inclusione

SCUOLE @2.0

Project Location
Country: 
Italy
City: 
FELINO- PARMA –EMILIA ROMAGNA
Organization
Organization Name: 
ISTITUTO COMPRENSIVO DI FELINO
Organization Type: 
School
Project Type
Education from 11 to 15 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Sviluppo del progetto finalizzato all’innovazione didattica e all’uso delle tecnologie
Project Summary (max. 2000 characters): 
La prima fase del progetto corrisponde alla partecipazione al progetto ministeriale cl@ssi 2.0, che ha permesso l’introduzione e la diffusione delle didattiche multimediali dapprima in una classe poi in tutte le classi della scuola secondaria di 1°grado di Sala B
How long has your project been running?
03/2010
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
Innovare i metodi didattici rendendo la tecnologia “comune” per insegnare ed apprendere-sviluppare le competenze trasversali degli studenti-acquisire una maggiore consapevolezza di sé e della propria autostima- rendere flessibili i percorsi di insegnamento/apprendimento in base alle specifiche esigenze dei singoli- I mezzi utilizzati sono stati notebook/pc/ lavagne interattive/strumenti audiovisivi e grafici/piattaforma di condivisione L’utilizzo degli strumenti tecnologici ha determinato anche una modifica nell’organizzazione dell’aula e delle sue caratteristiche strutturali
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
L’introduzione delle tecnologie ha introdotto cambiamenti non soltanto nei metodi didattici ma anche nelle dinamiche di classe: incremento nella collaborazione fra gli studenti, nella motivazione, nell’interesse e nella partecipazione alle attività didattiche proposte- atteggiamenti attivi degli studenti. Il ruolo del docente è cambiato svolgendo anche una funzione di facilitatore didattico. Le attività prevalenti sono state ricerche e approfondimenti su internet, realizzazione di prodotti multimediali, utilizzo delle piattaforme per la condivisione del lavoro scolastico e dei compiti
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Inizialmente gli utenti erano circa 30 poi successivamente con l’allargamento del progetto alle altre classi gli utenti sono circa 200
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
From 3 to 6 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
From 30.001 to 75.000 Euro
Is your project economically self sufficient now?: 
No
When is it expected to become self-sufficient?: 
09/2012
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
Yes
Where? By whom?: 
Le altre 2 scuole sec dell’Istituto Comprensivo
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
Dai nostri diari di bordo per la realizzazione del percorso progettato per classe 2.0, si può evincere tracce di lavoro –soluzione di problemi- condivisione di esperienze- scambio di dati in relazione alla qualità degli apprendimenti
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
Le opportunità offertaci dal progetto cl@ssi 2.0 ci hanno dato la possibilità di confronto con altre classi sperimentali regionali o nazionali , aumentando in noi, la volontà di condividere le esperienze effettuate nella propria classe anche con tutte le classi delle scuole del nostro territorio per apportare modifiche migliorative nel corso del nuovo progetto estendo l’innovazione a tutta la scuola del nostro territorio. Per realizzare questo progetto sarà necessario dotare tutte le scuole delle apparacchiature tecnologiche già acquistate nel precedente progetto (tablet-notebook-pc-materiale audiovisivo- connessioni di rete- licenze di software.ecc)

The Green Tech Cl@ss

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Minervino di Lecce - Puglia
Organization
Organization Name: 
Istituto Comprensivo Minervino di Lecce
Organization Type: 
School
Specify: 
Scuola primaria
Website
www.icminervinole.gov.it
Project Type
Education up to 10 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Il progetto, in fase di attuazione, vede la realizzazione di un ambiente didattico costruttivista attraverso un’aula/ laboratorio versatile a tutte le discipline per offrire, in modo continuativo, l’opportunità ad alunni, alunne e ai docenti di utilizzare tutte le potenzialità dei LINGUAGGI DIGITALI ottimizzando tempi e spazi, per favorire l’acquisizione delle competenze chiave.
Project Summary (max. 2000 characters): 
Il progetto, in fase di attuazione, rivolto agli alunni di classe quarta della Scuola Primaria, vede la realizzazione di un ambiente didattico costruttivista attraverso un’aula/laboratorio versatile a tutte le discipline per offrire, in modo continuativo, l’opportunità ad alunni e docenti di utilizzare tutte le potenzialità dei linguaggi digitali, ottimizzando tempi e spazi, e per favorire l’acquisizione delle competenze chiave. L’ambiente aula ripensato e ristrutturato coniuga l’utilizzo di hardware di ultima generazione, software di tipo open source, risorse didattiche online, innovazione metodologica, CDD, libri interattivi, arredi modulari e, grazie al coinvolgimento delle famiglie e delle istituzioni del territorio, valorizza la collaborazione e l’educazione ambientale. La Cl@sse 2.0 è dotata di un carrello porta-notebook, notebook, fotocamere, videocamera, Document Camera e LIM che, con l’utilizzo di software specifici, di un browser per la navigazione protetta in Internet, rappresentano un valido e innovativo supporto alla didattica per le generazioni digital native. Il “Learning by Design”, quale modello metodologico adottato, rende l’alunno protagonista e artefice del proprio percorso, attraverso le quattro fasi dell’apprendimento (esperienziale, per concetti, per analisi, e per applicazione). La modalità “Blended learning”, inoltre, garantisce continuità formativa tra le attività scolastiche e non: gli alunni possono esprimere le proprie opinioni, condividere elaborati, collaborare in una classe virtuale, chattare, partecipare a forum, attraverso le opportunità offerte da portali protetti come “Il gomitolo”, per utilizzare appieno quanto offerto dal Web 2.0. Il progetto prevede la sperimentazione del sussidiario interattivo personalizzabile agli stili di apprendimento di ognuno, attraverso la manipolazione degli argomenti trattati: gli alunni possono sottolineare, evidenziare le parole chiave, elaborare mappe concettuali, effettuare link a giochi online, gallerie fotografiche, presentazioni, video, suoni (elaborati personalmente), approfondire e riflettere criticamente anche sui propri errori. Le ITC, inoltre, offrono loro l’opportunità di effettuare la lettura del giornale online, la scrittura collaborativa e la risoluzione condivisa di problemi. Il docente-designer affianca l’alunno sostenendolo, ascoltandolo, formulando domande e sollecitando riflessioni, elabora CDD, contestualizza gli argomenti, effettua semplificazioni e adattamenti per alunni con BES. Il nuovo ambiente, ricco di risorse e opportunità, è stato ripensato, anche nell’arredamento e nell’ ambiente per rispondere alle nuove esigenze. I banchi sono stati progettati in modo tale da essere facilmente modulati per lavorare: singolarmente, in gruppo, a coppie, nel grande gruppo (tavola rotonda). Ogni scelta di acquisto effettuata è stata vincolata, in sede di gara, alla caratteristica del basso consumo energetico e all’impegno a ridurre l’impatto ambientale. La collaborazione con enti (Legambiente), inoltre,permetterà l’attuazione di un percorso educativo per la promozione dello sviluppo sostenibile.Le collaborazioni con la Polizia Postale, con la psicologa e con le famiglie hanno reso possibile l’attuazione di diversi incontri e la realizzazione di giochi, anche in occasione del “Safer Internet day, affinché gli alunni,fruitori delle risorse del Web, diventino consapevoli dei rischi e dei pericoli di Internet. Il ripensamento della rigida organizzazione dell’orario, l’insegnamento/apprendimento costruttivo-collaborativo e “in ogni momento e in ogni luogo”, il monitoraggio rigoroso, la trasversalità dei linguaggi digitali,e la collaborazione con Enti, Università e famiglie stanno sviluppando, dunque, un ambiente ricco per la generazione di apprendimenti.
