• strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_handler_argument::init() should be compatible with views_handler::init(&$view, $options) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_argument.inc on line 33.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_node_status::operator_form() should be compatible with views_handler_filter::operator_form(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/modules/node/views_handler_filter_node_status.inc on line 6.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 14.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.

cooperazione

NOI CON GLI ALTRI – solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni

Costruire per e con i ragazzi opportunità per diventare cittadini consapevoli, per sentirsi parte di una comunità, per riscoprire il valore della partecipazione e trovare equilibrio t

1. Project summary
Summary: 

Nell’elaborazione del progetto siamo partiti dalla considerazione che oggi è sempre più difficile trovare il modo per trasmettere ai giovani i valori che accompagnino la loro crescita e soprattutto che li formino alla cittadinanza, alla partecipazione, alla solidarietà con gli altri. L’idea che ha portato a questo progetto è quella di far incontrare la scuola, il luogo della formazione per tutti, con significative esperienze di solidarietà. Abbiamo quindi proposto di costruire per e con i ragazzi opportunità per diventare cittadini consapevoli, per sentirsi parte di una comunità, per riscoprire il valore della partecipazione e trovare equilibrio tra le esigenze individuali e quelle collettive. Solidarietà e cooperazione dunque come pratiche di buona cittadinanza, una solidarietà intesa non solo come sforzo di integrazione sociale ma anche come garanzia che tutti abbiano delle opportunità per realizzare la propria vita. Il percorso formativo sarà seguito, oltre che dal capo d’Istituto e dagli insegnanti, da due educatori/trici che accompagneranno i ragazzi in tutte le fasi del progetto, inoltre potrà vedere la presenza di artisti, al fine di stimolare la creatività e la partecipazione attiva della classe attraverso linguaggi diversi. La classe documenterà l’esperienza con la realizzazione di un breve filmato Il progetto è nato grazie alla campagna “Il cuore si scioglie” che da anni Unicoop Firenze promuove sostenendo azioni di solidarietà in varie parti del mondo. E’ questo un progetto di lavoro comune, che in questi anni ha messo in relazione vari settori ed esperienze del volontariato laico e cattolico, coinvolgendo tanti cittadini con l’obiettivo di fornire aiuto concreto ai bambini che vivono in condizioni difficili nei Paesi più poveri del mondo. Attraverso il coinvolgimento diretto dei giovani e dei loro insegnanti abbiamo voluto dare l’opportunità alle scuole di conoscere da vicino realtà molto complesse (come l’opportunità di accoglienza e di alfabetizzazione per i bambini di strada dell’India, come il percorso di autonomia dei giovani down di Firenze e Siena, come il lavoro creativo e informale dei bambine e delle bambine degli slums di Nairobi …) . ________ Attraverso la scuola ci rivolgiamo a chi ha minori occasioni di partecipazione offrendo a tutti le stesse opportunità formative sia per coloro che sono motivati ad affrontare esperienze di carattere solidaristico, che per coloro che mostrano maggiore indifferenza su questi temi. Oggi, al terzo anno di vita, il progetto è realizzato dalla cooperativa Meta con la collaborazione della Unicoop Firenze – settore progetti sociali – e si rivolge a scuole secondarie di ogni indirizzo per favorire il protagonismo giovanile, espresso attraverso lo scambio e l’incontro con altri giovani, e l’impegno a partecipare alla vita della Comunità esercitando la propria soggettività generazionale.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Firenze
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Unicoop Firenze
4. Type of organization
Select type: 
Other
Other: 
cooperativa grande distribuzione
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Daniela Mori
E-Mail: 
daniela.mori@unicoopfirenze.coop.it
6. Website
The website of the project: 
www.noiconglialtri.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/01/2006
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

OBIETTIVI: Promuovere nei ragazzi l’idea che si diventa dei buoni cittadini quando si ha consapevolezza dell’ambiente che ci circonda e delle relazioni che esistono tra questo ed il resto del mondo. Stimolare la riflessione sul futuro come una prospettiva non individuale ma collettiva. Quello che accadrà a me può dipendere anche da quello che accadrà ad altri. Riflettere sulle connessioni che esistono tra i comportamenti quotidiani e quelli sociali. Allenarsi ad essere fattori di cambiamento nel nostro agire, nella pratica di tutti i giorni, rafforzando l’idea che le buone pratiche possono influenzare ed essere esempio per gli altri. Sollecitare il confronto tra diritti e doveri di un cittadino con riferimento al proprio vissuto personale. Far vivere ai ragazzi un’esperienza in realtà lontane dalla loro dimensione quotidiana per sviluppare confronto e dialogo tra loro e gli altri. Sviluppare la cultura della solidarietà, il protagonismo giovanile sostenendo e sperimentando nuove forme di partecipazione e incrementando lo scambio di esperienze tra giovani di paesi diversi Il progetto si rivolge agli alunni delle classi quarte delle scuole secondarie di secondo grado della Toscana

What does it try to achieve and how: 

con le classi costruiamo un percorso articolato in più fasi. Prima fase: motivazione e conoscenza. La complessità del mondo in cui viviamo rende sempre più necessario dare un rinnovato senso al proprio operato e tessere nuovi significati. In quale quadro ci muoviamo? Da una riflessione sulla solidarietà finalizzata a migliorare la relazione tra gli individui e tra essi ed i loro ambienti di vita, quali mutamenti ci attendiamo? la solidarietà é al tempo stesso importante “contesto” e “strumento” per affrontare le criticità del mondo attuale: quali idee di solidarietà, di partecipazione, di relazione possiamo condividere? Tale fase prevede: la presentazione del progetto nel suo complesso (“Noi con gli altri”: come è nato e perché, chi è coinvolto e come ci stiamo noi nel progetto); il coinvolgimento del gruppo classe nell’analisi di alcuni aspetti problematici centrali nel discorso sulla solidarietà (ad es. interdipendenza, sviluppo locale/globale, cooperazione...), proposti all’interno di un più ampio quadro formativo riguardante l’educazione alla sostenibilità; la riflessione sulle connessioni che esistono tra i comportamenti individuali quotidiani e quelli sociali. Seconda fase: consapevolezza. E’ difficile per un europeo, uomo o donna che sia, immaginare che cosa significhi essere ragazzo nel paese destinatario del progetto: la tentazione proiettiva ci spinge a leggere le storie degli altri con le stesse chiavi con cui viviamo e leggiamo la nostra. La realtà può essere ben diversa, fatta di lunghe e faticose giornate, di diritti negati, di opportunità tutt’altro che pari. È importante “avvicinarsi” ai destinatari del nostro intervento per riuscire a interagirvi, conoscere e far conoscere la loro realtà perché conoscere è il primo passo per capire, per creare legami di solidarietà. Quali conoscenze, valori, competenze possiamo condividere e costruire con le persone con cui lavoriamo e con quelle – vicine e lontane – con cui viviamo? Tale fase prevede: la conoscenza diretta del paese nel quale andremo a operare proposta attraverso conversazioni, giochi di ruolo, ricerca e analisi di dati, interviste, dibattiti e contributi di vario genere; in questa fase è previsto anche l’incontro, in qualità di testimoni, con Associazioni Partner; l’individuazione di uno o più interventi che la classe può contribuire a realizzare all’interno del progetto analizzato; con le informazioni acquisite e con l’analisi delle necessità emerse, la classe potrà orientarsi fra le diverse azioni solidali possibili per proporre un intervento in favore e in collaborazione delle proprie coetanee indiane; segue l’individuazione, all’interno del gruppo classe, dei 5-6 ragazze/i che prenderanno parte al viaggio. Terza fase: viaggio della delegazione Attraverso il viaggio si concretizza e si assimila quella conoscenza spesso solo teorica della realtà. Viaggio come occasione di incontro per capire e agire con e per gli “Altri” ma anche per “Noi”, superare l’individualismo e costruire le radici della propria identità dall’intreccio profondo e consapevole con quelle di tanti “Altri”. Quali esiti ci attendiamo dal percorso che progettiamo? Come possiamo assicurare l’efficacia e la riuscita del progetto? E come mantenere i contatti con i destinatari del nostro intervento? Le destinazioni sono scelte in virtù della qualità dei progetti di solidarietà realizzati e delle garanzie che i partner di questi progetti offrono sotto il profilo della serietà e della sicurezza. In ognuno di questi luoghi, i ragazzi saranno chiamati a ideare e realizzare una parte del progetto indicato. Quarta fase: testimonianza I ragazzi partendo dal racconto dell’esperienza vissuta durante tutto il progetto si fanno promotori responsabili presso le nuove classi coinvolte sollecitando una riflessione sul futuro non individuale ma collettiva

Which opportunities/problems does it address to: 

Il progetto si articola in sezioni speciali che promuovono la conoscenza e lo scambio fra giovani appartenenti a realtà assai lontane geograficamente, culturalmente e socialmente. Ciascuna classe segue un particolare progetto di solidarietà studiandone il contesto storico e sociale, valutandone i bisogni e inviando una delegazione per conoscerne le reali esigenze. ecco, a titolo di esempio, alcuni dei paesi dove sono attivi progetti di solidarietà: Palestina: Mai come in questo momento l'urgenza della pace e del dialogo si fa evidente anche per un progetto "piccolo" rispetto ai grandi disegni del mondo. Il progetto prevede la realizzazione di videoclip e cortometraggi sul tema dell'incontro tra giovani, religioni e culture. Cameroun: L’esperienza si sviluppa nel gemellaggio con i ragazzi e le ragazze del Our Lady, Seat of Wisdom College di Fontem – principale centro del Distretto di Lebialem (“Lebialem Division”), nel sud ovest del Camerun. Insieme i giovani collaboreranno alla realizzazione e al mantenimento di interventi educativi presso il villaggio di Besalì. I ragazzi toscani intraprenderanno con i loro coetanei del Camerun un percorso di reciproca conoscenza e di scambio di esperienze tanto diverse tra loro quanto accomunate da analoghe riflessioni e finalità: concetti come “globalizzazione”, “interdipendenza”, “cooperazione”, “solidarietà”, “sviluppo”, “stile di vita”, non sono più parole astratte ma si concretizzano nella possibilità di essere protagonisti di un’azione concreta di solidarietà India: i ragazzi toscani penseranno e realizzeranno progetti e iniziative con i loro coetanei del liceo di Madaplathuruth – stato del Kerala. Ragazzi che appartengono a culture e mondi diversi e che, a partire dalla propria realtà locale, si impegneranno ad affermare il diritto a un mondo migliore: un diritto del quale, dopo i recenti fatti di Mumbai, si sente se possibile ancora più l'urgenza. Firenze, associazione Trisomia 21: Insieme all'Associazione Trisomia 21, i ragazzi daranno vita a un progetto che, a partire dall'incontro fra coetanei, porti all’ideazione e alla realizzazione di un piccolo cartone animato che racconti di questa esperienza di conoscenza reciproca. I giovani scriveranno insieme allo scrittore Emiliano Gucci la storia, da cui nasceranno poi i personaggi e le scenografie che verranno realizzate in plastilina insieme all’artista Francesca Rucci e animate con la tecnica della stop motion, con l’animatore video

Please explain what is unique or special in your project: 

Grazie all’incontro, al confronto e allo scambio si instaura un legame profondo fra i ragazzi e le ragazze italiane e i giovani del posto che sarà rafforzato grazie ai collegamenti via internet. La classe, in base alle proprie capacità progettuali, potrà mettersi in gioco e sostenere il progetto a distanza. L’opportunità del “fare” (feste e concerti autogestiti finalizzati alla raccolta fondi, realizzazione di gadgets originali da distribuire insieme a materiale informativo per sensibilizzare l’opinione pubblica, realizzazione di cene di solidarietà…), dell’essere protagonista di un cambiamento per molti coetanei in difficoltà, rende il progetto concreto ed è garanzia della continuità dell’azione attraverso un passa parola tra gruppi di pari che sta dando esiti assai positivi

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Il progetto ha visto la partecipazione di 18 scuole e di circa 40 docenti. I ragazzi e le ragazze sono coinvolti, in qualità di testimoni esperti e consapevoli, nei progetti svolti anche da altre classi e la loro adesione ad interventi territoriali ne dimostra l’interesse. Molti sono i ragazzi della prima edizione del progetto che, ad oggi, sono rimasti attivi nel campo della solidarietà anche se il percorso scolastico, per loro, si era già concluso. La difficoltà a trovare sul territorio cittadino un’iniziativa di solidarietà sociale rivolta e costituita da giovani ha fatto maturare l’idea di dare vita ad un’associazione giovanile per dare continuità all’impegno solidale. Dare autonomia di azione ai giovani è un risultato che sicuramente ha superato le aspettative. Inoltre sul territorio si sono create delle “reti” di collaborazione fra i soggetti partner che vanno ad ampliare e ad arricchire le risorse potenziali necessarie ad un progetto di così ampio respiro

How has it improved the quality of educational and/or training services: 

La condivisione delle finalità del progetto, l’esplicitazione delle motivazioni dei ragazzi e delle ragazze e l’impegno concreto possono contribuire a favorire legami comunitari all’interno della classe, nella scuola, nel quartiere e nel territorio cittadino rendendo i/le giovani protagonisti/e dell’azione di solidarietà, rafforzando l’idea che le buone pratiche possono influenzare gli altri. L’esperienza di promozione, solidarietà e cooperazione fra ragazzi di diverse famiglie culturali e sociali può rappresentare il primo nucleo di un incontro di collaborazione per essere co-protagonisti della società interculturale. Attraverso il dialogo e l’azione si può prendere coscienza dell’importanza di certi diritti “acquisiti” e raggiungere la traduzione dei diritti nei differenti contesti di tempo e luogo. Se la solidarietà diventa una buona pratica del vivere la cittadinanza per alimentarla e tenere vive le motivazioni del nostro agire ci devono essere luoghi, anche virtuali di scambio e confronto di idee e azioni. Da qui l’importanza di un sito per scrivere e condividere le proprie esperienze.

