creativity

I like go to school but I’m bored

Project Location
Country: 
Romania
City: 
Petrila
Organization
Organization Name: 
“YOUTH FOR FUTURE 2006 “ ORGANIZATION
Organization Type: 
Association
Website
http://www.fondromania.org
Project Type
Education from 11 to 15 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
I like go to school but I’m bored
Project Summary (max. 2000 characters): 
It is heard increasingly more often among students Students are attracted to the mirage of money without effort preferring not to complete studies, to become labour slaves of the jobs that are much lower for their intellectual capacity. And so they wake up surrounded by technique, but they must find solutions to tackle breakdowns without studying the hard mathematics and physics formulas only using the practice. These observations helped me to understand that I have to do something to help them to love physics. the way I approach teaching and education, and also the experience achieved in more than twenty years of teaching are perfectly in accordance to the idea that. Education comes first and every day learning continues. I do encourage pupils’ efforts to strengthen their skills. Working hours are not enough. The social environment linked to the political turmoil does not create proper tools for Educational system. the communication between teacher and pupils seems to be hardly achieved. It is, therefore, mandatory to find new ways to solve such a delicate problem. “Why study?” is the question that has to have a clear answer. What should the proper answer be in a transition phase that our country has been crossing for more than 20 years. So, I consider the non formal education a step forward in order to create a friendly atmosphere and good interpersonal communication.Children are the most precious value everywhere, all over the world. They need to have equal opportunities, but they do not. So what could I do to for them to benefit of new information? The solution came after I participated in a few international non-formal education exchanges and I found that what seemed a child play was actually a huge effort on the part of trainers and as well as of ours, taking shape with development of creativity and self-esteem. So I start a revolution at my school and I began to apply these methods in physics and I admit that surprises were not lacking. theme proposed, organized in the form of court sessions where I formed a jury which surpass the affirmations made and how it was normal there existing a person who contradicted all these things. Now I ask them to prepare the new lesson at home starting from the daily life work and to explain it with the help of Physics: such as explanation of music through the determination of the sound wave as mechanical layout of notes to Bach by using mathematics. 2. Logic As we learn more, we know more. As we know more, we forget more. As we forget more, the more we know the less. The less we know, the less we forget. As we forget less, we know more. Then why should we learn? How can we unlock this mathematical rebuses? Conclusion: we need school though unfortunately in reality, following a school makes its students indoctrinate with information that aren't required later in the job they find. Thus it is known that whenever Einstein held a Conference he was accompanied by his driver. once, he would have said: see the attachment
How long has your project been running?
09/2004
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
To development the skills of creativity of my students
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
The students are happy to discover how easy is to learning the science if somebody help you to understand the phenomena around you
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Because I’m teacher of physics and voluntary president I can apply the non formal education which I gain in different international project in the formal education system , so daily I’m involved around of 100 students
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
Less than 10.000 Euro
Specify: 
I using the brain of my students and they work at home at their PC and using the tools from the school
Is your project economically self sufficient now?: 
Yes
Since when?: 
09/2004
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
Yes
Where? By whom?: 
<p>By my colleagues and my friends from different educational forum from the world were I present my method (like Prague , Singapore , Istanbul</p>
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
Using the power from inside of the kids
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
<p>It happen like the kids to don&rsquo;t know to using IT (but they learning ) to don&rsquo;t know English (but with this occasion they learning ) and they discover other opportunities of internet</p>
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
<p>To make like my students became the best and can take part at different engineer competition from the world .</p>

“Checlasse”: il cortile virtuale degli alunni di classe IV scuola primaria Collina Castello- Bisignano

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Bisignano – Cosenza - Calabria
Organization
Organization Name: 
Circolo Didattico S. Umile Bisignano
Organization Type: 
School
Website
http:// www.checlasse.jimdo.com
Project Type
Education from 11 to 15 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Laboratorio blog - “Il blog va a scuola”- quale veloce luogo di scambio di esperienze e di possibili sviluppi, luogo di incontro virtuale, che facilita l'apprendimento collaborativo tra gli utenti e la creazione di comunità virtuali basate sulla condivisione di un interesse comune.
