• strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_handler_argument::init() should be compatible with views_handler::init(&$view, $options) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_argument.inc on line 33.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_node_status::operator_form() should be compatible with views_handler_filter::operator_form(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/modules/node/views_handler_filter_node_status.inc on line 6.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 14.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.

intercultura

In the network to get to know, without borders for dialogue /Nella rete per conoscersi, senza frontiere per dialogare

Il progetto nasce dalla necessità di rendere consapevoli gli/le alunni/e della grande opportunità che offre la rete per la condivisione di esperienze ed attività nello spazio comune europeo superando

1. Project summary
Summary: 

Formare cittadini attivi e responsabili pronti a condivisioni future

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Lauria
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Direzione Didattica 1° circolo Lauria
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Carmina Ielpo
E-Mail: 
carmina.ielpo@istruzione.it
6. Website
The website of the project: 
http://twinspace.etwinning.net/launcher.cfm?lang=en&cid=33011
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 10 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/10/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Gli obiettivi del progetto sono:
• essere sensibili alle esigenze della vita sociale comunitaria, così come sono sancite dalla Carta Europea;
• acquisire la consapevolezza della pari dignità sociale e della eguaglianza di tutti i cittadini; - iniziarsi a comportamenti mentali e pratici di autonomia di giudizio, di responsabilità e di decisione;
• acquisire consapevolezza e competenza pratica nel campo della solidarietà; - affinare la sensibilità alle diversità e alle differenze;
• acquisire e consolidare atteggiamenti di confronto costruttivo con persone, popoli e altre culture;
• essere sensibili ai problemi della salute, della prevenzione, dell’igiene personale, del rispetto dell’ambiente naturale, del corretto atteggiamento verso gli esseri viventi, della conservazione di strutture e servizi di pubblica utilità;
• approfondire lo studio della lingua inglese

What does it try to achieve and how: 

La comunicazione avviene attraverso la piattaforma eTwinning, nel forum, con scambio di informazioni e attività. Vengono usati il pacchetto office ed altri software per video, foto e disegni.
Gli alunni, guidati dalle insegnanti hanno preparato gli articoli le presentazioni in P.P, i filmini e le raccolte fotografiche dei loro lavori in lingua madre ed inglese, li hanno pubblicati su MagazineFactory, attrezzo interattivo messo a disposizione nel Portale eTwinning che dà a insegnanti e studenti l'opportunità di lavorare in classe come un vero staff giornalistico e di pubblicare una propria rivista on-line.
I bambini hanno usato internet per documentarsi ed approfondire le loro conoscenze sui temi da sviluppare. Le insegnanti usano spesso la posta elettronica per scambio di idee e comunicazioni veloci

Which opportunities/problems does it address to: 

Gli/le alunni/e condividono conoscenze in relazione al loro ambiente di vita, ai diritti del cittadino e alla solidarietà, ed utilizzando il problema come motore della scoperta e della conoscenza, rilevano aspetti positivi e problematiche, comunicano le loro esperienze, i loro sentimenti ed attraverso i temi comuni individuano uguaglianze e differenze sociali e civiche e riflettono sull’importanza dell’esercizio della cittadinanza attiva

Please explain what is unique or special in your project: 

Questo progetto è speciale perché viene sviluppato da più scuole geograficamente distanti tra loro. I docenti e gli alunni interagiscono, superando le difficoltà linguistiche, su temi comuni. Gli alunni sono sempre più attenti alla cura della documentazione e dell’elaborazione del loro prodotto che dovranno inviare ai compagni europei e leggono con viva curiosità ed attenzione i lavori dei compagni, interagiscono con piacere e spontaneità. L’uso delle tecnologie è considerato lo strumento attuativo della didattica laboratoriale e collaborativa in ambiente costruttivistico

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Attraverso questa attività gli alunni hanno imparato a strutturare veri e propri articoli giornalistici, hanno curato con più attenzione la lingua madre ed hanno imparato in modo divertente l’inglese; usano con più sicurezza gli strumenti multimediali che diventano sempre più indispensabili e di uso quotidiano. Ha assunto grande importanza lo scambio di esperienze con compagni europei, spesso hanno sviluppato gli stessi temi tanto da sentirsi un unico gruppo. Lo staff ha concordato gli argomenti da trattare, ha scambiato materiali didattici, ha messo a disposizioni competenze e ha confrontato metodologie e strategie didattiche. L’interazione tra i ragazzi ha permesso un’acquisizione di conoscenza maggiore di quella ottenuta solo in classe. Il lavoro di gruppo, la partecipazione di tutti, il prendere decisioni insieme, è stata una metodologia di lavoro che ha predisposto verso la responsabilità individuale e di gruppo, con l’esercizio del diritto e del dovere di una cittadinanza responsabile. La possibilità di essere informatori reciproci della propria realtà sociale e culturale ha aumentato e stimolato l’interesse degli allievi verso la conoscenza di somiglianze e differenze dello spazio comune europeo

How many users interact with your project per month and what are the preferred forms of interaction: 

L’interazione avviene periodicamente in maniera spontanea e programmata da parte di tutti gli utenti: insegnanti di classe, docenti referenti, alunni di tutte le scuole interessate.
I referenti eTwinning concordano gli argomenti da trattare, strategie didattiche e metodologie da adottare nel forum. Le decisioni concordate vengono comunicate ai docenti di classe negli incontri settimanali di programmazione. Gli alunni lavorano nelle classi singolarmente e per piccoli gruppi, interagiscono con i compagni europei nel forum guidati dagli insegnanti

How has it improved the quality of educational and/or training services: 

I temi condivisi, l’interazione tra i/le ragazzi/e, il lavoro di gruppo, la partecipazione di tutti, il prendere decisioni insieme, il confronto con realtà diverse permette un’acquisizione di conoscenza maggiore di quella ottenuta solo in classe. Il prendere decisioni insieme è una metodologia di lavoro che predispone i/le bambini/e verso la responsabilità individuale e di gruppo, con l’esercizio del diritto e del dovere di una cittadinanza responsabile. La possibilità di essere informatori reciproci della propria realtà sociale e culturale aumenta e stimola il loro interesse verso la conoscenza di somiglianze e differenze dello spazio comune europeo, si sentono protagonisti del processo educativo.

Describe how you measure (parameters) these results: 

Le attività di aula sono state documentate con i modi ed i tempi della programmazione di classe: diario di bordo; rubriche di valutazione, griglie di osservazione degli obiettivi misurabili: comportamento, collaborazione, interesse, serietà d’impegno, capacità di comunicare attraverso codici verbali e non, ampliamento del patrimonio lessicale, coerenza di interventi, questionari, verbalizzazioni scritte e orali; riflessione in itinere e finale sulle proprie esperienze per dar loro un significato. certificazione delle competenze

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

Partner del progetto:
Scuole fondatrici: Colegio Público Tremañes (Spagna), Direzione Didattica 1° Circolo Lauria (Italia)
Altre scuole partecipanti: Agrupamento de Escolas Professor Lindley Cintra (Portogallo); Gimnaziul de Stat (Romania); Holy Trinity Rosehill (V.A.) C.E. Primary (Regno Unito); Primary school of Katarraktis (Grecia)

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

UN MONDO DI GIOCHI

Laboratorio interculturale di giochi lingue e curiosità provenienti da varie aree del mondo.