How has it improved the participation of professionals, children, youth and other stakeholders: 

La metodologia utilizzata è quella della ricerca-azione. La dimensione formativa consente alle/ai ragazzi/e di esplicitare i propri modi di pensare la solidarietà e di integrarli, arricchendoli con nuove conoscenze e testimonianze. Precedenti esperienze di solidarietà e specifiche competenze e professionalità presenti sul territorio sono infatti una risorsa importante da far dialogare con la scuola. Gli interventi, condotti da educatrici esperte, mirano a valorizzare le peculiarità e le potenzialità di ciascun studente e sono intesi come momenti di coinvolgimento per gli alunni più in difficoltà anche grazie all’utilizzo di modalità di comunicazione diverse: video, cortometraggi, spot radiofonici, blog e anche ai diversi linguaggi dell’arte (graffiti, stop motion, scrittura creativa….). Le attività prevedono interventi laboratoriali di gruppo, giochi di simulazioni, elaborazione collettiva anche artistica, per mettere a fuoco e progettare possibili azioni

How does it promote the use of ICT for the educational and cultural development by professionals, children and youth: 

Il progetto prevede la realizzazione e lo sviluppo di strumenti di comunicazione on line (forum e blog) attraverso l’apposito sito www.noiconglialtri.it e la partecipazione a trasmissioni radiofoniche e televisive del circuito regionale. Questi elementi concorrono a connettere tra loro i diversi progetti e a diffonderne le finalità. Inoltre è prevista la documentazione di ciascun progetto attraverso la realizzazione di una specifica pubblicazione e di un video che ne raccolga i passaggi salienti. Tale materiale 9 si rivela di notevole importanza sia per i giovani che hanno realizzato il progetto stesso che per le classi che negli anni futuri si impegneranno a sostenerlo e svilupparlo

Describe how you measure (parameters) these results: 

dal punto di vista dell’apprendimento e dell’insegnamento: riproducibilità, trasferibilità, raggiungimento degli obiettivi, autovalutazione, coerenza, rilevanza sociale._ dal punto di vista della partecipazione delle classi: come evento conclusivo di confronto tra i ragazzi che hanno partecipato al progetto viene organizzata una giornata di lavoro e di relazione che rappresenta il momento in cui le diverse esperienze fatte vengono messe a confronto e presentate a tutta la platea che raggruppa genitori, rappresentanti di Istituzioni, animatori e tutti coloro che nel progetto hanno creduto e che con il proprio lavoro hanno contribuito al successo delle esperienze fatte. dal punto di vista dell’impegno responsabile: dall’esperienza dei precedenti anni del Progetto “Noi con gli altri”, si è costituito un gruppo di giovani che mantiene un ruolo attivo nel progetto manifestando la volontà di un maggior protagonismo. Si prevede la costituzione di un’associazione giovanile come opportunità di partecipazione responsabile, autonomia e impegno concreto da offrire ai tanti giovani interessati ad un impegno solidale

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 3 to 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
From 75.001 to 500.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

Partner principali: Fondazione Monte dei Paschi di Siena Cooperativa sociale Mèta Associazioni partner: Associazione LIBERA Associazione Amici di Betlemme Fondazione Giovanni Paolo II The Peres Center For Peace Movimento Shalom Movimento dei Focolari Suore Francescane di Santa Elisabetta Associazione Trisomia 21 (FI) Associazione Ottavo giorno (SI) Associazione Seminarte Enti pubblici: Comune di Firenze, Comune di Siena, Comune di Pistoia, Comune di Montevarchi, Comune di Pisa, Comune di Pontassieve, Comune di Arezzo Regione Toscana

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Maths to Play

Il progetto vede la collaborazione fra il Liceo Classico “Duni” di Matera (Italia) e due scuole europee, il Lycée classique di Diekirch (Lussemburgo) e il Lycée classique

1. Project summary
Summary: 

“Maths to Play”, nato su proposta del liceo Duni, è un progetto di eTwinning, un’importante iniziativa all’interno del Programma dell’Unione Europea di eLearning. Il progetto nasce dalla riflessione sugli obiettivi di Lisbona definiti nel marzo del 2000, quelli di costruire la società e l’economia della conoscenza più competitive nel mondo. Il ruolo della scienza è centrale in una società della conoscenza: è necessario, per la reale partecipazione dei cittadini ad una società democratica, che essi posseggano un adeguato bagaglio di conoscenze scientifiche. Le scuole coinvolte nel progetto sentono profondamente questa responsabilità e vogliono diffondere un importante messaggio: la cultura della scienza e della ricerca affonda le sue radici nella cultura umanistica europea e va diffusa fra tutti i cittadini in quanto fattore di crescita della società. Il progetto propone un approccio non tradizionale alla matematica, attraverso il quale i ragazzi possano imparare “giocando”, ma anche riflettere sul significato più profondo di questa disciplina. Spesso gli studenti sono spaventati dagli aspetti più tecnici di questa materia, che a volte fa paura a causa del suo linguaggio troppo rigoroso. Con questo progetto vogliamo suscitare nei giovani curiosità ed interesse per la matematica, mettendo in evidenza soprattutto il fatto che essa fa parte della cultura e dello spirito dell’uomo da sempre. La matematica è libertà della mente, creatività, ci aiuta ad interpretare fatti e a comprendere situazioni reali, è frutto, come tutto il sapere, di ricerca e di errori dell’uomo.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Matera
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Liceo Ginnasio “E. Duni”
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Maria Teresa Asprella
E-Mail: 
mariateresa.asprella@yahoo.it
6. Website
The website of the project: 
http://magazinefactory.edu.fi/magazines/mathstoplay/
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/07/2006
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Il progetto affronta il grave problema dello scarso rendimento degli studenti nelle discipline scientifiche ed, in particolare, nella matematica, messo in evidenza dalle più recenti ricerche a livello internazionale e vuole dare ai ragazzi l’opportunità di acquisire strumenti per inserirsi nel contesto lavorativo e culturale europeo. Con questo percorso didattico si vuole presentare una matematica “viva”, che possa essere praticata realmente dai ragazzi, suscitando interrogativi e curiosità. Per raggiungere i suoi obiettivi, il progetto fa uso di una didattica squisitamente laboratoriale, incentrata sullo studente, che costruisce il suo sapere potenziando il pensiero costruttivo. Il processo di apprendimento parte sempre dall’esperienza dei ragazzi, dalla individuazione di problemi, dalla loro contestualizzazione e riformulazione in termini nuovi, dalla collocazione della conoscenza in un contesto storico. L’aspetto ludico-emotivo assume una dimensione fondamentale, diventando il “motore” dell’apprendimento, che diventa così anche piacevole ed interessante. La curiosità suscitata nei ragazzi sostiene costantemente la loro motivazione a superare le difficoltà e a completare i compiti assegnati ai diversi gruppi di lavoro. I ragazzi possono esprimere al meglio le proprie potenzialità, mettendo in gioco ciascuno le diverse abilità possedute. Grazie alle metodologie di cooperative learning, si potenzia l’interazione fra i ragazzi, dando spazio alle eccellenze, ma anche motivando e sostenendo i ragazzi più deboli. In tal modo si cerca di orientare le scelte future, suscitando interessa per la matematica e per la scienza. La tecnologia, l’utilizzo di Internet e del computer, costituiscono un valore aggiunto che consente di valorizzare al massimo il processo di comunicazione e di indagine degli studenti. Il progetto evidenzia anche una “visuale di genere”. In coerenza con quanto raccomandato dall’Unione Europea e dalle recenti circolari ministeriali, si incoraggiata una riflessione di genere nell’ambito scientifico. Il diverso rendimento di ragazzi e ragazze nelle materie scientifiche, pregiudizi storici e culturali, scelte di studio e professionali, studi di genetica, storie “al femminile”: tutto questo per sviluppare una consapevolezza culturale della persistenza di stereotipi ed ostacoli culturali di genere nel campo scientifico, ma anche per sottolineare trends di cambiamento e svolta. Il progetto, sviluppato in orario extracurricolare, si integra fortemente con l’offerta formativa curricolare, ampliandola in modo coerente e sostenendone gli obiettivi formativi. Esso condivide, ispirandosi ad essa, la Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 2006, nella quale vengono individuate le Competenze chiave per l’apprendimento permanente. Ciascuna delle otto competenze chiave viene messa in gioco nel progetto Maths to Play, ed ognuna di esse si interseca con le altre in un quadro in cui i vari ambiti del sapere si integrano in modo naturale. La dimensione internazionale del progetto rende necessario l’uso della lingua inglese, portando gli studenti, in modo quasi naturale, a cimentarsi con nuovi termini tecnici e ad un utilizzo nuovo della lingua. Il binomio matematica-inglese si è rivelato vincente, riuscendo a coinvolgere anche ragazzi non particolarmente interessati alla sola matematica o al solo studio della lingua inglese.

Please explain what is unique or special in your project: 

Il progetto riesce ad avvicinare gli studenti alla matematica con modalità del tutto innovative e, soprattutto, basate sulla collaborazione fra studenti della stessa scuola e delle scuole coinvolte. I ragazzi hanno capito l’importanza del ruolo della matematica nella storia e nella cultura, avvicinandosi ai valori di civiltà e di libertà che essa può veicolare. Gli studenti hanno studiato, inoltre, la matematica presente nella realtà che li circonda, fotografando personalmente e studiando le proprietà matematiche dei reperti artistici ed architettonici delle loro città. Gli studenti, insomma, sono protagonisti di un vero proprio laboratorio europeo, che ne promuove la crescita culturale e morale.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

I ragazzi si sentono protagonisti del processo educativo. L’ approccio proposto alle tematiche di studio ha migliorato la loro motivazione e i loro risultati scolastici. Il dialogo con i colleghi europei ha allargato le loro prospettive e potenziato il senso di appartenenza all’UE. Il progetto ha ricevuto numerosi riconoscimenti: • vincitore del Global Junior Challenge2006 • selezionato per la Conferenza Europea eTwinning di Bruxelles del 2007 • finalista allo Stockholm Challenge Award 2008 • ha ricevuto una menzione speciale nel corso della Conferenza Nazionale eTwinning di Pistoia (10-11 novembre 2008) per aver contribuito alla diffusione di eTwinning a livello internazionale • è stato pubblicato in Studi e Documenti degli Annali della Pubblica Istruzione n. 122 del 2008, fra le esperienze significative sui Laboratori Scientifici che hanno partecipato al Concorso «Didattica della scienza» - Edizione 2008.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 3 to 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Future plans and wish list: 

Maths to Play ha costituito una grossa occasione per sviluppare nuove relazioni internazionali e per intraprendere contatti con scuole di tutta Europa. Numerosi docenti si sono messi in contatto con le insegnanti coinvolte nel progetto, attraverso mailing list e forum specifici. Si è creata una rete di collaborazioni che ha dato luogo ad un interessante scambio di opinioni tra docenti sulla didattica del progetto e, in generale, sugli stili di insegnamento dei diversi Paesi europei. Sono stati scambiati giochi matematici in inglese, successivamente risolti dai ragazzi, anche con scuole non direttamente coinvolte nel progetto. Per il futuro vorremmo creare una rete di scuole che collabori attivamente a problemi di didattica della matematica.

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

MOL – Matera Online Newspaper

Ragazzi di tutto il mondo in rete per la realizzazione di un giornale internazionale online, in diverse lingue.

1. Project summary
Summary: 

MOL - Matera Online Newspaper è un giornale internazionale on-line, realizzato in rete, in diverse lingue, da ragazzi, dai 5 ai 19 anni, di diversi Paesi, nato con lo scopo di creare un ponte fra le culture e di incoraggiare il dialogo e il confronto. Esso vuole rispondere dalla crescente esigenza della scuola di uscire dal tradizionale isolamento per condividere idee e progetti con altre realtà scolastiche e collaborare con le professionalità che il territorio offre. Dalla collaborazione di ragazzi di più scuole, guidati dai loro insegnanti, nasce un giornale a tutti gli effetti, una redazione virtuale alla quale è direttamente affidata la scelta degli argomenti, delle immagini da utilizzare, dei titoli per gli articoli. MOL si propone come spazio dove i giovani si conoscono, discutono, condividono progetti: in breve, si incontrano in una "piazza" virtuale. Le nuove tecnologie diventano così veicolo di riflessione critica ed il loro uso consapevole offre occasioni di arricchimento culturale e, perché no, di divertimento. Il Liceo Duni, scuola capofila, coordina e gestisce la rete di scuole di tutto il mondo che collabora al giornale. Nel corso degli anni hanno collaborato all’iniziativa circa cento scuole non solo europee, ma anche provenienti da Giappone, Canada, Israele, Russia, Bielorussia, Armenia. L’idea è nata nel 2000, quando il Liceo Duni, in collaborazione con un quotidiano locale, ha dato vita al Giornalino Online di Matera, il primo giornale online delle scuole della Basilicata, realizzato in collaborazione con scuole di tutta la regione. Già dopo il primo anno la redazione del Duni ha allargato la propria attività e i propri contatti all’Europa e al mondo e il Giornalino Online di Matera si è trasformato nell’attuale MOL - Matera Online Newspaper. Con la trasformazione del Giornalino in un giornale internazionale si sono moltiplicate le lingue utilizzate nelle sue pagine. L’inglese è diventata la lingua principale, a cui si affiancano, oltre all’italiano, altre lingue europee. Negli anni, all’interno del Liceo Duni, si è creata una redazione stabile, formata da alunni e da un gruppo di docenti. La redazione si riunisce periodicamente, per lavorare e inserire gli articoli online e mantiene i contatti con le ormai numerosissime scuole partner. Gli studenti collaborano con grande entusiasmo ed hanno, negli anni, suggerito nuove attività e nuove modalità di lavoro.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Matera
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Liceo Ginnasio “E. Duni”
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Maria Teresa Asprella
E-Mail: 
mariateresa.asprella@yahoo.it
6. Website
The website of the project: 
www.molnews.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2001
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Gli obiettivi del progetto sono: • Promuovere un utilizzo positivo dei nuovi mezzi di comunicazione, intesi come momento di incontro, di confronto e di partecipazione. • Acquisire le capacità critiche e di pensiero autonomo necessarie per partecipare attivamente alla società dell'informazione. • Educare i giovani alla pratica del lavoro cooperativo e diffondere la cultura dei new media • Abituare gli alunni ad esprimere e proporre le proprie idee attraverso modalità di scrittura non tradizionali. • Aprire la scuola a contatti e collaborazioni con il mondo esterno e con altre realtà scolastiche. • Motivare.gli studenti alla partecipazione attiva alla vita della società in Europa; rispettando la diversità ed incoraggiando il confronto democratico. • Approfondire la conoscenza dell'eredità culturale europea, confrontando le tradizioni e valorizzando le diversità culturali che arricchiscono il patrimonio comune di storia e di civiltà. • Favorire la conoscenza delle lingue attraverso la pubblicazione di testi scritti dai ragazzi in inglese e in diverse lingue europee. • Favorire l'inserimento nel contesto socio-culturale europeo di alunni che si trovano in condizione socio-economiche svantaggiate e di istituti scolastici situati in aree geografiche periferiche ed economicamente depresse. • Educare, anche in modo informale, i giovani alla vita democratica, alla partecipazione attiva, al confronto culturale. • Sperimentare nuovi approcci che consentano l'inserimento delle tecnologie nella didattica, non come qualcosa di aggiunto, di contrapposto agli stili di insegnamento tradizionali, ma come uno strumento integrato in modo trasversale nel curricolo.

Please explain what is unique or special in your project: 

Attraverso questo progetto è nata e cresciuta nel tempo una rete di scuole che collaborano attivamente tra di loro e con le diverse professionalità esistenti sul territorio. MOL esemplifica il modo in cui Internet sta rivoluzionando l'educazione e trasformando le scuole, da istituzioni separate a organizzazioni per l'istruzione strettamente collegate fra loro: si dà spazio ai ragazzi on-line per creare e pubblicare i loro lavori e collaborare con altri giovani di paesi diversi, al di là delle differenze di lingua e di cultura.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Molti risultati sono stati raggiunti nel corso degli anni: • Attraverso il progetto si è realizzata una comunità virtuale viva e "fedele". Il progetto è stato utile agli allievi, ma anche agli insegnanti; attraverso di esso si è costituita una interessante rete di docenti che riescono ad ottenere una notevole ricaduta tecnica e culturale all'interno delle loro scuole, valorizzando l'uso delle TIC. • Si è creata una valida collaborazione con le professionalità presenti sul territorio, in particolare con alcuni giornalisti che stanno realizzando laboratori di giornalismo e di scrittura per i ragazzi della redazione. • Le istituzioni locali (Comune, Regione, Ufficio Scolastico Regionale) hanno mostrato crescenti interesse ed apprezzamento per il progetto, offrendo il loro supporto finanziario in diverse occasioni. • Più di cento scuole hanno collaborato nel corso degli anni a questa iniziativa, che ha visto la realizzazione di ben 70 numeri del giornale, a partire da settembre 2000, per un totale di circa 900 articoli in inglese ed in altre lingue europee, italiano, spagnolo, rumeno, portoghese, francese. • Le scuole partecipanti provengono da molti Pesi diversi: Turchia, Romania, Portogallo, Grecia, Ungheria, Malta, Bielorussia, Finlandia, Russia, Lituania, Polonia, Francia, Spagna, Canada, Israele, Armenia, Belgio, Svezia, Giappone. • È attualmente operativa una rete di circa trenta scuole di tutto il mondo che collaborano attivamente • Il progetto fornisce un importante contributo al superamento del digital divide da parte di comunità scolastiche che hanno scarse possibilità tecniche e finanziarie. Solo attraverso MOL allievi che vivono in realtà geografiche ed economiche molto periferiche, hanno la possibilità di confrontarsi in continuo con gli altri, e prendono sempre più coscienza della valenza delle TIC, valorizzando la possibilità offerta da un consapevole uso di internet di esprimere liberamente le proprie idee politiche, sociali, religiose, ecc. • Il progetto è risultato vincitore dei seguenti concorsi:Childnet award 2003; Concorso Cento Progetti 2004, promosso dal Ministero Italiano della Funzione Pubblica; concorso Centoscuole 2004. della Fondazione per la scuola della Compagnia di San Paolo di Torino • Il progetto è stato presentato all'ottavo Online Learning Symposium (Edmonton/Canada; 2 -4 novembre 2004), organizzato dall’AOC (Alberta Online Consortium) • Il progetto è risultato finalista nei seguenti concorsi: Stockholm Challenge Award 2004, Global Junior Challenge 2004, Stockholm Challenge Award 2008

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
From 10.001 to 30.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Una scuola finlandese, la Riihenmäki Comprehensive School di Mantsala, ci ha fatto sapere di essersi ispirata al nostro progetto per crearne uno proprio, "A Golden School Day", che prevede la collaborazione di più scuole per la pubblicazione di lavori scritti dai ragazzi sulla loro giornata scolastica ideale. In seguito MOL ha ispirato il progetto di eTwinnig “Euronews”, tra il liceo Duni e la scuola spagnola IES “Alonso de Madrigal di Avila. Successivamente altre scuole nostre partner hanno, sulla base dell’esperienza acquisita con MOL, realizzato un proprio giornale online.

