• strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_handler_argument::init() should be compatible with views_handler::init(&$view, $options) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_argument.inc on line 33.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_node_status::operator_form() should be compatible with views_handler_filter::operator_form(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/modules/node/views_handler_filter_node_status.inc on line 6.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 14.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.

solidarietà

NOI CON GLI ALTRI – solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni

Costruire per e con i ragazzi opportunità per diventare cittadini consapevoli, per sentirsi parte di una comunità, per riscoprire il valore della partecipazione e trovare equilibrio t

1. Project summary
Summary: 

Nell’elaborazione del progetto siamo partiti dalla considerazione che oggi è sempre più difficile trovare il modo per trasmettere ai giovani i valori che accompagnino la loro crescita e soprattutto che li formino alla cittadinanza, alla partecipazione, alla solidarietà con gli altri. L’idea che ha portato a questo progetto è quella di far incontrare la scuola, il luogo della formazione per tutti, con significative esperienze di solidarietà. Abbiamo quindi proposto di costruire per e con i ragazzi opportunità per diventare cittadini consapevoli, per sentirsi parte di una comunità, per riscoprire il valore della partecipazione e trovare equilibrio tra le esigenze individuali e quelle collettive. Solidarietà e cooperazione dunque come pratiche di buona cittadinanza, una solidarietà intesa non solo come sforzo di integrazione sociale ma anche come garanzia che tutti abbiano delle opportunità per realizzare la propria vita. Il percorso formativo sarà seguito, oltre che dal capo d’Istituto e dagli insegnanti, da due educatori/trici che accompagneranno i ragazzi in tutte le fasi del progetto, inoltre potrà vedere la presenza di artisti, al fine di stimolare la creatività e la partecipazione attiva della classe attraverso linguaggi diversi. La classe documenterà l’esperienza con la realizzazione di un breve filmato Il progetto è nato grazie alla campagna “Il cuore si scioglie” che da anni Unicoop Firenze promuove sostenendo azioni di solidarietà in varie parti del mondo. E’ questo un progetto di lavoro comune, che in questi anni ha messo in relazione vari settori ed esperienze del volontariato laico e cattolico, coinvolgendo tanti cittadini con l’obiettivo di fornire aiuto concreto ai bambini che vivono in condizioni difficili nei Paesi più poveri del mondo. Attraverso il coinvolgimento diretto dei giovani e dei loro insegnanti abbiamo voluto dare l’opportunità alle scuole di conoscere da vicino realtà molto complesse (come l’opportunità di accoglienza e di alfabetizzazione per i bambini di strada dell’India, come il percorso di autonomia dei giovani down di Firenze e Siena, come il lavoro creativo e informale dei bambine e delle bambine degli slums di Nairobi …) . ________ Attraverso la scuola ci rivolgiamo a chi ha minori occasioni di partecipazione offrendo a tutti le stesse opportunità formative sia per coloro che sono motivati ad affrontare esperienze di carattere solidaristico, che per coloro che mostrano maggiore indifferenza su questi temi. Oggi, al terzo anno di vita, il progetto è realizzato dalla cooperativa Meta con la collaborazione della Unicoop Firenze – settore progetti sociali – e si rivolge a scuole secondarie di ogni indirizzo per favorire il protagonismo giovanile, espresso attraverso lo scambio e l’incontro con altri giovani, e l’impegno a partecipare alla vita della Comunità esercitando la propria soggettività generazionale.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Firenze
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Unicoop Firenze
4. Type of organization
Select type: 
Other
Other: 
cooperativa grande distribuzione
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Daniela Mori
E-Mail: 
daniela.mori@unicoopfirenze.coop.it
6. Website
The website of the project: 
www.noiconglialtri.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/01/2006
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

OBIETTIVI: Promuovere nei ragazzi l’idea che si diventa dei buoni cittadini quando si ha consapevolezza dell’ambiente che ci circonda e delle relazioni che esistono tra questo ed il resto del mondo. Stimolare la riflessione sul futuro come una prospettiva non individuale ma collettiva. Quello che accadrà a me può dipendere anche da quello che accadrà ad altri. Riflettere sulle connessioni che esistono tra i comportamenti quotidiani e quelli sociali. Allenarsi ad essere fattori di cambiamento nel nostro agire, nella pratica di tutti i giorni, rafforzando l’idea che le buone pratiche possono influenzare ed essere esempio per gli altri. Sollecitare il confronto tra diritti e doveri di un cittadino con riferimento al proprio vissuto personale. Far vivere ai ragazzi un’esperienza in realtà lontane dalla loro dimensione quotidiana per sviluppare confronto e dialogo tra loro e gli altri. Sviluppare la cultura della solidarietà, il protagonismo giovanile sostenendo e sperimentando nuove forme di partecipazione e incrementando lo scambio di esperienze tra giovani di paesi diversi Il progetto si rivolge agli alunni delle classi quarte delle scuole secondarie di secondo grado della Toscana

What does it try to achieve and how: 

