didattica multimediale

DISACCORDI

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
ROMA / LAZIO
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
LICEO ARTISTICO STATALE "G.C.ARGAN" / III ISA ROMA
Tipo dell'organizzazione: 
School
Specificare: 
Scuola Secondaria Superiore
Sito Web
www.liceoargan.it
Tipo di progetto
Educazione da 16 a 18 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Il progetto DISACCORDI è un laboratorio musicale e multimediale che si propone di realizzare esperienze didattiche che abbiano come perno centrale l’analisi e lo studio dei rapporti tra immagine e suono, tra forme artistico-espressive e musica, nell’ambito delle crescenti interrelazioni multimediali e dei prodotti conseguenti realizzabili.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Il Laboratorio Musicale e Multimediale DISACCORDI del Liceo Artistico “G.C.Argan” /III ISA Roma nasce nel 2003 con un progetto del prof. Antonio Buldini, che ne è oggi anche il coordinatore e referente, con l’intento di offrire ai giovani uno spazio dove poter convogliare le energie creative attraverso l'utilizzo delle attuali tecnologie informatiche. Per le motivazioni suddette DISACCORDI è integrato nel progetto “Romarock-Romapop” del Comune di Roma, direttore Artistico Mogol, nel progetto POR della Regione Lazio ed è inserito nell’iniziativa della Provincia di Roma per la realizzazione dei Centri per la Creatività e l’Innovazione. Il laboratorio quindi si caratterizza soprattutto – ma non solo - per l’orientamento verso le seguenti componenti: 1) laboratorio musicale, inteso come spazio per una propedeutica teorica, studio e suono strumentale, musica d’insieme per gruppi e singoli, sala prove; 2) computer-music, intesa come studio, approfondimento ed utilizzo di software specifici nell’ambito Midi ed Audio (Logic, Cubase) e tale da permettere ai ragazzi di poter realizzare brani, tracce, ecc. costituite sia da parti di suoni sintetici che da registrazioni audio (voce e strumenti). In pratica il nostro laboratorio è attrezzato per realizzare delle vere e proprie produzioni. 3) composizione; intesa come possibile espressione delle proprie emozioni attraverso la canzone ( testo e musica ) ed il brano strumentale, visti attraverso la sperimentazione dei seguenti punti cardine: soggetto / tema / struttura / arrangiamento. 4) rapporto musica/immagine, inteso come momento applicativo di verifica / sperimentazione circa le potenzialità evocative ed emozionali reciproche esistenti tra forma (statica e/o in movimento) e suono; 5) realizzazione prodotti audio e video; 6) realizzazione prodotti di didattica multimediale. Il Laboratorio DISACCORDI ha una sua sede stabile al piano seminterrato all’interno dell’ex appartamento del custode. Detta sede è costituita da spazi destinati ad una sala musica, una regia audio, un montaggio video, una sala proiezioni, servizi. L’accesso è attualmente consentito da una rampa di scale. Sono previsti ulteriori interventi della Provincia di Roma per rispondere alle esigenze di accesso da parte dei diversamente abili, opere finitura esterne, oltre alla fornitura di arredi / impianti ( sedie, tende, condizionamento, ecc.). Sono presenti negli spazi laboratoriali strumenti musicali - chitarre, basso, tastiere, batteria, impianto voci, ecc. - sia per lo studio dei medesimi, sia per le necessarie prove e registrazioni. Vengono curate anche l’organizzazione e la preparazione di band, gruppi e singoli. La presenza di attrezzature informatiche e software per il montaggio video permette inoltre di effettuare post-produzioni per la lavorazione di corti, video, clip, ecc., con sperimentazioni dirette tra linguaggio musicale / sonoro ed immagine fissa o in movimento. Il neolinguaggio costituito da musica + parola + immagine è nel Laboratorio approfondito anche per tematiche disciplinari specifiche, andando a definire prodotti per una Didattica Multimediale. Un obiettivo della struttura è anche quello di avere un rapporto stretto con il territorio, essere luogo sperimentale ed aggregativo per un qualificato approccio alla creatività musicale e delle immagini. La particolare connotazione ed ubicazione del Centro Disaccordi, consentono di pensare ad una utenza esterna, con la creazione di specifici Corsi di Aggiornamento / Formazione e di collaborazioni attuate e da attuarsi con Enti Istituzionali e non.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
01/2003
