PARTECIPAZIONE

Organizziamo la legalità

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Napoli/Campania
Organization
Organization Name: 
I.S.I.S. Mario Pagano
Organization Type: 
School
Project Type
Education from 16 to 18 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Educazione alla legalità per accrescere la partecipazione dei ragazzi all’attività politica e democratica del paese partendo dall’uso consapevole dei canali partecipativi offerti dagli organi collegiali all’interno della scuola.
Project Summary (max. 2000 characters): 
Abbiamo costituito un gruppo stabile di otto docenti di diversa disciplina e trentadue alunni di diverse classi impegnato nella ricerca di strategie efficaci per realizzare l’attuazione e la diffusione dell’educazione alla legalità. Il gruppo, che si riunisce periodicamente, si è dato come finalità quella di realizzare nei giovani studenti la “formazione del cittadino europeo” in attuazione a quanto indicato nel POF del nostro Istituto. Le linee guida sono state stabilite insieme individuando obiettivi, modalità e tempi di intervento. Hanno collaborato inoltre alla realizzazione del lavoro nelle classi, alcuni docenti che hanno inserito il percorso nella propria attività didattica curriculare. Il percorso ha previsto due strategie fondamentali: la visione colletiva di film seguita da un dibattito in cineforum e l'intervento di un esperto del tema trattato. I temi specifici esplorati sono stati: la criminalità attraverso il film "I Cento Passi" con questionario di analisi del film e la partecipazione del magistrato A. Policastro; la cooperazione internazionale con il film "Pole Pole", dibattito sul commercio equo e solidale, condiviso con l'esperto R. Briganti dell'ONG "Mani Tese"; i partiti politici, visione del film "Il portaborse", seguito da un'intervista all'assessore A. Mobilio; la giustizia attraverso il film "Un uomo perbene" con commento e intervento del magistrato C. Picciotti; i mass media con il film "The Truman show", seguito da un incontro con il sociologo A. Fattori. Una serie di sequenze didattico-organizzative sono state proposte in itinere: come la Lettura guidata del Regolamento scolastico e del Contratto di formazione; Creazione di un Regolamento di classe; Questionario sull'acquisizione della consapevolezza di legalità; Visite guidate nei luoghi delle Istituzioni, ecc.
How long has your project been running?
09/2001
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
Far acquisire una coscienza sociale capace non solo di rifiutare la violenza e la prepotenza, ma anche di rifuggire da ogni “scorciatoia illegale”. Riflettere sui propri comportamenti quotidiani Focalizzare l’attenzione dei docenti su programmazioni ed unita’ didattiche che attualizzino la coscienza civile. Il tutto attraverso cineforum
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
L'intervento è stato monitorato e valutato attraverso questionari e schede. Si evince che i ragazzi ritengono utile integrare il programma scolastico con saperi esterni se gli argomenti sono esposti con chiarezza. Alcuni argomenti hanno incuriosito più di altri, meritando un ulteriore approfondimento. Si ritiene utile e formativo ripetere incontri di questo tipo. L'esperienza è sembrata interessante, soprattutto i dibattiti tenuti dopo la visione dei film. In generale il progetto è stato utile per diffondere l’educazione alla legalità.
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Si tratta di un progetto di educazione alla legalità che ha coinvolto le classi del biennio e del triennio della nostra scuola nell'a.s. 2001-2002.
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
Less than 1 year
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
Less than 10.000 Euro
Is your project economically self sufficient now?: 
No
Since when?: 
07/2012
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
No
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
Approfondimenti extracurriculari suscitano interesse nei ragazzi per le materie insegnate a scuola. Questo tema è particolarmente interessante, essendo l'educazione alla legalità fondamentale per i giovani.
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes

NUZ - Social Web Tv

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Cuneo/Piemonte
Organization
Organization Name: 
MOMO Società Cooperativa Sociale
Organization Type: 
Private Institution
Website
www.nuzweb.tv
Project Type
Education from 16 to 18 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Favorire il protagonismo giovanile e sostenere positivamente la crescita dei giovani nei contesti poveri di opportunità del Comune di Cuneo e provincia, promuovendo attività di Media Education che sia portatrice e lente di ingrandimento sui linguaggi, le culture e le abitudini dei giovani che vivono questi luoghi; farli sperimentare sui nuovi linguaggi multimediali trasmettendo competenze tecnologiche, artistiche utili all'acquisizione di nuove competenze.
Project Summary (max. 2000 characters): 
Il progetto NUZ - SOCIAL WEB TV, utilizzando gli strumenti multimediali, il linguaggio video, le potenzialità di internet promuove l’aggregazione dei giovani dei quartieri periferici e poveri di opportunità culturali ed aggregative del Comune di Cuneo e del territorio limitrofo. Grazie all’attivazione di gruppi di lavoro coordinati dagli educatori multimediali, laboratori, workshop e corsi di approfondimento tecnico multimediale si trasmettono nuove competenze, si promuove il protagonismo, il racconto di sé, le culture, i linguaggi e gli interessi dei giovani nell’ottica di scambio culturale e prevenzione dell’esclusione sociale. Per questo ci si appoggia alla web tv dei giovani di Cuneo nata nel 2010 www.nuzweb.tv. dal 2010 NUZ ha sperimentato, attraverso l'utilizzo della multimedialità, la media education nei contesti informali della città di Cuneo, del territorio limitrofo e nell'ultimo anno, nel progetto "Asti-Cuneo: un'autostrada digitale" si è consolidata la collabprazione con altre web tv del Piemonte coinvolgento e attivando nuove antenne redazionali delle province di Cuneo e Asti. questo ha promosso lo scambio e la socializzazione tra giovani appartenenti a territori differenti. NUZ ha favorito l'aggregazione e la partecipazione attiva dei giovani attraverso laboraori multimediali, concorsi video, realizzazione di cortometraggi scritti e realizzati dai giovani stessi, supportati da tecnici professionisti che li hanno affiancato nell'apprendimento delle nuove competenze multimediali.
How long has your project been running?
11/2010
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
1. Promuovere la partecipazione attraverso l’attivazione di iniziative culturali, creative e socializzanti capaci di coinvolgere la popolazione giovane del territorio 2. Creare occasioni di protagonismo nelle periferie povere di opportunità culturali utilizzando la Media –Education e la Peer – Education, promuovendo il racconto di sé e dei variegati linguaggi, culture e interessi 3. Favorire l'acquisizione di nuove competenze in materia di multimedialtà e utilizzo delle nuove tecnolgie 4. Favorire la creatività attraverso lo sviluppo, la programmazione e la progettazione di video da inserire su Nuz web tv insieme alla redazione settimanale, valorizzando le competenze e le risorse che ogni giovane può mettere in campo - laboratori multimediali: video making, editing, fotografia, sceneggiatura, scenografia, composizione colonne sonore, regia, utilizzo attrezzature - creazione e produzione video: cortometraggi, videoclip, servizi giornalistici - eventi e workshop cittadini, educazione ai nuovi media nelle scuole superiori - pubblicazione sulla web tv di contenuti prodotti e realizzati da Nuz e dai suoi ragazzi e pubblicazione di video provenienti da altri giovani del territorio non ancora agganciati
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
ad oggi sono state attivate 3 antenne redazionali sparse sulla provincia di Cuneo che hanno coinvolto molti giovani dei vari territori. lo strumento multimediale è stato adottato da molti educatori del territorio e dai luoghi formali di aggregazione come strumento di partecipazione, ceatività ed espressione. si è sviluppato l'interesse per le nuove teconolgie, in particolare la produzione video, contribuendo all'accrescimento della consapevolezza degli strumenti multimediali e al loro utilizzo positivo. si è favorito lo scambio, l'incontro e il racconto delle diverse provenienze culturali dei giovani, dei loro linguaggi e abitudini è stato possibile raggiunere anche quei luoghi periferici delle città poveri di opportunità aggregative e culturali, contribuendo alla difusione del linguaggio multimediale come strumento espressivo ed aggregativo.
