ambiente di apprendimento

Didattic@mente... Insegnare ed apprendere con le TIC

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Zelarino, Venezia-regione Veneto
Organization
Organization Name: 
I.C. “G.C.Parolari”
Organization Type: 
School
Website
http:// www.parolari.provincia.venezia.it
Project Type
Education up to 10 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Insegnare ed apprendere con le tecnologie nella didattica quotidiana favorendo l’unitarietà e la trasversalità delle conoscenze e lo sviluppo di competenze chiave.
Project Summary (max. 2000 characters): 
Quando nel mese di settembre 2010 è uscito il bando promosso dal MIUR rivolto alla scuola primaria per un’IDEA 2.0 da realizzare in una classe terza, viste le competenze informatiche e metodologiche richieste, abbiamo deciso di presentare la nostra idea: far entrare le tecnologie nella didattica quotidiana per favorire i processi di apprendimento nello sviluppo del curricolo e i traguardi di competenza attesi al termine della scuola primaria. Quando a gennaio abbiamo avuto la comunicazione ufficiale di essere una delle 10 scuole del Veneto selezionate per realizzare il progetto cl@sse 2.0, abbiamo iniziato a progettare con gli alunni e le famiglie la nostra aula 2.0: lim e netbook per ciascun alunno connessi in wi fi e in rete tra loro, postazione multimediale e postazione insegnante con programma sentinella per monitorare e condividere le singole postazioni. Il finanziamento ministeriale ha permesso di realizzare l’allestimento dell’aula con strumenti tecnologici, ma il terreno era già fertile: la didattica laboratoriale, l’uso del pc e della Lim in laboratorio, la metodologia della ricerca, il cooperative learning, l’attenzione ai processi erano già elementi fondanti del progetto formativo programmato per questo gruppo classe fin dalla classe prima, ora il laboratorio poteva entrare in classe , e non solo. A maggio 2011, fine classe terza, abbiamo iniziato ad assaggiare le potenzialità degli strumenti. L’entusiasmo ci ha sostenuto fin dall’inizio, noi insegnanti abbiamo condiviso le nostre conoscenze e competenze, dedicando alla classe momenti di approccio e sperimentazione per imparare ed acquisire piano piano autonomia nella gestione degli strumenti e nell’uso dei programmi. La classe si è organizzata con nuovi incarichi: apri e chiudi la lim e il pc maestre, distribuire i netbook e riporli nel LAPbus (risorsa utilissima per la ricarica e la collocazione in sicurezza). A settembre 2011, inizio classe quarta, siamo partiti, insegnanti, alunni e famiglie, espandendo le nostre piste d’azione didattica e di apprendimento nel web per costruire un ambiente di apprendimento: • APERTO alle risorse e alle opportunità “dentro e fuori della cl@sse” • INTERATTIVO poiché l’azione didattica non è solo dell’insegnante • COSTRUITO su fili conduttori e organizzatori concettuali trasversali, con le discipline ma anche oltre… Nella nostra programmazione annuale abbiamo ricercato e previsto un’espansione metodologica per ogni area disciplinare con l’utilizzo di software e risorse web, favorendo un approccio ipertestuale, multimediale, interdisciplinare: la ricerca è continua! Il team docente è composto da 4 docenti :ins Bertocco Roberta , ins Castro Chiara, ins Mauro Isabella, ins Zambianchi Alessandra contitolari e corresponsabili alla realizzazione del progetto 2.0 fino all’anno scolastico 2012-2013, termine della classe quinta.
How long has your project been running?
09/2011
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
• Cogliere l’opportunità di modificare l’ambiente aula con le TIC creando un ponte tra la scuola e il fuori scuola dove gli alunni vivono ambienti e modalità multi tasking, apprendono in modo non lineare ma reticolare, gestiscono la conoscenza con testo, immagini, audio e video. • Sperimentare nuovi modi di rappresentare la conoscenza e nuovi linguaggi, modi diversi di organizzare il tempo e lo spazio dell’apprendimento, favorendo un approccio ipertestuale, multimediale, interdisciplinare. • Elaborare testi per ricerche, costruire e rappresentare mappe concettuali, consultare prodotti multimediali, costruire fogli di calcolo, elaborare un giornalino scolastico, ricercare in rete, sintetizzare e rappresentare esperienze con storyboard, video e ipertesti; lavorare in gruppo: Cooperative learning e scrittura collaborativa. • Utilizzare strumenti di comunicazione del web 2.0, che consentono anche lo scambio di dati, e la condivisione di risorse nel nostro wiki. • Favorire lo sviluppo della creatività, della personalizzazione e della collaborazione nell’uso degli strumenti e nella costruzione delle conoscenze. • Rendere l’ambiente classe strutturato ma flessibile, aperto e condiviso costruendo una rete intra ed extrascuola; dall’esperienza diretta, vicina, “sensoriale” andare lontano, dove ci porta la costruzione delle conoscenze , la navigazione on-line e il virtuale. • Stimolare il piacere dell’imparare ad imparare, mappare le proprie storie di apprendimento • Superare il gap tra saperi tradizionali e quelli prodotti dall’apprendimento per comprensione e costruzione, costruendo ambienti di apprendimento laboratoriali nei quali si interagisce, si simula, si discute, si problematizza la realtà, favorendo quindi la partecipazione attiva dell’allievo. • Dare senso alla varietà delle esperienze degli alunni attraverso il confronto delle matrici cognitive e la riflessione sui percorsi e processi di apprendimento • Modificare l’azione didattica con l’utilizzo delle tecnologie come amplificatori: – amplificatore cognitivo per imparare in modo autonomo, motivante e meta cognitivo; – amplificatore informativo per affacciarsi sul mondo; – amplificatore espressivo e comunicativo in un contesto interattivo di gruppo e a distanza, in modalità sincrona e a-sincrona.
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
• la conquista dell’autonomia Le tecnologie sono state utilizzate quotidianamente e, se pensiamo ai diversi livelli di maturazione degli alunni, all’approccio e alle capacità di utilizzo, ciascuno ha acquisito gradualmente dimestichezza, comunque in modo più rapido di quanto teoricamente si potesse pensare. All’inizio, qualsiasi inconveniente tecnico allarmava e richiedeva l’intervento dell’insegnante; piano piano le difficoltà sono state affrontate insieme, utilizzando le strategie trovate da chi aveva avuto lo stesso problema o aveva capito come fare e poteva offrire soluzioni. Si sono via via create delle abilità specifiche che sono state messe a disposizione della comunità: chi usa lo scanner, chi è esperto di LIM, di connessione, di tempo di ricarica, di … • La personalizzazione degli strumenti e la gestione dei materiali Inizialmente i bambini sono stati indirizzati ad ordinare i file secondo un criterio comune a tutti: “ apri cartella con nome e salva file in cartella nome” ; successivamente, durante il percorso, ciascun alunno ha gestito i propri file in un albero di archiviazione personalizzato. L’osservazione delle modalità di archiviazione ha evidenziato come queste rispecchino molto le modalità di gestione di tutti i materiali scolastici e non del bambino. • Le responsabilità condivise I genitori, al momento della consegna del pc ai bambini, hanno sottoscritto un patto nel quale si impegnavano a vigilare sull’uso del pc nei momenti in cui veniva consegnato a casa, durante i fine settimana e i periodi di vacanza; la vigilanza si intendeva sullo strumento (pulirlo, caricarlo, trattarlo bene, custodirlo) e sul corretto utilizzo (uso di funzioni e programmi in base ai compiti assegnati). Ciò ha consentito di investire famiglie e alunni nella condivisione di regole e comportamenti per l’uso a casa e scuola. • Ruolo dell’ insegnante: guida-regista- modello esemplificativo- tutor- punto di riferimento e raccolta delle istanze e dei bisogni-esperto –promotore attraverso anche la semplice pubblicazione sul desktop maestra di post-it informativi (programma della giornata, scadenze, impegni, consigli) abbiamo cercato di rendere la classe partecipe e responsabile della vita scolastica. • La progettazione e l’azione In sede di programmazione annuale, per ogni disciplina è stata prevista un’espansione 2.0 con uso di software e programmi; passare dall’idea alla progettazione non è stato facile perché non avevamo la possibilità di attingere da esperienze precedenti; abbiamo quindi dovuto entrare nell’ottica della ricerca, calibrare le proposte, i percorsi, i tempi rivedendo in itinere la programmazione. Durante le attività, infatti, sono emerse tutte le opportunità che la rete offre per espandere e approfondire i percorsi. L’integrazione di più codici linguistici, la multimedialità, il web hanno permesso di percorrere strade di conoscenza inaspettate, con il rischio, a volte, anche di perdersi; è stato quindi fondamentale trovare tempi e modalità per fermarsi, riflettere, rivedere i punti di partenza, ripensare ai punti di arrivo ed, eventualmente, ri-orientarsi. L’archiviazione alla LIM ha consentito di ripercorrere i percorsi di approfondimento, individuare e scoprire legami e connessioni, integrare e rinforzare i concetti appresi . Il percorso avviato ed attuato in quest’anno scolastico è stato documentato nel wiki di classe, nella costruzione di libri digitali, mappe interattive, presentazioni multimediali. La progettazione è stata monitorata da docenti dell’Università di Padova attraverso la microprogettazione di 3 percorsi interdisciplinari: Movimenti nello spazio, Avventure a Venezia, Esplorare luoghi della terra.
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Il progetto riguarda la classe 4b (futura 5b) composta da 25 alunni e relative famiglie, condotta da 4 docenti ma ha ricaduta educativa, didattica e formativa anche nel plesso scolastico e nell’Istituto.
