vivono in una età delicatissima e ci vuole un niente per rovinarsi la vita, mentre è importante averli visti estremamente coinvolti perché inizialmente interessati a lavora di telecamera e computer per montare il video, Questo dimostra che le nuove tecnologie devono sempre e solo restare al servizio dell'uomo.
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Realizzare dei fimati brevi su altre tematiche emotive, di inclusione e esclusione. Il video Walterman è disponibile da consultare presso la Fondazione Mondo Digitale.

“Testimoni dei diritti”: analisi dell’articolo 4 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Lonigo (Vicenza) – Veneto – Italia
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Istituto Comprensivo “Carlo Ridolfi” di Lonigo
Tipo dell'organizzazione: 
School
Sito Web
http://nuke.ridolfi-lonigo.it/ICCarloRidolfi/Attivit%C3%A0edIniziative/201112Attivit%C3%A0iniziativeeNews/TESTIMONIDEIDIRITTI/tabid/243/Default.aspx
Tipo di progetto
Educazione da 11 a 15 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
La schiavitù è un fenomeno che non appartiene al passato, ma è ancora presente in forme subdole e nascoste: diventare cittadini consapevoli ci aiuta a smascherarlo.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Le insegnanti di Musica e Lettere hanno coinvolto gli alunni di classe II E e del Coro Multietnico d’Istituto, nel Progetto “Testimoni dei Diritti”. Dopo aver letto la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, abbiamo pensato di analizzare l’articolo 4 dal momento che aveva suscitato l’interesse della gran parte dei ragazzi. Si è partiti subito alla ricerca di materiale per informarci sul fenomeno della schiavitù, partendo dalle epoche passate fino ai nostri giorni. Abbiamo approfondito, in particolare, la situazione degli schiavi del lavoro della Rivoluzione Industriale: uomini, donne e bambini privati di ogni diritto per guadagnare un tozzo di pane, succubi di orari di lavoro massacranti e di padroni disumani, dimenticati da tutti, in balìa di un destino crudele che li ha visti immolati in nome del progresso e del denaro. Abbiamo drammatizzato il capolavoro di Charles Dickens: “Oliver Twist”, emblema dell’infanzia sfruttata, ignorata, avvilita dell’800, schiava degli interessi di una società che vedeva nei bambini poveri od orfani, solamente forza lavoro gratuita da usare fino alla morte. Dopo aver letto il testo, abbiamo ricavato un copione e ciascuno di noi ha interpretato uno dei personaggi, recitando anche battute in inglese. Nella drammatizzazione (di cui vi mandiamo un DVD) ha un ruolo importante anche il Coro di Istituto che è intervenuto con canti, danze e interpretando le parti secondarie. Il quadro storico è stato completato dalla visita al villaggio operaio di Crespi d’Adda: voluto da un imprenditore illuminato che si è preso a cuore la sorte degli operai e delle loro famiglie, mettendo loro a disposizione una casa confortevole, cure mediche, una scuola per i figli, un asilo nido per le madri lavoratrici, bagni pubblici e docce per curare l’igiene. Abbiamo scoperto che le canzoni d’autore possono sensibilizzare gli uomini su temi importanti. In classe abbiamo conosciuto nuovi cantautori quali Bob Dylan, Joan Baez , Giorgio Gaber, Sting che con le loro canzoni hanno denunciato violenze e riaffermato diritti dell’uomo. Alcuni dei canti che abbiamo imparato sono stati inseriti come colonna sonora del secondo DVD che vi abbiamo inviato come sintesi del lavoro. Durante il nostro studio, ci siamo soffermati sugli schiavi moderni: bambini che lavorano nelle piantagioni, nelle tessiture o nelle fornaci di mattoni, bambini soldato e bambini usati a scopo sessuale. Per noi è stato importante realizzare una mostra grafico-pittorica, aperta al pubblico: ognuno ha rappresentato sulla tela ciò che lo aveva colpito; ne è uscita una raccolta di volti di schiavi intitolata “Volti negati” perché abbiamo voluto rendere chiaro che erano persone a cui la storia ha negato un’identità.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
