• strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_handler_argument::init() should be compatible with views_handler::init(&$view, $options) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_argument.inc on line 33.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_node_status::operator_form() should be compatible with views_handler_filter::operator_form(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/modules/node/views_handler_filter_node_status.inc on line 6.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 14.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.

social network

Recycling: a way of living

Recycling : way of living , lettura e salvaguardia del territorio

1. Project summary
Summary: 

Il progetto curriculare eTwinning “Recycling,way of living”, ha avuto lo scopo di rendere gli studenti consapevoli della realtà ambientale in cui vivono e protagonisti di comportamenti che possano realmente costruire uno “sviluppo sostenibile” di ciò che li circonda e indurli ad una conoscenza reciproca e all’uso di un comune strumento linguistico. L’input esterno del progetto è nato sia dall’esigenza di sperimentare nuovi percorsi didattici, che possano rendere l’allievo sempre più consapevole del suo ruolo attivo all’interno della scuola e della società, sia dall’esigenza di dare delle risposte a problemi palesemente condivisi, approfondire l’esplorazione del mondo circostante,attraverso l’osservazione diretta dei fenomeni ambientali e confrontarsi con i partners europei : Polonia,Grecia e Francia. Tali necessità hanno consentito al team progettuale e cooperativo, costituito da docenti, Dirigente scolastico, tecnico informatico e alunni di classi differenti di andare oltre la programmazione didattica curriculare. Il team,utilizzando la metodologia partecipativa del project work, ha sviluppato la responsabilità individuale e di gruppo, dove ogni componente ha avuto un ruolo preciso e ha dato anche un contributo in termini di creatività.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Catania
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato “E . Fermi”
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Lucia Turiano
E-Mail: 
liciaturi@alice.it
6. Website
The website of the project: 
http:// www.etwinning.net
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/01/2007
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Il progetto si svolge in un istituto-IPSIA “E.Fermi”- ubicato nella periferia nord della città di Catania che accoglie studenti provenienti da diverse zone della città, a rischio e non, e dalla provincia. Il background socio-culturale è medio-basso e numerosi sono i giovani che vivono situazioni di disagio psicologico e familiare, per cui l’istituto diventa per molti l’unica alternativa al contesto di provenienza. La scuola si pone quindi come link tra queste realtà e si propone di intervenire con azioni progettuali fondate su metodologie partecipative ed integrative attivando da diversi anni, progetti di cooperazione europea come eTwinning, Comenius, Assistentato Comenius,etc. In particolare il progetto “ Recycling: a way of living” si prefigge di contribuire in maniera fondamentale allo sviluppo della dimensione europea nell'educazione, utilizzando la lingua straniera non come il fine di un apprendimento auto-referenziale ma come un mezzo di comunicazione, e all'uso delle Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione (TIC) per la pedagogia. • Sviluppare la dimensione europea dell’istruzione • Migliorare la competenza nella L2 creando occasioni di uso “reale” della lingua straniera attraverso lo scambio di informazioni tra pari di differenti culture • Diversificare l'apprendimento attraverso le Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione (TIC). • Usare le TIC per creare, comunicare e condividere. • Educare ad un approccio multidisciplinare e multiculturale al sapere • Far conoscere le principali tematiche relative all’ambiente • Utilizzare la nuova metodologia partecipativa del “ project work “ e del “cooperative learning” OBIETTIVI SPECIFICI • Sviluppo delle capacità autonome di ricerca • Sviluppo delle capacità di analisi e sintesi dei contenuti teorici • Sviluppo e potenziamento della lingua inglese • Utilizzo di strumenti informatici per le varie fasi del progetto

What does it try to achieve and how: 

Il progetto ha utilizzato la cultura multimediale per la sua realizzazione, sfruttandone le sue straordinarie possibilità nella didattica. Così gli studenti hanno imparato a creare file di immagini, elaborare testi, utilizzare software e slideshows, navigare all’interno del Twinspace “eTwinning” usare word e power-point, utilizzare la scrittura collaborativa con Wiki ,creare un blog e realizzare e postare dei video. In particolare le applicazioni del Web 2.0 –blog. wiki, condivisione di risorse, social networking- si sono rivelati strumenti utili per docenti ed alunni perché hanno consentito di sperimentare una nuova modalità di lavoro e di poterla commentare. La realizzazione dei video da parte dei ragazzi ha permesso di esprimere la loro creatività con un mezzo nuovo ma vicino ai loro interessi e alle loro esigenze. Inoltre il progetto ha valorizzato la cultura dei new media, quali chat, sms, forum per ampliare la cooperazione e il dialogo tra pari, in un’ottica di cooperazione europea .