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
300 giovani in modo attivo nei laboratori, videoclip, cortometraggi e concorsi video. eventi della web tv: circa 2000 giovani. facebook: 2266 contatti e amici. sul sito www.nuzweb.tv circa 500 contatti di cui il 50% di ritorni di visita al mese. la serie web "Sciacquoni" è stata anche trasmessa dal nuovo canale di mediase 16mm.it e mandata in onda su italia 2 e for you sempre di mediaset. http://www.16mm.it/risultati_ricerca.shtml?q=sciacquoni&scope=www.videougc.mediaset.it
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
From 10.001 to 30.000 Euro
Is your project economically self sufficient now?: 
No
Since when?: 
07/2012
When is it expected to become self-sufficient?: 
09/2015
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
No
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
il progetto mette in campo l'utilizzo della multimedialità come strumento educativo, aggregativo e formativo; la sperimentazione ha portato a capire che questo strumento può essere facilmente utilizzato dai centri aggregativi, dagli educatori socio culturali, dalle scuole e da tutti gli operatori che lavorano a contatto con ragazzi e giovani, ma anche adulti, disabili ed anziani. la media education è trasversale, coinvolge e rende protagonisti e attiva positivamente le persone. lo strumento web tv permette di attivare la partecipazione, la cittadinanza, il protagonismo e permette anche di affrontare tematiche specifiche che possono coinvogere i giovani (es. problematiche varie, bullismo, alimentazione, cultura, intercultura, richieste specifiche dei giovani verso gli adulti, racconto di sè, elaborazione di storie e racconti). si possono trasmettere nuove competenze volte anche a far scoprire professionalità nuove, sviluppare il senso di appartenenza ad un gruppo, prendersi piccole responsabilità ed impegni nel portare a termine un progetto.
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
se guardiamo i soggetti beneficiari l'ostacolo maggiore che abbiamo riscontrato è la poca costanza nel mantere fede agli impegni da parte dei giovani coinvolti: in alcuni casi perchè bombardati da stimoli ed impegni non snano dare priorità alle cose, in altri giovani apatici, senza desideri di partecipazione attiva alla creazione di quelcosa di proprio. abbiamo lavorato per rendere i gruppi variegati sia culturalmente sia anagraficamente, aiutando i più piccoli a portare a termine i progetti, aiutando i ragazzi a rischio esclusione sociale a far parte di un gruppi positivi e ricchi di stimoli e ad dar spazio a quei giovani che hanno cosa da dire, hanno capacità e competenze artistiche e tecniche. seppur il progetto abbia avuto come partner il Comune di Cuneo, la provincia di Cuneo, l'UPI, l'ANCI e le scuole superiori (ma solo sporadicamente) si fa fatica a far capire quanto sia importante poter favorire lo scambio tra giovani e tra pari nell'ambito delle nuove tecnologie e i nuovi canali di comunicazione. questo fa si che non sia così semplice poter garantire lo sviluppo e la contnuità del progetto che dopo 2 anni fatica ad andare avanti per scarsità di risorse.
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
ci piacerebbe poter portare l'esperienza maturata in questi anni nei contesti informali dentro la formalità della scuola superiore: lo sviluppo naturale potrebbe essere coinvolgere gruppi di giovani delle varie scuole superiori, magari agganciando quei ragazzi che già operano nella realizzaizone dei giornalini interni degli studenti, approcciando i nuovi modi di comunicazione, senza tralasciare il cartaceo, ma promuovendo lo sviluppo e la formazione sul linguaggio del blog, del video e della multimedialità. sarebbe utile coinvolgere gli insegnanti che sono più sensibili a queste tematiche anche affrontando tematiche quali il cyberbullismo, l'utilizzo consapevole di internet e dei tranelli che questo può causare, ma anche un approccio positivo alle nuove teconolgie. per fare questo c'è bisogno di trovare il modo per sostenerlo perchè le scole sempre più sono assetate di progetti extracurricolari, ma non hanno risorse per realizzarli. ci piacerebbe poter continuare l'esperienza positiva di questi 2 anni nei contesti informali del territorio, promuovere capeggi multimediali volti a fornire formazione e trasmettendo nuove competenze, magari aiutando alcuni giovani ad incanalare le energie nella costruzione di nuove professionalità. ci piacerebbe poter allargare la rete delle web tv giovanili, promuovendo la nascita di nuove antenne provinciali e regionali, ma anche occasioni di scambio con altre web tv sul territorio nazionale. ci paicerebbe poter parlare di politiche giovanili insieme agli operatori ed educatori che quotidianamente sono a contatto con i giovani e poter condividere buone prassi per migliorare il proprio lavoro a partire da esperienze di altri.

Narrazioni multimediali a scuola: posso imparare anch'io

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Bussero, Lombardia
Organization
Organization Name: 
Istituto Comprensivo "Monte Grappa"
Organization Type: 
School
Specify: 
Scuola primaria
Website
www.policultura.it; www.policulturaportal.it
Project Type
Education up to 10 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Il progetto ha alla base l’uso del motore 1001storia, che supporta i processi di insegnamento e apprendimento, l’interazione, lo scambio e l’inclusione di tutti gli alunni di una classe, nonché la gestione delle conoscenze acquisite da parte di tutti i soggetti. E' uno strumento di Comunicazione Aumentativa Alternativa (CAA) per favorire la comunicazione spontanea in alunni con autismo.