1. Project summary
Summary: 

La raccolta di giochi(fondamentalmente rivolta ai bambini italiani per una loro crescita con una più ampia consapevolezza del mondo e dei rapporti interculturali) è composta di un testo (più utile per il lavoro di docenti,educatori e animatori) e di un c/d dedicato ai bambini dai 4/5 agli11 anni. I contenuti possono comunque offrire spunti per attività specifiche anche per i ragazzi dai 12 ai 14. Il progetto è stato concepito a 360 gradi e sfrutta il gioco come pretesto per obbiettivi educativi ed interculturali,per lo studio della geografia,per fare esercitazioni con la tecnologia informatica e con l’ area linguistica e volendo si possono sfruttare collegamenti con educazione all’immagine,storia,educazione musicale,scienze naturali e altro. Il c/d interattivo permette un approccio vivace e colorato con il continente ed il paese prescelto e con semplici abilità informatiche si potranno ascoltare l’inno nazionale,e le voci di bambini madre-linguisti che ci guidano per comunicare attraverso un piccolo vocabolario per giocare e per fare amicizia. La presenza di una matita segnala l’accesso alla forma scritta dell’Inglese,Francese,Spagnolo e Tedesco che crea collegamento con materie di studio..Contiene 23 lingue registrate tra cui Swahili, Tagalog, Urdu, Farsi e Bengali etc. e 38 di cui è stata scritta in modo semplificato la pronuncia (basta leggere come in italiano). Ogni progressiva scelta dal planisfero che, per primo appare sullo schermo, al continente, fino al paese prescelto con il suo menù dei giochi, mantiene un collegamento concreto con gli aspetti geografici della ricerca.. La bandiera,la cartina del paese e del continente sono costantemente presenti Ogni pagina come in un album di viaggio raccoglie immagini che, vogliono incuriosire e stimolare i soggetti cui è rivolto il C/D, catturando l’attenzione e stimolandoli a proseguire nella ricerca, Naturalmente vi si trova anche la descrizione del gioco del paese straniero (siamo finalmente alle scienze motorie) redatti in un linguaggio semplice, con la possibilità di chiarimenti forniti da foto e disegni da attivare attraverso un bersaglio

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
MODENA/ EMILIA ROMAGNA
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
C.S.I. Centro Sportivo Italiano comitato provinciale di Modena
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Egle Saltini
E-Mail: 
eglesaltini@virgilio.it
6. Website
The website of the project: 
http://uef.usp.scuole.bo.it/pubblicazioni/usp/Mondo-di-.giochi.php
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 10 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/10/2004
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

La raccolta “ Un mondo di giochi nasce con l’intento di dare un piccolo contributo al processo educativo di integrazione,in un concetto più avanzato che è l’educazione alla diversità. Ci si rivolge ad una fascia privilegiata ,in cui la mente è ancora priva di pregiudizi e disponibile a recepire nuovi messaggi Il progetto si propone questi obbiettivi e finalità: Conoscere: giocare è un bel modo per imparare a conoscersi,l’occasione di un incontro costruttivo Accogliere:giocare è un bel modo di ricevere un nuovo arrivato sia dal suo paese che all’ingresso in una nuova classe Comunicare:giocare è un bel modo di cominciare a scambiare semplici frasi e grandi emozioni Confrontare: giocare è un bel modo di osservare. Cogliere similitudini e differenze è la base per una educazione interculturale Valorizzare : giocare è un bel modo di far apprezzare la cultura del paese che esprime il gioco e per rafforzare l’identità del bambino immigrato. Rispettare : le semplici,ma indispensabili regole del gioco di ciascun paese Integrare : giocare è un bel modo per arrivare ad interagire efficacemente,come in una squadra sportiva

What does it try to achieve and how: 

Gli obiettivi prefissati e rivolti ai bambini dai 4/5 agli 11 anni possono essere raggiunti attraverso il fare attivo, che rimane poi bagaglio personale significativo e, il riuscire a stimolare la curiosità del bambino che è motore di accensione per le sue scelte e degli approfondimenti personali. L’esperienza ludica nella educazione interculturale può considerarsi estremamente formativa coinvolgendo tutta la sfera umana con effetti che spaziano in campo cognitivo,affettivo e motorio; in particolare analizzando la sfera della socialità,esso diventa un importante collante i cui effetti proseguono nel tempo,al di là del momento in cui il gioco si svolge

Which opportunities/problems does it address to: 

Opportunità di : educare i bambini italiani alla diversità, saper coglier similitudini e differenze è la base del dialogo interculturale saper superare,riconoscendo all’altro un patrimonio di giochi, gli stereotipi di povertà e sottosviluppo ; Possibilità di rafforzare dell’identità del bambino straniero ;Occasione di far giocare, come nel loro paese di origine, i bambini con genitori stranieri nati in Italia. Conoscere La CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI Alcune immagini ,volutamente scelte (sia nel testo che nel C/D), hanno lo scopo di indurre i nostri bambini a farsi domande e riflettere sui loro coetanei che lavorano,che sono affamati, che vanno in guerra, che non possono studiare etc. Il Tibet pur facendo politicamente parte della Cina è stato volutamente messo in evidenza rispetto alla proprio contesto per offrire un pretesto per ricordare le difficoltà e i problemi che affliggono la popolazione. Problemi delle difficoltà nei rapporti tra diverse etnie, emarginazione e forme di razzismo

Please explain what is unique or special in your project: 

Piace a tutti : ai bambini per la semplicità e vivacità del messaggio, la sua facile comprensione,e la praticità dello strumento,che fa divertire imparando e , giocando anche con la geografia nel C/D che li porta in giro per un mondo fatto di curiosità_ ai grandi: per il suo agevole utilizzo in tante occasioni (e anche per la possibilità di scaricare e stampare le singole schede) perché i suoi elementi chiave danno garanzia di risultati perché è estremamente attuale rispetto alle problematiche affrontate per l’immediata possibilità di comunicare (in tantissime lingue attraverso “il vocabolario per giocare e fare amicizia” interagendo col C/D) perché un messaggio semplice non esclude di essere un messaggio importante