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Gli obiettivi specifici del progetto sono: - sviluppare una sensibilità creativa nell'ambito sonoro e video; - determinare consapevolezza dei mezzi tecnologici con un utilizzo integrato ed idoneo dei software; - realizzazione di corsi teorici musicali e di strumento; - formazione di band e singoli strumentisti/cantanti; - composizione e registrazione di brani musicali; - produzione e montaggio di video, corti, clip, filmati didattici; - incontri, proiezioni, eventi, dibattiti, manifestazioni, concerti, concorsi. - stage formativi e collaborazioni con enti e istituzioni in ambito formativo giovanile.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
I risultati raggiunti sono, espressi per gruppi omogenei e a titolo esemplificativo per mancanza di spazio di scrittura, la realizzazione di: PROGETTI REALIZZATI - specifici corsi musicali e formazione band/singoli; - realizzazione di prodotti musicali e multimediali ( Esempio: Realizzazione CD per Romarock-Romapop; Cine-Video: composizione / realizzazione e montaggio di commenti musicali e sonorizzazione per i corti realizzati: “Suoni e luoghi del Cinema “Sempre Tardi”; “Il mistero di Giulia” , “Il Graffito”, “Verso La Vita”; “Hylas e le Ninfee”); - concerti/eventi (esempio: rassegna Matelica, Notte Bianca, Auditorium, Musica e Metropoli, ecc); - didattica multimediale : realizzazione prodotti DVD (esempio: WorkClip con Vittorio Nocenzi); - ricerca: La Musica del Silenzio, esperienza per un ri-ascolto dei suoni della natura e per una loro ri-elaborazione creativa. COLLABORAZIONI E RAPPORTI: RAIUNO; TG5; TV SAT2000; RadioVaticana ACEA ICBSA (Istituto Centrale beni Sonori e Audiovisivi) Università di Tor Vergata CET – Centro Europeo Toscolano – di Mogol Comune di Roma / Provincia di Roma / Regione Lazio Comune di Ciampino Biblioteche di Roma Municipio Roma XIII Ribes Edizioni Musicali di Vittorio Nocenzi PARTECIPAZIONI ED ESIBIZIONI A CONCERTI, MANIFESTAZIONI ED EVENTI: Auditorium Parco della Musica; Teatro Studio APM; Festa di Intermundia a Piazza Vittorio; Scuola in Festa; Globe Theatre per la Notte Bianca; Pontile sul Lungomare di Ostia; Teatro Piermarini di matelica (Mc); Cortile del Visconti al Collegio Romano; Stazione Birra a Ciampino, Roma; Teatro Don Bosco; Teatro Orione; Festival e concerti presso Scuole ed Istituzioni; CONCORSI E PREMI 1) Concorso “Una Canzone per la Sicurezza Stradale” Concorso bandito dalla Provincia di Roma; Premio con il brano “La Velocità” composto ed eseguito dagli studenti del Laboratorio Disaccordi; soggiorno-studio presso il Centro Europeo Toscolano (CET) di Mogol (2009) 2) Concorso Video “Esperanto” , Comune di Ciampino, 1° Premio con il corto “Il Graffito” (€ 300,00) (2011) 3) Concorso “Chiare, Fresche e Dolci Acque” Comune di Roma; 1° Premio ACEA con la canzone “Memorie d’Acqua” (impianto a pannelli solari nell’ala ex scuolamedia del nostro Istituto) (2011) 4) Il CortiGiano, Comune di Roma - Biblioteca Sandro Onofri, finalisti con il corto “Multitasking” (2011); 5) Primo Premio del Concorso MIUR con il video "La Donna Automa" con premiazione al Palazzo del Quirinale (8 marzo 2012); 6) Premiazione 2° classif per il video "Suoni e Luoghi del Cinema", Concorso Filo di Arianna, Palazzo delle Esposizioni, Roma, 2012; 7) Premiazione per il progetto "Message in the Bottle", Auditorium della Biblioteca Nazionale, Roma PUBBLICAZIONI CreaEuropa – il magazine della creatività nell’istruzione – MIUR TerzoISA BlogMag , N.21 dic 2008 Catalogo delle Buone Pratiche - Provincia di Roma I criteri per la valutazione dei risultati sono: monitoraggio in itinere e conclusivo dell'utenza; relazioni al Collegio dei Docenti; verifica delle ricadute didattiche e formative.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Gli utenti che interagiscono con il progetto DISACCORDI sono mensilmente ca. 180; Il laboratorio è attivo in orario antimeridiano durante le fasi curriculari ed è aperto il pomeriggio 2 giorni a settimana (martedi e giovedi dalle 14,30 alle 17,30)
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Più di 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
No
Da quanto tempo?: 
08/2012
Quando prevedete che diventi autosufficiente?: 
09/2014
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
La possibilità di utilizzare le tecnologie informatiche attuali al fine di sviluppare adeguatamente e secondo una metodologia idonea la creatività musicale e multimediale giovanile.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Per il futuro il progetto prevede una sempre più radicata presenza sul territorio della struttura di laboratorio, un incremento delle già esistenti collaborazioni con enti ed istituzioni, una maggiore autonomia finanziaria.