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Raccontare i Robot

Come impossessarsi del 'sapere' attraverso la destrutturazione dell’'oggetto' e la sua 'ri-creazione', valorizzando nel contempo la dimensione narrativa legata al 'fare'.

1. Project summary
Summary: 

Che cosa prevede il progetto: L'esperienza a cui si riferisce il progetto assume un ruolo di rottura rispetto alla didattica tradizionale perché la costruzione di conoscenza avviene attraverso il 'fare' e il 'fare per capire'. Questo concetto si può applicare a quasi tutte le attività svolte nelle scuole che fanno parte del progetto e ne costituisce l'ossatura. Ad esempio la costruzione del robot inizia da un robot costruito e passa attraverso queste fasi: osservo il robot, cerco di capire come funziona, lo smonto e lo rimonto; la programmazione di un robot parte da un programma modello e segue questo percorso: leggo il programma, ne interpreto il significato, uso i simboli per scrivere un nuovo programma, modifico il programma in base ai risultati che ottengo; la creazione di un oggetto 'artistico' passa attraverso queste fasi: smonto una strumentazione elettronica (immaginata come parte di un robot), reinvento il significato di una parte e la riutilizzo all'interno di un nuovo oggetto. In questo paradigma 'raccontare i robot' è un'espressione che va interpretata in senso lato (racconto come si costruisce il robot, racconto il programma, racconto una storia di cui è protagonista un robot, racconto un oggetto fatto con parti di robot), alla base c'è l'idea di narrazione e l'uso funzionale della lingua, sia scritta sia orale, la lingua non solo per comunicare ma anche per capire.
Come è nata l’idea di questo progetto: esistevano sul territorio nazionale diverse realtà scolastiche che si occupavano di robotica educativa, per collegarle e farle avanzare nella progettazione e nella ricerca era necessario inventare strumenti che permettessero una comunicazione rapida ed efficace, nel rispetto delle competenze e di ognuno e sfruttando anche le risorse già esistenti; Scuola di Robotica ha fatto da tramite per unire le esperienze favorendo lo scambio, aumentando le occasioni di incontro fra le persone, valorizzando i prodotti e aumentandone progressivamente la qualità. Per tenere collegate le varie realtà e sviluppare progetti di robotica educativa era importante la documentazione delle attività e questo è avvenuto attraverso l’uso di strumenti (blog, portali, wiki, social network) che utilizzano diverse modalità comunicative (chat, videoscrittura, scrittura collaborativa, filmati, slideshow, album fotografici) promuovendo la creatività degli allievi e degli insegnanti e l'innovazione didattica con una introduzione finalizzata di nuove tecnologie.
 
Chi ha sviluppato l'idea: Scuola di Robotica, con il progetto Robot@scuola, ha avviato il contatto con le scuole, con le attività successive si è potenziata la relazione e si è allargato anche l’uso della rete con tutte le sue potenzialità, non solo per comunicare/collegare ma anche per facilitare l'accesso a sempre nuove risorse.

Chi realizza oggi il progetto: il progetto ha prodotto una grande 'storia di robot' interconnessa tramite la rete che si amplia ogni anno perché questa struttura permette alle scuole di inserirsi immediatamente, non in modo formale, ma attraverso contributi concreti; scrive e pubblica sui blog e/o sugli altri strumenti, solo chi ha qualcosa da raccontare, quindi se una scuola realizza un’attività, immediatamente il suo lavoro è presente sulla rete ed è a disposizione di tutti; questo consente una ricchezza altrimenti impensabile delle forme di espressione e valorizza le capacità di ognuno ma richiede anche una grande disponibilità e generosità da parte degli insegnanti nel mettere tutto ciò che pensano e realizzano a disposizione di tutti.
Il gruppo degli insegnanti che collabora al blog 'Percorso Soave' [progetto ideato e curato da Linda Giannini] http://blog.edidablog.it/blogs//index.php?blog=87 è stato invitato a partecipare al Corso di formazione Roberta, tenutosi a Genova nel 2008. Così è nata la convinzione che la Robotica possa 'tradursi' in un valido strumento didattico. Il passaggio successivo è stato quello di predisporre consapevolmente un approccio didattico fruibile dai bambini, rispondente alle realtà dei vari reparti di un ospedale, ai bisogni e agli interessi dei medesimi basando la proposta didattica su questa procedura metodologica:
1. De-costruzione dei materiali di recupero (circuiti stampati, bulloni, viti, bobine, etc.);
2. Osservazione;
3. Progettazione creativa;
4. Creazione di storie.
Il progetto e' stato condiviso con altre scuole grazie a "Raccontare i Robot", evento organizzato a Genova a maggio 2009.

A questo proposito rimandiamo a:
[comunicato stampa]
http://www.descrittiva.it/calip/0809/RaccontareRobotComunicato.pdf
http://www.scuoladirobotica.it/  
http://www.scuoladirobotica.it/retemiur/
Sui siti di Scuola di Robotica (il primo quello ufficiale, il secondo la sezione dedicata in specifico al progetto Robot@Scuola) compaiono le informazioni relative all'attività del gruppo e dell'Associazione; sono stati aperti svariati forum per discussioni su argomenti specifici monitorati dagli esperti di scuola di robotica. E' in corso di realizzazione un nuovo sito più adeguato alle necessità della community che diventa sempre più vasta ed 'esigente' sia rispetto all'accesso a spazi per la documentazione e per la comunicazione sia rispetto alla reperibilità di materiali e informazioni sulla robotica in generale e sulla robotica educativa in particolare.

http://www.descrittiva.it/calip/0809/percorsi_lego.htm
http://www.descrittiva.it/calip/0809/percorso_soave.htm
http://www.descrittiva.it/calip/0809/raccontare-robot.htm
Pagine curate da Linda Giannini che si trovano all'interno de' La scatola delle Esperienze. spiegare che cosa è In esse vengono riportate quasi giornalmente le documentazioni di tutte le attività della scuola e della rete di cui la scuola fa parte.

http://www.edscuola.it/lre.html
Il sito - ospitato da Edscuola - contiene i materiali del Laboratorio Ricerca Educativa a cura del LRE/Università di Firenze diretto da Paolo Manzelli.
                                                                                                                                                                                      
http://www.edidablog.it/b2evolution/blogs/index.php?blog=275
http://www.edidablog.it/b2evolution/blogs/index.php?blog=87
I due blog sono ospitati su Edidablog. Il primo nasce a seguito del Progetto Robot@Scuola - Rob&Ide, il secondo e' collegato al Percorso Soave. Entrambi continuano a tutt'oggi a raccogliere i materiali dei due gruppi di reti di scuole che, col tempo, si sono intrecciate e collegate nei percorsi e nelle attivita'.
 
http://trilussa.primocircolopinerolo.it/circolo/?page_name=progetto_robotica
Sul sito della Direzione Didattica del 1° circolo di Pinerolo sono raccolte le documentazioni delle attività di robotica dall'ottobre del 2000; il sito nel tempo si è modificato perchè le risorse offerte dalla rete si sono ovviamente ampliate. Attualmente lo strumento utilizzato per documentare la robotica è il wiki del portale, uno strumento agile che permette sia agli insegnanti sia agli alunni di scrivere direttamente sul web senza bisogno di supporti tecnici. In un primo momento i contributi sono stati quasi esclusivamente di tipo testuale poi, a mano a mano che gli insegnanti acquisivano le competenze indispensabili, sono state inseriti immagini fisse, gallerie di immagini, slideshow, e, infine, filmati. La competenza acquisita per documentare la robotica ha permesso un ampliamento della base degli insegnanti formati sulle ICT anche per quanto riguarda l'uso di altri strumenti come la chat. Ora tutti i laboratori del circolo sono dotati di almeno una web cam e, all'occorrenza, le classi possono colloquiare, in audio e video, tramite Skype sia all'interno del circolo sia all'esterno con il controllo degli insegnanti. Ripercorrendo le pagine del sito si costruisce sotto gli occhi di chi legge una grande storia della robotica educativa e del suo inserimento progressivo nel curriculum della scuola dell'infanzia e primaria del circolo.
 
http://roberta.isii.it/
Sul blog, istituito nell'ambito del progetto Formez, vengono raccolte le esperienze dei docenti che partecipano al progetto Roberta. Il Blog che inizialmente era nato come condivisione delle scuole di Piacenza partecipanti al progetto Formez si è così aperto a tutti i docenti che stanno lavorando sulla robotica educativa con un occhio di riguardo all'apprendimento di genere. Il blog è ancora in fase beta (non tutti i docenti di 'Roberta' hanno la possibilità di scrivervi). Sullo stesso blog sono state raccolto durante l'anno scolastico 2008-09 le esperienze delle scuole che hanno avviato il progetto Roberta in seguito alla formazione svolta con i corsi realizzati in Piemonte a Torino, Pinerolo (TO), Oleggio (NO), Buriasco (TO) in diversi circoli didattici dagli insegnanti certificati dal Fraunhofer Institut. Sempre per stimolare la comunicazione e dare impulso alla community che si è venuta creando, periodicamente gli insegnanti erano raggiunti da una mail contenente le News del progetto (corsi fatti, esperienze avviate, eventi esterni a cui partecipare ecc.).
 
http://www.mcetorino.it/roberta.htm    http://www.fogliacci.it/progetto_roberta/roboticaeducativa.htm
Il primo è il sito del MCE Torino, che contribuisce alla realizzazione del progetto Roberta in Piemonte (l'MCE è un ente riconosciuto dal MIUR per la formazione degli insegnanti). Il secondo è il sito del Gruppo Nazionale Informatica, il gruppo territoriale sempre del MCE che si occupa in modo specifico dell'informatica a vari livelli. Questi siti hanno una ruolo essenzialmente informativo e raggiungono altre realtà sul territorio nazionale che si occupano a vario titolo di robotica educativa anche al di fuori del Progetto Roberta.

http://www.facebook.com/home.php#/group.php?gid=58389654714&ref=search&sid=0ef9c954f03f0171b3ec4e993dcfda87
Lo spazio su Facebook per il gruppo è utile sia per raggiungere un pubblico più vasto sia per tenere collegati gli insegnanti che frequentano il social network in modo più immediato e personale.

http://www.flickr.com/photos/scuoladirobotica/
Uno spazio in cui inserire velocemente le fotografie scattate durante gli incontri in occasione di convegni, stage ecc.; diventa anche un comodo archivio a cui attingere per documentare l'attività del gruppo.

[il programma]
http://www.descrittiva.it/calip/0809/RaccontareRobotCALENDARIOattivit.pdf
Durante la settimana, oltre alla costruzione e programmazione di robot, le scuole hanno avuto modo di condividere Le Storie di...  [Genova] - [Gambolo'] - [Milano] - [Pinerolo] - [B.go Sabotino] - [Latina poesie] [Latinastorie] Si tratta di una raccolta delle Storie Robotiche realizzate durante l'a.s. 2008-09 nelle diverse scuole della rete e rappresentano la parte espressiva e creativa dal punto di vista linguistico. Alle storie si è affiancata  l'esposizione dei robot creativi
Le risorse che il gruppo sta utilizzando in rete sono multiformi. L'elenco è sicuramente provvisorio perchè ogni giorno la rete offre nuove possibilità di comunicazione e di espressione che il gruppo esplora, valuta ed eventualmente adotta.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
[Liguria] Scuola di Robotica [Liguria] Scuola Infanzia Gaslini di Genova * [Lazio] Istituto Comprensivo Don Milani Latina [Lazio] Liceo Artistico Statale di Latina [Lazio] SSIS Universita' del Lazio: Arte e Disegno [Lombardia] Scuola dell'Infanzia Istituto Comprensivo "Thomas Mann" Milano * [Lombardia] Istituto Comprensivo "G. e G. Robecchi" di Gambolo' - Scuola Secondaria di 1° Grado "G. Marconi" [Lombardia] Polo Tecnico professionale industriale ITIS "A.Righi" Treviglio (BG) [Piemonte] 1° Circolo Didattico di Pinerolo (TO) [Piemonte] M.C.E. Movimento di cooperazione educativa - Gruppo Territoriale di Torino
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Scuola di Robotica
4. Type of organization
Select type: 
Association
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Fiorella Operto
E-Mail: 
operto@scuoladirobotica.it
6. Website
The website of the project: 
www.scuoladirobotica.it/retemiur
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
23/09/2002
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

“Imparare facendo” stimola la creatività, tutelando lo sviluppo psicologico, relazionale e cognitivo, promuovendo nuove acquisizioni e superando la “deprivazione cognitiva”.Il progetto prevede la collaborazione di scuole in tutto il territorio italiano e scuole in ospedale. La complessa realtà dell’ospedale può influire pesantemente sulla motivazione all’apprendimento. Attraverso queste attività, svolte con spirito di collaborazione tra le scuole e sfruttando le competenze di insegnanti ed esperti, il progetto mira ad un innalzamento qualitativo delle pratiche didattiche migliorando nel contempo le competenze degli alunni nelle aree disciplinari coinvolte a vario titolo nel progetto.

Quindi il miglioramento è visto da due differenti punti di vista: educativo con una crescita nelle diverse tipologie di scuole e sociale con la possibilità dei bambini in ospedale di sentirsi comunque al centro dell'attenzione della scuola e dei loro compagni al di fuori dell'ospedale.

Obiettivi

  • innovare la didattica delle materie scientifiche tramite pratiche che fanno largo uso delle ICT, dal blog al social network; 
  • stimolare gli insegnanti all’uso delle ICT e fornire il supporto necessario per la loro formazione in questo ambito;
  • diffondere la robotica educativa come strumento per motivare gli studenti allo studio delle discipline scientifiche;
  • mantenere il contatto tra la scuola e la ricerca didattica in diversi ambiti con particolare attenzione all’informatica e alle discipline scientifiche (matematica, fisica, chimica, biologia…);
  • sviluppare capacità espressive ed artistiche attraverso la costruzione di oggetti, l’invenzione di storie, il disegno, la pittura collegate con le attività di robotica. Contesto Reti di scuole, scuole in ospedale e scuole singole di diverso ordine e grado su tutto il territorio nazionale che hanno attivato progetti di robotica educativa nelle loro classi.
What does it try to achieve and how: 

Il progetto si basa sulle reti di scuole pre esistenti con esperienza nella robotica educativa. La robotica diventa lo strumento, il mezzo per realizzare e incentivare la collaborazione fra scuole diverse, fra studenti di età e culture differenti, fra docenti ed esperti del settore. Le tecnologie utilizzate oltre ai robot (costruiti, progettati, immaginati, programmati) sono i computer, le webcam,siti internet, blog e chat. Grazie a questi strumento studenti e docenti lontani fra loro hanno interagito lavorato insieme a un unico obbiettivo: Raccontare i robot!

