amicizia

"Un girasole di idee"Gemellaggio tra le scuole italiana ed uzbeka(UZBEKISTAN)

Paese, Città/Regione
Paese: 
Uzbekistan
Città/Regione: 
Tashkent
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
La scuola statale d'Istruzione generale Specializzata n.307 di circoscrizione di Khamza
Tipo dell'organizzazione: 
School
Specificare: 
school 307.uz
Sito Web
http://www.cooperazione.tv/video/gemellaggio-novaledo-uzbekistan/
Tipo di progetto
Educazione fino a 10 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Nel 2011 ottobre,abbiamo cominciato gemellaggio tra la scuola primaria di Novaledo e la scuola 307 di Tashkent. Tutti bambini delle classe IV-V sono contenti e entusiasti di fare e continuare questo gemellaggio internazionale.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
La nascita di un gemellaggio tra scuole e sempre un evento che va salutano con favore.Lo e' ancora di piu se le scuole in questione sono amigliaia di chilometri di distanza,in continenti diversi come nel nostro caso.La scuola primaria di Novaledo ha voluto cimentarsi in nuove relazioni culturali "tra mondi diversi",accogliendo la proposta di realizzare un gemellaggio con la nostra scuola 307 di Tashkent,capitale dell'Uzbekistan.Superando diffidenze e timori,la scuola di Novaledo ha progettato e compiuto un percorso di conoscenza del Paese dell'Asia Centrale partendo dai sentimenti piu' nobili che albergando nell'animo umano:l'amicizia e la conoscenza di se e dell'altro,lo spirito di collaborazione e di cooperazione,la solidarieta; e la fratellanza umana. Nell'intento a noi,cioe agli amici dell'Uzbekistan le vostre tradizioni,i bambini di Novaledo ci hanno descritte con disegni,fiabe e racconti del vostro territorio riportate nel libretto che dedica al nostro gemellaggio.Noi,gli amici uzbeki,che studiamo la lingua italiana,potremo cosi conoscere piu da vicino il vostro patrimonio culrurale e le vostre tradizioni basate sull'aiuto reciproco e sulla cooperazione.Inoltre,grazie al nostro progetto"Un girasole di idee" usando l'internet potremo avere iniziativa allo scambio di materiali e documenti sulla cultura ,le storie,i paesaggi dei rispettivi paesi,con l'obiettivo anche di far conoscere dal vivo un'esperienza di educazione cooperativa,che la scuola di Novaledo ha ben sperimentato negli anni.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
10/2011
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Gli obiettivi specifici del progetto sono educativi didattici:confrontarsi con gli altri ed accettare idee diverse dalle proprie ;conoscere,rispettare e darsi regole;assumersi responsabilita;progettare un lavoro con fini di solidarieta;,collaborare;sentirsi protogonisti;favorire un'immagine positiva di se; durante le attivita;ascoltare;competenze linguistiche(lessico specifico;uso di registri diversi);esprimere ed argomentare le proprie opinioni;conoscere e pratica situazioni di vita democratica(candidature,elezione,scrutino.);verificare le attivita svolte insieme;individuando punti da forza e punti di miglioramento;redigere un verbale,preparare interviste;scrivere un resoconto,un articolo,un invito,una lettera;competenze matematiche relative alla gestione di un bilancio;uso del computer per tenere libri sociali;registrare;tabulare e archiviare dati;progettare e organizzare le attivita; seguendo una scaletta di lavoro;scegliere e calcolare il prezzo di vendita; dei prodotti per approssimazione;calcolare percentuali per la destinazione degli utili;sviluppare abilita; manuali,espressive ed estetiche;attivarsi per la realizzazione ottimale di un prodotto;conoscere tecniche di coltivazioni e cura dell'orto;educare al rispetto dell'ambiente;documentare le attivita svolte.Insomma cooperando si puo imparare tutto.Ma per raggiungere tutto dobbiamo invitare gli esperti italiani alla nostra scuola ed imparare da loro quelle cose gia indicati sopra.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Un lavoro silenzioso ma prezioso che ha dato frutti bellissimi ed inaspettati.Collaborando insieme abbiamo fatto le feste fra le scuole,abbiamo scritto nostro libro usando delle lingue italiano,uzbeko e russo il quale presenta del nostro gemellaggio e che si chiama "Un girasole di idee".I bambini di due nazioni sono stati coinvolti,contenti,felice,questi sentimenti potrete vedere dal sito:http://www.cooperazione.tv/video/gemellaggio-novaledo-uzbekistan/ I risultati conseguiti in questo breve tempo mi inducono a credere che questo gemellaggio riserverà ancora ottime sorprese.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Scuola 307 di Uzbekistan,Primaria Novaledo,Cooperazione Trentina,Provincia Autonoma di Trento,Regione Autonoma Trentino-Alto Adige
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 30.001 a 75.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Si
Da quanto tempo?: 
11/2011
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Stare insieme, cooperare,mettersi d'accordo con le persone,aver fantasia,collaborazione,lavorare insieme,aiutarsi,l'unione fa la forza,ascoltare gli altri,condividere le idee,lavoretto in coppia,aiuto all'inteligenza,aver fiducia,prevedere i risultati,impegno,fatica,concentrazione,voglia,pazienza. Alla fine della nostra discussione abbiamo scoperto che cooperazione e' un attivita molto praticata dai bambini.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
La scuola n.307 di Tashkent e' stata fondata nel 1992 e specializzata nell'insegnamento della lingua inglese e della matematica.Si rivolge a studenti di eta compresa tra 6 e 14 anni di nazionalita ed etnie diverse nel rispetto delle loro identita e provenienza.Promuove lo sviluppo di una mentalita globale,aperta al mondo.In questa ottica ben si inserisce il gemellaggio con la scuola primaria di Novaledo favorendo l'insegnamento della lingua e della cultura italiana.Se riusciremo di vincere nel vostro questo bel concorso saremo felice di continuare questo bel gemellaggio tra bambini italiani ed uzbeki di eta da 6 e 10anni.Speriamo!.Bambini italiani dicono: siamo felici quando siamo insieme. Evviva el gemellaggio, ch'el ne porta lontan En den paese che de nome el fa Uzbekistan A conoscer e deventar amizia Anche de gente nova perche el mondo el se rinova!