Tablet in aula

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Roma/Lazio
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
I.P.S.S. “Jean Piaget”
Tipo dell'organizzazione: 
School
Tipo di progetto
Educazione da 11 a 15 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Trasformare ogni aula in un laboratorio multimediale
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Fare in modo che in una classe di scuola superiore l'aula sia dotata di Lavagna multimediale e che tutti gli alunni si dotino di tablet-pc in modo da poter sperimentare didattica innovativa ed avere la possibilità di far interagire la postazione-professore con i dispositivi degli alunni ed in modo che gli alunni possano utilizzare a casa il lavoro collaborativo fatto in aula.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
09/2011
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Coinvolgimento nella didattica degli alunni, inclusione di alunni con disabilità e dsa, riduzione del peso delle cartelle, accesso consapevole alla tecnologia da parte degli adolescenti, realizzazione di didattica multimediale, realizzazione di didattica collaborativa, stimolare la collaborazione tra alunni-insegnati-genitori.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
I risultati sono collegati all'andamento didattico disciplinare della classe ed agli obiettivi didattici raggiunti dagli insegnanti e vengono analizzati nei consueti momenti istituzionali di monitoraggio e valutazione (consigli di classe, scrutini, collegi)
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Il gruppo degli insegnanti (circa 10) ed il gruppo classe alunni (circa 25) ed il gruopo dei genitori (circa 50)
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Meno di 1 anno
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
No
Da quanto tempo?: 
07/2012
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
Si
Dove? In che modo?: 
Il progetto è replicabile in qualsiasi istituzione scolastica, risulta fondamentale la motivazione di un gruppo di docenti e del gruppo classe alunni\genitore
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Utilizzare le nuove tecnologie, alle quali comunque i ragazzi sono abituati, in maniera educativa e costruttiva.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
Difficoltà di tipo tecnologico, in particolare per la lettura dei testi elettronici su tecnologia tablet. Questo tipo di problemi sono stati risolti collaborando con le case editrici.
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Mettere in campo il progetto in almeno una classe iniziale del ciclo di studi nei prossimi anni scolastici.