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

il grande gradimento testimoniato da e-mail di docenti e dai sorrisi dei bambini 1)Il progetto continua ad essere utilizzato come “buona pratica” nella scuola pilota Ceccherelli di Modena (78% di alunni stranieri). 2) E’inserito nel progetto di attività motoria “GIOCASPORT” 2005-2006:2006/07:2007/08 2008/09 promosso dall’Assessorato allo Sport del Comune di Formigine (Mo) e dal C.S.I. nel 1°e2°Circolo ( 5 scuole primarie ) e nelle scuole primarie di tutta l’area dell’Appennino modenese con un coinvolgimento di oltre 2000 bambini ogni anno. 3) E’ stato individuato dall’ Istituto Comprensivo di Montefiorino come parte del proprio progetto dell’attività motoria ,fisica e sportiva nella scuola primaria relativo alla direttiva ministeriale n°56_del16/6/05. 4)Il C/D un Mondo di Giochi è stato inserito nella raccolta verde ( in kit con altri 7 c/d ) distribuita dall’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia Romagna ad ogni ordine e grado di scuole sul territorio regionale nell’ambito del Piano di Formazione in servizio per insegnanti di Educazione Fisica e dell’Area Motoria. Ne sono state distribuite 6000 copie attraverso i C.S.A. provinciali. 5)Il Comitato Provinciale Coni di Modena che ha prodotto il testo in 2500 copie e il c/d in 5000 copie ha provveduto ,come era intento del progetto e dell’autore, alla distribuzione gratuita di un testo in tutte le scuole primarie della regione. 6) L’ufficio Educazione Fisica del USP. di Modena ha provveduto alla consegna di un c/d per ogni provincia d’Italia ai vari coordinatori provinciali riuniti in occasione di un convegno nazionale nel 2006. 7)Il Comitato Provinciale di Modena del Centro Sportivo Italiano ha organizzato negli ultimi 5 anni,vari corsi di formazione residenziali (in tutta la provincia di Modena all’incirca 8 per ogni anno) per operatori e animatori dei centri estivi dove il progetto educativo multiculturale è stato argomento di lezioni teoriche ed esercitazioni nel capoluogo e nelle più grandi cittadine della provincia. Anche il Comitato CSI di Imola ha organizzato 2 incontri (2005 e 2006) di formazione e divulgazione dell’Educazione interculturale attraverso testo e C/D “Un mondo di giochi. La UISP, altro ente di promozione sportiva, ha inserito anche nei corsi di formazione dei propri operatori il progetto “Un mondo di Giochi” 8)Su invito dell’USP di Forlì si è tenuto a settembre 2008 un Corso di Formazione sul tema dell’intercultura da “Un Mondo di Giochi”per diplomati ISEF e docenti del progetto provinciale di attività motoria nella Scuola Primaria e dell’Infanzia_ 9)_Negli anni scolastici 2007/08 e 2008/09 l’Assessorato all’Istruzione del Comune di Modena ha promosso corsi di formazione per i docenti della Scuola dell’Infanzia 10)Nel 2008/09__bambini e famiglie di due scuole d’infanzia Marconi e Costa sono stati coinvolti in un progetto interculturale sperimentale denominato “Giochi con mamma e papà” dal quale è stato ricavato un manuale di giochi da varie parti del mondo da giocare in famiglia e nel tempo libero 11) Dal 2006 è attivo un progetto in Palestina nel villaggio di Ain_Arik in una scuola costruita con contributo del CSI di Modena e gestita insieme a volontari modenesi_ 12) nell’anno scolastico 2009/10 all’Istituto Comprensivo di Spilamberto (Mo) (5 scuole d’Infanzia 5 scuole primarie e una scuola media ) funzionerà il curricolo in verticale ESPLORANDO IL MONDO improntato sul rispetto reciproco e delle regole nel quale i giochi ed il C/D saranno utilizzati dai bambini ;rimarrà attivo almeno 3 anni-

How does it fulfill the users’ needs: 

E’ indispensabile una educazione alla convivenza e alla tolleranza, stimolare il bisogno di conoscersi meglio e di confrontarsi,di accettarsi come diversi ma simili,di imparare a rispettare le regole, sono una necessità incalzante della realtà italiana( ma non solo) che si sta velocemente trasformando in multietnica ;farlo giocando è meglio

How many users interact with your project per month and what are the preferred forms of interaction: 

Non è possibile quantificare ma è prevedibile che siano in grandissimo numero. Nonostante i libri stampati siano da tempo esauriti, la presenza del C/D nella MEDIATECA dell’ USP di Bologna permette di scaricare gratuitamente il prodotto informatico di “un mondo di giochi” e di sfruttarne i contenuti secondo le necessità

How has it improved the quality of educational and/or training services: 

In “Un Mondo di Giochi” appare evidente l’applicazione della didattica laboratoriale (sapere-saper fare-saper essere) dove le attività proposte arrivano a sollecitare tutte le dimensioni della persona (cognitiva,operativa, relazionale ed espressiva) ,la naturale interdisciplinarità e trasversalità degli obiettivi e delle sollecitazioni,che mirano allo sviluppo delle competenze del bambino (dove la trasversalità è indispensabile) e del cittadino con una metodologia gradevole in grado di suggerire anche adeguati stimoli per una crescita armonica attraverso le attività motorie proposte.

How has it improved the participation of professionals, children, youth and other stakeholders: 

Un mondo di giochi (testo e C/D ) viene utilizzato da: 1) Bambini (in modo autonomo) 2)Docenti di 3 ordini di scuola (infanzia ,primaria e secondaria di primo grado)_con le loro classi. 3)Educatori e Animatori di Centri Estivi 4)Animatori all’interno di polisportive e parrocchie 5)Operatori all’interno di stand o zone gioco in manifestazioni (Bambinopoli 2006/07/08;Children’s Tour 2008 e 09; Akuna Matata_( fiera della multiculturalità) 16/18 dic 2005; Spazio giochi dal mondo al “Tempo della Festa” primo convegno inter-religioso Modena 5-6 maggio 2006; Spazio giochi del CSI all’interno della Fiera di Modena aprile/maggio2007 2007 e 08_; Work-shop nell’iniziativa “Formigine per la Pace”_20/21 marzo 2009. Work-shop ai Giardini Ducali di Modena stand di “Giochi dal Mondo nell’iniziativa “ I Giardini d’Estate luglio/agosto 2009_ 6) Volontari_nell’estate 2008 e 2009 “un mondo di giochi”_ hanno utilizzato all’interno del “Progetto Amazzonia” in corsi di formazione per educatori locali a Manhaus. Volontari modenesi In agosto 2009 a Itaberai in Guyana utilizzeranno “un mondo di giochi” per animare le loro attività.; è attivo anche un progetto in Africa (Kenia ? 7) Organizzatori di feste a tema organizzate da scuole,quartieri,comuni associazioni parrocchie etc 8)Famiglie nel tempo libero

How does it promote the use of ICT for the educational and cultural development by professionals, children and youth: 

Entrare in confidenza con le nuove tecnologie è indispensabile alle nuove generazioni, il C/D è stato pensato per essere utilizzato in modo interattivo e autonomo dai bambini incuriosendoli con particolari che li portino ad approfondire altre discipline e a formare la loro coscienza di cittadini. Poiché l’attivazione del progetto all’interno di una scuola allarga facilmente gli orizzonti di partenza con ricerche e dispense, queste hanno richiesto e quindi facilitato l’uso di foto filmati e registrazioni, oltre che a richiedere ulteriori ricerche in internet. Spesso anche nel reperimento dei materiali (giochi e lingue) ragazzi un po’ più grandi hanno inviato la loro testimonianza utilizzando il web

Describe how you measure (parameters) these results: 

Il gradimento e la curiosità dei bambini che ne sono stati coinvolti;l’attiva disponibilità degli stranieri testimoni per le lingue e narratori dei giochi;le richieste e l’approvazione dei docenti e delle famiglie straniere

