• strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_handler_argument::init() should be compatible with views_handler::init(&$view, $options) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_argument.inc on line 33.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_node_status::operator_form() should be compatible with views_handler_filter::operator_form(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/modules/node/views_handler_filter_node_status.inc on line 6.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 14.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.

collaborazione

Viaggio di istruzione virtuale

Far partecipare al viaggio di istruzione un ragazzo costretto a rimanere in casa a causa della malattia

1. Project summary
Summary: 

Ad un mese dall’inizio della scuola si comincia a discutere per organizzare il viaggio di istruzione. In classe l’euforia è altissima. Tre giorni assieme, ma la fatalità vuole che un ragazzo venga colpito da una malattia che gli impedisce la frequenza. Addio viaggio di istruzione. L’idea, far partecipare all’organizzazione del viaggio anche lui attraverso i mezzi informatici. Si stabiliscono la data, l’itinerario, i luoghi da visitare tutto attraverso la ricerca in internet. Non basta, il viaggio viene realizzato e l’alunno, attraverso messenger e le e-mail segue costantemente tutte le tappe del viaggio. Oltre ai messaggi e alle indicazioni sui luoghi visitati si scambiamo idee e riflessioni, fotografie. Durante il giorno, mentre i compagni visitano le località, segue, attraverso internet, tutto il percorso, raccoglie informazioni, e successivamente, al momento del contatto scopre se i compagni hanno seguito e apprezzato la visita. La preparazione del progetto prevede di far acquisire competenze informatiche a tutti i componenti la classe, per l’alunno ammalato, oltre al pc fisso viene usato anche quello portatile per i periodi di degenza in ospedale. Le esercitazioni sono settimanali e permettono di acquisire competenze di ricerca e organizzazione utilizzando internet, di mantenere i contatti con il compagno utilizzando e-mail e messenger

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Codroipo Friuli Venezia Giulia
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Scuola Secondaria Statale di 1° grado Giuseppe Bianchi
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Sandro Fabello
E-Mail: 
sandro.fabello@istruzione.it
6. Website
The website of the project: 
http:// friuli.qnet.it/bianchi
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/11/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Obiettivi educativi e didattici viaggiano di pari passo: la scoperta dell’uso di internet per fare conoscenza e relazionare in forma attiva, Conoscere località a distanza. Riconoscere la complessità e l’adattamento a situazioni nuove e improvvise. Trovare risorse positive anche in situazioni drammatiche. Saper accettare e reagire alle difficoltà. Casa e scuola, imparare attraverso i mezzi informatici, sentirsi perciò partecipi della vita di classe

What does it try to achieve and how: 

L’uso delle e-mail, di messanger, di internet, della web cam, di software ha permesso di apprendere e comunicare a distanza

Which opportunities/problems does it address to: 

L’apprendimento a distanza, sentire la presenza della classe, vivere a distanza le opportunità degli altri, riconoscere le proprie difficoltà e superarle

Please explain what is unique or special in your project: 

In questa situazione l’unicità è rappresentata dal caso affrontato e dal come tutti hanno contribuito alla riuscita. Le idee risolutive venivano di giorno in giorno. I problemi venivano superati con grande sforzo di volontà

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Ottimi risultati per il ragazzo ammalato sia per l’apprendimento scolastico che per il superamento della malattia, per i coetanei è stata un’esperienza che ha fatto maturare la consapevolezza dell’aiuto reciproco, ha fatto comprendere come la volontà permetta di raggiungere grandi obiettivi

How does it fulfill the users’ needs: 

Ottimi, perché l’obiettivo prefissato ha fatto sì che l’alunno non si lasciasse andare e soprattutto ha fatto vivere intensamente un’esperienza di collaborazione reciproca che per gli adolescenti non è sempre scontata

How many users interact with your project per month and what are the preferred forms of interaction: 

Tutte la classi

How has it improved the quality of educational and/or training services: 

L’aiuto reciproco, la consapevolezza di poter contribuire alla riuscita di un progetto, la creatività nel dare idee hanno permesso di far maturare capacità di relazione molto forti

How has it improved the participation of professionals, children, youth and other stakeholders: 

Docenti e alunni hanno messo in gioco le loro competenze per far funzionare l’intera organizzazione. Dall’uso dei pc e delle periferiche alle strategie didattiche e metodologiche

How does it promote the use of ICT for the educational and cultural development by professionals, children and youth: 

Utilizzare e apprendere attraverso la multimedialità è stato l’argomento costante di tutto il progetto. Saper installare software, destreggiarsi tra mezzi informatici con il problem solving, apprezzare la tecnologia non solo per i giochi o per scaricare musica e filmati

Describe how you measure (parameters) these results: 

l’osservazione sistematica dei risultati raggiunti sia in classe che casa, senza la competenza informatica o senza la conoscenza degli argomenti il progetto si sarebbe arenato. I tempi rispettati nelle consegne, la creatività nelle discussioni hanno permesso di adeguare il processo formativo.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 3 to 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
Yes
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

Il progetto ha avuto origine pensando a come far partecipare un ragazzo impossibilitato a frequentare la scuola a tutte le iniziative che la scuola avrebbe intrapreso durante l’anno scolastico. Hanno partecipato all’iniziativa i docenti, gli alunni della classe e la famiglia. Inizialmente l’Ufficio Scolastico Regionale doveva contribuire all’acquisto della tecnologia, ma poi la famiglia ha fatto da sola.

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

PoliCulturaKids

PoliCultura è un’iniziativa del Politecnico di Milano per la scuola italiana, realizzata dal Laboratorio HOC del Dipartimento di Elettronica e Informazione, che si pone l’obietti

1. Project summary
Summary: 

Gli obiettivi educativo-didattici del progetto sono:

·         capacità di adattare contenuti complessi a un formato semplice
·         capacità di sintetizzare con efficacia un messaggio multimediale
·         capacità di lavorare in gruppo coordinandosi a vicenda
·         abilità tecniche nella gestione di contenuti multimediali
 
Il progetto si propone anche di far comprendere agli alunni che tecnologie e cultura tradizionale-umanistica possono integrarsi con reciproco beneficio, sviluppando così un atteggiamento diverso nei confronti delle nuove tecnologie.
2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Gorgonzola
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Circolo Didattico "Molino Vecchio" Gorgonzola (MI)
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Emanuela Bramati
E-Mail: 
emabra@fastwebnet.it
6. Website
The website of the project: 
http://www.policultura.it/kids/home.htm
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 10 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
04/02/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

PoliCultura KIDS è rivolto agli alunni e ai docenti delle Scuole Primarie. Propone un approccio semplice alle tecnologie multimediali, che consente di  sperimentare come queste possano essere uno straordinario strumento per imparare e comunicare contenuti culturali. Il “compito” che viene richiesto, come già accennato in precedenza, è quello di “raccontare una storia”, attività molto cara ai bambini. Mediante il motore “1001storia”, essi possono creare narrazioni multimediali interattive, assemblando testi, immagini e file audio, utilizzando quindi un linguaggio pluricodicale di grande efficacia comunicativa.

