storia

STORIA DEGLI UOMINI E DELLE COSE

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Napoli / Campania
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
I.S.I.S. “Mario Pagano”
Tipo dell'organizzazione: 
School
Tipo di progetto
ICT per l’integrazione dei migranti/rifugiati
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Percorso di Educazione interculturale
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
L'Associazione Mani Tese ha proposto alla scuola ISIS Pagano in attuazione del Progetto in "Scuole aperte" nell'anno scolastico 2009-2010 il percorso “STORIA DEGLI UOMINI E DELLE COSE”. Nella fase di realizzazione del progetto verranno privilegiati momenti di partecipazione attiva degli studenti attraverso attività di cooperative – learning, simulazioni e giochi di ruolo specifici sul fenomeno delle migrazioni e dell’integrazione sociale. Sono previsti inoltre momenti di confronto interculturale a partire da letterature e strumenti filmici provenienti da vari paesi. Si richiederà la partecipazione degli studenti nel raccogliere testimonianze dirette da parte di italiani emigrati e di stranieri immigrati in modo da stabilire un dialogo tra le diverse generazioni. A conclusione del percorsoè stato realizzato un lavoro finale (cortometraggio, raccolta di testimonianze, ecc.) di cui hanno preso visione anche gli studenti che non hanno partecipato al percorso.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
09/2009
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
OBIETTIVI SPECIFICI E TRASVERSALI - Far comprendere i processi di globalizzazione economica e socio-culturale che interessano il pianeta e la loro ricaduta sui popoli dei paesi del Sud del Mondo; - Creare negli studenti la consapevolezza delle conseguenze a livello mondiale delle azioni compiute nel Nord del Mondo, svelando le interconnessioni tra paesi anche molto lontani tra loro; - Individuare alternative all'attuale sistema consumistico di vita e allo spreco delle risorse; - Sviluppare il senso di solidarietà e responsabilità verso i poveri e gli sfruttati del mondo; - Favorire lo sviluppo della cultura della parità e della dignità umana; - Cogliere i nessi tra fenomeni mondiali ed effetti locali; - Promuovere comportamenti critici e propositivi verso il proprio contesto ambientale; - Rendere i ragazzi più responsabili, facendoli sentire protagonisti del cambiamento; - Creare nuove competenze nel merito del lavoro di gruppo e la cooperazione produttiva tra pari, attraverso il raggiungimento di un obiettivo comune; - Far conoscere agli studenti il mondo del volontariato presente da anni nella città in cui vivono; - Presentare punti di vista differenti coi quali osservare sé stessi e l’altro. Strumenti Ci si è avvicinati alle altre culture attraverso letture, strumenti multimediali come video e Cd-rom, e attraverso testimonianze dirette.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Avvicinare gli allievi alle tematiche dello sviluppo, della mondialità, dell'intercultura, favorendo lo sviluppo del pensiero critico e la scelta consapevole di comportamenti socialmente corretti e individualmente responsabili. Nello specifico, gli argomenti trattati sono stati nel primo modulo: -Lettura di brani che raccontano storie di profughi e/o emigrati -Testimonianze di alcuni stranieri; gli allievi raccontano le esperienze migratorie delle loro famiglie: -Cooperative sui “flussi migratori” -Cooperative sull’ambiente -Visita in bottega Nel secondo: - Conseguenze dei flussi migratori: - Diritti dei migranti: “differenze e indifferenza” - La storia delle cose: - Lo sviluppo sostenibile: - I diversi stili di vita: - L’acqua come bene comune:
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
le lezioni sono state seguite da tutto l'Istituto, che ha poi partecipato alle visite e realizzato nelle proprie classi i prodotti finali.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
No
Da quanto tempo?: 
07/2012
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Il percorso è stato trasversale e benchè abbiamo scelto la categoria ICT per l'Integrazione dei migranti, gli studenti hanno anche affrontato altri e importanti tematiche, questo credo sia uno dei risultati maggiori, dare ai ragazzi una visione di insieme del mondo, coniugango teoria e esperienze pratiche.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si