Project Summary (max. 2000 characters): 
Non avrei mai pensato di aprire un blog didattico per la mia classe ed ora non saprei come farne senza, per il supporto, l’aiuto, il valore aggiunto che fornisce quotidianamente al mio lavoro suggerendomi nuovi percorsi didattici e facendomi intraprendere nuove strade che tendono a colmare quello scollamento che spesso si avverte tra scuola e mondo esterno. Desidero condividere questa esperienza perché anche altri possano trovare, nell’uso del blog nella didattica, nuove motivazioni e prospettive per la propria professione docente, intraprendendo nuovi percorsi personali e sviluppando nuove idee. Cercherò di esporre le motivazioni che mi hanno spinto a costruire un blog didattico per la mia classe e di come questa esperienza possa essere replicabile da chiunque, senza la necessità di costose tecnologie o particolari competenze di tipo informatico. Descriverò la mia esperienza, cercando di trasmettere le sensazioni, le emozioni che ho provato nel veder crescere il blog che, giorno dopo giorno, prendendo forma è diventato punto di riferimento e compagno in un cammino di crescita comune anche per i genitori e gli alunni della mia classe. Un e portfolio delle competenze e delle esperienze, un diario di bordo, un valido aiuto per gli alunni assenti, un contenitore di risorse didattiche, multiformi aspetti che hanno consentito di creare un ponte tra la scuola e le famiglie. Il blog è uno strumento per aumentare l’ascolto delle voci dei propri alunni, dare un pubblico per chi scrive, che significa motivare a scrivere ed inoltre, come afferma lo stesso Ford : “ Impegnarsi in un weblog aiuta gli studenti a rendersi conto che stanno dando un contributo al corpus di conoscenza che costituisce Internet”. L’idea di aprire un blog, anche se inizialmente non lo sapevo ancora, è scaturita da una serie di esigenze; la necessità era quella di trovare uno strumento che permettesse: 1. ai genitori di essere più informati sull’attività didattica dei propri figli, in modo da poterli maggiormente supportare nei compiti assegnati per casa; 2. evitare da parte degli alunni dimenticanze nel portare a termine i lavori assegnati a cadenza settimanale. Da parecchi anni mi interesso e sono promotore dell’introduzione delle nuove tecnologie nella scuola e nell’attività didattica ed è quindi in questo ambito che ho ricercato una soluzione al problema. Da una breve indagine, sono venuto a conoscenza che 23 famiglie su 25 hanno accesso, a casa o al posto di lavoro, ad un computer con connessione ad internet e quindi ho pensato che “la Rete” fosse la modalità per rimanere in contatto e dato che c’era bisogno di uno strumento semplice ed immediato, alla portata di tutti, versatile e di facile gestione, ho deciso di aprire un blog per la mia classe. Il blog si configura come un nuovo media che permette a chiunque di pubblicare qualsiasi contenuto in una pagina web. Il tipo di comunicazione che adotta è orizzontale e non mediata tra singoli che hanno la possibilità di confrontarsi e discutere di qualsiasi argomento. È una modalità di comunicazione democratica e pluralista che consente la formazione di abilità quali l’espressione, la comunicazione, la condivisione, la rappresentazione delle conoscenze in relazione alle diverse aree del sapere, favorendo un atteggiamento costruttivo e positivo nei confronti delle esperienze scolastiche con l’assunzione di responsabilità individuali. Tali caratteristiche, fanno del blog e del suo utilizzo in chiave didattica, un valido strumento per promuovere un processo di apprendimento attivo che si integra totalmente con le modalità di applicazione di una didattica costruttivista. Attualmente il blog viene gestito da me e dagli alunni, attraverso l’utilizzo di una postazione multimediale in classe fornita di LIM.
How long has your project been running?
12/2009
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
Il blog risulta essere strumento privilegiato per una didattica costruttivista proprio per le caratteristiche che lo contraddistinguono e le modalità di lavoro che richiede. A. Calvani evidenzia i punti forti di una didattica costruttivista: “ I concetti principali che caratterizzano l’attuale costruttivismo possono essere ricondotti a tre; la conoscenza è prodotto di una costruzione attiva del soggetto, ha carattere “ situato” , ancorato nel contesto concerto, si svolge attraverso particolari forme di collaborazione e negoziazione sociale”. Il blog consente la crescita conoscitiva e cognitiva comune, il potenziamento delle capacità linguistiche, l’apprendimento cooperativo, la collaborazione tra pari e quindi la conseguente possibilità di innalzare la qualità del prodotto, l’aumento dell’autostima e del senso di responsabilità attraverso la collaborazione on line, l’incremento della motivazione. L’alunno acquisisce competenze nell’uso degli strumenti di comunicazione on line, competenze di tecniche comunicative (necessarie per l’efficacia e la comprensione di un messaggio), capacità di relazionarsi (accettazione e rispetto dei pari), percezione del gruppo, senso di responsabilità, spirito collaborativo. Attraverso il blog l’alunno diventa esperto nell’analisi di informazioni rilevanti, nel raccogliere e vagliare con senso critico materiali e siti, confrontare ipotesi, sviluppare pensiero critico e argomentativo. Essendo il blog uno strumento affermatosi da poco – soprattutto nell'ambiente scolastico – molte delle sue potenzialità sono ancora da scoprire, ma sono già chiari molti dei suoi utilizzi: -stimolare a scrivere in modo creativo e collaborativo; -gestire il portfolio degli allievi; -comunicare i compiti, distribuire dispense; -moltiplicare le possibilità di accesso a materiali di particolare importanza, attraverso appositi link; -mantenere i contatti con gli studenti assenti (per malattia, ad esempio); -attivare nuovi canali di comunicazione fra studenti e insegnanti anche oltre il normale orario di lezione; -potenziare l’interazione della classe anche attraverso commenti on line; -costruire comunità d'apprendimento e ricerca; -coinvolgere i genitori nelle attività dei figli.
