• strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_handler_argument::init() should be compatible with views_handler::init(&$view, $options) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_argument.inc on line 33.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_node_status::operator_form() should be compatible with views_handler_filter::operator_form(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/modules/node/views_handler_filter_node_status.inc on line 6.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 14.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.

integrazione

MOL – Matera Online Newspaper

Ragazzi di tutto il mondo in rete per la realizzazione di un giornale internazionale online, in diverse lingue.

1. Project summary
Summary: 

MOL - Matera Online Newspaper è un giornale internazionale on-line, realizzato in rete, in diverse lingue, da ragazzi, dai 5 ai 19 anni, di diversi Paesi, nato con lo scopo di creare un ponte fra le culture e di incoraggiare il dialogo e il confronto. Esso vuole rispondere dalla crescente esigenza della scuola di uscire dal tradizionale isolamento per condividere idee e progetti con altre realtà scolastiche e collaborare con le professionalità che il territorio offre. Dalla collaborazione di ragazzi di più scuole, guidati dai loro insegnanti, nasce un giornale a tutti gli effetti, una redazione virtuale alla quale è direttamente affidata la scelta degli argomenti, delle immagini da utilizzare, dei titoli per gli articoli. MOL si propone come spazio dove i giovani si conoscono, discutono, condividono progetti: in breve, si incontrano in una "piazza" virtuale. Le nuove tecnologie diventano così veicolo di riflessione critica ed il loro uso consapevole offre occasioni di arricchimento culturale e, perché no, di divertimento. Il Liceo Duni, scuola capofila, coordina e gestisce la rete di scuole di tutto il mondo che collabora al giornale. Nel corso degli anni hanno collaborato all’iniziativa circa cento scuole non solo europee, ma anche provenienti da Giappone, Canada, Israele, Russia, Bielorussia, Armenia. L’idea è nata nel 2000, quando il Liceo Duni, in collaborazione con un quotidiano locale, ha dato vita al Giornalino Online di Matera, il primo giornale online delle scuole della Basilicata, realizzato in collaborazione con scuole di tutta la regione. Già dopo il primo anno la redazione del Duni ha allargato la propria attività e i propri contatti all’Europa e al mondo e il Giornalino Online di Matera si è trasformato nell’attuale MOL - Matera Online Newspaper. Con la trasformazione del Giornalino in un giornale internazionale si sono moltiplicate le lingue utilizzate nelle sue pagine. L’inglese è diventata la lingua principale, a cui si affiancano, oltre all’italiano, altre lingue europee. Negli anni, all’interno del Liceo Duni, si è creata una redazione stabile, formata da alunni e da un gruppo di docenti. La redazione si riunisce periodicamente, per lavorare e inserire gli articoli online e mantiene i contatti con le ormai numerosissime scuole partner. Gli studenti collaborano con grande entusiasmo ed hanno, negli anni, suggerito nuove attività e nuove modalità di lavoro.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Matera
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Liceo Ginnasio “E. Duni”
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Maria Teresa Asprella
E-Mail: 
mariateresa.asprella@yahoo.it
6. Website
The website of the project: 
www.molnews.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2001
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Gli obiettivi del progetto sono: • Promuovere un utilizzo positivo dei nuovi mezzi di comunicazione, intesi come momento di incontro, di confronto e di partecipazione. • Acquisire le capacità critiche e di pensiero autonomo necessarie per partecipare attivamente alla società dell'informazione. • Educare i giovani alla pratica del lavoro cooperativo e diffondere la cultura dei new media • Abituare gli alunni ad esprimere e proporre le proprie idee attraverso modalità di scrittura non tradizionali. • Aprire la scuola a contatti e collaborazioni con il mondo esterno e con altre realtà scolastiche. • Motivare.gli studenti alla partecipazione attiva alla vita della società in Europa; rispettando la diversità ed incoraggiando il confronto democratico. • Approfondire la conoscenza dell'eredità culturale europea, confrontando le tradizioni e valorizzando le diversità culturali che arricchiscono il patrimonio comune di storia e di civiltà. • Favorire la conoscenza delle lingue attraverso la pubblicazione di testi scritti dai ragazzi in inglese e in diverse lingue europee. • Favorire l'inserimento nel contesto socio-culturale europeo di alunni che si trovano in condizione socio-economiche svantaggiate e di istituti scolastici situati in aree geografiche periferiche ed economicamente depresse. • Educare, anche in modo informale, i giovani alla vita democratica, alla partecipazione attiva, al confronto culturale. • Sperimentare nuovi approcci che consentano l'inserimento delle tecnologie nella didattica, non come qualcosa di aggiunto, di contrapposto agli stili di insegnamento tradizionali, ma come uno strumento integrato in modo trasversale nel curricolo.

Please explain what is unique or special in your project: 