Which opportunities/problems does it address to: 

"Raccontare i robot" è un progetto che prevede e incentiva l'interazione fra le varie scuole. Questa è l'opportunità più importante nata da progetti incentrati sulle tecnologie didattiche. Riuscire a creare una grande rete dove tutti gli studenti e le studentesse possano interagire, collaborare conoscersi, sentirsi a casa. Grazie a questo incentivo, alla collaborazione dovuta alla natura stessa della robotica, che stimola le diverse intelligenze a comunicare fra loro, si è potuta creare una forte collaborazione fra scuole diversissime e lontane fra loro. Le problematiche affrontate sono quelle legate alla scienza e tecnologia, al coinvolgimento di tutti i discenti nello studio della scienza e della tecnologia, senza preclusioni dovute al sesso, allo stato mentale o fisico, al luogo in cui ci si trova. "Raccontare i robot" ha creato un luogo virtuale dove tutti hanno potuto affrontare in maniera "Personale" la conoscenza della scienza. In numerosi incontri i docenti hanno coinvolto i propri studenti a pensare alle conseguenze i un uso estremo della robotica e da qui anno discusso di roboetica.

Please explain what is unique or special in your project: 

Narrare la scienza per renderla di tutti, usufruibile, personalizzabile, originale. Nella scuola moderna sempre più evidente che l'insegnamento delle materie scientifico tecnologiche non puo’ rimanere astratto ma deve coinvolgere tutti gli studenti in un percorso a loro riconoscibile. Raccontare i robot ha reso possibile queste intenzioni. Utilizzando l'oggetto che ad oggi racchiude maggiore tecnologia e maggiori potenzialità per il futuro per capire meglio le materie scolastiche classiche (matematica, scienza, fisica, disegno, biologia ecc.) gli insegnanti sono riusciti a coinvolgere tutti gli studenti, ogni intelligenza diversa è stata individuata ed esaltata. Grazie all'oggetto robot si è potuto raccontare la scienza e la tecnologia. La narrazione è vero e proprio insegnamento come lo è la personalizzazione, il rendere proprio il robot (nel senso di oggetto interattivo, oggetto artistico e di fantasia o ancora come oggetto di studio o come oggetto di narrazione multimediale). La personalizzazione dello studio e la conseguente creatività ha reso possibile la condivisione su tutti i fronti. Ogni studente e ogni docente ha tracciato il proprio percorso evolutivo, conoscitivo e messo in condivisione con gli altri. Queste sono le caratteristiche uniche e speciali di "Raccontare i robot": il ritorno alla scienza passando per metodi umani e legati all'umanesimo come l'arte, la scrittura, il testo multimediale. L'impatto etico di tale processo è evidente, la tecnologia non è più vissuta come dominatrice ma come strumento catalizzatore delle "arti" dell'Uomo.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

La partecipazione al Progetto, non vincolata all’età e al genere, ha fatto nascere gruppi di lavoro dove ogni bambino e ogni bambina ha potuto dare un contributo originale.

Inoltre l'utilizzo delle ICT ha consentito:

  • la documentazione delle attività svolte in tempo reale;
  • la comunicazione continua fra gli insegnanti e scuola di robotica tramite tutti gli strumenti a disposizione (mailing list, blog, chat, social network;
  • la visibilità delle attività con la partecipazione continua ad eventi e convegno;
  • una crescita qualitativa degli interventi didattici determinata dallo spirito di emulazione;
  • il contatto continuo con la ricerca nell’ambito della robotica e della didattica;
  • lo stimolo continuo a cercare nuove strade per introdurre la robotica nella scuola e coinvolgere sempre nuove scuole e nuovi insegnanti;
  • il coinvolgimento di enti esterni alla scuola;
  • l'instaurazione di relazioni personali, in un clima di collaborazione e di supporto reciproco;
  • il supporto all’azione didattica da diversi punti di vista: tecnico, didattico, organizzativo. La diversità di competenze che il progetto ha messo in relazione ha portato ad un arricchimento reciproco continuo.
How does it fulfill the users’ needs: 

Gli studenti oggi hanno bisogno di esprimere la propria intelligenza che in un mondo sempre più multimediale si sta stratificando su livelli sempre più diversi rispetto ai curricula classici. Intelligenze pratiche o estremamente astratte hanno la possibilità grazie ai robot di essere rese reali, di realizzarsi nel compimento di opere artistiche, di progetti scientifici o di programmazioni complesse. Gli studenti hanno bisogno di comunicare e i robot sono catalizzatori della comunicazione, grazie alla propri interdisciplinarietà consentono la condivisione fra studenti diversi, con capacità e intelligenze varie e difficilmente confrontabili. Narrare robot significa rendere confrontabili intelligenze, lingue, personalizzazioni altrimenti lontane e non individuabili. I docenti anche loro in qualche modo utenti hanno potuto migliorare le proprie conoscenze tecniche (robotiche ma non solo per esempio sulle tecnologi e web 2.0).
 

How many users interact with your project per month and what are the preferred forms of interaction: 

Sono centinaia di studenti e decine di docenti che mensilmente si collegano al blog del progetto e che collaborano attivamente fra loro.

Inoltre in occasione dell'incontro reale si possono conteggiare utenti della mostra laboratorio in più di 400 studenti in 5 giorni di mostra.

 

How has it improved the quality of educational and/or training services: 

Migliorare l'educazione e la formazione dei giovani significa inquesto progetto, rendere gli studenti cittadini consapevoli dell'uso della scienza e della tecnologia, persone capaci di gestire la tecnologie in maniera etica.

Migliorare la formazione significa raggiungere un numero sempre più alto di partecipazione e in questo progetto è importantissimo il coinvolgiento di tutte le "intelligenze".

Migliorare l'educazione e la formazione significa aggiornare i docenti e la formazione e l'aggironamento dei docenti è stato un principio fondante di questi percorsi dove la robotica ha costituito l'oggetto narrativo, il catalizzatore per parlare di scienze e tecnologia in maniera nuova e coinvolgente.

 

How has it improved the participation of professionals, children, youth and other stakeholders: 

Grazie al coordinamento di Scuola di Robotica, associazione da sempre legata a importanti centri di ricerca universitari e non solo si è riusciti a far partecipare al porgetto importanti ricercatori o professori universitari. Grazie alla rete di scuoel preesistente si è riusciti a coinvolgere entità diverse come EGOCREANET o l'Università del Lazio.

La partecipazione di tuti è stata ottimizzata grazie all'uso del blog Rob&Ide ounto di incontro per tutti, bambini, docenti, esperti, industrie (Kuka su tutte) e esterni interessanti alla mission di creare una scuola capace di formare giovani cittadini liberi di pensare e  capaci di usare tutti gli strumenti che la scienza ci mette a disposizione.

 

How does it promote the use of ICT for the educational and cultural development by professionals, children and youth: 

Come nella precedente richiesta è internet e il blog l'ambiente usato per tenere unito il gruppo e per stimolare il lavoro. Grazie all'essenza stessa della robotica che coinvolge gli studenti e stimola alla comunicazione possiamo individuare nella robotica stessa lo strumento catalizzatore della comunicazione.

Per comunicare bisogna mettere in comuni nozioni, opinioni e idee. La robotica stimola ogni intelligenza e ogni studente, ogni docente per poter rendere reali le propprie idee ha dovuto condividerle sul blog, via skype, con fotografie e testi multimediali. Queste necessità assolutamente naturale è il punto di forza del progetto che partendo da nuove tecnologie stimola l'uso di altri nuovi strumenti, conducendo i partecipanti in un aggironamento conoscitivo continuo.

Describe how you measure (parameters) these results: 

I risultati del progetto non hanno bisogno di test o questionari per quantizzarli. Questo progetto ha come risultato la continua crescita del network di partecipanti, il crescente numero di partecipanti che è risultato ma anche verifica immediata del risultato stesso.

Ogni docente ha potuto valutare i propri studenti nelle maniere più diverse, il progetto invece si è autotestato grazie alla continua partecipazione sul blog, blog che si può monitorare facilmente con le statistiche sulle visite e sui post scritti.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
From 30.001 to 75.000
What is the source of funding for your project: 
Other
Other: 
Il progetto vive di autofinanziamento delle scuole e di SdR (tramite erogazione di lavoro gratuito). In questi anni il progetto ha visto coinvolte le scuole partecipanti ad altri progetti europei o nazionali (Robodidactics, Robot@Scuola, Roberta, bandi provinciali o bando scuole aperte per esempio) che hanno consentito ad alcune scuole della rete di acquistare e/o rinnovare la propria strumentazione tecnica.
Is your project economically self sufficient now: 
Yes
Insert date: 
07/27/2002
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Il progetto è trasferibile nel momento in cui altre scuole entrano in rete, nel corso degli anni questo è periodicamente già accaduto. L'ampia documentazione delle attività consente agli insegnanti che entrano per la prima volta di riconoscersi subito nelle proposte e, anche solo per imitazione, diventare subito operativi.

What lessons can others learn from your project: 

Il nostro progetto puo’ proporre pratici esempi di:

  • documentazione
  • collaborazione
  • attivazione di percorsi interdisciplinari
  • uso delle ICT
     
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

Il progetto nasce dall'incontro di diversi percorsi: Soave Kids con l'interazione su blog delle scuole in ospedale e altre scuole italiane, le scuole del network Robot@Scuola (2005) e del blog Rob&Ide (2007) che insieme a Scuola di Robotica da anni si occupano di robotica educativa.  I percorsi si sono contaminati grazie a questa sinergia, ogni partecipante ha capito l'importanza di non mantenere i due percorsi paralleli ma di intersecarli e scambiarli fra loro. In poco tempo si sono moltiplicati i messaggi, le interazioni, le idee, che si potevano condividere in ogni percorso. La convergenza definitiva è avvenuta nei primi mesi del 2008 quando un ulteriore nuovo progetto (il progetto Roberta- Le ragazze scoprono la robotica) ha consentito la formazione di alcuni docenti della scuola in Ospedale sulla robotica educativa focalizzata sulle metodologie e sull'approccio alla valorizzazione di intelligenze diverse. Grazie a questo corso la scuola in ospedale ha definitivamente introdotto l'uso dei robot come strumento didattico. Dalle interazioni nate dal febbraio 2008 ad oggi il progetto, trasportato dall'entusiasmo degli insegnanti e degli studenti (di qualsiasi ordine o grado), si è evidenziato per una particolare propensione narrativa. La scienza e la tecnologia non è stata più insegnata attraverso i metodi tradizionali, ma è stata narrata e la robotica ha aiutato fortemente questo processo di narrazione. La narrazione testuale, grafica, musicale, cinematografica, video ha consentito agli studenti di conoscere la scienza in maniera diversa, di 'dubitare' delle certezze e di comprendere ancor più profondamente. Grazie a "Raccontare i robot" si sono verificate narrazioni particolari, non solo ortodosse. Ad esempio, i ragazzi di Sassuolo hanno fatto da Tutor ai bambini di Pinerolo, gli studenti e le studentesse di Gambolò hanno spiegato e narrato la robotica per una settimana a studenti più piccoli e più grandi all'interno di una grande biblioteca per ragazzi. Narrare in questo progetto significa collaborare, mettere in comune, trovare nuovi linguaggi, nuove esperienze. E' la narrazione dei bambini in ospedale che hanno rielaborato il concetto di robot, hanno creato opere d'arte basandosi sul riciclaggio di strumentazioni elettroniche, usando la tecnologia, rielaborandola senza mai subirla, comprendendola e dominandola in maniera nuova rispetto alla consuetudine.

Tutti i partecipanti al progetto hanno interagito fra loro, creando ponti e relazioni. Questi ponti fanno parte anch'essi della narrazione. La settimana del maggio 2009 ha coronato con una mostra laboratorio il lavoro di anni di bambini che crescendo sono rimasti legati al progetto, alla grande narrazione dell'educazione, dove ogni passo è in avanti, è costruzione e non distruzione dei saperi già acquisiti. Lo studente anche trovandosi in ospedale comprende di far parte di un percorso più ampio, e non di un atto episodico o fortuito. La forte documentazione dei due percorsi Soave Kids e Rob&Ide consente agli studenti di ritrovarsi, di essere consapevoli della propria crescita vissuta in maniera lineare (il sapere cresce con gli studenti) e non come un eterno ripetersi di nozioni. La consapevolezza del cambiamento è una caratteristica della scienza e della tecnologia che vengono accettate e usate al meglio solo da cittadini consapevoli della propria crescita passata e futura.

Gli sponsor del progetto sono sempre stati docenti e dirigenti scolastici che hanno cercato le risorse e le hanno indirizzate verso questo progetto. Tutte le scuole partecipanti hanno reperito da sole i fondi necessari per realizzare i progetti di robotica educativa e questo ha avuto conseguenze positive sul percorso avviato con "Raccontare i Robot" perché ogni scuola ha imparato dalle altre come reperire risorse e come organizzarsi

I progetti con cui "Raccontare i Robot" si interseca sono "Robodidactics" e "Roberta" due progetti europei, Robot@Scuola progetto finanziato nel 2005 dal MIUR, vari progetti locali. L'evento "Raccontare i Robot" è stato invece sponsorizzato e patrocinato da: Biblioteca Internazionale dei Ragazzi "E. De Amicis",La Città dei bambini e dei Ragazzi, Women&Technologies, Ferrero, Kuka, Firma, My Page, il Comune di Genova e da Scuola di Robotica stessa.

La forza di questi percorsi è l'utilizzo di strumenti duraturi (come i robot) e tecnologie gratuite (blog, forum, software open source ecc.) in modo da rendere i percorsi educativi indipendenti ma continui nel tempo, non episodi una tantum. I fondi reperiti sono stati quindi utilizzati dalle singole scuole per consentire l'acquisto della strumentazione idonea a portare avanti i corsi.

La ricchezza di questo progetto sta nella crescita continua di competenze in tanti settori diversi e soprattutto nella contaminazione delle esperienze che vengono avviate da una scuola e poi reinventate da un'altra. In questo processo continuo "Raccontare i robot" è veramente una storia che non può avere fine.

 

Barriers: 
  • Difficoltà di tipo finanziario (pochissimi finanziamenti e quasi tutti a carico delle scuole)
  • Scetticismo da parte di alcuni dirigenti scolastici (non tutti per fortuna!) e a volte poca collaborazione da parte delle istituzioni.
  • Scarse competenze di alcuni insegnanti sull'uso delle ICT.
  • Limiti logistici: spazi e tempi della struttura ospedaliera, tempi limitati delle scuole per realizzare attività a piccoli gruppi
     
Solutions: 
  • Corsi per gli insegnanti: la Robotica come occasione di confronto e di attivita’ pratica per imparare a usare le ICT
  • Creazione di reti di scuole per sostenere i progetti
  • Programmazione flessibile (per inserire le attività di robotica gli insegnanti hanno dovuto modificare orari, fare cambi con colleghi e coinvolgerli in alcune fasi ecc.)
  • Programmazione di percorsi da svolgere in parte a piccoli gruppi e in parte a classe intera
  • Supporto di esperti esterni in particolari momenti dell'attività
     
Future plans and wish list: 

Abbiamo in programma di estendere il progetto ad altre scuole, cosi' da avere nuove idee e nuovi stimoli da mettere in comune con quanto gia' condiviso ora. Ovvio che per far evolvere il progetto sara' importante l'utilizzo dei kit Lego Mindstorms, WeDo e l'aggiornamento in itinere delle nuove scuole che si sono inserite nella rete e/o che si inseriranno nel progetto. Per acquistare i kit da fornire alle scuole, che con sempre maggior difficoltà riescono a reperire un budget anche minimo, servono finanziamenti adeguati. La struttura di rete consente scambi e utilizzi a rotazione dei kit e dei materiali, ma nello stesso tempo l'ampliamento continuo della rete stessa richiede sempre nuovi investimenti.