Project Summary (max. 2000 characters): 
L’idea di utilizzare uno strumento tecnologico come il motore 100storia, per creare narrazioni multimediali, nasce da bisogni specifici della classe nella quale si è attuato il progetto per tre anni consecutivi. E' una classe molto eterogenea per stili d’apprendimento diversificati tra loro a tal punto da richiedere continui interventi innovativi, nonché per la presenza in classe di un’alunna con diagnosi di Autismo, alunni con DSA, ADHD e Bisogni Educativi Speciali. Si è reso necessario trovare un approccio che fosse adeguato ai bisogni di ogni singolo alunno e che fornisse a tutti la possibilità d’apprendere ed imparare in egual misura. I bambini hanno sempre mostrato notevole interesse verso le tecnologie che utilizzano costantemente anche in famiglia, ecco quindi la proposta da parte dell’insegnante di realizzare un prodotto multimediale per raccontare di loro stessi. Il primo anno di utilizzo del motore 1001storia, la classe (terza elementare) ha realizzato una narrazione dal titolo “ _L’autobiografia: per scoprire identità e diversità”(http://www.1001storia.polimi.it/meusGEN/meuslive.php?public=1&projectid=534), si tratta di una narrazione che propone un argomento di grande interesse sociale e culturale: la scoperta della diversità e l’inclusione dei compagni in difficoltà (in particolare, per l’autismo), attraverso il percorso autobiografico. L’anno seguente i bambini sono coinvolti nello stesso progetto che prevede la realizzazione di tre narrazioni aventi come tema il viaggio, inserito nel progetto di inclusione scolastica che prevede l’utilizzo della Media Education per l’inclusione scolastica di alunni con bisogni educativi speciali. Si è scelto l'utilizzo del motore 1001storia perché lo scorso anno si sono avuti ottimi risultati, poiché l'utilizzo di strumenti di Comunicazione Aumentativa Alternativa, migliora le competenze di comunicazione spontanea; infatti la registrazione e l’ascolto della propria voce attraverso uno strumento al di fuori di sé, rende più indipendenti gli alunni, così come l’utilizzo di un motore per costruire narrazioni, offre loro la possibilità di scoprire nuovi campi d'azione, sia programmati che indipendenti. Tale progetto permette di rendere “visibile” il bambino o il ragazzo, nella sua totalità e come persona, senza incorrere nel rischio di puntare l’attenzione solo sulla disabilità, senza riuscire quindi, a scorgere ciò che oltre le disabilità vi è: una persona ricca di risorse e di potenzialità, di modi di arricchimento per le persone che la vogliono conoscere ed incontrare. La narrazione che racconta di Bussero è legata al progetto "Ascoltami: ti racconterò del viaggio(http://www.1001storia.polimi.it/meusGEN/meuslive.php?public=1&projectid=740) La terza è di carattere storico e i contenuti possono essere utilizzati da tutti per approfondire gli argomenti di studio. Durante i due anni di utilizzo del motore 1001storia, la classe impara a lavorare per gruppi di apprendimento cooperativo dove tutti hanno funzioni di tutor in base alle proprie capacità, si assiste ad un incremento delle abilità sociali e di interazione nella bambina autistica nonché uno sviluppo della comunicazione verbale, grazie a software di registrazione vocale il linguaggio diventa più complesso, articolato e funzionale . Anche gli alunni con DSA e disturbi dell’attenzione partecipano alle narrazioni con interesse e le loro capacità d’apprendimento migliorano sempre più, l’interesse aumenta e la partecipazione è ottimale e tutti gli alunni dislessici utilizzano i software di registrazione per leggere i testi da inserire nelle narrazioni. In quinta la classe decide di realizzare altre due narrazioni, la prima legata a temi scientifici del progetto “Le ruote quadrate” attuato nell’ istituto, dal titolo Mago Merluzzo, strega Friggerella e l’energia pulita (vincitrice del premio Ingegneria dell’informazione in Policultura 2012); la seconda è legata alla realizzazione del calendario interculturale L’orologiaio matto.
How long has your project been running?
12/2009
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
OBIETTIVI 1. Saper lavorare in gruppi cooperativi per affrontare i vari compiti assegnati ad ogni gruppo. 2. Comprendere e rispettare, valorizzandole, le diversità di ogni componente il gruppo classe ed il piccolo gruppo. 3. Predisporre compiti chiari, in maniera efficace, per organizzare il lavoro di gruppo. 4. Rispettare il ruolo assegnato all’interno del gruppo. 5. Utilizzare il software audio per creare format radiofonici. 6. Registrare, modificare, montare, mixare tracce audio, con un programma specifico. 7. Creare narrazioni multimediali con l’utilizzo di programmi grafici e di videoscrittura. 8. Creare video podcast con l’utilizzo di video camere digitali e macchine fotografiche. 9. Registrare, modificare, montare, tracce video con un programma specifico 10. Essere in grado di editare un format completo di ipertesto e foto o filmati, utilizzando il motore 1001Storia. 11. Creare narrazioni con l’utilizzo di immagini e di rappresentazioni pittoriche. 12. Raccontare del viaggio con testi poetici, descrittivi e narrativi. 13. Strutturare racconti autobiografici per farsi conoscere dai nuovi compagni e dai nuovi docenti. 14. Utilizzare lo strumento 1001storia come modalità di Comunicazione Aumentativa Alternativa per gli alunni con autismo o problemi di comunicazione. ATTIVITÀ 1. Lavori in gruppi cooperativi, gruppi di peer learning, utilizzando metodi quali il Jjgsaw ecc. 2. Creazione di uno studio radiofonico all’interno della scuola. 3. Produzione di format radiofonici e di videopodcast con l’utilizzo di programmi quali Audacity, Movie Maker , Gimp e altri software. 4. Attività di registrazione, montaggio, missaggio, editing. 5. Attività di narrazione tramite l’utilizzo del motore 1001Storia messo a disposizione del Politecnico di Milano. 6. Attività di narrazione con l’utilizzo della macchina fotografica digitale e della videocamera. 7. Narrazione attraverso testi poetici, descrittivi, epistolari, autobiografici 8. Editing dei lavori sui siti: www.radio-attiva.eu; www.policultura.it; www.policulturaportal.it
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
Durante i tre anni nei quali si è utilizzato un metodo di lavoro per “isole” d’apprendimento e dove vi era sempre la figura del tutor nei vari gruppi di lavoro, i bambini hanno raggiunto un notevole grado di abilità sociali, di capacità di lavoro indipendente sempre con un fine comune da raggiungere, vi è stato un forte incremento all’attenzione sui testi argomentativi da produrre nelle narrazioni, nonché forti motivazioni all’attività di ricerca e approfondimento di argomenti poco comuni alle normali attività didattiche. Il lavoro sull’inclusione scolastica ha avuto pieno successo, poiché gli alunni più in difficoltà hanno avuto la possibilità di cimentarsi in attività totalmente adatte al loro stile d’apprendimento grazie anche all’utilizzo di strumenti tecnologici che hanno permesso loro di sfruttare tutte le potenzialità e mettere in luce le molteplici attitudini, anche al di fuori delle attività didattiche. La classe ha realizzato format radiofonici presenti sul sito www.radioattiva.eu, in collaborazione con altre classi della scuola, gli alunni hanno avuto funzione di tutor per far realizzare prodotti radiofonici e narrazioni multimediali ad una classe della scuola secondaria del nostro Istituto. la valutazione dei risultati raggiunti consiste nel far realizzare agli alunni, senza la supervisione dell'insegnante, una narrazione multimediale. Una narrazione finale dal titolo "Croeso y Cymru, welcome to Wales" (http://www.1001storia.polimi.it/demo//meusGEN/meuslive.php?projectid=606) è stata realizzata interamente dagli alunni della classe quinta A, senza la supervisione dell'insegnante, mentre la narrazione "Andrò alla scuola media: ti racconto di me" (http://www.1001storia.polimi.it/demo//meusGEN/meuslive.php?projectid=608), è stata interamente realizzata dall'alunna con autismo.
