• strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.

Un database da scoprire: la sabbia

Versione stampabileInvia a un amico
Vuoi trasformare con noi l’archivio di dati racchiusi nei granelli di sabbia in un archivio digitale pubblicato in Internet per scoprire la terra...granello dopo granello?

 

L’anno scorso, nell’ambito di un laboratorio didattico interdisciplinare di scienze, informatica e lingue , abbiamo cominciato a fare, quasi per gioco, una collezione di sabbie (attualmente ne abbiamo più di duecentocinquanta provenienti da diverse parti del mondo).

La classe coinvolta era una prima composta da alunni particolarmente predisposti all’utilizzo delle tecnologie digitali.

Osservando le sabbie al microscopio, i ragazzi si sono subito resi conto che esse racchiudono un mondo tutto da esplorare e alcuni di loro hanno lanciato l’idea di provare a scoprire quell’enorme archivio di informazioni, raccoglierle, interpretarle e soprattutto diffonderle in Internet, passare insomma da un archivio di dati nascosti nei granelli ad un vero e proprio database digitale, facendo ovviamente i conti con le loro poche conoscenze di geologia, di statistica e di informatica.

Quest’anno è stato acquistato, in laboratorio di scienze, uno stereomicroscopio, con videocamera digitale incorporata, collegato al computer e dotato di un software che permette l’analisi d’immagine.
Questa strumentazione ci è sembrata adatta per provare a concretizzare l’idea, non solo con l'obiettivo di stimolare nei ragazzi l'amore per le scienze ma anche per far acquisire loro, in modo indiretto e graduale,  la consapevolezza che, conoscendo in modo adeguato  le tecnologie digitali, si può apprendere divertendosi.

In un primo momento si sono addestrati all’utilizzo della strumentazione tre alunni particolarmente interessati che poi hanno via via condiviso quanto appreso con tutta la classe…così eccoci qui…a presentare un “metodo” standard che può essere facilmente seguito da chiunque voglia partecipare all’ affascinante scoperta della terra...granello dopo granello.

Ecco cosa fanno in pratica i ragazzi per ogni campione di sabbia:

  • catturano delle immagini allo stereomicroscopio opportunamente calibrato (questo con vari obiettivi di ingrandimento e con riferimenti visivi per l’indicazione dell’ordine di grandezza)

  • attraverso analisi d’immagine, utilizzando il software in dotazione dello stereo microscopio, procedono alla misura diretta delle tre dimensioni del singolo granello;

  • dopo aver esportato queste misure in un foglio elettronico, determinano quantitativamente alcune caratteristiche della sabbia, come granulometria, forma, sfericità, arrotondamento, seguendo dei metodi “numerici” che solitamente i geologi applicano alla ghiaia, le cui misure possono essere misurate a mano

  • sempre attraverso l’analisi delle immagini, evidenziano la presenza di minerali e conchiglie per ricavare informazioni sull’origine e la provenienza della sabbia

  • in laboratorio di scienze eseguono degli esperimenti per rilevare quantitativamente il suo grado di permeabilità, porosità e capillarità

  • per concludere la fase di “analisi” della sabbia, riprendono, tramite la videocamera collegata allo stereo microscopio, il comportamento della sabbia a contatto con l’acido cloridrico e l’eventuale movimento dei granelli al passaggio della calamita, evidenziando in tal modo la presenza di magnetite

  • una volta conclusa la fase di raccolta ed elaborazione dati, pubblicano nel social network di classe (http://sabbione.ning.com) , amichevolmente detto il sabbione e appositamente creato su server ning, le foto della sabbia e i video fatti in fase di analisi

  • riportano tutte le informazioni ricavate, insieme ad altre di carattere geografico recuperate in internet oppure sui libri, in un modello di scheda (report) opportunamente predisposto

  • pubblicano il report in italiano e in inglese, insieme al foglio elettronico contenente l’elaborazione statistica dei dati , nell’area documenti di un sistema dinamico installato sul server del sito della scuola che consente di operare, a chiunque ne abbia il permesso, direttamente dal web, utilizzando un comune browser e di apportare modifiche in tempo reale, senza per questo conoscere linguaggi di programmazione (noi utilizziamo il CMS Joomla).

Per concludere, possiamo dire che , con questo progetto, abbiamo concretamente fissato le basi per realizzare in internet un vero e proprio “database digitale” condivisibile con chiunque nel mondo voglia contribuire con noi a scoprire la terra …granello dopo granello... speriamo rispondano in tanti!

 

Riportiamo ora i link ad alcuni video pubblicati sul sabbione che danno un po' un'idea del lavoro che si svolge e degli entusiasmanti risultati ottenuti fino ad ora:

Riportiamo inoltre il link al video fatto a Milano il 25 maggio 2009 durante il convegno "I nati digitali...e poi. Le tecnologie del futuro" durante il quale i ragazzi hanno presentato la loro esperienza

Il link al video si trova anche negli eventi del portale nazionale ed europeo del progetto "Creatività e innovazione- anno europeo 2009" . Per vederlo  clicca qui 

Per tutto il resto (reports, elaborazione dati, foto, video, catalogo e tanto altro ancora) si rimanda al

                                                                        

                                                                        sabbione

 

Come sviluppi futuri, pensiamo di

  • utilizzare il metodo approntato  quest'anno  per analizzare tutte le sabbie della collezione, coinvolgendo anche gli alunni delle nuove classi prime (il metodo è facilmente trasferibile: saranno gli stessi alunni a insegnare ai loro compagni più piccoli come si fa)

  • utilizzare la  versione avanzata del software  , già acquistata, che permetterà di prendere automaticamente le tre dimensioni (con la versione utilizzata fino ad adesso in realtà lo spessore è un po’ complicato da definire) e quindi il nostro metodo potrà essere affinato.