Radio Storia

Paese, Città/Regione
Paese: 
Brazil
Città/Regione: 
Belo Horizonte, Minas Gerais
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Fundação Torino
Tipo dell'organizzazione: 
School
Specificare: 
Scuola Internazione (Italo-Brasiliana)
Sito Web
www.radiohistoriaft.blogspot.com
Tipo di progetto
Educazione da 16 a 18 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Riferire notizie di impatto della Storia del Brasile e del mondo, questo è l'obiettivo della "Radio Storia", è un'iniziativa per cui gli alunni viaggiano nel tempo e nello spazio raccontando notizie di rilievo sulla storia, come se stessero vivendo realmente gli eventi al momento in cui si verificano.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Il progetto ha avuto origine con la scoperta da parte di un professore della tecnologia podcast. Questa tecnologia, in aggiunta alle risorse del blog, hanno permesso la creazione di una radio virtuale per affrontare eventi storici, come se la messa in onda avvenisse in tempo reale da parte degli studenti, in un viaggio spazio-temporale. Il progetto ha avuto inizio nel 2009-2010, e messo in atto da studenti della terza media. Nel 2010-2011 ha continuato a svilupparsi presso la Scuola Media, tuttavia nel 2011-2012 il progetto é stato adottato dal Liceo Scientifico, dove si é sviluppato ulteriormente grazie ad una maggiore maturitá e all’utilizzo consapevole delle risorse tecnologiche. In questi tre anni il progetto é stato coordinato dal professore di Storia Brasiliana, Marcus Vinícius Leite, con la collaborazione, attraverso lavori interdisciplinari, di altri professori (italiano, storia italiana, inglese e portoghese).
Da quando è funzionante il vostro progetto?
09/2009
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Contesto: Scuola paritaria italiana in Brasile, a Belo Horizonte. Giovani del Liceo Scientifico. Obiettivi: rendere lo studio della Storia piú piacevole agli studenti, dare l’opportunitá agli alunni di produrre contenuti basandosi sulle materie studiate, approfittare del dominio, da parte degli studenti, delle moderne risorse tecnologiche, creare strumenti che rendano possibile lo studio a casa e ampliare la loro capacitá di fare ricerca, cosí come la loro capacitá di produrre testi storici drammatizzati, oltre a permettere nuove modalitá di valutazione degli studenti.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Abbiamo realizzato piú di 70 trasmissioni, affrontando argomenti di storia, letteratura e arte. Lavoriamo con diversi idiomi (inglese, italiano, portoghese, tedesco, spagnolo e francese). Abbiamo una pagina su Facebook (www.facebook.com/radio.historia) e su Twitter (@radiohistoria) dove condividiamo i nostri contenuti in forma virtuale. Siamo stati obiettivo di servizi su radio, TV e riviste in relazione all’innovazione presente nella nostra pratica pedagogica. Nel 2011 abbiamo ricevuto il premio "Educadores Inovadores" da parte della Microsoft Brasil, per l’uso innovativo della tecnologia in classe. Nello stesso anno abbiamo avuto il riconoscimento da parte del Senato Federale e Camera dei Deputati del Brasile per la nostra attivitá innovatrice. La nostra maggiore conquista comunque é stata riuscire a rendere lo studio piú concreto e ludico per gli studenti. Per valutare il nostro progetto abbiamo analisato la produzione scritta fatta dagli allievi e anche la produzione audiovisuale che si puó vedere nel blog della Radio Storia.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Abbiamo avuto circa 45 studenti coinvolti direttamente nell’ultimo anno, tuttavia esiste una grande interazione via Twitter (circa 560 utenti) e su Facebook (589 amici). Gli studenti producendo contenuti e gli utenti seguendone contenuto e sviluppo su Twitter e Facebook.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Si
Da quanto tempo?: 
09/2009
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
Si
Dove? In che modo?: 
Il progetto è stato divulgato nella midia e internet altre scuole in Brasile hanno adottato un modello simile, producendo contenuto con gli alunni e utilizzando internet. Midia: http://www.youtube.com/watch?v=SaSwjGnGMH4&feature=player_embedded Rivista: http://www.revistadehistoria.com.br/secao/reportagem/secao/educacao/historia-ao-vivo
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
L’esperienza di produrre contenuti é preziosa per gli alunni. Trasformare i temi visti in classe in una intervista o un servizio giornalistico e poterlo condividere é qualcosa che arricchisce gli studenti. Alcuni alunni sono giunti ad affermare che in questo modo stavano imparando divertendosi. Tutto ció puó essere utilizzato da altri studenti come strumenti di studio in momenti differenti. La nostra idea é stata originale, dato che non abbiamo conoscenza di radio scolastiche che producano contenuti in questo formato. La facilitá nel realizzare lavori interdisciplinari é un altro punto che rende particolare questo progetto.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Abbiamo un progetto attualmente in discussione con la Fondazione Lelio and Lisli Basso per una collaborazione in un progetto internazionale. Nel caso questa collaborazione non si concretizzi, il progetto continuerá ad essere sviluppato nell’attuale formato. Abbiamo registrato “Radio Storia” nel Bando delle Nuove Tecnologie del Ministero dell’Educazione brasiliana, e ció potrebbe significare l’ampliamento dell’utilizzo della tecnologia in tutto il Brasile.