Which opportunities/problems does it address to: 

La narrazione, intitolata "La Shoah - Lo sterminio ebraico", affronta il tema della Shoah, già trattato in classe in occasione della Giornata della Memoria, soprattutto in riferimento al campo di Terezin dove furono rinchiusi moltissimi bambini ebrei, tra i quali Helga Weissova, di cui avevamo visto i disegni. I bambini hanno espresso il desiderio di approfondirlo nonostante la tragicità dell’evento.

 

Please explain what is unique or special in your project: 

La narrazione è stata progettata collettivamente da tuttia la classe ed è stato questo l’aspetto didattico più significativo: avanzare proposte, confrontarle, valutarle per selezionare argomenti e sottoargomenti, ha comportato per i bambini una attenta attività di riflessione, senza però mai perdere di vista l’obiettivo finale.

I bambini si sono sentiti “protagonisti” del percorso, che è stato costruito grazie al contributo personale e creativo di ciascuno. La preparazione dei testi, la ricerca delle immagini, la realizzazione dei disegni, la registrazione delle voci hanno consentito lo sviluppo di abilità importanti, sia nell’ambito cognitivo sia in quello socio-relazionale: la capacità di analisi e sintesi, di confronto e di valutazione critica, la capacità di espressione scritta e grafica, il controllo dell’emotività nella fase della registrazione, la capacità di collaborare e di impegnarsi per un obiettivo comune, il rispetto del punto di vista altrui.

L’utilizzo delle nuove tecnologie ha reso tutto più “leggero” e coinvolgente: visualizzare sul monitor e condividere con gli altri il risultato del proprio lavoro è stato molto gratificante per i bambini.
 

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

L'attività ha portato alla realizzazione di una narrazione multimediale visibile al seguente link:

http://www.policultura.it/meuslive/meuslive.php?projectid=502&wget=1

La narrazione è risultata vincitrice del Concorso Nazionale abbinato al progetto, nella sezione PoliCultura Kids: http://www.policultura.it/vincitori0708.htm

Ho documentato tutto il percorso nel sito di classe al seguente link: http://quintamolino.altervista.org/

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
Less than 1 year
12. Transferability
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

Il progetto è stato portato avanti in modo collaborativo dall'intera classe. Seguendo le dettagliate istruzioni fornite dal Politecnico, abbiamo preparato tutti insieme il piano editoriale, caratterizzato da un’alternanza di fatti storici, testimonianze e riflessioni dei bambini. Abbiamo individuato il titolo della narrazione, gli argomenti e i sottoargomenti. Per alcuni argomenti si è deciso di chiedere ai genitori e ai nonni di raccontare le loro esperienze e i loro ricordi. Concludeva l’intera narrazione un Diario di bordo, come momento di metariflessione su tutta l’esperienza in cui i bambini hanno ripercorso le tappe del lavoro, prendendo consapevolezza del processo messo in atto e dei risultati conseguiti, sia in termini di prodotto finito, ma soprattutto in termini di crescita interiore ed etica.
Successivamente i bambini si sono divisi spontaneamente in coppie e ogni coppia ha scelto liberamente, ma in accordo con i compagni, l’argomento da sviluppare.

È quindi iniziata la fase che prevedeva l’utilizzo diretto del computer.

Prima di tutto abbiamo inserito nel motore il piano editoriale, per avere la visione globale del lavoro che saremmo andati a svolgere.
In seguito ha preso avvio la fase di stesura dei testi e di ricerca delle immagini. In precedenza avevo inserito nel sito della classe alcuni link all’interno dei quali i bambini avrebbero potuto trovare le informazioni necessarie. Ogni coppia ha letto il materiale fornito e ha selezionato le notizie che riteneva più importanti, riscrivendole e rielaborandole con il programma Word. Il Politecnico aveva dato istruzioni molto precise riguardo alla lunghezza dei testi, che dovevano stare tra le 90 e le 120 parole. L’attività ha perciò richiesto una grande capacità di attenzione, riflessione e sintesi.
Per la ricerca delle immagini, abbiamo utilizzato Google, inserendo opportune parole chiave. Le immagini trovate dai bambini venivano salvate nella cartella di coppia, precedentemente preparata, insieme al file di testo.
Ogni tanto facevamo il punto della situazione, per inserire modifiche, aggiustamenti o integrazioni. Ogni bambino ha tenuto un diario di bordo personale, per avere sempre presente il cammino percorso insieme.
Il passo successivo è stata la registrazione delle voci con il programma MyMP3 suggerito dallo staff del progetto. Prove di voci, prove di lettura e di intonazione hanno preceduto la registrazione vera e propria. Ogni coppia, munita di cuffia e microfono ha letto e registrato il testo che aveva predisposto e il file è stato salvato nella rispettiva cartella.
Testi, immagini e file audio sono stati poi inseriti nel motore, che i bambini hanno imparato a gestire senza difficoltà. Insieme alle immagini reperite in Internet, hanno inserito i disegni che ciascuno di loro aveva realizzato sull’argomento. Uno di questi è stato scelto come copertina della narrazione, tramite votazione.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

MOL – Matera Online Newspaper

Ragazzi di tutto il mondo in rete per la realizzazione di un giornale internazionale online, in diverse lingue.

