cittadinanza

NOI E LA COSTITUZIONE -L'ELECTION DAY

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
ANAGNI(FR) - LAZIO
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Direzione Didattica Anagni Primo
Tipo dell'organizzazione: 
School
Specificare: 
Scuola Primaria "De Magistris"ANAGNI classi quarte C-D
Tipo di progetto
Educazione fino a 10 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Nei momenti felici di una grande nazione la gioventù prende gli esempi. Nei momenti difficili li dà. (Berto Ricci)
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Varie sono le motivazioni che hanno mirato la scelta su questo progetto di cittadinanza attiva e democratica: • L’emergenza educativa ed il ruolo della scuola come ponte tra la famiglia e la società, nella riscoperta di un modello educativo comune e consapevole verso i problemi della vita di oggi. • La situazione di carente affezione dei cittadini verso il proprio territorio, tanto da subirne, quasi passivamente, i cambiamenti anche negativi, in una sorta di rassegnazione a rifugiarsi nel proprio guscio casalingo. • La situazione italiana e la presenza di pochi punti di riferimento nazionali che sviluppino il senso di appartenenza. • Ma, soprattutto, l’amore per la Patria ed il desiderio di condividerlo con i giovani, sempre più alla ricerca di qualcosa o qualcuno in cui credere. Quanto sopra in un’idea di scuola a carattere laboratoriale, sempre in movimento, nella quale l’alunno impari facendo, quanto più possibile, in maniera diretta le esperienze di conoscenza. FINALITA' DEL PROGETTO Sviluppare nell’alunno cittadino il senso di appartenenza ad una comunità residente in un determinato territorio, alla cui vita sociale egli deve contribuire in modo attivo e competente, secondo le regole proprie della democrazia. Formare cittadini italiani che siano allo stesso tempo cittadini dell’Europa e del mondo. OBIETTIVI GENERALI Dal POF: - Valorizzare le diversità per educare ognuno ad una cittadinanza che sia allo stesso tempo”unitaria e plurale”. - Formare individui che siano in grado di utilizzare le proprie capacità di crescita ed apprendimento e modificarsi per vivere in un mondo in continuo cambiamento OBIETTIVI SPECIFICI -costruire il senso d’identità -costruire il senso di legalità -sviluppare un’etica della responsabilità che si realizza nello scegliere e agire in modo consapevole e che implica l’impegno ad elaborare idee e a promuovere azioni finalizzate al miglioramento continuo del proprio contesto di vita. Attività: Studio della Costituzione italiana, attività di laboratorio e LIM; valorizzazione delle fonti; simulazione di consultazione elettorale nazionale, raccolta di materiali, scrittura di testi, realizzazione di un calendario attraverso i principi fondamentali,disegnato dai bambini e poi realizzato al computer produzioni multimediali, manipolazione di materiali, grafici temporali, preparazione del materiale espositivo per la produzione di un libro e un DVD. Interventi dell’esperto in Diritto Costituzionale, al quarto anno di Giurisprudenza, indirizzo pubblicistico, Guglielmo Cecilia Durata: Iniziato già da Marzo 2011 e fino a Giugno 2012. Continuerà nel 2013, secondo il tema ambientale, molto sentito sul territorio su cui insiste la Scuola
Da quando è funzionante il vostro progetto?