Which opportunities/problems does it address to: 

Tale percorso ha consentito: • allo studente di uscire dal chiuso dell’aula scolastica • alle diverse componenti scolastiche di lavorare in team ( cooperative learning) • al Collegio dei docenti di condividere gli obiettivi • ai genitori e alunni dell’istituto di essere coinvolti attraverso un’informativa costante(circolari,albo dell’istituto,conferenze,etc.) • agli esponenti degli enti locali di partecipare ad incontri ,che hanno permesso agli alunni di venire a contatto con le problematiche ambientali del proprio territorio e di conoscere le soluzioni proposte e adottate dalle istituzioni.

Please explain what is unique or special in your project: 

L’innovazione e la creatività : la tematica sviluppata è risultata innovativa nelle argomentazioni perché ha indotto gli studenti a partecipare attivamente all’interiorizzazione del fenomeno studiato e a ricercare soluzioni che avessero una valenza scientifica e socio-economica. Ciò ha determinato l’uso di strategie quali il problem-solving ed il project work, metodologie partecipative che hanno guidato gli alunni nelle fasi di condivisione-ricerca-selezione–rielaborazione e sintesi dei dati raccolti. Il progetto ha permesso di “imparare ad imparare” perché la sua realizzazione ha consentito l’acquisizione di un nuovo metodo di studio, più responsabile e significativo. Proficua è stata l’organizzazione dei ragazzi in gruppi di lavoro,dove ogni componente ha avuto un ruolo e ha dato il proprio contributo, anche in termini di creatività,abituandosi a lavorare in team. Particolarmente innovativa è stata la presenza di un’assistente Comenius ,di nazionalità polacca ,durante la realizzazione del progetto,che ha stimolato i ragazzi al dialogo e al confronto.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Lo scambio didattico-pedagogico tra i docenti ha consentito una crescita professionale dovuta all’uso di nuove metodologie e incrementato la dimensione europea dell’istruzione ampliando gli orizzonti di comunicazione, di conoscenze, di esperienze per il conseguimento di obiettivi comuni. Gli alunni hanno migliorato la conoscenza della lingua inglese come lingua veicolare, l’uso positivo delle TIC e potenziato le competenze trasversali e le capacità organizzative e rielaborative. In un clima di collaborazione e competizione attiva hanno sperimentato, inoltre, un percorso di ricerca-azione e modalità di lavoro cooperativo tra differenti paesi europei su temi di importante attualità (ecologia , impatto ambientale, consumsmo), aumentando così la motivazione verso lo studio e il successo scolastico. Il progetto ha ottenuto un riconoscimento significativo con l’assegnazione del Quality Label Europeo e l’inserimento nel volume “Le competenze chiave nell’apprendimento: il contributo di eTwinning” sezione : Esempi di qualità per le competenze scientifiche.

How does it fulfill the users’ needs: 

Il progetto, abbandonando l’aula scolastica e trasformando la lezione tradizionale in lavoro collaborativo e di condivisione , offre l’opportunità agli alunni di fare scuola in maniera innovativa, di migliorare le competenze linguistiche, di confrontarsi con i pari europei attraverso l’utilizzo delle TIC che consentono , in un contesto internazionale, di attivare differenti canali comunicativi per personalizzare il processo di insegnamento/apprendimento.Tutto ciò contribuisce inoltre a sviluppare un’ identità allargata,con alla base il rispetto per “l’altro” e la tolleranza,nella prospettiva dell’Europa del domani .

How many users interact with your project per month and what are the preferred forms of interaction: 

L’interazione tra docenti referenti (2) ed alunni (40 circa) avviene settimanalmente, durante le ore curriculari assegnate dal C.d.C. allo sviluppo del percorso progettuale.Le riunioni con il D.S. ,alle quali partecipano anche alcuni alunni, sono frequenti e costituiscono un momento importante di confronto e raccordo. I rapporti con i partners sono quasi quotidiani, con un proficuo scambio e confronto sugli obiettivi del progetto e si vanno via via trasformando in rapporti di amicizia e continua collaborazione con scambi di foto , riflessioni e aggiornamenti sul miglioramento della cooperazione e della dimensione europea dell’istruzione.

How has it improved the quality of educational and/or training services: 

Il lavoro per progetti sviluppa anche competenze trasversali oltre che capacità organizzative e rielaborative, non solo tra gli studenti ma anche tra i docenti coinvolti che hanno interagito con dinamiche didattico-educative talvolta diverse e proprio per questo significative . Particolarmente formativi sono stati i contatti e l’incontro con i pari europei che si sono concretizzati con la realizzazione di un viaggio d’istruzione presso la scuola partner greca di Atene e quella francese di Bagneux con la condivisione della giornata, organizzata dall’ Università Paris-Sud d’Orsay, dedicata a “ Faites de la science” e all’esposizione di progetti scientifici, che ha consentito un ulteriore confronto con le esperienze didattico-scientifiche dell’istruzione francese.