  • sviluppare con metodi statistici più avanzati l'elaborazione dei dati

  • sviluppare la conoscenza dei minerali e conchiglie presenti nelle sabbie, in particolare i foraminiferi che sono molto diffusi nella laguna di Venezia

  • creare canali  comunicativi tramite internet  con  una rete didattica tra le scuole del territorio e non solo, di cui l’istituto è capofila),  con le scuole europee con cui si svolgono progetti di etwinning e con i collezionisti di tutto il mondo, per poter trovare sabbie o effettuare scambi  e quindi arricchire sempre di più la collezione

  • condividere le immagini a distanza tramite connessione a internet, servendosi della tecnologia DIS (distance image sharing) disponibile nella nuova versione del software.

Insomma pensiamo di poterci divertire….educandoci!

...e chissà magari , se saremo fortunati ....avremo modo di analizzare anche una manciata di sabbia lunare!

 

 

1. Sommario progetto
Sommario: 

Vedi riquadro precedente.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Dolo (VE)
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Istituto Tecnico Commerciale Statale "Maria Lazzari"
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Antonella Solida (matematica) Patrizia Tiberio (scienze della natura)
E-Mail: 
solida@libero.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
http://sabbione.ning.com
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 18 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/02/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

L'obiettivo principale è quello di stimolare nei giovani l'amore per le scienze mediante l'uso delle tecnologie digitali e sviluppare in essi la consapevolezza che tali tecnologie non servono solo "per lo svago e il divertimento" ma soprattutto sono una leva incredibile per portarci alla conoscenza...in generale i ragazzi sono infatti convinti che internet è " bella " finchè serve allo svago e divertimento: con questo progetto vorremmo contribuire a fare in modo che essi capissero che le tecnologie possono contribuire molto a educarsi divertendosi...sarebbe davvero una bella conquista !

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

Con la tenacia e la costanza, puntando anche sulla consapevolezza che i cosidetti "nati digitali" possono fare molto con le tecnologie se addestrati ad un uso consapevole di esse.

Please explain what is unique or special in your project: 

Riprendiamo una frase che hanno scritto i tre ragazzi "pionieri" che, tra l'altro hanno partecipato a "I giovani e le scienze 2009" e vinto la partecipazione all'ESI 2009 (Esposizione scientifica internazionale) che si svolgerà a Tunisi dal 23 al 29 luglio : "Tutte le persone che hanno modo di vedere le foto delle sabbie che facciamo allo stereomicroscopio restano incredule; quando poi diciamo che siamo in grado di misurare il diametro medio di un granellino restano sconcertate fino a non credere ai propri occhi vedendo la sabbia “friggere” per la reazione con l’HCl..e se oltre alle persone che ci circondano condividiamo questo enorme archivio di informazioni con il mondo, non può essere un buon motivo per dire che si tratta proprio di un progetto speciale?

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Il progetto, finanziato come laboratorio didattico, nell’ambito di “Scuole aperte”, nato possiamo dire per caso, è diventato un ottimo esempio di utilizzo didattico delle TIC, ottenendo anche importanti riconoscimenti. Infatti o è stato presentato a “I giovani e le scienze 2009” risultando tra i vincitori : il premio consiste nella partecipazione all’ESI , esposizione internazionale della scienza e della tecnica per i giovani che si terrà a Tunisi dal 23 al 29 luglio.

Inoltre è stato presentato a Padova a “Sperimentando”, ottenendo una menzione di merito per il coinvolgimento planetario e l’accuratezza della presentazione.

Il 25 maggio la classe è stata invitata a partecipare al convegno :”I nati digitali…e poi?” che si è tenuto a Milano.

Anche qui il sabbione ha ottenuto successo e l’esperienza è stata molto positiva per i ragazzi.
Inoltre hanno apprezzato molto la targa ricevuta dalla dirigente dell'istituto, per il loro impegno nel progetto.

Per finire, il 25 settembre il progetto parteciperà ad un’altra esposizione a Crema-Cremona.

Senza entrare nei particolari, vorremmo far notare che in realtà lavorando per questo progetto che , tra l’altro vede la partecipazione di diverse discipline (laboratorio di informatica, scienze, inglese, francese) gli alunni , senza neppure rendersene conto, hanno messo in atto in modo sinergico una serie di abilità per poter arrivare dalla sabbia alla sua catalogazione e analisi, fino alla documentazione pubblicata in internet. Inoltre il social network “sabbione” è diventato davvero un buon esempio di come tale strumento possa arricchire in modo indefinito una normale attività didattica. Possiamo dire che il coinvolgimento dei ragazzi è stato al di sopra delle più rosee aspettative anche se appena possono scappano dal sabbione e approdano in facebook perchè in sabbione in fondo...è scuola! Per questo concludiamo che siamo a buon punto ma che ancora molta strada resta da fare...

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Più di 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Finanziamenti pubblici o privati
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto: 

Chiunque può imparare ad analizzare una sabbia, seguendo il nostro metodo e contribuendo così alla scoperta della terra..granello dopo granello.

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Future plans and wish list: 

vedere riquadro iniziale

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali