filmati

M.E.D.I.A. – Mash Up, educazione, didattica, internet e apprendimenti

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Roma (Lazio)
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Liceo “Vittorio Gassman”
Tipo dell'organizzazione: 
School
Sito Web
http://www.youtube.com/results?search_query=lav3f&oq=lav3f&aq=f&aqi=&aql=&gs_l=youtube.3...13024.14736.0.15030.5.5.0.0.0.0.104.439.4j1.5.0...0.0.v1kr-N3bNkA
Tipo di progetto
Educazione da 16 a 18 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Produzione di brevi filmati con la tecnica del “mash up”. I lavori hanno lo scopo di presentare il frutto della ricerca individuale o di gruppo attraverso nuovi linguaggi.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Nell’anno scolastico 2010-2011 in occasione del 150° anniversario dell'unità d'Italia ho deciso di far realizzare ai ragazzi di una terza classe di scientifico tecnologico una “riflessione particolare” sul tema dell’unità d’Italia, utilizzando il montaggio video come strumento di riflessione. I ragazzi si sono dapprima esercitati con la produzione di piccoli filmati a tema libero in cui relativamente ad un “soggetto” (amore, amicizia, sport) andavano analizzati i diversi aspetti (poesia, arte, cinema, musica, fotografia…) e montati con la tecnica del Mash Up. ”Il Mash Up è un montaggio di immagini e di suoni (remix), estratti da fonti diverse che vengono copiate, ritagliate, incollate, trasformate, mixate e assemblate per creare una nuova opera. Per remix si intende tutto ciò che – con l’ausilio dei nuovi linguaggi crossmediali – miscela contenuti audiovisivi preesistenti in modo tale che il contenuto modificato assuma un valore creativo e artistico proprio”. La stessa tecnica è stata usata successivamente per la realizzazione di filmati sulla storia d’Italia dall’unità ai nostri giorni. I filmati dei ragazzi relativi all’unità d’Italia sono stati utilizzati per uno scambio e-twinning che festeggiava appunto l’unità d’Italia (“Buon compleanno Italia”). Uno studente particolarmente dotato e sensibile ha realizzato un filmato (di circa 15 minuti) sulla guerra, intitolato “Il mare del male” che l’anno scorso è stato segnalato (medaglia del Presidente della Repubblica) da FORUM PA. Nel corso del corrente anno scolastico i ragazzi hanno continuato ad utilizzare lo strumento appreso e la tecnica del “mash up” per realizzare una riflessione sulla sicurezza stradale, sull’abuso di alcol prima di mettersi alla guida, sulla guida consapevole e sicura, sotto forma di piccoli spot.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
01/2011
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Il progetto ha permesso agli allievi di sperimentare la multidisciplinarietà, le TIC, la fantasia, l’approfondimento individuale e di presentare la sintesi del loro lavoro, ai compagni e ai docenti, con un linguaggio nuovo di tipo “cinematografico”
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Il progetto è stato proposto ai ragazzi di una sola classe dell’indirizzo scientifico tecnologico che si sono mostrati entusiasti dell’iniziativa. Gli alunni hanno lavorato duramente al progetto e hanno sperimentato capacità e competenze estranee al “normale“ curriculum scolastico ma che ad esso ben si legano; infatti, i punti di forza e di partenza di questo progetto sono il piacere della ricerca ed il conseguimento della consapevolezza che soltanto attraverso la ricerca e la sperimentazione personale si acquisiscono conoscenze durature e fondanti. Il mezzo utilizzato per il raggiungimento dello scopo, il “mash up”, è innovativo, tutto il resto strettamente legato al mondo della scuola e della didattica. I ragazzi hanno chiesto di poter continuare a lavorare in questo modo su altre tematiche.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Il progetto è stato proposto a circa 20 ragazzi che si sono impegnati nel corso di due anni scolastici (non a tempo pieno) e che ormai utilizzano abbastanza facilmente le tecniche del “mash up” per trattare temi interdisciplinari. Il progetto può essere esteso ad altri studenti della scuola
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Si
Da quanto tempo?: 
01/2011
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Che l’innovazione didattica non sempre richiede grandi investimenti di denaro.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
Non ci sono stati particolari ostacoli nella realizzazione del progetto ma poiché il nostro budget era pari a zero ci siamo dovuti accontentare di utilizzare software free oppure software con licenza ma di tipo non professionale. I video dei ragazzi, realizzati con AVS, presentano in alcune sequenze il logo della software house con il nome del programma.
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Mi piacerebbe riproporre il progetto nella classe quinta e provare a far realizzare ai ragazzi, con questa tecnica, la loro tesina per l’esame di Stato. Vorrei inoltre lavorare con la stessa tecnica in altre classi. Mi piacerebbe poter usare un programma professionale, andrebbe bene lo stesso AVS ma con la licenza.