How long has your project been running?
03/2011
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
Alunni: Elevare il livello di competenza in tutte le discipline Sensibilizzare sui rischi (privacy, sicurezza, legalità) che derivano dall’uso inconsapevole di Internet (obiettivo legato alla macrotematica d’Istituto che pone la legalità come sfondo integratore di tutti i percorsi didattici) • Favorire l’uso degli strumenti tecnologici per migliorare e facilitare il processo di apprendimento delle discipline • Sviluppare la motivazione ad apprendere attraverso l’utilizzo di nuovi canali comunicativi • Sviluppare un atteggiamento consapevole ed autonomo nel lavoro individuale e di gruppo attraverso il confronto costruttivo, la cooperazione e la condivisione. • Aumentare l’autostima in alunni che presentano difficoltà di apprendimento (BES) • Favorire i processi di autoapprendimento e autovalutazione • Assumere atteggiamenti responsabili per la tutela del proprio ambiente valorizzandone le risorse presenti Docenti: • Migliorare il processo d’insegnamento grazie all’utilizzo dei linguaggi digitali rispettando lo stile di apprendimento di ognuno • Favorire l’utilizzo regolare e pervasivo dei linguaggi digitali e delle risorse online per l’innovazione didattica • Incrementare l’utilizzo di software free • Migliorare le competenze necessarie per progettare e realizzare contenuti didattici digitali • Condividere materiale didattico • Mantenere, nei confronti dell’alunno, un atteggiamento positivo di supporto attivo, ma non invasivo (docente-coach) • Favorire la cultura della documentazione • Diffondere buone pratiche Genitori: • Sensibilizzare sui rischi (privacy, sicurezza, legalità) che derivano dall’uso inconsapevole di Internet (obiettivo legato alla macrotematica d’Istituto che pone la legalità come sfondo integratore di tutti i percorsi didattici) • Incrementare l’utilizzo della comunicazione attraverso Internet • Migliorare i rapporti scuola-famiglia attraverso una fattiva partecipazione e collaborazione dei genitori al processo di apprendimento dei propri figli in una scuola innovata. Istituto: • Incrementare il lavoro in rete tra scuola e territorio • Utilizzare buone pratiche • Avviarsi verso un “Istituto digitale”
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
La trasversalità dei linguaggi digitali e della loro integrazione nella didattica, il ripensamento architettonico degli ambienti di apprendimento e l’integrazione tra ambiente virtuale, fisico e sociale: hanno dato vita ad un ambiente generativo di apprendimento in cui TUTTI gli alunni: dimostrano una forte motivazione ad apprendere nei confronti di tutte le discipline; migliorano le relazioni sviluppando in modo naturale il mutuo-aiuto; dimostrano maggiore competenza nella produzione scritta e nell’esposizione orale con il supporto dei linguaggi digitali; utilizzano il problem solving e il lavorare per progetti quali competenze trasversali.
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Gli utenti interessanti al progetto sono gli alunni delle classi quarte della scuola primaria di Minervino e di Vitigliano per un totale di 36 alunni. I docenti interessati sono n. 10
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
From 10.001 to 30.000 Euro
Is your project economically self sufficient now?: 
No
Since when?: 
07/2012
When is it expected to become self-sufficient?: 
01/2015
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
No
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
Tutto il progetto è trasferibile a qualsiasi realtà scolastica. Il nostro impegno è stato quello di utilizzare le potenzialità dei linguaggi digitali in modo trasversale a tutte le discipline
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
Abbiamo bisogno di: connessione Internet veloce; uno spazio virtuale riservato all’istruzione in cui salvare, condividere informazioni in sicurezza e utilizzare software remoti per un impiego immediato da qualsiasi device; una connessione gratuita e controllata dedicata al mondo della scuola (il collegamento ad Internet non deve essere garantito solo negli ambienti scolastici o in aree WI-FI, ma, attraverso una sim card-istruzione, ogni utente scolastico dovrebbe avere accesso alla rete in ogni tempo ed in ogni luogo); una ristrutturazione innovativa di TUTTI gli ambienti di apprendimento funzionali alle nuove esigenze e al nuovo modo di fare scuola; docenti che utilizzano la flessibilità nella gestione dei tempi di lavoro e in grado di fornire la risposta ai bisogni just in time; libri digitali “open” facilmente personalizzabili.
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
Il progetto ha “contaminato” tutte le scelte dell’Istituto Comprensivo che si avvia a diventare, attraverso le iniziative Cl@ssi2.0, Impres@Scuola, Patto per la Scuol@2.0, School for the Earth e l’importante supporto innovativo di Agenda Digitale Italiana, centro di sperimentazione e di ricerca verso lo sviluppo della “Smart School 2020”.

Senza entusiasmo, non si è mai compiuto niente di grande. Un'opera d'arte è soprattutto un'avventura della mente. (Emerson Ionesco)

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Torino
Organization
Organization Name: 
Direzione Didattica Giuseppe Mazzini
Organization Type: 
School
Specify: 
primaria statale
Website
http://www.ddmazzinitorino.it/classi2/
Project Type
Education up to 10 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
La nostra scuola possiede una lunga ed interessante storia legata alla ricerca, alla sperimentazione didattica e alla formazione degli insegnanti. “Per i ragazzi è difficile imparare cose difficili”. Gli insegnanti devono rendere un po’ meno difficili quelle cose; “far capire si può” e il primo passo è iniziare a modificare il modo di insegnare ed esplorare nuovi ambienti di apprendimento. Questo è lo scopo del nostro progetto!