con le classi costruiamo un percorso articolato in più fasi. Prima fase: motivazione e conoscenza. La complessità del mondo in cui viviamo rende sempre più necessario dare un rinnovato senso al proprio operato e tessere nuovi significati. In quale quadro ci muoviamo? Da una riflessione sulla solidarietà finalizzata a migliorare la relazione tra gli individui e tra essi ed i loro ambienti di vita, quali mutamenti ci attendiamo? la solidarietà é al tempo stesso importante “contesto” e “strumento” per affrontare le criticità del mondo attuale: quali idee di solidarietà, di partecipazione, di relazione possiamo condividere? Tale fase prevede: la presentazione del progetto nel suo complesso (“Noi con gli altri”: come è nato e perché, chi è coinvolto e come ci stiamo noi nel progetto); il coinvolgimento del gruppo classe nell’analisi di alcuni aspetti problematici centrali nel discorso sulla solidarietà (ad es. interdipendenza, sviluppo locale/globale, cooperazione...), proposti all’interno di un più ampio quadro formativo riguardante l’educazione alla sostenibilità; la riflessione sulle connessioni che esistono tra i comportamenti individuali quotidiani e quelli sociali. Seconda fase: consapevolezza. E’ difficile per un europeo, uomo o donna che sia, immaginare che cosa significhi essere ragazzo nel paese destinatario del progetto: la tentazione proiettiva ci spinge a leggere le storie degli altri con le stesse chiavi con cui viviamo e leggiamo la nostra. La realtà può essere ben diversa, fatta di lunghe e faticose giornate, di diritti negati, di opportunità tutt’altro che pari. È importante “avvicinarsi” ai destinatari del nostro intervento per riuscire a interagirvi, conoscere e far conoscere la loro realtà perché conoscere è il primo passo per capire, per creare legami di solidarietà. Quali conoscenze, valori, competenze possiamo condividere e costruire con le persone con cui lavoriamo e con quelle – vicine e lontane – con cui viviamo? Tale fase prevede: la conoscenza diretta del paese nel quale andremo a operare proposta attraverso conversazioni, giochi di ruolo, ricerca e analisi di dati, interviste, dibattiti e contributi di vario genere; in questa fase è previsto anche l’incontro, in qualità di testimoni, con Associazioni Partner; l’individuazione di uno o più interventi che la classe può contribuire a realizzare all’interno del progetto analizzato; con le informazioni acquisite e con l’analisi delle necessità emerse, la classe potrà orientarsi fra le diverse azioni solidali possibili per proporre un intervento in favore e in collaborazione delle proprie coetanee indiane; segue l’individuazione, all’interno del gruppo classe, dei 5-6 ragazze/i che prenderanno parte al viaggio. Terza fase: viaggio della delegazione Attraverso il viaggio si concretizza e si assimila quella conoscenza spesso solo teorica della realtà. Viaggio come occasione di incontro per capire e agire con e per gli “Altri” ma anche per “Noi”, superare l’individualismo e costruire le radici della propria identità dall’intreccio profondo e consapevole con quelle di tanti “Altri”. Quali esiti ci attendiamo dal percorso che progettiamo? Come possiamo assicurare l’efficacia e la riuscita del progetto? E come mantenere i contatti con i destinatari del nostro intervento? Le destinazioni sono scelte in virtù della qualità dei progetti di solidarietà realizzati e delle garanzie che i partner di questi progetti offrono sotto il profilo della serietà e della sicurezza. In ognuno di questi luoghi, i ragazzi saranno chiamati a ideare e realizzare una parte del progetto indicato. Quarta fase: testimonianza I ragazzi partendo dal racconto dell’esperienza vissuta durante tutto il progetto si fanno promotori responsabili presso le nuove classi coinvolte sollecitando una riflessione sul futuro non individuale ma collettiva

Which opportunities/problems does it address to: 

Il progetto si articola in sezioni speciali che promuovono la conoscenza e lo scambio fra giovani appartenenti a realtà assai lontane geograficamente, culturalmente e socialmente. Ciascuna classe segue un particolare progetto di solidarietà studiandone il contesto storico e sociale, valutandone i bisogni e inviando una delegazione per conoscerne le reali esigenze. ecco, a titolo di esempio, alcuni dei paesi dove sono attivi progetti di solidarietà: Palestina: Mai come in questo momento l'urgenza della pace e del dialogo si fa evidente anche per un progetto "piccolo" rispetto ai grandi disegni del mondo. Il progetto prevede la realizzazione di videoclip e cortometraggi sul tema dell'incontro tra giovani, religioni e culture. Cameroun: L’esperienza si sviluppa nel gemellaggio con i ragazzi e le ragazze del Our Lady, Seat of Wisdom College di Fontem – principale centro del Distretto di Lebialem (“Lebialem Division”), nel sud ovest del Camerun. Insieme i giovani collaboreranno alla realizzazione e al mantenimento di interventi educativi presso il villaggio di Besalì. I ragazzi toscani intraprenderanno con i loro coetanei del Camerun un percorso di reciproca conoscenza e di scambio di esperienze tanto diverse tra loro quanto accomunate da analoghe riflessioni e finalità: concetti come “globalizzazione”, “interdipendenza”, “cooperazione”, “solidarietà”, “sviluppo”, “stile di vita”, non sono più parole astratte ma si concretizzano nella possibilità di essere protagonisti di un’azione concreta di solidarietà India: i ragazzi toscani penseranno e realizzeranno progetti e iniziative con i loro coetanei del liceo di Madaplathuruth – stato del Kerala. Ragazzi che appartengono a culture e mondi diversi e che, a partire dalla propria realtà locale, si impegneranno ad affermare il diritto a un mondo migliore: un diritto del quale, dopo i recenti fatti di Mumbai, si sente se possibile ancora più l'urgenza. Firenze, associazione Trisomia 21: Insieme all'Associazione Trisomia 21, i ragazzi daranno vita a un progetto che, a partire dall'incontro fra coetanei, porti all’ideazione e alla realizzazione di un piccolo cartone animato che racconti di questa esperienza di conoscenza reciproca. I giovani scriveranno insieme allo scrittore Emiliano Gucci la storia, da cui nasceranno poi i personaggi e le scenografie che verranno realizzate in plastilina insieme all’artista Francesca Rucci e animate con la tecnica della stop motion, con l’animatore video

Please explain what is unique or special in your project: 

Grazie all’incontro, al confronto e allo scambio si instaura un legame profondo fra i ragazzi e le ragazze italiane e i giovani del posto che sarà rafforzato grazie ai collegamenti via internet. La classe, in base alle proprie capacità progettuali, potrà mettersi in gioco e sostenere il progetto a distanza. L’opportunità del “fare” (feste e concerti autogestiti finalizzati alla raccolta fondi, realizzazione di gadgets originali da distribuire insieme a materiale informativo per sensibilizzare l’opinione pubblica, realizzazione di cene di solidarietà…), dell’essere protagonista di un cambiamento per molti coetanei in difficoltà, rende il progetto concreto ed è garanzia della continuità dell’azione attraverso un passa parola tra gruppi di pari che sta dando esiti assai positivi

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Il progetto ha visto la partecipazione di 18 scuole e di circa 40 docenti. I ragazzi e le ragazze sono coinvolti, in qualità di testimoni esperti e consapevoli, nei progetti svolti anche da altre classi e la loro adesione ad interventi territoriali ne dimostra l’interesse. Molti sono i ragazzi della prima edizione del progetto che, ad oggi, sono rimasti attivi nel campo della solidarietà anche se il percorso scolastico, per loro, si era già concluso. La difficoltà a trovare sul territorio cittadino un’iniziativa di solidarietà sociale rivolta e costituita da giovani ha fatto maturare l’idea di dare vita ad un’associazione giovanile per dare continuità all’impegno solidale. Dare autonomia di azione ai giovani è un risultato che sicuramente ha superato le aspettative. Inoltre sul territorio si sono create delle “reti” di collaborazione fra i soggetti partner che vanno ad ampliare e ad arricchire le risorse potenziali necessarie ad un progetto di così ampio respiro

How has it improved the quality of educational and/or training services: 

La condivisione delle finalità del progetto, l’esplicitazione delle motivazioni dei ragazzi e delle ragazze e l’impegno concreto possono contribuire a favorire legami comunitari all’interno della classe, nella scuola, nel quartiere e nel territorio cittadino rendendo i/le giovani protagonisti/e dell’azione di solidarietà, rafforzando l’idea che le buone pratiche possono influenzare gli altri. L’esperienza di promozione, solidarietà e cooperazione fra ragazzi di diverse famiglie culturali e sociali può rappresentare il primo nucleo di un incontro di collaborazione per essere co-protagonisti della società interculturale. Attraverso il dialogo e l’azione si può prendere coscienza dell’importanza di certi diritti “acquisiti” e raggiungere la traduzione dei diritti nei differenti contesti di tempo e luogo. Se la solidarietà diventa una buona pratica del vivere la cittadinanza per alimentarla e tenere vive le motivazioni del nostro agire ci devono essere luoghi, anche virtuali di scambio e confronto di idee e azioni. Da qui l’importanza di un sito per scrivere e condividere le proprie esperienze.