1. Project summary
Summary: 

MOL - Matera Online Newspaper è un giornale internazionale on-line, realizzato in rete, in diverse lingue, da ragazzi, dai 5 ai 19 anni, di diversi Paesi, nato con lo scopo di creare un ponte fra le culture e di incoraggiare il dialogo e il confronto. Esso vuole rispondere dalla crescente esigenza della scuola di uscire dal tradizionale isolamento per condividere idee e progetti con altre realtà scolastiche e collaborare con le professionalità che il territorio offre. Dalla collaborazione di ragazzi di più scuole, guidati dai loro insegnanti, nasce un giornale a tutti gli effetti, una redazione virtuale alla quale è direttamente affidata la scelta degli argomenti, delle immagini da utilizzare, dei titoli per gli articoli. MOL si propone come spazio dove i giovani si conoscono, discutono, condividono progetti: in breve, si incontrano in una "piazza" virtuale. Le nuove tecnologie diventano così veicolo di riflessione critica ed il loro uso consapevole offre occasioni di arricchimento culturale e, perché no, di divertimento. Il Liceo Duni, scuola capofila, coordina e gestisce la rete di scuole di tutto il mondo che collabora al giornale. Nel corso degli anni hanno collaborato all’iniziativa circa cento scuole non solo europee, ma anche provenienti da Giappone, Canada, Israele, Russia, Bielorussia, Armenia. L’idea è nata nel 2000, quando il Liceo Duni, in collaborazione con un quotidiano locale, ha dato vita al Giornalino Online di Matera, il primo giornale online delle scuole della Basilicata, realizzato in collaborazione con scuole di tutta la regione. Già dopo il primo anno la redazione del Duni ha allargato la propria attività e i propri contatti all’Europa e al mondo e il Giornalino Online di Matera si è trasformato nell’attuale MOL - Matera Online Newspaper. Con la trasformazione del Giornalino in un giornale internazionale si sono moltiplicate le lingue utilizzate nelle sue pagine. L’inglese è diventata la lingua principale, a cui si affiancano, oltre all’italiano, altre lingue europee. Negli anni, all’interno del Liceo Duni, si è creata una redazione stabile, formata da alunni e da un gruppo di docenti. La redazione si riunisce periodicamente, per lavorare e inserire gli articoli online e mantiene i contatti con le ormai numerosissime scuole partner. Gli studenti collaborano con grande entusiasmo ed hanno, negli anni, suggerito nuove attività e nuove modalità di lavoro.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Matera
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Liceo Ginnasio “E. Duni”
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Maria Teresa Asprella
E-Mail: 
mariateresa.asprella@yahoo.it
6. Website
The website of the project: 
www.molnews.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2001
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Gli obiettivi del progetto sono: • Promuovere un utilizzo positivo dei nuovi mezzi di comunicazione, intesi come momento di incontro, di confronto e di partecipazione. • Acquisire le capacità critiche e di pensiero autonomo necessarie per partecipare attivamente alla società dell'informazione. • Educare i giovani alla pratica del lavoro cooperativo e diffondere la cultura dei new media • Abituare gli alunni ad esprimere e proporre le proprie idee attraverso modalità di scrittura non tradizionali. • Aprire la scuola a contatti e collaborazioni con il mondo esterno e con altre realtà scolastiche. • Motivare.gli studenti alla partecipazione attiva alla vita della società in Europa; rispettando la diversità ed incoraggiando il confronto democratico. • Approfondire la conoscenza dell'eredità culturale europea, confrontando le tradizioni e valorizzando le diversità culturali che arricchiscono il patrimonio comune di storia e di civiltà. • Favorire la conoscenza delle lingue attraverso la pubblicazione di testi scritti dai ragazzi in inglese e in diverse lingue europee. • Favorire l'inserimento nel contesto socio-culturale europeo di alunni che si trovano in condizione socio-economiche svantaggiate e di istituti scolastici situati in aree geografiche periferiche ed economicamente depresse. • Educare, anche in modo informale, i giovani alla vita democratica, alla partecipazione attiva, al confronto culturale. • Sperimentare nuovi approcci che consentano l'inserimento delle tecnologie nella didattica, non come qualcosa di aggiunto, di contrapposto agli stili di insegnamento tradizionali, ma come uno strumento integrato in modo trasversale nel curricolo.

Please explain what is unique or special in your project: 

Attraverso questo progetto è nata e cresciuta nel tempo una rete di scuole che collaborano attivamente tra di loro e con le diverse professionalità esistenti sul territorio. MOL esemplifica il modo in cui Internet sta rivoluzionando l'educazione e trasformando le scuole, da istituzioni separate a organizzazioni per l'istruzione strettamente collegate fra loro: si dà spazio ai ragazzi on-line per creare e pubblicare i loro lavori e collaborare con altri giovani di paesi diversi, al di là delle differenze di lingua e di cultura.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Molti risultati sono stati raggiunti nel corso degli anni: • Attraverso il progetto si è realizzata una comunità virtuale viva e "fedele". Il progetto è stato utile agli allievi, ma anche agli insegnanti; attraverso di esso si è costituita una interessante rete di docenti che riescono ad ottenere una notevole ricaduta tecnica e culturale all'interno delle loro scuole, valorizzando l'uso delle TIC. • Si è creata una valida collaborazione con le professionalità presenti sul territorio, in particolare con alcuni giornalisti che stanno realizzando laboratori di giornalismo e di scrittura per i ragazzi della redazione. • Le istituzioni locali (Comune, Regione, Ufficio Scolastico Regionale) hanno mostrato crescenti interesse ed apprezzamento per il progetto, offrendo il loro supporto finanziario in diverse occasioni. • Più di cento scuole hanno collaborato nel corso degli anni a questa iniziativa, che ha visto la realizzazione di ben 70 numeri del giornale, a partire da settembre 2000, per un totale di circa 900 articoli in inglese ed in altre lingue europee, italiano, spagnolo, rumeno, portoghese, francese. • Le scuole partecipanti provengono da molti Pesi diversi: Turchia, Romania, Portogallo, Grecia, Ungheria, Malta, Bielorussia, Finlandia, Russia, Lituania, Polonia, Francia, Spagna, Canada, Israele, Armenia, Belgio, Svezia, Giappone. • È attualmente operativa una rete di circa trenta scuole di tutto il mondo che collaborano attivamente • Il progetto fornisce un importante contributo al superamento del digital divide da parte di comunità scolastiche che hanno scarse possibilità tecniche e finanziarie. Solo attraverso MOL allievi che vivono in realtà geografiche ed economiche molto periferiche, hanno la possibilità di confrontarsi in continuo con gli altri, e prendono sempre più coscienza della valenza delle TIC, valorizzando la possibilità offerta da un consapevole uso di internet di esprimere liberamente le proprie idee politiche, sociali, religiose, ecc. • Il progetto è risultato vincitore dei seguenti concorsi:Childnet award 2003; Concorso Cento Progetti 2004, promosso dal Ministero Italiano della Funzione Pubblica; concorso Centoscuole 2004. della Fondazione per la scuola della Compagnia di San Paolo di Torino • Il progetto è stato presentato all'ottavo Online Learning Symposium (Edmonton/Canada; 2 -4 novembre 2004), organizzato dall’AOC (Alberta Online Consortium) • Il progetto è risultato finalista nei seguenti concorsi: Stockholm Challenge Award 2004, Global Junior Challenge 2004, Stockholm Challenge Award 2008

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
From 10.001 to 30.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Una scuola finlandese, la Riihenmäki Comprehensive School di Mantsala, ci ha fatto sapere di essersi ispirata al nostro progetto per crearne uno proprio, "A Golden School Day", che prevede la collaborazione di più scuole per la pubblicazione di lavori scritti dai ragazzi sulla loro giornata scolastica ideale. In seguito MOL ha ispirato il progetto di eTwinnig “Euronews”, tra il liceo Duni e la scuola spagnola IES “Alonso de Madrigal di Avila. Successivamente altre scuole nostre partner hanno, sulla base dell’esperienza acquisita con MOL, realizzato un proprio giornale online.

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Mille e una storia - Blog

Il Blog come esperienza di scrittura creativa e continuità tra Primaria e Secondaria di I Grado - Laboratorio Di Scrittura Creativa A Più Mani.

1. Project summary
Summary: 

Vengono create in ciascuna classe coppie di scrittori che si nascondono dietro un nikname, ognuno scrive seguendo la proposta che viene pubblicata sul blog e successivamente altre coppie di ragazzi leggono e danno un giudizio secondo parametri prefissati. La risposta dei singoli correttori viene visionata dall’amministratore che pubblica i commenti, ma non interviene. In caso di controversie possono intervenire come arbitri gli insegnanti. Vengono di solito svolti tre esercizi l’anno. A fine lavoro ci si incontra per una manifestazione finale cui partecipano anche le famiglie.
L’idea è nata nelle classi prime della Scuola media come sperimentazione di scrittura creativa in un ambiente informatico. Da qui l’idea di raccordare i nuovi arrivati con i compagni in procinto di entrare nel secondo ciclo di istruzione, offrendo l’idea di un apprendimento senza soluzione di continuità. La prof,ssa Torcè ha ideato il format proponendo i testi con l’assistenza informatica della prof.ssa Guidi che ha creato il blog. Le insegnanti della Scuola Primaria si sono dimostrate interessate al lavoro e hanno consigliato l’uso di un sito protetto come Scuolaer.it. Lo scambio è stato sempre tra classi prime della media e classi quinte della Primaria. La maestra Iadeluca ha seguito ed assistito il lavoro della sua classe e la parte informatica della Primaria Pistelli di Roma.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Scuola secondaria di I grado “G.G.BELLI”
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Elisabetta Torcè - Marzia Guidi
E-Mail: 
dadig@hotmail.it
6. Website
The website of the project: 
http://blog.scuolaer.it/blog.aspx?IDBlog=1116
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/02/2006
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Obiettivi che ci si pongono sono stimolare le capacità creative attraverso la scrittura di brevi testi, facilitare l’abitudine alla lettura ed all’acquisizione di un lessico ricco ed articolato correttamente.

What does it try to achieve and how: 

Stimolando la naturale curiosità dei ragazzi verso il mezzo informatico, facendo loro capire che si può usare la rete in modo responsabile e collaborare anche a distanza con gruppi di diversa fasce di età.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Il nostro progetto è stato scelto come soggetto per la settimana tematica Scriviamo Cre@tivamente alla Città Educativa di Roma nel 2007. Abbiamo portato la nostra idea nella scuola Primaria Pistelli, che ha aperto un altro blog tra tutte le classi terze (Ali alla fantasia)

How does it fulfill the users’ needs: 

Soddisfacente

How many users interact with your project per month and what are the preferred forms of interaction: 

Il numero di utenti si aggira tra gli 85 ed i 95, su quattro classi.

Describe how you measure (parameters) these results: 

La partecipazione sollecita e l’impegno dei singoli scrittori sono l’unico criterio su cui possiamo basarci. Non è mai accaduto che qualcuno disertasse le consegne degli elaborati.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Other
Other: 
, il progetto non ha veri costi, le uniche spese sono per la manifestazione finale e per la produzione di depliant o stampati e sono sostenute dal Fondo scolastico per la didattica
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Nella Primari Pistelli con la creazione di un blog tra tutte le classi terze – Ali alla fantasia -

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Future plans and wish list: 

Disseminazione del progetto, ci occorrerebbe l’aiuto di una organizzazione capace di portarci a quante più scuole possibile.

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

“Dialogare per crescere” Percorso di formazione per documentarsi, confrontarsi, crearsi un’opinione e crescere

E’un macroprogetto di formazione per docenti e alunni coinvolti attivamente in percorsi differenziati e specifici a seconda dell’età e dei bisogni, per educare alla cittadinanza consapevole e attiva,

1. Project summary
Summary: 

Da settembre 2008 gli alunni della classe V ERICA B dell’IIS “Ferrini” si videro impegnati ad iniziare la realizzazione dell’Area di Progetto nel Laboratorio Europa, uno dei 12 percorsi formativi del progetto “Dialogare per crescere”, in cui, con la collaborazione dello sportello EURODESK del VCO, avrebbero dovuto sensibilizzare alunni e docenti degli istituti provinciali su tematiche europee, in particolare riguardanti il “2009 anno Europeo della creatività e dell’innovazione” e sugli strumenti europei per incentivare la partecipazione e la cittadinanza attiva dei giovani, promuovendo eventi on-line e off-line, finalizzati a mettere in contatto studenti di diversi Paesi Europei, favorendo l’aumento di competenze informatiche e coinvolgendo con attività stimolanti i partecipanti al convegno provinciale “Primavera d’Europa 2009”. Divisi in quattro gruppi, pronti a lavorare, utilizzando mezzi di comunicazione con cui poter esprimere desideri spontanei, interrogarsi sulle reali necessità , elaborare proposte e cercare soluzioni, per informare, sensibilizzare, documentare e di fatto crescere: realizzarono un blog http://youthbeacon.blogspot.org e un forum con diversi topic, destinati alla condivisione di opinioni tra ragazzi e adulti, un sito principale ( www.dialogarepercrescere.org ), dove vennero documentate tutte le attività connesse, crearono consultazioni on-line, aderendo a quelle europee (es. “Può la scuola stimolare la creatività?), manifesti, lettere di invito a partecipare, locandine, concorsi, questionari, interviste, articoli, schede di valutazione delle iniziative, volantini, grafici di commento, regole di utilizzo del sito, documentazione fotografica, video conferenza e contatti via skype ecc.
In base alle proprie attitudini, predisposizioni e competenze ebbero l’occasione di esprimersi autonomamente, liberando la propria creatività, migliorando la percezione di se stessi e la propria autostima, grazie anche alle riflessioni nello specifico condivise con altre classi in percorsi diversificati (“Come guidare la propria crescita personale”, “Il ruolo significativo dell’emotività nel coinvolgimento sulle tematiche”, “Pedagogia dell’altro, scoprire, entrare e capire l’empatia”).
Un’altra parte operativa fu sviluppata in primavera attraverso la realizzazione di due video-clip: il primo volto alla sensibilizzazione sui diritti umani e il secondo alla condizione di indifferenza tipicamente giovanile per incoraggiare al voto per il Parlamento europeo.
Con la crescita delle partecipazioni al sito interattivo, aumentavano il coraggio e l’interesse degli alunni: i protagonisti erano pur sempre giovani e, come gli altri, avevano priorità differenti e condividevano l’insicurezza di portare avanti le proprie idee; ciò che stava crescendo dentro ciascuno di loro era collegato alle azioni e ai pensieri di altri. All’aumentare dell’interesse aumentò, quindi, anche il coraggio e viceversa. Durante quest’anno i ragazzi si videro cambiare, scoprire e crescere; la crescita interessò la loro personalità e il loro senso di responsabilità civile.
Grazie al sito creato e agli strumenti a disposizione, con sezioni in italiano, inglese, francese e tedesco, studiate a scuola, fu possibile interagire anche con coetanei stranieri. Venne fatta un’inchiesta relativa alle scuole estere che avevano cooperato con l’IIS “Ferrini” e, una volta rintracciati, i docenti e gli alunni stranieri sono stati invitati a interagire. Si sono divertiti anche giocando con partner di tutto il mondo nell’Odysseenspiel, dove bisognava presentare se stessi e la propria realtà con indovinelli e scoprire la provenienza degli altri partecipanti, trovando così nuovi amici in Russia, Germania, Corea, Francia.
E che dire delle emozioni provate incontrando i Volti dell’Altro in una riflessione globale sui diritti umani: i volti dell’immigrazione e del rifugiato e le riflessioni che ne scaturirono insieme a coetanei provenienti da altre scuole del territorio?
Furono calati in una dimensione europea e oltre, confrontandosi in un percorso di insegnamento-apprendimento della storia e dell’informatica in un’altra lingua diversa da quella materna.
Nonostante alcune difficoltà iniziali organizzative, la comunicazione risultò efficace e positiva e le attività proposte attirarono l’interesse per l’Unione Europea nei suoi vari risvolti. Gli alunni, oltre alla ben più importante crescita individuale, acquisirono competenze informatiche e impararono a svolgere il lavoro all’interno del gruppo, dividendosi i compiti. “Degli aggettivi per descrivere il lavoro in team? Stimolante, innovativo, creativo e responsabile”.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Verbania (VB) Piemonte
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Istituto di Istruzione Superiore “Contardo Ferrini” Dirigente Scolastico: prof. Santo Mondello
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Marina Federici
E-Mail: 
marina_federici@fastwebnet.it
6. Website
The website of the project: 
http://www.dialogarepercrescere.org
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