Project Summary (max. 2000 characters): 
Senza entusiasmo, non si è mai compiuto niente di grande. Ralph Waldo Emerson. Un'opera d'arte è soprattutto un'avventura della mente. Eugène Ionesco. Ci piace iniziare la presentazione della nostra idea con queste citazioni e assumerle come “principi” e titoli. Ci piace l’idea che i processi d’apprendimento maturino accompagnati da entusiasmo e spirito d’avventura. La nostra Direzione Didattica possiede una lunga ed interessante storia legata alla ricerca, alla sperimentazione didattica e alla formazione degli insegnanti. Tutto ciò ha permesso di maturare profonde riflessioni di carattere metodologico ed assumere il costruttivismo come pratica portante nella didattica. “Per i ragazzi è difficile imparare cose difficili”. Gli insegnanti devono rendere un po’ meno difficili quelle cose; “far capire si può” e il primo passo è iniziare a modificare il modo di insegnare ed esplorare nuovi ambienti di apprendimento. Riteniamo che l’apprendimento significativo e la maturazione delle competenze abbiano terreno più fertile con il cooperative learning, l’uso delle TIC (mappe concettuali, LIM, ipermedia, uso della rete, software specifici per colmare lo svantaggio, robotica), il gioco, i laboratori, e l’apertura al vento culturale che soffia “fuori della finestra dell’aula”. Non ci piace chiamarle tecniche innovative ma compensative a un certo modo di fare scuola. In particolare, nella nostra classe, nell’anno scolastico appena trascorso è stato sviluppato un progetto pilota che ha riscosso una valenza educativa straordinaria. Non è stato solo un “forum di classe” ma una porta aperta sul mondo e per il mondo: ogni giorno, quasi in tempo reale con la “vita” della classe, sono state pubblicate sul sito della scuola le esperienze più significative, delle aree matematica e scientifica, con schede di approfondimento, riflessioni, filmati di lezioni, gallerie fotografiche, elaborati dei bambini, ipermedia, note bibliografiche e link a risorse della rete. Nasce quindi la forte motivazione di partecipare al progetto cl@ssi 2.0: dare VITA a questo piccolo esperimento con delle risorse importanti, rinnovarlo, ampliarlo a tutte le discipline, aprirlo alle altre classi/scuole che lo desidereranno, renderlo visibile anche a quei bambini meno fortunati che devono trascorrere del tempo in ospedale (collaborazione con il reparto di pediatria dell’ospedale di Savigliano). Una memoria culturale in progress aperta al dibattito dei bambini, dei genitori, degli insegnanti, di altri componenti che interagiscono con la scuola (enti, società, servizi), perché l’inclusione si ha solo se si dà valore a comunità integrate. Una scuola che appare nella sua autenticità, in cui chi partecipa al progetto possa ritrovare il suo pezzettino, in quel patchwork culturale ricco perché costruito a più mani. L’uso di mezzi tecnologici avanzati permetterà di ottimizzare le tecniche di pubblicazione sincrone e asincrone e mostrare una scuola che difficilmente si può trovare oggi in rete.
How long has your project been running?
01/2011
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
La Fabbrica dei Racconti 2.0 La Fabbrica dei Racconti 2 raccoglie un’esperienza significativa condotta 11 anni fa e la arricchisce sperimentando metodologie comunicative nuove. Si prevede di coinvolgere in tutto 4 classi collocate in luoghi geografici lontani e diversi. La staffetta che produrrà la storia inizierà con una classe che potrà scegliere tra 4 codici espressivi diversi per creare il suo capitolo: testo – filmato – immagine – musica/canto/sonorizzazione. Al termine ogni classe riscriverà la storia traducendo i codici espressivi non testuali in testuali ed invierà le proprie elaborazioni alle altre classi… seguiranno un confronto ed interessanti sviluppi. Un sorriso in corsia. Le attività previste con i bambini lungodegenti dell’ospedale pediatrico di Savigliano(CN) saranno programmate nei mesi di settembre/ottobre 2011 in collaborazione con la Fondazione ABIO che interverrà nella struttura ospedaliera per coordinare le attività Un Superquaderno per imparare meglio. Il progetto prevede l’uso del software “Superquaderno – Anastasis” come strumento compensativo per le attività di recupero dei bambini con D.S.A. (3 bambini presenti nella cl@sse 2.0 e altri 2 bambini diversamente abili). Laboratorio di cittadinanza – “DIVERSI FUORI UGUALI DENTRO”. Nel laboratorio (già consolidato in questo anno scolastico) si leggeranno e si riscriveranno in modo creativo le storie di Milly e Molly di Gill Pittar (con gli strumenti tecnologici si sperimenterà la pluralità dei codici espressivi multimediali). La collana presenta episodi della vita di due bambine, Milly e Molly: ogni episodio una situazione. Dall’abaco al Power Glove. L’obiettivo dell’esperienza nel corso dei prossimi due anni sarà quello di ripercorrere, attraverso l’uso e la costruzione di “macchine” del passato e del presente, alcuni passi della complessa storia del calcolo automatico e dell’informatica. Scrittura Creativa. Le esperienze di scrittura creativa e produzione di ipermedia sono state molteplici nel corso di questi anni. Micromondi per maturare Macroidee… Soprattutto attraverso l’ambiente software Micromondi e la LIM si svolgeranno esercizi, si elaboreranno situazioni problematiche, si costruiranno giochi, si manipoleranno figure – forme e oggettiLe attività consisteranno in esercizi/giochi in cui la componente linguistica (“racconto cosa faccio e come lo faccio…” consapevolezza metacognitiva) e manipolativa (uso di molti materiali strutturati e non) saranno fondamentali per l’acquisizione dei concetti logico matematici. Pitagora a scuola… Ogni mese a scuola “ci sarà Pitagora” ad introdurre un nuovo concetto/argomento matematico, la lezione avrà la sua ritualità con Pitagora che leggerà un brano tratto da un libro di narrativa scientifico/matematica dietro la tenda1. I bambini saranno invitati ad incontrare il maestro dopo aver risposto ai suoi quesiti. Le lezioni di questo tipo verranno documentate/filmate. La bacheca delle idee. Una grande bacheca troverà spazio su una parete dell’aula, i bambini saranno invitati ogni mese sull’input generato da una parola chiave indicata dagli insegnanti ad attaccare pensieri, testi, poesie, disegni, foto, articoli di giornale… La bacheca verrà pubblicata con la tecnica Silverlight Deep Zoom e potrà quindi essere letta in modo digitale per facilitarne la visione e la discussione collettiva. Help Robot!! Qualche anno fa nella classe è iniziata la sperimentazione della robotica, si sono montati e programmati due robot LEGO MINDSTORMS che con il software LEGO NTX hanno permesso di avvicinare i bambini all’affascinante mondo della programmazione. Lezioni di circo. Nell’anno scolastico 2010/11 la classe ha partecipato al progetto "CircolandO - formazione ludico-circense per ‘circolare’ fuori dal disagio e costruire uno stile di vita attivo” promosso dall’associazione TeatrAzione. My Digital Book. Durante le lezioni di Inglese si userà il CD-ROM My Digital Book sulla Lavagna Interattiva Multimediale.
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
1) Condizioni di partenza della classe La classe ha attivato un buon networking sul territorio, che le ha consentito di ottenere piccole sponsorizzazioni e di attuare già buona parte degli obiettivi che il progetto si era prefissato. Come momento di sintesi di questa prima fase, è stato organizzato a gennaio un evento pubblico cui ha partecipato anche il sindaco di Torino. La classe presenta una varietà di situazioni: si va da bambini che usano le tecnologie anche a casa (con la supervisione dei genitori), ad alunni con rilevanti problemi di apprendimento. Certamente, in questo contesto, gli insegnanti possono contare sul pieno appoggio e sulla fattiva collaborazione dei genitori, entusiasti del progetto e partecipi di molte delle sue fasi di realizzazione. 2) Modello di modifica dell’ambiente di apprendimento Le pareti della classe sono state decorate e personalizzate grazie alla collaborazione dei genitori, che hanno messo a disposizione creatività, competenza e tempo libero. Anche la porta della classe è stata personalizzata, in modo molto originale, con disegni e altri materiali. Dal punto di vista della dotazione tecnologica, sono stati acquistati pc portatili che vengono usati a scuola tre volte a settimana, mentre per il resto del tempo sono conservati e utilizzati a casa: in questo modo si crea una continuità tra il tempo della scuola e quello dello svago e si costruisce un filo rosso tra l’ambiente scolastico e quello domestico. È stato creato un blog di classe, organizzato in diverse sezioni. Ad es. ne “La stanza del the” vengono pubblicati i compiti da svolgere. Il blog è animato da personaggi “virtuali” che vengono utilizzati come espedienti per avvicinare i bambini allo studio delle discipline. Per esempio è stato creato il personaggio di Pitagora, che spiega i segreti della matematica, servendosi di espedienti ludici. Nel periodo di Natale i docenti hanno inventato il personaggio di Babbo Natale, che ha scritto sul blog a tutti i bambini, sollecitando la loro curiosità e il loro interesse. Tutti i bambini hanno un account Skype e una casella di posta elettronica. 3) Prime sperimentazioni didattiche Al momento le sperimentazioni didattiche hanno coinvolto soprattutto le discipline scientifiche, anche se le insegnanti delle materie letterarie fanno uso sistematico di video e di Youtube. Una delle prime sperimentazioni ha riguardato lo studio di un filmato sull’ecologia: a partire dal video già confezionato, i ragazzi hanno scaricato alcuni fotogrammi e li hanno rimontati con Moviemaker. Vengono inoltre realizzate attività di videoscrittura in classe: ad esempio è stato realizzato un elaborato sull’esperienza della cl@sse 2.0. I bambini usano il blog anche a casa, poiché è proprio sul blog che vengono segnalati agli assenti i compiti da svolgere. A questo proposito, i bambini vanno anche oltre i compiti assegnati, realizzando a casa lavori in più, non richiesti dagli insegnanti, per esempio cimentandosi nei montaggi audiovisivi. È stato recentemente realizzato, grazie alla collaborazione tra insegnanti e bambini, un video che illustra l’avventura della classe 2.0. Come in altri casi, anche in questa scuola la diversa organizzazione della didattica ha avuto un’influenza sui quaderni tradizionali. In questa classe si utilizzano faldoni in cui, mediante i fogli con i buchi, è possibile “montare” insieme materiali tradizionali, scritti a penna, e pagine digitali, stampate dal pc. Tra le altre attività, la classe fa anche lezioni di circo con un’esperta esterna. 4) Focus di approfondimento e suggerimenti Occorre identificare momenti più organizzati di programmazione, anche per incentivare la collaborazione tra le diverse discipline. È importante andare oltre le tecnologie e costruire momenti di riflessione critica sull’uso delle tecnologie stesse: per es. un lavoro sui diversi linguaggi utilizzati e sperimentati dai bambini.
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Tutte le componenti coinvolte nel progetto (un centinaio di soggetti): insegnanti, alunni, genitori, esperti, nucleo di supporto regionale sul blog della classe: http://www.ddmazzinitorino.it/blogclassi2/INIZIO.ASP (user e password VISITATORE), dall'anno scolastico 2012/13 si aprirà il blog al pubblico
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
From 10.001 to 30.000 Euro
Is your project economically self sufficient now?: 
No
Since when?: 
07/2012
When is it expected to become self-sufficient?: 
09/2013
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
Yes
Where? By whom?: 
Con modalità e obiettivi simili dalle altre 8 scuole primarie della regione Piemonte destinatarie del progetto cl@ssi 2.0
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
Come si integrano le tecnologie nella didattica delle discipline. Come si sviluppano progetti trasversali che coinvolgano più discipline. Come si sperimenta il costruttivismo con progetti specifici. L'uso attivo di un blog di classe per imparare, approfondire, ricercare. Come si trasforma l'ambiente d'apprendimento. Come l'insegnante diventa facilitatore. Come si apprende con il cooperative learning. Come si fa a far innamorare i bambini e gli insegnanti della scuola.
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
Occorre un team di docenti e di supporto scientifico che lavori ad una programmazione precisa e attenta definendo nei dettagli attività, tempi, gruppi, criteri di valutazione. Occorre affrontare con determinazione i primi ostacoli (gestione dell'infrastruttura tecnologica, difficoltà nell'usare determinati software e tecnologie) senza scoraggiarsi ma concedendo il tempo opportuno ad ogni fase che ha dimostrato risolversi positivamente e con grandi benefici per il futuro.