How has it improved the participation of professionals, children, youth and other stakeholders: 

Il lavoro collaborativo e di condivisione, non solo all’interno dei gruppi di lavoro ma anche con i docenti e studenti partner, con i quali si programmavano le tappe del percorso e si stabilivano le scelte operative per il proseguo dei lavori e la realizzazione dei vari prodotti ,ha ottimizzato la partecipazione di tutti i componenti del team di progetto. Frequenti sono stati infatti gli scambi di informazioni, comunicazioni, obiettivi e attività che hanno coinvolto sinergicamente tutti i protagonisti. I contatti sono stati frequenti e hanno sfruttato pienamente le potenzialità multimediali delle nuove tecnologie, utilizzando non solo gli strumenti del Twinspace:forum, chat, messaggi di posta, ma anche quelli dei social network ,videochiamate etc. L’articolazione del progetto esplicitato in un complesso di obiettivi e azioni specifiche ha consentito di lavorare in sinergia mettendo a reciproca disposizione la ricchezza e la complessità di conoscenze in un’ottica di pluri-interdisciplinarità.

How does it promote the use of ICT for the educational and cultural development by professionals, children and youth: 

Un progetto di cooperazione europea implica necessariamente una comunicazione basata su competenze digitali finalizzate non solo al reperimento, analisi ,elaborazione, dati statistici etc ma ad una integrazione delle conoscenze, delle connessioni , degli scambi e delle relazioni con altri soggetti presenti negli stessi ambiti.Il progetto offre l’opportunità di utilizzare un luogo di interazione, un social network ad es. non solo per motivi di svago ma per la realizzazione di obiettivi ,confronti e esperienze in ambito internazionale.Naturalmente le nuove tecnologie vanno utlizzate, sotto il controllo dei docenti, con una valenza formativa,consapevolezza e per precisi obiettivi didattici.

Describe how you measure (parameters) these results: 

Le attività svolte in aula durante le ore curriculari sono documentate dai registri di classe e dai lavori laboratoriali.Controlli in itinere vengono effettuati sulla base delle attività svolte, sullo sviluppo delle competenze acquisite dagli alunni e sul raggiungimento degli obiettivi concordati con i partners.La valutazione avviene periodicamente effettuata attraverso questionari ed interviste, sull’avanzamento dei lavori postati ,sulle difficoltà incontrate, sull’interesse , la partecipazione, il profitto e le abilità acquisite.Sono previsti inoltre degli incontri di progetto per pianificare e monitorare il percorso progettuale.E’ doveroso , comunque , sottolineare che spesso, trattandosi di progetti che si sviluppano in itinere, i risultati, i compiti, le funzioni sono governati da variabili esterne e/o interne indipendenti e non prevedibili.Lavorare in team significa anche saper gestire sapientemente imprevisti e saper mediare tra culture diverse

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 3 to 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
From 10.001 to 30.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
Yes
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
What lessons can others learn from your project: 

Gli esiti positivi conseguiti dal progetto hanno evidenziato l’efficacia delle strategie utilizzate. Il problem-solving e il project work hanno contribuito allo sviluppo di competenze ed abilità quali la capacità di selezionare informazioni, tabularle , contestualizzarle e trarre le conclusioni in base ai risultati. Predisporre anche il lavoro attraverso attività ludico-creativo ed interattive ha abituato i giovani al dialogo, alla tolleranza e al rispetto delle opinioni altrui, preparandoli così a diventare a pieno titolo futuri cittadini europei e ad acquisire la consapevolezza dei diritti della cittadinanza attiva. Tali caratteristiche consentono al percorso progettuale non solo di essere applicabile nella didattica ordinaria coinvolgendo diversi ambiti disciplinari ma l’estensione alle altre classi dell’istituto e la sua diffusione presso differenti corsi di studi,dal momento che l’obiettivo è stato ,al di là dei contenuti, “imparare ad imparare” e quindi il miglioramento del processo di insegnamento-apprendimento. Il superamento di competenze prettamente disciplinari ,senza rinnegarle, ha offerto un’occasione per acquisire le “ competenze chiave “ necessarie per sostenere un apprendimento permanente , orientarsi in situazioni problematiche di vita quotidiana ed esercitare consapevolmente la cittadinanza attiva.

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

Le scuole europee partners (fondatori e non): scuola, città, stato, doc. ref. SCUOLA : 1 Epal Ymittou - Atene – Grecia Docente referente : Eleftheria Politaki SCUOLA : Szkola Podstawowa im. Jana Pawla II –Jaworzni –Polonia Docente referente : Renata Mazur SCUOLA : Lycèe professionel Léonard de Vinci – Bagneux - Francia Docente referente : Marie-Edwige Mallet

Barriers: 

La sinergia riscontrata tra le scuole partners e gli operatori del progetto non si è invece riscontrata con i restanti docenti della scuola, questo è l’unico punto di debolezza rilevato, nonostante la condivisione degli obiettivi e finalità del percorso che si intendeva realizzare. Le cause di tale atteggiamento sono forse da addebitarsi alla permanenza,in un buon numero di docenti,di una visione tradizionalistica e contenutistica dell’insegnamento, la cui validità è assicurata solo quando lo studente conosce i contenuti della propria disciplina e non si occupa di altro che possa distoglierlo dallo studio “serio”.