03/2011
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
OBIETTIVI SPECIFICI -costruire il senso d’identità -costruire il senso di legalità -sviluppare un’etica della responsabilità che si realizza nello scegliere e agire in modo consapevole e che implica l’impegno ad elaborare idee e a promuovere azioni finalizzate al miglioramento continuo del proprio contesto di vita. Si è sempre cercato e si cerca di unire le lezioni frontali anche video e la realizzazione di gruppi di lavoro tesi a realizzare mappe concettuali, materiale figurativo, con uscite sul territorio, rapporti con esterni come le Autorità territoriali, coinvolgimento delle famiglie nelle attività e nelle performance(esempio: all'Election day hanno partecipato duecento elettori tra genitori, parenti ed amici, oltre gli operatori scolastici) Il percorso è stato poi associato ad un laboratorio di giornalismo che condurrà i bambini, per tutto il prossimo anno, alla realizzazione di un giornalino anche relativo all'attività del miniparlamento, da pubblicare e diffondere sul territorio.Tutto il lavoro viene raccolto e prodotto su supporti digitali avendo anche in aula l'opportunità di una LIM propria.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
La valutazione si è basata, oltre che su un questionario di gradimento al termine del Progetto, con un patto stipulato con le famiglie prima di iniziare, cosicchè tutti fossero consapevoli dell'importanza di ciò che si andava a fare. Sugli alunni sono state effettuate verifiche in itinere durante le lezioni in classe e, la giornata dell'Election day, con tutti la predisposizione dei lavori precedenti ha dato prova che gli alunni hanno compreso i concetti impartiti, sapendo anche gestire autonomamente le sedute delle due Camere per l'approvazione di normative da essi stessi proposte. Oltre a sorprendenti risultati verificati sui bambini, grande soddisfazione è venuta dalle famiglie che, hanno seguito le lezioni dichiarando di aver imparato di più dai loro figli in materia di Costituzione ed ordinamento, di aver verificato una maggior frequenza di interesse dei propri figli alla visione del Telegiornale intervenendo in maniera pertinente. Un altro piacevole risultato è stato vedere la grande emozione dei genitori di alunni stranieri chiamati a quel voto che non possono esprimere nelle reali consultazioni elettorali nazionali e che invece li hanno visti molto immedesimarsi nel ruolo, portando con sè, il giorno delle votazioni, anche altri connazionali. Il massimo dei risultati, è stato raggiunto quando, vista una mail, inviata al Presidente Fini, con le foto dei contrassegni elettorali creati dai bambini, ci siamo visti invitati ad un incontro con il Presidente della Camera durante la visita già programmata a Montecitorio per il prossimo 9 Novembre.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
INSEGNANTI DI CLASSE, ESPERTO E DIRIGENTE SCOLASTICO CHE, IN QUALITA' DI PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, PROMULGA le leggi del mini parlamento. LA SCUOLA DISPONE POI DA POCO DI UN FORUM A CUI SONO ISCRITTE ANCHE LE SINGOLE CLASSI CHE STANNO VIA VIA PUBBLICANDO I LORO MATERIALI E QUINDI DA SETTEMBRE TUTTO IL LAVORO SARA' ON LINE PER INTERAGIRE ANCHE DA CASA CON ALUNNI E GENITORI.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Si
Da quanto tempo?: 
03/2011
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
A trovare spunti per educare i giovani ed i cittadini adulti a sentirsi parte integrante dello Stato e partecipare in forma attiva alla sua vita
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
----
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Estendere l'Election day a tutte le scuole del territorio in un grande progetto in rete per la cittadinanza attiva e democratica, creando mini parlamento o organi istituzionali, che raccolgano normative ed esigenze dei giovani partecipanti, si incontrino on line e poi direttamente per stilare un programma comune di vivibilità e partecipazione del e nel territorio di appartenenza e contribuire così a creare dei cittadini consapevoli ed attivi. Naturalmente oltre l'adesione consapevole di tutte le scuole, che poi sarebbe la cosa più facile, il supporto delle istituzioni e fondi per la realizzazione completa dei percorsi.

Coloriamo il nostro futuro

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Roma/Lazio
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Istituto Comprensivo “Aristide Leonori"
Tipo dell'organizzazione: 
School
Sito Web
http:// www.coloriamoilnostrofuturo.eu
Tipo di progetto
ICT per la sostenibilità ambientale
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Educare alla legalità e ai temi ambientali
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
il progetto è partito dall’importanza dell’educazione alla legalità e all’ambiente all’interno della scuola. Grazie ad una collega siamo venuti a conoscenza delle rete nazionale Coloriamo il nostro futuro e vi abbiamo aderito. Grazie a questo progetto i ragazzi vivono un protagonismo all’interno della scuola, mediante l’elezione dei rappresentanti del Consiglio scolastico. Coloro che vengono eletti si fanno portavoce delle esigenze dei compagni e, tutti insieme, si cerca di rendere l’ambiente scolastico più vivibile. L’Istituto Leonori è capofila regionale della rete Coloriamo il nostro futuro; nel Lazio sono 4 le scuole che aderiscono al progetto.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
10/2007
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