Attraverso questo progetto è nata e cresciuta nel tempo una rete di scuole che collaborano attivamente tra di loro e con le diverse professionalità esistenti sul territorio. MOL esemplifica il modo in cui Internet sta rivoluzionando l'educazione e trasformando le scuole, da istituzioni separate a organizzazioni per l'istruzione strettamente collegate fra loro: si dà spazio ai ragazzi on-line per creare e pubblicare i loro lavori e collaborare con altri giovani di paesi diversi, al di là delle differenze di lingua e di cultura.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Molti risultati sono stati raggiunti nel corso degli anni: • Attraverso il progetto si è realizzata una comunità virtuale viva e "fedele". Il progetto è stato utile agli allievi, ma anche agli insegnanti; attraverso di esso si è costituita una interessante rete di docenti che riescono ad ottenere una notevole ricaduta tecnica e culturale all'interno delle loro scuole, valorizzando l'uso delle TIC. • Si è creata una valida collaborazione con le professionalità presenti sul territorio, in particolare con alcuni giornalisti che stanno realizzando laboratori di giornalismo e di scrittura per i ragazzi della redazione. • Le istituzioni locali (Comune, Regione, Ufficio Scolastico Regionale) hanno mostrato crescenti interesse ed apprezzamento per il progetto, offrendo il loro supporto finanziario in diverse occasioni. • Più di cento scuole hanno collaborato nel corso degli anni a questa iniziativa, che ha visto la realizzazione di ben 70 numeri del giornale, a partire da settembre 2000, per un totale di circa 900 articoli in inglese ed in altre lingue europee, italiano, spagnolo, rumeno, portoghese, francese. • Le scuole partecipanti provengono da molti Pesi diversi: Turchia, Romania, Portogallo, Grecia, Ungheria, Malta, Bielorussia, Finlandia, Russia, Lituania, Polonia, Francia, Spagna, Canada, Israele, Armenia, Belgio, Svezia, Giappone. • È attualmente operativa una rete di circa trenta scuole di tutto il mondo che collaborano attivamente • Il progetto fornisce un importante contributo al superamento del digital divide da parte di comunità scolastiche che hanno scarse possibilità tecniche e finanziarie. Solo attraverso MOL allievi che vivono in realtà geografiche ed economiche molto periferiche, hanno la possibilità di confrontarsi in continuo con gli altri, e prendono sempre più coscienza della valenza delle TIC, valorizzando la possibilità offerta da un consapevole uso di internet di esprimere liberamente le proprie idee politiche, sociali, religiose, ecc. • Il progetto è risultato vincitore dei seguenti concorsi:Childnet award 2003; Concorso Cento Progetti 2004, promosso dal Ministero Italiano della Funzione Pubblica; concorso Centoscuole 2004. della Fondazione per la scuola della Compagnia di San Paolo di Torino • Il progetto è stato presentato all'ottavo Online Learning Symposium (Edmonton/Canada; 2 -4 novembre 2004), organizzato dall’AOC (Alberta Online Consortium) • Il progetto è risultato finalista nei seguenti concorsi: Stockholm Challenge Award 2004, Global Junior Challenge 2004, Stockholm Challenge Award 2008

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
From 10.001 to 30.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Una scuola finlandese, la Riihenmäki Comprehensive School di Mantsala, ci ha fatto sapere di essersi ispirata al nostro progetto per crearne uno proprio, "A Golden School Day", che prevede la collaborazione di più scuole per la pubblicazione di lavori scritti dai ragazzi sulla loro giornata scolastica ideale. In seguito MOL ha ispirato il progetto di eTwinnig “Euronews”, tra il liceo Duni e la scuola spagnola IES “Alonso de Madrigal di Avila. Successivamente altre scuole nostre partner hanno, sulla base dell’esperienza acquisita con MOL, realizzato un proprio giornale online.

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Cinesi, giapponesi & Co.

Il progetto tende a far approfondire da parte degli studenti la conoscenza della realtà dei cittadini extracomunitari in una città come Matera, ricca di attrattive dal punto di vista turistico ma co

1. Project summary
Summary: 

Il progetto, nell’ambito della educazione alla cittadinanza ed alla società multietnica, intende condurre un’analisi puntuale ed approfondita sulla presenza di stranieri nella città di Matera e sul loro inserimento, sia lavorativo che sociale.
Il progetto si intitola CINESI, GIAPPONESI & Co. proprio perché, in particolare nella nostra città, la presenza di stranieri viene vissuta in modo diverso: c’è lo straniero ricco, il turista giapponese, che viene trattato con riguardo, ed il povero che viene “tollerato”.
Matera, con i suoi famosi “Sassi” si presenta come una città a forte vocazione turistica, ed il suo inserimento in importanti circuiti di tour-operator porta quasi quotidianamente comitive di visitatori giapponesi che, naturalmente, vengono accolte con piacere.
Ma la città presenta anche un’altra vocazione: attualmente la maggiore realtà produttiva della zona è il distretto del salotto, in cui vengono prodotti poltrone e divani per un mercato mondiale. A causa della nota, forte ascesa dell’economia cinese, il settore mostra segni di cedimento, con immancabile perdita di posti di lavoro, e il conseguente ricorso alla mobilità dei dipendenti o alla delocalizzazione.
Tutto ciò influisce, ovviamente in modo negativo sull’economia materana, che ha conosciuto un benessere improvviso, ma attualmente avverte preoccupanti segnali di crisi.
Il reddito pro-capite, che era cresciuto abbastanza rapidamente, è sempre meno certo. Eppure la città, con il suo relativo benessere, continua ad attirare una discreta percentuale di extracomunitari, adibiti, come si sa, alle mansioni più umili C’è un buon numero di cinesi, che lavorano nei salottifici od in piccole fabbriche di abbigliamento; inoltre, in breve tempo, si è potuto constatare l’incremento di negozi di abbigliamento di proprietà cinesi. Queste attività sono viste di buon occhio dai consumatori materani, a causa dei prezzi contenuti, non altrettanto ben accette da produttori e commercianti, a causa di una concorrenza che determina segnali di crisi anche nel commercio materano. Oltre ai cinesi e ai giapponesi, si registrano, nella città di Matera, numerose altre etnie, che operano ognuna in particolari settori. Scopo principale del progetto è quello di abituare i nostri studenti ad osservare con occhio meno distratto questa realtà ed aiutarli ad abbandonare l’immagine stereotipata che in genere si ha di questi nostri ospiti.
Tutto ciò collaborando con le Istituzioni e con le associazioni, intervistando i lavoratori extracomunitari presenti sul nostro territorio, nelle nostre scuole, nella nostra realtà economica, ma anche raccogliendo le opinioni del cittadino comune, del pensionato che passeggia nella piazza, della casalinga che fa spesa nel negozio cinese, con l’obiettivo di conoscere meglio e quindi avvicinare questi nuovi cittadini con cui già conviviamo, forse con un po’ di diffidenza o di distacco.
Dobbiamo capire che essi non sono più una realtà a parte, che non si può più, come forse qualcuno vorrebbe, rimandarli indietro: sono una realtà nella nostra realtà, e con essi dobbiamo convivere.
Conoscersi significa capirsi, stimarsi, apprezzare le proprie diversità: in parole povere vivere in una società multietnica.
Sono coinvolte nel progetto più classi dell’Istituto, per affrontare le tematiche scelte da diversi punti di vista. I giovani sono incoraggiati a mettere in gioco le competenze acquisite in ambito sia scolastico sia extrascolastico, come la creatività artistica e le competenze tecniche ed informatiche, condividendole con i compagni e gli insegnanti. È stato creato, insomma, un gruppo di lavoro di istituto, costituito da ragazzi e docenti, che collabora attivamente e nel quale ognuno è, a seconda dei momenti, insegnante o discente. La filosofia di lavoro è quella dell’apprendimento cooperativo. Il progetto è realizzato da un team di insegnanti con differenti competenze, che, collaborando tra loro, guidano gli studenti nelle attività. Sono state coinvolte due docenti esperte in comunicazione web ed informatica e numerosi docenti di italiano, storia ed educazione civica.
Le attività sono impostate in modo laboratoriale. Gli studenti, guidati dagli insegnanti, hanno realizzato interviste con i soggetti interessati, collaborando con le associazioni presenti sul territorio e con le Istituzioni, facendosi parte attiva nella implementazione delle ricerche sul tema proposto, analizzando ed interpretando criticamente dati e risultati. Sono stati realizzati articoli, relazioni, interviste, servizi fotografici, che sono stati diffusi e condivisi attraverso la pubblicazione nel sito web aperto per l’occasione. Molto significativa è risultata la partecipazione di due classi al programma della Regione Basilicata “Consiglieri per un giorno”, con l’elaborazione di una proposta di legge regionale sull’immigrazione e la relativa discussione in una seduta consiliare simulata. Sono stati creati gruppi di lavoro che hanno affrontato i diversi aspetti del problema. Gli studenti hanno messo in gioco le diverse competenze di cui sono in possesso, potenziandole ed integrandole, sostenendosi a vicenda. Alcuni ragazzi si sono occupati degli aspetti linguistici, altri hanno curato gli aspetti tecnici o artistici, ma tutti insieme hanno creato il prodotto finale .

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Matera
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Liceo Ginnasio “E. Duni”
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Maria Teresa Asprella
E-Mail: 
mariateresa.asprella@yahoo.it
6. Website
The website of the project: 
www.molnews.it/cinese_japanese/
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2006
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Il progetto vuole rispondere all’esigenza sempre più forte nella società odierna, di educare i giovani alla cultura della condivisione e alla comprensione del valore della diversità . Con questo progetto si vuole realizzare un’educazione alla cittadinanza dentro e fuori dei muri della scuola, attraverso un percorso educativo che conduca anzitutto nei luoghi della vita quotidiana e promuova il dialogo con le istituzioni. La scuola, insomma, può e deve dare un contributo all’accelerazione del processo di inclusione sociale dei più svantaggiati, se si vogliono creare i presupposti per una società che annoveri la pace e la giustizia fra i suoi valori di riferimento.
I problemi della globalizzazione evidenziano una situazione a due facce: da una parte, disorientamento e disgregazione che favoriscono fenomeni di fondamentalismo, in occidente come in oriente; dall'altra, un'accresciuta rete di comunicazioni che ha reso il mondo infinitamente più piccolo. La scelta del web come mezzo di comunicazione del progetto non è casuale, ma vuole educare i giovani all’utilizzo positivo dei nuovi media, che possono consentire l’allargamento del concetto di cittadinanza, non legandolo esclusivamente ad un luogo fisico e creando comunità che dialogano al di là dei confini spaziali.
Gli obiettivi del progetto sono:
• educare in modo non astratto alla cultura della solidarietà e della pace
• educare alla legalità
• comprendere la diversità come valore
• documentare e condividere le esperienze e metterle in rete
• educare ai nuovi linguaggi e ai nuovi saperi
• confrontare e discutere diversi punti di vista
• diffondere la cultura della cooperazione
• aumentare l’autostima
• promuovere e valorizzare abilità creative e comunicative
• sviluppare forme di pensiero critico
• stabilire rapporti corretti ed attivi con le istituzioni
• diventare parte attiva nella propria comunità e in comunità allargate
• rafforzare il senso di responsabilità personale
• recuperare la cultura e la storia locale

What does it try to achieve and how: 

Il progetto coinvolge direttamente i ragazzi in un percorso di cittadinanza attiva, rendendoli protagonisti delle attività e mettendoli direttamente a contatto con la realtà locale e con le istituzioni. I giovani hanno sperimentato un percorso di crescita culturale, morale e civica, diventando soggetti attivi nella propria comunità, individuando problemi e proponendo soluzioni anche a livello politico. I ragazzi, insomma, hanno compreso il valore della democrazia intesa come partecipazione.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Con questo progetto si vuole dare un contributo alla costruzione della società della conoscenza auspicata dal Consiglio di Lisbona del 2000, guidando i ragazzi alla comprensione di un modello sociale basato sull’inclusione e sulle pari opportunità. I ragazzi sono i protagonisti del processo e mettono in gioco tutte le loro competenze, imparando ad integrarle ed a lavorare insieme agli altri.
Gli studenti hanno dato vita a numerose attività, documentando il loro percorso attraverso le pagine del sito web del progetto www.molnews.it/cinese_japanese Il progetto è risultato vincitore del Concorso Centoscuole della Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo di Torino.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