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

“Il giardino delle semplici”

L’Istituto De Amicis per far fronte ai bisogni linguistici degli studenti stranieri sempre più numerosi ha usato le competenze linguistiche di alcuni di loro nella lingua del paese di

1. Project summary
Summary: 

Il “Giardino delle semplici” è un lavoro in fieri di semplificazione dei concetti diretto agli stranieri del primo anno dell’Istituto De Amicis38 portato avanti in forma collegiale nell’a. s. 2006/2007 grazie a un finanziamento esterno dopo altre iniziative negli anni precedenti dirette all’insegnamento dell’italiano a stranieri. I ragazzi stranieri che in Italia iniziano il percorso scolare dalla scuola secondaria superiore, pur avendo una buona preparazione scolastica nelle materie scientifiche possono incontrare molte difficoltà iniziali nella comprensione delle parole. I moduli semplificati di grammatica, storia, matematica, fisica, anatomia, scienze della terra, sono corredati da un glossario. Numero, genere, femminile, maschile sono esempi di parole contenute nel glossario di grammatica. I moduli semplificati sono stati trasposti in presentazioni in Power Point. Il lavoro di semplificazione dei testi e di redazione del glossario secondo i criteri di leggibilità e fruibilità ha visto la collaborazione di Patrizia Benni insegnante di chimica, Clara D’Amico insegnante di anatomia, Cristiana Dentice D’Accadia insegnante di italiano e storia, con la coordinazione di Francesca Romana Camarota. I punti di riferimento ideali del lavoro di semplificazione sono stati i lavori di Tullio De Mauro Guida all’uso delle parole e di Emanuela Piemontese Capire e farsi capire. Nel glossario i lemmi sono tradotti nelle lingue di partenze delle allieve e degli allievi stranieri. Le lingue interessate dal lavoro di traduzione sono: russo polacco spagnolo rumeno. Le ragazze e i ragazzi stranieri del triennio con l’aiuto di un dizionario sono stati impegnati nel lavoro di traduzione del lemma nella lingua di partenza a seconda del Paese di provenienza.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Istituto Professionale De Amicis
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Francesca Romana Camarota
E-Mail: 
nomail@nomail.nomail
6. Website
The website of the project: 
http://www.edeamicis.com/WEB3/DEAMICIS.htm
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2007
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

L’obiettivo è quello di comporre un glossario di termini tecnici che possa essere d’aiuto agli studenti stranieri nell’ambito scolastico multiculturale del IP De Amicis. Attraverso la diretta collaborazione degli studenti stranieri ed italiani e all’utilizzo di programmi quali Power Point è stato possibile completare il lavoro con slide di immagini allegate ai termini del glossario.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Le ragazze e i ragazzi stranieri del primo anno sono stati impegnati nella fase di test nell’esame della funzionalità dei moduli e del glossario. Quelli che abbiamo incontrato a scuola confermano la valutazione delle insegnanti: vengono e raccontano di aver iniziato la scuola superiore avendo molte più conoscenze in matematica dei compagni italiani, le difficoltà maggiori le hanno incontrate in storia dove c’erano molte parole che pur ricorrendo frequentemente come guerra era molto difficile capire. L’aspetto interessante e il piacere di questo lavoro è essersi trovati a tradurre per altre ragazze e ragazzi a cui potrà essere molto utile. Propongono di affiancare chi essendo appena arrivato incontra molte difficoltà. La dinamica delle conoscenze e competenze linguistiche messe a sistema a vantaggio di altre e di altri mette nella condizione di considerare gli effetti delle informazioni imprecise o scorrette e stimola la responsabilità; la cooperazione tra alunne e alunni, tra alunne alunni e insegnanti è diretta all’integrazione degli stranieri.

12. Transferability
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Progetto Ambiente: "Quartiere in primo piano"

Negli anni passati abbiamo affrontato tematiche relative alla raccolta differenziata, al riciclo, alla conoscenza e consapevolezza che le risorse utili alla sopravvivenza sono esauribili.

1. Project summary
Summary: 

Il progetto ambiente si sviluppa in tutto il quinquennio di scuola. Vengono proposte tematiche relativamente a:

- inquinamento (aria, terra, acqua)

- energia e risorse alternative

- raccolta differenziata e riciclo

- orto didattico.

- acqua, bene esauribile

All'interno di questi argomenti si effettuano vari percorsi.

Per quanto concerne l'inquinamento abbiamo selezionato del materiale visivo e scritto sull'argomento. Abbiamo suddiviso l'inquinamento in quello dell'aria, dell'acqua, del suolo. Ovviamente i parametri che avevamo fissato sono tali da poter essere compresi da bambini di scuola primaria.

Per quanto concerne l'aria abbiamo rilevato che le maggiori fonti di inquinamento sono: riscaldamento in inverno e condizionatori in estate, abuso di mezzi di trasporto, spreco di energia elettrica, alimentazione troppo ricca di carne. Cosa possiamo fare per ovviare a questo problema? In classe abbiamo chiuso un calorifero e teniamo la luce accesa solo quando realmente serve; un tendaggio più adeguato fa filtrare luce e nello stesso tempo ripara dai raggi del sole; accendiamo i computer quando ci servono, evitando di lasciarli in stand by... insomma piccoli accorgimentiche riducono non poco lo spreco energetico. Coinvolgendo anche le famiglie, i bambini hanno letto a casa, insieme ai loro genitori, un piccolo opuscolo con alcuni accorgimenti antispreco e, quindi, contro l'inquinamento: la collaborazione dei genitori è stata notevole. Per quello che riguarda il trasporto per venire a scuola, abbiamo considerato la possibilità di realizzare un servizio pedibus ed auto condivisa: i bambini ed genitori di tutto il plesso hanno largamente aderito alla proposta. Infine, gli alunni hanno inventato acrostici, slogan, cartelloni, storyboard e due spot. Dovevamo realizzare un piccolo impianto solare a basso costo, ma non abbiamo avuto il tempo.

Per l'inquinamento della terra abbiamo in particolare posto l'attenzione sul problema dell'immondizia, quindi abbiamo affrontato l'argomento della raccolta differenziata e del riciclo. Abbiamo seguito progetti che evidenziavano il problema connesso allo smaltimento degli imballaggi, attività creative finalizzate a “riutilizzare” alcuni oggetti di scarto e realizzazione di un’esperienza di riciclo della carta. Abbiamo visitato la stazione ecologica di Tirrenia ed abbiamo creato delle microoasi ecologiche allinterno della scuola. Questi stessi obiettivi sono stati proposti dai bambini alle rispettive famiglie: molti già facevano già la raccolta differenziata, ma sono stati coinvolte anche quelle che fino ad allora non avevano pensato a questa opportunità. Abbiamo realizzato strisce di fumetti sulla raccolta differenziata e sul riciclo di vari materiali, spot e un corto.

Sempre in questo ambito realizziamo ogni anno un orto didattico... purtroppo il caldo estivo non dà tregua alle nostre piante. I presupposti sono quelli di fare tutto in modo ecologico, a partire dall'aratura, sempre al di sotto dei 15-20 cm per arrivare alla fertilizzazione che deve essere biologica. Purtroppo il terreno non ò dei migliori, ma ogni anno cerchiamo di aumentare lo strato di terra in modo da rendere più rigogliose le nostre culture.

Per quanto concerne l'Acqua abbiamo studiato in classe gli argomenti che solitamente si studiano nel corso del quinquennio. Abbiamo invitato a Scuola esperti che ci hanno parlato del problema dell'acqua come bene eauribile. Dovevamo effettuare l'uscita inerente la "Via delle acque", cioè il percorso che lacqua compie dalle falde di Asciano pisano, fino al nostro rubinetto; purtroppo non abbiamo potuto farlo, ma vogliamo prenotarci per quest'anno. Abbiamo visitato gli impianti di depurazione dell'acqua a Santa Croce, abbiamo visto come ddal nostro territorio, originariamente paludoso e incline alla raccolta di acque, viene smaltila l'acqua in eccesso con l'impiego di idrovore; noi abbiamo visto in funzione quella di Coltano. Infine, gli alunni hanno inventato acrostici, slogan, cartelloni, storyboard ed uno spot.

A proposito degli spot abbiamo seguito un percorso per riflettere sull’importanza della pubblicità nelle nostre scelte, ponendo l’attenzione sul rapporto tra pubblicità, funzionalità e relazioni interpersonali, che ci è stato di notevole aiuto per la loro realizzazione.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Pisa (fraz. Marina)
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Scuola Primaria Statale "G. Newbery"
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
roberta vento
E-Mail: 
roberta.vento@gmail.com
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 10 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
02/10/2006
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Il contesto nel quale si svolge il progetto è quello di classe, ma molte sono le uscite sul territorio coordinate da esperti esterni.

Gli obiettivi sono:

- conoscenza e consapevolezza del proprio ambiente di vita

- conoscenza del problema relativo allo sfruttamento delle risorse

- consapevolezza rispetto alla esauribilità delle risorse

- conoscenza di risorse alternative

- comprendere il significato e la necessità di effetture la raccolta differenziata

- puntare l'obiettivo su carenze nel quartiere

- utilizzare strategie di problem solving

- dare spessore alle proprie idee, socializzando ad organi territoriali quanto si intenderebbe adottare

- consolidamento dell'autostima

- trovare soluzioni ecosostenibili all'interno del plesso scolastico

- saper intervistare esperti del territorio

- scoprire la differenza tra la filiera industriale corta e lunga

- proporre soluzioni alternative

- lavorare serenamente in gruppo, favorendo l'integrazione e contenendo dinamiche di esclusione

- consolidare il clima di scambio, cooperazione e mutuo soccorso

- scoprire la differenza tra lavorare divertendosi e divertirsi

What does it try to achieve and how: 

- attività svolte prevalentemente in gruppo

- lezioni in classe tenute da esperti del territorio

- uscite didattiche con guide

- realizzazione di microstazioni ecologiche all'interno della Scuola (grazie all'intervento della Provincia di Pisa e della Geofor)

- sperimentazione di situazioni di riciclo per realizzare plastici, giochi, regali

- puntare l'obiettivo su carenze nel quartiere (analisi delle priorità)

- questionari rivolti a genitori e compagni di plesso

- utilizzazione di strategie di problem solving per ovviare a quanto segnalato, cercando ecoidee fattibili e creative

- socializzazione delle scelte che si intenderebbero adottare ad organi territoriali per avere un sostegno

- interviste ad esperti del territorio

- esperienze inerenti la differenza tra la filiera industriale corta e lunga

- proporre alcune soluzioni individuate a negozi con grande utenza

- acrostici, slogan, pensieri e riflessioni sulle tematiche toccate

 

- realizzazione di spot emergenza

- raccolta di immagini tratte internet

- riprese documentarie durante lo svolgimento dei lavori

- coinvolgimento e cooperazione delle famiglie

Which opportunities/problems does it address to: 

Offre l'opportunità di collaborare con Enti ed Associazioni, che permettono di conoscere meglio il territorio e le risorse che in esso sono distribuite.

Offre l'opportunità di lavorare in classe in modo creativo e divertente; le attività permettono a ciascun bambino di esprimersi spontaneamente e di portare un proprio personale contributo al lavoro collettivo; rendono i bambini consapevoli delle diversità presenti in classe e favoriscono la capacità di cogliere aspetti positivi da ciascun compagno/a.

Offre l'opportunità di saggiare che le idee dei bambini hanno dignità e sono preziose. Possono essere socializzate anche a organi territoriali (il nostro Sindaco) e, quindi favoriscono il consolidamento dell'autostima, dell'appartenenza ad un paese e quindi di essere cittadini attivi.

Affronta il problema del bisogno di incrementare con piccoli gesti quotidiani il rispetto e la salvaguardia dell'ambiente.

10. Results
How has it improved the quality of educational and/or training services: 

Il percorso non intende trasmettere saperi, ma innescare spunti di riflessione, conoscenza e consapevolezza di sé e del mondo che ci circonda.

Inoltre, tende a promuovere situazioni di problem solving, favorendo l'acquisizione di strumenti personali di analisi, di valutazione e di critica costruttiva, tali da portare a soluzioni creative e realizzabili.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 3 to 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
Yes
Insert date: 
10/02/2006
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Concorso nazionale su tematiche ambientali.

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Barriers: 

Il tempo... perché non basta mai!

La ricerca di materiali di recupero a basso costo.

Le attrezzature per poter completare l'allestimento di un minilaboratorio informatico serio in classe. Abbiamo 6 computer che cerco di utilizzare come normale strumento di supporto alla didattica. Purtroppo però non c'è il collegamento internet, quindi le ricerche vengono effettuate a casa. Inoltre, utilizzo il più possibile open source, in particolare programmi didattici free che gentili colleghi mettono a disposizione sulla rete, ma talvolta occorre acquistare software specifici e la spesa è sempre a carico mio (la scuola non ha risorse economiche).

Per l'orto didattico il terreno... troppo argilloso!

Future plans and wish list: 

Il progetto ha durata quinquennale, quindi anche il prossimo anno verrà proseguito.

In particolare vogliamo realizzare un impianto solare con materiali di recupero (sportello e parabrezza di Fiat Panda vecchio modello...) a basso costo (il preventivo prevede una spesa intorno ai 50-60 euro). Questa attività avremmo voluta realizzarla quest'anno, ma abbiamo avuto difficoltà a reperire tutto l'occorente.

Continueremo anche l'orto didattico, facendo nostra la filosofia dello Slow food, del quale abbiamo seguito un corso di aggiornamento, e del GAS Pisa (Gruppo di Acquisto Solidale), che vorrei invitare a scuola.

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Progetto Intercultura

Percorso patrocinato da ILO Unicef Onu per rendere i bambini più consapevoli di sé, fornire spunti di riflessione sui Diritti fondamentali dei minori, conoscere e prendere coscienza d

1. Project summary
Summary: 

Percorso patrocinato da ILO, Unicef e Onu ed organizzato dalla Provincia di Pisa, Università degli Studi di Pisa, MPI, associazioni che partecipano attivamente alle attività con i bambini.

La partecipazione al Progetto SCREAM ha favorito lo sviluppo del percorso intercultura che tende ad approfondire ogni anno un aspetto diverso del mondo dei bambini.

Il percorso viene affrontato in classe con la partecipazione di operatori esterni, oltre alla presenza dei docenti.

Il progetto viene condotto generalmente con attività di gruppo e con rielaborazioni personali, comunque in gruppo. Infatti lo spirito del progetto è sì quello di sensibilizzare i bambini alle tematiche proposte, ma anche e soprattutto quello di far capire che noi, nel nostro piccolo, possiamo adoperarci per un cambiamento che tenda a migliorare l'ambiente nel quale si vive, a partire dalla scuola.

 

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Pisa (fraz. Marina)
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Scuola Primaria Statale "G. Newbery"
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
roberta vento
E-Mail: 
roberta.vento@gmail.com
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 10 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/10/2007
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Il contesto nel quale si svolge il progetto è quello di classe.

Gli obiettivi sono:

- conoscenza dei Diritti dei Bambini (sunto delle 10 regole d'oro)

- conoscenza e consapevolezza della propria realtà

- conoscenza di realtà diverse dalla propria

- conoscenza del problema relativo allo sfruttamento minorile

- conoscenza del problema dei bambibi soldato e, in generale, della guerra vissuta dai civili minori

- ricondurre queste tematiche nella realtà che conoscono

- riconoscimento di queste tematiche in Italia e al di fuori dei confini nazionali

- lavorare serenamente in gruppo, favorendo l'integrazione e contenendo dinamiche di esclusione

- consolidare il clima di scambio, cooperazione e mutuo soccorso

- scoprire la differenza tra lavorare divertendosi e divertirsi

What does it try to achieve and how: 

- attività svolte prevalentemente in gruppo

- giochi di ruolo (anche grazie al partecipazione al Progetto Arturo "Nei panni dell'altro")

- visione dello spettacolo teatrale "Nostra pelle" sullo sfruttamento dei bambini, anche quelli appartenenti al cosiddetto mondo del benessere

- raccolta di immagini tratte da giornali e internet

- visione di alcuni momenti di filmati sulle tematiche proposte

- lettura di un testo teatrale

- analisi del testo e lavoro di approfondimento con un operatore esterno

- sintesi del testo scegliendo poche frasi significative che riescano a descrivere i vari paragrafi

- gioco del "se io fossi...", acrostici, completamento di frasi  (i bambini sono limoni perché...), pensieri e riflessioni

- costruzione di burattini con due operatori esterni

- fotografie

- registrazione delle voci dei bambini

- riprese documentarie durante lo svolgimento dei lavori

- coinvolgimento delle famiglie

- lezione aperta ai genitori con un operatore esterno

- giornata di condivisione e scambio con tutte le scuole della provincia che hanno aderito al progetto

- sintesi delle attività con la supervisione del coordinatore del progetto SCREAM

Which opportunities/problems does it address to: 

Offre l'opportunità di lavorare in classe in modo creativo e divertente; le attività permettono a ciascun bambino di esprimersi spontaneamente e di portare un proprio personale contributo al lavoro collettivo; rendono i bambini consapevoli delle diversità presenti in classe e favoriscono la capacità di cogliere aspetti positivi da ciascun compagno/a.