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
Il progetto é quello di rendere l'eccezione del progetto una pratica didattica consolidata che venga replicata per altre classi in toto oppure anche solo per alcuni aspetti. Non una classe innovativa ma una scuola innovativa dove gli insegnanti possano trovare elementi qualificanti di confronto per una crescita professionale e per un successo scolastico nelle fasi di insegnamento/apprendimento

Narrazioni multimediali a scuola: posso imparare anch'io

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Bussero, Lombardia
Organization
Organization Name: 
Istituto Comprensivo "Monte Grappa"
Organization Type: 
School
Specify: 
Scuola primaria
Website
www.policultura.it; www.policulturaportal.it
Project Type
Education up to 10 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Il progetto ha alla base l’uso del motore 1001storia, che supporta i processi di insegnamento e apprendimento, l’interazione, lo scambio e l’inclusione di tutti gli alunni di una classe, nonché la gestione delle conoscenze acquisite da parte di tutti i soggetti. E' uno strumento di Comunicazione Aumentativa Alternativa (CAA) per favorire la comunicazione spontanea in alunni con autismo.
Project Summary (max. 2000 characters): 
L’idea di utilizzare uno strumento tecnologico come il motore 100storia, per creare narrazioni multimediali, nasce da bisogni specifici della classe nella quale si è attuato il progetto per tre anni consecutivi. E' una classe molto eterogenea per stili d’apprendimento diversificati tra loro a tal punto da richiedere continui interventi innovativi, nonché per la presenza in classe di un’alunna con diagnosi di Autismo, alunni con DSA, ADHD e Bisogni Educativi Speciali. Si è reso necessario trovare un approccio che fosse adeguato ai bisogni di ogni singolo alunno e che fornisse a tutti la possibilità d’apprendere ed imparare in egual misura. I bambini hanno sempre mostrato notevole interesse verso le tecnologie che utilizzano costantemente anche in famiglia, ecco quindi la proposta da parte dell’insegnante di realizzare un prodotto multimediale per raccontare di loro stessi. Il primo anno di utilizzo del motore 1001storia, la classe (terza elementare) ha realizzato una narrazione dal titolo “ _L’autobiografia: per scoprire identità e diversità”(http://www.1001storia.polimi.it/meusGEN/meuslive.php?public=1&projectid=534), si tratta di una narrazione che propone un argomento di grande interesse sociale e culturale: la scoperta della diversità e l’inclusione dei compagni in difficoltà (in particolare, per l’autismo), attraverso il percorso autobiografico. L’anno seguente i bambini sono coinvolti nello stesso progetto che prevede la realizzazione di tre narrazioni aventi come tema il viaggio, inserito nel progetto di inclusione scolastica che prevede l’utilizzo della Media Education per l’inclusione scolastica di alunni con bisogni educativi speciali. Si è scelto l'utilizzo del motore 1001storia perché lo scorso anno si sono avuti ottimi risultati, poiché l'utilizzo di strumenti di Comunicazione Aumentativa Alternativa, migliora le competenze di comunicazione spontanea; infatti la registrazione e l’ascolto della propria voce attraverso uno strumento al di fuori di sé, rende più indipendenti gli alunni, così come l’utilizzo di un motore per costruire narrazioni, offre loro la possibilità di scoprire nuovi campi d'azione, sia programmati che indipendenti. Tale progetto permette di rendere “visibile” il bambino o il ragazzo, nella sua totalità e come persona, senza incorrere nel rischio di puntare l’attenzione solo sulla disabilità, senza riuscire quindi, a scorgere ciò che oltre le disabilità vi è: una persona ricca di risorse e di potenzialità, di modi di arricchimento per le persone che la vogliono conoscere ed incontrare. La narrazione che racconta di Bussero è legata al progetto "Ascoltami: ti racconterò del viaggio(http://www.1001storia.polimi.it/meusGEN/meuslive.php?public=1&projectid=740) La terza è di carattere storico e i contenuti possono essere utilizzati da tutti per approfondire gli argomenti di studio. Durante i due anni di utilizzo del motore 1001storia, la classe impara a lavorare per gruppi di apprendimento cooperativo dove tutti hanno funzioni di tutor in base alle proprie capacità, si assiste ad un incremento delle abilità sociali e di interazione nella bambina autistica nonché uno sviluppo della comunicazione verbale, grazie a software di registrazione vocale il linguaggio diventa più complesso, articolato e funzionale . Anche gli alunni con DSA e disturbi dell’attenzione partecipano alle narrazioni con interesse e le loro capacità d’apprendimento migliorano sempre più, l’interesse aumenta e la partecipazione è ottimale e tutti gli alunni dislessici utilizzano i software di registrazione per leggere i testi da inserire nelle narrazioni. In quinta la classe decide di realizzare altre due narrazioni, la prima legata a temi scientifici del progetto “Le ruote quadrate” attuato nell’ istituto, dal titolo Mago Merluzzo, strega Friggerella e l’energia pulita (vincitrice del premio Ingegneria dell’informazione in Policultura 2012); la seconda è legata alla realizzazione del calendario interculturale L’orologiaio matto.
How long has your project been running?