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Gli utenti che interagiscono nel progetto sono variata da un numero di 24 alunni alunni ad un numero di 48 alunni, attraverso l'uso dell'organizzazione per classi aperte. Si pensa di ampliare il numero degli utenti per il prossimo anno, facendo interagire gli alunni delle classi della scuola primaria di Bussero, con gli alunni di una scuola primaria in Australia (Canberra), attraverso l'uso di Internet, e-mail e video-chat.
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
From 3 to 6 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
Less than 10.000 Euro
Specify: 
Il motore 1001storia è messo a disposizione gratuitamente dal Politecnico di Milano, previa iscrizione e richiesta d'utilizzo.
Is your project economically self sufficient now?: 
Yes
Since when?: 
12/2009
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
No
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
Il lavoro per gruppi cooperativi e per "isole" d'apprendimento nei quali la figura dell'insegnante funge da tutor e da supervisore dei progetti pensati interamente dagli alunni, l'utilizzo delle narrazioni multimediali come strumento di Comunicazione Aumentativa Alternativa per alunni con Disturbi dello Spettro Autistico nonché come strumento valido per il passaggio da un ordine scolastico all'altro.
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
Il maggior ostacolo è stato quello di far comprendere che la realizzazione di narrazioni multimediali non comporta del lavoro in "più" per un insegnante ma si tratta di un lavoro complementare e di approfondimento delle attività didattiche, inoltre lavorare per gruppi cooperativi e per isole d'apprendimento è ritenuto da molti, insegnanti e genitori, molto creativo e poco inerente alla programmazione didattica. Solo alla fine dei lavori, durati tre anni, a conclusione del ciclo scolastico, tutti i soggetti coinvolti, principalmente i genitori, hanno compreso come questo tipo di approccio abbia migliorato le conoscenze e le abilità dei bambini.
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
Vorremmo far utilizzare il motore 1001storia come strumento per migliorare le abilità di comunicazione e di apprendimento per gli alunni con Disturbi dello Spettro Autistico, con ADHD e DSA, anche attraverso corsi di autoaggiornamento tra docenti.

Sicuramente cresco tra le cave iblee

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Ragusa/Sicilia
Organization
Organization Name: 
Istituto Comprensivo Statale Berlinguer
Organization Type: 
School
Specify: 
Istituto Comprensivo Berlinguer Ragusa
Project Type
Education up to 10 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Scoperta e valorizzazione del territorio locale, con particolare riferimento alla sicurezza nel territorio.
Project Summary (max. 2000 characters): 
Il percorso di studio “Sicura…mente cresco tra le cave iblee” è stato pensato all’interno di uno dei moduli formativi -“Sicura…mente cresco nel territorio” - previsti dal progetto d'istituto di Cittadinanza, Costituzione e Sicurezza "Sicuramente Cresco". Le esperienze vissute hanno contribuito alla conoscenza del territorio locale e hanno favorito lo sviluppo di competenze e abilità sociali indispensabili per un’efficace convivenza democratica. Gli alunni hanno imparato ad ascoltare e a rielaborare con spirito critico, ad interloquire con gli adulti e a collaborare per fini comuni. Il percorso, disciplinare ed interdisciplinare, ha condotto spesso gli alunni fuori dall’aula: le lezioni frontali sono state sostituite dalle “lezioni all’aperto” con esperienze pratiche dirette. Ciascuno si è reso consapevole delle proprie potenzialità, ha vissuto esperienze di manualità e creatività operativa, ha conosciuto materiali, suolo, flora e fauna del territorio ibleo, ha sperimentato odori, colori, e sensazioni diverse dal quotidiano. L’intera esperienza ha avuto forme e contenuti multiformi in quanto ha coinvolto numerose figure che si sono aggiunte ai docenti di classe, tra guide esperte del territorio locale e tecnici informatici ciascuno dei quali pur operando all’interno della propria specificità ha contribuito alla chiarificazione e all’approfondimento delle tematiche affrontate con preciso intento unitario. Un continuo avvicendamento di risorse professionali che ha rappresentato un notevole e gratificante arricchimento umano e culturale, a cui si deve anche e soprattutto il buon esito delle scelte effettuate. Per la realizzazione del progetto si è ritenuto opportuno definire itinerari operativi adeguati ed incisivi che partissero da situazioni di apprendimento direttamente esperite per passare ad attività cognitive e poi ancora a procedure operative ed uso di strumenti tecnici per un completo e totale coinvolgimento degli alunni, intelligente ed operativo. Su questa base l’impianto didattico-pedagogico ha offerto una prospettiva culturale il più ampia possibile perché fondata su: •la semplice e/o complessa esperienza di vita degli alunni; •un processo di sperimentazione diretta; •l’acquisizione di strumenti analitico-progettuali; •la produzione di materiali informativi; •l’utilizzo di tecniche espressive significative e di strumenti tecnologici utili alla rappresentazione della realtà. Sperimentare concretamente il mondo, in particolare il territorio locale, ha portato con sé la sensazione gradevole di farne parte, e quella altrettanto motivante che si può studiare divertendosi, guardando alle cose da altre prospettive per coglierne lati nascosti o imprevisti. L’apprendimento è stato allora trasformazione, perché ha modificato i rapporti tra razionalità ed emozioni offrendo piena dignità a entrambe. Il territorio locale è stato osservato dal punto di vista paesaggistico, della flora e della fauna, storico-archeologico, ma anche dal punto di vista strutturale perché si è nel contempo controllato se, visitando le cave iblee, si può incorrere in qualche pericolo e, quindi, se non si possono dichiarare fruibili per il cittadino ragusano o per il turista che viene ad ammirare le nostre bellezze naturalistiche. Si è trattato, dunque, di sovrapporre tematiche di educazione alla sicurezza a tematiche di educazione ambientale nell’intento di perseguire le seguenti finalità: Promuovere la cultura della sicurezza (intesa come progressiva acquisizione di comportamenti sociali che salvaguardino la propria ed altrui incolumità). Promuovere l’educazione alla Cittadinanza attiva e democratica (intesa come assunzione di comportamenti idonei ad interagire positivamente e costruttivamente nel contesto ambientale di riferimento). Sviluppare il concetto di etica della responsabilità (che rappresenta la sintesi di un “modus vivendi” virtuoso, frutto di consapevolezza, responsabilità e sensibilità ambientale).
How long has your project been running?