Affronta il problema dell'assenza dei più elementari Diritti. A questo proposito abbiamo lavorato anche sul significato della Scuola come Diritto all'Istruzione e non come Dovere. I compiti stessi non sono un dovere, ma un mezzo per acquisire meglio certe strumentalità, alcuni contenuti..., per sentirsi più sicuri ed accrescere la propria autostima.

10. Results
How has it improved the quality of educational and/or training services: 

Il percorso non intende trasmettere saperi, ma innescare spunti di riflessione, conoscenza e consapevolezza di sé e del mondo che ci circonda.

Inoltre, tende a promuovere situazioni di problem solving, favorendo l'acquisizione di strumenti personali di analisi, di valutazione e di critica costruttiva, tali da portare a soluzioni creative e realizzabili.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
Yes
Insert date: 
10/01/2007
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Lezione aperta ai genitori

Visione dei prodotti finali nell'ambito dell'I.C. con la partecipazione di altre classi che hanno aderito al Progetto SCREAM.

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Barriers: 

Il tempo... perché non basta mai!

Le attrezzature per poter completare l'allestimento di un minilaboratorio informatico serio in classe. Abbiamo 6 computer che cerco di utilizzare come normale strumento di supporto alla didattica. Purtroppo però non c'è il collegamento internet, quindi le ricerche vengono effettuate a casa. Inoltre, utilizzo il più possibile open source, in particolare programmi didattici free che gentili colleghi mettono a disposizione sulla rete, ma talvolta occorre acquistare software specifici e la spesa è sempre a carico mio (la scuola non ha risorse economiche).

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

SHARING OUR WORLD - CONDIVIDERE IL MONDO

Un gemellaggio elettronico per alunni di centri culturalmente ed economicamente ricchi, ma a rischio di isolamento: per imparare a interagire e comunicare con l&rsq

1. Project summary
Summary: 

Il progetto è nato da un’idea delle docenti Monika Kiss (Orczy István Általános Iskola - Ungheria) e Laura Maffei (Scuola Sec. di 1° grado  “Arnolfo di Cambio” - Italia). Dopo aver contattato i rispettivi Dirigenti, le docenti hanno creato una partnership tra gli Istituti, allargandola poi, dopo i primi buoni risultati, alle comunità di appartenenza (al progetto hanno infatti contribuito attivamente i Comuni di Casole d’Elsa e Szeged).

Il percorso, articolato come un “diario di bordo”, è semplice e flessibile: consiste nel far conoscere le classi delle due docenti attraverso scambi, prima informatici e poi fisici, in modo da condividere le attività quotidiane nella scuola e nella vita di un
ragazzo ungherese e di un ragazzo italiano. Le classi ungheresi studiano come lingue straniere Italiano ed Inglese, quelle
italiane studiano Inglese e Spagnolo. La comunicazione è avvenuta perciò in parte in Italiano, in parte in Inglese. Si è scelto di
iniziare con un progetto eTwinning poiché il portale in questione garantisce uno spazio sicuro e stimolante per i contatti
informatici tra gli alunni.
 
Il progetto si è basato sulla “RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 18 dicembre 2006
relativa a competenze chiave per l'apprendimento permanente”, in particolare sulle competenze sociali e civiche, per rispondere
alle specifiche esigenze dei due Istituti. Si tratta di centri ricchi dal punto di vista artistico–culturale, ma che per la posizione
isolata tendono a concentrarsi solo su se stessi. Da qui l’intento di stimolare gli alunni a confrontarsi con altri e con la loro
differente cultura e tradizione. Punto focale del progetto è stato sviluppare, nel contatto tra ragazzi e tra le due comunità, la consapevolezza che chiudersi nel proprio ambiente, per quanto privilegiato, è limitante e discriminante: è necessario imparare
a riconoscere negli altri una risorsa e una chiave per leggere se stessi.
 
Il progetto, nei tre anni di sviluppo, è stato gestito dalle due docenti, Laura Maffei e Monika Kiss, ciascuna con le proprie classi
e con l’apporto di colleghi, famiglie, comunità. Sia in Italia che in Ungheria è stato realizzato ogni anno un incontro di
disseminazione dei risultati, alla presenza degli alunni, delle famiglie, delle autorità, di rappresentanti dei due Istituti partner. Essenziale è stato il contributo ed il supporto dell’Agenzia Nazionale LLP sia italiana che ungherese.
 
Ci sono stati diversi incontri tra le docenti e i rispettivi Dirigenti, in Italia e in Ungheria, e nel Dicembre 2008 è stata realizzata la “Settimana della Cultura Italiana in Ungheria” organizzata congiuntamente dalle scuole e dalle comunità. Non è stata solo
l’occasione per portare i ragazzi italiani in Ungheria, a conoscere dal vivo i loro partner fino ad allora “virtuali”, ma anche un
momento per promuovere la cultura, l’arte e l’artigianato della Toscana in Ungheria, visto che i Comuni, gli esperti, le
associazioni, i privati presenti sul territorio hanno offerto i loro prodotti e le loro competenze per mostre e per relazioni
alla presenza delle autorità. Al momento, continuano i contatti informatici tra i partner ed è prevista per il 2009 una analoga manifestazione con gli alunni ungheresi in Italia.
2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Colle di Val d'Elsa (SI)
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Scuola Secondaria di 1° grado “Arnolfo di Cambio”
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Laura Maffei
E-Mail: 
laura.maffei@istruzione.it
6. Website
The website of the project: 
http://twinspace.etwinning.net/launcher.cfm?lang=en&cid=9329
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
29/09/2006
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Il progetto si è basato sulla “RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 18 dicembre 2006 relativa a competenze chiave per l'apprendimento permanente”, in particolare sulle competenze sociali e civiche.

Ci ha colpito l’affermazione che tali competenze si basano “sull'attitudine alla collaborazione, l'assertività e l'integrità.
Le persone dovrebbero provare interesse per lo sviluppo socioeconomico e la comunicazione interculturale, e dovrebbero
apprezzare la diversità e rispettare gli altri ed essere pronte a superare i pregiudizi e a cercare compromessi”.
Sviluppare questo tipo di competenze nei nostri alunni, attraverso il contatto informatico, è stato il nostro primo obiettivo.
L’Istituto ungherese e quello italiano sono ubicati in due realtà apparentemente diverse ma per molti aspetti simili: Szeged è
una grande città, mentre l’Istituto italiano ha sede su tre comuni medio-piccoli: Colle Val d’Elsa, Casole d’Elsa, Radicondoli (Si).
La sede coinvolta, Casole d’Elsa, ha in comune con Szeged la ricchezza culturale e l’isolamento territoriale. Volevamo far capire
ai nostri alunni che non basta conoscere le proprie ricchezze, bisogna saperle mostrare agli altri e al contempo saper
apprezzare e comprendere le loro.
Gli obiettivi sono dunque sviluppare la curiosità e l’interesse per l’altro e per se stessi, la comunicazione interculturale, la
comprensione, lo spirito critico, le capacità di mediazione. Vogliamo anche creare un ambiente più accogliente per gli alunni
immigrati, visti come risorsa e non come peso, vogliamo dare a tutti le stesse opportunità educative.
Dal punto di vista delle discipline, l’obiettivo è sviluppare le competenze nell’uso delle TIC e delle lingue straniere, tanto più
rilevanti in territori come i nostri, a forte vocazione turistica. In questo senso, cerchiamo anche di garantire ai nostri alunni
migliori opportunità e maggior competitività per un futuro inserimento nel mondo lavorativo.
What does it try to achieve and how: 

I mezzi fondamentali per raggiungere gli obiettivi prefissati sono:

- l’integrazione curricolare: data l’interdisciplinarietà del progetto, tutti i docenti dei Consigli di Classe aderenti sono stati
coinvolti per la propria disciplina. Si è inteso allargare il curricolo, dando dimensione europea alle attività normalmente previste.
Ogni docente ha privilegiato strategie che sviluppassero negli alunni interesse per la diversità, capacità di collaborazione,
conoscenza della realtà oltre il comune pregiudizio;
- il coinvolgimento della scuola e della comunità locale: la parola chiave del progetto è stata “cooperazione”, tra le due docenti organizzatrici, tra gli Istituti partner, tra alunni docenti e famiglie, tra scuola e territorio. Il progetto è stato approvato dal
Collegio dei Docenti, inserito nel POF e attivato dai Consigli di Classe interessati. Il coinvolgimento della comunità è il nostro
punto di forza: si sono tenuti regolari incontri tra genitori, alunni e docenti, Enti Locali, stampa e TV, associazioni. Si sono
realizzate giornate di divulgazione e incontri per l’allestimento delle settimane della cultura italiana e ungherese nei rispettivi
Paesi, organizzate congiuntamente dalla scuola e dalle due città;
- la collaborazione transnazionale: le due docenti responsabili mantengono un costante rapporto di scambio e condivisione di
idee, problemi, soluzioni. Si cerca inoltre di far lavorare i ragazzi direttamente con i proprio compagni dell’Istituto partner, in
particolare attraverso la creazione di gruppi di lavoro transnazionali che collaborano per via informatica;
- il monitoraggio: al termine di ogni tappa (indicativamente a scadenza semestrale) sono effettuati monitoraggi sugli alunni
(sia di soddisfazione che per la verifica delle competenze acquisite) e sulle famiglie (per la rilevazione di suggerimenti, problemi,
livelli di soddisfazione). Sono tenuti regolari incontri con le Autorità locali.
Which opportunities/problems does it address to: 

Il problema che il progetto affronta è l’isolamento – non necessariamente l’isolamento fisico, ma l’isolamento culturale derivato da un atteggiamento, che troppo spesso i ragazzi assumono, di esclusione del diverso. Vivere in un ambiente ricco (da più punti di vista) spesso significa purtroppo isolarsi dal mondo esterno e “chiudere fuori” gli altri, danneggiando anche se stessi. Vogliamo combattere questo atteggiamento attraverso il nostro percorso. L’idea basilare è far comprendere ai ragazzi che l’altro (in questo caso il compagno di una nazionalità diversa) per tanti aspetti ci somiglia e per tanti altri no, ma conoscerlo è comunque un’opportunità per scoprire cose nuove, allargare le proprie prospettive e, perché no, farsi un nuovo amico.

Un altro aspetto dell’isolamento è quello dell’isolamento informatico: all’inizio del progetto, la sede italiana di Casole d’Elsa
aveva un solo pc collegato ad internet. Successivamente, grazie ai buoni risultati del progetto, l’Istituto e il Comune hanno
allestito un’aula computer vera e propria. Il problema da affrontare è stato far capire ad alunni e comunità che le TIC sono
uno strumento di comunicazione e non un optional didattico.
 
Come illustra il titolo del progetto, ­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­“SHARING OUR WORLD - CONDIVIDERE IL MONDO”, il problema affrontato è quello dell’esclusione in tutti i suoi aspetti; l’opportunità è quella di conoscere e farsi conoscere, con ricadute positive in tutti gli ambiti, da quello socio-culturale a quelli più specificamente didattici.
Please explain what is unique or special in your project: 

E’ un progetto speciale perché si è allargato progressivamente dagli individui alla comunità, dalla scuola al territorio. Dalla collaborazione tra le docenti è nata quella tra le scuole, poi tra i ragazzi, poi tra i Comuni (si pensa addirittura ad un gemellaggio tra le due città), e infine tra tante persone non necessariamente appartenenti all’ambito scolastico (le famiglie, le associazioni, le aziende). Dalla collaborazione è nata la fiducia, e dalla fiducia l’amicizia.

Da questo primo semplice progetto ne sono nati altri (i due Istituti hanno in seguito condiviso un Comenius), sono scaturiti
rapporti tra le Università, tra le associazioni e tra le aziende locali.
 
E’ un progetto speciale perché tutti danno il proprio contributo (dagli alunni ai docenti ai Dirigenti all’Associazione Archeologica
che prepara depliant per illustrare i propri musei alle mamme che cuciono i vestiti per le rappresentazioni alle aziende che
offrono i loro prodotti per i partner).
10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Per ciò che concerne i riconoscimenti legati all’azione eTwinning: quality label nazionale ed europeo, “progetto del mese” in Italia ed Ungheria, premiazione nella shortlist dei 6 migliori progetti europei agli European eTwinning Prizes 2008, pubblicazione di un estratto del progetto in “eTwinning: Adventures in language and culture” edito dall’Unità Europea eTwinning.

Per ciò che concerne le ricadute sui docenti: accrescimento della professionalità dei docenti, non solo in ambito informatico;
lavorando in équipe transnazionali, sono state condivise strategie per insegnare a gruppi eterogenei, elaborare approcci
pedagogici innovativi, creare percorsi comuni per evidenziare talenti e difficoltà degli alunni.
 
Per ciò che concerne le ricadute sugli alunni: i ragazzi hanno maturato comportamenti più consapevoli e collaborativi, in
un’ottica di inclusione che favorisca lo stare bene con sé e con gli altri. Al di là delle pur buone ricadute, specie in L2 e in
termini di competenze TIC, il traguardo più importante è stato l’aver costruito rapporti: l’identità culturale locale ha davvero
incontrato l’identità europea.

Per ciò che concerne gli Istituti e il territorio: si è creata una rete di contatti che favorisce la cooperazione sia a livello didattico che a livello imprenditoriale.

How does it fulfill the users’ needs: 

Il progetto risponde al bisogno della scuola nel suo complesso (Dirigenti, alunni, docenti) di operare congiuntamente a livello locale ed europeo. Nella Proposta per l’Offerta Formativa è necessario essere integrati nel territorio e al contempo aprirsi all’Europa e al mondo.

Risponde al bisogno degli alunni di una scuola più dinamica e aperta, non legata esclusivamente alla lezione frontale ma a aperta ad una maggiore interattività.
 
Risponde al bisogno degli alunni di acquisire competenze linguistiche e informatiche spendibili in ambito lavorativo a livello europeo.
 
Risponde al bisogno delle famiglie di essere integrate nel percorso educativo dei figli, non solo come spettatrici ma come parte attiva.
 