La finalità principale che si prefiggono tutti i percorsi formativi inseriti nel progetto è quella dell’educazione alla cittadinanza consapevole e attiva, che ha come obiettivo quello di dotare i giovani della capacità di contribuire allo sviluppo e al benessere della società nella quale vivono come cittadini responsabili e attivi. Si evidenziano tre aspetti fondamentali tematici da sviluppare negli alunni: - una cultura politica - un pensiero critico e determinati valori - una partecipazione attiva.
Macro-obiettivi
Lo sviluppo di una cultura politica può comprendere:
• lo studio delle istituzioni sociali, politiche e civiche, così come dei diritti umani (Percorsi A, B, C)
• lo studio delle condizioni in cui gli individui possono vivere in armonia, le questioni sociali e i problemi sociali attuali (Percorsi F, M)
• la preparazione dei giovani all’esercizio dei loro diritti e doveri come sono definiti nelle costituzioni nazionali (Percorsi D, H)
• la promozione del riconoscimento dell’eredità culturale e storica (Percorso I)
• la promozione del riconoscimento della diversità culturale e linguistica della società (Percorsi F, M)
Lo sviluppo di un pensiero critico e di certe attitudini e valori si basa su:
• l’acquisizione delle competenze necessarie alla partecipazione attiva alla vita pubblica come cittadino responsabile e critico (Percorsi B, C)
• lo sviluppo del riconoscimento e del rispetto di sé e degli altri allo scopo di favorire una maggiore comprensione reciproca (Percorsi F, M, N)
• l’acquisizione della responsabilità sociale e morale, compresa la fiducia in sé e un comportamento responsabile verso gli altri (Percorso H)
• il consolidamento dello spirito di solidarietà (Percorso F)
• la costruzione di valori che tengano pienamente conto della pluralità dei punti di vista all’interno di una società (Percorso L)
• imparare ad ascoltare e a risolvere pacificamente i conflitti (Percorso L)
• lo sviluppo di strategie più efficaci per lottare contro il razzismo e la xenofobia (Percorso L)
La partecipazione attiva degli alunni può essere incoraggiata attraverso i seguenti mezzi:
• permettendo loro di essere coinvolti maggiormente nella comunità in senso lato (a livello internazionale, nazionale, locale e scolastico) (Percorsi E, G)
• offrendo loro un’esperienza pratica di democrazia a scuola (Percorsi B, L)
• sviluppando la capacità individuale a impegnarsi gli uni verso gli altri (Percorso F)
• incoraggiando gli alunni a sviluppare iniziative congiunte con istituzioni (come associazioni, organizzazioni internazionali e organismi pubblici) e progetti che implichino altre comunità Percorsi C, E, G, M)

What does it try to achieve and how: 

Il progetto in generale intende di fatto sostenere la diffusione delle key competences, in particolare:
comunicazione nella madrelingua per essere in grado di dialogare in modo costruttivo e critico in un’interazione consapevole tra pari;
comunicazione in lingue straniere soprattutto nei percorsi che vedono l’interazione diretta sulla piattaforma, nel forum, blog ecc. con studenti di altri Paesi;
competenza digitale nell’utilizzo diretto e consapevole delle tecnologie della società dell’informazione, con una riflessione critica e riflessiva su un uso responsabile dei mezzi di comunicazione interattivi;
competenza di imparare a imparare in quanto pur proponendo percorsi guidati di fatto gli studenti nei diversi percorsi proposti sono messi nelle condizioni di organizzare il proprio apprendimento, di valutare il proprio lavoro e apporto e di applicare in altri contesti lungo tutto l’arco della vita le attitudini acquisite ad affrontare i problemi per risolverli (e non trovarli già risolti)
Proprio tenendo conto di quanto sopra evidenziato, si sono individuati i mezzi più opportuni per raggiungere gli obiettivi sopra citati: ricorso agli strumenti della media education, possibilità di interazione diretta sul sito, interviste, conferenze, ecc.

Which opportunities/problems does it address to: 

Il progetto ha permesso:
- la condivisione sistematica tra i tutor dei percorsi e il referente di progetto (con incontro finale supportato da schede di monitoraggio e di valutazione) ha aiutato a valutare il lavoro svolto in modo da poterne trarre utili suggerimenti per un miglioramento continuo, anche da intendersi come modello operativo in futuri contesti e altri progetti e percorsi di formazione.
- la significatività, lo spessore culturale e professionale dei relatori intervenuti, l’ampiezza degli argomenti proposti, l’interazione fra pari (studenti) e fra alunni e docenti
- miglioramento della consapevolezza nei giovani a conoscere, crescere, dialogando e confrontandosi in maniera costruttiva, ricorrendo ai moderni strumenti di comunicazione tecnologica.
- occasione per i giovani di esprimersi autonomamente, liberando la propria creatività, migliorando la percezione di se stessi e la propria autostima, grazie anche alle riflessioni nello specifico condivise con altre classi in percorsi diversificati, in base alle proprie attitudini, predisposizioni e competenze
- uso veramente consapevole delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione basandosi sulla sicurezza informatica

Please explain what is unique or special in your project: 

Del progetto si ritiene particolarmente importante disseminare:
 La condivisione di risorse e iniziative educative non solo tra gli Istituti coinvolti nella Rete ma anche la condivisione alla base dell’avvio di ogni percorso tra i soggetti coinvolti, quindi principalmente tra docenti e alunni
 La sperimentazione di modalità di collaborazione e di gestione condivisa fra Istituti riuniti in Rete
 La consapevolezza e il nuovo atteggiamento (vivibile anche all’interno per esempio del gruppo classe) di apertura e di accettazione conseguente dell’altro da sé (compagno di classe straniero, diversamente abile, ecc.) acquisiti dai beneficiari
 La cooperazione transnazionale in partenariato fra istituzioni diverse di diversi Paesi (sito interattivo, esperienze di partenariati e-Twinning)