Solutions: 

La scuola ha cercato e cerca ancora di modificare tale atteggiamento attraverso corsi di formazione di innovazione metodologica e il coinvolgimento di un sempre maggior numero di docenti in progetti di questo tipo.

Future plans and wish list: 

Gli alunni auspicano che la loro attività abbia una ricaduta positiva anche all’esterno della scuola e che si possano organizzare conferenze, meeting, tavole rotonde dove i protagonisti siano non i politici e/o i rappresentanti degli Enti Locali ma i giovani stessi, pronti a fare da tutors e a sensibilizzare i loro coetanei ai seri problemi ecologici del nostro pianeta e alle possibili soluzioni e terapie d’urto da adottare. Per far ciò non è necessario alcun finanziamento ma sarebbe sufficiente soltanto la disponibilità dei Dirigenti Scolastici del territorio ad aprire i loro istituti e dare la parola ai nostri giovani che rappresentano il futuro del mondo. LINK: http://twinblog.etwinning.net/2460/ twinblog http://www.etwinningsicilia.altervista.org/ eTwinningsicilia -Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia http://www.etwinningsicilia.altervista.org/index.php?option=com_fireboar... L'intervento sul forum da parte degli studenti della III A ome dell'I.P.S.I.A. E. Fermi di Catania http://etwinningstudents.blogspot.com/ Renewable energy – etwinningstudents blog - Classi II e III A OME Istituto "E.FERMI" CT http://picasaweb.google.com/fdsregional/ForumRegionalFaitesDeLaScience6D... Reportage photos du 6è forum regional "faites de la science" d'Orsay http://picasaweb.google.com/fdsregional/ForumRegionalFaitesDeLaScience6D... FOTO DELLE 2 SCUOLE : FRANCE + ITALY http://www.faitesdelascience.u-psud.fr/index.html HOME PAGE : faites de la science

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

CESVIAMO. SCOMMETTI CHE CI RIUSCIAMO?!?

Cesviamo.org e’ il primo social network che fa della solidarietà un gioco divertente e responsabile

1. Project summary
Summary: 

Il social network Cesviamo.org nasce da un’idea di Cesvi, una delle organizzazioni non profit italiane più attive e intraprendenti. Il social network cesviamo.org invita i ragazzi a mettersi in gioco in prima persona, diventare fund raiser in modo alternativo e divertente, ossia lanciando la propria scommessa per raccogliere fondi a sostegno di sei progetti Cesvi: fermiamo l’aids sul nascere, case del sorriso, l’acqua è vita, angeli contro la malaria, Il futuro del Tajikistan e Custodi dell’Amazzonia. Estremamente semplice l’idea da cui nasce questo progetto: si è voluto trasformare una sfida sociale di vasta portata come il fund raising, in una sfida personale e divertente, in un gioco che appassioni e proietti i giovani in prima linea nel sostegno di progetti di solidarietà, sviluppo e lotta contro la povertà. Il funzionamento è semplice: ci si registra, si sceglie un progetto a cui destinare la somma raccolta, si dichiara la somma-obiettivo e la durata della scommessa che, se vinta, servirà per portare a termine una piccola parte del progetto selezionato. La cifra in gioco può variare dai 25 ai 10.000 euro e a ogni somma corrisponde un tempo massimo di raccolta. Il passo successivo è lanciare la propria scommessa: inverosimile o faticosa, buffa o serissima. Ognuno sceglie la propria e può condividerla con il proprio network di amici, invitando tutti a scommettere con una donazione. Se si riesce a raggiungere l’obiettivo nei tempi stabiliti, la sfida sarà vinta: Cesvi attiverà l’intervento finanziato e il giocatore dovrà tenere fede alla scommessa. Se non lo si realizza, la somma raccolta andrà comunque a favore di un progetto di Cesvi. Perché l’importante non è vincere, è mettersi in gioco. Alla base del progetto c’e’ la volontà di responsabilizzare gli strumenti di social networking, il web 2.0. e i giovani che ne sono i principali fruitori. Layout accattivante e funzionalità intuitiva sono il trampolino di accesso per un ambiente virtuale aperto fatto di condivisione, sperimentazione, creatività attraverso cui comunicare esperienze divertenti ma responsabili, che abbiano come fine ultimo la raccolta di fondi per progetti di responsabilità sociale. Sostenuto da Nokia, partner ideale per la grande esperienza nel mondo dei giovani e delle nuove tecnologie, e da Fox4dev, il progetto si propone di sfidare e innovare la cultura della solidarietà in Italia per aumentare il numero delle donazioni online e promuovere un nuovo interesse per la l’impegno e la responsabilità sociale