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
Less than 10.000 Euro
Is your project economically self sufficient now?: 
No
Since when?: 
07/2012
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
No
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
Innovazione didattica, utilizzo tecnologie , progettare verso lo sviluppo delle competenze nella scuola primaria
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
PUNTI DI FORZA Finanziamento per poter allestire la classe Atteggiamento di ricerca tra i docenti Collaborazione e cooperazione nel team Entusiasmo e disponibilità delle famiglie e dei bambini Connessione wifi Esperienza già in atto della biblioteca alternativa Cooperazione tra i bambini PUNTI DI DEBOLEZZA Considerato il numero degli alunni, il finanziamento è finito subito Investimento di tempi aggiuntivi per allestimento e mantenimento del setting d’aula Mancanza di confronto e supporto con le istituzioni che avrebbero dovuto seguire il progetto in itinere Mancanza di tutoraggio da parte dei formatori Poco tempo istituzionale per il coordinamento e la progettazione
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
Per il prossimo anno : • creare una Documentazione più precisa fin dall’inizio realizzando e pubblicando libri digitali, curando il nostro sito e il wiki di classe; • utilizzo di programmi di progettazione come SCRATCH in italiano ed in inglese; attivare un percorso “I bambini insegnano ai bambini ma anche ai nonni e ai genitori”, • partecipare a http://www.ilmioprimoquotidiano.it/, • comunicare via mail e con skipe, proseguire il gemellaggio con Boston • promuovere incontri informativi e formativi con la presenza di esperti per disseminare l’esperienza tra i docenti dell’istituto ma anche delle scuole del territorio e incontri per le famiglie . A conclusione del progetto, non solo per la nostra cl@sse , ma anche per tutte le altre presenti nel territorio regionale e nazionale sarebbe interessante un momento di incontro, scambio, riflessione sulle esperienze per valorizzare la ricerca e l’innovazione e , perché no, valutare e auto-valutarsi!

Cl@ssi 2.0 “Oltre tutti i LIM.ITi”

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Piove di Sacco - Padova - Veneto
Organization
Organization Name: 
Direzione Didattica di Piove di Sacco (PD)
Organization Type: 
School
Website
http://umbertopiove.jimdo.com/
Project Type
Education up to 10 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Introdurre nella didattica quotidiana le TIC per favorire l’apprendimento, la cooperazione e l’inclusione.
Project Summary (max. 2000 characters): 
Il progetto è stato finanziato dal Ministero dell’Istruzione in quanto vincitore del concorso “Classi 2.0” per il triennio 2010/2013. Con l’intento di modificare l’ambiente di apprendimento sono stati introdotti innovativi percorsi didattici facendo uso di hardware e software. Metodologie di apprendimento cooperativo e metacognitivo, hanno interessato la didattica quotidiana favorendo l’acquisizione delle competenze informatiche, instaurando un clima di interesse e di collaborazione, riservando una particolare attenzione al potenziamento degli apprendimenti degli alunni con BES (bisogni educativi speciali). La classe è stata dotata di una L.I.M. ed è stato affidato, in comodato d’uso, un netbook per ciascun alunno. I genitori sono stati coinvolti e informati realizzando incontri e riunioni, i netbook sono stati usati anche a casa sia offline sia per la comunicazione con il blog il sito, con videoconferenze in Skype e l’invio di e-mail. Questionari iniziali, intermedi e finali hanno registrato l’andamento del progetto. I documenti, le attività, i percorsi, i risultati sino ad ora realizzati e validati sono stati inseriti nel Sito http://umbertopiove.jimdo.com/ e nel Blog http://umbertopiove.blogspot.it/. Classe interessata quarta A - plesso Umberto Primo di Piove di Sacco - referente del progetto: Monica Sambin - docente di lingua italiana che ha partecipato al progetto: Franca Talamanca.
How long has your project been running?
09/2011
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
Obiettivi trasversali a tutte le discipline Educativi • Incoraggiare l’apprendimento collaborativo. • Favorire gli alunni con difficoltà a esprimere le proprie potenzialità, in un contesto di crescita comune del gruppo classe. • Migliorare l’autonomia operativa. • Divenire consapevoli e partecipi del proprio percorso di apprendimento. Specifici: • Avviare gradualmente gli alunni all’acquisizione delle competenze informatiche, partendo dal gioco (scoperta, espressione) fino ad arrivare all’uso delle TIC per supportare il proprio lavoro. • Attraverso le TIC ricercare, sviluppare le proprie idee e condividerle con gli altri. • Acquisire specifiche abilità disciplinari come strumenti per affrontare esperienze di vita quotidiana.
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
Risultati raggiunti al termine dell’anno scolastico 2011/12: 1. Aumento dell’interesse e della partecipazione alla vita di classe. 2. Miglioramento nell’autonomia operativa. 3. Innalzamento dell’autostima. In particolar modo, negli alunni con maggior difficoltà, si rileva più consapevolezza e fiducia nelle proprie potenzialità. 4. Accelerazione nei tempi di esecuzione dei compiti. 5. Miglioramento del livello di apprendimento di un gruppo di alunni in difficoltà. 6. Sviluppo di processi metacognitivi di approccio e valutazione del compito. 7. Valorizzazione dei diversi stili di apprendimento. Inoltre, la metodologia cooperativa ha favorito il conseguimento di un clima di classe positivo. Gli strumenti tecnologici usati, i collegamenti di rete ed i software didattici adeguati hanno stimolato gli alunni nell’assunzione di ruoli attivi nell’apprendimento e nell’autovalutazione del lavoro svolto. Gli strumenti utilizzati per la verifica dei risultati raggiunti sono relativi alle osservazioni sistematiche degli apprendimenti, all’interpretazione dei questionari somministrati agli alunni a ottobre e a febbraio, ai colloqui con i genitori degli alunni, alle attività di circle time.