Naturalmente, sappiamo che il nostro è solo un tentativo, uno stimolo, poiché non conosciamo il modo di rispondere pienamente a tutti questi bisogni; ma il nostro progetto vuol essere anche un passo verso la risposta ad uno dei bisogni più evidenti della nostra società: il bisogno di integrazione, che può venire solo dalla conoscenza reciproca. Dal “condividere il mondo”.
How many users interact with your project per month and what are the preferred forms of interaction: 

 

-          Docenti responsabili: strutturano le tappe del progetto, concordano i tempi e le attività, gestiscono il sito, gestiscono i rapporti tra Istituti e Amministrazioni Comunali, gestiscono i rapporti con le famiglie, preparano e coordinano le attività con i ragazzi, tengono i contatti con le rispettive Agenzie Nazionali, concordano le attività di disseminazione, organizzano gli incontri, gestiscono il monitoraggio.
-          Docenti dei Consigli di Classe: indicativamente 10 per consiglio di classe (2/3 classi coinvolte per istituto a seconda degli anni). Ogni docente affronta le proprie discipline in chiave europea ed organizza attività volte a stimolare la curiosità o il confronto con la realtà del Paese partner.
-          Dirigenti: intervengono nella gestione dei contatti, nell’organizzazione degli eventi di disseminazione e degli incontri con i partner, nei rapporti con le Amministrazioni Comunali e con le aziende, e nella fase di monitoraggio.
-          Alunni: tengono la corrispondenza con i compagni del paese partner via e-mail, preparano presentazioni, lavorano nei gruppi nazionali e transnazionali assegnati per la realizzazione dei prodotti, preparano e caricano materiali sul sito, utilizzano gli strumenti del sito (forum, chat…) sotto la viglilanza dei docenti.
-          Famiglie: partecipano alle giornate di disseminazione, ai monitoraggi, all’allestimento degli eventi.
-          Amministrazioni Comunali, Associazioni, Aziende: interagiscono più raramente (indicativamente a scadenza semestrale) per valutare l’andamento del progetto e i termini della loro partecipazione.
How has it improved the quality of educational and/or training services: 

Il progetto consente un coinvolgimento più attivo degli alunni, anche di quelli meno motivati o attenti durante le lezioni “tradizionali”: in questo caso, infatti, si tratta di utilizzare vie di comunicazione informatica (che esercitano sui ragazzi una notevole attrazione), per comunicare con qualcuno (c’è dunque non il semplice studio per lo studio, ma lo “studio per”: per conoscere nuovi amici, per parlare di me, per fare un viaggio in futuro, per imparare qualcosa che potrà trasformarsi in un mestiere…). I contenuti disciplinari passano attraverso attività più ludiche e quindi più coinvolgenti. L’uso dell’Inglese permette di coinvolgere anche gli alunni di lingua madre non italiana, consentendone un effettivo inserimento. Il saper padroneggiare le TIC e la lingua straniera viene a costituire un mezzo ed insieme un fine; inoltre, la lingua e gli strumenti informatici diventano un mezzo di socializzazione e di effettiva inclusione di tutti.

Da non trascurare la ricaduta, anche professionale, che queste competenze hanno sui ragazzi, in una realtà come la nostra a forte vocazione turistica.
How has it improved the participation of professionals, children, youth and other stakeholders: 

Per quanto riguarda alunni e docenti, la partecipazione è stata ottimizzata ricorrendo quando possibile al lavoro in team, anche transnazionale (per i ragazzi, acquisire competenze nel lavoro in team avrà un’evidente ricaduta anche in un futuro lavorativo).

Si è cercato di valorizzare le competenze e le predisposizioni di tutti e, specialmente in ambito informatico, si è spesso ricorsi ad attività che stimolassero “peer learning” e “Collaborative Learning” secondo le teorie del Prof. Sugata Mitra. I ragazzi, di fronte a un pc e con un compito da svolgere, si sono mostrati davvero capaci di “autoformarsi”, con risultati spesso sorprendenti.
Laddove possibile, si è fatto ricorso all’intervento di esperti, per illustrare ai ragazzi particolari aspetti del proprio territorio o della propria storia, che poi essi avrebbero dovuto presentare ai partner con semplici ausili informatici (power point, photo galleries, etc.).
Le associazioni e le aziende sono intervenute sia per dare suggerimenti (ad esempio come orientare la preparazione degli alunni per un futuro mercato del lavoro) sia per contribuire, insieme agli Enti Locali, al finanziamento di alcune attività.
Gli Enti Locali e la Stampa, sia locale che nazionale, sono stati regolarmente contattati per dare visibilità al progetto.
How does it promote the use of ICT for the educational and cultural development by professionals, children and youth: 

Tutte le attività, la comunicazione, la documentazione e l’organizzazione sono state realizzate per via informatica. I ragazzi sono stati incoraggiati ad usare gli strumenti forniti dal portale eTwinning (forum, chat, blog, etc) ed hanno avuto modo di utilizzare semplici programmi di scrittura, fogli di calcolo, archivio dati, gestione ed editing di audio ed immagini. Le attività e gli strumenti sono stati naturalmente rapportati alla fascia d’età degli alunni (11 – 13 anni per l’Istituto italiano, 7 – 16 per l’Istituto ungherese). Si è ricorsi a webquest, ricerche on-line, podcasting.

Oltre che sul sito eTwinning, le attività svolte ed i relativi risultati sono stati esposti dagli alunni sul sito di "A Spring for Europe" 2008 e 2009 e  sui siti:

http://orczyisk.extra.hu/etwinning.html

http://www.toscana.lafragola.kataweb.it/siena/medie/adicambiosedestacc-casoledelsa/index.html

http://stammibene.progettotrio.it/cda/stammibene/view/giornalino.jsp

Describe how you measure (parameters) these results: 

Il fatto di aver realizzato diverse esperienze a livello europeo ci permette di strutturare una base dati significativa per la valutazione dei risultati.

Nel lungo periodo sono calcolati una serie di indicatori di efficacia ed efficienza:
- tasso di soddisfazione degli alunni, delle famiglie e dei docenti (monitoraggi semestrali)
- valutazione dell'indice di soddisfazione nel tempo
- tasso di partecipazione dei docenti (domande presentate/numero di insegnanti)
- tasso di diffusione del progetto (domande presentate/numero di insegnanti che non avevano presentato in precedenza domande)
- tasso di successo scolastico (promozioni alunni partecipanti al progetto/promozioni alunni non partecipanti).
 
Nel breve periodo si tiene conto soprattutto del numero di classi e docenti coinvolti, oltre che del tasso di soddisfazione dei partecipanti. Anche le regolari verifiche disciplinari possono dare indicazioni interessanti. Va comunque sottolineato che tutti gli indicatori utilizzati sul lungo periodo possono essere utilizzati anno per anno, quindi sul breve periodo, come fotografia spot della realtà in atto.
11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 3 to 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
From 10.001 to 30.000
What is the source of funding for your project: 
Other
Other: 
visto che le attività si svolgono principalmente in ore curricolari, le spese per il personale sono molto ridotte e coperte dall’Istituto. E’ stato necessario finanziare il viaggio degli alunni in Ungheria, con co-finanziamento dei Comuni, della Scuola, di alcuni sponsor e delle famiglie.
Is your project economically self sufficient now: 
Yes
Insert date: 
09/01/2008
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Visti i buoni risultati del progetto, sono stati effettuati incontri con le altre scuole del territorio per la disseminazione. Esperienze analogamente strutturate sono state avviate nella sede centrale del nostro Istituto, con scuole del Regno Unito e della Polonia. Nella sede di Casole d'Elsa è stato avviato un percorso analogo con la Repubblica Ceca.

What lessons can others learn from your project: 

Potrebbero sfruttare i nostri punti di forza senza passare per gli errori che noi – essendo la nostra prima esperienza – abbiamo commesso.

Siamo in grado ora di organizzare un gemellaggio informatico in maniera flessibile ma ordinata; siamo in grado di sfruttare al meglio le sinergie scuola-territorio-famiglie; siamo in grado di rendere più efficace la progettazione e la collaborazione per via informatica.

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

Il progetto è nato da un incontro della coordinatrice Laura Maffei con la collega Monika Kiss e dalla rilevazione un po’ stupita, da parte di entrambe, dell’affinità tra i nostri Istituti, le loro esigenze e le loro problematicità. Il progetto è molto semplice. Soprattutto all’inizio, l’ idea era di fare una sorta di diario di bordo informatico: due scuole che condividono le attività che fanno normalmente, alunni che mettono in comune le proprie esperienze quotidiane. Al momento, pensare qualcosa di più ambizioso non era proponibile, in quanto non sapevamo se sarebbe stato sostenibile nel tempo un progetto monografico, magari esclusivamente incentrato sulle TIC. Ho pensato dunque che fosse più facile seguire le attività già esistenti nella scuola. Tutto ciò anche per motivare i ragazzi: faccio quello che faccio normalmente per poi farlo vedere e raccontarlo ai partner. Via via che facevamo un’attività, nelle mie materie, italiano storia e geografia, e in quelle degli altri docenti disponibili, la raccontavamo attraverso il computer ai partner. Il progetto si chiama “condividere il mondo” proprio perché si tratta di condividere quello che si fa, per vedere quanto è simile e quanto è diverso. Lo avevamo costruito in maniera semplice sia per il livello dei bambini (io avevo una prima media, la collega ungherese dei bambini più piccoli), sia perché al tempo non c’erano molti strumenti TIC nelle rispettive sedi. L’idea era che il progetto crescesse con le competenze dei ragazzi, che inizialmente avevano pochissime competenze TIC.

Nel corso dei tre anni, abbiamo finalmente potuto porci mete più ambiziose: sono cresciuti i ragazzi, le loro competenze,
è cresciuta la consapevolezza delle famiglie, la visibilità della scuola, la nostra competenza come docenti nel gestire
partenariati europei e percorsi informatici, è cresciuta la disponibilità della Dirigenza e degli Enti Locali ad assecondare
questo tipo di percorsi.
Tutti i nostri lavori sono visibili sul sito: ciò che non si vede, o forse non del tutto, è l’entusiasmo che tutti i ragazzi, anche
quelli con qualche difficoltà in certe discipline, o quelli “difficili”, hanno posto nel realizzarli.
Barriers: 

La maggiore difficoltà iniziale è stata la mancanza di un’adeguata attrezzatura informatica (avevamo un solo computer collegato ad internet!). Ma anche qui, il progetto è servito a crescere: con l’entusiasmo dei ragazzi e i buoni risultati del primo la scuola ed il Comune si sono infatti convinti ad intervenire.

Non ci sono stati problemi per far accettare il progetto: l’adesione dei colleghi è stata volontaria, ed è comunque sensibilmente aumentata nei tre anni. L’adesione di ragazzi e famiglie è stata da subito concreta e propositiva.
Solutions: 

Con il dialogo, la disseminazione, la collaborazione. Se il progetto è conosciuto dalle famiglie, sempre più genitori chiedono che i loro figli possano partecipare e sempre più insegnanti chiedono di aderire; ciò accresce la visibilità della scuola e quindi del Comune; questo, a sua volta, rende il Comune, le aziende e la Dirigenza più interessate a promuovere il progetto stesso, innescando un circolo virtuoso.

Future plans and wish list: 

Il nostro obiettivo è sistematizzare l’esperienza e renderla fruibile e riproducibile non solo sulle tre sedi della nostra scuola, ma anche nelle scuole in rete. I partenariati europei per via elettronica costituiscono infatti una risorsa motivante per tutti gli attori coinvolti senza grosse spese.

Per quanto riguarda il progetto “Sharing our World – Condividere il Mondo”, pensiamo di continuare a svilupparlo, realizzando
 anche la “settimana della cultura ungherese in Italia”, per permettere anche ai ragazzi ungheresi di visitare il nostro paese, ed
alla città di Szeged di proporre i propri prodotti, dare visibilità alle proprie aziende, associazioni, realtà culturali. Anche stavolta,
avremo bisogno dell’appoggio degli Enti Locali, dei rispettivi Istituti e delle aziende-sponsor per contribuire a coprire le spese
di viaggio e soggiorno dei ragazzi.
Al termine del percorso, vorremmo realizzare una pubblicazione ed un kit guida per la gestione dei gemellaggi informatici.
 
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

“Piano d’Azione Bullismo”

Con il Piano d’Azione Bullismo, L’Istituto Comprensivo via dell’Archeologia prospetta soluzioni pratiche a questioni molto critiche, unendo le indagini in letteratura all’osservazione del fenomeno e d