• Educazione alla legalità • Educazione ambientale All’inizio dell’anno scolastico i ragazzi eleggono i membri del Consiglio scolastico, con regolare campagna elettorale, programmi ed elezioni. Tutti gli eletti formano il Consiglio scolastico ed eleggono un minisindaco.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Sicuramente uno dei risultati raggiunti è la responsabilità dei ragazzi coinvolti nel progetto, infatti vivono il consiglio scolastico con un gran senso di responsabilità e di collaborazione lavorando insieme ed aiutandosi (è molto bello vedere come i ragazzi della scuola secondaria interagiscono con quelli della primaria). Un criterio di valutazione è la partecipazione degli stessi alunni a tutte le iniziative proposte dal consiglio. Inoltre, attraverso la rete nazionale, gli alunni hanno la possibilità di confrontarsi con ragazzi di realtà diverse. Infatti ogni anno, a fine anno scolastico, viene organizzato un convegno conclusivo di una settimana, in una regione della rete, a cui partecipano circa 350 persone tra alunni, docenti, dirigenti scolastici e sindaci. E’ una buona occasione di confronto non solo per i ragazzi, ma anche per i docenti, per scambiarsi esperienze,attività portate avanti, soluzione di problemi, nonché per instaurare rapporti di amicizia. Quest’anno il convegno è stato organizzato dalla scuola Leonori nella regione Lazio dal 16 al 20 aprile.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Mensilmente il dirigente scolastico convoca i 31 ragazzi del Consiglio, insieme ai due docenti referenti del progetto. Subito dopo la seduta, gli alunni riferiscono all’interno delle proprie classi quanto è stato discusso e deciso; in tal modo si ha un’informazione capillare che arriva a tutti gli alunni.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Più di 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Specificare: 
Fondo di Istituto
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Si
Da quanto tempo?: 
10/2007
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
Si
Dove? In che modo?: 
Fino a due anni fa, la scuola Leonori era l’unico istituto della regione Lazio ad aderire alla rete nazionale; col passaparola tra dirigenti e insegnanti, attualmente le scuole laziali sono diventate quattro.
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Responsabilizzare i ragazzi nella gestione della scuola è fondamentale, anche per contrastare e prevenire fenomeni di bullismo
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
Inizialmente c’era un po’ di scetticismo sulla buona riuscita del progetto da parte di molti docenti. Il tutto è stato superato già alla fine del primo anno del progetto, considerato l’entusiasmo dei ragazzi e la buona riuscita di tutte le attività poste in essere.
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Vorremmo far diventare Coloriamo il nostro futuro uno dei progetti fondamentali dell’Istituto, da cui far partire tutti gli altri progetti presenti nel POF. Ogni anno viene scelto un tema a livello nazionale; tale tema potrebbe essere coordinato con le programmazioni disciplinari delle varie materie.

Es-co: Esprimersi - Costruire

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Figline Valdarno, Firenze / Toscana
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Scuola secondaria di primo grado "L. Da Vinci"
Tipo dell'organizzazione: 
School
Sito Web
http://classeduepuntozero.it
Tipo di progetto
Educazione da 11 a 15 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Il senso della comunicazione
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
L'idea è nata all'interno del progetto Classi 2.0 nel 2009 e si è sviluppata negli anni successivi. Ad oggi il progetto è realizzato dai docenti, dal consiglio di classe e sostenuto dalla dirigenza e dalle famiglie. Ha affrontato, attraverso l'utilizzo delle tecnologie temi importanti riguardanti la cittadinanza attiva coinvolgendo tutte le discipline scolastiche e incamerando ulteriori attività progettuali quali e-twinning, iso-digiti ecc...Tutto ciò è stato realizzato cercando di far leva sui nuovi linguaggi degli allievi e sulla possibilità data dalle tecnologie di ampliare lo spazio e il tempo di apprendimento.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
09/2009
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
-Acquisizione di conoscenze, abilità e competenze curricolari -Inclusione di tutti gli allievi Per raggiungere questi obiettivi si sono utilizzate strategie didattiche differenti dalla lezione frontale privilegiando il cooperative-learning, il lavoro a coppie d'aiuto, l'imparare facendo.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Risultano essere stati raggiunti gli obiettivi relativi all'inclusione degli allievi che vengono valutati in senso qualitativo in relazione al clima e alla partecipazione attiva alla vita della classe. Gli obiettivi curricolari vengono valutati periodicamente con prove oggettive più o meno strutturate in base al livello disciplinare e interdisciplinare.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Intervengono gli 11 docenti della class, i 28 allievi e i loro genitori, il D.S., il personale ATA per ciò che riguarda la parte amministrativa. L'Assessorato del comune di Figline Valdarno per l'organizzazione e il supporto tecnico.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 10.001 a 30.000 Euro
Specificare: 
Finanziamento Ministeriale
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
No
Da quanto tempo?: 
07/2012
Quando prevedete che diventi autosufficiente?: 
01/2013
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
Si
Dove? In che modo?: 
Nella scuola con le prossime prima con modalità simili
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
La capacità dei docenti di lavorare in modo sinergico verso l'obiettivo della crescita global degli allievi.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
Gli ostacoli sono stati in principio di ordine burocratico per l'acquisto dei materiali.