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Risultati concreti:
 sviluppare nelle nuove generazioni il senso dell’identità europea e i valori della civiltà europea
 formare i giovani ad una più responsabile e piena partecipazione allo sviluppo sociale ed economico dell’ Unione europea
 responsabilizzare i giovani coinvolti con prese di posizione, sostenendo le proprie posizioni e idee con motivazioni e avvalorate da approfondimenti
 accrescere la conoscenza degli Stati membri dell’Unione Europea e di altri Stati e delle politiche comunitarie sotto l’aspetto storico, culturale, economico e sociale
 contribuire alla formazione di cittadino responsabile verso se stesso e verso gli altri, nell’ottica di acquisizione di competenze e conoscenze trasversali alle singole discipline, permettendo quindi allo studente reso più responsabile di diventare vero protagonista dello sviluppo delle proprie capacità di scoperta e di classificazione.
Il sito web realizzato nell’ambito di uno dei percorsi proposti garantisce la pubblicazione di diverse tipologie di prodotti creativi, realizzati dai ragazzi o con l’attiva collaborazione degli stessi, e dei docenti, tra questi in particolare: news letter, mailing list, laboratori on-line, software e percorsi, internet, giochi tematici, ricerca, forum, blog, prodotti video/audio
PRODOTTI concreti:
- presentazione in ppt del progetto per CdD (predisposta da referente progetto)
- schede di presentazione progetto, dei 12 percorsi di formazione e di adesione per i CdC (predisposte da referente progetto)
- scheda modello assunzione incarico per tutor percorsi formazione (predisposta da referente progetto)
- scheda per iniziative di formazione per docenti e scheda adesione (predisposta da referente progetto)
- scheda dettagliata integrata del percorso E Laboratorio “L’Europa per te” (predisposta da referente progetto con tutor percorso e esperto)
- scheda autovalutazione partecipanti agli interventi di formazione (prodotta da studenti)
- scheda monitoraggio in itinere (predisposta da referente progetto)
- regole partecipazione attiva al sito in 4 lingue (forum, blog, ecc. prodotte da studenti)
- sito www.dialogarepercrescere.org (prodotto da alunni V ERICA sez. B aggiornato in itinere)
- articoli di giornale pubblicati su diversi giornali locali e nazionali realizzati da alunni dell’IIS Ferrini e da giornalisti professionisti (n. 14) relativi ai diversi percorsi attivati e pubblicati sul sito www.dialogarepercrescere.org
- resa in Francese, Inglese e Tedesco dei contenuti del progetto inserite sul sito sezione francese, inglese e tedesca (predisposte da alunni)
- creazione di un blog http://youthbeacon.blogspot.org (creato dagli studenti)
- attivazione e gestione di un forum con diversi topic, destinati alla condivisione di opinioni tra ragazzi e adulti
- consultazioni on-line, aderendo a quelle europee (es. “Può la scuola stimolare la creatività?)
- manifesti, lettere di invito a partecipare, locandine, concorsi, questionari, interviste, volantini (realizzati dagli studenti)
- materiali forniti prima degli incontro per favorire la riflessione (prodotti dai referenti dei percorsi) visibili sul sito nelle sezioni di riferimento
- schede relative alle attività da svolgersi durante le ore di area di progetto del Percorso formativo E (predisposte dal referente del progetto)
- volantino relativo al concorso indetto per la partecipazione al forum (prodotto da studenti)
- volantino relativo al concorso indetto per la partecipazione al blog (prodotto da studenti)
- scheda di presentazione dettagliata delle attività relative al Laboratorio UExte presentate e attivate al Convegno provinciale 7.04.09 nel Percorso B (prodotta dal referente del percorso) e presentazione in italiano e in inglese dell’iniziativa consultazione on-line (prodotta da studenti)
- video-clip “Euro cup 2009”relativo ai diritti umani (prodotto da alunni) pubblicato sul sito
- video-clip relativo alle elezioni del Parlamento Europeo (prodotto da alunni) pubblicato sul sito
- video conferenze e registrazioni di seminari e conferenze (organizzate da team di docenti e studenti)
- documentazione fotografica di tutti i percorsi (realizzata da studenti); fotografie inserite nelle gallerie fotografiche dei diversi percorsi
- gioco formativo “L’Europa in un sogno” (realizzato da studenti) pubblicato con le regole sul sito nelle 4 lingue
- promozione di eventi on-line e off-line, finalizzati a mettere in contatto studenti di diversi Paesi Europei (realizzati dagli studenti con la collaborazione di esperti di settore)
- presentazione in ppt delle attività del Percorso E relativo al sito e alla documentazione (prodotta da studenti) presentata al Convegno provinciale “Primavera d’Europa” il 7.04.2009 e caricato sul sito
- grafici relativi alle rilevazioni ricavate dalle schede on-line compilate da studenti e docenti partecipanti agli incontri (prodotti dagli studenti)
- relazioni relative alla partecipazione delle classi alle attività dei percorsi.
- scheda di valutazione finale del progetto predisposta per i referenti dei 12 percorsi formativi (predisposta da referente progetto) visibili sul sito

How does it fulfill the users’ needs: 

Il progetto è nato dall’esigenza concreta di valorizzare risorse e esperienze locali, in sinergia con altri Istituti e altri soggetti della realtà locale e internazionale, sensibilizzando verso la dimensione europea dell’educazione.
I percorsi di formazione, in cui è articolato il macroprogetto attivato, individuano nel dettaglio i bisogni degli studenti a cui si è inteso rispondere, strettamente connessi con il territorio e l’ambito economico locale:
• bisogno di formarsi attivamente in un contesto europeo con la consapevolezza dell’appartenenza alla realtà locale, nazionale e europea
• bisogno di crescita personale attraverso il confronto e la condivisione di esperienze professionali e culturali e percorsi di formazione tra coetanei
• bisogno di crescere come cittadino attivo e consapevole
• bisogno di partecipare alla vita sociale e democratica nel rispetto della diversità e nel riconoscimento di altre culture
• bisogno di migliorare le proprie conoscenze linguistiche, soprattutto dal punto di vista applicativo

•Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo?
Il progetto ha visto coinvolti nel corso dell’a.s. 2008-2009 attivamente circa 1350 studenti e circa 50 docenti, nonché professori, testimonial dei vari percorsi di formazione.

How many users interact with your project per month and what are the preferred forms of interaction: 

I diversi percorsi di formazione attivati sono strettamente collegati con il Piano dell’Offerta Formativa dei singoli Istituti che hanno aderito alla Rete, condividendone le finalità e strategie di interventi. In particolare la finalità precipua è la “formazione di giovani cittadini consapevoli, responsabili, dotati di spirito critico in grado di confrontarsi con l’attuale complessità di ogni giorno, di inserirsi proficuamente in ambito produttivo, di riqualificarsi attraverso l’auto aggiornamento delle competenze acquisite”
L’apprendimento basato su progetto è un metodo di insegnamento sistematico che impegna gli studenti ad imparare e a sviluppare competenze attraverso un processo di ricerca estesa, strutturato intorno a domande complesse e reali e intorno a prodotti e compiti attentamente progettati. Di fatto contribuisce in modo decisamente rilevante al miglioramento del percorso educativo formativo dei giovani.