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
TTutti gli alunni e gli insegnanti della classe IV A per le attività didattiche programmate, i genitori come sostenitori del progetto accanto agli alunni, la Cover Up per la risoluzione di problemi tecnici, l’ANSAS e l’Università di Padova per la formazione.
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
From 10.001 to 30.000 Euro
Is your project economically self sufficient now?: 
No
Since when?: 
07/2012
When is it expected to become self-sufficient?: 
09/2012
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
Yes
Where? By whom?: 
Alcune pratiche verranno proposte e riadattate già dal prossimo a.s. nel progetto ministeriale: “Patto per la Scuol@ 2.0”. Saranno introdotte le tecnologie di riferimento (LIM e notebook) nelle classi e affidate ai moduli che ne faranno richiesta, saranno realizzati corsi di formazione per i docenti sul cooperative learning e sull’uso del web 2.0, con particolare riferimento agli applicativi di condivisione.
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
Il nostro progetto può aiutare a prendere consapevolezza che solo provando a modificare gli ambienti di apprendimento riusciremo a realizzare didattiche cooperative-innovative capaci di interessare e motivare i nostri alunni ad apprendere in maniera efficace e significativa. E’ interessante notare il circolo virtuoso che si attiva. Il valore aggiunto che ne deriva stimola e motiva gli insegnanti ad approfondire, attraverso percorsi di ricercazione, metodi e strumenti personalizzati. Gli alunni vengono diretttamente invitati ad affrontare con maggior autoconsapevolezza la loro riflessione sul compito, l’approccio che ne consegue si realizza con spontanea e graduale progressione. Una didattica strutturata sull’uso del problem solving assegna un ruolo attivo e creativo allo studente, spingendolo a trasferire i prodotti del proprio sapere oltre il contesto scolastico. I tempi e gli spazi degli studenti definiti propriamente liberi vengono pervasi dall’interesse a continuare la comunicazione, la relazione, la ricerca e il compito proposto a scuola.
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
La difficoltà da parte dei docenti nel provare a mettersi in gioco e nell’investire il proprio tempo per: ricercare materiali on line, realizzare lezioni interattive, seguire corsi formazione fuori dal proprio circolo. In merito a ciò si è potuto rilevare che non è sbagliato lasciare ai docenti la scelta del proprio ruolo nel progetto, senza operare vane pressioni. I ruoli vanno chiariti e comunicati formalmente da subito e con essi la richiesta di assunzione di responsabilità. Durante gli incontri collegiali, è risultato utile mostrare i pensieri degli alunni, esporre le attività realizzate, visualizzare i risultati ottenuti. Molto efficace anche il feedback dei genitori e degli alunni che spontaneamente hanno dimostrato le competenze acquisite, manifestando nel contempo entusiasmo e apprezzamento per il progetto e le materie coinvolte, così da suscitare interesse e motivazione anche tra i più scettici.
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
Per il futuro le aspettative riguardano la possibilità di introdurre in tutte le classi o almeno in quelle terminali, le nuove tecnologie per modificare ed adeguare gli stili di insegnamento e di apprendimento alla nuova era del digitale. Per realizzare tale progetto è indispensabile che tutti i soggeti coinvolti, Ministero dell’Istruzione, Uffici Scolastici regionali e provinciali, Scuole, Comuni, Docenti e Genitori si attivino ognuno per la parte che li riguarda, finanziando l’acquisto e la manutenzione delle TIC, promuovendo iniziative di formazione, contribuendo agli acquisti del materiale indispensabile. E’ necessario disporre di fondi per prevedere, sostenere e promuovere una formazione permanente che dia agli insegnanti la possibilità di confrontarsi e di condividere percorsi e materiali, per questo si dovrebbero realizzare incontri in presenza e piattaforme on line dove attività, forum di approfondimento e di ricerca possano garantire il monitoraggio costante e continuo dell’esperienza.

Tecadidattica

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Lazio
Organization
Organization Name: 
I.C. Via di Bocceo 590
Organization Type: 
School
Specify: 
istituto comprensivo
Website
http://www.boccea590.altervista.org/tecadidattica/index.html
Project Type
Education up to 10 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Abbiamo creato un ambiente online disponibilie sul sito della scuola dove sia le maestre che i genitori, ma anche gli studenti stessi possano trovare dei percorsi didattici da ripercorrere per consolidare le proprie abilità e competenze.
Project Summary (max. 2000 characters): 
L'idea di creare una teca didattica sul sito della scuola è nata dalla voglia di fare rete tra noi docenti e dalla necessità di confrontare il lavoro di ognuna di noi e soprattutto dal non disperdere il tempo prezioso per creare i percorsi didattici per gli alunni ma per avere tempo sufficiente da investire di volta in volta per creare altri materiali che sempre più si avvicinino ai bisogni dei nostri alunni, specie di quelli con bisogni speciali. Così le più esperte tra noi con le nuove tecnologie si sono cimentate nel fare da raccordo con tutte le altre maestre, abbiamo creato dei percorsi comuni che potessero essere utilizzati da tutti e 4 i nostri plessi. Per altro avere questo ambiente comune ci fa sentire anche più vicine tra tutte noi che siamo dislocate territorialmente così distanti. Invece questo ambiente è una seconda casa dove ognuno di noi ha voglia di depositare ordinatamente i propri materiali migliori in modo che possano essere fruiti anche dalle altre. Mensilmente ci incontriamo anche per verificare il reale impatto di questi materiali sui nostri alunni e apportiamo le modifiche necessarie. Aver scelto di lavorare in maniera così trasparente dal punto di vista della didattica è stato anche apprezzato dalle famiglie che possono seguire da casa i percorsi didattici che vengono fatti in classe ed inviare a noi maestre dei commenti o delle proposte. Intendiamo proseguire sempre più su questa strada anche per avere sempre più prodotti da usare con le LIM.
How long has your project been running?
09/2009
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
Creare rete. Creare comunità. Proporre una scuola aperta. Proporre una scuola al passo con i tempi. Proporre una scuola che sappia scambiare sin dal suo interno. Per raggingere tutti questi obiettivi siamo partiti dal creare un ambiente online, ospitato sul sito. La redazione del materiale da caricare è tutta opera di una attenta revisione da parte di un ristretto gruppo di docenti, le persone più esperte nel settore nuove tecnologie, in modo da permettere a tutte le altre docenti anche meno esperte di esprimersi e partecipare a questa comunità.
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
Siamo in grado di lavorare con tutte le classi dello stesso livello in maniera parallela, sfruttanto appunto i materiali caricati sulla teca. Siamo in grado di caricare sulla teca anche i compiti in occasioni delle vacanze e eliminare i libri di testo dunque di lavorare verso...il concetto di Tablet. Abbiamo iniziato con tutte le classi prime a usare questo modello e la percentuale di alunni che hanno imparato a leggere prima di natale è aumentata del 20 per cento. Oggi le nuove tecnologie possono essere di grande ausilio per la didattica se sfruttate nel modo appropriato.
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
A regime possiamo dire che 350 studenti usano la teca mensilmente. Nelle ore di italiano, scienze e matematica.
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
Less than 10.000 Euro
Specify: 
volontariato
Is your project economically self sufficient now?: 
No
When is it expected to become self-sufficient?: 
09/2013
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
No
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
A lavorare in rete positivamente.
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Barriers and Solutions (max. 1000 characters): 
<p>Non &egrave; semplice portare nella scuola elementare e anche gi&agrave; nelle classi prima l'uso massiccio delle nuove tecnologie. Ma se si sceglie la via della condivisione e della collaborazione di tutti, &egrave; possibile arrivare anche molto lontano anche proprio tenendo conto di quegli aspetti che non vanno mai dimenticati e che sono il rispetto della NON tecnologia ed il rispetto di non usare la tecnologia.</p>
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
<p>Continuare a produrre contenuti digitali per tutte le materie con una attenzione sempre maggiore per i disturbi dell'apprendimento, in particolar modo la dislessia. Coinvolgere sempre di pi&ugrave; anche gli alunni nella produzione di materiali e arrivare a creare un sito dedicato.</p>

Il sito di classe - scuola primaria P.Thouar - IC Pra' - Genova

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Genova/Liguria
Organization
Organization Name: 
Istituto Comprensivo Pra'
Organization Type: 
School
Specify: 
scuola statale primaria P.Thouar
Website
http://pra2punto0.weebly.com
Project Type
Education up to 10 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
Il sito di classe è stato creato nell'a.s.2010-2011 per offrire ai bambini dell'allora 3A Thouar un ambiente di apprendimento motivante, interattivo e adattabile alle esigenze di ognuno. I bambini ne sono sia fruitori, sia creatori, in quanto sono coinvolti nella ricerca e nell'inserimento di materiali utili al proprio apprendimento: questo permette loro di imparare ad imparare.
Project Summary (max. 2000 characters): 
A quale problema si tenta di dare una risposta con il progetto: - creare un ambiente di apprendimento, che utilizzi quegli strumenti che i bambini trovano nella loro esperienza quotidiana, ma che utilizzano in modo poco consapevole; - offrire a ciascuno ciò di cui ha bisogno - insegnare ad imparare Finalità: a) Motivare l’apprendimento in aula b) ampliare lo spazio di apprendimento oltre i confini dell’aula prima in modo guidato poi in modo autonomo c) far comprendere che qualunque contesto può essere ambiente di apprendimento, se si hanno le ‘chiavi’ giuste per accedere e ‘leggere’ attraverso l’uso delle tecnologie Organizzazione del progetto: il contesto in cui è inserita la classe terza, che viene proposta per il progetto, è un territorio nella periferia di Genova, caratterizzato da grande eterogeneità e mobilità. I gruppi classi sono formati da bambini molto diversi tra loro per: - provenienza geografica, sia italiana, sia europea, sia extracomunitaria - estrazione sociale e culturale stili di vita famigliare e comunitaria - stili di apprendimento Inoltre, anche in corso d’anno, i gruppi classe vedono trasferimenti in altre scuole e nuovi inserimenti. Il progetto si propone di Prima fase (classe terza) - guidare gli alunni alla preparazione di materiali per le diverse richieste di apprendimento e a collocarli on line sul sito della classe, in modo che siano accessibili agli alunni della classe e della scuola - guidare gli alunni a reperire i materiali sul sito in base alle proprie esigenze di apprendimento (percorso sull’autovalutazione nell’acquisizione delle conoscenze e nell’esercizio di abilità) Seconda fase (classe quarta) - rendere gli alunni autonomi nella preparazione, nell’inserimento e nell’utilizzo dei materiali inseriti sul sito della classe Terza fase (classe quinta) - rendere gli alunni autonomi, consapevoli, responsabili, critici nel reperimento e nella rielaborazione di materiali per l’apprendimento presenti su altri siti di altre scuole e sulla rete Internet - costruire un percorso in continuità con i docenti della Scuola Secondaria di I grado, affinché i traguardi di competenza acquisiti possano essere utilizzati come punti di partenza per acquisizioni successive di conoscenze, abilità, competenze
How long has your project been running?