12/2009
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
OBIETTIVI 1. Saper lavorare in gruppi cooperativi per affrontare i vari compiti assegnati ad ogni gruppo. 2. Comprendere e rispettare, valorizzandole, le diversità di ogni componente il gruppo classe ed il piccolo gruppo. 3. Predisporre compiti chiari, in maniera efficace, per organizzare il lavoro di gruppo. 4. Rispettare il ruolo assegnato all’interno del gruppo. 5. Utilizzare il software audio per creare format radiofonici. 6. Registrare, modificare, montare, mixare tracce audio, con un programma specifico. 7. Creare narrazioni multimediali con l’utilizzo di programmi grafici e di videoscrittura. 8. Creare video podcast con l’utilizzo di video camere digitali e macchine fotografiche. 9. Registrare, modificare, montare, tracce video con un programma specifico 10. Essere in grado di editare un format completo di ipertesto e foto o filmati, utilizzando il motore 1001Storia. 11. Creare narrazioni con l’utilizzo di immagini e di rappresentazioni pittoriche. 12. Raccontare del viaggio con testi poetici, descrittivi e narrativi. 13. Strutturare racconti autobiografici per farsi conoscere dai nuovi compagni e dai nuovi docenti. 14. Utilizzare lo strumento 1001storia come modalità di Comunicazione Aumentativa Alternativa per gli alunni con autismo o problemi di comunicazione. ATTIVITÀ 1. Lavori in gruppi cooperativi, gruppi di peer learning, utilizzando metodi quali il Jjgsaw ecc. 2. Creazione di uno studio radiofonico all’interno della scuola. 3. Produzione di format radiofonici e di videopodcast con l’utilizzo di programmi quali Audacity, Movie Maker , Gimp e altri software. 4. Attività di registrazione, montaggio, missaggio, editing. 5. Attività di narrazione tramite l’utilizzo del motore 1001Storia messo a disposizione del Politecnico di Milano. 6. Attività di narrazione con l’utilizzo della macchina fotografica digitale e della videocamera. 7. Narrazione attraverso testi poetici, descrittivi, epistolari, autobiografici 8. Editing dei lavori sui siti: www.radio-attiva.eu; www.policultura.it; www.policulturaportal.it
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
Durante i tre anni nei quali si è utilizzato un metodo di lavoro per “isole” d’apprendimento e dove vi era sempre la figura del tutor nei vari gruppi di lavoro, i bambini hanno raggiunto un notevole grado di abilità sociali, di capacità di lavoro indipendente sempre con un fine comune da raggiungere, vi è stato un forte incremento all’attenzione sui testi argomentativi da produrre nelle narrazioni, nonché forti motivazioni all’attività di ricerca e approfondimento di argomenti poco comuni alle normali attività didattiche. Il lavoro sull’inclusione scolastica ha avuto pieno successo, poiché gli alunni più in difficoltà hanno avuto la possibilità di cimentarsi in attività totalmente adatte al loro stile d’apprendimento grazie anche all’utilizzo di strumenti tecnologici che hanno permesso loro di sfruttare tutte le potenzialità e mettere in luce le molteplici attitudini, anche al di fuori delle attività didattiche. La classe ha realizzato format radiofonici presenti sul sito www.radioattiva.eu, in collaborazione con altre classi della scuola, gli alunni hanno avuto funzione di tutor per far realizzare prodotti radiofonici e narrazioni multimediali ad una classe della scuola secondaria del nostro Istituto. la valutazione dei risultati raggiunti consiste nel far realizzare agli alunni, senza la supervisione dell'insegnante, una narrazione multimediale. Una narrazione finale dal titolo "Croeso y Cymru, welcome to Wales" (http://www.1001storia.polimi.it/demo//meusGEN/meuslive.php?projectid=606) è stata realizzata interamente dagli alunni della classe quinta A, senza la supervisione dell'insegnante, mentre la narrazione "Andrò alla scuola media: ti racconto di me" (http://www.1001storia.polimi.it/demo//meusGEN/meuslive.php?projectid=608), è stata interamente realizzata dall'alunna con autismo.
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Gli utenti che interagiscono nel progetto sono variata da un numero di 24 alunni alunni ad un numero di 48 alunni, attraverso l'uso dell'organizzazione per classi aperte. Si pensa di ampliare il numero degli utenti per il prossimo anno, facendo interagire gli alunni delle classi della scuola primaria di Bussero, con gli alunni di una scuola primaria in Australia (Canberra), attraverso l'uso di Internet, e-mail e video-chat.
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
From 3 to 6 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
Less than 10.000 Euro
Specify: 
Il motore 1001storia è messo a disposizione gratuitamente dal Politecnico di Milano, previa iscrizione e richiesta d'utilizzo.
Is your project economically self sufficient now?: 
Yes
Since when?: 
12/2009
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
No
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
Il lavoro per gruppi cooperativi e per "isole" d'apprendimento nei quali la figura dell'insegnante funge da tutor e da supervisore dei progetti pensati interamente dagli alunni, l'utilizzo delle narrazioni multimediali come strumento di Comunicazione Aumentativa Alternativa per alunni con Disturbi dello Spettro Autistico nonché come strumento valido per il passaggio da un ordine scolastico all'altro.
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
Il maggior ostacolo è stato quello di far comprendere che la realizzazione di narrazioni multimediali non comporta del lavoro in "più" per un insegnante ma si tratta di un lavoro complementare e di approfondimento delle attività didattiche, inoltre lavorare per gruppi cooperativi e per isole d'apprendimento è ritenuto da molti, insegnanti e genitori, molto creativo e poco inerente alla programmazione didattica. Solo alla fine dei lavori, durati tre anni, a conclusione del ciclo scolastico, tutti i soggetti coinvolti, principalmente i genitori, hanno compreso come questo tipo di approccio abbia migliorato le conoscenze e le abilità dei bambini.
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
Vorremmo far utilizzare il motore 1001storia come strumento per migliorare le abilità di comunicazione e di apprendimento per gli alunni con Disturbi dello Spettro Autistico, con ADHD e DSA, anche attraverso corsi di autoaggiornamento tra docenti.

ERMES

Project Location
Country: 
Italy
City: 
FROSINONE
Organization
Organization Name: 
Istituto di istruzione superiore Anton Giulio Bragaglia
Organization Type: 
School
Specify: 
LICEO ARTISTICO
Website
www.isbragaglia.it
Project Type
Education from 16 to 18 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Il Progetto Ermes, il dio greco della comunicazione, ha favorito l'integrazione degli studenti di origine non italiana ma residenti a Frosinone. Attraverso la mediazione culturale e il sistema comunicativo ha voluto favorire la costruzione di una società, in cui i principi di solidarietà e sussidiarietà sono fondativi di rapporti di cittadinanza attiva, di inclusione e benessere.Il riconoscimento delle diversità culturali non impedisce il benessere e la democrazia partecipata.
Project Summary (max. 2000 characters): 
Il Progetto, richiamandosi ad Ermes, il dio greco della parola, del linguaggio e della comunicazione ha voluto favorire l'integrazione degli studenti di origine non italiana ma residenti nel territorio di Frosinone. Attraverso la mediazione culturale e il sistema comunicativo (linguaggio verbale e non verbale) ha voluto favorire la costruzione di una società studentesca armonica, in cui i principi di solidarietà e sussidiarietà sono ritenuti fondatvi di rapporti di cittadinanza attiva e di inclusione, in cui il riconoscimento reciproco delle diversità culturali non impedisca la costruzione del benessere e della democrazia partecipata. Il Progetto attraverso azioni concrete di compartecipazione alla costruzione della società interculturale ha voluto favorire il rispetto reciproco e la valorizzazione dello specifico culturale e sociale di ciascuno anche se di etnie diverse. La "diversità" è stata riconosciuta come valore aggiunto, perché in ciascuno è stata rilevata la presenza, pur nelle diversificate origini e storie, di valori universali e comuni. Sono stati svolti lavori di approfondimento sui diversi sistemi comunicativi, sulle diverse storie, sulle diverse modalità di rappresentare i sentimenti del bello, del vero, del giusto e del bene. Attraverso il linguaggio universale dell'Arte i partecipanti al Progetto hanno riconosciuto una naturale comunanza e identità tra tutti i popoli della Terra.