How has it improved the participation of professionals, children, youth and other stakeholders: 

La metodologia utilizzata è quella della ricerca-azione. La dimensione formativa consente alle/ai ragazzi/e di esplicitare i propri modi di pensare la solidarietà e di integrarli, arricchendoli con nuove conoscenze e testimonianze. Precedenti esperienze di solidarietà e specifiche competenze e professionalità presenti sul territorio sono infatti una risorsa importante da far dialogare con la scuola. Gli interventi, condotti da educatrici esperte, mirano a valorizzare le peculiarità e le potenzialità di ciascun studente e sono intesi come momenti di coinvolgimento per gli alunni più in difficoltà anche grazie all’utilizzo di modalità di comunicazione diverse: video, cortometraggi, spot radiofonici, blog e anche ai diversi linguaggi dell’arte (graffiti, stop motion, scrittura creativa….). Le attività prevedono interventi laboratoriali di gruppo, giochi di simulazioni, elaborazione collettiva anche artistica, per mettere a fuoco e progettare possibili azioni

How does it promote the use of ICT for the educational and cultural development by professionals, children and youth: 

Il progetto prevede la realizzazione e lo sviluppo di strumenti di comunicazione on line (forum e blog) attraverso l’apposito sito www.noiconglialtri.it e la partecipazione a trasmissioni radiofoniche e televisive del circuito regionale. Questi elementi concorrono a connettere tra loro i diversi progetti e a diffonderne le finalità. Inoltre è prevista la documentazione di ciascun progetto attraverso la realizzazione di una specifica pubblicazione e di un video che ne raccolga i passaggi salienti. Tale materiale 9 si rivela di notevole importanza sia per i giovani che hanno realizzato il progetto stesso che per le classi che negli anni futuri si impegneranno a sostenerlo e svilupparlo

Describe how you measure (parameters) these results: 

dal punto di vista dell’apprendimento e dell’insegnamento: riproducibilità, trasferibilità, raggiungimento degli obiettivi, autovalutazione, coerenza, rilevanza sociale._ dal punto di vista della partecipazione delle classi: come evento conclusivo di confronto tra i ragazzi che hanno partecipato al progetto viene organizzata una giornata di lavoro e di relazione che rappresenta il momento in cui le diverse esperienze fatte vengono messe a confronto e presentate a tutta la platea che raggruppa genitori, rappresentanti di Istituzioni, animatori e tutti coloro che nel progetto hanno creduto e che con il proprio lavoro hanno contribuito al successo delle esperienze fatte. dal punto di vista dell’impegno responsabile: dall’esperienza dei precedenti anni del Progetto “Noi con gli altri”, si è costituito un gruppo di giovani che mantiene un ruolo attivo nel progetto manifestando la volontà di un maggior protagonismo. Si prevede la costituzione di un’associazione giovanile come opportunità di partecipazione responsabile, autonomia e impegno concreto da offrire ai tanti giovani interessati ad un impegno solidale

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 3 to 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
From 75.001 to 500.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

Partner principali: Fondazione Monte dei Paschi di Siena Cooperativa sociale Mèta Associazioni partner: Associazione LIBERA Associazione Amici di Betlemme Fondazione Giovanni Paolo II The Peres Center For Peace Movimento Shalom Movimento dei Focolari Suore Francescane di Santa Elisabetta Associazione Trisomia 21 (FI) Associazione Ottavo giorno (SI) Associazione Seminarte Enti pubblici: Comune di Firenze, Comune di Siena, Comune di Pistoia, Comune di Montevarchi, Comune di Pisa, Comune di Pontassieve, Comune di Arezzo Regione Toscana

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

“Piano d’Azione Bullismo”

Con il Piano d’Azione Bullismo, L’Istituto Comprensivo via dell’Archeologia prospetta soluzioni pratiche a questioni molto critiche, unendo le indagini in letteratura all’osservazione del fenomeno e d

1. Project summary
Summary: 

Il “Piano d’azione bullismo” è diretto alla fascia d’età tra i tre e i quindici anni: è stato inizialmente formulato a giugno dell’a. s. 2005-2006 nella componente secondaria dell’”Istituto Comprensivo via dell’Archeologia” e poi esteso (solo con alcune azioni) alla scuola primaria e dell’infanzia. Nel corso dell’anno scolastico precedente, mosse dall’urgenza di una situazione particolare, erano cresciute la sensibilità a questo problema e la determinazione a intervenire sinergicamente per arginare fenomeni come:far scoppiare la porta d’entrata della scuola, svuotare gli estintori nei corridoi, organizzare pestaggi. Sono intervenuti i N.A.E e la Polizia Municipale. La scuola aveva chiesto sostegno economico per interventi strutturati, ma le richieste rimasero inascoltate. Iniziarono riunioni di coordinazione per cercare di concentrare gli interventi e arginare la dispersione delle energie. Gli insegnanti, sostenuti dal dirigente scolastico, e coordinati dal vicario prof. Gerosa, si sono riuniti in un gruppo di studio che ha affrontato il fenomeno considerando le sue manifestazioni alla luce della letteratura e dell’esperienza degli anni passati. Il gruppo in incontri bimestrali di scambio di esperienze e conoscenze ha valutato il successo delle micro-strategie attuate sperimentalmente. Grazie all’esperienza maturata e agli studi fatti gli insegnanti hanno steso un piano condiviso che formalmente struttura le microstrategie che alla prova dei fatti si sono dimostrate vantaggiose. È nato il Piano d’Azione Bullismo (PAB). Il Piano d’Azione Bullismo comprende dodici azioni. Il Piano d’Azione Bullismo è auto-finanziato.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Istituto Comprensivo via dell’Archeologia di Roma
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Cristina Moscatelli
E-Mail: 
cristina.moscatelli@hotmail.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2006
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Gli obiettivi del progetto si sviluppano nei seguenti punti tematici
• coesione: tutti quanti sono solidali nella strategia, le risposte ragionate nel confronto con la letteratura sono motivate dall’esperienza. La risposta incoerente è una sacca permeabile e un punto di cedimento della struttura.
• continuità: il discorso deve essere costante, i ragazzi devono rendersi conto che c’è un lavoro al quale tutti partecipano, nella scuola e fuori dalla scuola.
• approccio sistemico: esiste il complesso di azioni che coinvolgono tutto, la didattica il modo di venire a scuola l’interazione con i ragazzi, le famiglie e tra i docenti. L’intervento in classe anziché frontalmente contrastare l’azione del bullo agisce sul contesto, per creare un sistema di autostima tra le vittime e gli astanti di riconoscimento e contrasto multidirezionale del fenomeno.
• prevenzione: le prime attività vengono attuate già a partire dalla scuola dell’infanzia, rinforzate nelle quinte della primaria e definitivamente strutturate nella secondaria di primo grado.
• Istituzione di una comunità di pratica fra i docenti, anche per coinvolgere immediatamente anche i precari e i nuovi docenti.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Il progetto è stato suddiviso in 12 fasce d’azione ognuna delle quali prevede un percorso specifico per la prevenzione ed il contrasto al bullismo.
(PAB, AZIONE 1) - Il percorso di prevenzione, intervento e contrasto al bullismo in pillole distribuite nel corso dell’anno è dedicato
dal coordinatore di classe in co-docenza con uno o più insegnanti dello stesso consiglio a 1- fattori di protezione e autostima (classi prime); 2- strategie d’intervento sulle prepotenze (classi seconde); 3- supporto ai compagni e solidarietà, prevenzione e gestione del conflitto (classi terze). Le barriere alla comunicazione durante un conflitto messe a tema in una lista di frasi killer sono ad esempio “dare ordini e comandare”, “mettere in guardia e minacciare”, “moralizzare”. I ragazzi imparano le strategie comunicative che riducono la conflittualità. È stata inoltre introdotta la “philosophy for children”. Con la consulenza e il sostegno del prof. Antonio Cosentino, e a seguito di un corso da lui tenuto, gli insegnanti a partire da una pagina stimolo hanno imparato a organizzare a sessioni di ricerca filosofica, ad esempio su che cos’è una persona o il senso del bello. Tale attività viene svolta già a partire dalla scuola dell’infanzia per abituare i bambini all’ascolto, al pensiero riflessivo e critico e al confronto delle idee oltre che per costruire il “gruppo”. (PAB, AZIONI 2-4) - La motricità è stata finalizzata all’ autocontrollo e alla gestione dello stress attraverso Incontri di yoga e incontri di armonizzazione psicofisica (scuola primaria) organizzati in orario scolastico. La scuola partecipa inoltre a moltissimi giochi studenteschi e tornei che consentono di insegnare il rispetto delle regole e l’importanza del“fare squadra”.
(PAB, AZIONE 5) - C’è un Consiglio degli studenti. I consiglieri sono eletti nelle classi: su una rosa di candidate e candidati, gli studenti devono dare due preferenze, una maschile e una femminile. I consiglieri, che in numero pari sono maschi e femmine, eleggono un presidente. Quest’anno è stata eletta Chiara. Questo è importante in un quartiere in cui le donne hanno pochissima voce in capitolo. Una delle questioni dibattute nel Consiglio degli studenti riguarda la progettazione ed organizzazione di una festa di fine anno completamente autogestita, compreso il buffet e il servizio d’ordine. I ragazzi hanno avuto modo di comprendere la gestione democratica della cosa pubblica e le difficoltà che si incontrano nell’organizzare attività collettive, migliorando anche il senso di appartenenza alla scuola.
(PAB, AZIONE 6) - Quattro docenti sono preposti allo Sportello d’Ascolto Ragazzi. L’accesso allo Sportello di Ascolto Ragazzi per appuntamento in orario scolastico è riservato agli allievi tramite prenotazione. Quantitativamente l’iniziativa ha funzionato: dopo le resistenze iniziali che sono un po’ i luoghi comuni del quartiere, i ragazzi hanno capito progressivamente che il loro disagio trova accoglienza e una guida all’”autoaiuto”. Allo sportello si accede anche su segnalazione da parte dei docenti di particolari difficoltà degli alunni.
Gli insegnanti già da tempo si erano resi conto che una scuola specie problematica per funzionare deve essere una scuola che ascolta: per evitare sciocche impuntature o un senso di impotenza davanti a problematiche famigliari, prostituzione, droga, violenza tra le mura domestiche. Accantonata la possibilità di fare riferimento ad un esperto esterno per rispondere alle eventuali richieste degli allievi di un colloquio di sostegno, già da quattro anni gli insegnanti hanno iniziato a seguire corsi di formazione organizzati dal Cenpis (Centro di Psicologia di Roma), per offrire agli allievi la possibilità di parlare e raccontarsi rimandando a un colloquio psicologico le problematiche gravi e agli incontri periodici dei docenti coinvolti con uno psicologo supervisore la consulenza per i problemi meno seri. Il Cenpis ha puntato sulla diversità tra empatia e collusione: “empatia sì ma non collusione”.
(PAB, AZIONE 7) - C’è uno sportello di ascolto Genitori offerto da quattro docenti specificamente formati al rapporto con gli adulti del quartiere, in particolare per i genitori delle vittime e dei bulli. Lo sportello fissa gli incontri su appuntamento, rispondendo alle necessità organizzative dei genitori sia per l’orario che per il giorno. Anche questo sportello usufruisce della supervisione dello psicologo e ha migliorato molto il rapporto scuola- famiglie e aumentato la collaborazione.
(PAB, AZIONE 8) – A Settembre vengono organizzati corsi di formazione diretti a tutti gli insegnanti, sette ore per tredici giorni. Un’utilità reale è la capacità di gestione dei conflitti che gli insegnanti puntano ad acquisire anche nell’intento di trasferirla indirettamente o inconsapevolmente nelle classi. Tutti gli insegnanti anche quelli appena arrivati all’inizio dell’anno hanno seguito corsi sull’assertività e sulla gestione del conflitto. È stato messo a punto un manuale regolativo diretto agli insegnanti, che indica come fare per chiedere un’ora di permesso, come autorizzare un ragazzo a uscire dall’aula o da scuola, come comportarsi a ricreazione o in altre situazioni. Il manuale accorcia i tempi necessari ai nuovi docenti per capire qual è la regolamentazione interna, onde evitare incongruenze nella gestione della scuola e delle regole. C’è un blocchetto di permessi di uscita dalla classe - datato firmato registrato - che autorizza i ragazzi ad uscire dall’area di confine in prossimità della classe dove il bidello supervisiona che stiano effettivamente andando in bagno, come è previsto che possano fare senza permesso scritto. Per circolare all’interno della scuola tranne che per andare in bagno i ragazzi devono avere il permesso scritto firmato dall’insegnante, da esibire al momento in cui gli viene chiesto. Il permesso scritto consente di sapere sempre chi è stato autorizzato a fare che cosa e dove.
(PAB, AZIONE 9) - La Ristrutturazione dei consigli di classe ha consentito di dedicare una parte del tempo come al solito alla didattica e alla gestione, e una parte al monitoraggio dell’andamento delle relazioni in classe.
(PAB, AZIONE 10) - Il gruppo di ricerca considera i feedback che è possibile avere dai genitori, dagli alunni, dai docenti, a metà e alla fine dell’anno. Due volte l’anno, all’inizio per la prima media a metà anno e alla fine dell’anno per le classi seconde e terze, i quattro insegnanti che nel gruppo di ricerca sono specializzati nell’uso del sociogramma di Moreno - versione informatizzata messa a punto dal prof. Guido Gerosa - fanno un quadro psico-sociale del gruppo classe attraverso le relazioni di prossimità lontananza che sono stabilite tra un allievo e gli altri. Il sociogramma di Moreno vede la classe come una entità policentrica: ogni alunno è centro di un sistema di gravitazione di cui la distanza dei compagni che orbitano intorno a lui è misura della sua compartecipazione. All’aumento della distanza dall’alunno del maggior numero di compagni aumenta il suo isolamento nel gruppo. Le domande che costituiscono la base dei dati della rilevazione sociometrica sono per esempio “Con chi stai meglio in classe?” “Chi è il tuo vicino di banco preferito?”.
Dalla somma algebrica dei giudizi positivi/negativi che gli altri danno di un alunno, sono calcolati i suoi indici di “popolarità”, di “impopolarità”, di “consapevolezza”, di “quanto è esplorativo”, di “quanto è espansivo”, della “capacità di essere leader”. Le rilevazioni sociometriche sono usate nell’organizzazione dei gruppi: “la strategia è usare i leader positivi”. Ad esempio durante una gita scolastica nella dislocazione dei ragazzi nelle stanze in albergo, gli insegnanti affidano tre compagni isolati a chi ha la capacità di essere leader positivo per facilitarne la socializzazione con il resto della classe.
(PAB, AZIONE 11) – Tutti gli insegnanti e gli ATA coinvolti nel progetto compongono il gruppo PAB che si riunisce tre volte l’anno in auto-formazione. Gli incontri vedono i resoconti dei portavoce di ogni gruppo di lavoro.
(PAB, AZIONE 12) – I meeting in previsione hanno visto presenti associazioni di quartiere, rappresentanti della parrocchia, hanno coinvolto in un corso dedicato al bullismo i genitori, che hanno firmato insieme ai docenti un patto di solidarietà e responsabilità.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
From 30.001 to 75.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Intercultural communication in a peer group

Creazione di un sito che ha come tema centrale il dialogo interculturale, visto attraverso esperienze di Peer Education, tra giovani italiani e polacchi

1. Project summary
Summary: 

Intercultural communication in a peer group è il prodotto dello sforzo creativo degli studenti dell'I.T.I. A.Monaco di Cosenza in collaborazione con il liceo T.Kosciuszki di Myslowice in Polonia, nostri partners europei per le TIC. In seguito all'esperienza del precedente progetto eTwinning "Young people serach for personal identity", che ha suscitato molto interesse in ambito europeo, è maturato il passo successivo: esplorare il mondo spesso oscuro delle emozioni spesso incontrollate dai giovani.Saper riconoscere e incanalare tanta energia ha richiesto un lungo periodo di formazione con il supporto di esperti del servizio socio sanitario del territorio.Far lavorare i giovani in un gruppo di pari è più efficace perchè si ascoltano l'un l'altro, si fidano, si confidano.Educare attraverso l'aiuto e l'ascolto reciproco è un modo efficace per attivare la comunicazione tra adolescenti troppo spesso silenzionsi.La PEER EDUCATION è insegnamento tra pari.Dopo un periodo di training, sia i nostri studenti che quelli polacchi, nostri partners nel progetto, hanno realizzato un primo video ostrando tecniche per avviare una comunicazione efficace.Il passo successivo ha visto i ragazzi entrare in azione perchè avessero un ruolo attivo nella società attuale in così rapido mutamento.La società europea del nostro secolo si sta preparando a diventare multicuturale e multietnica, è quindi necessario preparare le future generazioni a entrare in relazione, a comunicare, a comprendere gli aspetti interculturali della vita moderna.In occasione dell'anno europeo del dialogo interculturale, gli studenti polacchi e italiani hanno deciso di focalizzare l'azione dei peer educator sull'educazione dei giovani per diventare "cittadini planetari" superando l'etnocentrismo.Sono stati realizzati 38 video che testimoniano l'impegno, l'interesse , la motivazione, dei giovani ad essere protagonisti e non più spettatori dell'ambiente in cui vivono. Manifestazioni, eventi, interviste, spettacoli, canzoni con videoclip originali, documentari, simulazioni sono il frutto di un lungo lavoro sul territorio durato circa 2 anni. Tutto il materiale è stato raccolto in un sito i cui punti focali sono: -INTRODUZIONE, MAIN VIDEO, VIDEOCLIP 7 COLORS -COMUNICAZIONE INTERCULTURALE -PEER EDUCATION -PEER EDUCATION E DIALOGO CULTURALE -IMMIGRAZIONE ED EMIGRAZIONE -PEERS EDUCATORS E VOLONTARIATO Il sito è in lingua inglese con sottotitoli nei documenti realizzati in lingua madre.Si è deciso di utilizzare un jukebox quale contenitore dei video scaricati sui portali Youtube e Vimeo per la loro consistenza. Il porgetto è una applicazione "Full Flash" totalmente sviluppato sul web con l'uso di Flash.I video sono stati realizzati con una videocamera non professionale, i montaggi e le creazioni sono stati realizzati con software Pinnacle, Wave Lab, Photoshop, Windows Movie Maker, Any Video Converter, Macromedia Flash MX, Unlead Video Studio e MS Voice Recorder. La base musicale del videoclip "7 COLORI" è stata registrata con una strumentazione non professionale.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Cosenza
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
I.T.I.S Antonio Monaco
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Paola Lico
E-Mail: 
paolalico@libero.it
6. Website
The website of the project: 
www.itimonaco.eu/etwinning2008
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/11/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

-Accrescere il senso di appartenenza ad una società sempre più globalizzata non perdendo mai di vista le proprie particolarità e le proprie radici -Sviluppare la socializzazione e l'inter-realzione attraverso lo sviluppo di un maggiore spirito di adattamento e di attenzione verso le esigenze degli altri -Sviluppare il lavoro croopertivo, la condivisione di percorsi, il rispetto dei ritmi di performance individuali -Sviluppare la creatività, l'autonomia, il senso di responsabilità, lo spirito critico, l'autonomia -Conoscere paesi e culture diverse p'er facilitare il rispetto della prorpia e dell'altrui diversità -Educare alla convivenza ed alla diversità -Utilizzare strumenti diversificati ripetto a quelli quotidianamente usati nell'ambiente scolastico per stimolare la cittadinanza attiva, la convivenza ed il rispetto reciproco -Usare consapevolmente strumeti di comunicazione diversificati, dalla videocamera alla videoconferenza, dall'intervista alla simulazione scenica, dalla musica al videoclip -Usare programmi software impegnativi (Pinnacle, Wave Lab, Photoshop, Windows Movie Maker, Any Video Converter, Macromedia Flash MX, Unlead Video Studio e MS Voice Recorder) -Usare nel modo più creativo le TIC e la lingua inglese per rafforzare le abilità linguistiche, la consapevolezza interculturale e abbattere gli ostacoli alla comunicazione

Please explain what is unique or special in your project: 

Quando si avvia un processo di cresita personale o socio-culturale si presuppone che continui anche in età adulta.Diventando più responsabili, affidabili e solidali si sperimenta che tali virtù ed azioni positive, sia in qualità di peer educators che eventualmente da adulti impegnati al servizio della società, aiutano l'individuo a riconoscere il significato profondo e ricercare l'umanità allontanando lo spettro dell'indifferenza emotiva che affligge la gioventù odierna.Con le attività di Peer education nuovi studenti saranno incoraggiati a seguirne il percorso valoriale.I valori universali del progetto, i problemi comuni che esso affronta, l'importanza di costruire una comunicazione efficace e di promuovere la coesistenza delle culture tramite dei materiali tangibili on line ( video report, video relativi ad attività educative da proporre in classe, videoclip creativi relativi a canzoni scritte ed interpretate dagli stessi allievi) non possono non rivelarsi utili ad altri educatori che potranno inserire nei loro moduli i contenuti delle varie sezioni del nostro percoso formativo, illustrato dal relativo sito web.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Il progetto ha offerto agli studenti l'opportunità di essere formati come Peer Educators in un ambito che si discosta dalla classica formazione perché siamo consapevoli che spesso l’insegnamento tradizionale, il passaggio della conoscenza dall’alto in basso non è sempre funzionale. Allora è il caso di sperimentare mezzi, linguaggi e modi di stare insieme diversificati, pensiamo che in questo modo non passi solo una conoscenza frammentata ma una educazione ed una formazione adeguata ai tempi e alle richieste dei giovani (che altri programmi di solito propongono)..In una società sempre più mutlietnica e differenziata, i nostri studenti hanno intrapreso un percorso di dialogo interculturale al fine di poter diventare i cittadini attivi e solidali del domani. Il lungo percorso ha visto impegnati studenti dell'istituto appartenenti a varie fasce d'età.Dalla formazione di gruppo ristretto di ragazzi appartenenti ad una classe si è passati alla formazione in itinere attraverso l'educazione tra pari. Si è verificato nel corso degli anni il passaggio del testimone da un gruppo ad un altro e tale processo, una volta innescato, lo si vede crescere e modificarsi a seconda delle esigenze e delle capacità dei giovani che si mettono in gioco.I ragazzi coinvolti sono passati dall'anonimato al gruppo valoriale, diventando così punto di riferimento non solo per i giovani della loro scuola ma anche per tutti coloro che hanno l'opportunità di visitare il loro sito web.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Other
Other: 
Scuola e autofinanziamenti dei soggetti coinvolti
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Alcuni video sono stati presentati in vari contesti ed eventi socio-culturali, riscuotendo sempre il plauso delle giurie

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

In occasione dell'anno europeo dedicato al dialogo interculturale i docenti e gli studenti dell'I.T.I. Monaco, coinvolti nel progetto eTwinning, hanno prodotto un sito in lingua inglese in collaborazione con i parteners polacchi del liceo ZSO I LO in Myslowice.Insieme, puntando sul valore del gruppo, si è costruito un percorso del quale il sito rappresenta la cornice mentre il corpo è costituito dal processo educativo e conoscitivo stimolato dalle attività realizzate tra le quali una serie di video realizzati sul nostro territorio che testimoniano il coinvolgimento dei ragazzi in eventi e realtà sociali diversificate.A partire dal 2007, inseme ad esperti dell'ASL, sono state studiate ed applicate strategie di Peer Education per far passare i ragazzi dal branco al gruppo valoriale. Questi gruppi già attivi nella realtà anglosassone mirano alla formazione di alcuni membri di un gruppo che a loro volta diventeranno i formatori di altri giovani.E' la formazione tra pari.Sono state realizzate interviste ai protagonisti di manifestazioni svolte in città.I ragazzi così coinvolti, hanno visto crescere la loro sensibilità verso problemi sociali troppo spesso ignorati o sottovalutati dalle nuove generazioni.Sono diventati operatori dell'informazione in grado i comunicare con i loro coetanei perchè hanno usato un linguiaggio accessibile, hanno toccato argomenti di vita quotidiana usando la sensibilità propria dei giovani. Hanno rivolto domande semplici perchè semplice è la loro competenza specifica ma sono stati presenti là dove si parla di valori, oggi poco condivisi dagli adulti ma fondamentali per esseri in formazione, come legalità, solidarietà, giustizia.Con un computer e con la conoscenza di programmi specifici sono stati in grado di registrare un telegiornale e renderlo pubblico grazie alla rete.Sono stati i testimoni attivi di ciò che si svolge sul loro territorio in grado di condividere la loro esperienza e conoscenza con altri giovani.Vivere in un mondo dove valori e sentimenti autentici sono messi al bando è una triste realtà per molti giovani. Lavorare in modo completamente gratuito per il piacere di condividere esperienze, di conoscere situazioni differenti anche molto lontane dalla realtà quotidiana troppe volte fatta di piccolezze, meschinità, piccole cattiverie, è raro ma non impossibile. Un piccolo gruppo di studenti del nostro istituto ha cercato di rendere visibile la solidarietà, l'altruismo, la gioia di stare insieme e condividerla con altri coetanei.Quando sul nostro territorio si è svolto un evento significativo, quando animati dalla volontà di comprendere meglio il mondo che ci circonda, si è presa la telecamera ed il microfono per documentare, ecco che i peer educators sono diventati i testimoni del nostro tempo e del nostro territorio.Un filo sottile lega il percorso effettuato: è quello della solidarietà.Solidarietà verso i popoli più lontani che con la loro sofferenza, il loro lavoro, con lo sfruttamento al quale vengono sottoposti rendono possibile l'abbondanza dei nostri mercati. Solidarietà verso chi è l'ultimo, povero di beni e di sentimento. Solidarietà con chi lotta contro l'illegalità tanto dilagante nel nostro paese.