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Vorremmo che il nostro progetto si "naturalizzasse" come pratica didattica efficace e efficiente e innovativa per stimolare l'interesse e la motivazione degli allievi per un più proficuo e significativo apprendimento continuo.

Franco S. Una voce da Buchenwald

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Bari/ Puglia
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
III Circolo Didattico Mazzini - Bari
Tipo dell'organizzazione: 
School
Specificare: 
Scuola Primaria
Sito Web
http://www.scuolamazzinibari.it/
Tipo di progetto
Educazione fino a 10 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Franco S., Una voce da Buchenwald... Ricordare per non dimenticare.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Il progetto rientra nella progettualità d'istituto ed ha coinvolto gli alunni in un percorso di formazione volto a far condividere i più alti valori della civiltà e il senso profondo delle differenze culturali e religiose; infatti, l'analisi della situazione attuale, ci spinge a non abbassare la guardia circa l'educazione ai principi della convivenza democratica e della tolleranza. Il video realizzato è il risultato di un percorso di ricerca, partito da una storia letta nel libro "Sotto i cieli d'Europa" di F. Sessi e conclusosi con l'approccio diretto alla testimonianza, nella persona di Franco Schonheit, protagonista della storia, che ha potuto ricostruire, insieme ai ragazzi, il finale. La storia racconta la vita di un ragazzo di 16 anni, Franco, negli anni della persecuzione degli ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale, dalla sua deportazionenei campi di concentramento di Fossoli e di Buchenwald, fino alla sua liberazione e al suo ritorno a casa. Il racconto è stato rielaborato nella doppia versione cartacea e digitale, sotto forma di cartone animato. La storia è stata divisa in sequenze, il racconto è stato trasformato in diario e i bambini hanno disegnato tutte le scene che accompagnavano i testi. Nell’album sono state inserite anche foto, immagini e documenti per evidenziare il lungo e laborioso lavoro di ricerca storica sotteso alla produzione. I disegni sono stati rielaborati in digitale con il software i-Cartoon, già utilizzato dai bambini per altri progetti multimediali. Successivamente, sono stati animati i personaggi ed i bambini hanno dato voce ai dialoghi, scritti da loro in precedenza.Tutti gli alunni delle due classi quarte hanno dato il loro contributo personale alla costruzione di un cartone animato, attraverso la realizzazione di disegni, la costruzione dei testi, i dialoghi, il doppiaggio.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
10/2010
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Il progetto ha permesso di far acquisire un metodo critico di lettura di un testo e la sua collocazione in un contesto storico- sociale; di saper utilizzare le fonti orali e scritte; di sperimentare e utilizzare tecniche multimediali per rendere fruibili anche argomenti "difficili". L’innovazione di questo percorso è legata alla realizzazione di un cartone animato che, con molta delicatezza, ha presentato ai bambini l’argomento della Shoah: la storia raccontata, pur nella sua tragicità, è comunque una storia a lieto fine, il cui protagonista, allora giovane ragazzo deportato, è ancora vivente e ha potuto conoscere gli alunni a Bari, in un incontro denso di profonda emozione per tutti.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Il progetto vuole fornire alle nuove generazioni gli strumenti, anche empirici, per riflettere su cosa l’umanità è stata in grado di fare nei confronti di milioni di persone innocenti. Il monito trasmesso agli alunni è: “RICORDARE PERCHÉ NON ACCADA MAI PIÙ’. Attraverso lo studio delle vicende storiche, si promuove una cittadinanza attiva e consapevole e la realizzazione di una pacifica convivenza che contrasti ogni pregiudizio e razzismo.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Attualmente interagiamo con i visitatori del nostro sito ufficiale; inoltre il cartone animato è stato tradotto anche in lingua inglese al fine di renderlo fruibile da un maggior numero di utenti, anche stranieri. Il prodotto multimediale è stato concesso alle scuole che ne hanno fatto richiesta. I docenti responsabili del progetto, inoltre, fanno parte del gruppo di studio, promosso dal MIUR e dall'Ufficio Scolastico Regionale Puglia, sulla Didattica dalla Shoah.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Si
Da quanto tempo?: 
10/2010
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Il cartone animato realizzato consente di sensibilizzare e coinvolgere anche tutti gli altri alunni delle classi di Scuola Primaria e delle sezioni di Scuola dell’Infanzia, i quali ne utilizzano la visione per affrontare le tematiche connesse alla Shoah, insieme ai loro docenti. La visione del cartone animato, inoltre, è adatta anche ai ragazzi della Scuola Secondaria di I grado, come approccio allo studio del periodo storico connesso alla promulgazione delle leggi razziali e alla persecuzione degli Ebrei in Italia e per superare discriminazioni e pregiudizi.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
La realizzazione del progetto non ha presentato grandi ostacoli, perchè tutti i soggetti partecipanti sono stati coinvolti emotivamente e hanno collaborato senza riserve alla elaborazione del prodotto multimediale. Le difficoltà hanno riguardato, soprattutto, la ricerca delle fonti scritte e le modalità per rintracciare il protagonista del racconto, della cui esistenza si erano perse le tracce.