1. Project summary
Summary: 

Il “Piano d’azione bullismo” è diretto alla fascia d’età tra i tre e i quindici anni: è stato inizialmente formulato a giugno dell’a. s. 2005-2006 nella componente secondaria dell’”Istituto Comprensivo via dell’Archeologia” e poi esteso (solo con alcune azioni) alla scuola primaria e dell’infanzia. Nel corso dell’anno scolastico precedente, mosse dall’urgenza di una situazione particolare, erano cresciute la sensibilità a questo problema e la determinazione a intervenire sinergicamente per arginare fenomeni come:far scoppiare la porta d’entrata della scuola, svuotare gli estintori nei corridoi, organizzare pestaggi. Sono intervenuti i N.A.E e la Polizia Municipale. La scuola aveva chiesto sostegno economico per interventi strutturati, ma le richieste rimasero inascoltate. Iniziarono riunioni di coordinazione per cercare di concentrare gli interventi e arginare la dispersione delle energie. Gli insegnanti, sostenuti dal dirigente scolastico, e coordinati dal vicario prof. Gerosa, si sono riuniti in un gruppo di studio che ha affrontato il fenomeno considerando le sue manifestazioni alla luce della letteratura e dell’esperienza degli anni passati. Il gruppo in incontri bimestrali di scambio di esperienze e conoscenze ha valutato il successo delle micro-strategie attuate sperimentalmente. Grazie all’esperienza maturata e agli studi fatti gli insegnanti hanno steso un piano condiviso che formalmente struttura le microstrategie che alla prova dei fatti si sono dimostrate vantaggiose. È nato il Piano d’Azione Bullismo (PAB). Il Piano d’Azione Bullismo comprende dodici azioni. Il Piano d’Azione Bullismo è auto-finanziato.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Istituto Comprensivo via dell’Archeologia di Roma
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Cristina Moscatelli
E-Mail: 
cristina.moscatelli@hotmail.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2006
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Gli obiettivi del progetto si sviluppano nei seguenti punti tematici
• coesione: tutti quanti sono solidali nella strategia, le risposte ragionate nel confronto con la letteratura sono motivate dall’esperienza. La risposta incoerente è una sacca permeabile e un punto di cedimento della struttura.
• continuità: il discorso deve essere costante, i ragazzi devono rendersi conto che c’è un lavoro al quale tutti partecipano, nella scuola e fuori dalla scuola.
• approccio sistemico: esiste il complesso di azioni che coinvolgono tutto, la didattica il modo di venire a scuola l’interazione con i ragazzi, le famiglie e tra i docenti. L’intervento in classe anziché frontalmente contrastare l’azione del bullo agisce sul contesto, per creare un sistema di autostima tra le vittime e gli astanti di riconoscimento e contrasto multidirezionale del fenomeno.
• prevenzione: le prime attività vengono attuate già a partire dalla scuola dell’infanzia, rinforzate nelle quinte della primaria e definitivamente strutturate nella secondaria di primo grado.
• Istituzione di una comunità di pratica fra i docenti, anche per coinvolgere immediatamente anche i precari e i nuovi docenti.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Il progetto è stato suddiviso in 12 fasce d’azione ognuna delle quali prevede un percorso specifico per la prevenzione ed il contrasto al bullismo.
(PAB, AZIONE 1) - Il percorso di prevenzione, intervento e contrasto al bullismo in pillole distribuite nel corso dell’anno è dedicato
dal coordinatore di classe in co-docenza con uno o più insegnanti dello stesso consiglio a 1- fattori di protezione e autostima (classi prime); 2- strategie d’intervento sulle prepotenze (classi seconde); 3- supporto ai compagni e solidarietà, prevenzione e gestione del conflitto (classi terze). Le barriere alla comunicazione durante un conflitto messe a tema in una lista di frasi killer sono ad esempio “dare ordini e comandare”, “mettere in guardia e minacciare”, “moralizzare”. I ragazzi imparano le strategie comunicative che riducono la conflittualità. È stata inoltre introdotta la “philosophy for children”. Con la consulenza e il sostegno del prof. Antonio Cosentino, e a seguito di un corso da lui tenuto, gli insegnanti a partire da una pagina stimolo hanno imparato a organizzare a sessioni di ricerca filosofica, ad esempio su che cos’è una persona o il senso del bello. Tale attività viene svolta già a partire dalla scuola dell’infanzia per abituare i bambini all’ascolto, al pensiero riflessivo e critico e al confronto delle idee oltre che per costruire il “gruppo”. (PAB, AZIONI 2-4) - La motricità è stata finalizzata all’ autocontrollo e alla gestione dello stress attraverso Incontri di yoga e incontri di armonizzazione psicofisica (scuola primaria) organizzati in orario scolastico. La scuola partecipa inoltre a moltissimi giochi studenteschi e tornei che consentono di insegnare il rispetto delle regole e l’importanza del“fare squadra”.
(PAB, AZIONE 5) - C’è un Consiglio degli studenti. I consiglieri sono eletti nelle classi: su una rosa di candidate e candidati, gli studenti devono dare due preferenze, una maschile e una femminile. I consiglieri, che in numero pari sono maschi e femmine, eleggono un presidente. Quest’anno è stata eletta Chiara. Questo è importante in un quartiere in cui le donne hanno pochissima voce in capitolo. Una delle questioni dibattute nel Consiglio degli studenti riguarda la progettazione ed organizzazione di una festa di fine anno completamente autogestita, compreso il buffet e il servizio d’ordine. I ragazzi hanno avuto modo di comprendere la gestione democratica della cosa pubblica e le difficoltà che si incontrano nell’organizzare attività collettive, migliorando anche il senso di appartenenza alla scuola.
(PAB, AZIONE 6) - Quattro docenti sono preposti allo Sportello d’Ascolto Ragazzi. L’accesso allo Sportello di Ascolto Ragazzi per appuntamento in orario scolastico è riservato agli allievi tramite prenotazione. Quantitativamente l’iniziativa ha funzionato: dopo le resistenze iniziali che sono un po’ i luoghi comuni del quartiere, i ragazzi hanno capito progressivamente che il loro disagio trova accoglienza e una guida all’”autoaiuto”. Allo sportello si accede anche su segnalazione da parte dei docenti di particolari difficoltà degli alunni.
Gli insegnanti già da tempo si erano resi conto che una scuola specie problematica per funzionare deve essere una scuola che ascolta: per evitare sciocche impuntature o un senso di impotenza davanti a problematiche famigliari, prostituzione, droga, violenza tra le mura domestiche. Accantonata la possibilità di fare riferimento ad un esperto esterno per rispondere alle eventuali richieste degli allievi di un colloquio di sostegno, già da quattro anni gli insegnanti hanno iniziato a seguire corsi di formazione organizzati dal Cenpis (Centro di Psicologia di Roma), per offrire agli allievi la possibilità di parlare e raccontarsi rimandando a un colloquio psicologico le problematiche gravi e agli incontri periodici dei docenti coinvolti con uno psicologo supervisore la consulenza per i problemi meno seri. Il Cenpis ha puntato sulla diversità tra empatia e collusione: “empatia sì ma non collusione”.
(PAB, AZIONE 7) - C’è uno sportello di ascolto Genitori offerto da quattro docenti specificamente formati al rapporto con gli adulti del quartiere, in particolare per i genitori delle vittime e dei bulli. Lo sportello fissa gli incontri su appuntamento, rispondendo alle necessità organizzative dei genitori sia per l’orario che per il giorno. Anche questo sportello usufruisce della supervisione dello psicologo e ha migliorato molto il rapporto scuola- famiglie e aumentato la collaborazione.
(PAB, AZIONE 8) – A Settembre vengono organizzati corsi di formazione diretti a tutti gli insegnanti, sette ore per tredici giorni. Un’utilità reale è la capacità di gestione dei conflitti che gli insegnanti puntano ad acquisire anche nell’intento di trasferirla indirettamente o inconsapevolmente nelle classi. Tutti gli insegnanti anche quelli appena arrivati all’inizio dell’anno hanno seguito corsi sull’assertività e sulla gestione del conflitto. È stato messo a punto un manuale regolativo diretto agli insegnanti, che indica come fare per chiedere un’ora di permesso, come autorizzare un ragazzo a uscire dall’aula o da scuola, come comportarsi a ricreazione o in altre situazioni. Il manuale accorcia i tempi necessari ai nuovi docenti per capire qual è la regolamentazione interna, onde evitare incongruenze nella gestione della scuola e delle regole. C’è un blocchetto di permessi di uscita dalla classe - datato firmato registrato - che autorizza i ragazzi ad uscire dall’area di confine in prossimità della classe dove il bidello supervisiona che stiano effettivamente andando in bagno, come è previsto che possano fare senza permesso scritto. Per circolare all’interno della scuola tranne che per andare in bagno i ragazzi devono avere il permesso scritto firmato dall’insegnante, da esibire al momento in cui gli viene chiesto. Il permesso scritto consente di sapere sempre chi è stato autorizzato a fare che cosa e dove.
(PAB, AZIONE 9) - La Ristrutturazione dei consigli di classe ha consentito di dedicare una parte del tempo come al solito alla didattica e alla gestione, e una parte al monitoraggio dell’andamento delle relazioni in classe.
(PAB, AZIONE 10) - Il gruppo di ricerca considera i feedback che è possibile avere dai genitori, dagli alunni, dai docenti, a metà e alla fine dell’anno. Due volte l’anno, all’inizio per la prima media a metà anno e alla fine dell’anno per le classi seconde e terze, i quattro insegnanti che nel gruppo di ricerca sono specializzati nell’uso del sociogramma di Moreno - versione informatizzata messa a punto dal prof. Guido Gerosa - fanno un quadro psico-sociale del gruppo classe attraverso le relazioni di prossimità lontananza che sono stabilite tra un allievo e gli altri. Il sociogramma di Moreno vede la classe come una entità policentrica: ogni alunno è centro di un sistema di gravitazione di cui la distanza dei compagni che orbitano intorno a lui è misura della sua compartecipazione. All’aumento della distanza dall’alunno del maggior numero di compagni aumenta il suo isolamento nel gruppo. Le domande che costituiscono la base dei dati della rilevazione sociometrica sono per esempio “Con chi stai meglio in classe?” “Chi è il tuo vicino di banco preferito?”.
Dalla somma algebrica dei giudizi positivi/negativi che gli altri danno di un alunno, sono calcolati i suoi indici di “popolarità”, di “impopolarità”, di “consapevolezza”, di “quanto è esplorativo”, di “quanto è espansivo”, della “capacità di essere leader”. Le rilevazioni sociometriche sono usate nell’organizzazione dei gruppi: “la strategia è usare i leader positivi”. Ad esempio durante una gita scolastica nella dislocazione dei ragazzi nelle stanze in albergo, gli insegnanti affidano tre compagni isolati a chi ha la capacità di essere leader positivo per facilitarne la socializzazione con il resto della classe.
(PAB, AZIONE 11) – Tutti gli insegnanti e gli ATA coinvolti nel progetto compongono il gruppo PAB che si riunisce tre volte l’anno in auto-formazione. Gli incontri vedono i resoconti dei portavoce di ogni gruppo di lavoro.
(PAB, AZIONE 12) – I meeting in previsione hanno visto presenti associazioni di quartiere, rappresentanti della parrocchia, hanno coinvolto in un corso dedicato al bullismo i genitori, che hanno firmato insieme ai docenti un patto di solidarietà e responsabilità.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
From 30.001 to 75.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

La nuova Talpa online - edizione 2008

Redazione del giornalino online della Scuola Secondaria di I grado di Fontaneto d’Agogna (No) In un mondo in cui si legge sempre meno, le nuove tecnologie forniscono ai giovani l'op

1. Project summary
Summary: 

Il giornalino scolastico “La Talpa online” è giunto quest’anno alla sesta edizione, con continue innovazioni in linea con i progressi della tecnologia. Il giornalino è suddiviso in varie Sezioni: News Scuola, L’Opinione, Gite scolastiche, Racconti, Libri e…, Musica, Cineclub, Le nostre Passioni, Fatti di cuore, Giochi.

Punto di forza è l’utilizzo di un Content Management System che consente agli studenti di interagire dinamicamente con la rete e di essere aggiornati in tempo reale.

Altro elemento di innovazione è un nuovo servizio che consente di accedere mediante dispositivo ‘mobile’ e/o cellulare (http://talpaonline.wirenode.mobi )

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Fontaneto d'Agogna (No)
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Scuola Secondaria di I grado di Fontaneto d'Agogna
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
M. Federica Pellegrino
E-Mail: 
mediafonta@libero.it
6. Website
The website of the project: 
http://talpaonline.altervista.org
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2003
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 
  • Stimolare nei ragazzi l’interesse per il mondo che li circonda, partendo dalle loro passioni e dal loro vissuto.
  •  Permettere ai ragazzi di utilizzare le nuove tecnologie informatiche e l’uso consapevole di Internet, approfondendone le conoscenze mediante un approccio personale e creativo.
  • Redigere un articolo (intervista, cronaca, questionario, notiziario di viaggio, pagina di diario, recensione, ecc.) dopo aver raccolto le informazioni e consultato altre fonti.
  • Migliorare le proprie capacità comunicative.
  • Lavorare in gruppo e per interessi comuni.
  • Sviluppare il pensiero critico e promuovere l’aspetto ludico del lavoro.
What does it try to achieve and how: 

Molte modalità didattiche vengono coinvolte nel processo esecutivo del lavoro. Si parte da una fase progettuale di pianificazione (anche di gruppo) ad una fase di sviluppo e realizzazione pratica, il più possibile autonoma. A seconda della tipologia di articolo da realizzarsi, si prevedono modalità operative diverse: di tipo introspettivo per i racconti; l’indagine sul campo con uscite per argomenti di cronaca, inchieste o reportage fotografici; conoscenze storico-geografiche per diari di bordo, resoconti di viaggio o rivisitazioni storiche; conoscenze tecniche di base per la tabulazione di dati.

Which opportunities/problems does it address to: 

Opportunità di lavorare su un progetto che risponda ad un’esigenza e ad un interesse dell’alunno. Molteplici sono le problematiche che il giornalino affronta: il mondo dell’adolescenza nei suoi svariati aspetti, il conflitto e le incomprensioni con il mondo degli adulti, questioni sociali e culturali che investono la collettività, le iniziative interne alla scuola (il Consiglio Comunale dei Ragazzi, le uscite scolastiche, i progetti e le manifestazioni a cui la scuola partecipa, scambi con altre Istituzioni scolastiche o Enti).

Please explain what is unique or special in your project: 
  • Una diversa modalità di presentare i contenuti didattici, in modo originale e accattivante, grazie soprattutto al supporto multimediale.
  • Apprendere in modo piacevole e divertente.
  • Incrementare l’autonomia dell’alunno il quale, da solo o con un gruppo di pari, deve saper portare a termine un’idea e realizzare un prodotto “finito”: articolo, fumetto, racconto, grafico, gioco didattico, ecc….
  • Coltivare gli interessi del ragazzo e sollecitare la ricerca per poter accrescere le proprie conoscenze.
  • Collaborazione e scambi “esterni” per favorire il confronto con altre realtà scolastiche.
  • Possibilità di accedere anche attraverso dispositivi di telefonia ‘mobile’ (cellulare, palmare, WAP)
  • Per facilitare la fruizione da parte di soggetti con disabilità visive è stato introdotto un dispositivo audio che permette l'ascolto dei contenuti del sito.
10. Results
Describe the results of your project as per today: 
  • Grazie alle potenzialità offerte dalla “rete” il progetto ha ottenuto una sempre più crescente visibilità che ha ampliato le possibilità di scambio e di confronto, sia con il mondo dei coetanei che con quello degli adulti.
  • Coinvolgimento e gratificazione dei giovani “scrittori” che hanno un riscontro immediato delle loro produzioni.
How does it fulfill the users’ needs: 

Gli utenti possono formarsi un’idea del mondo filtrato attraverso gli occhi degli adolescenti. Essi vengono informati non solo sulle attività che avvengono a scuola ma anche su argomenti che descrivono e raccontano i rapporti con gli amici, gli interessi legati all’età, le passioni degli adolescenti e, cosa più importante, possono interagire con loro attraverso Sondaggi, Test, giochi, commenti, inserimento di Annunci o esprimendo un’eventuale valutazione degli articoli che vanno a consultare o proponendo un proprio articolo da pubblicare.

How many users interact with your project per month and what are the preferred forms of interaction: 

L’affluenza media è di circa 2500 contatti mensili.

Al progetto prendono parte tutti gli alunni della scuola e quanti interagiscono attraverso la “rete” con interventi, e-mail, scambi, invio di articoli da pubblicare, richieste di vario genere.

How has it improved the quality of educational and/or training services: 
  • Stimola il bisogno di autonomia, di crescita, di affermazione della propria personalità.
  • Sollecita la creatività e la capacità di portare a termine un progetto.
  • Migliora i rapporti interpersonali e l’integrazione e lo scambio interculturale grazie all’apporto dei ragazzi stranieri presenti in redazione.
  • Attraverso l’utilizzo coinvolgente delle tecnologie anche i ragazzi con maggiori difficoltà espositive hanno modo di esprimere le proprie potenzialità.
How has it improved the participation of professionals, children, youth and other stakeholders: 
  • È richiesta la partecipazione di altri soggetti (adulti, professionisti, esperti del settore) nel dare una lettura critica agli articoli riguardanti i problemi che investono il mondo giovanile ma che coinvolgono anche gli adulti, con particolare riguardo alle dinamiche dei rapporti in famiglia e/o nuove tendenze adolescenziali (vedi ad esempio fenomeni di bullismo, Hikikomori, intolleranze, ecc.). Numerosi sono i suggerimenti e le proposte che hanno via via arricchito il nostro giornalino.
  • Sono state coinvolte alcune classi della Scuola Primaria le quali, attraverso la consultazione del giornalino, hanno potuto avvicinarsi ai temi dei ragazzi più grandi i quali, a loro volta, diventano “Tutor” attraverso la Peer Education. - Sono state avviate delle forme di collaborazione con Enti locali, quali la Biblioteca e il Comune.
  • Grazie ad alcune iniziative, si sono sviluppati contatti con realtà “estere” (Argentina, Brasile, Australia).
How does it promote the use of ICT for the educational and cultural development by professionals, children and youth: 

Coinvolge lo studente nell’utilizzo delle nuove tecnologie per la stesura di testi, l’impaginazione, la realizzazione di progetti grafici, il trattamento delle immagini, il trasferimento sul Web.

Describe how you measure (parameters) these results: 
  • Correttezza formale del testo.
  • Coerenza e completezza del contenuto.
  • Originalità del prodotto.
  • Feedback dell’utenza.
11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Other
Other: 
auto-finanziamento
Is your project economically self sufficient now: 
Yes
Insert date: 
09/01/2006
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Dalla sua diffusione, molte scuole si sono ispirate al progetto per realizzare un proprio giornalino scolastico.

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

Il progetto è stato attuato come attività “laboratoriale” a classi aperte coinvolgendo alunni delle classi prime, seconde e terze della Scuola Sec. di I grado. L’idea del progetto e la sua successiva realizzazione è nata da un gruppo di insegnanti che ha inteso valorizzare le nuove tecnologie informatiche nel mondo scolastico, consapevoli della grande importanza che tali strumenti rivestono nella realtà odierna.

La scuola opera in un piccolo centro della pianura piemontese a vocazione prevalentemente agricola. Essa accoglie ragazzi provenienti da piccole frazioni dislocate sul territorio e funge da unico reale punto di aggregazione in un contesto privo di altre strutture culturali e/o ricreative per i giovani.

Grazie a questa ed altre iniziative di cui essa si fa promotrice, offre ai ragazzi l'opportunità di prendere contatto con realtà a loro spesso del tutto sconosciute e di interagire con soggetti provenienti da ambienti o culture del tutto diverse.

Barriers: 

Molti studenti della ns. scuola non possiedono un pc personale collegato alla rete ma per larga parte dispongono di un telefono cellulare da cui è possibile accedere al giornalino.

Solutions: 

Grazie alle proprie strutture informatiche la scuola può garantire a tutti gli studenti la possibilità di consultazione e fruizione del progetto. Inoltre, valutata la larga diffusione del telefonino presso i ns. studenti, è stata realizzata una specifica versione “mobile” del giornalino.

Future plans and wish list: 

Dal prossimo a.s. 2009-2010, in virtù delle nuove disposizioni ministeriali che fissano un nuovo Quadro Orario nazionale, sarà necessario rivedere la struttura di realizzazione del giornalino online per esaminarne le condizioni di fattibilità e valutare le più opportune e funzionali modalità di lavoro.

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data
Syndicate content