How long has your project been running?
07/2012
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
OBIETTIVI SPECIFICI: favorire la comunicazione linguistica e culturale; favorire l'inclusione attraverso strumenti comunicativi; favorire la conoscenza reciproca attraverso strumenti culturali; favorire il raggiungimento di valori etici condivisi attraverso esperienze di vita fondate sui principi della democrazia, della solidarietà e della sussidiarietà. STRUMENTI: conoscenza del patrimonio artistico di ciascun Paese di provenienza; sturio della letteratura; teantro; produzione letteraria e artistica; cineforum; incontri con pedagogisti e mediatori culturali.
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
I giovani che hanno partecipato allo sviluppo del Progetto, hanno migliorato le loro capacità relazionali; hanno imparato a vivere applicando le virtù della pazienza, della collaborazione, del confronto, dell'ascolto; hanno capito che le regole del viver civile scaturiscono dalla paziente e reciproca accettazione dell'altro e dalla necessaria autolimitazione dei propri interessi di nicchia. Si è creata una comunità armoniosa, amichevole e solidale.
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Tutte le classi del biennio del liceo artistico, coinvolgendo circa 150 studenti. Sono state coinvolte anche le rispettive famiglie. Gli Studenti sviluppano il progetto svolgendo anche curricolarmente le attività scolastiche, perché in ogni disciplina di studio sono insiti i principi informatori del progetto medesimo. Nella fase extracurricolare, dove si è dato maggiore spazio all'attività ludica, di produzione artistica e ricreativa, le conoscenze scolastiche divengono competenze per la vita.
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
From 10.001 to 30.000 Euro
Is your project economically self sufficient now?: 
No
Since when?: 
07/2012
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
No
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
La cultura, veicolata dalla scuola, è un potentissimo cemento sociale. Nella scuola si affinano non solo gli strumenti comunicativi e culturali, ma si impara la reciprocità e la valorizzazione delle persone.
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
Qualche volta i Docenti hanno temuto che le attività; del Progetto Ermes, svolte durante l'orario curricolare potessero sottrarre tempo alla scuola e alle sue attività; ordinamenteli. Alla fine dell'anno scolastico, quando i Docenti e i Genitori degli allievi hanno assistito allo spettacolo messo in scena dagli stessi studenti, allora hanno capito che il lavoro svolto era integrativo delle attività; scolastiche. La frequenza alle attività; del progetto e il suo sviluppo non potevano prescindere dalla crescita culturale, scolastica e sociale dei giovani.
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
Poter continuare anche nei prossimi anni il Progetto Ermes; ampliare e potenziare le sue attività di teatro, cinema, arte e cultura.

Es-co: Esprimersi - Costruire

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Figline Valdarno, Firenze / Toscana
Organization
Organization Name: 
Scuola secondaria di primo grado "L. Da Vinci"
Organization Type: 
School
Website
http://classeduepuntozero.it
Project Type
Education from 11 to 15 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Il senso della comunicazione
Project Summary (max. 2000 characters): 
L'idea è nata all'interno del progetto Classi 2.0 nel 2009 e si è sviluppata negli anni successivi. Ad oggi il progetto è realizzato dai docenti, dal consiglio di classe e sostenuto dalla dirigenza e dalle famiglie. Ha affrontato, attraverso l'utilizzo delle tecnologie temi importanti riguardanti la cittadinanza attiva coinvolgendo tutte le discipline scolastiche e incamerando ulteriori attività progettuali quali e-twinning, iso-digiti ecc...Tutto ciò è stato realizzato cercando di far leva sui nuovi linguaggi degli allievi e sulla possibilità data dalle tecnologie di ampliare lo spazio e il tempo di apprendimento.
How long has your project been running?
09/2009
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
-Acquisizione di conoscenze, abilità e competenze curricolari -Inclusione di tutti gli allievi Per raggiungere questi obiettivi si sono utilizzate strategie didattiche differenti dalla lezione frontale privilegiando il cooperative-learning, il lavoro a coppie d'aiuto, l'imparare facendo.
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
Risultano essere stati raggiunti gli obiettivi relativi all'inclusione degli allievi che vengono valutati in senso qualitativo in relazione al clima e alla partecipazione attiva alla vita della classe. Gli obiettivi curricolari vengono valutati periodicamente con prove oggettive più o meno strutturate in base al livello disciplinare e interdisciplinare.
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Intervengono gli 11 docenti della class, i 28 allievi e i loro genitori, il D.S., il personale ATA per ciò che riguarda la parte amministrativa. L'Assessorato del comune di Figline Valdarno per l'organizzazione e il supporto tecnico.
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
From 10.001 to 30.000 Euro
Specify: 
Finanziamento Ministeriale
Is your project economically self sufficient now?: 
No
Since when?: 
07/2012
When is it expected to become self-sufficient?: 
01/2013
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
Yes
Where? By whom?: 
Nella scuola con le prossime prima con modalità simili
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
La capacità dei docenti di lavorare in modo sinergico verso l'obiettivo della crescita global degli allievi.
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
Gli ostacoli sono stati in principio di ordine burocratico per l'acquisto dei materiali.
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
Vorremmo che il nostro progetto si "naturalizzasse" come pratica didattica efficace e efficiente e innovativa per stimolare l'interesse e la motivazione degli allievi per un più proficuo e significativo apprendimento continuo.

Studiare con la LIM … in ogni classe.

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Eboli/Campania
Organization
Organization Name: 
DIREZIONE DIDATTICA 2° CIRCOLO – EBOLI
Organization Type: 
School
Project Type
Education up to 10 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
La LIM sussidio didattico che promuove innovazione metodologica con lo scopo di promuovere motivazione e apprendimento in tutti i bambini.