IL GESTO RACCONTA UNA STORIA

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Roma/Lazio
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Scuola Marco Polo 81° circolo
Tipo dell'organizzazione: 
School
Tipo di progetto
Educazione fino a 10 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Costruire una storia attraverso la pittura
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Si è partiti dall’analisi di alcuni quadri di autori famosi e dalla storia di alcune opere importanti del Bernini che racchiudono fatti e sentimenti dell’autore stesso e del tempo storico che viveva. Attraverso una visita guidata alle scuderie del Quirinale i ragazzi hanno consolidato ciò che avevano iniziato a scuola. Hanno analizzato la Madonna del Botticelli esposta e scoperto che nel quadro è rappresentata tutta la storia di Maria dall’infanzia fino alla maternità del Cristo. La storia nel quadro è rappresentata e riprodotta attraverso il gesto. Hanno poi analizzato altri quadri, riproducendo i gesti e dando ad essi dei significati. In laboratorio hanno costruito insieme una storia che hanno raffigurato su un cartellone lungo 11m. attraverso delle sagome raffiguranti dei gesti. Tornati a scuola hanno colorato le sagome come se fossero ombre e hanno elaborato dei testi sulla storia del quadro realizzato, nonché tutta l’esperienza fatta.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
09/2011
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Saper comprendere il linguaggio iconico dell’arte. Saper rappresentare il proprio pensiero o una storia attraverso il linguaggio del gesto.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
I ragazzi hanno acquisito una sensibilità nuova di fronte all’arte. Cercano nel quadro il tema, il significato, la storia. Costruiscono i loro lavori partendo da una storia, da un progetto da comunicare.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
2 classi quinte
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Specificare: 
Il progetto non è finanziato da nessuno
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
No
Da quanto tempo?: 
07/2012
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Possono prendere atto del percorso che da anni tracciamo per far amare l’arte.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si

Continuità scuola elementare e Media

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Roma/Lazio
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Scuola Marco Polo 81° circolo
Tipo dell'organizzazione: 
School
Tipo di progetto
Educazione da 11 a 15 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Costruire per capire, socializzare e conoscere
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Il progetto è nato con l’intento di creare continuità operativa tra scuola Media ed elementare. I ragazzi delle medie e della VC hanno operato insieme, coadiuvati da maestri e professori, per realizzare dei plastici di edifici storici come il Partendone, la casa del Faraone, la villa romane, l’accampamento dei romani,l’anfiteatro romano ecc… Attraverso la costruzione di dette opere, i ragazzi di VC hanno preso contatto con la nuova realtà che di lì a poco sarebbe stata propria. Ricostruendo nei minimi particolari gli edifici si sono resi conto del grado di civiltà raggiunto dai popoli antichi, delle loro esigenze abitative, culturali, sociali, religiose. Hanno poi, con lo studio della storia collegato alla geografia, scoperto che tracce di queste opere architettoniche sono ancora presenti nell’ambiente che ci circonda e alcuni schemi costituiscono la base degli attuali criteri usati ancora oggi. Città intere sono state costruite sulla vecchia storia ( Aosta ).
Da quando è funzionante il vostro progetto?
09/2011
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Il progetto si prefigge di creare continuità tra scuola media ed elementare, facendo lavorare insieme le due scolaresche, proponendo ad ogni nucleo operativelo dei temi inerenti al programma e alla realtà specifica.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Minore disagio da parte dei ragazzi nell’affrontare la nuova realtà scolastica, maggiore conoscenza dei popoli antichi e delle realtà contemporanea.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
In questo progetto storico hanno interagito alcune classi della scuola media e la VC della scuola elementare.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Meno di 1 anno
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Specificare: 
finanziamento offerto dal professore
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Si
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
Si
Dove? In che modo?: 
In tutte le classi V e in altre sezioni delle medie con altri temi
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Il progetto è una proposta che crea continuità, ma permette, anche, un approfondimento storico concreto e costruttivo.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si

La memoria per imparare a vivere bene...

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Roma/Lazio
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
IC Uruguay
Tipo dell'organizzazione: 
School
Tipo di progetto
Educazione da 11 a 15 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Roma nel cammino della Memoria: percorsi e viaggi di storia, cultura e impegno civile
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Il progetto sulla Memoria nasce dall'idea
Da quando è funzionante il vostro progetto?
12/2011
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Ripercorrere la storia dell'olocausto....da continuare
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
I ragazzi per questo viaggio nella Memoria hanno dovuto fare una serie di attività, tra cui le interviste con tutti gli ospiti: Lello di Segni, Lia Levi. Hanno analizzato diversi documenti storici nel laboratorio di Carpi. Hanno fatto ricerche pluridisciplinari, da quelle storiche a quelle sociali, geografiche con per es. diversi luoghi coinvolti. Hanno messo insieme tutte queste informazioni in un percorso unico, montato e alla fine presentato anche su Power Point.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Una classe, la I C ha partecipato direttamente al laboratorio sulla memoria con la prof.ssa De Carolis, mentre l'intero progetto è stato presentato all'intera scuola, che ha visto e conosciuto gli ospiti intervenuti.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Meno di 1 anno
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Si
Da quanto tempo?: 
07/2012
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Far conoscere la storia e il passato ai ragazzi in maniera proattiva e non passiva. è importante conoscere quello che è avvenuto nella storia per non dimenticare
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si