09/2011
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
- Conoscere i diritti umani e il percorso storico per la conquista degli stessi. - Sviluppare il linguaggio e le forme espressive attraverso l’analisi di un capolavoro della letteratura. - Saper drammatizzare un testo calandosi nei personaggi. - Saper recitare alcune parti in lingua straniera. - Preparare degli storyboard per realizzare dei video sulla tematica. - Saper preparare dei power point - Saper riferire e presentare tramite LIM - Sapersi esprimere attraverso il canto, curando l’intonazione e l’espressività. - Sapere alternare –durante l’esecuzione- parti strumentali e parti vocali. - Saper accompagnare le esecuzioni vocali con la tecnica della body percussion. - Favorire l’integrazione tra gli alunni di diverse nazionalità attraverso il linguaggio universale della musica e della danza. - Contribuire allo sviluppo psicofisico in una prospettiva di prevenzione del disagio - I mezzi usati sono: pc, software di: elaborazione testi - editing audio- editing video- scrittura musicale, lavagna LIM, supporti audiovisivi, didattica laboratoriale.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Il Progetto è stato selezionato e premiato dal Senato della Repubblica in data 20 aprile 2012 presso Palazzo Madama. A giugno –presso l’Aula magna della scuola- il progetto è stato presentato ai genitori. In tale occasione i ragazzi hanno rappresentato “Oliver Twist” accompagnandolo con canti e danze. Nella valutazione si è tenuto conto dell’interesse, della partecipazione, dell’impegno dimostrati durante le varie fasi. Facciamo presente che il progetto si è svolto, in gran parte, durante l’orario extrascolastico.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Il progetto è stato rivolto a circa cinquanta ragazzi che hanno partecipato ogni mercoledì pomeriggio alle prove del Coro e martedì e giovedì pomeriggio alle prove teatrali. Ogni settimana, venivano utilizzate due ore curricolari per l’approfondimento della tematica attraverso le tecnologie multimediali.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Meno di 1 anno
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Specificare: 
Fondo d’Istituto e Senato della Repubblica
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
No
Da quanto tempo?: 
07/2012
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
Si
Dove? In che modo?: 
Il Coro si è esibito in numerose occasioni pubbliche.
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Le nuove tecnologie possono agevolare lo studio dei saperi essenziali e attraverso i linguaggi espressivi, gli alunni possono dare il meglio di sé, mettendo in luce potenzialità che nelle normali attività scolastiche non emergono.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Alla luce dei risultati, dell’interesse degli alunni e della soddisfazione delle famiglie, vorremmo riproporre spettacoli ed eventi teatrali - musicali con il coinvolgimento di più discipline su tematiche che non esulino dai programmi ministeriali, ma che li integrino e arricchiscano..

Poster digitale

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Lazio
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
S.M.S. Gaio Cecilio Secondo
Tipo dell'organizzazione: 
School
Specificare: 
scuola media statale
Sito Web
http://hightech.edu.glogster.com/progetto-ri-ciclo/
Tipo di progetto
Educazione da 11 a 15 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Poste digitale in cui si sviluppano percorsi interdisciplinari e pluridisciplinari, utilizzando diversi linguaggi multimediali.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
da inserire
Da quando è funzionante il vostro progetto?