CREATIVE MOBILE LEARNING

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Veneto
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
DIREZIONE DIDATTICA DI CASSOLA (VI)
Tipo dell'organizzazione: 
School
Specificare: 
Scuola primaria di San Giuseppe di Cassola
Sito Web
http://ipadascuola.wordpress.com/
Tipo di progetto
Educazione fino a 10 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
L'dea è di integrare nella didattica tradizionale l'uso di dispositivi mobili, come l'iPad di Apple, e di individuare nuovi scenari di apprendimento per offrire agli studenti la possibilità di sviluppare le competenze digitali necessarie per realizzare le proprie idee e risolvere problemi pratici stando al passo con la globalizzazione, in ambito personale, interpersonale e interculturale.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Le nuove generazioni sono sempre "connesse" ad Internet e ai Social Network tramite mobile devices, ma non sempre comunicano in modo corretto. Le tecnologie portatili ci consentono di favorire l'accesso da parte degli studenti ad informazioni e risorse, contenuti disciplinari e lezioni nei vari ambiti educativi in una modalità spazio temporale nuova e più ricca di occasioni di apprendimento. Tra tutti i tablet in commercio abbiamo scelto di fornire  tutti gli studenti e gli insegnanti di iPad in quanto il suo sistema consente di controllare le applicazioni installate e il wifi  ci permette di collegarci alla rete di istituto e garantire una navigazione protetta e sicura. Il vero punto di forza dell'iPad è costituito da un'enorme quantità di applicazioni disponibili, quelle utilizzate sono selezionate dai docenti per il loro carattere formativo. Insieme ai ragazzi abbiamo progettato i  nuovi spazi valutando le esigenze legate alle nuove modalità di apprendimento: il risultato è un'aula flessibile, i banchi sono stati sostituiti da tavoli diversamente assemblabili, facilmente trasportabili dai ragazzi in quanto è stata applicata una ruota alle gambe; in questo modo, a seconda delle attività, i ragazzi possono disporre l'allestimento più adatto e con l'ipad offriamo la possibilità di lavorare da qualsiasi posizione. Gli arredi sono stati ideati per favorire nello studente il mantenimento della schiena in  posizione corretta e per agevolarne una corretta postura secondo le norme UNI riferite agli arredi scolastici. Scaffali, tende e pannelli oscuranti completano gli arredi e la nuova colorazione celeste chiaro delle pareti, suggerita dai ragazzi, rende l'ambiente più accogliente  e idoneo a favorire la concentrazione.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
01/2011
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
- rendere più efficiente l’insegnamento adeguandolo all’evoluzione dei nuovi contenuti dei saperi e quindi migliorare l’efficacia dei processi di insegnamento-apprendimento e la stessa organizzazione della didattica, sia per quanto riguarda le singole discipline, sia per l’acquisizione di abilità di tipo generale; - educare gli alunni alla multimedialità, ossia favorire e promuovere la padronanza dei linguaggi della multimedialità, sia come capacità di comprendere e usare i diversi strumenti, sia come adozione di nuovi stili cognitivi nello studio, nell’indagine, nella comunicazione e nella progettazione; - creare contesti di apprendimento attenti a sollecitare la riflessione consapevole sui processi del pensiero e del linguaggio e a contribuire alla lettura critica del testo audiovisivo, musicale e filmico; - valorizzare l’uso delle tecnologie nella didattica per favorire l’apprendimento attivo e promuovere la creatività; - sviluppare negli alunni la capacità di apprendere in luoghi e tempi diversi da quelli dell’aula (mobile learning) attraverso la condivisione dei saperi e la diffusione dei contenuti “on demand” (selezionati su richiesta) e fruibili in mobilità; - formare studenti in grado di coniugare momenti di studio individuale e cooperativo in presenza a momenti di lavoro cooperativo ed individuale on line. Il team degli insegnanti di classe ha ritenuto opportuno elaborare un progetto che partendo dall’osservazione e dall’utilizzo delle risorse del territorio, porti alla promozione di apprendimento attraverso la connessione tra ciò che l’alunno osserva all’esterno (ciò che c’è fuori) ed il lavoro che viene fatto in classe. E’ apparso rilevante fare in modo che gli alunni possano acquisire la consapevolezza che l’aula non è da considerarsi come l’unico luogo in cui si apprende, ma come il luogo in cui si crea conoscenza, attraverso la riflessione e la rielaborazione di quanto osservato nel territorio circostante. Il progetto parte, dunque, da esperienze che gli alunni realizzeranno nel territorio, a cui si agganceranno i contenuti disciplinari. Le tecnologie digitali affiancheranno i tradizionali strumenti di lavoro. L’uso di dispositivi mobili adottati, quali l’iPad, con cui poter acquisire e condividere immagini, dati, informazioni, trasformerà gli studenti da ricevitori passivi a creatori del messaggio e, quindi, costruttori attivi di conoscenze.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Abbiamo verificato negli alunni una maggiore consapevolezza nell'uso dei dispositivi mobili, miglioramento delle capacità di lavorare in gruppo, aumento della motivazione e responsabilità. Questo video documenta come sia modificato l'ambiente di apprendimento: http://vimeo.com/44184498