How has it improved the quality of educational and/or training services: 

Considerando alcune riflessioni esternate da docenti e alunni, (quali perché affaticarsi nel seguire corsi di formazione presso i quali bisogna recarsi, durante i quali a volte ci si annoia perché alcune parti si conoscono già? Perché le metodologie di conduzione non sono delle più idonee? Perché il percorso è uguale per tutti e non tiene conto dei pregressi di ciascuno?) per ovviare a queste situazioni di fatto, si è cercato di proporre un’impostazione di base innovativa che non solo ricorre all’uso consapevole e funzionale degli strumenti multimediali, ma vede coinvolti gli studenti attivamente con dinamiche e strategie differenziate.
Si sottolineano inoltre i seguenti elementi di contesto significativi nella realizzazione del macroprogetto, articolato nei diversi percorsi di formazione:
 analisi di interessi e bisogni dei giovani coinvolti delle diverse classi
 considerando che generalmente i nostri studenti manifestano scarsi interessi culturali e legati alla vita pubblica e politica, è parso urgente porsi la questione dell’educazione alla cittadinanza democratica - un investimento a lungo termine per la promozione dei diritti umani, della tolleranza e del pluralismo culturale. Intendendo in questo senso la scuola proprio come promotrice di educazione interculturale: verso l’inclusione sociale
 anche nella Provincia del VCO la scuola va assumendo un ruolo importante nel processo nel processo di integrazione socio-culturale degli immigrati. Sebbene il fenomeno dell’immigrazione non abbia raggiunto ancora le cifre presenti in altre realtà italiane, anche negli Istituti superiori di I e II grado si è assistito ad un rapido incremento di alunni stranieri. Per cui risultano di particolare interesse quei percorsi che approfondiscono tali aspetti
Considerando questi punti si è creata una sinergia positiva che ha coinvolto attivamente tutti i soggetti attori del progetto: professionisti che hanno collaborato non solo intervenendo alle conferenze ma anche interagendo sul sito, mettendo a disposizione materiali di approfondimento; docenti, che hanno partecipato attivamente oltre le ore canoniche di servizio, mettendo a disposizione degli studenti competenze e conoscenze, e approfondendo la propria formazione nel corso sulla media education; alunni che hanno interagito attivamente e creativamente.

How has it improved the participation of professionals, children, youth and other stakeholders: 

Innanzitutto si ritiene innovativo e apprezzato dagli studenti l’utilizzo degli strumenti multimediali (blog, chat, forum, anche interviste ad alte personalità italiane e straniere), il linguaggio vicino al loro mondo, una dinamica di gioco premiante e del tutto trasparente.
I docenti possono considerare positivo nel complesso gli elevati contenuti formativi del progetto stesso associato ad una innovativa didattica, al coinvolgimento in eventi pubblici e alla possibilità di un costante contatto (tramite sito web e forum dedicato) con esperti sia sulla parte organizzativa che su quella contenutistica.
Il progetto nella sua molteplicità concorre a sostenere la crescita di coordinamenti territoriali, che valorizzino l’esperienza delle scuole e a sostenere l’impegno di tutti i soggetti coinvolti per la definizione e realizzazione di un’ offerta formativa a dimensione europea.
Così strutturato il percorso formativo favorisce il protagonismo dei giovani nel percorso di costruzione della loro identità di cittadini europei e del mondo.
Tutta la documentazione (interviste, questionari, domande, manifesti, diari di bordo, etc.) è stata pubblicata in Rete nel sito dedicato al progetto
Le attività programmate e gli strumenti utilizzati hanno inoltre permesso di:
* Seguire percorsi personalizzati
* Usufruire di materiali di approfondimento
* Adoperare materiali multimediali
* Avvalersi dell'assistenza di tutor online
* Interagire direttamente con esperti
* Autovalutare i propri risultati
* Collaborare con chi manifesta stessi interessi
* Scegliere tra più opzioni

Describe how you measure (parameters) these results: 

Per il monitoraggio in itinere dell’intero progetto è stata attuata una precisa rete di contatti con i vari soggetti coinvolti partner in modo da poter seguire le diverse iniziative attivate e intervenire in itinere sulle eventuali problematiche tenendo conto che gli Istituti partner aderendo al progetto si sono impegnati ad attivarsi in queste azioni di monitoraggio e controllo, individuando un team di responsabili tutor che hanno mantenuto i contatti per tutta la durata del progetto tra di loro e i soggetti coinvolti per garantire una costante informazione e una concreta possibilità di intervento in caso di situazioni critiche.
I beneficiari/alunni dei diversi percorsi formativi attivati hanno redatto diari di bordo, annotando esperienze maturate, impressioni, eventuali difficoltà, strategie adottate per risolverle ecc.
La valutazione dell’intero progetto e nel dettaglio dei singoli percorsi è stata attuata attraverso una procedura che ne garantisca la qualità, che prevede:
• il monitoraggio e la misurazione della soddisfazione dei soggetti coinvolti
• il monitoraggio e la misurazione dello stato di avanzamento del progetto
• il coordinamento e la gestione della comunicazione con i soggetti coinvolti nel progetto
• la valutazione dei risultati del monitoraggio e della misurazione
Nello specifico il processo di valutazione ha previsto:
• la valutazione in itinere, sulla base dei monitoraggi e dei feedback provenienti da tutti i soggetti via via coinvolti. I risultati della valutazione in itinere sono stati utilizzati soprattutto per capire l’andamento dell’esperienza e porre in atto, ove possibile, eventuali correttivi.
• La valutazione finale al termine delle attività progettuali proposte sulla base di relazioni finali, questionari di soddisfazione, interazione sul forum ecc.
La valutazione ha riguardato come evidenziato tutti i soggetti coinvolti nel progetto:

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

Brevemente si ritiene importante sottolineare ancora, oltre a quanto già illustrato, che il macroprogetto così impostato delinea di fatto un modello organizzativo di relazioni sul territorio, che vede protagonisti e attori principali dell’intero processo di formazione tutti i soggetti via via coinvolti. (cofinanziato dalla Fondazione per Scuola della Banca San Paolo, dalla Provincia del Verbano Cusio Ossola, da diversi Comuni, da Associazioni culturali e di volontariato). Spesso si riscontra una distanza abissale tra il “mondo” dei giovani a scuola e quello intorno oltre la scuola quasi ci dovesse essere uno sdoppiamento della persona come alunno e come cittadino. Da queste riflessioni, è nata l’esigenza di approfondire il fenomeno e percorrere strategie possibili, tendenti all’avvicinamento dei due mondi, attraverso attività che possono arricchire e integrare i reciproci saperi e ridurre le “distanze”, in modo da facilitare il “normale” essere del giovane a scuola e fuori dal mondo scolastico.
Emerge inoltre nella comunità scolastica e culturale il bisogno di una aggiornamento professionale permanente nell’ottica di un long life learning, realizzabile soprattutto attraverso l’apprendimento in rete e in stretto contatto con la realtà locale con la possibilità effettiva e fattibile di confrontarsi con colleghi.
Il progetto contribuisce quindi di fatto ad accrescere la capacità di fare rete, sia a livello istituzionale che a livello europeo e questo aspetto risulta di particolare rilevanza: da una parte per la capacità di sviluppare buone prassi di cooperazione intra e interistituzionale e dall’altra per la creazione di reti di partenariato transazionale che possono essere valorizzate anche in altri ambiti progettuali.
L’utilizzo di una piattaforma e-learning a integrazione della didattica tradizionale, ha offerto inoltre significativi vantaggi: documentazione: materiali, attività e lavori individuali e di gruppo di studenti e docenti sono memorizzati sulla piattaforma e questo consente di analizzare criticamente a posteriori tutte le fasi delle diverse attività didattiche sviluppate e l’operato di ciascuno. personalizzazione: l’insegnante ha la possibilità non solo di tenere sotto controllo le attività del singolo alunno, ma anche di fornire feedback individualizzati molto più frequenti e costanti che nella normale didattica d’aula, consentendo effettivamente agli studenti la possibilità di imparare dai propri errori come da quelli dei compagni, dal momento che ciascuno può condividere i lavori di tutti; collaborazione: l’utilizzo della piattaforma facilita fortemente attività impostate sul modello del cooperative learning (ricerche in internet, stesura a più mani di relazioni, svolgimento in gruppo di compiti complessi), perché gli studenti, da scuola come da casa, possono lavorare insieme alla realizzazione di un prodotto comune.