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
<p>Diffondere il modello di cooperazione in piu scuole inserendo anche altre agenzie educative di collaborazione.Invitare degli esperti italiani e dei scolari italiani alla nostra scuola n.307 cosi potremo fare seminari della cooperazione e scambiare delle nostre idee. Ancora vogliamo stampare dei altri libri educativi per bambini italiani ed uzbeki.Pero, servirebbe una sponsorizzazione per attingere a nuovi fondi e energie umane. Grazie!!! Distinti Saluti!</p>

QUATTRO PASSI D’AMORE PER IL GHANA

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
ROMA - LAZIO
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
PICCOLI GIGANTI ONLUS
Tipo dell'organizzazione: 
Other
Sito Web
http://www.piccoligiganti.eu/
Tipo di progetto
Educazione da 19 a 29 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
COSTRUIRE UNA SCUOLA NEL VILLAGGIO DI KPATOVE NEL GHANA
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
L’IDEA ERA DI ADOTTARE UN BAMBINO A DISTANZA, MA POI ABBIAMO DECISO DI AIUTARE PIU’ BAMBINI POSSIBILI. SIAMO VENUTI IN CONTATTO CON LA DOTTORESSA FRANCESCA LUCCHI DI MILANO CHE DA ANNI OPERA NEL VILLAGGIO DI KPATOVE IN GHANA, INSIEME AD EUGENIO DI GIOVANNI. ABBIAMO DECISO DI COSTRUIRE UNA SCUOLA PER I RAGAZZI DEL VILLAGGIO. IL PROGETTO E’ REALIZZATO DALL’ASSOCIAZIONE PICCOLI GIGANTI ONLUS CON FRANCESCA ED EUGENIO, ELETTI UFFICIALMENTE NEL VILLAGGIO CAPI DELLO SVILUPPO, CON CERIMONIA UFFICIALE. FRANCESCA ED EUGENIO HANNO ORGANIZZATO UNA SALA CON DEI COMPUTER, CONNESSIONE AD INTERNET E WEBCAM PER CONNETTERSI “AL MONDO INTERO” E POTER FARE UTILI COLLEGAMENTI CON L’ITALIA, HANNO INOLTRE INSEGNATO AI RAGAZZI L’USO DEL COMPUTER. LA NOSTRA ASSOCIAZIONE HA VOLUTO AMPLIARE QUESTO PROGETTO E ATTRAVERSO UNA RACCOLTA FONDI (CUCINANDO, FACENDO SPETTACOLI, MOSTRE DI DISEGNI E PESCHE DI BENEFICIENZA) ABBIAMO FATTO UNA RACCOLTA FONDI. IL RICAVATO E’ STATO INTERAMENTE DEVOLUTO AL VILLAGGIO.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
08/2011
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
L’OBIETTIVO DEL PROGETTO E’ DARE LA POSSIBILITA’ A PIU’ BAMBINI DI ANDARE A SCUOLA E MIGLIORARE IL LORO FUTURO, AVERE UNA COSTRUZIONE DI PROPRIETA’ CHE DIA LA POSSIBILITA’ DI POTER INVESTIRE PER MIGLIORARE LA STRUTTURA NEL TEMPO, SENZA DISPERDERE RISORSE, AVERE NEL VILLAGGIO UNA SCUOLA CHE OFFRA UN LIVELLO DI EDUCAZIONE QUALITATIVAMENTE ELEVATO, CHE RISPETTI LA CULTURA LOCALE MA CHE POSSA AL CONTEMPO APPROFITTARE DELLE ACQUISIZIONI DEL SISTEMA SCOLASTICO OCCIDENTALE, PER OTTENERE BUONI RISULTATI NELL’EDUCAZIONE, ATTRARRE RAGAZZI ANCHE DA ALTRI VILLAGGI LIMITROFI (CHE AL MOMENTO NON STUDIANO O CHE FREQUENTANO SCUOLE PESSIME) , IN CHE FAVORISCE L’AFFLUENZA DI NUOVE PERSONE NEL VILLAGGIO, PIU’ DENARO E SVILUPPO DEL VILLAGGIO TUTTO. PER RAGGIUNGERE TALE OBIETTIVO AL MOMENTO ORGANIZZIAMO RACCOLTE FONDI DURANTE IL PERIODO INVERNALE PER PROSEGUIRE CON I LAVORI, MA AVREMMO NECESSITA’ DI PIU’ FONDI PER ACCELERARE IL PROCESSO.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