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Il progetto è rivolto ad una classe composta da 20 alunni e coinvolge tutto il team degli insegnanti. Per conservare memoria storica della sperimentazione, condividere risorse, elaborati multimediali e indicazioni didattiche è stata inserita nel blog www.ipadascuola.wordpress.com la documentazione didattica prodotta nell'arco della sperimentazione. Questa documentazione é sistematicamente aggiornata a disposizione di insegnanti, studenti e genitori.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 10.001 a 30.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Si
Da quanto tempo?: 
01/2011
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
La logica della sperimentazione tende a valorizzare l'attuazione di più modelli di innovazione che possano generare contagio nel territorio anche tra quelle scuole che non partecipano all'iniziativa… il focus ruota intorno alle dinamiche di innovazione che può innescare.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
La scuola primaria della Direzione Didattica di Cassola è stata selezionata per la sperimentazione ministeriale denominata Cl@ssi2.0.   La classe quarta D dell'istituto, destinataria del relativo finanziamento triennale, sta sperimentando un nuovo modo di fare lezione, realizzando appieno quello che è lo spirito sotteso alla stessa progettualità: il miglioramento degli ambienti didattici, l'abbattimento dei limiti fisici propri di una normale attività didattica di classe, l'interazione tra docenti e alunni in un continuo scambio di informazioni, consegne, supporti didattici. La scuola primaria di San Giuseppe di Cassola è una delle dieci scuole del Veneto selezionata per implementare per tre anni la sperimentazione didattica denominata "Cl@ssi 2.0" grazie al Bando del Piano Nazionale "Scuola Digitale", della Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi del Ministero della Pubblica Istruzione. Con questo progetto si intende offrire la possibilità di verificare come e quanto possa essere trasformato l'ambiente di apprendimento attraverso l'utilizzo costante e diffuso delle tecnologie nella pratica quotidiana.

Aula365: Didattica interattiva per la scuola 2.0.

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Navacchio / Toscana
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Silva ICT
Tipo dell'organizzazione: 
Company
Sito Web
http://italia.aula365.com/
Tipo di progetto
Educazione fino a 10 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Aula365 è una piattaforma e-learning con contenuti educativo-digitali ed opportunità di didattica collaborativa. Il portale è fruibile online ed utilizzabile previa opportuna iscrizione.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Aula365 offre contenuti educativi multimediali di ultima generazione. Il Portale è il risultato di un progetto congiunto tra Telefonica, una delle più grandi società al mondo di telecomunicazioni fissa e mobile ed E-Marketing SA (con brand commerciale Competir), leader in America per l’Edutainment online.) Aula365® è al momento disponibile in 11 paesi dell’America Latina e Centrale, ma anche in Spagna ed Italia. In Italia, questa nuova opportunità di apprendimento, arriva ad opera di SILVA ICT s.r.l che ne distribuisce il marchio, in esclusiva. Aula365® è disponibile in Internet alla url http://italia.aula365.com.ed è stata sviluppata utilizzando le risorse innovative del Web 2.0. Primi fra tutti, i FILMATI EDUCATIVI , veri e propri corsi on line dalla durata variabile, che affrontano, in maniera dettagliata, le tematiche trattate nei diversi gradi di istruzione. Ogni filmato, strutturato in più sezioni, ripropone l’iter psico-pedagico del processo di apprendimento, calando i personaggi (avatar didattici) in situazioni pratiche, per attribuire valore concreto alle ultime informazioni didattiche ricevute a lezione. Le INFOGRAFIE schematizzano, in maniera interattiva, le argomentazioni più complesse, offrendo la possibilità di concentrare la propria attenzione sui momenti cruciali dell’apprendimento. Le BIOGRAFIE raccontano invece, in maniera accattivante, la storia e le gesta di personaggi illustri legati al panorama storico e culturale mondiale. I PROFESSORI VIRTUALI rispondono direttamente sul sito alle domande e curiosità degli studenti online che possono, a loro volta, confrontare le proprie opinioni, su temi inerenti la scuola, all’interno di BLOGS dedicati (sul modello di YAHOO Answers).