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
Gli effetti prodotti e documentati dall’uso del blog in classe sono molteplici. In particolare è stato favorito l’uso non passivo di internet, la possibilità di cogliere le profonde interconnessioni delle informazioni, la ricerca e la selezione di materiali, l’analisi critica delle informazioni, la condivisione di progetti con altre scuole o altre comunità educative, lo scambio di informazioni, una diversa interazione con il docente, l’autovalutazione dell’apprendimento. E’ aumentata la visibilità dei lavori svolti all’interno del gruppo classe. Se opportunamente seguito può diventare un ottimo strumento per il feedback. Leggere regolarmente il blog della classe diventa un modo immediato per valutare il livello di apprendimento e il progresso degli studenti: una sorta di “storico” del processo cognitivo, in cui cogliere eventuali difficoltà incontrate. Attraverso il blog ci si avvicina maggiormente alla personalità dei singoli studenti, si è in grado di conoscere i loro interessi e le loro esigenze formative. In tal modo il docente può strutturare l’attività in modo “dinamico”, apportando ritocchi, se necessario per andare incontro alle reali esigenze della classe. Altro vantaggio non trascurabile, grazie alla sua estrema facilità in quanto non richiede specifiche competenze tecnico-informatiche, il blog favorisce la comunicazione digitale e diventa una buona occasione per acquisire competenze in ambito informatico. Per identificare e comprendere l’impatto della sperimentazione si può partire da un diagramma di flusso che rappresenta la relazione logica e la concatenazione operativa tra gli elementi della ricerca che possono essere osservati e analizzati. Il punto di partenza della ricerca è una rilevazione preliminare sulla percezione fenomenologica. Consiste nel cercare di capire in che modo le tecnologie oggetto dell’indagine e inizialmente oggetto di “scoperta” ed “esplorazione” sono percepite e vissute dai soggetti coinvolti (studenti, docenti/formatori) e se e in che misura la percezione riscontrata inizialmente si modifica nel tempo. Man mano che la ricerca procede si potrà poi cercare di rilevare due implicazioni essenziali: l’impatto epistemologico e l’impatto metodologico-didattico che le tecnologie hanno eventualmente prodotto nel contesto e in particolare sugli studenti e sui docenti/formatori. Per valutare l’impatto epistemologico dei dispositivi oggetto di indagine si dovrà cercare di capire se e in che misura l’utilizzo di questa tipologia di tecnologie educative modifica la relazione tra persona e conoscenza, ovvero cambia il modo in cui ciascuno definisce e organizza i saperi e la configurazione semantica del campo del sapere. Questo implica anche la possibilità di esplorare eventuali nuove configurazioni nella definizione delle discipline tradizionali e del rapporto tra le discipline, fino a immaginare un ipotetico nuovo assetto curricolare nei processi di apprendimento più formali o l’identificazione di dinamiche più aperte e di nuove “mappe” di riferimento nei percorsi più informali o orientati alla formazione professionale e continua. Per valutare l’impatto metodologico-organizzativo dei dispositivi oggetto di indagine si dovrà cercare di capire se e in che misura – adottando sistematicamente i PMLKE nei diversi contesti educativi - cambia il modo di insegnare da parte dei docenti/formatori e se e in che misura si modifica il metodo di studio e la strategia di apprendimento degli studenti. Questo implica un ulteriore ambito di approfondimento sulle ricadute organizzative legate all’uso abituale delle tecnologie oggetto di indagine e l’eventuale definizione di criteri e modalità per l’integrazione tra queste e le altre tecnologie educative (sia nuove che tradizionali) in uso nei contesti di riferimento considerati. Continua nell'allegato...
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Attori di questo processo innovativo sono, prima di tutto gli alunni, che si occupano dell’aggiornamento di alcune rubriche presenti nel blog. Saranno suddivisi in macro e micro gruppo, cercando di favorire la partecipazione di tutti e di ciascuno. Regista dell’intero percorso è l’insegnante Ornella Gallo, ideatrice e webmaster del blog. Mensilmente si può contare sull'interazione, in media, di circa 200 utenti, tra genitori, colleghi, visitatori occasionali.
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
Less than 10.000 Euro
Is your project economically self sufficient now?: 
Yes
Since when?: 
12/2009
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
No
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
Ci sono vari motivi che possono spingere un docente ad aprire un blog. Il docente può essere interessato a condividere con i colleghi le proprie esperienze di insegnamento o può essere spinto al confronto dalla necessità di capire come affrontare una serie di problemi pratici. In altri casi il docente usa il blog come un mezzo per comunicare con gli studenti ed "estendere" l'attività didattica fornendo esercizi, materiali e così via. Dall'altro lato anche lo studente può ottenere dei vantaggi dall'uso del blog. Può utilizzarlo come ambiente per sperimentare e per confrontarsi con sé stesso e con gli altri. Attraverso la scrittura, infatti, può migliorare le sue capacità di comunicazione e di critica. Il blog inoltre può essere usato come una sorta di "vetrina", in cui lo studente raccoglie ed espone le sue esercitazioni e i suoi lavori. Ecco, pensiamo di poter offrire ad altri soggetti tutto questo!
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
La prospettiva che il blog in un futuro potesse essere usato anche dagli alunni per l’inserimento di testi, notizie ed immagini, con un’interfaccia semplice e accompagnata da istruzioni in italiano, ha fatto sì che la mia scelta ricadesse su un servizio free e di facile utilizzo; ecco perché ho deciso di utilizzare il dominio jimdo. Affinché l’uso del blog non fosse occasionale, si rendeva opportuno che facesse parte della classe e quindi bisognava provvedere ad allestire l’aula con l’attrezzatura necessaria: computer con connessione ad Internet, scanner e stampante. Le attrezzature sono ben presto arrivate grazie al progetto Innovascuola e con essa anche una LIM con sistema Interwrite. Per la connessione ad internet si è reso necessario un collegamento WiFi. È stata così allestita una postazione accessibile agli alunni all’interno della classe, una presenza costante ed un ausilio per le attività didattiche. continua nell'allegato...
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
Come già detto in precedenza, una delle caratteristiche del blog è la possibilità di essere usato a vari livelli di competenza e coinvolgere una o più classi, un intero plesso scolastico o una comunità. La sua duttilità permette di essere gestito anche da chi ha poche conoscenze informatiche, implementabile in successivi gradi di complessità e di coinvolgimento. Per il futuro, già a partire dal prossimo anno scolastico, intendo sviluppare il progetto verso nuove direzioni. I blog didattici faranno crescere il blog da una dimensione locale ad una globale: • Agli utenti registrati verrà data la possibilità di inserire dei commenti ai post pubblicati, per passare da una comunicazione unidirezionale ad una bidirezionale delle informazioni, e diventare ancor più una comunità di apprendimento. • Verrà creato per tutti gli alunni un account con il servizio Google per poter essere abilitati all’inserimento di contenuti all’interno del blog (pubblicazione di post) sia da casa, sia prevedendo ed organizzando dei momenti istituzionalizzati ad hoc a scuola. • Si cercherà di coinvolgere altri docenti del Plesso e dell’Istituto nella creazione di altri blog di classe allo scopo di formare una comunità più ampia sia per la pubblicazione che per la condivisione di contenuti, ed iniziare a creare degli oggetti didattici fruibili ed interscambiabili. Implementando l’uso della LIM, si potrebbero creare dei learning object costruiti sia per la propria classe ma anche distribuiti in Internet e resi fruibili a tutta la comunità di apprendimento, questi potranno consistere in lezioni della LIM registrate e creazione di unità didattiche multimediali con l’uso di specifici software . • Creare gemellaggi online con altre classi prevedendo la condivisione della LIM in rete, andando a formare delle classi virtuali nelle quali gli insegnanti possano svolgere attività didattiche anche con alunni geograficamente distanti; mantenendo e costruendo relazioni con l’uso di un apposito blog.

King of my castle

Project Location
Country: 
Romania
City: 
Caracal
Organization
Organization Name: 
Gh. Magheru Caracal
Organization Type: 
0
Website
http://king-of-my-castle.blogspot.com/
Project Type
Education from 11 to 15 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Based on Gardner's Multiple Intelligences Theory, our eTwinning project tried to tackle each one of them, using the real castles and trying to "strengthen" the castles of our children's minds
Project Summary (max. 2000 characters): 
The project idea came at the end of an eTwinning learning event based on Howard Gardner's theory of multiple intelligences. We decided to apply the theory and see how our students will react. The theme was very generous and very well chosen. The students accepted the project with great enthusiasm, which they kept until the end. The work process was planned on 6 topics: - real castles in each country presentations, along with their natural surroundings(natural smart) - stories about castles, jumbled ones, unfinished or even fictional( language smart) - mathematical problems related to castles ( dimensions, age, number of rooms...) (maths and logical smart) exchanged and solved by partner students. - best draw or icon of a castle( kinesthetic and spatial smart), contest where children will comment and vote their partners' works of art( social smart). -songs related to castles, recorded by our children or searched by them on youtube( musical smart) -games, quizzes, puzzles(self smart). The initial time-schedule of 6 months was compressed because children were so enthusiastic they solved more than one task a month, so the most of active partners completed them in advance, working in ICT, History, Geography, Language, Maths, Art and Music classes. 6 of the partner schools were awarded with the European Quality Label in eTwinning. They are: Adriana Maris-Colegiul National "Coriolan Brediceanu", Lugoj, Romania; Beata Janus-Lewczyńska-Szkoła Podstawowa nr 24 im. Jana Marcina Szancera, Częstochowa, Poland; Cristina Nicolaita (FOUNDER), Scoala cu clasele I-VIII Gheorghe Magheru, Caracal, Romania; Cristina Ongaro, Istituto Comprensivo B. Barbarani, Minerbe, Italy; Florin Mariş, Scoala cu clasele I-VIII Nr. 2, Lugoj, Romania; KSENIJA VIDMAR-NINCEVIC (FOUNDER), Osnovna škola Bartula Kašića Zadar, ZADAR, Croatia.
How long has your project been running?
10/2010
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
Our main interests in developing this project were Multiple Intelligences and 21st Century Skills. Creativity and innovation; Critical thinking and problem solving; Communication; Collaboration. Following Bloom's taxonomy, the Project aims are divided into: *Cognitive Students will (Students learn important issues of famous castles, *Develop their awareness of geographical & historical features of other partner countries, *Improve their ICT & EL skills, *Affective Students will, *Develop and widen up their interpersonal skills via communication with their partners, *Show the positive disposition towards the introduction of the European dimension within the school setting,*Psychomotor Students will,*Develop their artistic skills and multiple talents.
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
The pedagogical innovative result achieved by our project consisted in treating a theme (Castles) by different approaches, using the theory of Multiple Intelligences. In this manner, all the students involved were able to find their place in the project, according to their best intelligence and, working together as a team, they developed their 21st Century Skills. The students used their creativity in every project activity or aspect, because they chose the way to express themselves (through art, science, collaboration, use of ICT, etc)
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
We used teachers room, but also twinspace ( http://new-twinspace.etwinning.net/web/p37934/welcome), project diary ( http://twinblog.etwinning.net/27550/), messenger and e-mail to discuss issues, to exchange opinions, to offer and ask for help. We also collaborated through tools like google.docs, wallwisher, voicethread, easypool to organize our work and solve the tasks together. Our blog received about 200 visits a month.
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
Less than 1 year
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
Less than 10.000 Euro
Specify: 
We didn't need funding.
Is your project economically self sufficient now?: 
R. Calomferescu Street, No 7, Cod 235200, Caracal, Romania
Since when?: 
10/2010
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
No
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
Students were free to upload additional material.Pupils take account of the needs of partner schools regarding the use of ICT, too.That is the best part of the project as they suggested the contest for the best icon (they voted for the best one), created their fictional stories, even shape poems, new Romeo and Juliet version....We were peers and that was great! The same happened with our partners. That's the integration of the highest possible creative collaborative work of our students and ourselves, as teachers, and other partnering schools which we've never experienced before!
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
Our several-month experience while working on this Project tells us that the idea could be easily adaptable to any age of a child. Moreover, we could continue the Project this year with the same/different students, engage the same/add new partners and, of course, we'd update new ICT tools to demonstrate the Project aims.

BIANCO ROSSO E VERDE - people making a nation

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Casole d'Elsa (SI) - Toscana
Organization
Organization Name: 
Scuola Sec. di 1° grado "Arnolfo di Cambio"
Organization Type: 
School
Specify: 
Scuola secondaria di primo grado
Website
http://new-twinspace.etwinning.net/web/p44039
Project Type
Education from 11 to 15 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Studenti di Italia, Turchia e Ungheria si confrontano sulle origini della propria identità  nazionale, dai "padri della patria" ai giorni del Web 2.0
Project Summary (max. 2000 characters): 
BIANCO ROSSO E VERDE è un progetto eTwinning nato dalla collaborazione tra Italia, Turchia e Ungheria. L'idea del percorso è nata dal confronto e dalla collaborazione tra le docenti Laura Maffei, Nimet Kucuk e Monika Kiss, che avevano già  partecipato insieme alle rispettive classi ad iniziative per le celebrazioni dei 150 anni dell'Unità  d'Italia. A seguito di queste esperienze, è nata l'idea di mettere a confronto le origini dell'identità  nazionale nei tre Paesi, apparentemente così diversi per lingua, cultura e tradizioni (la Turchia appare agli studenti europei davvero "un altro mondo", l'Ungheria è in Europa ma parla una lingua non indoeuropea, la storia dell'unità  nazionale nei tre Paesi ha tempi e modi molto diversi...). Sono stati scelti tre piccoli gruppi di ragazzi, organizzati in team nazionali: bianco (l'Italia) rosso (la Turchia) e verde (l'Ungheria). Il titolo fa naturalmente riferimento ai colori delle bandiere, uguali per Italia e Ungheria, rosso per la Turchia. Ma al di là  dei colori, abbiamo qualcosa che ci unisce? Scoprirlo è stata la missione dei tre team, che hanno imparato a raccontarsi e interrogarsi on line, attraverso l'uso delle nuove tecnologie (ma anche le vecchie... qualcosa è passato per posta e per fax!). I gruppi sono poco numerosi perché questo progetto è sperimentale: si tratta infatti di alunni che devono sostenere un esame di Stato e che hanno scelto di impostarlo in dimensione internazionale attraverso le ICT. Il progetto costituisce dunque una diversa prospettiva nella lettura del curricolo (di storia in particolare, ma anche di Lingue e tecnologie), successivamente implementabile sulle intere classi.
How long has your project been running?
11/2010
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
Il progetto si rivolge alla sfera dell'Educazione alla Convivenza Civile, naturalmente legata alla Storia. Affronta i problemi della conoscenza di sé, come individuo e come cittadino, e degli altri, superando i pregiudizi. Il partenariato Italia-Turchia-Ungheria è stato pensato proprio per riconoscere e cancellare i pregiudizi etnici e i rigurgiti di razzismo, purtroppo ancora presenti in tutti e tre i Paesi. Per comprendere il presente, siamo partiti dal recupero del passato: il passato nazionale è necessario, ma non basta, bisogna leggere la storia in maniera pi๠ampia, rimettendo in discussione la propria identità  attraverso il confronto. E per confrontarsi, è necessario esprimersi correttamente in una "lingua franca" (per noi l'Inglese) ed utilizzare in modo appropriato le tecnologie. L'obiettivo educativo generale è far capire ai ragazzi che l'identità , personale e nazionale, non si costruisce sull'esclusione (dell'altro, del nemico) ma sull'inclusione. Non sul non-essere, ma sull'essere. Non sulla divisione, ma sull'unione (e spesso il processo d'indipendenza è anche un processo di unificazione). Gli obiettivi disciplinari legati alla Storia, le Lingue e la Tecnologia sono i seguenti: saper cogliere le caratteristiche significative di un'epoca; saper confrontare epoche diverse; saper stabilire confronti tra eventi lontani nel tempo e nello spazio; saper stabilire rapporti di causa-effetto; saper cogliere il valore della collaborazione tra i popoli; conoscere le istituzioni nazionali e internazionali e la loro funzione; saper leggere un documento storico; utilizzare in modo corretto la Lingua Inglese come lingua di comunicazione; utilizzare in maniera autonoma, personale e cooperativa alcuni semplici strumenti informatici. In ultima analisi, l'opportunità  che abbiamo colto è stata quella di rilanciare l'idea di appartenenza e di vicinanza culturale, in un momento di crisi per l'Europa (ed oltre).
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
Il progetto, semplice ed efficace anche a livello organizzativo, è stato avviato in via sperimentale per un semestre, ma i risultati sono così buoni che si prevede di metterlo a regime su tutte le classi terze della sede, naturalmente adeguando i contenuti disciplinari ai diversi bisogni e interessi dei discenti. In ambito disciplinare, i risultati principali sono stati negli alunni l'aumento dell'interesse e della partecipazione, il maggior coinvolgimento nelle attività  proposte, l'emersione di talenti (probabilmente per la possibilità , mai sperimentata in precedenza, di mettere alla prova abilità  diverse da quelle richieste per la classica "interrogazione"), un miglior uso del linguaggio specifico, un netto miglioramento delle competenze informatiche e di espressione orale (sia in Lingua Madre che in Lingua Straniera). Tra i risultati educativi c'è stato un miglioramento delle relazioni interpersonali, la costruzione di uno "stare a scuola" pi๠sereno e pi๠autentico, e una riduzione vistosa della timidezza e del disagio. In particolare ci hanno colpito questi ultimi risultati, relativi alla sfera della convivenza, in quanto si vedono in genere pi๠a lungo termine rispetto a quelli della sfera cognitiva. Ottimi sono stati anche i risultati tra i docenti, che hanno sperimentato percorsi CLIL (Content and Language Integrated Learning: attività  di discipline non linguistiche svolte in lingua straniera) e attività  di insegnamento cooperativo, con soddisfazione di tutti. E' aumentata la curiosità  in materia e diversi docenti si sono iscritti a corsi di formazione sul CLIL e sul team teaching. Il progetto ha vinto in Ungheria il secondo premio alla gara nazionale eTwinning (ottobre 2011) ed in Italia il primo premio alle eccellenze nazionali eTwinning nella categoria "Italia 150" (dicembre 2011).
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Sono coinvolti i docenti di Storia, Lingua Madre, Lingua Inglese e Tecnologia. I tre team del gruppo-pilota hanno coinvolto circa quindici alunni. A partire dal settembre 2011 sono inoltre coinvolte le ultime classi del ciclo nei tre Istituti (circa 60 alunni per Paese). La costante interazione online avviene sia su eTwinning che su altri social network (facebook, Twitter...). Il lavoro cooperativo si basa soprattutto su google docs.
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
Less than 10.000 Euro
Specify: 
non ha costi: il sito eTwinning è gratuito, i docenti lavorano nel proprio orario di lezione
Is your project economically self sufficient now?: 
Yes
Since when?: 
11/2010
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
Yes
Where? By whom?: 
Il sito eTwinning è il luogo per eccellenza di diffusione e rielaborazione dei percorsi. I risultati del progetto sono stati inoltre ampiamente divulgati perché le docenti italiana e ungherese sono ambasciatrici eTwinning. Perciò, il progetto è stato replicato con i necessari adattamenti (legati alla tematica e all'età degli studenti) in molte scuole d'Europa. Il percorso Storia + partenariato + ICT + prova strutturata (da noi esame di Stato) è semplice e si adatta a tutti i livelli d'istruzione. Alcune varianti molto suggestive hanno riguardato la Seconda Guerra Mondiale, anche attraverso le testimonianze dei reduci.
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
Possono imparare ad usare le ICT in un ambito - la Storia - che sembra a prima vista lontanissimo dalle nuove tecnologie. A spogliare la Storia dal "sacro" e rileggerla attraverso il confronto tra studenti di diverse parti d'Europa. A costruire percorsi interdisciplinari. A strutturare percorsi CLIL flessibili ed efficaci. E soprattutto a creare gruppi di lavoro tra docenti, dove ognuno dà il meglio di sé, impara dagli altri e riceve immediatamente un feedback professionale. Lavorare insieme fa crescere davvero (anche i docenti).
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
Trattandosi di un progetto pilota, con un numero limitato di studenti, il lavoro è stato agevole e senza grossi problemi. Quelli significativi, tuttavia, sono stati due: 1) mancanza di tempo: all'approssimarsi dell'esame è sempre più difficile trovare tempo per lavorare in team (sia alunni che docenti) perché ognuno ha i propri ritmi e scadenze. Inoltre subentra l'ossessione di alcuni docenti di "finire il libro", con ovvie ricadute di stress sugli alunni. Possibile soluzione: pianificare bene le tappe di lavoro fin dall'inizio, rallentando il ritmo a fine anno scolastico. 2) difficoltà  a lavorare in gruppo, sia per alunni che per docenti: team learning e team teaching non si improvvisano, vanno maturati nel tempo. Possibili soluzioni: creare gruppi elettivi; non forzare nessuno a lavorare in team (alcune persone lavorano bene da sole); valorizzare il contributo, grande o piccolo, di tutti. Per altri problemi, buon senso e flessibilità  sono di solito soluzioni sufficienti.
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
Ci piacerebbe mettere a regime questo tipo di percorsi su tutte le classi terze, naturalmente con la libertà delle classi e dei docenti di adattarlo alle proprie esigenze. Vorremmo strutturare nella scuola un percorso CLIL stabile, e ci sembra che eTwinning sia il veicolo ideale per realizzarlo, perché coniuga ICT e dimensione europea (quindi uso reale della lingua). Speriamo inoltre di creare dei team stabili di docenti, per massimizzare i risultati della loro esperienza. Infine, anche questo progetto risponde, come tutti gli altri progetti di partenariato online da noi realizzati, all'esigenza di familiarizzare i docenti con l'uso quotidiano delle tecnologie e delle lingue. Vorremmo diventare (e formare) insegnanti migliori, anche attraverso la cooperazione.

BE TWIN ! - twinning up the everyday lesson

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Casole d'Elsa (SI) - Toscana
Organization
Organization Name: 
Scuola Sec. di 1° grado "Arnolfo di Cambio"
Organization Type: 
School
Specify: 
Scuola Secondaria di primo grado
Website
http://new-twinspace.etwinning.net/web/p26459
Project Type
Education from 11 to 15 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Ragazzi e docenti di Paesi diversi imparano insieme: web tools e lavoro in gruppo sovranazionale, da singolo progetto a modalità  di lavoro quotidiana e condivisa.
Project Summary (max. 2000 characters): 
BE TWIN è stato ideato dalle docenti Laura Maffei e Monika Kiss. Dopo anni di collaborazione online con eTwinning e Comenius, si è voluto stavolta andare oltre il progetto: impostare una metodologia che sistematizzasse la collaborazione online, allargandola ai colleghi e alla comunità  (hanno partecipato i Comuni di Casole d'Elsa e Szeged) per massimizzare la ricaduta sui ragazzi. La struttura di BE TWIN è semplice: ogni alunno coinvolto è abbinato a un "twin" nell'istituto partner - un gemello con cui comunicare e collaborare durante le lezioni quotidiane. L'abbinamento serve a portare davvero "in classe" i partner, lavorando con loro attraverso le ICT in tutte le discipline e rendendone concreta la presenza. Il percorso non è monografico ma coinvolge il "fare scuola" quotidiano, articolandosi come un diario di bordo. Pertanto, tutti gli insegnanti si sono impegnati a svolgere nel corso dell'anno almeno un'attività  in modalità  twin: collaborazione con i partner + uso creativo delle ICT + lavoro in team sovranazionale. Tappe del lavoro: 1- indicazione del compito da parte del docente e proposta dello strumento/i da utilizzare (voki, bubbl.us, etc); 2- scelta ed esplorazione dello strumento da parte degli alunni (libera, in gruppi, con l'unico vincolo del tempo); 3- realizzazione del prodotto in gruppo (elettivo purché misto per competenze e nazionalità ); 4- condivisione dei prodotti, valutazione/autovalutazione; 5- feedback e documentazione di tutte le attività  su TwinSpace e blog. In BE TWIN, le ICT sono la voce dei ragazzi. Sono quindi utilizzate in chiave ludica e il più possibile autonoma, per sfruttarne il potenziale di apprendimento cooperativo (creare la comunità , sia tra alunni che tra docenti). Per garantire uniformità  di approccio si è stesa in CdC un'apposità  Unità  di Apprendimento trasversale. Il percorso con i partner diventa così davvero parte dell'esperienza scolastica degli alunni, non un episodio o una semplice parentesi.
How long has your project been running?
01/2010
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
Un problema da affrontare è che spesso i progetti europei di collaborazione online sono strutturati dai docenti (quindi vissuti dai ragazzi) come "altro" rispetto al normale fare scuola. Per di più, sono spesso extracurricolari. BE TWIN è basato invece sull'integrazione nel curricolo, perché vuole colmare il gap tra "progetto online" e "lezione quotidiana". BE TWIN si è rivolto inizialmente a una classe con problemi legati all'integrazione di alunni diversamente abili in un gruppo-classe già  fragile a livello di competenze-base. In un secondo momento, però, i risultati ottenuti sono stati così buoni da consentire di riformulare gli obiettivi, cercando l'eccellenza e non la sufficienza. Se all'inizio un progetto online era un modo per supplire alla mancanza di altre esperienze (viaggi virtuali invece che reali), ben presto gli alunni si sono appassionati all'uso creativo delle ICT, coinvolgendo famiglie, sempre più docenti, ed Enti Locali, e cercando essi stessi l'eccellenza. In coerenza con la struttura del progetto, gli obiettivi specifici restano quelli delle singole discipline (ogni docente ha cercato di raggiungere gli obiettivi disciplinari anche attraverso BE TWIN, con l'uso delle ICT e il lavoro in partnership). Gli obiettivi educativi trasversali si riferiscono alla sfera dell'educazione alla convivenza civile: accettazione dell'altro, scoperta dell'unicità  ed eccellenza di ognuno, capacità  di lavorare in gruppo oltre le barriere linguistiche, fisiche, culturali. Innovativa è l'idea fondamentale: ogni docente nel proprio ambito affronta alcune attività  curriculari proponendo agli alunni uno o più strumenti informatici da esplorare e quindi utilizzare in maniera personale per raccontare/raccontarsi ai partner. Innovativa è anche la modalità  di lavoro in gruppi transnazionali. Per finire, è innovativo il fatto che il percorso sia stato pensato come occasione di formazione per gli alunni e al contempo crescita professionale per i docenti coinvolti.
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
Gli obiettivi disciplinari sono stati raggiunti, a diverso livello, da tutti gli alunni. Sono emerse eccellenze in ambito linguistico (un'alunna ha ottenuto il KET with merit) e informatico. Particolarmente brillanti sono stati i risultati in ambito relazionale. I ragazzi hanno autonomia di comportamento, sanno muoversi in ogni ambito, familiare e formale, hanno maturato atteggiamenti solidali e cooperativi. Il progetto ha vinto il premio europeo eTwinning 2011 per la categoria 12-14 anni. Gli alunni e i docenti hanno partecipato all'eTwinning Conference & Camp a Budapest. L'agenzia EDUCATIO Kht ha selezionato BE-TWIN come approccio innovativo alla didattica, presentandolo nel campus di Tiszafùred ed Eger (HU) nel Luglio 2010. Dalla registrazione delle lezioni è tratto un dvd distribuito in ambiente educativo a livello europeo. Le docenti italiane sono state invitate a presentare BE-TWIN come esempio di "buona pratica" nella giornata a tema dedicata al CLIL, organizzata dall'USR Toscana il 20 Aprile 2010 a Firenze. Il progetto è stato presentato al Festival d'Europa a Firenze per il lancio di Youth on the Move (Maggio 2011) e nel seminario dell'Associazione Nazionale Insegnanti di Lingue Straniere "Scuola Primaria: Ambienti e Metodologie Per Insegnare le Lingue" (Firenze, Marzo 2011). Dopo la vittoria del premio europeo, il progetto è stato presentato in vari Istituti della Toscana interessati a replicarlo. La University ELTE, Department of Media and Educational Technology ha selezionato BE TWIN come "buona pratica" legata all'uso delle ICT nella didattica, per una pubblicazione nell'ambito di un progetto sostenuto dall'UNESCO. BE TWIN è stato presentato nella conferenza Sulinetwork organizzata da Educatio Kft (Szeged, febbraio 2012). In relazione a BE TWIN, l'istituto ungherese è stato recentemente selezionato per partecipare al progetto "Microsoft Partners in Learning for Schools" (PiL for Schools).
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Il gruppo dei twins conta circa 30 alunni; partecipano alle attività  le altre classi della sede, per implementarvi il percorso in futuro (120 alunni su Casole, quasi 400 per Szeged). Sono attivi sul progetto tutti i docenti dei gruppi-classe coinvolti (circa 30). Hanno accesso al blog e TwinSpace famiglie e Amm.ne Comunale. La frequenza di utilizzo è quotidiana. Comunicazione e lavoro avvengono per via informatica (scambio di email, chat, blog). E' stato creato dai ragazzi un gruppo facebook.
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
Less than 10.000 Euro
Specify: 
è a costo zero
Is your project economically self sufficient now?: 
Yes
Since when?: 
01/2010
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
Yes
Where? By whom?: 
Poiché la modalità  di lavoro è semplice (richiede solo l'accordo del Consiglio di Classe), percorsi simili, basati su ICT+partnership europea+dimensione curriculare sono stati implementati in altre classi dell'Istituto italiano e disseminate nelle scuole del Distretto. Il nostro Istituto ha appositamente organizzato un seminario di disseminazione "School Beyond Borders - dalla Valdelsa in Europa" il 3 Maggio 2011, per condividere con le scuole dell'area questo tipo di esperienze. In Ungheria, il progetto è stato replicato in diversi Istituti che si sono avvalsi della collaborazione e delle indicazioni fornite dalla fondatrice Monika Kiss.
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
Possono imparare che si può fare scuola in modo innovativo e stimolante per alunni di qualsiasi livello e per i loro docenti, senza spesa e basandosi solo sulla professionalità  del personale e sull'entusiasmo dei ragazzi. Non occorre né essere esperti informatici né pagare esperti, occorre solo imparare a condividere.
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
Non abbiamo incontrato grossi ostacoli, anche perché la scuola ha una tradizione in ambito di progetti europei per via informatica. Riteniamo comunque che l'unico ostacolo serio possa essere un disaccordo tra docenti, anche se non è un problema specifico di questo tipo di percorsi: senza accordo tra docenti, nessuna didattica può funzionare. Comunque, in progetti online, ci può essere una legittima paura da parte di docenti non esperti in lingue straniere o nell'uso delle ICT. In questi casi, un Consiglio di Classe affiatato può comunque mettere ciascuno in condizione di dare il proprio contributo senza stress, ricordando che quando si lavora in team ognuno impara dagli altri: perciò chi non è esperto nelle ICT ha tutto il tempo per familiarizzare. Non possono esserci problemi di tipo economico: naturalmente è più difficile lavorare se la dotazione informatica è scarsa, ma anche a questo si può ovviare, perché è uno dei pochi casi in cui i ragazzi sono felici di lavorare a casa!
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
La nostra ambizione è allargare a tutte le classi della scuola questa metodologia. Abbiamo buone speranze, perché è anche il desiderio espresso dalle famiglie. Vogliamo che l'utilizzo delle attrezzature informatiche non sia relegato all' "ora di computer" ma che le ICT diventino uno strumento quotidiano per esprimersi e per imparare, come la penna o il libro; che l'educazione alla convivenza civile non riguardi una singola disciplina, ma tutte (ogni insegnante è educatore); che attraverso questa strategia si valorizzino anche alunni diversamente abili o con DSA, creando una scuola davvero inclusiva. Per realizzare le nostre speranze non servono strumenti particolari: ci vogliono solo sempre più insegnanti motivati e aperti all'innovazione.