ABBIAMO PROGETTATO, CON L’AIUTO DI UN ARCHITETTO LOCALE (ANCHE INSEGNANTE DELLA SCUOLA ATTUALMENTE IN VIGORE), IL DISEGNO DELL’EDIFICIO, POSTO SU UN PIANO UNICO, A “ELLE”, CON UNO SPAZIO VERDE AL CENTRO E UN GAZEBO CHE OFFRE OMBRA AGLI STUDENTI PER LE STAGIONI PIÙ CALDE, CON 8 CLASSI, LABORATORIO INFORMATICO E SCIENTIFICO (DA ATTREZZARE), UN UFFICIO PER GLI INSEGNANTI ED UNO PER IL PRESIDE; ABBIAMO ACQUISTATO I MATERIALI ED AVVIATO LA COSTRUZIONE; AD OGGI SONO STATE POSTE LE FONDAMENTA DELLA STRUTTURA E SONO STATE COSTRUITE LE PRIME QUATTRO FILE DI MATTONI LUNGO TUTTO IL PERIMETRO DELLA SCUOLA. ABBIAMO INOLTRE ALLOCATO PARTE DEI FONDI RACCOLTI PER DARE BORSE DI STUDIO A CIRCA 30 STUDENTI DEL VILLAGGIO, SIA DELLA SCUOLA ELEMENTARE, SIA DELLA SCUOLA SUPERIORE, PER POTER ASSICURARE LORO IL PROSEGUIMENTO DEGLI STUDI. ABBIAMO MESSO A DISPOSIZIONE DI 9 STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE LA CIFRA PER L’ISCRIZIONE ALL’ESAME FINALE PER OTTENERE IL DIPLOMA ED ABBIAMO RIPARATO LA POMPA DELL’ACQUA DEL VILLAGGIO CHE SI ERA ROTTA (QUEST’ULTIMO INTERVENTO ESULA DAL PROGETTO DI COSTRUZIONE DELLA SCUOLA, MA E’ STATO RITENUTO IMPORTANTE PERCHE’ MANCAVA L’ACQUA POTABILE NEL VILLAGGIO).
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
ABBIAMO UN REFERENTE LOCALE, IL PRESIDE DELLA SCUOLA ATTUALMENTE IN VIGORE, CHE COORDINA IL PROGETTO CON IL SUPPORTO DEL DIRETTORE DI UNA ONLUS CHE HA SEDE NELLA CITTADINA PIU’ VICINA AL VILLAGGIO (HO); GLI ABITANTI DEL VILLAGGIO COLLABORANO NELLA COSTRUZIONE DELLA SCUOLA, INOLTRE ALL’OCCORRENZA ASSOLDIAMO ALTRI MURATORI, STIPENDIATI CON I FONDI DEL PROGETTO.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 10.001 a 30.000 Euro
Specificare: 
raccolta fondi
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
No
Da quanto tempo?: 
07/2012
Quando prevedete che diventi autosufficiente?: 
01/2017
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
CHE LA VOGLIA DI AIUTARE RENDA POSSIBILE QUELLO CHE SI CREDEVA IMPOSSIBILE
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
IN QUESTO MOMENTO DI GRAVE CRISI ECONOMICA, RACCOGLIERE FONDI NON E’ ASSOLUTAMENTE FACILE. LA NOSTRA ASSOCIAZIONE SI E’ PERO’ GIA’ FATTA CONOSCERE, PER IL MOMENTO SOPRATTUTTO NEL NOSTRO QUARTIERE, DUNQUE LE PERSONE HANNO NEI NOSTRI CONFRONTI UNA FIDUCIA CHE CI HA PERMESSO DI RACCOGLIERE I FONDI PER INIZIARE I LAVORI A KPATOVE.
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
VOGLIAMO CONTINUARE QUESTO PROGETTO E TERMINARE LA COSTRUZIONE DELLA SCUOLA. MOLTE PERSONE NEL VILLAGGIO HANNO FIDUCIA IN NOI.