Da quando è funzionante il vostro progetto?
06/2008
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Aula365 accompagna lo studente sin dai suoi primi passi alle elementari per formarlo, in maniera divertente ed innovativa, sino alle scuole medie. I personaggi che animano la comunità di apprendimento ovvero i cartoons (avatar didattici) di Aula365 crescono insieme ai ragazzi modificandosi nella voce, nell'aspetto e nell'abbigliamento. Questa crescita progressiva di studenti e personaggi animati insieme, crea un certo grado di empatia al portale avvicinando Aula365 agli usi e costumi dell’utente. Il portale Aula365 si prefigge i seguenti obiettivi pedagocico-educativi: 1) Formare lo studente in maniera divertente; 2) Stimolarne la partecipazione attiva al processo di apprendimento; 3) Renderlo parte di una comunità educativa vasta ed operativa all'interno della quale confrontare idee ed opinioni; 4) Supportare lo studente nel suo approccio alla cultura digitale, fornendo uno strumento di navigazione in rete, sicuro ed utile; 5) Integrare le metodiche della didattica più tradizionale
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Sono diverse le scuole italiane che sviluppano programmi didattici attraverso il supporto di Aula365. Riconoscimenti ottenuti: AULA365 ITALIA Premio “Innovatori Ricercati" a Dire e Fare 2010. Fortezza da Basso di Firenze, Dire e Fare 2010: rassegna rivolta ad una Pubblica Amministrazione in movimento verso l'innovazione. Il concorso era rivolto a coloro che, grazie al proprio impegno ed al proprio tasso di innovazione, hanno contribuito e significativamente a migliorare i servizi resi ai cittadini. Premio consegnato a Luca Valtriani, amministratore della Silva Ict srl del Polo Tecnologico di Navacchio, premiato per l'innovativa Aula365, piattaforma e-learning. http://www.innovatoriricercati.it/ 2012 - Menzione speciale da parte del premio internazionale MEDEA Awards 2012. AULA365 ARGENTINA Premio World Summit Award 2005, consegnato dall’ONU al Miglior Applicativo di E-Learning del Mondo per il suo Programma di Alfabetizzazione Digitale. Premio eBiz Latam Pointcast 2005. Premio Sadosky 2006 alla Intelligenza Argentina (camera del SW Argentina) Premio Sadosky 2007 al miglior Sviluppo di e-learning per la categoria Innovazione Tecnologica. Premio Matear 2007 al miglior Sviluppo educativo. Premio Iberoamericano alla ‘Excelencia Educativa’ 2007. Premio Iberoamericano alla ‘Excelencia Educativa’ 2008. Selezionata come Case Study 2008 da Microsoft per lo sviluppo e l’adozione di nuove tecnologie nell’implementazione della soluzione AULA365. Ospite speciale alla ‘Primera Cumbre de Socios de Educación 2008’ organizzata da Microsoft a Cancun.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Coinvolgimento 2012: Newsletter: 7.500 Utenti attivi mensili: 550
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Più di 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 75.001 a 500.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Si
Da quanto tempo?: 
06/2008
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
Si
Dove? In che modo?: 
Aula365® è al momento disponibile in 11 paesi dell’America Latina e Centrale ed anche in Spagna. Attraverso partnership sia a livello governativo che con aziende private.
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
I nostri punti di forza sono: l’esperienza più che decennale del team che ci consente di fornire soluzioni conformi alle necessità educativo / pedagogiche, grazie al know-how acquisito nel corso degli anni; la capacità di fornire soluzioni conformi alle necessità dei nostri clienti.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Sviluppo sull'intero territorio nazionale e sviluppo sui mercati europei di nostra competenza.

In viaggio con la droga...e se non fosse il Paese delle Meraviglie?