Il progetto, ideato dalla prof.ssa Maria Teresa Asprella, ha coinvolto alcune classi dell’Istituto e un gruppo composto da una decina di docenti di differenti discipline. Questo lavoro ha dato la possibilità alla scuola di creare un team affiatato di docenti che lavorano in grande sintonia. Gli studenti hanno alternato il lavoro all’interno delle classi con momenti di condivisione e approfondimento a classi aperte. Questo ha incoraggiato il dialogo e il confronto delle idee, potenziando il senso di appartenenza dei giovani alla comunità scolastica e a quella locale. Interessantissima è stata la collaborazione con associazioni come la Caritas, che ha reso possibile un reale contatto con gli stranieri presenti sul territorio. Molto intensa è risultata la collaborazione con le Istituzioni locali e, in particolare, con la Regione Basilicata, i cui esperti hanno affiancato gli studenti nella realizzazione della proposta di legge sull’istituzione di un osservatorio regionale sull’immigrazione, successivamente discussa in una vera e propria seduta consiliare, che ha visto i ragazzi protagonisti. Gli studenti si sono anche confrontati con le autorità locali, Sindaco, Prefetto, Questore, discutendo dei problemi e delle conseguenti scelte politiche relativi alla presenza di immigrati nel nostro territorio.
Il progetto è risultato vincitore del Concorso Centoscuole della Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo di Torino, che ha finanziato le attività.

Barriers: 

Le istituzioni locali e le associazioni hanno collaborato con molto entusiasmo, mostrando sempre grande disponibilità ed interesse per le attività. Il progetto ha coinvolto molto ragazzi e docenti anche nelle ore pomeridiane, ponendo, a volte, il problema di dover conciliare i tempi con il lavoro scolastico strettamente curricolare.

Solutions: 

La passione con cui tutti hanno lavorato è stata la molla che ha reso possibile superare ogni difficoltà

Future plans and wish list: 

Vorremmo, nel prossimo futuro, coinvolgere alcune nostre scuole partner, provenienti da diversi Paesi europei, per estendere il lavoro ad altre realtà ed arricchire il confronto di idee attraverso il sito web realizzato.

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

“Il giardino delle semplici”

L’Istituto De Amicis per far fronte ai bisogni linguistici degli studenti stranieri sempre più numerosi ha usato le competenze linguistiche di alcuni di loro nella lingua del paese di

1. Project summary
Summary: 

Il “Giardino delle semplici” è un lavoro in fieri di semplificazione dei concetti diretto agli stranieri del primo anno dell’Istituto De Amicis38 portato avanti in forma collegiale nell’a. s. 2006/2007 grazie a un finanziamento esterno dopo altre iniziative negli anni precedenti dirette all’insegnamento dell’italiano a stranieri. I ragazzi stranieri che in Italia iniziano il percorso scolare dalla scuola secondaria superiore, pur avendo una buona preparazione scolastica nelle materie scientifiche possono incontrare molte difficoltà iniziali nella comprensione delle parole. I moduli semplificati di grammatica, storia, matematica, fisica, anatomia, scienze della terra, sono corredati da un glossario. Numero, genere, femminile, maschile sono esempi di parole contenute nel glossario di grammatica. I moduli semplificati sono stati trasposti in presentazioni in Power Point. Il lavoro di semplificazione dei testi e di redazione del glossario secondo i criteri di leggibilità e fruibilità ha visto la collaborazione di Patrizia Benni insegnante di chimica, Clara D’Amico insegnante di anatomia, Cristiana Dentice D’Accadia insegnante di italiano e storia, con la coordinazione di Francesca Romana Camarota. I punti di riferimento ideali del lavoro di semplificazione sono stati i lavori di Tullio De Mauro Guida all’uso delle parole e di Emanuela Piemontese Capire e farsi capire. Nel glossario i lemmi sono tradotti nelle lingue di partenze delle allieve e degli allievi stranieri. Le lingue interessate dal lavoro di traduzione sono: russo polacco spagnolo rumeno. Le ragazze e i ragazzi stranieri del triennio con l’aiuto di un dizionario sono stati impegnati nel lavoro di traduzione del lemma nella lingua di partenza a seconda del Paese di provenienza.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Istituto Professionale De Amicis
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Francesca Romana Camarota
E-Mail: 
nomail@nomail.nomail
6. Website
The website of the project: 
http://www.edeamicis.com/WEB3/DEAMICIS.htm
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2007
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

L’obiettivo è quello di comporre un glossario di termini tecnici che possa essere d’aiuto agli studenti stranieri nell’ambito scolastico multiculturale del IP De Amicis. Attraverso la diretta collaborazione degli studenti stranieri ed italiani e all’utilizzo di programmi quali Power Point è stato possibile completare il lavoro con slide di immagini allegate ai termini del glossario.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Le ragazze e i ragazzi stranieri del primo anno sono stati impegnati nella fase di test nell’esame della funzionalità dei moduli e del glossario. Quelli che abbiamo incontrato a scuola confermano la valutazione delle insegnanti: vengono e raccontano di aver iniziato la scuola superiore avendo molte più conoscenze in matematica dei compagni italiani, le difficoltà maggiori le hanno incontrate in storia dove c’erano molte parole che pur ricorrendo frequentemente come guerra era molto difficile capire. L’aspetto interessante e il piacere di questo lavoro è essersi trovati a tradurre per altre ragazze e ragazzi a cui potrà essere molto utile. Propongono di affiancare chi essendo appena arrivato incontra molte difficoltà. La dinamica delle conoscenze e competenze linguistiche messe a sistema a vantaggio di altre e di altri mette nella condizione di considerare gli effetti delle informazioni imprecise o scorrette e stimola la responsabilità; la cooperazione tra alunne e alunni, tra alunne alunni e insegnanti è diretta all’integrazione degli stranieri.

12. Transferability
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Laboratorio Audiovisivo

Il laboratorio audiovisivo della Scuola Media Mazzini è volto a preparare i ragazzi a un uso responsabile e consapevole degli stessi, a saperli leggere, scrivere, analizzare, criticare.

1. Project summary
Summary: 

L’analisi introduttiva all’uso critico dei media è partita dalla proiezione a schermo di alcuni stimoli, come per esempio un cellulare e alcuni videoclip, seguiti da domande stimolo come: “che cos’è?” nel primo caso e negli altri “cosa succederà dopo?”, con l’obiettivo di far capire la differenza tra realtà e rappresentazione della realtà e quanto i media possono modificare la percezione del reale. In seguito sono stati realizzati due corti intitolati: “Due zingari e una classe” e “Un boliviano a Roma”. Riguardo le storie raccontate, le classi coinvolte hanno fatto scelte diverse. La III D, guidata dalla prof.ssa Zampieri, ha deciso di rielaborare un fatto veramente accaduto nella loro classe: l’arrivo di un compagno straniero che non ha avuto un’accoglienza molto calda. Il corto è l’occasione per rivivere l’incontro e riflettere sui concetti di identità, alterità, stereotipo e pregiudizio . La III B invece, guidata dal prof. Castelli, coglie il tema della violenza verso l’altro e ci costruisce una storia intorno dopo una profonda riflessione sul tema della paura, dell’aggressività e della violenza subita. Il percorso ha stimolato la partecipazione di tutti i ragazzi che attraverso la cooperazione collettiva hanno raggiunto l’obiettivo: raccontare una storia pensata e scritta da loro attraverso un film. Ma non è stato “tutto rose e fiori”, ci sono stati momenti di difficoltà e stanchezza comunque funzionali a capire che non basta decidere di fare un film, bisogna anche farlo!! Il tempo, che nel nostro caso è il ‘tempo scuola’, non è mai stato dalla nostra parte, condizionando e a volte penalizzando alcuni passaggi. Avremmo voluto dedicare più tempo alla fase finale di fruizione collettiva e discussione dei prodotti. Anche in fase di post produzione si sono presentati problemi tecnici che hanno reso difficile l’illustrazione del software di montaggio video ai ragazzi. Purtroppo non è stato possibile rendere il progetto interdisciplinare e coinvolgere altri professori forse anche a causa della poca pubblicità dedicata a questo progetto, certamente mostrando il prodotto finito sarà più semplice riuscirci l’anno prossimo. Entrambe le storie, pur essendo diverse, hanno il merito di problematizzare la realtà di comuni adolescenti che frequentano la scuola a Roma, e di provare a dare una loro risposta. Non saranno film perfetti ma alla fine la loro voce ci arriva forte e chiara, che è già un gran bel risultato.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
SMS G. Mazzini
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Luisa Zampieri
E-Mail: 
lazamp@tiscali.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/07/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

- Conoscenza dei media - Uso consapevole dei media - Realizzazione di un audiovisivo: sogetto, storyboard, distribuzione dei ruoli, recitazione, riprese, montaggio, scelta delle musiche - Integrazione e intercultura

What does it try to achieve and how: 

Incontri, analisi dei comportamenti, domande dirette, dibattito, uso creativo della videocamera e delle tecniche di montaggio

Which opportunities/problems does it address to: 

Le opportunità che affronta il laboratorio sono: la possibilità di riflettere sui propri comportamenti e sui pregiudizi, di acquisire consapevolezza di quanto è articolata la realizzazione di un video, di imparare a recitare una parte e a usare strumenti e tecniche audiovisivi. Il laboratorio interviene sulla difficoltà di distinguere tra realtà e sua rappresentazione.

Please explain what is unique or special in your project: 

La realizzazione del prodotto finito

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

I risultati sono stati positivi sul piano della crescita personale e della presa di coscienza delle proprie capacità e dei propri limiti, con la soddisfazione di vedere concretamente il frutto del proprio lavoro che può anche avere una visibilità esterna alla scuola.

How has it improved the quality of educational and/or training services: 

Il laboratorio ha migliorato l’integrazione nel gruppo classe compattandolo

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
Less than 1 year
What is the source of funding for your project: 
Other
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Future plans and wish list: 

Poter realizzare altri corti, in modo specifico nella classe con alunni sordi

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Progetto Intercultura

Percorso patrocinato da ILO Unicef Onu per rendere i bambini più consapevoli di sé, fornire spunti di riflessione sui Diritti fondamentali dei minori, conoscere e prendere coscienza d

1. Project summary
Summary: 

Percorso patrocinato da ILO, Unicef e Onu ed organizzato dalla Provincia di Pisa, Università degli Studi di Pisa, MPI, associazioni che partecipano attivamente alle attività con i bambini.

La partecipazione al Progetto SCREAM ha favorito lo sviluppo del percorso intercultura che tende ad approfondire ogni anno un aspetto diverso del mondo dei bambini.

Il percorso viene affrontato in classe con la partecipazione di operatori esterni, oltre alla presenza dei docenti.

Il progetto viene condotto generalmente con attività di gruppo e con rielaborazioni personali, comunque in gruppo. Infatti lo spirito del progetto è sì quello di sensibilizzare i bambini alle tematiche proposte, ma anche e soprattutto quello di far capire che noi, nel nostro piccolo, possiamo adoperarci per un cambiamento che tenda a migliorare l'ambiente nel quale si vive, a partire dalla scuola.

 

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Pisa (fraz. Marina)
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Scuola Primaria Statale "G. Newbery"
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
roberta vento
E-Mail: 
roberta.vento@gmail.com
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 10 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/10/2007
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Il contesto nel quale si svolge il progetto è quello di classe.

Gli obiettivi sono:

- conoscenza dei Diritti dei Bambini (sunto delle 10 regole d'oro)

- conoscenza e consapevolezza della propria realtà

- conoscenza di realtà diverse dalla propria

- conoscenza del problema relativo allo sfruttamento minorile

- conoscenza del problema dei bambibi soldato e, in generale, della guerra vissuta dai civili minori

- ricondurre queste tematiche nella realtà che conoscono

- riconoscimento di queste tematiche in Italia e al di fuori dei confini nazionali

- lavorare serenamente in gruppo, favorendo l'integrazione e contenendo dinamiche di esclusione

- consolidare il clima di scambio, cooperazione e mutuo soccorso

- scoprire la differenza tra lavorare divertendosi e divertirsi

What does it try to achieve and how: 

- attività svolte prevalentemente in gruppo

- giochi di ruolo (anche grazie al partecipazione al Progetto Arturo "Nei panni dell'altro")

- visione dello spettacolo teatrale "Nostra pelle" sullo sfruttamento dei bambini, anche quelli appartenenti al cosiddetto mondo del benessere

- raccolta di immagini tratte da giornali e internet

- visione di alcuni momenti di filmati sulle tematiche proposte

- lettura di un testo teatrale

- analisi del testo e lavoro di approfondimento con un operatore esterno

- sintesi del testo scegliendo poche frasi significative che riescano a descrivere i vari paragrafi

- gioco del "se io fossi...", acrostici, completamento di frasi  (i bambini sono limoni perché...), pensieri e riflessioni

- costruzione di burattini con due operatori esterni

- fotografie

- registrazione delle voci dei bambini

- riprese documentarie durante lo svolgimento dei lavori

- coinvolgimento delle famiglie

- lezione aperta ai genitori con un operatore esterno

- giornata di condivisione e scambio con tutte le scuole della provincia che hanno aderito al progetto

- sintesi delle attività con la supervisione del coordinatore del progetto SCREAM

Which opportunities/problems does it address to: 

Offre l'opportunità di lavorare in classe in modo creativo e divertente; le attività permettono a ciascun bambino di esprimersi spontaneamente e di portare un proprio personale contributo al lavoro collettivo; rendono i bambini consapevoli delle diversità presenti in classe e favoriscono la capacità di cogliere aspetti positivi da ciascun compagno/a.

Affronta il problema dell'assenza dei più elementari Diritti. A questo proposito abbiamo lavorato anche sul significato della Scuola come Diritto all'Istruzione e non come Dovere. I compiti stessi non sono un dovere, ma un mezzo per acquisire meglio certe strumentalità, alcuni contenuti..., per sentirsi più sicuri ed accrescere la propria autostima.

10. Results
How has it improved the quality of educational and/or training services: 

Il percorso non intende trasmettere saperi, ma innescare spunti di riflessione, conoscenza e consapevolezza di sé e del mondo che ci circonda.

Inoltre, tende a promuovere situazioni di problem solving, favorendo l'acquisizione di strumenti personali di analisi, di valutazione e di critica costruttiva, tali da portare a soluzioni creative e realizzabili.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
Yes
Insert date: 
10/01/2007
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Lezione aperta ai genitori

Visione dei prodotti finali nell'ambito dell'I.C. con la partecipazione di altre classi che hanno aderito al Progetto SCREAM.

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Barriers: 

Il tempo... perché non basta mai!

Le attrezzature per poter completare l'allestimento di un minilaboratorio informatico serio in classe. Abbiamo 6 computer che cerco di utilizzare come normale strumento di supporto alla didattica. Purtroppo però non c'è il collegamento internet, quindi le ricerche vengono effettuate a casa. Inoltre, utilizzo il più possibile open source, in particolare programmi didattici free che gentili colleghi mettono a disposizione sulla rete, ma talvolta occorre acquistare software specifici e la spesa è sempre a carico mio (la scuola non ha risorse economiche).

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Fare cinema: video in campo: "Mondi distanti"

I ragazzi hanno studiato alcuni temi e su questi hanno realizzato dei video

1. Project summary
Summary: 

Visione di film, analisi di temi, scrittura di una sceneggiatura, realizzazione di un cortometraggio

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
S.M.S. P. Stefanelli
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Mario Pomeridiano
E-Mail: 
mario.pomeridano@yahoo.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Diversi

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Diversi

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Other
Other: 
contributo volontario
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

in diverse classi della scuola

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

Il tema del progetto è stato "L'allontanamento"

Future plans and wish list: 

Occorrerebbero maggiori finanziamenti

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Fare cinema: video in campo:"L'amore ai tempi delle medie"

I ragazzi hanno studiato alcuni temi e su questi hanno realizzato un video

1. Project summary
Summary: 

Visione di film, analisi di temi, scrittura di una sceneggiatura, realizzazione di un cortometraggio

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
S.M.S. P. Stefanelli
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Mario Pomeridiano
E-Mail: 
mario.pomeridano@yahoo.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Diversi

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Diversi

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Other
Other: 
contributo volontario
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

In diverse classi della scuola

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

Il tema del progetto è stao "L'allontanamento" ed ha prodotto 4 cortometraggi

Future plans and wish list: 

Occorrerebbero maggiori finanziamenti

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

La nuova Talpa online - edizione 2008

Redazione del giornalino online della Scuola Secondaria di I grado di Fontaneto d’Agogna (No) In un mondo in cui si legge sempre meno, le nuove tecnologie forniscono ai giovani l'op

1. Project summary
Summary: 

Il giornalino scolastico “La Talpa online” è giunto quest’anno alla sesta edizione, con continue innovazioni in linea con i progressi della tecnologia. Il giornalino è suddiviso in varie Sezioni: News Scuola, L’Opinione, Gite scolastiche, Racconti, Libri e…, Musica, Cineclub, Le nostre Passioni, Fatti di cuore, Giochi.

Punto di forza è l’utilizzo di un Content Management System che consente agli studenti di interagire dinamicamente con la rete e di essere aggiornati in tempo reale.

Altro elemento di innovazione è un nuovo servizio che consente di accedere mediante dispositivo ‘mobile’ e/o cellulare (http://talpaonline.wirenode.mobi )

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Fontaneto d'Agogna (No)
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Scuola Secondaria di I grado di Fontaneto d'Agogna
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
M. Federica Pellegrino
E-Mail: 
mediafonta@libero.it
6. Website
The website of the project: 
http://talpaonline.altervista.org
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2003
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 
  • Stimolare nei ragazzi l’interesse per il mondo che li circonda, partendo dalle loro passioni e dal loro vissuto.
  •  Permettere ai ragazzi di utilizzare le nuove tecnologie informatiche e l’uso consapevole di Internet, approfondendone le conoscenze mediante un approccio personale e creativo.
  • Redigere un articolo (intervista, cronaca, questionario, notiziario di viaggio, pagina di diario, recensione, ecc.) dopo aver raccolto le informazioni e consultato altre fonti.
  • Migliorare le proprie capacità comunicative.
  • Lavorare in gruppo e per interessi comuni.
  • Sviluppare il pensiero critico e promuovere l’aspetto ludico del lavoro.
What does it try to achieve and how: 

Molte modalità didattiche vengono coinvolte nel processo esecutivo del lavoro. Si parte da una fase progettuale di pianificazione (anche di gruppo) ad una fase di sviluppo e realizzazione pratica, il più possibile autonoma. A seconda della tipologia di articolo da realizzarsi, si prevedono modalità operative diverse: di tipo introspettivo per i racconti; l’indagine sul campo con uscite per argomenti di cronaca, inchieste o reportage fotografici; conoscenze storico-geografiche per diari di bordo, resoconti di viaggio o rivisitazioni storiche; conoscenze tecniche di base per la tabulazione di dati.

Which opportunities/problems does it address to: 

Opportunità di lavorare su un progetto che risponda ad un’esigenza e ad un interesse dell’alunno. Molteplici sono le problematiche che il giornalino affronta: il mondo dell’adolescenza nei suoi svariati aspetti, il conflitto e le incomprensioni con il mondo degli adulti, questioni sociali e culturali che investono la collettività, le iniziative interne alla scuola (il Consiglio Comunale dei Ragazzi, le uscite scolastiche, i progetti e le manifestazioni a cui la scuola partecipa, scambi con altre Istituzioni scolastiche o Enti).

Please explain what is unique or special in your project: 
  • Una diversa modalità di presentare i contenuti didattici, in modo originale e accattivante, grazie soprattutto al supporto multimediale.
  • Apprendere in modo piacevole e divertente.
  • Incrementare l’autonomia dell’alunno il quale, da solo o con un gruppo di pari, deve saper portare a termine un’idea e realizzare un prodotto “finito”: articolo, fumetto, racconto, grafico, gioco didattico, ecc….
  • Coltivare gli interessi del ragazzo e sollecitare la ricerca per poter accrescere le proprie conoscenze.
  • Collaborazione e scambi “esterni” per favorire il confronto con altre realtà scolastiche.
  • Possibilità di accedere anche attraverso dispositivi di telefonia ‘mobile’ (cellulare, palmare, WAP)
  • Per facilitare la fruizione da parte di soggetti con disabilità visive è stato introdotto un dispositivo audio che permette l'ascolto dei contenuti del sito.
10. Results
Describe the results of your project as per today: 
  • Grazie alle potenzialità offerte dalla “rete” il progetto ha ottenuto una sempre più crescente visibilità che ha ampliato le possibilità di scambio e di confronto, sia con il mondo dei coetanei che con quello degli adulti.
  • Coinvolgimento e gratificazione dei giovani “scrittori” che hanno un riscontro immediato delle loro produzioni.
How does it fulfill the users’ needs: 

Gli utenti possono formarsi un’idea del mondo filtrato attraverso gli occhi degli adolescenti. Essi vengono informati non solo sulle attività che avvengono a scuola ma anche su argomenti che descrivono e raccontano i rapporti con gli amici, gli interessi legati all’età, le passioni degli adolescenti e, cosa più importante, possono interagire con loro attraverso Sondaggi, Test, giochi, commenti, inserimento di Annunci o esprimendo un’eventuale valutazione degli articoli che vanno a consultare o proponendo un proprio articolo da pubblicare.

How many users interact with your project per month and what are the preferred forms of interaction: 

L’affluenza media è di circa 2500 contatti mensili.

Al progetto prendono parte tutti gli alunni della scuola e quanti interagiscono attraverso la “rete” con interventi, e-mail, scambi, invio di articoli da pubblicare, richieste di vario genere.

How has it improved the quality of educational and/or training services: 
  • Stimola il bisogno di autonomia, di crescita, di affermazione della propria personalità.
  • Sollecita la creatività e la capacità di portare a termine un progetto.
  • Migliora i rapporti interpersonali e l’integrazione e lo scambio interculturale grazie all’apporto dei ragazzi stranieri presenti in redazione.
  • Attraverso l’utilizzo coinvolgente delle tecnologie anche i ragazzi con maggiori difficoltà espositive hanno modo di esprimere le proprie potenzialità.
How has it improved the participation of professionals, children, youth and other stakeholders: 
  • È richiesta la partecipazione di altri soggetti (adulti, professionisti, esperti del settore) nel dare una lettura critica agli articoli riguardanti i problemi che investono il mondo giovanile ma che coinvolgono anche gli adulti, con particolare riguardo alle dinamiche dei rapporti in famiglia e/o nuove tendenze adolescenziali (vedi ad esempio fenomeni di bullismo, Hikikomori, intolleranze, ecc.). Numerosi sono i suggerimenti e le proposte che hanno via via arricchito il nostro giornalino.
  • Sono state coinvolte alcune classi della Scuola Primaria le quali, attraverso la consultazione del giornalino, hanno potuto avvicinarsi ai temi dei ragazzi più grandi i quali, a loro volta, diventano “Tutor” attraverso la Peer Education. - Sono state avviate delle forme di collaborazione con Enti locali, quali la Biblioteca e il Comune.
  • Grazie ad alcune iniziative, si sono sviluppati contatti con realtà “estere” (Argentina, Brasile, Australia).
How does it promote the use of ICT for the educational and cultural development by professionals, children and youth: 

Coinvolge lo studente nell’utilizzo delle nuove tecnologie per la stesura di testi, l’impaginazione, la realizzazione di progetti grafici, il trattamento delle immagini, il trasferimento sul Web.

Describe how you measure (parameters) these results: 
  • Correttezza formale del testo.
  • Coerenza e completezza del contenuto.
  • Originalità del prodotto.
  • Feedback dell’utenza.
11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Other
Other: 
auto-finanziamento
Is your project economically self sufficient now: 
Yes
Insert date: 
09/01/2006
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Dalla sua diffusione, molte scuole si sono ispirate al progetto per realizzare un proprio giornalino scolastico.

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

Il progetto è stato attuato come attività “laboratoriale” a classi aperte coinvolgendo alunni delle classi prime, seconde e terze della Scuola Sec. di I grado. L’idea del progetto e la sua successiva realizzazione è nata da un gruppo di insegnanti che ha inteso valorizzare le nuove tecnologie informatiche nel mondo scolastico, consapevoli della grande importanza che tali strumenti rivestono nella realtà odierna.

La scuola opera in un piccolo centro della pianura piemontese a vocazione prevalentemente agricola. Essa accoglie ragazzi provenienti da piccole frazioni dislocate sul territorio e funge da unico reale punto di aggregazione in un contesto privo di altre strutture culturali e/o ricreative per i giovani.

Grazie a questa ed altre iniziative di cui essa si fa promotrice, offre ai ragazzi l'opportunità di prendere contatto con realtà a loro spesso del tutto sconosciute e di interagire con soggetti provenienti da ambienti o culture del tutto diverse.

Barriers: 

Molti studenti della ns. scuola non possiedono un pc personale collegato alla rete ma per larga parte dispongono di un telefono cellulare da cui è possibile accedere al giornalino.

Solutions: 

Grazie alle proprie strutture informatiche la scuola può garantire a tutti gli studenti la possibilità di consultazione e fruizione del progetto. Inoltre, valutata la larga diffusione del telefonino presso i ns. studenti, è stata realizzata una specifica versione “mobile” del giornalino.

Future plans and wish list: 

Dal prossimo a.s. 2009-2010, in virtù delle nuove disposizioni ministeriali che fissano un nuovo Quadro Orario nazionale, sarà necessario rivedere la struttura di realizzazione del giornalino online per esaminarne le condizioni di fattibilità e valutare le più opportune e funzionali modalità di lavoro.

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Filmare il quotidiano

Documentare e rappresentare la vita quotidiana nelle scuole, evidenziando, in particolare, l'interazione tra ragazzi e ragazze con diverse abilità.

1. Project summary
Summary: 

Spesso ci si è chiesti come testimoniare le tante attività che vengono sviluppate nella scuola, anche in un periodo breve. Il coordinatore del progetto ha riunito un gruppo di ragazzi di più classi (1B, 2B, 1E) dando loro la responsabilità dell'azione creativa e dell'attività produttiva, supportandoli nella ripresa e nel montaggio. Sono stati così prodotti quattro video (la controra, il giardino di Giovanni, in-visibilis, i valori della vita) che documentano tanti momenti di vita scolastica. Uno di essi (i valori della vita) ha vinto un riconoscimento del CONI all'interno di uno specifico percorso dallo stetto titolo.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
SMS Luigi Di Liegro
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Antonio Genovese
E-Mail: 
sms.diliegro@tin.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Documentare ed archiviare le attività della scuola, aumentare le modalità espressive a disposizione degli alunni, aumentare la comunicazione spontanea di sentimenti, bisogni, desideri da parte dei ragazzi.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Maggiore integrazione tra ragazzi e ragazze con diverse abilità personali, conoscenza di tecniche espressive nuove, miglior conoscenza all'estenro della scuola di ciò che in essa si fa.

11. Sustainability
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Other
Other: 
Fondo d'istituto
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Metodologia e prodotti vengono utilizzati per l'apprendimento di altre classi che sono poi invogliate a studiare e produrre.

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Favole per Simone

Simone vuole ascoltare le favole e interagire con esse: creaimo per lui degli strumenti utili.

1. Project summary
Summary: 

Simone è un ragazzino altamente ipovedente della classe IIb che ha bisogno di stimoli acustici con cui interagire. in collaborazione con la Dott.ssa Sabrina Vici, specialista che lo segue, il laboratorio Ciak Podcast, in cui i ragazzi e le ragazze lavorano per l'apprendimento e la creazione e del montaggio di file audio e video, ha letto e analizzato, studiato e registrato alcune favole di Fedro, montando in esse un ampio parco di versi e rumori naturali che servono per catturare l'attenzione del ragazzo e permettergli di interagire con le favole attraverso un Human Interface Device apposito.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
SMS Luigi Di Liegro
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Marco Giacobbe
E-Mail: 
sms.diliegro@tin.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Dare senso alla produzione di un gruppo di lavoro, produrre "oggetti" realmente utilizzabili, conoscere tecniche e strumenti digitali

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Maggior senso di interazione con ragazzi portatori di altre abilità, funzionalizzazione dei propri impegni rispetto al contesto

11. Sustainability
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Other
Other: 
fondo d'istituto
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

metodologia e prodotti vengono utilizzati per l'apprendimento di altre classi che sono poi invogliate a studiare e produrre

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data
Syndicate content