"Pace è...un cuore di mille colori"

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
San Benedetto del Tronto (AP) MARCHE
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
2° Circolo Didattico di San Benedetto del Tronto
Tipo dell'organizzazione: 
School
Specificare: 
Scuola Primaria
Sito Web
www.scuolacolleoni.it
Tipo di progetto
Educazione fino a 10 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
La lezione “Pace è … un cuore di mille colori” ha permesso di far conoscere una Terra - quella del Senegal - e un popolo con usi , costumi e tradizioni molto diversi dai nostri, ma dotato di grande sensibilità e rispetto per gli altri. Il lavoro è stato presentato con successo ai genitori. Gli alunni del Circolo hanno ricevuto i complimenti per la capacità di coniugare un tema così importante, come quello della Pace, con le potenzialità offerte dalle NuoveTecnologie Didattiche.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Si vive in un mondo globalizzato in cui i contatti umani scarseggiano anche con i nostri vicini di casa. Una continua pioggia di notizie apre spiragli su drammatiche emergenze di popoli lontani che svaporano nel giro di un caffè e rientrano nell’uniforme brusio di sottofondo. Gli allarmi sono così tanti che sopraggiunge un senso di impotenza e naturale cedimento. Crediamo che il fraterno avvicinamento a società distanti dalla nostra sia la via maestra per acquisirne una corretta conoscenza. Crediamo che ogni forma d’integrazione debba passare attraverso l’esperienza dell’altro e che senza il coraggio di uscire dal guscio protettivo del quotidiano rimaniamo vittime dei sensali di notizie e dei manipolatori di realtà. Crediamo infine che un piccolo gesto solidale valga più di mille parole e che i silenziosi operatori di pace siano le colonne portanti di questo pianeta. Il nostro progetto dal titolo “ PACE è … un cuore di mille colori”ha visto coinvolti gli alunni delle classi IV del nostro Circolo Didattico. Le classi hanno preso a cuore l’invito dell’Amministrazione Comunale di San Benedetto del Tronto che sta lavorando ad un progetto finalizzato a portare aiuti e solidarietà e incontri per il popolo del Senegal. L'obiettivo per cui l'Amministrazione comunale di San Benedetto ha già dato la sua adesione massima è quello di realizzare, in una località a circa 80 chilometri da Dakar, una scuola per far sì che i bambini non debbano compiere ogni giorno 8 chilometri a piedi per poter avere un'istruzione. I nostri alunni, attraverso la scuola, le nuove tecnologie si sono informate dei loro fratelli lontani e hanno voluto, dopo mesi di ricerche e approfondimenti ,realizzare delle lezioni interattive alla LIM per “ aprire i cuori “ di noi adulti, troppo spesso indifferenti. Le classi IV hanno realizzato manifestazioni in itinere. La classe IV C del plesso di Alfortville si è distinta, perché ha realizzato, ai loro genitori, una lezione interattiva, con l’aiuto della LIM, facendo conoscere i costumi, le tradizioni del Senegal ,il significato di Pace e di amicizia che devono essere a fondamento di tutti i rapporti umani. I bambini ci hanno dato una “bella lezione” in tutti i sensi ,attraverso video, canti, immagini, testi e tanta convinzione hanno diffuso il valore della PACE …. dove il cuore ha mille colori, senza barriere, ne ostacoli di lingua, religione ed etnia. In questa ricca esperienza progettuale ci ha onorato con la sua presenza il Dott. Vincenzo Maria Oreggia, Presidente dell’Associazione Terre des Egales che al termine della lezione, commosso ha ricordato ai grandi l’importanza della frase TI CONOSCO = TI RISPETTO slogan della classe . Il 2°Circolo Didattico , dopo queste lezioni ha organizzato una raccolta fondi attraverso i genitori del Circolo,per contribuire alla realizzazione di un’ aula d’informatica per la scuola in Senegal, così in un futuro prossimo, la lezione non sarà solo tale, ma una realtà , fatta di incontri, scambi,approfondimenti e tanta … tanta amicizia, tutto questo con l’aiuto del Web .
Da quando è funzionante il vostro progetto?
09/2011
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
OBIETTIVI: • Sviluppare la comprensione e il significato di Pace e Solidarietà tra i popoli; • Promuovere l’empatia e il rispetto della dignità umana; • Conoscere usi, costumi e abitudini del Senegal; • Promuovere l’utilizzo delle Nuove Tecnologie al fine di interiorizzare il rispetto dell’altro. MEZZI: • Circle Time; • Lezioni frontali; • Approfondimenti sul Web; • Utilizzo del sw LIM;
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Le classi IV del Circolo hanno coinvolto più di 150 genitori per una raccolta fondi destinata al progetto Senegal.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
hanno interagito al progetto 60 alunni e 4 docenti.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Meno di 1 anno
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Specificare: 
raccolta fondi finalizzata al progetto Senegal
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Si
Da quanto tempo?: 
09/2012
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Che le Nuove Tecnologie possono essere un utile strumento per promuovere non solo la conoscenza, ma anche la solidarietà nei confronti delle popolazioni lontane.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
Abbiamo inviato al Global Junior Challenge un file pdf privo di interattività, in quanto il file originale pesa più di 20 MB.