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
Yes
Insert date: 
10/01/2004
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

L’autrice Egle Saltini docente di Educazione Fisica ha ospitato ragazzi di numerose nazionalità attraverso esperienze personali come genitore dal 1987, nell’associazione CISV (Children international summer villages) affiliata UNESCO ,che ha come obiettivo l’educazione alla pace e alla convivenza .Come docente ha visto crescere il numero di bambini stranieri iscritti nelle nostre scuole toccando con mano i molteplici problemi del loro adattamento e inserimento,e apprezzando strategie ,metodi e risultati di quei docenti di scuola primaria che incalzati dalle necessità e dall’affetto verso i loro alunni hanno costruito a poco a poco un nuovo modo di insegnare. Alla raccolta del materiale hanno partecipato fornendo la materia prima: bambini della scuola primaria,alcuni genitori,alcuni alunni delle superiori, amici dei figli dell’autrice, studenti in Erasmus a Modena. Il materiale è arrivato su fogli ordinati,foglietti,via e-mail,a volte in lingua originale e allora c’è stato bisogno di altri amici residenti a Modena per tradurlo Tutti hanno dato il loro contributo dimostrando di condividere l’entusiasmo che ha sempre accompagnato il lavoro dell’autrice, e la convinzione della sua validità come mezzo educativo. C’è stato modo di ricordarli e ringraziarli ufficialmente inserendo il loro nome di battesimo nelle pagine di quello che è stato costruito come un album di ricordi di un viaggio. Altro materiale proviene da vecchie pubblicazioni e da ricerche su internet. Tutti i disegni,la copertina e le scelte grafiche sono dell’autrice stessa

Barriers: 

Reperimento fondi per poter distribuire gratuitamente l’opera

Solutions: 

Con infinita pazienza e fiducia ,perché comunque ogni soggetto interpellato aveva dimostrato grande apprezzamento ed aveva rimandato la propria partecipazione ad un momento di maggiore disponibilità finanziaria. Sono stati necessari 2 anni dopo il completamento della stesura

Future plans and wish list: 

Realizzare un secondo volume corredato da relativo C/D che possa contenere con la stessa veste nuovi giochi, e soprattutto colmare le lacune relative ai paesi non compresi in questa edizione e per sollevare altre tematiche su cui far riflettere i nostri bambini,da distribuire ancora gratuitamente e liberamente scaricabile da internet. Servono fondi. Le aspettative dell’ autrice del progetto educativo sono che, realmente, il mondo diventi il paese di tutti i bambini e, un domani molto prossimo, il mondo dove tutti potranno stare meglio con se stessi e con gli altri e, di poter contribuire, con il proprio piccolo mattoncino “Un Mondo di Giochi” e “Un Mondo di Nuovi Giochi alla costruzione della società futura.

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Laboratorio Audiovisivo

Il laboratorio audiovisivo della Scuola Media Mazzini è volto a preparare i ragazzi a un uso responsabile e consapevole degli stessi, a saperli leggere, scrivere, analizzare, criticare.

1. Project summary
Summary: 

L’analisi introduttiva all’uso critico dei media è partita dalla proiezione a schermo di alcuni stimoli, come per esempio un cellulare e alcuni videoclip, seguiti da domande stimolo come: “che cos’è?” nel primo caso e negli altri “cosa succederà dopo?”, con l’obiettivo di far capire la differenza tra realtà e rappresentazione della realtà e quanto i media possono modificare la percezione del reale. In seguito sono stati realizzati due corti intitolati: “Due zingari e una classe” e “Un boliviano a Roma”. Riguardo le storie raccontate, le classi coinvolte hanno fatto scelte diverse. La III D, guidata dalla prof.ssa Zampieri, ha deciso di rielaborare un fatto veramente accaduto nella loro classe: l’arrivo di un compagno straniero che non ha avuto un’accoglienza molto calda. Il corto è l’occasione per rivivere l’incontro e riflettere sui concetti di identità, alterità, stereotipo e pregiudizio . La III B invece, guidata dal prof. Castelli, coglie il tema della violenza verso l’altro e ci costruisce una storia intorno dopo una profonda riflessione sul tema della paura, dell’aggressività e della violenza subita. Il percorso ha stimolato la partecipazione di tutti i ragazzi che attraverso la cooperazione collettiva hanno raggiunto l’obiettivo: raccontare una storia pensata e scritta da loro attraverso un film. Ma non è stato “tutto rose e fiori”, ci sono stati momenti di difficoltà e stanchezza comunque funzionali a capire che non basta decidere di fare un film, bisogna anche farlo!! Il tempo, che nel nostro caso è il ‘tempo scuola’, non è mai stato dalla nostra parte, condizionando e a volte penalizzando alcuni passaggi. Avremmo voluto dedicare più tempo alla fase finale di fruizione collettiva e discussione dei prodotti. Anche in fase di post produzione si sono presentati problemi tecnici che hanno reso difficile l’illustrazione del software di montaggio video ai ragazzi. Purtroppo non è stato possibile rendere il progetto interdisciplinare e coinvolgere altri professori forse anche a causa della poca pubblicità dedicata a questo progetto, certamente mostrando il prodotto finito sarà più semplice riuscirci l’anno prossimo. Entrambe le storie, pur essendo diverse, hanno il merito di problematizzare la realtà di comuni adolescenti che frequentano la scuola a Roma, e di provare a dare una loro risposta. Non saranno film perfetti ma alla fine la loro voce ci arriva forte e chiara, che è già un gran bel risultato.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
SMS G. Mazzini
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Luisa Zampieri
E-Mail: 
lazamp@tiscali.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/07/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

- Conoscenza dei media - Uso consapevole dei media - Realizzazione di un audiovisivo: sogetto, storyboard, distribuzione dei ruoli, recitazione, riprese, montaggio, scelta delle musiche - Integrazione e intercultura

What does it try to achieve and how: 

Incontri, analisi dei comportamenti, domande dirette, dibattito, uso creativo della videocamera e delle tecniche di montaggio

Which opportunities/problems does it address to: 

Le opportunità che affronta il laboratorio sono: la possibilità di riflettere sui propri comportamenti e sui pregiudizi, di acquisire consapevolezza di quanto è articolata la realizzazione di un video, di imparare a recitare una parte e a usare strumenti e tecniche audiovisivi. Il laboratorio interviene sulla difficoltà di distinguere tra realtà e sua rappresentazione.

Please explain what is unique or special in your project: 

La realizzazione del prodotto finito

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

I risultati sono stati positivi sul piano della crescita personale e della presa di coscienza delle proprie capacità e dei propri limiti, con la soddisfazione di vedere concretamente il frutto del proprio lavoro che può anche avere una visibilità esterna alla scuola.

How has it improved the quality of educational and/or training services: 

Il laboratorio ha migliorato l’integrazione nel gruppo classe compattandolo

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
Less than 1 year
What is the source of funding for your project: 
Other
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Future plans and wish list: 

Poter realizzare altri corti, in modo specifico nella classe con alunni sordi

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Progetto Intercultura

Percorso patrocinato da ILO Unicef Onu per rendere i bambini più consapevoli di sé, fornire spunti di riflessione sui Diritti fondamentali dei minori, conoscere e prendere coscienza d

1. Project summary
Summary: 

Percorso patrocinato da ILO, Unicef e Onu ed organizzato dalla Provincia di Pisa, Università degli Studi di Pisa, MPI, associazioni che partecipano attivamente alle attività con i bambini.