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Vorremmo diffondere maggiormente la "cultura" della Shoah attraverso uno studio attento e serio degli eventi passati e, da questa "brutta lezione di storia", imparare a rispettare l'altro e il diverso. Questo percorso è già inserito nel curricolo del nostro istituto e sarebbe auspicabile che divenga parte integrante di altri curricoli coinvolgendo altri ordini di scuola; per far ciò sarebbe auspicabile la realizzazione di un luogo virtuale dove interagire e collaborare per superare ostacoli e pregiudizi.

Impariamo ad apprendere insieme

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Rionero in Vulture, Basilicata
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Scuola Primaria Statale Rionero in Vulture
Tipo dell'organizzazione: 
0
Sito Web
http://new-twinspace.etwinning.net/web/p17036/welcome
Tipo di progetto
Educazione fino a 10 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Progetto eTwinning che mira a promuovere l'amore per il sapere e l'apprendimento come base per la cittadinanza attiva.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
"Imparare ad impare" è una competenza chiave europea ed una competenza fondamentale nell'attuale società , caratterizzata da un alto livello di conoscenza ma anche da esponenzialità , globalizzazione, tecnologizzazione. Per vivere in questa società  bisogna essere in grado di adattarsi velocemente al cambiamento e rendersi conto del fatto che gli uomini sono legati l'un l'altro a livello planetario. Diventa importante, e lo sarà  ancora di pi๠per le nuove generazioni, acquisire nuove abilità  nella gestione delle informazioni e delle relazioni interpersonali; non ci si potrà  accontentare di imparare; ma sarà  necessario imparare ad imparare, per essere in grado di farlo per tutta la vita. Apprendere insieme è una motivazione ad imparare. Gli studenti si impegnano a lavorare insieme, si coinvolgono progressivamente a svolgere il lavoro che viene loro assegnato , sviluppano maggiore stima di sè e sono in grado di raggiungere risultati efficaci e obiettivi educativi richiesti dalla società  contemporanea. Il presente progetto intende guidare gli alunni, spesso demotivati e disinteressati, ad acquisire un atteggiamento di positività  verso lo studio e la cultura insegnando ai bambini un modo di apprendere basato sul bisogno di conoscere, di formarsi e di realizzarsi. Esso intende promuovere l'amore per il sapere come strumento fondamentale per lo sviluppo di una società  pi๠sostenibile nel futuro. Attraverso la collaborazione internazionale e l'uso interattivo delle TIC gli alunni acquisiranno conoscenze, abilità , valori, preparandosi a diventare cittadini attivi e consapevoli,in grado di interagire con popoli e paesi diversi, sensibili ai problemi nazionali e a quelli che appartengono all'intera umanità , capaci di affrontare in maniera critica e creativa le sfide del futuro.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
09/2009
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Il progetto intende rappresentare un antitodo ai fenomeni di dispersione ed insuccesso scolastico che tuttora sono presenti nella nostra scuola. OBIETTIVI (Dalla raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 relativa a competenze chiave per l'apprendiemto permanente ) "¢Incoraggiare gli alunni a diventare protagonisti attivi e responsabili del proprio apprendimento così come della propria vita."¢Acquisire la capacità  di perseverare nell'apprendimento in vista del raggiungimento di un obiettivo, chiedendo consigli, informazioni e sostegno ove necessario."¢Saper organizzare in maniera autonoma il proprio apprendimento, mediante una gestione efficace del tempo e delle risorse disponibili."¢Imparare a riflettere criticamente sulle proprie strategie di apprendimento, individuandone elementi di forza e di debolezza. "¢Acquisire la capacità  di lavorare in maniera collaborativa rispettando regole ed impegni. "¢Acquisire la capacità  di comprendere, esprimere, interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti ed opinioni sia oralmente che per iscritto usando la lingua madre."