Fiabolario - A, B, C, ... Fiabe dal mondo: "L'amicizia tra l'aquila e la tartaruga"

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Bari/Puglia
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Istituto
Tipo dell'organizzazione: 
School
Specificare: 
3° Circolo Didattico "Giuseppe Mazzini" - Bari
Sito Web
www.scuolamazzinibari.it
Tipo di progetto
Educazione fino a 10 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Fiabolario - A, B, C, ... Fiabe dal mondo: "L'amicizia tra l'aquila e la tartaruga"
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Il progetto “Fiabolario” è nato grazie alla presenza di bambini stranieri a scuola, al fine di favorire la loro integrazione attraverso la comprensione della lingua e dei suoi significati, nel rispetto dell’identità di ciascuno. Infatti, la scuola ha assunto come sfondo integratore di tutta l’azione educativa l’educazione interculturale, che costituisce la risposta più alta e globale al razzismo e all’intolleranza. Il percorso è partito dal racconto di una favola nigeriana, “L’amicizia tra l’aquila e la tartaruga”, e dalla successiva conoscenza della cultura della Nigeria sia attraverso la ricerca di notizie, immagini e informazioni ad esso relative, sia attraverso la testimonianza diretta di un adulto nigeriano. La storia, rielaborata dagli alunni, è stata poi suddivisa in sequenze narrative. Successivamente, realizzato lo story-board, si è scelta la tecnica di animazione da utilizzare e gli alunni hanno realizzato il cartone animato. Il video racconta la storia dell’amicizia, fuori dal comune, tra una tartaruga e un’aquila. Quest’ultima, tuttavia, dimostra di non essere affatto disinteressata, poiché cerca di sfruttare la disponibilità e l’ospitalità della tartaruga nei suoi confronti ai fini di procurarsi facilmente il cibo, non intendendo dare niente in cambio, a cominciare dall’ospitalità in casa propria. La tartaruga, però, grazie al buon consiglio dell’amico rospo, darà una lezione di correttezza, disponibilità e lealtà all’aquila, insegnandole che per essere amici bisogna accogliersi reciprocamente, condividere e rispettarsi l’un l’altro. L’utilizzo delle tecnologie di diverso tipo (LIM, internet, software di animazione e montaggio, di acquisizione audio e video, … ) ha molto motivato gli alunni che si sono impegnati nel percorso in un’atmosfera di reciproco aiuto, di cooperazione e condivisione di quanto andavano realizzando.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
01/2010
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Il nostro progetto è stato finalizzato a sviluppare relazioni interpersonali positive, ad integrare gli alunni nel territorio, vissuto come luogo di memoria e di progettualità, ad educare all’interculturalità, alla tolleranza e alla valorizzazione di ogni diversità. In particolare, attraverso il brain-storming, il lavoro di gruppo e la ricerca-azione, l’uso delle tecniche grafico-iconiche sia manuali che multimediali e di specifici software di animazione, è stato possibile raggiungere pienamente gli obiettivi previsti dal progetto: - Comprendere i legami profondi che uniscono i popoli attraverso la conoscenza di altre culture. - Favorire il dialogo interculturale nell’ottica della reciproca conoscenza e dello scambio. - Sviluppare una visione multiculturale attraverso la conoscenza di fiabe, favole, feste e tradizioni di altri popoli. - Favorire la sperimentazione di nuovi linguaggi attraverso l’uso delle tecnologie. - Favorire la comprensione della lingua italiana e la permanente conoscenza delle lingue straniere di origine.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
I risultati raggiunti dal nostro progetto sono stati eccellenti poiché tutti gli alunni coinvolti si sono sentiti parte integrante e attiva nel percorso operativo e nel processo di scambio e non semplici spettatori della nostra cultura. Il contributo dato da ciascuno di essi è stato alla base della buona riuscita del prodotto realizzato, ma soprattutto della costruzione del rapporto interpersonale, del benessere psico-fisico-relazionale di ciascuno attraverso la positiva interazione tra il sé, l’ambiente e le istituzioni, mediata da svariate forme di comunicazione e di espressione.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Attualmente il cartone animato viene visionato da tutti gli alunni della scuola e dai genitori, i quali fanno tesoro dell’esperienza realizzata dal gruppo laboratoriale, la fanno propria e la applicano in altre situazioni. La visibilità sul sito ufficiale della nostra scuola rende fruibile il prodotto multimediale agli utenti che lo desiderano.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
No
Da quanto tempo?: 
07/2012
Quando prevedete che diventi autosufficiente?: 
01/2013
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Il progetto si presta ad un utilizzo vario, poiché, essendo di stimolo alla ricerca, può essere un valido supporto alla narrazione, alla ricostruzione e all’approfondimento del periodo storico contestuale, alle tematiche legate alle ideologie discriminanti, e a tutte quelle attività didattiche e non che possono avvalersi del percorso operativo seguito.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
Il progetto non ha presentato grosse difficoltà se non quelle legate alla gestione del software per la realizzazione del cartone animato, di non semplice utilizzo, che richiede una buona competenze nell’uso delle tecnologie. Gli alunni stessi si sono adoperati per superare gli ostacoli tecnici, risolvendoli brillantemente in modo autonomo; inoltre grazie all’interiorizzazione dei valori condivisibili e al rispetto reciproco, gli alunni hanno realizzato un prodotto che rispecchia pienamente il loro modo di essere.
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Sarebbe cosa efficace ed efficiente poter disporre di una “bacheca multiculturale multimediale” in cui inserire tutti i prodotti realizzati dai diversi enti educativi a favore dell’intercultura al fine di instaurare un “dialogo digitale” in cui scambiare idee, esperienze, eventi, metodi, materiali, risorse, sussidi, strumenti, …. per poter lavorare in modo condiviso e per porre fine al pregiudizio di guardare l’altro come se fosse un libro di cui si legge solo la copertina….

Più di un amico in me

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Roma (RM) Lazio
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
Istituto d' istruzione superiore "Leopoldo Pirelli"
Tipo dell'organizzazione: 
0
Sito Web
www.piudiunamicoinme.altervista.org inoltre il progetto è presente sulla piattaforma Twitter e Facebook con il nome " Pi๠di un amico in me".
Tipo di progetto
Educazione da 19 a 29 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Dentro la rete della solidarietà , fuori dalla rete del pregiudizio.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
La nostra idea nasce dal desiderio di ampliare le nostre conoscenze con le culture dei paesi di cui non sappiamo abbastanza sul loro stile di vita e le loro abitudini, e questo perché ci è mancata una vera opportunità  di approccio diretto con queste realtà . Abbiamo allora deciso di usare le nuove tecnologie(i social network di nuova generazione uniti alle altre infinite possibilità  offerte dal web) per realizzare il nostro progetto. In particolare ci rivolgiamo al Brasile, al Per๠e alla Romania, in quanto nella nostra scuola sono presenti ragazzi provenienti da questi paesi: è stato questo un elemento fondamentale per poter iniziare il nostro percorso. Incuriositi inizialmente da racconti sulle loro esperienze, che ci venivano riportati, abbiamo col tempo espresso loro il desiderio di imparare di pi๠dalla loro cultura fino ad avere un contatto maggiore con questi popoli. Tutto questo è stato realizzato da un gruppo di studenti, che suddividendosi in piccoli gruppi e cooperando tra loro sono riusciti a creare e gestire un sito internet chiamato "Pi๠di un amico in me",dando vita ad un nuovo amico speciale per tutti noi che ci arricchisce la vita attraverso un reciproco insegnamento. Il progetto si è sviluppato quindi, con l'intento di apprendere nuove culture e nuove lingue e con l' obiettivo di creare e gestire scambi interculturali attraverso un mondo virtuale. I membri hanno scelto i settori nei quali operare in base alle proprie abilità  specifiche: come il settore informatico che si è occupato della realizzazione del sito ufficiale, il settore redazionale che ha selezionato e tradotto testi in madrelingua, il settore marketing che ha pubblicizzato il progetto attraverso i social network e il settore amministrativo che ha pianificato le attività  burocratiche e la ricerca dei materiali. Infine il Consiglio di Amministrazione si è occupato dell'elaborazione del form di iscrizione al concorso e alla supervisione degli altri settori.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
09/2010
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Il nostro progetto vuole riaffermare valori, come l'amicizia e la solidarietà , che in questa società  materialista e consumista di oggi, si sono assopiti, come il modo semplice e genuino di vivere; cercando di avere una nuova visione del mondo esterno senza pregiudizi e preconcetti. Per questo la nostra impresa vuole favorire l'integrazione tra persone di etnie, di età  e culture diverse, permettendo cosi lo scambio di tradizioni e esperienze tra i differenti paesi attraverso la scoperta di nuove realtà . Il nostro obbiettivo principale è creare MULTI-CULTURA tra questi paesi: offrendo l'opportunità  di apprendere nuove lingue e usanze attraverso l'utilizzo di un sito internet, dove si possono raccontare le proprie abitudini, le proprie esperienze, le proprie tradizioni, apprezzandole e facendole nostre, favorendo dunque l'integrazione sociale fra questi differenti paesi. Tutto questo per non dimenticare e per ricordare agli altri la nostra storia da emigranti.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Far divenire la nostra mission una realtà . Dentro la rete della solidarietà , fuori dalla rete del pregiudizio. Infatti la nostra soddisfazione è di essere riusciti a creare un team di lavoro multi-etnico unito e coeso per raggiungere e condividere obbiettivi comuni. Il miglior risultato ottenuto è stato la trasformazione che si è verificata durante l'attuazione del progetto delle dinamiche comportamentali dei componenti del gruppo. Da una parte i nostri compagni di etnie diverse sono divenuti da spettatori della nostra cultura a protagonisti del processo di scambio, dall'altra ci hanno fatto riflettere su come anche i nostri progenitori sono stati spettatori di altre culture senza spesso la possibilità  di reale integrazione. Ci ha insegnato ad apprezzare queste nuove etnie a renderle i punti di forza del nostro progetto, scavalcando i muri della discriminazione e del pregiudizio con lo scopo di guardare oltre in un nuovo panorama di popoli uniti e integrati fra loro.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Attualmente interagiamo con un discreto numero di utenti su Facebook, Twitter nonché visitatori del nostro sito ufficiale. Le piattaforme dei social network ci offrono grandi possibilità  di confronto con i gli utenti che non sono semplici visitatori ma partecipi del progetto con commenti, feedback e condivisione delle proprie foto ed esperienze culturali. L'obiettivo in futuro è incrementare il numero di visitatori, coinvolgendo altre generazioni di differenti e promettenti paesi.