09/2011
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
da inserire
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
da inserire
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
da inserire
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Meno di 1 anno
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Si
Da quanto tempo?: 
09/2011
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
da inserire
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
da inserire
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
da inserire

I Giorni del Buio - Il sequestro di Aldo Moro

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Viterbo/Lazio
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
ITSST Leonardo Da Vinci
Tipo dell'organizzazione: 
School
Specificare: 
Istituto di istruzione tecnica di II° grado
Tipo di progetto
Educazione da 19 a 29 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Indagine sul terrorismo degli anni '70 condotta dai ragazzi dell'Itsst Leonardo Da Vinci
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
ll documentario, realizzato dai ragazzi dell'Istituto Tecnico Statale per il Settore Tecnologico "Leonardo Da Vinci" di Viterbo, sui 55 giorni di prigionia di Aldo Moro. Il video, prodotto grazie alla collaborazione dell'Archivio Flamigni e di RAI Storia, mostra, attraverso la testimonianza di Agnese Moro, un nuovo punto di vista sulle vicende che hanno portato dal sequestro all'uccisione del Presidente della DC.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
12/2011
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Ricercare e studiare il personaggio di Aldo Moro, capire la situazione storica e politica del tempo. Analizzare le vicende ricostruendo la storia attraverso interviste, documenti, internet e giornali. è stata coinvolta anche la figlia di Moro, Agnese per una testimonianza diretta.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Dopo mesi di lavoro il video finale verrà presentato a luglio nel festival Caffeina di Viterbo. Questo è il link per vederlo: http://www.youtube.com/watch?v=Dk6m3bODbpA&feature=player_embedded
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Il video è disponibile su youtube; quindi a disposizione di un vasto pubblico. Gli studenti dell'istituto con particolare attenzione alle classi quinte e ai docenti di storia
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Specificare: 
bilancio d'istituto per il funzionamento dei progetti extracurricolari
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
No
Da quanto tempo?: 
09/2011
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
é un punto di vista diverso e nuovo su un fatto storico accaduto 34 anni fa.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si

L'HIP HOP COME STRUMENTO PEDAGOGICO

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Terni - Umbria
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Istituto Comprensivo Marconi
Tipo dell'organizzazione: 
School
Sito Web
http://www.youtube.com/watch?v=lWKIt4lhpwE http://www.youtube.com/watch?v=45v-kkPS4X0&feature=related http://www.youtube.com/watch?v=HDI_fdXohGU http://www.youtube.com/watch?v=xeRubaD3VYs
Tipo di progetto
Educazione da 11 a 15 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Conoscere l'hip hop e riflettere sulle sue potenzialità  in campo educativo vuol dire entrare in contatto con una risorsa preziosa per ragazzi alla ricerca di efficaci canali di autonarrazione.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Tutti i giovani ascoltano la musica sempre e ovunque. Per questo, si è pensato di realizzare brani musicali rap in quanto strumento privilegiato di interazione con loro e tra di loro, che hanno veicolato conoscenze, valori per un modo orignale di fare cittadinanza attiva. Consapevoli che nel periodo adolescenziale il gruppo è determinante per la costruzione delle personalità , per la loro maturazione, abbiamo voluto mettere al centro del progetto il Gruppo. Il gruppo sostitutisce infatti l'autorità  dell'adulto, trasformando le relazioni tra l'adolescente e l'insegnante. Non è pi๠solo l'insegnante, ma soprattutto il gruppo che facilita e promuove l'apprendimento. Le tecniche utilizzate nella realizzazione del progetto sono state il Brainstorming ed il Cooperative learning, perché si caratterizzano per la valorizzazione di competenze multiple e di stili diversi nella produzione di idee e di soluzioni condivise. I ragazzi hanno quindi creato una pagina dedicata al loro gruppo-classe nel social network Facebook nel quale interagire e dove vengono pubblicati dalle insegnanti i materiali, i link importanti al progetto e dove è stato pubblicato il questionario di autovalutazione. I testi sono stati scritti dai ragazzi sotto al guida degli insegnanti di lettere. I ragazzi sono stati chiamati ad affrontare compiti comuni, proponendo ciascuno le proprie idee, le proprie esperienze, le proprie modalità  intellettive, le proprie competenze, mettendosi in gioco in un piano di cooperazione e non semplicemente di collaborazione.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
09/2010
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Promozione di percorsi formativi e di apprendimento nell'ambito della cultura hip hop, finalizzati a favorire la conoscenza contenuti e valori allo scopo di favorire in maniera originale la cittadinanza attiva. Promuovere e sostenere la produzione musicale, artistica e letteraria dei ragazzi, come spazio di espressione Promuovere lo spirito di gruppo e il mutuo-aiuto Favorire l'autostima e il riconoscimento sociale degli alunni Costruire processi introspettivi e di auto-narrazione, attraverso la stesura di testi musicali, per sviluppare capacità , peculiarità  e originalità , e dare spazio all'esplicitazione del proprio "essere" e del proprio "sentire" Promuovere percorsi di co-costruzione di eventi e manifestazioni interculturali, con i gruppi giovanili locali, con organizzazioni ed enti , per un protagonismo attivo e una valorizzazione delle diverse attitudini, competenze e capacità .