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Bergamo
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
CESVI
4. Type of organization
Select type: 
Association
5. Project coordinator
Name and Surname: 
MARILENA SOBACCHI
E-Mail: 
MARILENA.SOBACCHI@KETCHUM.IT
6. Website
The website of the project: 
http:// WWW.CESVIAMO.ORG
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 29 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/12/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Avvicinare i giovani al tema solidarietà in modo divertente e invitarli a mettersi in gioco per costruire insieme un futuro migliore per tutti. Promuovere nei giovani un nuovo interesse per l’impegno e la responsabilità sociale. Responsabilizzare gli strumenti di social networking e il web 2.0. Recruiting di “volontari online” attraverso il divertimento e lo stimolo a fare qualcosa per il piacere della condivisione e del gioco. Raccogliere fondi per Cesvi attraverso il coinvolgimento dei giovani su qualcosa che riguarda loro personalmente, prima ancora che una causa sociale

What does it try to achieve and how: 

Cesviamo.org cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati attraverso un utilizzo alternativo, responsabile ma divertente del social network e del web 2.0, creando un ambiente intuitivo e coinvolgente che stimoli a mettersi in gioco per cambiare il mondo e portare nell’immediato un aiuto concreto a progetti fondamentali di responsabilità sociale

Which opportunities/problems does it address to: 

Cesviamo.org vuole avvicinare i giovani alla responsabilità sociale e alle attività di fund raising e beneficienza, cercando di proiettarle in una dimensione nuova: la leva su cui agisce il social network è quella della coesione giovanile, del “far gruppo” per condividere esperienze gioiose come deve essere la donazione. Inoltre, Cesviamo.org punta i riflettori su progetti Cesvi di particolare rilevanza che toccano le seguenti aree d’intervento: sanità, con progetti a favore della salute delle mamme e dei bambini e di lotta contro malattie endemiche (come malaria e aids); infanzia e giovani con la realizzazione delle case del sorriso; acqua e igiene ambientale; ambiente e sviluppo sostenibile.

Please explain what is unique or special in your project: 

Cesviamo.org è il primo social network che si occupa di solidarietà in Italia e si prefigge di abbattere i confini geografici, politici e d’età dei donatori italiani, parlando un linguaggio semplice, diretto, informale e soprattutto contemporaneo

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

• OLTRE 500 SCOMMESSE IN 6 MESI • 432 UTENTI • OLTRE 140 MILA EURO RACCOLTI TRA DONAORI E SPONSOR • TRE GRUPPI SORTI SPONTANEAMENTE E LEGATI A CESVIAMO CON QUASI 700 ISCRITTI • 3.500 VISITE AL MESE

How does it fulfill the users’ needs: 

Cesviamo.org soddisfa il desiderio di “protagonismo”, il desiderio di divertimento, la voglia di coesione e di far gruppo, la passione e l’abilità a utilizzare le nuove tecnologie, la volontà ad impegnarsi nel sociale per realizzare qualcosa di concreto che possa fare la differenza.

How many users interact with your project per month and what are the preferred forms of interaction: 

N. DI UTENTI: 432 Gli utenti sono per la maggior parte giovani frequentatori di social network, navigatori del web con attitudine al volontariato, giovani curiosi, attivi, impegnati. La fascia di età va dai 16 ai 29 anni. L’interazione è semplice. Una volta registrati al sito www.cesviamo.org, si diventa ufficialmente fundraiser e si può selezionare uno dei sei progetti identificati da Cesvi come destinatari dei fondi raccolti dalla web community CESVIAMO. Lo step successivo consiste nel dichiarare la somma-obiettivo e le tempistiche della scommessa che, se vinta, servirà per portare a termine una piccola parte del progetto selezionato. La cifra in gioco può variare dai 25 ai 10.000 euro e a ogni somma corrisponde un tempo massimo di raccolta. Poi, basterà liberare la fantasia e lanciare (anche con un video) la scommessa più esilarante e sensazionale da comunicare al proprio network di amici, invitando tutti a scommettere con una donazione. Una volta creata la propria pagina e il proprio profilo con foto, filmati e i dettagli della sfida e del progetto per cui ci si mette in gioco, si potranno inviare email, inserire banner e appelli su blog, web site e social network. Per controllare l’andamento della scommessa e i fondi raccolti basterà collegarsi alla propria pagina o farlo tramite il widget scaricabile sul pc. Se si riesce a raggiungere l’obiettivo nei tempi stabiliti, la sfida sarà vinta: Cesvi attiverà l’intervento collegato e il giocatore dovrà tenere fede alla scommessa. Se non lo si realizza, la somma raccolta andrà comunque a favore di un progetto di Cesvi. Perché l’importante non è vincere, è mettersi in gioco. La home-page di CESVIAMO visualizzerà le scommesse in scadenza, le ultime sfide vinte, quelle dei VIP che sceglieranno di scendere in campo per fare la differenza. Grazie all’archivio, si potrà consultare l’elenco di tutte le scommesse in scadenza, lanciate e chiuse con relativo importo raccolto. Sulla pagina di uno scommettitore apparirà il suo nome, una sua foto, un video in cui lancia la propria sfida, la descrizione della scommessa e la somma-obiettivo, la cifra raccolta fino a quel momento, la data di scadenza, le foto di chi ha scommesso/donato, i dettagli del progetto a cui devolverà i fondi e le parole di incitamento di un testimonial dei Paesi del Sud del mondo coinvolti nei progetti supportati da CESVIAMO.