Barriers: 

Impiegare tante ore extracurriculari per prendere parte agli eventi di cittadinanza attiva e volontariato sul territorio, crearne report video; tradurre tutto in inglese; formarsi per creare un sito particolarmente creativo. Insomma si può dire che oltre alle ore curriculari gli studenti hanno impiegato anche gran parte del loro tempo libero grazie ad un radicato processo di empatia e coinvolgimento emotivo tra docenti e studenti e referenti di enti e associazioni di volontariato

Solutions: 

Passione, spiccato senso del dovere, spirito di sacrificio, persone amiche che gratuitamente ci hanno aiutato nel nostro percorso

Future plans and wish list: 

Continuare ad essere punto di riferimento per le associazioni culturali e di volontariato del nostro territorio.Possiamo dire con orgoglio che un gruppo di ragazzi è ormai pronto a vivere le esperienze più disparate come peer educators, per la voglia di condividere e crescere insieme, piuttosto che per ottenere punti di credito per la loro carriera scolastica!

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

“ Volo a canestro”

Il progetto è teso a promuovere il gioco come attività aggregante che permetta ai giovani di condividere emozioni ed esperienze, e che nel sano confronto e non nell'antagonismo, contribuisca all’accet

1. Project summary
Summary: 

L’idea è nata per favorire la conoscenza reciproca e lo sviluppo del senso d'appartenenza ad un gruppo (spirito di squadra) fatto di collaborazione, di sostegno e di solidarietà, attraverso il rispetto delle regole, il raggiungimento e la condivisione del risultato; il gioco è stato pensato dai ragazzi e le regole sono state individuate sempre dai ragazzi.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Scuola secondaria di 1° grado statale “Luigi Di Liegro”
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Anna Tonachella
E-Mail: 
galileo4@alice.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/03/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Coinvolgere i giovani affinché guardino con occhio più attento, cosciente e sensibile le esigenze e le difficoltà dei coetanei diversamente abili, portatori di handicap e privilegiare la partecipazione attiva dei giovani perché imparino a condividere, in gruppi eterogenei, spazi, regole, finalità ed i valori positivi del confronto;

What does it try to achieve and how: 

Attraverso un gioco ideato dagli stessi ragazzi

Which opportunities/problems does it address to: 

L’integrazione personale e sociale
Il rispetto per sé, per il compagno di squadra, per l'avversario, per l'ambiente.

Please explain what is unique or special in your project: 

Sperimentare e vivere nei giochi quei valori che, se sviluppati nei giovani, restano valori assoluti da applicare al quotidiano.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Il progetto favorisce, attraverso il gioco, la partecipazione attiva dei giovani perché imparino a condividere, in gruppi eterogenei, spazi, regole, finalità ed i valori positivi del confronto.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Other
Other: 
Fondo istituito dalla scuola
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Progetto Italia-Africa

Il progetto vuole promuovere un ponte digitale con alcune realtà scolastiche dell'Africa

1. Project summary
Summary: 

Sensibilizzare i giovani alla multiculturalità rendendo possibile un incontro vero tra giovani di continenti diversi

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
LSS I.Newton
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Alessandra Borra
E-Mail: 
sandraborra@yahoo.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 29 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Utilizzo di network in rete ( es. "Facebook") a scopo comunicativo

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Viaggio realizzato in territorio algerino presso i campi profughi Saharawi

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
Is your project economically self sufficient now: 
Yes
Insert date: 
09/01/2008
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

In altre scuole

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Officina del recupero

Avvicinare i giovani a partire dalla scuola primaria al tema del recupero e riutilizzo dei materiali informatici con attività laboratoriali.

1. Project summary
Summary: 

Partecipazione dei ragazzi all'attività laboratoriale, riorganizzazione hardware e software, sviluppo di competenze anche in ambito open source.
Progetto che ha avuto una menzione speciale "comuni ricicloni" patrocinato dal Ministero dell'Ambiente.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
ITIS "G. Armellini"
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Emilio Caprasecca
E-Mail: 
emilio.caprasecca@tiscali.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 29 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
08/01/2007
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Consapevolezza e competenze specifiche acquisite dagli studenti nel risolvere diverse problematiche legate all'uso dell'"assistenza ai centri anziani nella realizzazione degli internet point

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

300 PC riciclati e ceduti ad organizzazioni del territorio

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
12. Transferability
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Raccontiamoci

Realizzazione di un e-book di storie raccontate direttamente dai bambini

1. Project summary
Summary: 

L'idea nasce dallo scambio epistolare tra i bambini delle scuole gemellate (157° CD e GHS Fontem/Cameroun).Le insegnanti delle rispettive scuole hannmo raccolto il materiale (racconti e disegni) e in seguito hanno realizzato con i bambini un ipertesto.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Passoscuro - Lazio
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
157° CD Torreimpietra
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Margherita Frappa
E-Mail: 
margherita.frappa@istruzione.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 10 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2007
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Cooperazione e scambio interculturale con l'ausilio delle TIC

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Maggiore sensibilità dei bambini e dei docenti riguardo ai temi interculturali

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 3 to 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

in altre scuole

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Musicanto

Stimolare la socializzazione attraverso lo studio e la pratica del canto.

1. Project summary
Summary: 

- Educazione musicale di giovani
- Sviluppare spirito di cooperazione e collaborazione
- Educare alla tolleranza

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Scuola Papa Wojtyla
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Maria Luisa D'amelio
E-Mail: 
luisa.damelio@libero.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 10 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
12/11/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Favorire l asocializzazione e l'interpretazione multiculturale.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Ottimi

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Festincontro

Festincontro promuove l'interazione e l'integrazione scuola-territorio e creare occasioni di promozione umana e culturale

1. Project summary
Summary: 

Originariamente Festincotro nasce come momento, interno alla scuola, di promozione solidale.Nel tempo,potenziandosi l'apertura agli enti e al territorio in senso lato, il progetto acquisisce una connotazione più complessa articolandosi su piani diversi: assiologico - valoriale/culturale - creativo - recupero delle tradizioni - interazione mondo del lavoro - scuola - sviluppo di sempre più complesse occasioni culturali. Il progetto percorre trasversalmente tutta la scuola e si conclude con una manifestazione di più giorni.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
S.M.S. Ettore Majorana
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Anna Maria Sulpizii
E-Mail: 
amsulpizii@yahoo.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/01/1995
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

1. Sviluppare il protagonismo dei ragazzi 2.Promuovere solidarietà consapevole 3.Creare nuove e alternative occasioni di crescita culturale 4.Favorire una sempre maggiore integrazione tra scuola e territorio

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Notevole risonanza sul territorio che crea occasioni di sempre maggiorni opportunità culturali per gli alunni e scambio per i docenti.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Sponsorships
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

nasce come momento solidale,cersce e si sviluppa come momento di incontro scuola-territorio e luogo di avviamento di concrete attività culturali di rete

Barriers: 

sicuramente quello economico

Solutions: 

diponibilità e professionalità dei docenti, grande disponibilità dei genitori e del territorio

Future plans and wish list: 

possediamo 4 variabili costitutive: professionalità, competenza, disponibilità e creatività. Sarebbe opportuno incentivare la variabile economica

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

"Psycolab"

Così testimoniano gli studenti:Psycolab è utile perché ci permette di esprimere le nostre opinioni e conoscere quelle degli altri.

