mondi virtuali

Riproduzione virtuale del territorio in cui viviamo

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Molfetta/Puglia
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
ITCGT G. Salvemini
Tipo dell'organizzazione: 
School
Specificare: 
Istituto Tecnico Tecnologico Commerciale per Geometri e per il Turismo
Sito Web
http://www.itcgtsalvemini.it/virtuale/
Tipo di progetto
Educazione da 16 a 18 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Matematica e discipline tecniche nei mondi virtuali
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Il progetto prevede la sperimentazione di attività didattiche nell’opensim edMondo. Gli alunni, nelle vesti di avatar, accedono ad uno spazio attrezzato per la realizzazione di pratiche didattiche concernenti le discipline di studio. L’idea di progetto è quella di utilizzare i mondi virtuali per svolgere in prima fase attività matematiche, in particolare per conoscere le figure geometriche e imparare a operare con esse applicando trasformazioni geometriche. In secondo luogo, per realizzare un cantiere virtuale con la riproduzione di scorci paesaggistici del territorio in cui è ubicata la scuola (Learning Design brief), nel quale, gli alunni, possano applicare le nozioni studiate in classe, costruendo laboratori di pratica operativa, cimentandosi nelle costruzioni di edifici, di strade e di impianti, in un ambiente ameno e divertente. Il progetto è rivolto agli alunni dell’istituto frequentanti la prima classe dell’indirizzo Costruzione Ambiente e Territorio (ex Geometra).
Da quando è funzionante il vostro progetto?
01/2012
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Obiettivi Utilizzare correttamente I motori di ricerca Sintetizzare contenuti Organizzare materiale utile Progettare Utilizzare programmi di video scrittura Utilizzare software per la creazione e la modifica di immagini Riconoscere solidi e operare con essi trasformazioni nello spazio (traslazioni, rotazioni, omotetie, similitudini) Introdurre il concetto di linguaggio di programmazione ed eseguire semplici comandi Strumenti o software utilizzati PC personale connesso alla LIM - Firestorm Hippo Corso su piattaforma Moodle Motori di ricerca del web Google Earth Smart phone per acquisizione di foto Flikr Open Office Writer Gimp LIM Lavagna con pennarelli Materiale da disegno PC del laboratorio Hippo Rokuro Link a siti con texture Generatore di QR- Code
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Il progetto ha coinvolto 15 studenti delle classi 1A, 1B e 1C dell'indirizzo Costruzioni Ambiente e Territorio (ex geometra) del nostro istituto ed è stato svolto nelle ore pomeridiane. Le attività previste nel primo modulo, sono state seguite da tutti gli studenti contemporaneamente. Ciò ha permesso loro di socializzare. Nel secondo modulo gli studenti si sono distribuiti in tre gruppi. Dopo aver assegnato loro la Learning Design brief, gli studenti hanno svolto le fasi delle attività previste. Molto utile è stato il corso aperto sulla piattaforma e-learning d'istituto per poter archiviare e scambiare il materiale scelto per il progetto. Gli studenti hanno apprezzato molto gli incontri con alunni e docenti delle altre scuole che svolgevano attività in edMondo in contemporanea. Anche i più timidi, favoriti dall'avatar, hanno intrecciato relazioni con docenti e con studenti più grandi di altri istituti. La partecipazione è stata assidua, l'interesse mostrato dai ragazzi, considerevole; anche da parte di quegli studenti che in classe sono in genere demotivati. Alcuni studenti hanno installato il viewer per il collegamento sul computer di casa e si sono connessi anche nelle ore non previste per il progetto. La metodologia innovativa proposta, è accattivante.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Al momento hanno la possibilità di accedere alla piattaforma edMondo una ventina di studenti del nostro istituto, un docente e il dirigente scolastico. Gli utenti possono accedere anche da casa dopo aver installato il viewer per il collegamento.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
No
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Gli alunni, nelle vesti di avatar, accedono ad uno spazio attrezzato per la realizzazione di pratiche didattiche concernenti le discipline di studio. La novità consiste nella metodologia immersiva. Nei mondi virtuali infatti, è possibile sperimentare ciò che non si può attraverso una lezione tradizionale o con l'uso di software che, pur garantendo la tridimensionalità, non permettono l'interscambio tra studenti limitando la cooperative learning. La presenza dell'avatar e la possibilità di interloquire grazie alla chat, favoriscono le relazioni tra simili e la condivisione di esperienze.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
Le attività previste nel primo modulo, sono state seguite da tutti gli studenti contemporaneamente. Ciò ha creato qualche problema nell'accesso alla opensim edMondo. Non per l'instabilità della piattaforma gestita dall' ANSAS ma per la connessione a internet dei laboratori scolastici che diventava lentissima quando più di otto studenti accedevano contemporaneamente. Difficile è stato gestire gli accessi ad edMondo visto l'entusiasmo che ha coinvolto i ragazzi appena entrati nel mondo virtuale! La metodologia innovativa proposta, è accattivante ma spendibile in spazi extracurriculari. Difficile sarebbe prevedere un percorso curriculare sia per i tempi che per le competenze dei docenti.
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Se avessi avuto più tempo e la collaborazione di un collega delle discipline tecniche, avremmo potuto approfondire la costruzione degli interni dei monumenti. Sarà questo il mio prossimo obiettivo !

“Pinocchio nella rete”

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Guasticce (Livorno)/Toscana
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Scuola primaria Falcone e Borsellino e Scuola dell'Infanzia "Sole" di Guasticce
Tipo dell'organizzazione: 
0
Specificare: 
(Istituto Comprensivo Minerva Benedettini - Stagno - Livorno)
Sito Web
http://knol.google.com/k/riccardo-rivarola/pinocchio-nella-rete/2rnc0gqzniugz/2#
Tipo di progetto
Educazione fino a 10 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Pinocchio nella rete è un Progetto dedicato che documenta la validità  dell'interscambio di esperienze, l'interazione nei mondi virtuali e l'immenso valore della collaborazione
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Il Progetto è scaturito dalla lettura del Capolavoro di Collodi che ha fornito molteplici contenuti per la costituzione di percorsi di ricerca, multidisciplinari e multilinguistici da proporre e costruire, partendo dai bambini della Scuola dell'Infanzia per giungere fino all'Università . I percorsi hanno fornito continui spunti, suggerimenti, indizi, elementi narrativi per "giocare" ed esplorare, sia all'interno del libro (e della cultura dell'epoca di Collodi) che all'esterno, sia attraverso l'uso e la scoperta degli strumenti del Web 2.0, in collaborazione, documentando, passo passo, con la massima interazione ed interscambio, nell'ottica dell'insegnamento della legalità  (software e strumenti di libero utilizzo) e del rispetto e dell'educazione ai problemi di accessibilità  (diversamente abili). Il Progetto è seguito, fase per fase, da tutti gli iscritti che, liberamente, scelgono quali strumenti testare, usare, approfondire, confrontare e diffondere
Da quando è funzionante il vostro progetto?
08/2010
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Scoprire, usare, conoscere e diffondere l'uso delle ICT (Information and Communication Technologies), usare un così alto numero di strumenti web 2.0, i software, i servizi online, i mondi virtuali - rigorosamente gratuiti e possibilmente multipiattaforma (insegnamento obiettivo dell'informatica). Condividere le esperienze. Usare insieme strumenti di documentazione, diffusione, di interazione e/o collaborativi... il tutto con la massima attenzione alla legalità  ed alla fruibilità  di quanto prodotto/realizzato verso gli utenti diversamente abili (accessibilità ). Un'opportunità  particolare, gratuita, facilitativa e ludica per conoscere e comprendere a fondo le potenzialità  che detti strumenti possono offrirci, per il mondo del lavoro, per la scuola ed a livello personale. Gli obiettivi specifici sono la scoperta, la libera scelta, la sperimentazione, l'approfondimento, la diffusione dell'uso delle ICT, dei software e del Web 2.0, tutti rigorosamente gratuiti, in un'ottica di legalità , di accessibilità , di massima documentazione, di interscambio, di interazione e quindi di collaborazione
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Siamo gemellati, attraverso eTwinning, con ben 9 scuole (Romania, Turchia, Francia, Bulgaria, Svezia, e due Scuole italiane) partecipano inoltre moltissime altre Scuole, genitori, insegnanti in pensione, esperti di marionette e burattini, scrittori di fiabe, artisti di vario genere, privati cittadini, gruppi culturali, Università  estere (Seoul) ed Università  della terza età , una collega svizzera e, di giorno in giorno, le adesioni aumentano. Tutto questo ha permesso una "riscrittura", da molteplici punti di vista, del testo utilizzato come sfondo integratore. Inoltre il lavoro di ricerca ed esplorazione, condotto partendo da Pinocchio, ha introdotto cambiamenti consistenti nella prassi della didattica quotidiana
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Circa 50 persone (+ i loro discenti "“ senza contare gli utenti iscritti su Facebook ed altri Social Network). Con molti degli iscritti ci sono stati incontri in presenza; con gli altri Interazioni e contatti attraverso Skype e Second Life, attraverso Facebook, la Mailing list e le email; attraverso strumenti quali join.me e Team Viewer, quali ulteriori supporti pratici e diretti per i meno esperti. Inoltre realizziamo video tutorial per favorire e facilitare la comprensione di quanto scopriamo.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Più di 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 10.001 a 30.000 Euro
Specificare: 
Al momento non usufruisce di nessun finanziamento
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Via delle Medaglie d'Oro N° 10 "“ 57017 "“ Guasticce (Comune di Collesalvetti) "“ provincia di Livorno
Da quanto tempo?: 
08/2010
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
Si
Dove? In che modo?: 
Pi๠che replicato è stato diffuso, proprio anche quale scoperta, approfondimento, documentazione e diffusione dell'uso di software e del Web 2.0, (rigorosamente gratuiti), su blog, podcast, siti Internet, attraverso canali video (Youtube e Vimeo), Wiki, gruppi di discussione, social network, calendari, google doc, calameo, issuu, geomappe (Communitywalk), forum, Ning (culturali e/o appartenenti al mondo della Scuola), blog, riviste (online, scolastiche e non), TV rumena, mondi virtuali quali, ad esempio, Second Life (il prossimo 22 luglio avverrà  una presentazione ufficiale all'interno di questo metaverso)
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Chiunque potrà  scoprire, scegliere, imparare ad usare, approfondire e diffondere, liberamente, serenamente e con semplicità , l'uso delle ICT, dei principali software e dei servizi online (Web 2.0), rendendo così pi๠interattiva, utile, pratica, collaborativa, ricca, aperta e semplice la propria vita
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
Forse uno dei principali ostacoli può essere proprio stato quello di non aver alcun supporto finanziario. Al tempo stesso, per la troppa burocrazia e per le troppe attività , è stato più complesso poterlo spiegare e presentare ai colleghi del proprio Istituto... mentre è stata estremamente semplice ed immediata la diffusione, l'interazione, il coinvolgimento, con i colleghi delle altre Scuole, Italiane e straniere, i colleghi in pensione, gli artisti, gli esperti di fiabe, marionette, burattini... Attraverso l'insegnamento dell'informatica ho presentato, piano piano, usando LIM, iPhone, iPod touch, iPad, e diverse applicazioni specifiche, Pinocchio, la vera Storia, innumerevoli strumenti del Web 2.0 e software, di libero utilizzo, come Open Office e quindi multipiattaforma; le potenzialità  e l'utilità  di detti strumenti, facendo molta attenzione ai video, alla didattica ludica e facilitativa, oltre che all'educazione alla legalità  ed alla conoscenza dei problemi di accessibilità 
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Dal prossimo settembre: Mostra didattica in Second Life e, forse anche all'interno di New World grid (altro mondo 3 D). "Pinocchio nella rete" si sta già  aprendo ad altre favole e fiabe; ad ogni nuovo strumento del Web 2.0 e delle ICT, sempre pi๠attento alle innovazioni, al new learning, alla legalità , ai diversamente abili; si aprirà , ancor più, al territorio, coinvolgendo anche chi non è "vicino" alla Scuola, diffondendo informazione e cultura. Lo scopo principale del Progetto è quello di ampliare al massimo il numero e la varietà  degli iscritti, essere quindi sempre più conosciuti e visibili, proseguire negli anni con questa bellissima ed utilissima esperienza. Le idee sono tante.. vedremo..

Fare storia coi mondi virtuali

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Castel del Piano
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Istituto Comprensivo O.Vannini
Tipo dell'organizzazione: 
0
Sito Web
http://www.scuola3d.eu/wiki/index.php?title=Fare_storia_nei_mondi_virtuali
Tipo di progetto
Educazione fino a 10 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Capire la storia mediante l'esperienza immersiva nei mondi virtuali
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Questo un progetto prevede un percorso che usa i mondi virtuali come fossero ambienti reali da visitare con facilità  e senza costi né perdite di tempo per prenotare pullman, pranzi al sacco ecc...: saranno anche, dei veri e propri viaggi nel tempo,verso luoghi mirati e legati al programma di storia della scuola primaria a partire dalla terza classe in poi. Molti di questi ambienti storici sono stati ricostruiti sulla base di fonti materiali e rappresentano la possibilità  di immergersi in epoche differenti, per capirne meglio le caratteristiche, il modo di vivere dell'uomo, i suoi bisogni, i suoi problemi e i suoi comportamenti conseguenti. Quindi il percorso si compenetra con lo studio delle epoche storiche tipiche a partire dalla terza elementare, ma all'occorrenza anche di altri periodi che risulteranno affascinanti per argomenti affrontanti durante la programmazione delle altre aree.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
09/2009
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
La comprensione dei concetti storici per il bambino che va dai 5-6, fino ai 10-11 anni non è affatto cosa semplice: la classica lezione frontale necessita sempre di ampi supporti visivi, finora basati sulle immagini del libro di testo oppure sulla visione di video opportuni. Tutto ciò è spesso inadeguato, soprattutto perché non riesce ad esprimere conoscenze molto estese che includono motivazioni storiche, necessità , bisogni umani... Oggi la ricerca in internet permette molto di integrare, ma si può avere di pià¹: consideriamo la possibilità  di "vivere" la storia e alcuni dei suoi eventi principali attraverso l'immersione in un ambiente virtuale che riproduce piuttosto fedelmente ciò che doveva essere ad esempio la vita quotidiana del popolo Sumero, o di quello Egizio; oppure di trovarsi in mezzo ad una importante battaglia che ha segnato la storia dei popoli ecc... Tutto ciò è possibile solo attraverso un uso attento i mirato della realtà  "aumentata" dei mondi virtuali, dove molte comunità  educative (derivate ad esempio, da progetti europei ed universitari, soprattutto stranieri) hanno ricostruito "realtà " tridimensionali. In esse è possibile "entrare" con un proprio "avatar" e "visitare" se non addirittura prendere parte ad eventi speciali. Questo può voler dire per i nostri alunni raggiungere una comprensione dei concetti storici che già  a partire dall'età  considerata divene veramente consapevolezza acquisita. Il progetto quindi si propone: * "gite d'istruzione" nelle località di tipo storico che altri hanno costruito sulla base di conoscenze reali; * eplorazioni di ogni possibile ambiente alla ricerca di luoghi che aiutino a capire meglio la storia; * giocare a fare gli "storici", riconoscendo le fonti e facendo alcune deduzioni; * divertirsi a fotografare, filmare e parlare per comprendere meglio e memorizzare; * annotare sempre tutto in un riepilogo soggettivo, come il "diaro dello storico".
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Attraverso la ricerca continua di ambienti virtuali che si trovano in "mondi" tridimensionali differenti (da AWEdu, fino a SecondLife, Heritage, Scuola3d...) si intende consentire agli scolari di realizzare esperienze di particolare fascino, che permettano loro di "sentirsi dentro" ad un'epoca storica facendone proprie le caratteristiche. La ricerca consente anche di vagliare i vari ambienti e di assicurarsi che questi siano coerenti con le scoperte archeologica e storiche e permette di prevedere gli apprendimenti precisi cui si vuole arrivare. Fino ad oggi infatti era impensabile pensare alla storia in termini concreti: la si poteva solamente ricostruire leggendo le fonti e mediante una ricerca attenta, seria e precisa; la si poteva prevalentemente ascoltare, magari corredata da immagini e video. Ma i nuovi mezzi a disposizione fanno prevedere nuove potenzialità  nell'uso delle teconologie per la didattica: ed è questo che si è voluto sperimentare, insieme a un nuovo modo di fare storia, dove gli alunni, da semplici ascoltatori, diventano in qualche modo protagonisti. I risultati finora raggiunti sono specificati nel diario di bordo, a questi due url: http://www.scuola3d.eu/wiki/index.php?title=Fare_storia_nei_mondi_virtuali:_diario_di_bordo http://www.scuola3d.eu/wiki/index.php?title=Fare_storia_nei_mondi_virtuali:_diario_di_bordo1 Indicano in generale un'accettazione molto favorevole degli alunni e una piacere maggiore nell'accostarsi ad una materia spesso ritenuta a torto "polverosa" e "poco significativa", mentre come ben sappiamo, la conoscenza del passato è fondamentale per la comprensione del nostro presente e per lo sviluppo del fututo. Anche il linguaggio specifico utilizzato dagli alunni sembra subire miglioramenti.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Gli utenti sono i 29 alunni delle classi 4°A e B, Scuola Primaria L.Santucci di Castel del Piano (Gr), guidati dai loro insegnanti dell'area storica e stimolati nei momenti necessari dagli intervanti di una vera archeologa, quale Cinzia Olianas, la quale si presta attraverso incontri in videoconferenza e nei mondi virtuali cui ci colleghiamo, a rispondere alle domande pi๠difficili e complicate, rassicurandoci anche sulla corrispondenza storica degli ambienti visitati e da visitare.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Specificare: 
Istituto Comprensivo O.Vannini di Castel del Piano
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Via di Montagna 1
Da quanto tempo?: 
09/2010
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Dove? In che modo?: 
Il progetto, date le premesse, è trasferibile mediante l'uso della didattica dei mondi virtuali, facendo riferimento agli ambienti 3d che possono essere raggiunti seguendo le indicazioni nel diario di bordo.
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
E' possibile aprire l'aula scolastica ad esperienze veramente significative grazie all'uso specifico e didattico dei mondi virtuali.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
Gli ostacoli maggiori sono nell'aggiornamento dei docenti che purtroppo richiede tempo gratuito a disposizione. Al momento tutti i docenti hanno partecipato con impegno, imparando prima a casa propria le basi necessarie per l'uso didattico dei mondi virtuali.
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
In futuro è possibile pensare ad una estesione degli obiettivi in altre aree educative.