How has it improved the quality of educational and/or training services: 

Cesviamo.org trasforma la voglia di protagonismo, divertimento, sfida dei giovani in un progetto straordinario di solidarietà. Cesviamo.org offre un’originale modalità di stare insieme e divertirsi con questo plus: il desiderio di emergere ed “essere visto” si tramuta in possibilità di aiutare realmente e attivamente le popolazioni in difficoltà a causa del sottosviluppo, o più sfortunate a causa di guerre, calamità naturali e disastri ambientali. Attraverso questo nuovo social network i giovani vengono proiettati in prima linea nel sostegno di progetti di solidarietà, sviluppo e lotta contro la povertà. Ma non solo. Cesviamo sta diventando una case history per alcuni corsi universitari di carattere economico, sociologico, di marketing e comunicazione. Presso l’Università Cattolica di Milano, sono stati individuati docenti e corsi che tratteranno CESVIAMO come originale case history 1. di marketing etico e fund-raising che aiuti a sviluppare il tema delle nuove opportunità per l'impresa che possono scaturire dall’innovativo legame tra business, gaming e social network (ambiti finora mai legati tra loro per fini etici) e aiuti ad analizzare le incursioni del gaming e dei social network nei settori del marketing, del fund raising o anche del recruiting di volontari/sostenitori attivi; 2. di comunicazione e marketing digitale; 3. di formazione ed educazione giovanile.

How does it promote the use of ICT for the educational and cultural development by professionals, children and youth: 

Cesviamo.org è, di fatto, un social network dal carattere nuovo e innovativo. Il progetto nasce dalla volontà di avvicinare il mondo della solidarietà al mondo dei giovani attraverso “la loro passione per eccellenza”: le nuove tecnologie. In questo modo, new media come il web 2.0, facebook, twitter, youtube… diventano non solo opportunità di aggregazione e condivisione ma anche occasione per fare del bene e canali di apprendimento e responsabilizzazione politico-sociale grazie ai progetti che si possono sostenere attraverso le scommesse

12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

Il social network Cesviamo.org nasce da un’idea di Cesvi, una delle organizzazioni non profit italiane più attive e intraprendenti nel panorama italiano; è stato realizzato grazie all’aiuto di Tribal DDB (web agency del Gruppo DDB Communication) che l’ha progettato e implementato; è stato abbracciato e sponsorizzato da Nokia e da Fox (attraverso fox4Dev, ossia la struttura creata da FOX International Channels per promuovere, attraverso la comunicazione e l'impegno diretto dell’azienda, lo sviluppo sostenibile) che vi hanno visto un canale alternativo, innovativo, giovane attraverso cui sensibilizzare e coinvolgere i giovani utenti, il proprio pubblico, il personale interno nella realizzazione concreta di progetti di sviluppo e di tutela ambientale

Future plans and wish list: 

Per il futuro, Cesvi si propone di ampliare e potenziare ulteriormente la riflessione e l’analisi delle tematiche relative ai giovani e al loro coinvolgimento in materia di cooperazione e donazione. Il suo obiettivo è acquisire e implementare strumenti che permettano un ascolto e una comunicazione responsabile e pertinente verso le nuove generazioni perché diventino consapevoli del valore speciale di ogni piccola azione concreta di supporto sociale. Attraverso Cesviamo.org e progetti simili Cesvi vuole promuovere la cultura dell'empatia e dell'autenticità, della pace, della gioia, della bellezza del fare e del donare. Tutto ciò non può che avvenire attraverso rapporti umani caldi e rasserenanti, proposte e opportunità volte a risvegliare il piacere di vivere e condividere esperienze con gli altri. Così, Cesvi aspira a recuperare e coltivare la dimensione piacevole del donare ed è convinto che attraverso occasioni di nuova convivialità (come quelle promosse appunto da Cesviamo) si possano "contagiare" positivamente moltissimi giovani e giovanissimi. La massima ambizione che Cesvi possa avere è che il social network Cesviamo diventi un cult per le nuove generazioni e si possa annoverare tra i website più cliccati in Italia.

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Learning environment and ePortfolio as a tool for learning projects

Developing an international learning project to be the heart of the open learning environment and social network, which consolidates students' ePortfolios and personal learning environments.