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Roma
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Ist. sec. di 1° Alberto Sordi Roma
Tipo dell'organizzazione: 
2
Sito Web
http://www.scuolaalbertosordi.it/sito/inizio.spaziowebalunni/docentihtm
Tipo di progetto
Educazione da 11 a 15 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Realizzazione di un videoclip con alunni di terza media per la sensibilizzazione al problema della droga
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Il progetto è stato attivato in una classe terza che ha realizzato il video, ma si è poi utilizzato lo stesso per aprire la discussione sul problema droga nelle altre classi terze (15). La riflessione ha preso avvio dalla realtà  dell'esperienza e ad essa si è indirizzata. La sfida che abbiamo voluto lanciare è questa: far sì che gli alunni diventino protagonisti del loro sapere e attivino perciò tutta la loro energia, la loro curiosità , la loro voglia di essere e di sperimentare. Il linguaggio filmico,specialmente nella fase di progettazione, produzione e post produzione, ci sembrava il più adatto a supportare questa sfida, perché esso non si presenta come un codice unitario e strutturato, ma come un'insieme eterogeneo e flessibile di manifestazioni espressive: ogni discorso filmico presenta, infatti, un insieme di codici appartenenti anche ad altri mezzi espressivi (come la musica, la lingua non verbale nei dialoghi, i rumori, le scritte nelle didascalie), ai quali se ne possono aggiungere altri come le immagini in movimento, e le "voci fuori campo", che servono a sottolineare particolari stati emotivi o a dare forza ad espressioni verbali.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
06/2010
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
OBIETTIVI ED ELEMENTI DI INNOVAZIONE o Favorire l'utilizzo dei vari linguaggi artistici anche attraverso l'uso di nuove tecnologie multimediali (videoclip musicali) per stimolare: o L'intelligenza emotiva o La gestione delle emozioni come risorsa e benessere (promozione dell'agio) o La creatività  o L'immaginazione o L'apprendimento collaborativo o Lo sviluppo dell'autostima (fiducia in sé e negli altri) o La motivazione all'apprendimento o Riconoscimento delle emozioni o Capacità  di ascolto o Rispetto reciproco o Senso di responsabilità  o Cooperazione attiva "¢ Favorire l'integrazione di alunni disabili "¢ Promuovere una sana educazione socio-affettiva "¢ Integrare il curriculum scolastico "¢ Favorire la continuità  e l'orientamento
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Gli alunni della terza M che hanno partecipato attivamente alla realizzazione del viedeoclip risultano molto motivati all'argomento e hanno mostrato un coinvolgimento emotivo con i ruoli da loro impersonati. Hanno lavorato alacremente nella scelta delle musiche, dei testi, nella realizzazione delle maschere, nell'ideazione ed esecuzione della danza delle muse della droga, nella scelta degli oggetti di scena, delle inquadrature e delle immagini fisse da inserire nelle varie scene in movimento, nella recitazione e nella stesura dello storybord. Naturalmente questi ragazzi hanno usufruito in maniera completa del servizio educativo, perché sono stati: esecutori, produttori.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Il progetto è sul sito della scuola al quale accedono mensilmente numerosi insegnanti, alunni e genitori
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Meno di 1 anno
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Specificare: 
Fondo d'Istituto
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Via Giovacchino Forzano 75 E1
Da quanto tempo?: 
09/2009
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
Si
Dove? In che modo?: 
Sito della scuola Università  di Scienze della Comunicazione Roma
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
L'idea è quella di fornire informazione e foramazione nella maniera pi๠completa possibile, utilizzando tutte le modalità  comunicative che il supporto digitale può mettere a disposizione. La logica è quella di un collage di occasioni percettive che dovrebbero garantire un maggior grado di apprendimento o facilitare la memorizzazione delle informazioni fornite.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
Le ore programmate non son state sufficienti e si sono utilizzate pi๠ore. Le attrezzature tecniche non sempre erano all'altezza delle richieste. Bisognerebbe formare degli alunni specializzati nelle varie fasi: progettazione, produzione, post produzione,diffusione, che poi possano essere tutor di altri alunni negli anni successivi.
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Spianare la strada a nuovi incontri, assicurando sempre la qualità  del contatto umano e l'attenzione alle persone e ai loro veri bisogni pi๠profondi donando l'opportunità  di educarsi all'attesa e alla speranza e di comprendersi e accettarsi reciprocamente favorendo lo sviluppo umano integrale.