MIGRANTE O BRIGANTE

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
VITERBO - LAZIO
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNI
Tipo dell'organizzazione: 
School
Specificare: 
ISTRUZIONE PRIMO GRADO
Sito Web
www.mediavanniviterbo.it
Tipo di progetto
Educazione da 11 a 15 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Ricerca storica sulla condizione della Tuscia nell'Italia post-unitaria
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Rappresentato il 6 maggio 2012 presso la PREFETTURA di VITERBO e replicato il 31 maggio 2012 presso l’AUDITORIUM DELL’UNIVERSITA’ DELLA TUSCIA DI VITERBO lo spettacolo “BRIGANTE O MIGRANTE…le due facce della miseria” può essere considerato una sperimentazione di TEATRO-DOCUMENTARIO, infatti lo spettacolo si tiene su due piani , il primo scenico in cui 35 ragazzi rappresentano il testo sul palco e l’altro multimediale (power point) in cui vengono riproposte foto, cartoline, musiche e documenti su uno schermo . Il copione è il frutto di una ricerca storica sul territorio svolta dalla classe IIIA , in collaborazione con il laboratorio teatrale della scuola , infatti tutti i riferimenti del testo sono frutto di ricerche e approfondimenti sul fenomeno del Brigantaggio nel viterbese. Per i ragazzi,che si sono dedicati durante tutto l’arco dell’anno a tale ricerca, è stata l’occasione per recuperare l’esperienza delle precedenti generazioni, per acquisire il senso della Memoria e della Storia dell’Unità italiana., per conoscere e comprendere le vicende storiche e sociali legate al proprio territorio Le musiche utilizzate anch’esse sono frutto delle ricerche dei ragazzi e appartengono al repertorio popolare e locale,
Da quando è funzionante il vostro progetto?
11/2011
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
L’apprendimento della storia contribuisce all’educazione civica della nazione perché permette agli allievi di conoscere il processo di formazione del nostro paese, li rende consapevoli di far parte di una comunità territoriale che ha sofferto per realizzare il sogno di unità Il fenomeno del brigantaggio è un frammento storico che aiuta a sviluppare le competenze relative alla cittadinanza attiva..
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
La cultura della legalità e della nonviolenza appaiono spesso poco conosciute e praticate nella nostra società contemporanea, in particolar modo al Sud dove la violenza mafiosa e l’illegalità diffusa nel quotidiano condizionano le relazioni, la convivenza civile, le scelte politiche e quindi lo sviluppo sociale ed economico del nostro territorio. La legalità, come la pace, non si studia solo sui libri, ma s’impara e si pratica anche e forse soprattutto nel quotidiano.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
La classe III A dell ’I.C P.Vanni nel corso dell’anno ha collaborato con l’I.C. Gravitelli di Messina - Legali al Sud
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Specificare: 
scuola medssima
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Si
Da quanto tempo?: 
07/2012
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
come recuperare il senso della memoria della storia italiana e conoscere le vicende storiche e sociali legate al proprio territorio recuperando l'esperienza delle precedenti generazioni
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si

Passeggiando a Velletri per le strade del Risorgimento

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Velletri(Rm)/ Lazio
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
SMS Velletrano
Tipo dell'organizzazione: 
School
Tipo di progetto
Educazione da 11 a 15 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Elaborato multimediale dedicato allo studio della toponomastica veliterna
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Nel corso dell’a.s. 2010/2011, in occasione delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità di Italia, la classe 3°B, sotto la guida dei professori Isabella Vitali e Franco Tessitore e con l’aiuto di tutto il consiglio di classe, ha deciso di produrre un elaborato multimediale dedicato allo studio della toponomastica veliterna relativa ai personaggi risorgimentali ed ai fatti storici di quell’epoca. I ragazzi hanno avuto così l’occasione di approfondire argomenti storici, partendo dai nomi delle strade lungo le quali si incontrano ogni giorno, utilizzando le nuove tecnologie con competenza e originalità.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
01/2010
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Far conoscere ai ragazzi una parte importante della storia della loro città utilizzando le nuove tecnologie per rendere lo studio divertente e originale.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
L’elaborato prodotto, dal titolo “Passeggiando a Velletri per le strade del Risorgimento”, ha partecipato al concorso indetto dal “Rotary Club” di Velletri dal titolo “Conosci la storia della tua nazione attraverso la toponomastica della tua città” ed ha ricevuto il primo premio nella sezione riservata alle scuole medie.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Il progetto è stato svolto da una classe, ma l'elaborato a disposizione della scuola è visibile a tutti.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
No
Da quanto tempo?: 
06/2012
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Imparare a conoscere la storia più vicina, dei luoghi in cui siamo nati, delle strade dove viviamo. Molto spesso si sa tutto del passato dei grandi imperi e non si sa nulla della propria città. Riscoprire le proprie tradizioni è importante per i ragazzi.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si

T.O.R.I.N.O. Tecniche Orientative Ricercate e Innovative inserite Nell’Offerta Formativa. - “RISORGIMENTO&GIOCO ai 150 anni, il Gioco dell’oca sull’Unità d’Italia”

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
TORINO/PIEMONTE
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
ITES ROSA LUXEMBURG
Tipo dell'organizzazione: 
0
Sito Web
http://giocooca150anni.altervista.org/
Tipo di progetto
Educazione da 16 a 18 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Creativo, accattivante, divertente, innovativo.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Il progetto si propone di recuperare la memoria storica della città  e del territorio per i 150 anni dell'Unità  d'Italia e di Torino capitale portando questi argomenti alla portata di tutti grazie alla creazione di un gioco dell'oca tematico. La decisione di realizzare questo percorso è stata dettata dalla volontà  di far conoscere la nostra storia oltre i confini nazionali e di confrontarla con altre realtà . Inoltre, utilizzando un approccio ludico quale il gioco si vuole sostenere la trasferibilità  del progetto realizzato a tutti gli ordini di scuola, dalla primaria alla secondaria, e, in virt๠del fatto che il gioco è plurilingue, anche al di fuori dei confini nazionali. La realizzazione del progetto ha coinvolto un team all'interno della scuola, composto da studenti e docenti di svariate discipline (storia, francese, inglese, informatica), che ha curato le scelte, i contenuti e il metodo di realizzazione. Attraverso questo percorso si è notata una maggiore sensibilità  nei confronti degli eventi storici del nostro Paese. Grazie alla vocazione linguistica dell'Istituto e all'insegnamento-apprendimento delle lingue straniere, il percorso è stato tradotto in versione inglese e francese per permetterne una diffusione planetaria grazie al suo inserimento sul web. ll gioco infatti è stato pubblicato on line per offrire a tutti la possibilità  di conoscere e imparare le tappe significative della nostra storia. Il progetto ha favorito la crescita professionale nei discenti e innescato una notevole autostima del proprio "Sapere" e del "Saper Fare" nonché una valutazione delle competenze trasversali acquisite. Anche per i docenti questo momento ha rappresentato un approccio innovativo nel modo di "fare scuola" e di trasmettere saperi in quanto hanno utilizzato una metodologia innovativa di insegnamento.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
11/2010
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Il punto di partenza sono stati i festeggiamenti presenti in città  per i 150 anni dell'unità  d'Italia che hanno portato alla riflessione sulla storia pregressa per molti ancorata ai soli libri di storia ma ripercorribile anche attraverso racconti di chi ha vissuto questi momenti contribuendo alla costruzione dell'attuale città  passando per Torino capitale. Si sono ripercorsi personaggi, luoghi, date, eventi, "¦.Per sensibilizzare all'identità  nazionale e alla storia risorgimentale l'ITES Rosa Luxemburg ha elaborando un progetto creativo che ha coinvolto alunni e docenti dell'intero Istituto e partner stranieri. L 'obiettivo primario è stato quello di far conoscere la nostra storia oltre i confini nazionali e confrontarla con altre realtà  attraverso l'utilizzo di un approccio ludico quale il gioco per l'insegnamento-apprendimento, sostenere la trasferibilità  del progetto realizzato a tutti gli ordini di scuola, dalla primaria alla secondaria, e, in virt๠del fatto che il gioco è plurilingue, anche al di fuori dei confini nazionali. Il progetto è volto a "¢ recuperare la memoria storica del paese e del territorio "¢ favorire l'apprendimento delle lingue straniere grazie alla traduzione in alcune lingue straniere e rendere vivace e accattivante l'insegnamento-apprendimento della storia. "¢ stimolare il coinvolgimento emotivo e l'interesse nel conoscere il contesto storico-culturale della propria città  e del proprio Paese. "¢ valorizzare le potenzialità  e le peculiarità  di ogni studente "¢ favorire la crescita formativa ed educativa e contribuire alla formazione di un "cittadino" responsabile e rispettoso del proprio patrimonio culturale. "¢ utilizzare la rete in modo consapevole per ricercare e veicolare informazioni e conoscenze.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Il progetto è stato l'occasione per promuovere la storia risorgimentale sul territorio ma anche nel mondo intero, grazie alla pubblicazione del gioco on line, costruire e consolidare rapporti con altri istituti che vorranno sperimentare il gioco usandolo come materiale di apprendimento per scuole di ogni ordine e grado. Miglioramento dei rapporti interpersonali. Curiosità  verso gli eventi storici del nostro Paese in un momento di grande importanza. Acquisizione di nuove competenze e miglioramento delle competenze esistenti.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Il progetto, strettamente collegato all'Offerta Formativa dell'Istituto, ha coinvolto attivamente circa 250 studenti e 15 docenti, suddivisi tra varie classi dell'Istituto ma anche scuole del territorio. Tale plafond è destinato a salire negli anni successivi.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Più di 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Specificare: 
AUTOFINANZIATO
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
CORSO CAIO PLINIO 6 - 10127 TORINO
Da quanto tempo?: 
11/2010
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
La storia d'Italia e scoprire Torino e il suo patrimonio storico-culturale. Approccio innovativo per la didattica della storia.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
La realizzazione del progetto non è stata priva di difficoltà , in particolare economica in quanto tutte le attività  e i prodotti sono stati realizzati con fondi della scuola, senza alcun riconoscimento economico per i docenti che vi hanno lavorato. Buona volontà , tenacia e voglia di cambiare hanno sostenuto i docenti e gli studenti nell'intero percorso.
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Riproporre altre attività  con la stessa metodologia. Infatti è in fase di studio un altro gioco dell'oca sulle vie di Torino che ricordano il Risorgimento. Un modo nuovo per far conoscere la nostra città  e la storia che la riguarda. Alla prossima!