La partecipazione al Progetto SCREAM ha favorito lo sviluppo del percorso intercultura che tende ad approfondire ogni anno un aspetto diverso del mondo dei bambini.

Il percorso viene affrontato in classe con la partecipazione di operatori esterni, oltre alla presenza dei docenti.

Il progetto viene condotto generalmente con attività di gruppo e con rielaborazioni personali, comunque in gruppo. Infatti lo spirito del progetto è sì quello di sensibilizzare i bambini alle tematiche proposte, ma anche e soprattutto quello di far capire che noi, nel nostro piccolo, possiamo adoperarci per un cambiamento che tenda a migliorare l'ambiente nel quale si vive, a partire dalla scuola.

 

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Pisa (fraz. Marina)
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Scuola Primaria Statale "G. Newbery"
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
roberta vento
E-Mail: 
roberta.vento@gmail.com
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 10 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/10/2007
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Il contesto nel quale si svolge il progetto è quello di classe.

Gli obiettivi sono:

- conoscenza dei Diritti dei Bambini (sunto delle 10 regole d'oro)

- conoscenza e consapevolezza della propria realtà

- conoscenza di realtà diverse dalla propria

- conoscenza del problema relativo allo sfruttamento minorile

- conoscenza del problema dei bambibi soldato e, in generale, della guerra vissuta dai civili minori

- ricondurre queste tematiche nella realtà che conoscono

- riconoscimento di queste tematiche in Italia e al di fuori dei confini nazionali

- lavorare serenamente in gruppo, favorendo l'integrazione e contenendo dinamiche di esclusione

- consolidare il clima di scambio, cooperazione e mutuo soccorso

- scoprire la differenza tra lavorare divertendosi e divertirsi

What does it try to achieve and how: 

- attività svolte prevalentemente in gruppo

- giochi di ruolo (anche grazie al partecipazione al Progetto Arturo "Nei panni dell'altro")

- visione dello spettacolo teatrale "Nostra pelle" sullo sfruttamento dei bambini, anche quelli appartenenti al cosiddetto mondo del benessere

- raccolta di immagini tratte da giornali e internet

- visione di alcuni momenti di filmati sulle tematiche proposte

- lettura di un testo teatrale

- analisi del testo e lavoro di approfondimento con un operatore esterno

- sintesi del testo scegliendo poche frasi significative che riescano a descrivere i vari paragrafi

- gioco del "se io fossi...", acrostici, completamento di frasi  (i bambini sono limoni perché...), pensieri e riflessioni

- costruzione di burattini con due operatori esterni

- fotografie

- registrazione delle voci dei bambini

- riprese documentarie durante lo svolgimento dei lavori

- coinvolgimento delle famiglie

- lezione aperta ai genitori con un operatore esterno

- giornata di condivisione e scambio con tutte le scuole della provincia che hanno aderito al progetto

- sintesi delle attività con la supervisione del coordinatore del progetto SCREAM

Which opportunities/problems does it address to: 

Offre l'opportunità di lavorare in classe in modo creativo e divertente; le attività permettono a ciascun bambino di esprimersi spontaneamente e di portare un proprio personale contributo al lavoro collettivo; rendono i bambini consapevoli delle diversità presenti in classe e favoriscono la capacità di cogliere aspetti positivi da ciascun compagno/a.

Affronta il problema dell'assenza dei più elementari Diritti. A questo proposito abbiamo lavorato anche sul significato della Scuola come Diritto all'Istruzione e non come Dovere. I compiti stessi non sono un dovere, ma un mezzo per acquisire meglio certe strumentalità, alcuni contenuti..., per sentirsi più sicuri ed accrescere la propria autostima.

10. Results
How has it improved the quality of educational and/or training services: 

Il percorso non intende trasmettere saperi, ma innescare spunti di riflessione, conoscenza e consapevolezza di sé e del mondo che ci circonda.

Inoltre, tende a promuovere situazioni di problem solving, favorendo l'acquisizione di strumenti personali di analisi, di valutazione e di critica costruttiva, tali da portare a soluzioni creative e realizzabili.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
Yes
Insert date: 
10/01/2007
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Lezione aperta ai genitori

Visione dei prodotti finali nell'ambito dell'I.C. con la partecipazione di altre classi che hanno aderito al Progetto SCREAM.

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Barriers: 

Il tempo... perché non basta mai!

Le attrezzature per poter completare l'allestimento di un minilaboratorio informatico serio in classe. Abbiamo 6 computer che cerco di utilizzare come normale strumento di supporto alla didattica. Purtroppo però non c'è il collegamento internet, quindi le ricerche vengono effettuate a casa. Inoltre, utilizzo il più possibile open source, in particolare programmi didattici free che gentili colleghi mettono a disposizione sulla rete, ma talvolta occorre acquistare software specifici e la spesa è sempre a carico mio (la scuola non ha risorse economiche).

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

La nuova Talpa online - edizione 2008

Redazione del giornalino online della Scuola Secondaria di I grado di Fontaneto d’Agogna (No) In un mondo in cui si legge sempre meno, le nuove tecnologie forniscono ai giovani l'op

1. Project summary
Summary: 

Il giornalino scolastico “La Talpa online” è giunto quest’anno alla sesta edizione, con continue innovazioni in linea con i progressi della tecnologia. Il giornalino è suddiviso in varie Sezioni: News Scuola, L’Opinione, Gite scolastiche, Racconti, Libri e…, Musica, Cineclub, Le nostre Passioni, Fatti di cuore, Giochi.

Punto di forza è l’utilizzo di un Content Management System che consente agli studenti di interagire dinamicamente con la rete e di essere aggiornati in tempo reale.

Altro elemento di innovazione è un nuovo servizio che consente di accedere mediante dispositivo ‘mobile’ e/o cellulare (http://talpaonline.wirenode.mobi )

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Fontaneto d'Agogna (No)
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Scuola Secondaria di I grado di Fontaneto d'Agogna
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
M. Federica Pellegrino
E-Mail: 
mediafonta@libero.it
6. Website
The website of the project: 
http://talpaonline.altervista.org
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2003
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 
  • Stimolare nei ragazzi l’interesse per il mondo che li circonda, partendo dalle loro passioni e dal loro vissuto.
  •  Permettere ai ragazzi di utilizzare le nuove tecnologie informatiche e l’uso consapevole di Internet, approfondendone le conoscenze mediante un approccio personale e creativo.
  • Redigere un articolo (intervista, cronaca, questionario, notiziario di viaggio, pagina di diario, recensione, ecc.) dopo aver raccolto le informazioni e consultato altre fonti.
  • Migliorare le proprie capacità comunicative.
  • Lavorare in gruppo e per interessi comuni.
  • Sviluppare il pensiero critico e promuovere l’aspetto ludico del lavoro.
What does it try to achieve and how: 

Molte modalità didattiche vengono coinvolte nel processo esecutivo del lavoro. Si parte da una fase progettuale di pianificazione (anche di gruppo) ad una fase di sviluppo e realizzazione pratica, il più possibile autonoma. A seconda della tipologia di articolo da realizzarsi, si prevedono modalità operative diverse: di tipo introspettivo per i racconti; l’indagine sul campo con uscite per argomenti di cronaca, inchieste o reportage fotografici; conoscenze storico-geografiche per diari di bordo, resoconti di viaggio o rivisitazioni storiche; conoscenze tecniche di base per la tabulazione di dati.