¢Utilizzare la lingua inglese come strumento di comunicazione con popoli e culture diverse. "¢Acquisire la capacità  di cercare, raccogliere, elaborare, comunicare, condividere informazioni ed esperienze usando gli strumenti tecnologici "¢Acquisire la capacità  di relazionarsi e dialogare in maniera costruttiva, in contesti differenti, esprimendo le proprie opinioni ed accettando quelle altrui."¢Promuovere la tolleranza e l'accettazione dell'altro."¢Considerare la diversità  come risorsa."¢Imparare a relazionarsi positivamente con le persone e l'ambiente sulla base di una scala di valori universalmente riconosciuti "¢Promuovere negli alunni un atteggiamento di rispetto verso gli altri popoli e gli altri paesi. "¢Ampliare le conoscenze culturali degli alunni e degli insegnanti. "¢Promuovere il dialogo multiculturale e multilinguistico.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
I risultati derivanti dall'implementazione di questo progetto sono stati ottimi sia in termini di ampliamento delle conoscenze sia in termini di possesso pi๠sicuro di abilità . Innanzitutto è aumentato notevolmente il livello di motivazione e partecipazione degli alunni nell'apprendimento. Il percorso di apprendimento, basato sul cooperative learning e sulla didattica laboratoriale, in cui l'insegnante è un mediatore e facilitatore dell'apprendimento, ha permesso ad ogni alunno, anche quelli pi๠timidi, di apprendere senza paura di sbagliare, di dare il proprio contributo alla risoluzione dei problemi, di chiedere aiuto senza inibizioni per superare le proprie difficoltà , di valutare il proprio lavoro e operato, di sentirsi importante per il raggiungimento di una meta comune. Di conseguenza gli obiettivi posti alla base del progetto sono stati raggiunti in maniera ottimale dalla totalità  degli alunni. Sono stati riscontrati dei miglioramenti anche nella relazione tra pari, per cui gli alunni hanno acquisito una maggiore capacità  di gestire le situazioni di conflitto, di lavorare in gruppo coordinando la propria attività  con i tempi e le esigenze dei compagni, prestando maggiore attenzione alle proposte e alle idee degli altri. E' aumentato il livello di attenzione e la capacità  di concentrazione nell'apprendimento per cui meno nervosismi in generale e meno insofferenza. Gli alunni hanno inoltre acquisito una maggiore capacità  di gestione ed organizzazione delle informazioni, nella organizzazione e pianificazione del lavoro scolastico, nell'uso delle nuove tecnologie e della lingua inglese. L'esperienza è stata arricchente anche dal punto di vista professionale in quanto ha permesso a docenti di diverse scuole europee di ampliare le proprie conoscenze, di migliorare sul piano relazionale, di confrontarsi con gli altri partners e riflettere sui diversi aspetti del proprio lavoro di docente.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Il progetto coinvolge diverse scuole europee che regolarmente interagiscono sia attraverso gli strumenti di comunicazione asincrona ( social network, chat, email...) che sincrona ( videoconferenze)
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Specificare: 
fondo scolastico, attività  di volontariato docente.
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Via S. Antonio,6
Da quanto tempo?: 
09/2009
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
Si
Dove? In che modo?: 
Il progetto ha ricevuto il Quality Label nazionale ed europeo in Italia, Francia e Germania inoltre si è classificato vincitore al GOLD INDIRE 2010
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Il nostro progetto è un esempio di come la tecnologia, se usata in maniera consapevole e sicura, può contribuire a migliorare il processo di insegnamento/apprendimento; motivare gli alunni; superare barriere ed ostacoli geografici portando il mondo in classe; proiettare i nostri giovani verso il futuro, promuovere capacità  critiche globali, ampliare le conoscenze e le competenze di alunni e docenti, favorire il raggiungimento di quelle che vongono considerate le competenze del 21° sec.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
Carenza di strumenti tecnologici; a volte cattivo funzionamento degli strumenti esistenti