Fare storia coi mondi virtuali

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Castel del Piano
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Istituto Comprensivo O.Vannini
Tipo dell'organizzazione: 
0
Sito Web
http://www.scuola3d.eu/wiki/index.php?title=Fare_storia_nei_mondi_virtuali
Tipo di progetto
Educazione fino a 10 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Capire la storia mediante l'esperienza immersiva nei mondi virtuali
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Questo un progetto prevede un percorso che usa i mondi virtuali come fossero ambienti reali da visitare con facilità  e senza costi né perdite di tempo per prenotare pullman, pranzi al sacco ecc...: saranno anche, dei veri e propri viaggi nel tempo,verso luoghi mirati e legati al programma di storia della scuola primaria a partire dalla terza classe in poi. Molti di questi ambienti storici sono stati ricostruiti sulla base di fonti materiali e rappresentano la possibilità  di immergersi in epoche differenti, per capirne meglio le caratteristiche, il modo di vivere dell'uomo, i suoi bisogni, i suoi problemi e i suoi comportamenti conseguenti. Quindi il percorso si compenetra con lo studio delle epoche storiche tipiche a partire dalla terza elementare, ma all'occorrenza anche di altri periodi che risulteranno affascinanti per argomenti affrontanti durante la programmazione delle altre aree.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
09/2009
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
La comprensione dei concetti storici per il bambino che va dai 5-6, fino ai 10-11 anni non è affatto cosa semplice: la classica lezione frontale necessita sempre di ampi supporti visivi, finora basati sulle immagini del libro di testo oppure sulla visione di video opportuni. Tutto ciò è spesso inadeguato, soprattutto perché non riesce ad esprimere conoscenze molto estese che includono motivazioni storiche, necessità , bisogni umani... Oggi la ricerca in internet permette molto di integrare, ma si può avere di pià¹: consideriamo la possibilità  di "vivere" la storia e alcuni dei suoi eventi principali attraverso l'immersione in un ambiente virtuale che riproduce piuttosto fedelmente ciò che doveva essere ad esempio la vita quotidiana del popolo Sumero, o di quello Egizio; oppure di trovarsi in mezzo ad una importante battaglia che ha segnato la storia dei popoli ecc... Tutto ciò è possibile solo attraverso un uso attento i mirato della realtà  "aumentata" dei mondi virtuali, dove molte comunità  educative (derivate ad esempio, da progetti europei ed universitari, soprattutto stranieri) hanno ricostruito "realtà " tridimensionali. In esse è possibile "entrare" con un proprio "avatar" e "visitare" se non addirittura prendere parte ad eventi speciali. Questo può voler dire per i nostri alunni raggiungere una comprensione dei concetti storici che già  a partire dall'età  considerata divene veramente consapevolezza acquisita. Il progetto quindi si propone: * "gite d'istruzione" nelle località di tipo storico che altri hanno costruito sulla base di conoscenze reali; * eplorazioni di ogni possibile ambiente alla ricerca di luoghi che aiutino a capire meglio la storia; * giocare a fare gli "storici", riconoscendo le fonti e facendo alcune deduzioni; * divertirsi a fotografare, filmare e parlare per comprendere meglio e memorizzare; * annotare sempre tutto in un riepilogo soggettivo, come il "diaro dello storico".