Which opportunities/problems does it address to: 

Opportunità di lavorare su un progetto che risponda ad un’esigenza e ad un interesse dell’alunno. Molteplici sono le problematiche che il giornalino affronta: il mondo dell’adolescenza nei suoi svariati aspetti, il conflitto e le incomprensioni con il mondo degli adulti, questioni sociali e culturali che investono la collettività, le iniziative interne alla scuola (il Consiglio Comunale dei Ragazzi, le uscite scolastiche, i progetti e le manifestazioni a cui la scuola partecipa, scambi con altre Istituzioni scolastiche o Enti).

Please explain what is unique or special in your project: 
  • Una diversa modalità di presentare i contenuti didattici, in modo originale e accattivante, grazie soprattutto al supporto multimediale.
  • Apprendere in modo piacevole e divertente.
  • Incrementare l’autonomia dell’alunno il quale, da solo o con un gruppo di pari, deve saper portare a termine un’idea e realizzare un prodotto “finito”: articolo, fumetto, racconto, grafico, gioco didattico, ecc….
  • Coltivare gli interessi del ragazzo e sollecitare la ricerca per poter accrescere le proprie conoscenze.
  • Collaborazione e scambi “esterni” per favorire il confronto con altre realtà scolastiche.
  • Possibilità di accedere anche attraverso dispositivi di telefonia ‘mobile’ (cellulare, palmare, WAP)
  • Per facilitare la fruizione da parte di soggetti con disabilità visive è stato introdotto un dispositivo audio che permette l'ascolto dei contenuti del sito.
10. Results
Describe the results of your project as per today: 
  • Grazie alle potenzialità offerte dalla “rete” il progetto ha ottenuto una sempre più crescente visibilità che ha ampliato le possibilità di scambio e di confronto, sia con il mondo dei coetanei che con quello degli adulti.
  • Coinvolgimento e gratificazione dei giovani “scrittori” che hanno un riscontro immediato delle loro produzioni.
How does it fulfill the users’ needs: 

Gli utenti possono formarsi un’idea del mondo filtrato attraverso gli occhi degli adolescenti. Essi vengono informati non solo sulle attività che avvengono a scuola ma anche su argomenti che descrivono e raccontano i rapporti con gli amici, gli interessi legati all’età, le passioni degli adolescenti e, cosa più importante, possono interagire con loro attraverso Sondaggi, Test, giochi, commenti, inserimento di Annunci o esprimendo un’eventuale valutazione degli articoli che vanno a consultare o proponendo un proprio articolo da pubblicare.

How many users interact with your project per month and what are the preferred forms of interaction: 

L’affluenza media è di circa 2500 contatti mensili.

Al progetto prendono parte tutti gli alunni della scuola e quanti interagiscono attraverso la “rete” con interventi, e-mail, scambi, invio di articoli da pubblicare, richieste di vario genere.

How has it improved the quality of educational and/or training services: 
  • Stimola il bisogno di autonomia, di crescita, di affermazione della propria personalità.
  • Sollecita la creatività e la capacità di portare a termine un progetto.
  • Migliora i rapporti interpersonali e l’integrazione e lo scambio interculturale grazie all’apporto dei ragazzi stranieri presenti in redazione.
  • Attraverso l’utilizzo coinvolgente delle tecnologie anche i ragazzi con maggiori difficoltà espositive hanno modo di esprimere le proprie potenzialità.
How has it improved the participation of professionals, children, youth and other stakeholders: 
  • È richiesta la partecipazione di altri soggetti (adulti, professionisti, esperti del settore) nel dare una lettura critica agli articoli riguardanti i problemi che investono il mondo giovanile ma che coinvolgono anche gli adulti, con particolare riguardo alle dinamiche dei rapporti in famiglia e/o nuove tendenze adolescenziali (vedi ad esempio fenomeni di bullismo, Hikikomori, intolleranze, ecc.). Numerosi sono i suggerimenti e le proposte che hanno via via arricchito il nostro giornalino.
  • Sono state coinvolte alcune classi della Scuola Primaria le quali, attraverso la consultazione del giornalino, hanno potuto avvicinarsi ai temi dei ragazzi più grandi i quali, a loro volta, diventano “Tutor” attraverso la Peer Education. - Sono state avviate delle forme di collaborazione con Enti locali, quali la Biblioteca e il Comune.
  • Grazie ad alcune iniziative, si sono sviluppati contatti con realtà “estere” (Argentina, Brasile, Australia).
How does it promote the use of ICT for the educational and cultural development by professionals, children and youth: 

Coinvolge lo studente nell’utilizzo delle nuove tecnologie per la stesura di testi, l’impaginazione, la realizzazione di progetti grafici, il trattamento delle immagini, il trasferimento sul Web.

Describe how you measure (parameters) these results: 
  • Correttezza formale del testo.
  • Coerenza e completezza del contenuto.
  • Originalità del prodotto.
  • Feedback dell’utenza.
11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Other
Other: 
auto-finanziamento
Is your project economically self sufficient now: 
Yes
Insert date: 
09/01/2006
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Dalla sua diffusione, molte scuole si sono ispirate al progetto per realizzare un proprio giornalino scolastico.

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

Il progetto è stato attuato come attività “laboratoriale” a classi aperte coinvolgendo alunni delle classi prime, seconde e terze della Scuola Sec. di I grado. L’idea del progetto e la sua successiva realizzazione è nata da un gruppo di insegnanti che ha inteso valorizzare le nuove tecnologie informatiche nel mondo scolastico, consapevoli della grande importanza che tali strumenti rivestono nella realtà odierna.

La scuola opera in un piccolo centro della pianura piemontese a vocazione prevalentemente agricola. Essa accoglie ragazzi provenienti da piccole frazioni dislocate sul territorio e funge da unico reale punto di aggregazione in un contesto privo di altre strutture culturali e/o ricreative per i giovani.

Grazie a questa ed altre iniziative di cui essa si fa promotrice, offre ai ragazzi l'opportunità di prendere contatto con realtà a loro spesso del tutto sconosciute e di interagire con soggetti provenienti da ambienti o culture del tutto diverse.

Barriers: 

Molti studenti della ns. scuola non possiedono un pc personale collegato alla rete ma per larga parte dispongono di un telefono cellulare da cui è possibile accedere al giornalino.

Solutions: 

Grazie alle proprie strutture informatiche la scuola può garantire a tutti gli studenti la possibilità di consultazione e fruizione del progetto. Inoltre, valutata la larga diffusione del telefonino presso i ns. studenti, è stata realizzata una specifica versione “mobile” del giornalino.