Project Summary (max. 2000 characters): 
Il progetto è nato in seguito all’assegnazione alla Scuola del progetto “Innovascuola Primaria” voluto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero dell’Innovazione che ha selezionato 200 progetti fra quelli presentati in tutta l’Italia che si impegnavano a utilizzare una metodologia innovativa, basata anche sull’utilizzo della LIM, per gli alunni della scuola Primaria. Ottenuta l’approvazione del progetto, anche grazie alla collaborazione dell’Università di Salerno, dott.ssa Filomena Faiella, Ricercatore di Pedagogia sperimentale e Responsabile scientifico del laboratorio didattico eLearning, si è dato avvio ad un breve ma indispensabile momento formativo per le docenti della Scuola. La maggiornaza dei docenti del Circolo ha partecipato alle attività con notevole interesse e voglia di adeguarsi alle novità. Lo stimolo principale è venuto proprio dalle LIM che rappresentavano un grosso passo verso l’innovazione. La fornitura di 3 LIM da parte della Presidenza del Consiglio è stata accolta con grande entusiasmo dai docenti e, soprattutto dai bambini. A queste LIM se ne sono aggiunte altre fino al raggiungimento di un notevole traguardo: la dotazione di una LIM ad ogni classe della scuola primaria. Oggi quasi tutti i docenti utilizzano con una certa frequenza questo sussidio per diverse attività e, stimolati dagli alunni, che spesso sono parte attiva e risolutiva nella soluzione di qualche inconveniente tecnico, operano sia con prodotti didattici in commercio (CD o DVD delle varie discipline editi da importanti Case editrici) o con software interattivo che stimola la creatività degli alunni.
How long has your project been running?
09/2009
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
Obiettivi del progetto: -Suscitare/rafforzare motivazione in ciascun alunno; -Promuovere l’apprendimento in ciascun alunno; -Accettare ed utilizzare le innovazioni tecnologiche onde evitare che gli alunni percepiscano e vivano la scuola come un luogo chiuso, obsoleto, lontano dalla vita reale, con conseguente calo della motivazione e dell’apprendimento; -Promuovere l’apprendimento, il rafforzamento dell’autostima, lo sviluppo delle diverse intelligenze in particolare negli alunni diversamente abili che, a volte, incontrano difficoltà nel lavoro svolto con il solito quaderno e la solita penna o matita. Il progetto avviato grazie all’iniziativa Innovascuola primaria, prosegue con buoni risultati per gli alunni. In primo momento sono state coinvolte solo 4 classi, in seguito quasi tutti i docenti hanno posto impegno e passione nell’acquisizione delle competenze necessarie per l’utilizzo proficuo di tale sussidio didattico. Le problematiche che si incontrano sono di ordine didattico e strutturale. Qualora la LIM non venisse utilizzata in maniera consapevole e programmata, si potrebbe correre il rischio di una certa spettacolarizzazione dell’insegnamento con insufficienti risultati per l’apprendimento. Altro problema è rappresentato dalla presenza in classe di una strumentazione tecnologica particolare che non sempre risponde alle “richieste” dei docenti e degli alunni.
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
Il progetto ha suscitato notevole interesse ed apprezzamento da parte di alunni, che hanno potuto operare con strumenti all’avanguardia. Anche le famiglie e la comunità hanno ritenuto interessante e stimolante il nuovo sussidio. Tutti gli alunni sono stati coinvolti e sono state valorizzate le abilità e le competenze di ciascuno in quanto ognuno ha avuto la possibilità di operare su uno spazio particpare, utilizzando i canali di produzione e di fruizione più consoni alle proprie “intelligenze” preminenti”. Non sono stati trascurati i bambini in difficoltà di apprendimento o i disabili che hanno potuto lavorare allo stesso modo dei compagni risultando, a volte, più attenti, pronti e motivati rispetto ai compagni ottenendo buoni risultati in termini di apprendimento. Tutti gli alunni hanno conseguito miglioramento dell’apprendimento nonché della motivazione allo studio. In particolare sono migliorati: - motivazione ed entusiasmo negli alunni per il lavoro da fare in quanto possono “toccare” e manipolare le nozioni o i dati da trattare; - creatività e capacità di riflessione; hanno dovuto coniugare contemporaneamente gli aspetti disciplinari ed aspetti tecnologici di uno strumento nuovo; - capacità di lavorare in gruppo: per portare a termine un lavoro hanno dovuto collaborare apportando il proprio personale contributo; - capacità di impegnarsi e portare a termine una consegna ricevuta; - “crescita” professionale nei docenti che hanno creduto nel progetto ed hanno posto impegno nella formazione personale e nella preparazione degli alunni; - interesse della cittadinanza per una Scuola che utilizza strumenti innovativi per un progetto così impegnativo ed attuale che promuove negli alunni lo sviluppo di “competenze trasversali” e motivazione allo studio
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Impegnati nella realizzazione delle attività: alunni scuola primaria: circa 400; docenti scuola primaria: 35. Docenti ed alunni utilizzano quasi quotidianamente le LIM per tutte le attività didattiche disciplinari utilizzando software prodotto da Case editrici o fornito a corredo dei libri di testo. Favorita la collaborazione tra docenti i quali, anche mediante lo scambio di materiali, realizzano l’unitarietà didattica programmata per le classi parallele
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
From 3 to 6 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
Less than 10.000 Euro
Is your project economically self sufficient now?: 
Yes
Since when?: 
09/2011
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
No
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
• agli alunni: miglioramento dell’apprendimento, sviluppo di competenze “trasversali”, della motivazione, dell’amore per lo studio e per la scuola; • ai docenti: stimolo alla formazione, al confronto con se stessi e con gli altri che portano a valida crescita professionale; • alla Scuola: svolgimento completo ed esaustivo del proprio compito di promozione dello sviluppo cognitivo emotivo e sociale degli alunni che le vengono affidati nonché visibilità positiva da parte della società in cui opera.
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
I maggiori ostacoli che si sono presentati sono stati di ordine economico, tecnico e psicologico. I sussidi sono costosi e si è dovuto ricorrere a finanziamenti nazionali ed europei per l’acquisto. I sussidi sono complessi da usare e a volte, per vari motivi, non si riesce a farli funzionare. Per questo si tenta di effettuare formazione continua. L’approccio a questi strumento ha generato perplessità e preoccupazione nei docenti che non hanno competenze tecnologiche o informatiche. Non si sono riscontrate difficoltà da parte degli alunni nell’accettare questi strumenti: I docenti si sono convinti in seguito alla formazione ed all’esempio dei più “temerari”.
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
Per la prosecuzione del progetto, le cui attività si sono trasformate in normali attività quotidiane, si pensa di migliorare la qualità dell’insegnamento mediante l’utilizzo didattico approfondito in ogni disciplina. Per realizzare ciò occorre ancora formazione per i docenti e l’acquisto di software la cui produzione si amplia quotidianamente.