1. Project summary
Summary: 



L'ambiente dello studio ed ePorfolio come il mezzo per studiare i progetti.

Progetto internazionale dello studio come il cuore dell l'ambiente dello studio aperto, il quale collega i ePortfogli degli studenti e l'ambienti dello studio personalizzati.

In October 2008 our school started a Nordplus youth project with Vilunda Gymnasium (Sweden). During this project we had 2 studyvisits between counterparts: in February 2009 one class from Kuressaare was learning one week in Sweden and in March swedish students were in Estonia. To share the results of learning project and to continue it, we have an idea to use materials of the project as a center of learning environment. To present works done during project we find that Google Sites is an appropriate tool for open learning environment with lot of open-social gadgets .

The project website http://sites.google.com/site/kgvilunda/ includes the main activities of the project, photostories and blog, also video-interviews with participants http://sites.google.com/site/kgvilunda/uehised-tegemised.

Our project-webpage is like continually expanding source repository, which is united with personal learning environments – student e-Portfolios. E-portfolios can facilitate students’ reflection on their own learning and gives an opportunity to support one’s ability to collect, organise, interpret and reflect on his/her learning and practice. Student e-porfolios are collected with aggregator Pageflake - http://www.pageflakes.com/maitvar

Also we have started to use in our project work an open source social networking platform Elgg: http://www2.oesel.ee/elgg/.

Our learning environment contains in addition links to our other international projects and materials: common blogs with Georgian teachers- http://estgeo.blogspot.com/ , http://keavaliani.blogspot.com/, blog for innovative ideas - http://kg2009in.edublogs.org/, collection of project materials in LeMill

http://lemill.net/content/webpages/kuressaare-gumnaasiumi-projektid/view .

Our project learning environment is a tool for knowledge management, connecting point for further projects, also social network between students and teachers.

 

2. Country (City / Region)
State: 
Estonia
City: 
Kuressaare
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Kuressaare Gymnasium
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Maidu Varik
E-Mail: 
maitvar@gmail.com
6. Website
The website of the project: 
http://sites.google.com/site/kgvilunda/
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
03/10/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 



Targets:

  • to obtain a greater effect from project-based learning using Web 2.0 tools: open source network and publishing platforms - Google Sites, Elgg, Blogger,social aggregators (Pageflakes)
  • to connect personal learning environments (student eportfolios) in one whole open learning environment and network
  • to develop a functioning model for international study-projects

 

Model

 

What does it try to achieve and how: 



The benefits of European cooperation in the framework have been used in our project.

The project used and deepened knowledge of the school subjects: civics, English, geography, information technology, information management. While working on the project we used Skype and MSN.

In the context of a knowledge society, the eportfolio can provide an opportunity to support one’s ability to collect, organise, interpret and reflect on his/her learning and practice. It is also a tool for continuing professional development, encouraging individuals to take responsibility for and demonstrate the results of their own learning.

 

Which opportunities/problems does it address to: 



Frequently the learning-projects are one-off activities, which is difficult to connect with curriculum – our aim is to make from school-project an effective network and material repository, working community of practice.

 

Please explain what is unique or special in your project: 



Using the potential of e-portfolios in the widening contexts in which learning is taking place. Only open-source social software tools (Elgg, Google Sites, LeMill, Pageflakes, Skype, blogs) have been used during the project and connected to the learning environment.

 

10. Results
Describe the results of your project as per today: 




Results of studyproject have been collected and presented on the web. Participating students are continuing work with their eportfolios. Materials have been used for teacher-trainings in Estonia, Sweden, Georgia, Moldova.

 

How does it fulfill the users’ needs: 



As all materials and tools are free, it is a good possibility to get good results with small material expenses. The main advantages are: to see knowledge as a complex, the value of collaborative work, trying  more constructive and creative approach to learning and teaching.

 

How many users interact with your project per month and what are the preferred forms of interaction: 



There are about 30-40 users per months. Preferred interaction is sharing information on webpage with blog sections, also email, MSN and Skype.

 

How has it improved the quality of educational and/or training services: 



Personal eportfolios for students and teachers connected to learning environment can be used on multi-purposal ways for all curriculum subjects and also in teacher-trainings.

 

How has it improved the participation of professionals, children, youth and other stakeholders: 



One of the aims of our project is to make it as working network and virtual community of practice – for students and teachers.

 

How does it promote the use of ICT for the educational and cultural development by professionals, children and youth: 



Students can use the ICT tools what they are using for learning purposes, it helps students make connections among their formal and informal learning experiences

Materials of this project have been used in teacher-training projects in Georgia and Moldova (http://moldest.pbworks.com/ , http://geoest.edublogs.org/ ).

 

Describe how you measure (parameters) these results: 



E-portfolios are both demonstrations of the user’s abilities and platforms for self-expression, and, if they are online, they can be maintained dynamically over time. Creating new Joint projects, reflections and activity of participants demonstrates the viability of our project.