Future plans and wish list: 

Dal prossimo a.s. 2009-2010, in virtù delle nuove disposizioni ministeriali che fissano un nuovo Quadro Orario nazionale, sarà necessario rivedere la struttura di realizzazione del giornalino online per esaminarne le condizioni di fattibilità e valutare le più opportune e funzionali modalità di lavoro.

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Libro Multimediale "Scrittura creativa": Un uomo tutto verde 4 C

Libro multimediale interamente realizzato dagli alunni dal titolo: "Un nuovo compagno tutto verde"

1. Project summary
Summary: 

Educare i bambini attraverso il linguaggio della scrittura ed esternare la propria emotività ed una maggiore consapevolezza del proprio vissuto.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
103° CD "A. Celli" classe
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Maria Grazia Lombardi
E-Mail: 
mariagrazialombardi58@gmail.com
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 10 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/10/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Educare alla diversità.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Maggiore rispetto delle diversità e comprensione della loro ricchezza.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
Less than 1 year
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
Is your project economically self sufficient now: 
Yes
Insert date: 
10/01/2008
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Altre classi della scuola

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Libro Multimediale "Scrittura creativa": Un uomo tutto verde

Libro multimediale interamente realizzato dagli alunni dal titolo: "Un nuovo compagno tutto verde"

1. Project summary
Summary: 

Educare i bambini attraverso il linguaggio della scrittura ed esternare la propria emotività ed una maggiore consapevolezza del proprio vissuto.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
103° CD "A. Celli" classe 3 C mod.
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Maria Grazia Lombardi
E-Mail: 
mariagrazialombardi58@gmail.com
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 10 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/10/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Educare alla diversità

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Maggiore rispetto delle diversità e comprensione della loro ricchezza.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
Less than 1 year
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
Is your project economically self sufficient now: 
Yes
Insert date: 
10/01/2008
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

In più classi della scuola

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Progetti INTERCULTURA

2007-09 Celebrazione della Giornata della Pace (2 ottobre 2008) con concerto di musica indiana. Il poster di Mahatma Gandhi elaborato da due studentesse.

1. Project summary
Summary: 

Il progetto Intercultura ha come referente Helene Paraskeva, insegnante curricolare di lingua inglese in ruolo dal 1984. Di origine greca, giunta in Inghilterra prima e in Italia poi per ragioni di studio e lavoro, Helene Paraskeva insegna all’Istituto d’Istruzione Superiore Gelasio Caetani dall’a. s. 1997-1998, dove a partire dal 1998 inizia a veder aumentare con progressiva intensità il numero degli studenti stranieri nelle classi. Nota che gli studenti italiani sono del tutto impreparati all’accoglienza, che l’assenza di comunicazione è bidi-rezionale. Dice: “gli studenti stranieri erano sempre isolati, uscivano pochissimo dall’aula”. Sottolinea per averla sperimentata la differenza tra multiculturalità, interculturalità e integrazione: “la multiculturalità è un dato di fatto perché la nostra società è multiculturale, infatti ci sono comunità cinesi, marocchine etc., l’integrazione è da parte degli stranieri nel contesto italiano invece l’interculturalità è il prodotto di un’interazione: per una intercultura ci deve essere uno scambio”

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Istituto d’Istruzione Superiore “G. Caetani”
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Helene Paraskeva
E-Mail: 
nomail@nomail.nomail
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2005
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

L’obiettivo del progetto è lo scambio, l’approfondimento e la consapevolezza interculturale ai fini dell’integrazione tra studenti di diverse nazionalità e culture all’interno della scuola e della società

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

• Aumento della sensibilità al fenomeno dell’immigrazione,
• maggiore consapevolezza,
• maggiore accettazione della diversità,
• apertura mentale,
• apporti personali e feedback
• collaborazione da parte dei docenti
• orientamento professionale e accademico verso le professioni di mediazione

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Da altre scuole con utenti di origine straniera.

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

L’Istituto d’Istruzione Gelasio Caetani è situato in viale Mazzini.36. In questa sede c’è un laboratorio di lingue, un laboratorio multimediale, un laboratorio di fisica, un laboratorio di chimica. Gli allievi iscritti sono 830, di cui 71 stranieri prevalentemente provenienti dalle Filippine, dall’Asia, dall’Europa dell’Est, dal Sud America, e di cui 21 disabili.
Gli studenti arrivano da Roma Nord e più lontano ancora da Bracciano. Il livello d’istruzione delle famiglie di provenienza è eterogeneo. Nell’Istituto Caetani ci sono classi di liceo linguistico, con gli insegnamenti di lingua inglese e francese dal primo anno, tedesco o spagnolo dal terzo al quinto anno, classi di liceo socio-psicopedagogico caratterizzato dallo studio delle scienze umane e delle scienze sociali, classi di liceo scienze sociali, incentrate sull’asse storico antropologico delle scienze sociali.

Barriers: 

Far rientrare le attività del Progetto intercultura nell’orario scolastico.

Solutions: 

Cercando di ricavare il tempo necessario dalle ore di didattica esterna.

Future plans and wish list: 

Effettuare scambi, trovare partner che lavorano sugli stessi temi.

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

IL PIGNETO TRA MEMORIA E FUTURO

Percorso laboratoriale triennale di educazione interculturale attraverso la realizzazione di video.

1. Project summary
Summary: 

L’idea nasce dall’esigenza di offrire ai ragazzi un percorso che li educhi ad una cittadinanza consapevole e attiva, sensibile alle tematiche interculturali: a partire dalla conoscenza della storia del proprio territorio, delle comunità che lo abitano e delle esigenze che le animano, si invita i ragazzi a progettare concretamente un quartiere che tenga in considerazione i diversi bisogni individuati e raccolti. Alla base del contenuto progettato c’è l’intenzione di documentare l’intero progetto triennale attraverso la produzione di materiale audiovisivo, così da poter motivare i ragazzi all’apprendimento, introdurli all’impiego di alcuni strumenti informatici specifici quali i programmi di video editing, offrire loro l’occasione di comunicare all’esterno il percorso formativo realizzato
L’idea è sviluppata e realizzata dalla docente di lettere Agnese Vourlis, supportata nella fase operativa dal docente di sostegno Stefano Zodiacali e da altri docenti via via coinvolti (di educazione tecnica, artistica, matematica, ecc.).