09/2011
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
• Conoscere una delle componenti paesaggistiche più suggestive del nostro territorio: le vallate (o cave). • Analizzare le cave nei loro diversi aspetti: storico-archeologico, geografico e morfologico, geologico, scientifico, turistico-ricreativo. • Conoscere gli interventi di consolidamento e restauro delle vallate che circondano il territorio intercomunale e attraversano il centro storico ibleo. • Comprendere come gli interventi di riqualificazione e valorizzazione non debbano sovrapporsi ai valori architettonici ed ambientali in modo casuale e disarmonico, ma coabitare in un rapporto armonioso con il territorio e l’ambiente. • Conoscere i diversi rischi ambientali e la loro connessione con lo sfruttamento inadeguato del patrimonio naturale. • Conoscere le risorse del territorio (Enti locali, Amministrazioni pubbliche, Associazioni di categoria, Organizzazioni di volontariato…) preposte alla salvaguardia dell’incolumità pubblica. • Maturare comportamenti responsabili nell’ambito della sicurezza propria e altrui e metterli in atto nelle diverse situazioni che la vita quotidiana presenta: visite guidate, escursioni con i familiari e gli amici, momenti di gioco, … • Maturare comportamenti ecologicamente corretti da mettere in pratica in tutti gli ambienti di vita quotidiana, scolastica ed extrascolastica. Per l’attuazione del progetto sono state utilizzate le seguenti strategie didattiche: Dall’ esplorazione sul campo all’approfondimento teorico; Apprendimento assistito; Brain-storming; Lavori di gruppo e strategia del Mastery Learning; Approccio cooperativo e peer education; Logica laboratoriale; Role-playing; Problem solving. Per la realizzazione del prodotto finale è stata utilizzata l’interazione di numerosi software attraverso i quali si sono potute strutturare le diverse parti (anche interattive) che costituiscono il corpo del CDD: PACCHETTO OFFICE per testi, grafici, immagini; ADOBE PHOTOSHOP per scontornare immagini; ADOBE PHOTOSHOP ELEMENT 2 per elaborazioni cromatiche; COREL DRAW 12 per composizioni foto (ambientazioni ed effetti); PINNACLE STUDIO 14 per montaggio video con foto, filmati, voci narranti, musiche; MUVIZU per animazione cartoni; ADOBE FLASH MX per montaggio cdd.
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
• Accrescimento della capacità degli studenti di essere attenti ai temi della sicurezza e della opportunità di impegnarsi in attività sociali e condivise. • Prevenzione primaria dal rischio di comportamenti pericolosi per se e per gli altri. • Ampliamento della formazione culturale e opportunità di relazione atte a promuovere validi percorsi di crescita. • Consapevolezza di un necessario rispetto delle regole sociali (attraverso l’acquisizione di competenze specifiche nel campo della gestione delle emergenze). • Sviluppo di una apertura culturale verso il mondo digitale. • Maggiore interessamento della cittadinanza e degli altri soggetti sociali ai problemi della cittadinanza attiva. Si ritiene che l’attuazione del progetto abbia contribuito in maniera consistente anche alla maturazione delle otto competenze-chiave di Cittadinanza e Costituzione (Comunicare, Imparare ad imparare, Acquisire ed interpretare le informazioni, Collaborare e partecipare, Agire in modo autonomo e responsabile, Individuare collegamenti e relazioni, Progettare, Risolvere problemi). Il percorso formativo “Sicura…mente cresco tra le cave iblee” è stato realizzato in perfetta sintonia con quelle che sono le più importanti linee guida del Piano dell’Offerta Formativa dell’Istituto (se ne elencano solo alcune): • Favorire la conoscenza del patrimonio ambientale, storico, culturale del territorio di appartenenza…; • Promuovere la cultura della sicurezza; • Costruire un sistema scolastico in grado di rispondere ai bisogni formativi dell’utenza e favorire l’efficacia degli interventi didattico-educativi nell’ottica dell’innalzamento dei livelli di apprendimento. (Anche attraverso l’utilizzo delle tecnologie per una didattica integrata). • Mantenere in primo piano l’obiettivo di formare i cittadini di oggi e di domani. L’utilizzo di strumenti multimediali e informatici ha fornito la possibilità di documentare e archiviare le molteplici esperienze esplorative, le tante occasioni di crescita culturale vissute grazie al supporto di valenti esperti esterni, i momenti di riflessione, le attività di documentazione personale e collettiva, le produzioni creative realizzate attraverso un intenso lavoro di analisi e rielaborazione autonoma, Il percorso didattico, infatti, è stato sistematicamente documentato con materiale prodotto dagli alunni, dai docenti e dagli esperti coinvolti. La raccolta di detta documentazione esplicita i processi attivati e consente di rilevare conoscenze apprese e competenze maturate. Per l’attività di monitoraggio sono stati altresì utilizzati, quali strumenti di indagine, questionari ex ante, in itinere, ed ex post che hanno offerto l’opportunità di controllare se e quanto l’intervento formativo stesse modificando gli atteggiamenti degli alunni resi sempre più consapevoli dei loro comportamenti. Si ritiene che l’elemento innovativo principale del progetto sia stato che gli alunni sono stati protagonisti attivi del processo di insegnamento-apprendimento e opportunamente formati hanno svolto una funzione “qualificante” e “costruttiva”, assumendo ruoli e incarichi di responsabilità nella gestione delle situazioni legate alla sicurezza e alla cittadinanza attiva; Il cambiamento riscontrato è l’apertura di un canale di comunicazione stabile tra il territorio e la scuola e, per estensione, l’intera società.
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Alunni n.30; Famiglie alunni n.30; Docenti Interni n.4; Esperti esterni n.10 di cui n.5 esperti del settore tecnologico e n.5 esperti nella conoscenza del territorio locale.
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
Less than 10.000 Euro
Is your project economically self sufficient now?: 
No
Since when?: 
07/2012
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
No
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
Il Progetto è agevolmente replicabile in altre realtà territoriali, partendo da questi presupposti: • l’utilizzo di un’equipe “mista” (docenti –esperti esterni- enti di formazione- associazioni) con competenze diverse e complementari, per dare il miglior supporto possibile alle azioni di diffusione della cultura della sicurezza e della promozione della cittadinanza attiva; • la stretta interazione con l’extra scuola in modo da favorire azioni sinergiche nell’ottica del sistema formativo integrato. Il prodotto finale, un CDD, ha la caratteristica della trasferibilità per un duplice motivo: da una parte testimonia la possibilità di ripetere l’esperienza, senz’altro positiva, anche su contesti diversi, con soggetti diversi e per finalità diverse; dall’altro, rappresenta un prodotto finito a cui qualunque altra scolaresca può attingere per utilizzarlo come strumento didattico in classe.
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
Si prevede di replicare l'esperienza in altri contesti operativi e/o in altre clasi dell'Istituto.

Coloriamo il nostro futuro

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Roma/Lazio
Organization
Organization Name: 
Istituto Comprensivo “Aristide Leonori"
Organization Type: 
School
Website
http:// www.coloriamoilnostrofuturo.eu
Project Type
ICT for environmental sustainability
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Educare alla legalità e ai temi ambientali
Project Summary (max. 2000 characters): 
il progetto è partito dall’importanza dell’educazione alla legalità e all’ambiente all’interno della scuola. Grazie ad una collega siamo venuti a conoscenza delle rete nazionale Coloriamo il nostro futuro e vi abbiamo aderito. Grazie a questo progetto i ragazzi vivono un protagonismo all’interno della scuola, mediante l’elezione dei rappresentanti del Consiglio scolastico. Coloro che vengono eletti si fanno portavoce delle esigenze dei compagni e, tutti insieme, si cerca di rendere l’ambiente scolastico più vivibile. L’Istituto Leonori è capofila regionale della rete Coloriamo il nostro futuro; nel Lazio sono 4 le scuole che aderiscono al progetto.
How long has your project been running?
10/2007
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
• Educazione alla legalità • Educazione ambientale All’inizio dell’anno scolastico i ragazzi eleggono i membri del Consiglio scolastico, con regolare campagna elettorale, programmi ed elezioni. Tutti gli eletti formano il Consiglio scolastico ed eleggono un minisindaco.
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
Sicuramente uno dei risultati raggiunti è la responsabilità dei ragazzi coinvolti nel progetto, infatti vivono il consiglio scolastico con un gran senso di responsabilità e di collaborazione lavorando insieme ed aiutandosi (è molto bello vedere come i ragazzi della scuola secondaria interagiscono con quelli della primaria). Un criterio di valutazione è la partecipazione degli stessi alunni a tutte le iniziative proposte dal consiglio. Inoltre, attraverso la rete nazionale, gli alunni hanno la possibilità di confrontarsi con ragazzi di realtà diverse. Infatti ogni anno, a fine anno scolastico, viene organizzato un convegno conclusivo di una settimana, in una regione della rete, a cui partecipano circa 350 persone tra alunni, docenti, dirigenti scolastici e sindaci. E’ una buona occasione di confronto non solo per i ragazzi, ma anche per i docenti, per scambiarsi esperienze,attività portate avanti, soluzione di problemi, nonché per instaurare rapporti di amicizia. Quest’anno il convegno è stato organizzato dalla scuola Leonori nella regione Lazio dal 16 al 20 aprile.
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Mensilmente il dirigente scolastico convoca i 31 ragazzi del Consiglio, insieme ai due docenti referenti del progetto. Subito dopo la seduta, gli alunni riferiscono all’interno delle proprie classi quanto è stato discusso e deciso; in tal modo si ha un’informazione capillare che arriva a tutti gli alunni.
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
Less than 10.000 Euro
Specify: 
Fondo di Istituto
Is your project economically self sufficient now?: 
Yes
Since when?: 
10/2007
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
Yes
Where? By whom?: 
Fino a due anni fa, la scuola Leonori era l’unico istituto della regione Lazio ad aderire alla rete nazionale; col passaparola tra dirigenti e insegnanti, attualmente le scuole laziali sono diventate quattro.
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
Responsabilizzare i ragazzi nella gestione della scuola è fondamentale, anche per contrastare e prevenire fenomeni di bullismo
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
Inizialmente c’era un po’ di scetticismo sulla buona riuscita del progetto da parte di molti docenti. Il tutto è stato superato già alla fine del primo anno del progetto, considerato l’entusiasmo dei ragazzi e la buona riuscita di tutte le attività poste in essere.
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
Vorremmo far diventare Coloriamo il nostro futuro uno dei progetti fondamentali dell’Istituto, da cui far partire tutti gli altri progetti presenti nel POF. Ogni anno viene scelto un tema a livello nazionale; tale tema potrebbe essere coordinato con le programmazioni disciplinari delle varie materie.

Policultura "NOI...."

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Bussero (Milano) /Lombardia
Organization
Organization Name: 
IC Monte Grappa Scuola Primaria
Organization Type: 
School
Project Type
ICT for integration of migrants and refugees
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Diversamente a scuola
Project Summary (max. 2000 characters): 
Abbiamo intrapreso questo viaggio per realizzare un progetto che potesse consolidare le abilità sperimentate negli anni e promuovere l'integrazione (stranieri, alunni diversamente abili, DSA.....). Gli argomenti scelti ed inseriti nel progetto erano quelli previsti dalla programmazione attuale. Il nostro lavoro si è basato sulla scoperta e la consapevolezza del proprio IO, pregi e difetti, ed aveva come obiettivo il raggiungimento della coscienza dell'importanza del gruppo. Abbiamo voluto intraprendere un viaggio di conoscenza del nostro paese, accorgendoci di amarlo, ma anche scoprendo di essere legati ad altri luoghi del cuore. Infine abbiamo messo a confronto eroi dei nostri genitori con i nostri, successivamente riflettuto sui modelli da imitare e ci siamo chiesti chi vorremmo diventare. Tutto ciò è stato realizzato dai bambini delle classi 4^A e 4^B della scuola primaria di Bussero.
How long has your project been running?
11/2011
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
Gli obiettivi prefissati: promuovere l'integrazione migliorare l'efficacia dell'insegnamento motivare l'apprendimento attraverso strumenti multimediali e contemporaneamente utilizzare la metodologia del cooperative-learning procedendo per prove e errori supportare gli alunni con difficoltà di apprendimento aumentare la partecipazione, l'interesse e il coinvolgimento alle attività migliorare le capacità attentive essere protagonisti del sapere responsabilizzare gli alunni riconoscere e sviluppare le capacità di ogni singolo alunno accrescere l'autostima migliorare le relazioni avvicinarsi a più lingue straniere conoscere usi e costumi provenienti da altri paesi migliorare le capacità di scrittura di testi di vario genere ricchi di emotività e sentimenti MEZZI usati computer videocamera fotocamera digitale programmi audio per creare format programmi grafici e di video scrittura cooperative-learning costruzione e uso di mappe concettuali brain storming problem solving classi aperte circle time sperimentazioni proatiche uscite sul territorio gite scolastiche di più giorni interventi a scuola di esperti e genitori utilizzo di vari spazi all'interno della scuola
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
Insegnamento più efficace maggior partecipazione e coinvolgimento degli alunni alla costruzione del loro sapere migliore capacità attentiva maggiore autostima buona capacità di collaborare gli alunni con difficoltà di apprendimento hanno potuto giovare di un supporto da parte dei compagni maggior responsabilità di tutti raggiungimenti di obiettivi didattici con maggior facilità Per la valutazione degli alunni si è elaborata una semplice griglia utilizzata alla fine di ogni elaborato.
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Al progetto hanno aderito gli alunni e gli insegnanti curriculari delle classi 4^A e 4^B, inoltre genitori ed esperti. 42 alunni di cui 5 diversamente abili, 7 DSA e uno straniero, 2 adottati (1 vietnamita e 1 etiope)
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
From 10.001 to 30.000 Euro
Is your project economically self sufficient now?: 
Yes
Since when?: 
11/2011
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
No
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
Un insegnamento più efficace ed un apprendimento più motivante e solido.
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
La nostra scuola è provvista di un'aula informatica. Siamo invece ancora sprovvisti di alcuni sussidi multimediali e ciò ha indotto ad usare strumenti personali per realizzare il nostro progetto. Auspichiamo che all'inizio dell'anno scolastico 2012/2013 in quanto classi 2.0 di avere la possibilità di usufruire di una lavagna multimediale, un pc ogni due alunni, telecamera, macchina fotografica digitale, microfoni, registratori vocali.
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
Si intende continuare a promuovere un apprendimento multi mediatico per migliorare l'insegnamento e la partecipazione a progetti intenti a incentivare il sapere.

RIVISTA VIRAÇÃO (“METTERSI IN GIOCO”)

Project Location
Country: 
Brazil
City: 
San Paolo
Organization
Organization Name: 
VIRACAO EDUCOMUNICACAO
Organization Type: 
5
Website
http:// WWW.VIRACAO.ORG
Project Type
Education from 16 to 18 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
VIRACAO PROMUOVE L'ESERCIZIO DEL DIRITTO UMANO ALLA COMUNICAZIONE DEGLI ADOLESCENTI E GIOVANI TRAMITE L'UTILIZZO DELLE NUOVE E ANTICHE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE
Project Summary (max. 2000 characters): 
IL PROGETTO è NATO DALL'IDEA E IMPEGNO DEL GIORNALISTA PAULO LIMA E UN GRUPPO DI GIOVANI GIORNALISTI E EDUCATORI PER AUMENTARE LA CAPACITà DEGLI ADOLESCENTI E GIOVANI NEL FAR SENTIRE LA LORO VOCE E, ATTRAVERSO L'USO DEI MEDIA E DELLE NUOVE TECNOLOGIE, FAR DIVENIRE COGENTI I LORO BISOGNI E LE LORO ASPETTATIVE. SI è PENSATO DI FAR PARTIRE UNA RIVISTA MENSILE E NAZIONALE, CON TIRATURA DI 10 MILA COPIE, COME PROGETTO SOCIALE SU CARTA E ONLINE, PERCHé RAPPRESENTANO UN MODO CONCRETO DI DEMOCRATIZZARE LA COMUNICAZIONE E FAR Sì CHE LA VOCE DEGLI ADOLESCENTI E GIOVANI POSSA ESSERE SENTITA DI FORMA LIBERA, AUTONOMA E COLLABORATIVA. L'IDEA è SORTA PER UNIRE ADOLESCENTI E GIOVANI DI TUTTO IL BRASILE INTORNO AD ALCUNI PRINCIPI COME LA DIFESA DEI DIRITTI UMANI, L'EDUCAZIONE ALLA PACE E ALLA SOLIDARIETà FRA I POPOLI E LA VISIBILITà DEI GIOVANI ANCHE NEL CAMPO DELLA COMUNICAZIONE E MOBILITAZIONE SOCIALE. DAL PROGETTO INIZIALE SONO NATI ALTRI PICCOLI PROGETTI E INIZIATIVE A ESSI CONNESSI, COME LABORATORI DI EDUCOMUNICAZIONE (EDUCAZIONE PER, CON E ATTRAVERSO I MEDIA) NELLE SCUOLE E COMUNITà DI PERIFERIA NON SOLO A SAN PAOLO MA ANCHE IN ALTRI 22 STATI SU 27 DEL BRASILE. SI è SVILUPPATA ANCHE UNA PROPRIA METODOLOGIA DI LAVORO E UN'ESPERIENZA IN PROCESSI, PROGETTI E PRODOTTI DI EDUCOMUNICAZIONE E DI MOBILITAZIONE SOCIALE GIOVANILE, ABILITà NEL LAVORO NELLE SCUOLE E CON GRUPPI DI DIVERSA NATURA; ESPERIENZA NELLA PROGETTAZIONE, GESTIONE E ABILITà NEL LAVORO DI GRUPPO, IN COLLABORAZIONE E RETE; ESPERIENZA NELLO SVILUPPO DI MATERIALI DI COMUNICAZIONE E COPERTURA GIORNALISTICA A PARTIRE DALLO SGUARDO DI ADOLESCENTI E GIOVANI E DALLA STORIA NELL'IMPEGNO PER I DIRITTI DEGLI ADOLESCENTI E GIOVANI. DA PROGETTO OSPITATO PRIMA ALL'INTERNO DELLA ONLUS ASSOCIAZIONE DI APPOGGIO AL BAMBINO, SIAMO DIVENTATI UNA VERA E PROPRIA ORGANIZZAZIONE CON STATUS DI ONLUS NELL'AGOSTO DI 2009, CON UN DIRETTIVO E UN'EQUIPE COSTITUITA DA 20 COLLABORATORI GIOVANI IN REGOLA E 20 VOLONTARI.
How long has your project been running?
03/2003
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
CI SIAMO CONFRONTATI CON UNO SCENARIO SEGNATO DA UNA FORTE CONCENTRAZIONE DEI MASS MEDIA: SEI RETI PRIVATE NAZIONALI CON 138 GRUPPI REGIONALI AFFILIATI CHE CONTROLLANO 667 VEICOLI DI COMUNICAZIONE (DATI DELL'EPCOM "“ INSTITUTO DE ESTUDOS E PESQUISA EM COMUNICACAO, 2002). INOLTRE DEGLI STUDI RIVELANO CHE GLI ADOLESCENTI E I GIOVANI NON SI IDENTIFICANO Nà‰ SI SENTONO ASCOLTATI DA QUESTI GRANDI MEZZI DI COMUNICAZIONE E DALLE AGENZIE EDUCATIVE ANCORA MOLTO SEGNATE DA UNA VISIONE "ADULTOCENTRICA" CHE NON OFFRE SPAZI DI PARTECIPAZIONE ATTIVA DEGLI ADOLESCENTI E GIOVANI. IL BRASILE POSSIEDE UNA POPOLAZIONE DI 21 MILIONI DI ADOLESCENTI TRA I 12 E 17 ANNI. SU OGNI 100 STUDENTI CHE ENTRANO NELLA SCUOLA, AD ESEMPIO, SOLO 40 FINISCONO LE SUPERIORI. L'EVASIONE SCOLASTICA E L'ASSENZA ALLE LEZIONI SONO DOVUTE A DIVERSI FATTORI, TRA CUI OGNI SORTA DI VIOLENZA E MANCANZA DI SPAZI E STRUTTURE DI PARTECIPAZIONE DEGLI STUDENTI. DAVANTI A QUESTO SCENARIO, IL PROGETTO PERSEGUE I SEGUENTI OBIETTIVI: - PROMUOVERE LA PARTECIPAZIONE E L'ACCESSO DEMOCRATICO DEGLI ADOLESCENTI E GIOVANI ALLA PRODUZIONE E DIFFUSIONE DELL'INFORMAZIONE E DEI SAPERI; - IDENTIFICARE COME IL MONDO DEGLI ADOLESCENTI E GIOVANI VIENE RAPPRESENTATO DAI MASS MEDIA; - FACILITARE IL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO ATTRAVERSO UN USO CREATIVO DEI MEZZI E DELLE NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE; - PROMUOVERE L'INTERCAMBIO TRA GLI ADOLESCENTI E GIOVANI CHE SVILUPPANO ATTIVITà DI COMUNICAZIONE NELLE SCUOLE E NELLE COMUNITà, NEI QUARTIERI E NELLE CITTà. L'INNOVAZIONE DEL PROGETTO STA NEL FATTO DI AVER SVILUPPATO UNA METODOLOGIA DI PARTECIPAZIONE SOCIALEb REPLICABILI TRAMITE LA COMUNICAZIONE A LIVELLO NAZIONALE E DI FONDERE E FAVORIRE LA COMUNICAZIONE E L'INTERSCAMBIO TRA ALTRE ESPERIENZE DELLO STESSO TIPO, PERFINO IN REALTÀ MOLTO LOCALI, COME COMUNITÀ, QUARTIERI E CITTà DI UN PAESE CON DIMENSIONI CONTINENTALI.
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
ABBIAMO UNA RETE ATTIVA E COLLABORATIVA DI VIRAJOVENS IN 22 STATI E DI UNA TRENTINA DI ORGANIZZAZIONI SOCIALI PARTNERS. A PARTIRE DAGLI INTERSCAMBI E INCONTRI NAZIONALI DEI VIRAJOVENS E TRA QUESTI E LE ALTRE RETI GIOVANILI SI è COSTITUITA LA RETE NAZIONALE DEGLI ADOLESCENTI E GIOVANI COMUNICATORI, CHE RADUNA ADOLESCENTI E GIOVANI RAPPRESENTANTI DI PIù DI 30 ORGANIZZAZIONI GIOVANILI CHE LAVORANO SUL FRONTE DELLA PARTECIPAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE. IL PRINCIPALE OBIETTIVO è QUELLO DI PROMUOVERE AZIONI DI ADVOCACY A LIVELLO LOCALE, NAZIONALE E REGIONALE SUL TEMA DELLA PARTECIPAZIONE DEGLI ADOLESCENTI E GIOVANI E LA DEMOCRATIZZAZIONE DELLA COMUNICAZIONE. INOLTRE, ABBIAMO CREATO UN'AGENZIA DI STAMPA GIOVANILE CHE HA INIZIATO COME PROGETTO PILOTA NEL 2003 PER LA COPERTURA GIORNALISTICA DI EVENTI NAZIONALI E INTERNAZIONALI FATTA DAGLI STESSI PARTECIPANTI ADOLESCENTI E GIOVANI E A PARTIRE DA 2011 FUNZIONERà DI FORMA PERMANENTE. NEL CORSO DI 8 ANNI, I VIRAJOVENS HANNO PRODOTTO ANCHE DELLE EDIZIONI SPECIALI DI VIRACAO CON DIVERSI PARTNER E CON LA DISTRIBUZIONE NELLE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI PUBBLICHE PER LA SENSIBILIZZAZIONE SU DIVERSI TEMI: RAZZISMO, PREVENZIONE ALL'HIV/AIDS, ANALFABETTISMO, IMPRENDITORIETà GIOVANILE E EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI.
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
SONO CIRCA 300 I RAGAZZI CHE PARTECIPANO DIRETTAMENTE ALL'INTERO PROCESSO DI PRODUZIONE DELLA RIVISTA MENSILE A LIVELLO NAZIONALE; MENTRE IL PUBBLICO RAGGIUNTO INDIRETTAMENTE è DI CIRCA 50 MILA, CHE LEGGONO O UTILIZZANO LA RIVISTA COME SUSSIDIO NELLE SCUOLE O GRUPPI DI GIOVANI E CENTRI CULTURALI.
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
From 75.001 to 500.000 Euro
Is your project economically self sufficient now?: 
RUA AUGUSTA, 1239, CONJ. 11 SAO PAULO (SP) 01305-100, Brazil
Since when?: 
01/2007
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
Yes
Where? By whom?: 
A OUAGADOUGOU, IN BURKINA FASSO, UN GRUPPO DI 20 GIOVANI GIORNALISTI E EDUCATORI SOCIALI HANNO COSTITUITO L'AGENZIA DI PROMOZIONE DELL'EDUCOMUNICAZIONE CON BASE ALL'ESPERIENZA DELLA RIVISTA VIRACAO E PER LAVORARE CON ADOLESCENTI E GIOVANI BURKINABà. IN ITALIA, UNICEF STA UTILIZZANDO NEL MOVIMENTO DI GIOVANI VOLONTARI YOUNICEF FOR UNICEF STRUMENTI E METODOLOGIE DI PARTECIPAZIONE DEGLI ADOLESCENTI E GIOVANI SVILUPPATE DA VIRACAO.
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
METODOLOGIE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA E COLLABORATIVA ATTRAVERSO AZIONI, PROCESSI E PRODOTTI DI COMUNICAZIONE.
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
IL PRINCIPALE OSTACOLO è STATO QUELLO DELLA SOSTENIBILITà ECONOMICO E FINANZIARIA DEL PROGETTO. LO ABBIAMO SUPERATO TRAMITE LA VENDITA DI ABBONAMENTI ANNUALI DELLA RIVISTA PER LE SCUOLE, CENTRI CULTURALI E ASSOCIAZIONI NON GOVERNATIVE E ENTI PUBBLICI, COME IL MINISTERO DELLA CULTURA E LE SEGRETERIE STATALI DELL'EDUCAZIONE. INOLTRE, LE ENTRATE ARRIVANO DA PRESTAZIONI DI SERVIZI, COME LABORATORI DI EDUCOMUNICAZIONE, PRODUZIONE DI ALTRE RIVISTE, GIORNALI E LIBRI SEMPRE UTILIZZANDO LA NOSTRA METODOLOGIA PARTECIPATIVA. FIN DALL'INIZIO è STATO MOLTO IMPORTANTE ANCHE L'APPOGGIO ISTITUZIONALE E RICONOSCIMENTO DAL FONDO DELLE NAZIONI UNITE PER L'INFANZIA (UNICEF), DALL'ORGANIZZAZIONE DELLE NAZIONI PER EDUCAZIONE, SCIENZA E CULTURA (UNESCO), DAL NUCLEO DI EDUCAZIONE E COMUNICAZIONE DELL'UNIVERSITà DI SAN PAOLO (USP), DALL'AGENZIA DI STAMPA DEI DIRITTI DEI BAMBINI (ANDI) E DALL'ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE ASHOKA IMPRENDITORI SOCIALI.
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
VOGLIAMO CONSOLIDARE L'AGENZIA DI STAMPA GIOVANILE IN QUANTO PERMANENTE E CON DIVERSE POSSIBILITà€ PER CRESCERE ANCHE A LIVELLO INTERNAZIONALE. MA PER FARE QUESTO ABBIAMO BISOGNO DI FORMARE RETE CON ASSOCIAZIONI DI ALTRI PAESI CHE LAVORANO CON COMUNICAZIONE E ADOLESCENTI E GIOVANI. VOGLIAMO ANCHE PROMUOVERE INTERSCAMBI TRA I NOSTRI GIOVANI BRASILIANI E QUELLI DI ALTRI PAESI CHE LAVORANO ANCHE SULL'INTERFACCIA TRA EDUCAZIONE, COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE SOCIALE PER POI COSTITUIRE UNA RETE MONDIALE DI GIOVANI COMUNICATORI. VOGLIAMO ANCHE CREAR UN PREMIO NAZIONALE DI EDUCOMUNICAZIONE GIOVANE PER RICONOSCERE LE INIZIATIVE E PROGETTI DI EDUCOMUNICAZIONE PORTATI IN AVANTI DAGLI ADOLESCENTI E GIOVANI.