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Viale Amelia 32 00181 Roma
Da quanto tempo?: 
03/2012
Quando prevedete che diventi autosufficiente?: 
09/2012
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Possono imparare ad interagire con persone di diverse etnie, creando nuovi rapporti di amicizia e di solidarietà  all'interno del sito,conoscendo nuove lingue a loro prima sconosciute come il portoghese,rumeno,peruviano,permettendo loro cosi di apprezzare e migliorare l'integrazione sociale con questi paesi abbattendo le barriere geografiche e discriminatorie.
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si
Informazioni aggiuntive
Ostacoli e soluzioni (max. 1000 caratteri): 
Il maggiore ostacolo affrontato nella realizzazione del progetto è stato quello di coinvolgere ragazzi di cui, non conoscendone le abitudini e le usanze dei loro compagni di classe, e avendo dei "pregiudizi" nei loro confronti, non volevano contribuire alla nascita del progetto. Discutendo in classe, esponendo ognuno le proprie idee, e confrontandole, anche questi ragazzi sono stati coinvolti dai racconti dei loro compagni e hanno capito che era sbagliato giudicare altri paesi senza veramente conoscerli. è stato difficile interfacciarci con questi paesi stranieri,allacciando con loro una vera e propria comunicazione verbale attraverso Internet, ed esprimerci facendo capire e apprezzare il nostro progetto multiculturale,essendo loro spaventati e restii nei nostri confronti, a causa di precedenti atteggiamenti razzisti o discriminatori subiti di altri popoli.
Progetti per il futuro e aspettative (max. 750 caratteri): 
Vorremmo attirare e affascinare molte persone straniere alla nostra idea, partecipando al nostro progetto di multi cultura attraverso il nostro sito Internet o con dei video multimediali che ci consentono di guardarci faccia a faccia,sperando in un futuro prossimo di incontrarci davvero nel nostro o nel loro territorio per scoprire e vedere dal vivo queste esperienze e tradizioni da noi solo immaginate tramite foto o testi scritti. Ci piacerebbe riuscire a sensibilizzare le nuove generazioni,cosi chiuse e restie verso culture diverse, attraverso questo progetto facendo loro apprezzare la bellezza di un modo vario e pieno di sfumature con la speranza di condividere queste nostre idee con altri nuovi paesi oltre quelli già  coinvolti.

Amicizia e affetti familiari nella poesia latina

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
Genova, Liguria
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
LSS LEONARDO DA VINCI
Tipo dell'organizzazione: 
0
Sito Web
http://www.forumlive.net/varie/amicizia/index.htm
Tipo di progetto
Educazione da 16 a 18 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
Percorso didattico interattivo a tema sull'amore e gli affetti familiari nei testi latini, con approfondimenti ed esercizi eseguibili online.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Attraverso l'uso di una piattaforma online moodle ciascin alunno, seguendo specifici tutorial online e forum, ha costruito una pagina web interattiva lavorando su un testo latino di cui ha dovuto fornire: traduzione, introduzione, lettura montata su video, approfondimento ed esercizi interattivi. L'utilizzo del forum e dei tutorial (audacity, movie maker ed exelearning) ha notevolmente semplificato il lavoro da casa. L'idea è nata dall'insegnante; gli alunni hanno partecipato con passione, arrivando a esporre poi ciascuno la propria pagina web davanti ai compagni. Il lavoro, iniziato a novembre 2010, è ormai alle battute finali.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
11/2010
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
L'obiettivo principale è stato quello di "modernizzare" lo studio della lingua e della letteratura latina integrandolo con l'approccio multimediale, in prospettiva di realizzare un prodotto utilizzabile anche in sede d'esame come lavoro di classe. Inoltre si sono presi in considerazione i vantaggi relazionali derivanti dalla comunicazione scritta per via telematica per motivi di studio e non solo di diporto, con conseguenti riflessioni.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
Il lavoro, tranne qualche rifinitura o approfondimento, risulta abbastanza completo. Gli studenti hanno acquisito competenze informatiche, si sono interessati maggiormente allo studio degli autori latini e, attraverso l'esposizione del loro lavoro, stanno acquisendo migliori capacità  espositive.