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
I rap pubblicati hanno vinto diversi concorsi nazionali. Primo premio al Concorso Green Cross 2011, il video è stato fatto vedere in occasione della premiazione al presidente della Repubblica ed al nuovo ministro dell'Istruzione Primo premio Fondazione Sant'Anna di Perugia Primo premio Concorso "Grande Italia" Primo premio al concorso "EREDI E PROTAGONISTI DELL'UNITA' D'ITALIA" "“Università  di Bologna Selezione Gold "“ Ansas Primo premio concorso Pearson 2011 Selezione WWF per "l'ora della Terra 2011"
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
I video sono pubblicati anche su youtube attraverso il quale possiamo controllare il numero dei visitatori.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 3 a 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
No
Da quanto tempo?: 
09/2012
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
Si
Dove? In che modo?: 
E' stato pubblicato sul sito del quotidiano La Repubblica. e' stato pubblicato su diversi siti alcuni esempi http://www.facebook.com/viadifrancesco/posts/108643775885728 http://www.gugolrep.com/2011/06/scuola-rap-per-il-wwf-our-aim-is.html http://it.paperblog.com/rap-is-outta-control-09262010-111989/ http://www.facebook.com/viadifrancesco/posts/108643775885728 http://wn.com/AUGURI_ITALIA!!
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Siamo di fronte ad un gap generazionale tra docenti e studenti riguardante la lingua, interessi, modi di apprendimento, che deve essere colmato. I motivi che oggi rendono il lavoro con i mezzi di comunicazione essenziali sono sia di carattere sociale che culturale. Per questo consigliamo di utilizzare l'hip hop, un genere musicale vicino ai ragazzi, per motivarli a definire i contenuti e per inviare un messaggio agli altri. Non serve molto per realizzare un video musicale Videocamera HD, Telo per effetto chromakey (se non si dispone di un luogo adatto, noi abbiamo utilizzato la sala chromakey del Centro Multimediale di Terni) apparecchiature per registrazione audio, LIM con Pc, Internet, software per montaggio video
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si

A Mundzuku Ka Hina, laboratorio di comunicazione

Paese, Città/Regione
Paese: 
Mozambique
Città/Regione: 
Bairro (Quartiere) Hulene B, Maputo
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Lab. A Mundzuku Ka Hina/Associazione Basilicata-Mozambico Onlus "Padre Prosperino Gallipoli". Matera, Italia
Tipo dell'organizzazione: 
Association
Sito Web
http://www.amundzukukahina.org
Tipo di progetto
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Parole ed immagini, laboratorio di comunicazione diretto ai giovani che si procurano la sopravvivenza nella discarica di Maputo, Mozambico.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Nel giugno del 2008, all'interno del pi๠vasto progetto denominato Mamma Discarica, abbiamo avviato un laboratorio di foto, video, elaborazione digitale delle immagini diretto ai giovani che raccattano la sopravvivenza nella discarica di Maputo, Mozambico. Oltre alle drammatiche emergenze alimentari e sanitarie, esiste nel paese un'emergenza culturale e di formazione che rischia di vanificare qualsiasi tentativo di sviluppo. La comunicazione digitale e l'elaborazione dei prodotti ad essa attinenti sono alla base dell'attuale sviluppo economico e culturale. La commercializzazione avviene attraverso l'immagine, la comunicazione e la gestione di internet. Nel paese l'accesso ai libri anche scolastici, a giornali, riviste o altre fonti di ricerca e formazione è praticamente negato per la quasi totalità  della popolazione. Nel nostro piccolo laboratorio la fonte primaria del materiale scolastico di supporto avviene tramite internet. Estendere questa possibilità  ai campi dell'istruzione, consentirebbe di reperire materiale di ricerca e scolastico ad un costo quasi zero, consentendo agli studenti di interiorizzare il concetto di ricerca e di acquisire dimestichezza con i linguaggi informatici. Abbiamo avviato un progetto pilota di alfabetizzazione digitale per adolescenti della discarica, orfani e bambini portatori di handicapp, ottenendo risposte positive....vedi allegato
Da quando è funzionante il vostro progetto?