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Attraverso la ricerca continua di ambienti virtuali che si trovano in "mondi" tridimensionali differenti (da AWEdu, fino a SecondLife, Heritage, Scuola3d...) si intende consentire agli scolari di realizzare esperienze di particolare fascino, che permettano loro di "sentirsi dentro" ad un'epoca storica facendone proprie le caratteristiche. La ricerca consente anche di vagliare i vari ambienti e di assicurarsi che questi siano coerenti con le scoperte archeologica e storiche e permette di prevedere gli apprendimenti precisi cui si vuole arrivare. Fino ad oggi infatti era impensabile pensare alla storia in termini concreti: la si poteva solamente ricostruire leggendo le fonti e mediante una ricerca attenta, seria e precisa; la si poteva prevalentemente ascoltare, magari corredata da immagini e video. Ma i nuovi mezzi a disposizione fanno prevedere nuove potenzialità  nell'uso delle teconologie per la didattica: ed è questo che si è voluto sperimentare, insieme a un nuovo modo di fare storia, dove gli alunni, da semplici ascoltatori, diventano in qualche modo protagonisti. I risultati finora raggiunti sono specificati nel diario di bordo, a questi due url: http://www.scuola3d.eu/wiki/index.php?title=Fare_storia_nei_mondi_virtuali:_diario_di_bordo http://www.scuola3d.eu/wiki/index.php?title=Fare_storia_nei_mondi_virtuali:_diario_di_bordo1 Indicano in generale un'accettazione molto favorevole degli alunni e una piacere maggiore nell'accostarsi ad una materia spesso ritenuta a torto "polverosa" e "poco significativa", mentre come ben sappiamo, la conoscenza del passato è fondamentale per la comprensione del nostro presente e per lo sviluppo del fututo. Anche il linguaggio specifico utilizzato dagli alunni sembra subire miglioramenti.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Gli utenti sono i 29 alunni delle classi 4°A e B, Scuola Primaria L.Santucci di Castel del Piano (Gr), guidati dai loro insegnanti dell'area storica e stimolati nei momenti necessari dagli intervanti di una vera archeologa, quale Cinzia Olianas, la quale si presta attraverso incontri in videoconferenza e nei mondi virtuali cui ci colleghiamo, a rispondere alle domande pi๠difficili e complicate, rassicurandoci anche sulla corrispondenza storica degli ambienti visitati e da visitare.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Specificare: 
Istituto Comprensivo O.Vannini di Castel del Piano
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Via di Montagna 1
Da quanto tempo?: 
09/2010
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Dove? In che modo?: 
Il progetto, date le premesse, è trasferibile mediante l'uso della didattica dei mondi virtuali, facendo riferimento agli ambienti 3d che possono essere raggiunti seguendo le indicazioni nel diario di bordo.
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
E' possibile aprire l'aula scolastica ad esperienze veramente significative grazie all'uso specifico e didattico dei mondi virtuali.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
Gli ostacoli maggiori sono nell'aggiornamento dei docenti che purtroppo richiede tempo gratuito a disposizione. Al momento tutti i docenti hanno partecipato con impegno, imparando prima a casa propria le basi necessarie per l'uso didattico dei mondi virtuali.
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
In futuro è possibile pensare ad una estesione degli obiettivi in altre aree educative.