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
Ventuno studenti di una classe V fino al 31 dicembre 2011, pi๠l'insegnante che coordina il lavoro. Allegano compiti e files, visionano tutorials, postano nel forum dedicato e ricevono rsposta
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Specificare: 
è assolutamente gratuito
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
Largo s. Francesco da Paola 4
Da quanto tempo?: 
12/2011
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
Probabilmente a organizzare un percorsodidattico in una classe virtuale
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si

storia della C e di Giacomo e Tommy che le insegnarono a "segnare"

Paese, Città/Regione
Paese: 
Italy
Città/Regione: 
roma/lazio
Organizzazione
Nome dell'organizzazione: 
S.M.S.S. "G.Mazzini"
Tipo dell'organizzazione: 
0
Sito Web
http://saperi.forumpa.it/story/60517/la-didattica-digitale-protagonista-forum-pa-2011
Tipo di progetto
Educazione da 11 a 15 anni
Descrizione del progetto
Descrivete il vostro progetto con una frase (max. 500 caratteri): 
è un filmato che parla della progressiva integrazione di due alunni sordi e dell'arricchimento che sono riusciti a dare alla loro classe.
Riassunto del progetto (max. 2000 caratteri): 
Il filmato rappresenta l'ultima tappa di un percorso didattico che è iniziato in classe con la lettura del romanzo di Luis Sepulveda intitolato "Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare", continuando con la visione del cartone "la gabbianella e il gatto " di E.D'Alò ( 1998).La storia di L.Sepulveda, che è un apologo sul rispetto dei diversi, ha ispirato la produzione di un video basato su fatti realmente accaduti che ripercorrono le tappe dell'integrazione dei due alunni sordi e dell'arricchimento che ciò ha significato per la classe.
Da quando è funzionante il vostro progetto?
11/2010
Obiettivi ed elementi di innovazione
Quali sono gli obiettivi specifici del progetto e quali sono i mezzi usati per raggiungerli?: 
Il laboratorio è stato programmato con la finalità  di sviluppare nei ragazzi la capacità  di lettura critica e di elaborazione dei propri vissuti attraverso la scrittura della sceneggiatura, la recitazione e la successiva revisione per il montaggio del materiale girato.Partendo dall'assunto che l'intenzione dei docenti era l'uso delle tecnologie per comunicare, il cortometraggio "Storia della I C e di Giacomo e Tommy che le insegnarono a segnare" tematizza una situazione di esclusione nel gruppo classe e rovescia in continuazione il piano della realtà  e della finzione. L'intelligenza linguistica è esercitata nell'elaborazione collettiva del soggetto, della scaletta, della sceneggiatura di un cortometraggio, nell'esecuzione di dialoghi e monologhi, l'intelligenza corporeo-cinestetica nell'espressività  scenica, l'intelligenza personale nella caratterizzazione psicologica dei personaggi e delle relazioni tra loro e nell'interazione nel gruppo con finalità  tecnico pratiche. La cooperazione emerge dalla divisione dei compiti in sottogruppi e nel fare. La responsabilità  è correlata all'onestà  intellettuale, il peso delle affermazioni, e dell'impegno presente o assente, al riconoscimento dei meriti. L'integrazione, che era uno dei fini delle attività , è il tema del cortometraggio: i nuovi integranti di un gruppo introducono un punto di vista differente fornendo la possibilità  di spostare la prospettiva e migliorare. Tutte le capacità  operative sono esercitate, nella stesura, nell'esecuzione, nella visione e comprensione del senso di un testo.
Risultati
Ad oggi, quali sono i risultati raggiunti dal vostro progetto e quali sono i criteri per valutarli? (max. 2000 caratteri): 
sono stati vinti 3 premi a livello nazionale, l'ultimo dei quali quello della Pubblica amministrazione. Il Forum P.A. che premia le eccellenze ha dato il primo premio al progetto per la Categoria: oggetti per la sensibilizzazione su tematiche sociali, interculturali, ambientali, pari opportunità  e di attualità 
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo? (max. 500 caratteri): 
il prodotto è visibile sul sito della Pubblica Amministrazione INNOVAscuola
Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Meno di 1 anno
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000 Euro
Ad oggi il vostro progetto si auto­finanzia?: 
via andrea meldola 154
Da quanto tempo?: 
06/2011
Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove?: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto? (max. 1500 caratteri): 
possono imparare che la scelta del video come forma di linguaggio capace di far coesistere al suo interno linguaggi verbali e non verbali è vincente e serve a "sbloccare" i ragazzi. L'introduzione del linguaggio audiovisivo in una sezione che comprende alunni sordi potrebbe sembrare paradossale secondo i parametri dei metodi didattici tradizionali. La novità  dell'accostamento di due linguaggi complessi (la Lingua Italiana dei Sordi "“ LIS e il video) rischiava di essere un confronto poco fertile se il processo non fosse stato ben articolato trasformando le difficoltà  in opportunità .
Siete disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti?: 
Si