Segue schema dei punti salienti:
PRIMO ANNO
La città come insieme di segni da decodificare, che comunicano informazioni sui suoi luoghi, sugli abitanti, sulla sua storia.
Ricerca e individuazione dei “segni della memoria” del quartiere
Ogni ragazzo diviene l’esperto del segno della memoria individuato, dopo averne approfondito la conoscenza storica attraverso una ricerca in biblioteca e in rete
Si esce sul territorio con la classe, divenuta ormai un insieme di “esperti” che guidano a turno il gruppo nella scoperta dei monumenti del quartiere.
Prodotto conclusivo: video intitolato “I segni della memoria” che documenta l’intero percorso annuale. (già realizzato)
SECONDO ANNO
La città e i “fili invisibili” dei rapporti umani che la animano
La città e la pluralità dei punti di vista delle comunità che la abitano
La città come luogo dello scambio della memoria e del dialogo
Ricerca dei diversi gruppi comunitari che abitano il Pigneto e rilevamento delle loro esigenze
Individuazione, all’interno delle diverse identità comunitarie del quartiere, delle fasce sociali più deboli, le cui esigenze hanno minore possibilità di essere rispettate: donne, bambini, anziani, stranieri, invalidi
Come il quartiere risponde alle esigenze rilevate: “caccia al tesoro” sul territorio
Ricognizione fotografica rilevante il grado di civiltà di chi abita il territorio i rifiuti, parcheggi, barriere architettoniche, scritte sui muri, ecc.)
Prodotto conclusivo: video che documenta l’intero percorso annuale
TERZO ANNO
il “filo invisibile” che lega ognuno di noi al resto del mondo (ogni prodotto collega il consumatore del Nord del mondo al Sud del mondo)
Storie di vita che attestano lo sfruttamento ambientale e sociale che si cela dietro un oggetto comprato
Proviamo a “trasformare positivamente” quel filo invisibile attraverso strategie consumistiche alternative
Concreta fase di progettazione di un’area urbana della città, tenendo presente l’atteggiamento degli abitanti della città di Andria (da Le città invisibili di Calvino) che ”prima di ogni decisione calcolano rischi e vantaggi per loro e per l’insieme delle città e dei mondi”
Prodotto conclusivo: video che documenta l’intero percorso annuale.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
I.C. “A. MANZI”
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Agnese Vourlis
E-Mail: 
avourlis@hotmail.com
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Il progetto si svolge all’interno dell’orario curricolare scolastico di una classe delle medie.
Tra gli obiettivi operativi: saper utilizzare la video camera e parte di alcuni programmi di video e foto editing (Photo Shop, Photo Editor, Pinnacle, ecc); saper progettare un’area urbana alla luce delle molteplici esigenze dei cittadini della comunità locale e globale; saper esprimere e rielaborare esperienze personali alla luce delle conoscenze apprese;
Tra gli obiettivi cognitivi: conoscere la storia del Pigneto; conoscere il legame esistente tra Nord e Sud del Mondo (aspetti problematici e proposte di intervento); conoscere i diritti dell’uomo e del cittadino;
Tra le finalità formative: contribuire allo sviluppo di una sensibilità ambientale e civico-sociale interculturale che muova dal locale al globale;

What does it try to achieve and how: 

STRUMENTI: Pinnacle - Photo Editor - PC – Videocamera – Macchina fotografica – Internet – Bibliografia specifica (“Le città invisibili” di Italo Calvino - “Ai figli del pianeta” del Centro del Nuovo Modello di Sviluppo - “Geografia del Supermercato Mondiale” del Centro del Nuovo modello di Sviluppo) - Materiale audiovisivo e cartografico
METODOLOGIA: Brain storming - Lezione interattiva - Cooperative Learning secondo il modello di lavoro di gruppo Brown-Campione - Lezione itinerante - Osservazione diretta del territorio - Interviste

Which opportunities/problems does it address to: 

Il percorso interdisciplinare “Pigneto tra memoria e futuro” rappresenta un’opportunità per:
- introdurre gradualmente i ragazzi all’impiego di alcuni specifici programmi della tecnologia informatica
- contribuire allo sviluppo di una sensibilità civico-sociale interculturale, basata sulla valorizzazione delle diversità individuali intese come risorse e tesoro di “alterità” con cui si è in continuo scambio e dialogo

Please explain what is unique or special in your project: 

L’obiettivo trasversale di voler documentare il percorso tramite la realizzazione di materiale audiovisivo creato dai ragazzi, introdotti gradualmente all’uso della videocamera e all’impiego di specifici programmi di montaggio video e pubblicazione foto. La realizzazione di un prodotto video previsto al termine di ogni anno rappresenta infatti non solo l’occasione per recuperare e potenziare le competenze informatiche degli alunni, ma anche un’importante elemento di motivazione all’apprendimento.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Ad oggi è stata realizzata e conclusa la prima fase, relativa alla conoscenza storica del quartiere. Si è prodotto un video che ha documentato l’intero percorso, una mappa del quartiere dove sono stati individuati i “segni della memoria” selezionati e studiati; una serie di elaborati scritti che sono confluiti in un libro realizzato dalla classe. Tutti i ragazzi hanno partecipato con impegno ed entusiasmo all’iniziativa che ha mostrato al docente l’importanza dell’uso della tecnologia informatica in ambito didattico.

How does it fulfill the users’ needs: 

Il progetto risponde innanzitutto al bisogno dei ragazzi di essere al centro della didattica, come parte attiva e protagonista dell’esperienza formativa. Essi infatti divengono non solo attori-protagonisti dei filmati realizzati, ma anche piccoli fotografi, cameraman, tecnici sempre più concretamente impegnati nella realizzazione dei video, attivi “manipolatori” di quel linguaggio audiovisivo cui sono costantemente esposti come fruitori passivi. Inoltre l’uso della tecnologia informatica va incontro alle esigenze dei ragazzi di realizzare un percorso formativo che adoperi strumenti e canali comunicativi di diverso tipo, tra cui il più familiare linguaggio televisivo.

Describe how you measure (parameters) these results: 

Gli ambiti formativi oggetto della valutazione sono: Prodotto, attività di produzione, processo di lavoro, lavoro di gruppo.
All’interno di ogni ambito formativo sono diversi i parametri di valutazione applicati, tra cui: acquisizione e uso delle conoscenze, comprensione e uso dei linguaggi e degli strumenti specifici, partecipazione, interesse, impegno, collaborazione, ecc..

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
12. Transferability
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Feste nel mondo

Conoscere e confrontare le modalità di festeggiamenti nei vari paesi del mondo.

1. Project summary
Summary: 

La nostra scuola ha una lunga tradizione di studenti immigrati, per questo è nata quasi spontaneamente l'esigenza, legata anche ad una corretta accoglienza degli alunni, di conoscere come e quando si festeggiano le varie specifiche ricorrenze. Siamo partiti dal confronto sulle varie modalità di come si festeggia il natale (cibi, canti, tradizioni, abiti, usanze) tra le varie etnie presenti in classe, per poi passare ad analizzare altre feste del mondo.
Questo percorso ha permesso di aprire le esperienze degli studenti ed allargare i loro orizzonti, imparare a rispettare gli altri. Per realizzare il tutto sono state coinvolte le famiglie degli studenti stranieri che hanno contribuito a portare oggetti di artigianato, costumi, cibi ed a raccontare le loro storie di immigrazione, creando una vera immersione nell'altrove.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
IC "Palombini"
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Rosaria Carta
E-Mail: 
cartamaros@libero.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 10 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2009
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Aver coinbolto le famiglie nel ruolo di facilitatori delle conoscenze.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Favorito l'inserimento degli alunni stranieri

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
Less than 1 year
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

In altre classi dell'istituto che avevano alunni di diverse etnie

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Future plans and wish list: 

Approfondire la cultura dei paesi analizzati, scambio culturale o gemellaggio con bambini dei paesi studiati.

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data
Syndicate content