07/2008
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Obiettivi principali: 1.Sviluppare le potenzialità  di ciascun allievo per realizzare un proprio autonomo percorso. Dare la possibilità  ai ragazzi di acquisire competenze e capacità  nel settore comunicazione per l'inserimento lavorativo in un ambito in fase di sviluppo nel paese. 2.Contribuire allo sviluppo culturale ed umano di un paese in cui l'emergenza "culturale" è prioritaria. 3.Costruire una letteratura dal basso attraverso immagini e parole. Formare i protagonisti in loco affinché acquisiscano capacità  e mezzi per rappresentare la propria realtà , divenendo gli artefici della narrazione. Problemi riscontrati: 1. Il livello scolastico in Mozambico è molto basso. La metodologia pedagogica privilegia l'insegnamento mnemonico di nozioni elementari piuttosto che cercare di innescare degli schemi interpretativi attivi. I ragazzi non hanno strumenti e confronti necessari per sviluppare la propria autonomia culturale, né un autonomo sistema di ricerca e di crescita. 2. Difficoltà  nella capacità  di sintesi. Sintetizzare due concetti in un unico assunto è problematico, così come desumere da pi๠concetti le similitudini che li contraddistinguono. 3. "L'ambiente" tende alla de-responsabilizzazione individuale e alla sudditanza verso l'autorità . Appiattimento acritico e formale su gusto/visione del mondo dell'autorità  scolastica (nel nostro caso il maestro di bottega). 4. vedi allegato
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Sette ragazzi del laboratorio lavorano come fotografi e grafici presso giornali locali (@Verdade e Savana), o come formatori in corsi di alfabetizzazione digitale. Abbiamo prodotto diverso materiale video (documentari, video arte, video poesia), un abbondante repertorio fotografico (reportages, foto creative, etc...) grafico e letterario (raccolta di testimonianze, spaccati di vita, elaborazioni di sceneggiature, etc...) di un certo pregio. I video prodotti dal nostro laboratorio sono stati invitati a diversi festival di cinema tra cui: TFF Torino Film festival, London International Documentary Film Festival, Festival di Cinema Africano di Milano, Terra di Cinema Parigi, Tampere Film Festival, ottenendo diversi riconoscimenti e premi. Siamo stati invitati alla Biennale di fotografia di Bamako, Mali. Il reportage sui bambini di strada realizzato da un nostro allievo (che ha vissuto quell'esperienza in prima persona) ha ricevuto la menzione speciale a Fotonarrando, Roma. Abbiamo partecipato a diverse mostre fotografiche. Siamo stati invitati alla Mostra Internazionale del Libro di Maputo. La sceneggiatura per il documentario sui gruppi di danza della discarica è stata selezionata dal network televisivo italiano Rai 3 (tra i 12 selezionati su 450 progetti presentati). Servizi fotografici dei nostri allievi sono apparsi su: Reflex, rivista storica della fotografia italiana, ARTapp Rivista di arte ed architettura, Verdade, rivista di Maputo...... vedi allegato
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Per ogni step nel laboratorio interagiscono circa 25/30 ragazzi. Agli allievi che lavorano nella discarica viene data una diaria, ai pi๠meritevoli borse di studio. A tutti viene fornita la colazione, il pranzo, l'assistenza sanitaria. I corsi di alfabetizzazione digitale a pieno regime ospiteranno tra i 50 e i 70 allievi. In Italia abbiamo avviato momenti di condivisione e partecipazione attiva presso scuole, centri sociali o culturali, parrocchie ed università . ....vedi allegato
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 3 a 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 75.001 a 500.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
No
Da quanto tempo?: 
02/2012
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Una filosofia, una metodica pedagogica e d'intervento in realtà  simili e non solo. Un approccio che mette al centro di ogni intervento l'uomo con le sue specifiche peculiarità .
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
Come nei laboratori artigiani, partiamo dalla pratica sul campo per poi desumere dall'analisi dei lavori i presupposti teorici, lasciando che siano gli allievi gli artefici del processo. Uno sviluppo della didattica e dei percorsi pedagogici dettato, pi๠che da un rigido programma, da ciò che quotidianamente emerge all'interno del laboratorio, dalle esigenze e dalle potenzialità  o punti deboli degli allievi. Il fine del laboratorio è l'individuazione da parte degli allievi di una propria metodologia di lavoro, lo sviluppo di processi di sintesi, di un individuale senso del gusto e dell'estetica. Oltre ad appropriarsi delle tecniche fotografiche, di ripresa o grafiche, gli allievi comprendono cosa significa narrare, costruire una storia: le immagini hanno una propria struttura narrativa, un proprio andamento ed un proprio ritmo. Una grammatica sempre in evoluzione. ...vedi allegato
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Impiantare una scuola/laboratorio di comunicazione che abbia continuità  nel tempo, che mantenga le stesse peculiarità  didattiche e disciplinari utilizzate finora e con lo stesso approccio umano. Diventare una scuola accreditata dalle autorità  del Mozambico, con rilascio di diplomi. Per realizzare questo laboratorio stabile servirebbero sia un budget da quantificare con un adeguato piano finanziario che una struttura pi๠articolata e dinamica per valorizzare il capitale d'esperienza finora accumulato, le relazioni sviluppate con le autorità  locali, i riconoscimenti ricevuti. Una struttura che sappia capitalizzare le offerte di collaborazione pervenuteci da professionisti della comunicazione. Auspichiamo il supporto delle autorità  locali, comunque già  promesso. E possibilmente la collaborazione con associazioni che lavorano nel campo della formazione.

BUNYALA RURAL COMMUNITIES ICT AND CULTURAL DIGITAL MEDIA CENTER (BRCICTCDMC)

Paese, Città/Regione
Paese: 
Kenya
Città/Regione: 
PORT VICTORIA TOWN
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
TUMAINI EDUCATIONAL ENDOWMENT PROJECT (TEEP)
Tipo dell'organizzazione: 
Other
Specificare: 
NON PROFIT COMMUNITY BASED ORGANIZATION (CBO)
Sito Web
http://www.facebook.com/tumainicbo
Tipo di progetto
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
To provide opportunity for young people to acquire ICT literacy and necessary technical skills for job opportunity.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
The project puts emphasis on using information and communication technologies in the context of global youth priorities, such as access to education, employment and poverty eradication. In addition, the cost of ICT access (mobile phones and Internet) is much higher as a proportion of per capita income in these particularly disadvantaged countries. We want s to bringing together all relevant stakeholders, including governments, civil society and the private sector, and encouraging them to work together to provide an environment that fosters the development of young people and enables them to realize their potential in the Information Society. The ICT centre will act as a resource centre for community mobilization, training and empowering young people to engage in community economic development by venturing them into employment. Disadvantaged and marginalized youth, such as migrant and refugee youth, youth with HIV and AIDS, indigenous youth, youth with disabilities, rural youth, youth experiencing poverty, and those facing discrimination, are often excluded from access to ICTs. The effective allocation of resources so as to ensure equal opportunities and access to ICTs for youth living in vulnerable situations is critical to ensuring that ICTs are used and developed in an inclusive and equitable manner.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
09/2010
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
We must address unequal opportunities for ICT use within groups. Important factors in this respect include an individual’s socio-economic position, level of education and place of residence. We want youth participation in democracy and the possibilities that may develop after the digital revolution. Opportunities for children and youth to express their ideas and opinions about different issues in society have traditionally been very limited. We want to participate strengthen policies for the provision of information and communication technologies (ICTs), including access to internet, for education, and including the promotion of ICT training for education that is relevant and of high quality. The project seeks to serve Youth through a number of products and services: Participatory Project Design; youth Led Innovative Program Implementation; seed Grant Projects for Entrepreneurship Development; developing multi-stakeholder partnerships for program design; building local capacity for program implementation; using new technologies for livelihood generation; community Driven Development; initiating Pilot projects; livelihoods based approaches to enterprise development in: Renewable Energy, HIV/AIDS, IT, Rural Development, Water and Sanitation and community volunteer-ship.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
In a broad sense, the benefits arise from improvements in education and access to information. At the individual level, ICT has assisted some young people to gain more meaningful jobs, to communicate easily with other youth from all over the world, and thus share their experiences. Some youth are capable of using ICT in diverse and novel ways, as a result of which traditional forms of socialization such as the family and school are increasingly being challenged and overtaken. These technologies offer a culture of information, pleasure and relative autonomy, all of which are particularly appealing to young people. Many young people are simultaneously experiencing life within the global and local spheres. They develop a global consciousness yet still have to function and survive in their own locality and culture. The project evaluation criteria includes study on: the importance of the role of youth entrepreneurship in creating employment opportunities from ICT; the value of public-private partnerships in making the most of the employment potential of ICT for young people; how ICT opportunities can also assist vulnerable groups of young people; ways that ICT can help link the informal sector to opportunities in the world economy.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
• Every computer 20 Users Per day • 20x120 = 2400 users • 50 x1 computers for professional training • 2450 Users per day • 2450x30= 733,500 per month • 2450 Users x 365 days • Total, 894,250 Users per year • 50 computers x 3 centres • 50 computers x 3 (mobile ICT Unit, Schools) • 300 computers for public usage • 100 computers for professional training • Total, 400 computers. • 500 e-books (for e-library)
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Più di 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Più di 500.000 Euro
Specificare: 
Fundraising, donations, grants, products and services sale, endowements like Micro entrepreneurship - business opportunities for the youth
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
No
Da quanto tempo?: 
09/2010
Quando prevedete che diventi autosufficiente?: 
01/2017
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
Si
Dove? In che modo?: 
In other communities by national ICT access programme.
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Youth and ICT play an important role to uplift the living standard of youth themselves and the community they live in. Furthermore, ICT can increase the interest to learn new things, easy mean for job searching and application, easy money transfer and payments for school fees, easy communication and mass media entertainment; ICT helps in the cognitive development aspect of children, students, and all; ICT helps everyone to develop and shape their thinking power; logic sense; ICT increases the self confidence of a person, opening up to diversity and inclusion, helps in skill development. On creating job opportunities: youth use skills to open micro-entrepreneurship like mobile phone money transfer, setting up a community disaster management training- warning - and mobilization center as a mean for social development and resource support. ICT projects are vital to improving rural community livelihoods by: informing and forming on relevant decisions about livelihood strategies, thereby reducing disaster impact (flood, disease, drought warning and mitigation), and increasing income diversification; improvements in efficiency and effectiveness of rural service delivery across areas of health, education, agricultural extension, training and knowledge resources.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
<div>Despite the many benefits, Technology in general and ICTs in particular, the project offers to the &nbsp;youth and other &nbsp;citizens, modern ICTs pose several obstacles including the implied costs, keeping up-to-date with ever changing technology and abuse. In our solutions we seek to improve community awareness and participation in the project. Next steps: 1. More feasibility studies 2. Educating Juniors and the community about the project 3. Recruiting more Juniors and training them 4. Secure endorsement of concept by investors, donors and sponsors 5. Pre-development phase fund-raising, donors, investors 6. ICT professional, artists, architecture; engineering team and selection 7. Partnership development with the donors and advisory and ICT constructing companies like CISCO and SAFARICOM to help in project definition, planning and technical support. 8. Development of a strong fund-raising committee and concept refinement.</div>