 

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Other
Is your project economically self sufficient now: 
Yes
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Our projectpartner- Vilunda Gymnasium (Sweden) is using the same model.

What lessons can others learn from your project: 



Many other schools throughout Europe are looking for good solutions to find a link between individual and organisational learning- our model is only one way and example.

 

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Un database da scoprire: la sabbia

Vuoi trasformare con noi l’archivio di dati racchiusi nei granelli di sabbia in un archivio digitale pubblicato in Internet per scoprire la terra...granello dopo granello?

 

1. Project summary
Summary: 

Vedi riquadro precedente.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Dolo (VE)
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Istituto Tecnico Commerciale Statale "Maria Lazzari"
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Antonella Solida (matematica) Patrizia Tiberio (scienze della natura)
E-Mail: 
solida@libero.it
6. Website
The website of the project: 
http://sabbione.ning.com
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/02/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

L'obiettivo principale è quello di stimolare nei giovani l'amore per le scienze mediante l'uso delle tecnologie digitali e sviluppare in essi la consapevolezza che tali tecnologie non servono solo "per lo svago e il divertimento" ma soprattutto sono una leva incredibile per portarci alla conoscenza...in generale i ragazzi sono infatti convinti che internet è " bella " finchè serve allo svago e divertimento: con questo progetto vorremmo contribuire a fare in modo che essi capissero che le tecnologie possono contribuire molto a educarsi divertendosi...sarebbe davvero una bella conquista !

What does it try to achieve and how: 

Con la tenacia e la costanza, puntando anche sulla consapevolezza che i cosidetti "nati digitali" possono fare molto con le tecnologie se addestrati ad un uso consapevole di esse.

Please explain what is unique or special in your project: 

Riprendiamo una frase che hanno scritto i tre ragazzi "pionieri" che, tra l'altro hanno partecipato a "I giovani e le scienze 2009" e vinto la partecipazione all'ESI 2009 (Esposizione scientifica internazionale) che si svolgerà a Tunisi dal 23 al 29 luglio : "Tutte le persone che hanno modo di vedere le foto delle sabbie che facciamo allo stereomicroscopio restano incredule; quando poi diciamo che siamo in grado di misurare il diametro medio di un granellino restano sconcertate fino a non credere ai propri occhi vedendo la sabbia “friggere” per la reazione con l’HCl..e se oltre alle persone che ci circondano condividiamo questo enorme archivio di informazioni con il mondo, non può essere un buon motivo per dire che si tratta proprio di un progetto speciale?

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Il progetto, finanziato come laboratorio didattico, nell’ambito di “Scuole aperte”, nato possiamo dire per caso, è diventato un ottimo esempio di utilizzo didattico delle TIC, ottenendo anche importanti riconoscimenti. Infatti o è stato presentato a “I giovani e le scienze 2009” risultando tra i vincitori : il premio consiste nella partecipazione all’ESI , esposizione internazionale della scienza e della tecnica per i giovani che si terrà a Tunisi dal 23 al 29 luglio.

Inoltre è stato presentato a Padova a “Sperimentando”, ottenendo una menzione di merito per il coinvolgimento planetario e l’accuratezza della presentazione.

Il 25 maggio la classe è stata invitata a partecipare al convegno :”I nati digitali…e poi?” che si è tenuto a Milano.

Anche qui il sabbione ha ottenuto successo e l’esperienza è stata molto positiva per i ragazzi.
Inoltre hanno apprezzato molto la targa ricevuta dalla dirigente dell'istituto, per il loro impegno nel progetto.

Per finire, il 25 settembre il progetto parteciperà ad un’altra esposizione a Crema-Cremona.

Senza entrare nei particolari, vorremmo far notare che in realtà lavorando per questo progetto che , tra l’altro vede la partecipazione di diverse discipline (laboratorio di informatica, scienze, inglese, francese) gli alunni , senza neppure rendersene conto, hanno messo in atto in modo sinergico una serie di abilità per poter arrivare dalla sabbia alla sua catalogazione e analisi, fino alla documentazione pubblicata in internet. Inoltre il social network “sabbione” è diventato davvero un buon esempio di come tale strumento possa arricchire in modo indefinito una normale attività didattica. Possiamo dire che il coinvolgimento dei ragazzi è stato al di sopra delle più rosee aspettative anche se appena possono scappano dal sabbione e approdano in facebook perchè in sabbione in fondo...è scuola! Per questo concludiamo che siamo a buon punto ma che ancora molta strada resta da fare...

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
What lessons can others learn from your project: 

Chiunque può imparare ad analizzare una sabbia, seguendo il nostro metodo e contribuendo così alla scoperta della terra..granello dopo granello.

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Future plans and wish list: 

vedere riquadro iniziale

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data
Syndicate content