1. Project summary
Summary: 

"Psycolab" è una piattaforma gratuita. E' un blog utilizzato per lo studio e l'approfondimento in un contesto accattivante per i partecipanti.Sono coinvolte le classi del biennio e del triennio dell'Indirizzo SPP. E' costruito con linguaggio asp. Le sezioni sono le seguenti:Concorso albo scuole. (197articoli),DARWIN (24),DISABILITA' (13),DIZIONARIO (22), ELEMENTI STATISTICA (61),Erikson (5),ETA' DI MEZZO (7),FILM (44),FREUD (84),FROMM (14), GESTALT (4),GIOCO (7),Giovani (11),Indirizzo psicodinamico (101),INTELLIGENZA (14),Intervista a esperti(14),LAVORO (4), MEMORIA (16), Ottava fase (4), PENSIERO (5),PRIMI ANNI DI VITA (84), PSICOLOGIA SOCIALE (55),PUBBLICAZIONI (1),RICERCA (55),Scuola (14),SOGNI (12),SONDAGGIO (51),Studente efficace 103)
TEST (62),Training Autogeno (14),TV (15),UMORISMO (9),VIAGGI (7)

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Chioggia
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Liceo SPP "G.Veronese" Chioggia
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Ruggeri Fortunata
E-Mail: 
lilianaprof@interfree.it
6. Website
The website of the project: 
http://www.didafree.it/public/blog/psicolab/dblog/
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
26/10/2007
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Risp. le ragazze -Psycolab è utile per vari motivi: uno di questi perché possiamo svolgere i compiti da casa utilizzando il pc, il che può essere un modo anche più divertente di imparare. Poi, possiamo esprimerci come meglio crediamo e possiamo fare un confronto tra le nostre risposte e quelle dei compagni. Inoltre, nel blog sono presenti anche articoli che riguardano opinioni delle ragazze di altre classi del triennio così se qualcuno ha qualche curiosità sul programma che andrà a svolgere l’anno successivo può leggere gli articoli e farsi un' idea.

What does it try to achieve and how: 

Con la continua ricerca- azione; con la documentazione e l'approfondimento.

Which opportunities/problems does it address to: 

Psycolab è un altro piacevole ed interessante metodo di comunicazione tra noi ragazzi. Attraverso il blog riusciamo ad esprimere le nostre idee e pensieri e a capire anche quello che pensano gli altri. E' facile il collegamento on line anche a casa. Io penso che si potrebbe migliorare l’attività cercando di aprire un dialogo diretto tra noi ragazzi proprio per comunicare direttamente su ciò che si pensa riguardo a un argomento concordato. Gli articoli pubblicati sono tutti quegli argomenti che trattiamo dalla classe prima fino ad oggi:psicologia, sociologia, comunicazione, ricerca, arte, attualità, solidarietà, diversità, pari opportunità,intercultura, sondaggi di opinione, test, e interviste ad esperti..

Please explain what is unique or special in your project: 

Scrivere in questo blog è stato piacevole e bello perché è un’attività diversa dalle altre. E' utile e coinvolgente e alleggerisce il carico di impegno quotidiano a scuola e a casa.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Risp. delle alunne- potrebbe servire anche in altre esperienza della mia vita. E' un mezzo importante ed efficace per imparare. Non richiede molto tempo e imparare è sempre utile.

How does it fulfill the users’ needs: 

Risp. delle alunne-Questa attività è molto interessante. Penso che si potrebbe estendere anche ad altre materie. Ho risposto a molti argomenti nel blog. Tutti sono stati molto interessanti ma solo alcuni in particolare mi hanno colpita. Uno di questi è l’ultimo articolo che parla dell’intelligenza del pc dove ognuno ha detto la sua e si è arrivati alla conclusione che i pc non sono intelligenti. Molto interessante è stato anche lo studio, non ancora concluso della statistica. Uno dei primi articoli che ho trovato molto simpatico e divertente era descrivere le caratteristiche di un insegnante modello. Ho risposto anche a questionari su Freud, e su altri studiosi importanti della psicologia.

How many users interact with your project per month and what are the preferred forms of interaction: 

Gli alunni del biennio e del triennio del Liceo SPP

How has it improved the quality of educational and/or training services: 

risp. le alunne- è molto utile, soprattutto perché possiamo imparare cose nuove e scrivere il nostro parere sulle cose che e sul mondo che ci circonda e possiamo anche leggere il parere delle compagne delle altre classi.

How has it improved the participation of professionals, children, youth and other stakeholders: 

Ache la possibilità di collegarsi a casa è molto comoda, così puoi leggere tutti gli articoli che ci sono nel blog nella tranquillità di casa tua. Fino ad oggi ho risposto a 22 articoli che riguardano: l’umorismo, l’indirizzo psicodinamico, come avere successo a scuola, le emozioni, il training autogeno, veri commenti sulla visione di film, la personalità, Sigmund Freud, Alfred Adler e il complesso d’inferiorità, la psicopatologia nella vita quotidiana, le varie facce della vita quotidiana, Erick Fromm, test di Lucher, gli extracomunitari, sondaggio sull’orario scolastico, la comprensione, le conclusioni dell’anno scolastico, se è meglio leggere ad alta voce o no, lo sviluppo del pensiero intelligente, il pensiero, l’uso del pc della tv e del cellulare, questionario sull’esperienza di psycolab; l'intervista a insegnanti e artisti come la scultrice Franca Dalcomune.

How does it promote the use of ICT for the educational and cultural development by professionals, children and youth: 

E' un utile strumento on line. Tutti possono fruirne gratuitamente

Describe how you measure (parameters) these results: 

Interviste e sondaggi periodici

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 3 to 6 years
12. Transferability
What lessons can others learn from your project: 

A studiare in modo attivo e coinvolgente, scivere, approfondire, ricercare, indagare, pubblicizzare,...

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

Lo spazio è offerto gratuitamente dal web master della scuola elementare Chioggia 2.

Barriers: 

Al momento non ci sono state difficoltà

Future plans and wish list: 

Di continuare su questa strada

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data
Syndicate content