01/2011
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
Mezzi comuni a tutti gli obiettivi: computer, lim, connessione a internet, creatore di siti web gratuito. Accanto ai singoli obiettivi sono specificati ulteriori mezzi usati. Obiettivi della classe terza: - guidare gli alunni alla preparazione di materiali per le diverse richieste di apprendimento e a collocarli on line sul sito della classe, in modo che siano accessibili agli alunni della classe e della scuola. Mezzi: software freeware, creatore di siti web gratuito (http://www.weebly.com) - guidare gli alunni a reperire i materiali sul sito in base alle proprie esigenze di apprendimento. Mezzi: percorso sull’autovalutazione nell’acquisizione delle conoscenze e nell’esercizio di abilità attraverso individuazione del proprio stile di apprendimento; analisi degli errori e dei successi; ricerca, condivisione e applicazione di strategie e materiali. Obiettivi della classe quarta: - rendere gli alunni autonomi nella preparazione, nell’inserimento e nell’utilizzo dei materiali inseriti sul sito della classe Mezzi: condivisione e apprendimento di procedure, software freeware e della lim Obiettivi della classe quinta: - rendere gli alunni autonomi, consapevoli, responsabili, critici nel reperimento e nella rielaborazione di materiali per l’apprendimento presenti su altri siti di altre scuole e sulla rete Internet. Mezzi: osservazione e confronto di attività e materiali on line o prodotti, sulla base di criteri condivisi (facilità d'uso, validità, segnalazione dell'errore e dei risultati ottenuti) - costruire un percorso in continuità con i docenti della Scuola Secondaria di I grado, affinché i traguardi di competenza acquisiti possano essere utilizzati come punti di partenza per acquisizioni successive di conoscenze, abilità, competenze. Mezzi: ricerca e /o preparazione di materiali finalizzati all'acquisizione di conoscenze, abilità, competenze per l'inserimento nella scuola secondaria di primo grado, attività svolte in continuità con i docenti della scuola secondaria di primo grado
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
Dall'inizio del progetto al oggi, al termine della classe quarta, nel processo di insegnamento sono stati osservati: - utilizzo degli strumenti tecnologici da parte di tutto il team docente in misura e modalità diverse a seconda delle attività proposte e delle competenze personali; - uso di contenuti espressi in codici differenti; - uso di contenuti reali, non pensati esclusivamente per bambini o per la scuola; - uso di contenuti non solo italiani ma anche in altre lingue, in genere inglese; - facilitazione nella catalogazione e nella documentazione delle attività: ciò che viene scritto sulla lim o al pc può essere salvato, modificato in itinere e recuperato a distanza di tempo. - maggiore personalizzazione: l'uso individuale del pc, la ricchezza degli oggetti digitali, la varietà dei contenuti permette all'insegnante di proporre attività simili a tutti ma più calibrate sulle caratteristiche di ciascun bambino. Questi cambiamenti nel processo d'insegnamento sono stati resi possibili da tre fattori: 1. connessione a internet: la ricchezza della rete completa e arricchisce l'offerta didattica facilitando il lavoro delle insegnanti; 2. facilità d'uso: bastano conoscenze base di informatica per usare agevolmente la lim e le strumentalità del software specifico; 3. prossimità degli strumenti: la presenza in classe permette in qualsiasi momento di usarli con facilità senza doversi spostare in altri luoghi, rendendone l'uso, quotidiano e naturale. Durante le attività scolastiche sono stati osservati i seguenti cambiamenti nel processo d'apprendimento: - maggiore attenzione: i bambini risultano più attenti all'ascolto delle procedure che permettono loro un uso più approfondito degli strumenti; sono più attenti perchè i contenuti attraverso la lim o i pc sono più affascinanti; la varietà dei contenuti e la velocità implicita negli strumenti e negli oggetti digitali richiede più attenzione; - maggiore motivazione: l'uso stesso di strumenti tecnologici è di per sé motivante inoltre l'apprendimento è finalizzato a qualcosa di più immediato, che li riguarda da più vicino, ad esempio, scrivere un testo corretto, da inserire nel forum o nel blog che tutti leggeranno, oppure imparare un determinato lessico o determinati concetti per poter portare a termine con successo un gioco. La varietà dei contenuti accessibili attraverso internet li stimola a conoscerne di nuovi. - partecipazione più attiva: gli strumenti e i contenuti tecnologici conservano un aspetto ludico che coinvolge maggiormente i bambini rendendoli più attivi. Questo maggior coinvolgimento in quello che stanno facendo aiuta l'interiorizzazione degli apprendimenti. - aiuto reciproco: i bambini si scambiano consigli e si aiutano nelle procedure per compiere una determinata azione o un dato compito; naturalmente più vicini alla tecnologia e più liberi da pregiudizi aiutano anche le insegnanti ad usare i vari strumenti. - meno ansia da prestazione: il maggior coinvolgimento emotivo, la possibilità di “annullare” e correggere la propria azione, l'interazione con una macchina che dà una risposta ma mai un giudizio, i modi differenti di somministrare verifiche e prove abbassano il livello di ansia rendendo più proficuo il percorso di apprendimento. Dall'osservazione dei risultati delle prove disciplinari, dai risultati ottenuti durante la partecipazione al progetto in rete “Cl@ssi 2.0” organizzato dall'Università di Genova, dal confronto di prove di attenzione e comprensione linguistica somministrate a ottobre 2011 e a maggio 2012 è stato rilevato un miglioramento e il raggiungimento di risultati positivi da parte di tutti gli studenti coinvolti.
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Utenti mensili: 21 studenti, 5 insegnanti,1 OSE, famiglie, chiunque( sito pubblico: link anche sul sito della scuola) Sito on line da aprile 2011. 2238 visite e 5339 pagine viste dal 14 febbraio 2012 al 22 luglio (5 mesi – da quando è stato inserito contatore statistico) Modi di utilizzo: inserimento e consultazione di materiali, post e commenti su blog da parte di studenti, insegnanti, famiglie
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
Less than 10.000 Euro
Is your project economically self sufficient now?: 
No
Since when?: 
07/2012
When is it expected to become self-sufficient?: 
01/2012
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
Yes
Where? By whom?: 
Nello stesso Istituto il progetto è stato adattato a costo zero, utilizzando i pc, la connessione a internet, la lim presenti a scuola, nella classe 5A Thouar durante l'a.s. 2011-2012 attraverso la creazione e l'utilizzo del sito http://quintaa.weebly.com .
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
Utilizzo trasversale degli strumenti tecnologici non fine a se stesso ma come risorsa per motivare, coinvolgere, rendere consapevoli gli studenti nel proprio processo di apprendimento. L'uso di internet o dei pc non esclude il libro, la discussione o la verbalizzazione ma li completa e li arricchisce.
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes

CREATIVE MOBILE LEARNING

Project Location
Country: 
Italy
City: 
Veneto
Organization
Organization Name: 
DIREZIONE DIDATTICA DI CASSOLA (VI)
Organization Type: 
School
Specify: 
Scuola primaria di San Giuseppe di Cassola
Website
http://ipadascuola.wordpress.com/
Project Type
Education up to 10 years
Project Description
Description Frase (max. 500 characters): 
L'dea è di integrare nella didattica tradizionale l'uso di dispositivi mobili, come l'iPad di Apple, e di individuare nuovi scenari di apprendimento per offrire agli studenti la possibilità di sviluppare le competenze digitali necessarie per realizzare le proprie idee e risolvere problemi pratici stando al passo con la globalizzazione, in ambito personale, interpersonale e interculturale.
Project Summary (max. 2000 characters): 
Le nuove generazioni sono sempre "connesse" ad Internet e ai Social Network tramite mobile devices, ma non sempre comunicano in modo corretto. Le tecnologie portatili ci consentono di favorire l'accesso da parte degli studenti ad informazioni e risorse, contenuti disciplinari e lezioni nei vari ambiti educativi in una modalità spazio temporale nuova e più ricca di occasioni di apprendimento. Tra tutti i tablet in commercio abbiamo scelto di fornire  tutti gli studenti e gli insegnanti di iPad in quanto il suo sistema consente di controllare le applicazioni installate e il wifi  ci permette di collegarci alla rete di istituto e garantire una navigazione protetta e sicura. Il vero punto di forza dell'iPad è costituito da un'enorme quantità di applicazioni disponibili, quelle utilizzate sono selezionate dai docenti per il loro carattere formativo. Insieme ai ragazzi abbiamo progettato i  nuovi spazi valutando le esigenze legate alle nuove modalità di apprendimento: il risultato è un'aula flessibile, i banchi sono stati sostituiti da tavoli diversamente assemblabili, facilmente trasportabili dai ragazzi in quanto è stata applicata una ruota alle gambe; in questo modo, a seconda delle attività, i ragazzi possono disporre l'allestimento più adatto e con l'ipad offriamo la possibilità di lavorare da qualsiasi posizione. Gli arredi sono stati ideati per favorire nello studente il mantenimento della schiena in  posizione corretta e per agevolarne una corretta postura secondo le norme UNI riferite agli arredi scolastici. Scaffali, tende e pannelli oscuranti completano gli arredi e la nuova colorazione celeste chiaro delle pareti, suggerita dai ragazzi, rende l'ambiente più accogliente  e idoneo a favorire la concentrazione.
How long has your project been running?
01/2011
Objectives and Innovative Aspects
What are the specific objectives of the project and what are the instruments used to achieve them?: 
- rendere più efficiente l’insegnamento adeguandolo all’evoluzione dei nuovi contenuti dei saperi e quindi migliorare l’efficacia dei processi di insegnamento-apprendimento e la stessa organizzazione della didattica, sia per quanto riguarda le singole discipline, sia per l’acquisizione di abilità di tipo generale; - educare gli alunni alla multimedialità, ossia favorire e promuovere la padronanza dei linguaggi della multimedialità, sia come capacità di comprendere e usare i diversi strumenti, sia come adozione di nuovi stili cognitivi nello studio, nell’indagine, nella comunicazione e nella progettazione; - creare contesti di apprendimento attenti a sollecitare la riflessione consapevole sui processi del pensiero e del linguaggio e a contribuire alla lettura critica del testo audiovisivo, musicale e filmico; - valorizzare l’uso delle tecnologie nella didattica per favorire l’apprendimento attivo e promuovere la creatività; - sviluppare negli alunni la capacità di apprendere in luoghi e tempi diversi da quelli dell’aula (mobile learning) attraverso la condivisione dei saperi e la diffusione dei contenuti “on demand” (selezionati su richiesta) e fruibili in mobilità; - formare studenti in grado di coniugare momenti di studio individuale e cooperativo in presenza a momenti di lavoro cooperativo ed individuale on line. Il team degli insegnanti di classe ha ritenuto opportuno elaborare un progetto che partendo dall’osservazione e dall’utilizzo delle risorse del territorio, porti alla promozione di apprendimento attraverso la connessione tra ciò che l’alunno osserva all’esterno (ciò che c’è fuori) ed il lavoro che viene fatto in classe. E’ apparso rilevante fare in modo che gli alunni possano acquisire la consapevolezza che l’aula non è da considerarsi come l’unico luogo in cui si apprende, ma come il luogo in cui si crea conoscenza, attraverso la riflessione e la rielaborazione di quanto osservato nel territorio circostante. Il progetto parte, dunque, da esperienze che gli alunni realizzeranno nel territorio, a cui si agganceranno i contenuti disciplinari. Le tecnologie digitali affiancheranno i tradizionali strumenti di lavoro. L’uso di dispositivi mobili adottati, quali l’iPad, con cui poter acquisire e condividere immagini, dati, informazioni, trasformerà gli studenti da ricevitori passivi a creatori del messaggio e, quindi, costruttori attivi di conoscenze.
Results
Describe the results achieved by your project How do you measure (parameters) these. (max. 2000 characters): 
Abbiamo verificato negli alunni una maggiore consapevolezza nell'uso dei dispositivi mobili, miglioramento delle capacità di lavorare in gruppo, aumento della motivazione e responsabilità. Questo video documenta come sia modificato l'ambiente di apprendimento: http://vimeo.com/44184498
How many users interact with your project monthly and what are the preferred forms of interaction? (max. 500 characters): 
Il progetto è rivolto ad una classe composta da 20 alunni e coinvolge tutto il team degli insegnanti. Per conservare memoria storica della sperimentazione, condividere risorse, elaborati multimediali e indicazioni didattiche è stata inserita nel blog www.ipadascuola.wordpress.com la documentazione didattica prodotta nell'arco della sperimentazione. Questa documentazione é sistematicamente aggiornata a disposizione di insegnanti, studenti e genitori.
Sustainability
What is the full duration of your project (from beginning to end)?: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in Euro)?: 
From 10.001 to 30.000 Euro
Is your project economically self sufficient now?: 
Yes
Since when?: 
01/2011
Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere?: 
No
What lessons can others learn from your project? (max. 1500 characters): 
La logica della sperimentazione tende a valorizzare l'attuazione di più modelli di innovazione che possano generare contagio nel territorio anche tra quelle scuole che non partecipano all'iniziativa… il focus ruota intorno alle dinamiche di innovazione che può innescare.
Are you available to help others to start or work on similar projects?: 
Yes
Background Information
Future plans and wish list (max. 750 characters): 
La scuola primaria della Direzione Didattica di Cassola è stata selezionata per la sperimentazione ministeriale denominata Cl@ssi2.0.   La classe quarta D dell'istituto, destinataria del relativo finanziamento triennale, sta sperimentando un nuovo modo di fare lezione, realizzando appieno quello che è lo spirito sotteso alla stessa progettualità: il miglioramento degli ambienti didattici, l'abbattimento dei limiti fisici propri di una normale attività didattica di classe, l'interazione tra docenti e alunni in un continuo scambio di informazioni, consegne, supporti didattici. La scuola primaria di San Giuseppe di Cassola è una delle dieci scuole del Veneto selezionata per implementare per tre anni la sperimentazione didattica denominata "Cl@ssi 2.0" grazie al Bando del Piano Nazionale "Scuola Digitale", della Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi del Ministero della Pubblica Istruzione. Con questo progetto si intende offrire la possibilità di verificare come e quanto possa essere trasformato l'ambiente di apprendimento attraverso l'utilizzo costante e diffuso delle tecnologie nella pratica quotidiana.