Barriers: 

E’ stato rilevato che le attività della maggior parte dei percorsi si sono concentrate quasi sempre da marzo 2009 all’ultimo periodo dell’a.s. e ciò ha creato qualche difficoltà a causa di una tempistica un po’ ristretta.
La difficoltà maggiore, dovuta soprattutto alla locazione isolata della loro provincia, è stata l’individuazione di mezzi adatti ad attirare l’attenzione di un grande numero di persone e, grazie alle grande creatività di cui gli alunni attori in prima linea sono dotati, supportata validamente dai propri insegnanti, vennero coinvolti numerosi professori - anche universitari –, studenti stranieri e di altri istituti, in video conferenza anche da Gela, intervenuti a seminari e conferenze, che accettarono l’invito a visitare e a interagire anche sul sito.
“Abbiamo gettato le basi per permettere alle classi future di continuare sulle nostre orme, ampliando i propri orizzonti e imparando ad amare la diversità, così da farne un punto di forza, utilizzando come base il sito creato e …….. proseguendo di sicuro all’insegna della creatività e spirito di iniziativa di ogni giovane”.

Solutions: 

Due incontri (relativamente del Percorso A e del percorso L) sono stati spostati a causa di impedimenti sopraggiunti dei relatori all’inizio del prossimo a.s.: avranno luogo entro comunque la metà di ottobre 2009. Gli impegni di spesa relativi a questi incontri sono già stati considerati nella rendicontazione finale.
Nel Percorso G si è preferito posticipare la realizzazione operativa del magazzino del mondo nella seconda settimana di avvio del prossimo a.s. in quanto alla fine del presente anno gli studenti erano molto presi con verifiche e interrogazioni, inoltre tutte le classi III e IV dell’IIS “Ferrini” erano coinvolte nel progetto Alternanza Scuola Lavoro e quindi di fatto non più presenti a scuola dal 25.05.2009. Si ritiene inoltre che questa ripresa sia particolarmente funzionale al progetto stesso nel prossimo nuovo anno scolastico a livello informativo, di disseminazione in quanto prodotto e realizzato l’anno precedente e di stimolo a continuare laddove se ne intraveda l’interesse anche in classi nuove.

Future plans and wish list: 

I risultati della valutazione dell’intero macroprogetto sono stati raccolti, analizzati e resi pubblici sul sito interattivo al fine di:
o avviare nuovi progetti e/o iniziative complementari nell’ambito del quadro di attività portate avanti dalle amministrazioni provinciali coinvolte
o sperimentare e mettere a sistema buone pratiche valutate nell’ambito dello svolgimento delle iniziative didattiche attivate, da estendere ad altre aree territoriali limitrofe seguendo la logica dell’area vasta che si sta imponendo come scelta politico-amministrativa ottimale per la gestione di numerosi servizi di rilievo pubblico
o rafforzare e mirare maggiormente le azioni integrate a sostegno dello sviluppo locale e delle politiche di formazione e del lavoro
o alimentare il dibattito tra i soggetti istituzionali e parti sociali sui temi maggiormente trattati
Follow-up a distanza di un anno: verifica degli effetti delle attività previste dal progetto relativamente a: crescita personale, atteggiamenti e comportamenti assunti, percorso formativo e professionale.

Per realizzare quanto sopra indubbiamente occorrono cofinanziamenti da parte di enti, associazioni in quanto attualmente la scuola da sola non è in grado di supportare finanziariamente le diverse iniziative (interventi di esperti, relatori, formazione specifica per docenti, ecc.)

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Un computer per ogni studente

“L’obiettivo di usare un personal computer quotidianamente a casa e a scuola, al pari di un quaderno e non come strumento accessorio, è certamente ambizioso e non è mai

1. Project summary
Summary: 

Il progetto che prevede di usare un personal computer quotidianamente a casa e a scuola, al pari di un quaderno e non come strumento accessorio,  si sposa con la certezza che vada superato il modello dell’ora di informatica.

Il computer non è della scuola ma del bambino, può essere usato tutte le mattine a scuola e, quando si vuole, al pomeriggio; il computer affianca il quaderno e la classe ridiventa un laboratorio.

Alle famiglie degli studenti, giustamente interessate, è stata  garantita la piena congruenza del progetto con gli obiettivi e le finalità  delle classi coinvolte.  Il ruolo delle famiglie è, come sempre, molto importante: a loro è richiesto di seguire i figli nello svolgimento dei compiti a casa, siano essi assegnati su quaderni, libri o computer.

A scuola i computer non sono stati usati in modo continuativo per più di un'ora, e per non più di due ore nell'arco della giornata.

 

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Rivoli, Novi Ligure e Pavone Canavese
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
1° Circolo Didattico Rivoli e Istituto Majorana di Grugliasco (TO)
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Paola Limone
E-Mail: 
paola.limone@gmail.com
6. Website
The website of the project: 
http://share.dschola.it/olpc/jumpc.aspx
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 10 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
06/10/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Il principale obiettivo che la sperimentazione si propone è quello di verificare le potenzialità dell'inserimento dell'uso del "computr nello zainetto" nei percorsi didattici quotidiani e di sperimentare l'uso di strumenti  "inusuali" nelle scuole. 

L'aspetto innovativo del progetto risiede nella possibilità di “rendere le tecnologie digitali di comunicazione un elemento davvero importante per la facilitazione degli apprendiment"i. Ogni allievo, avendo il suo pc portatile, è stato guidato ed invitato ad usarlo nelle attività didattiche e nei diversi campi di conoscenza.

Il lavoro di preparazione del "kit didattico" (scelta dei siti autorizzati per la navigazione, scelta dei software didatticamente utili da installare) è un altra importantissima novità. Non è la macchina a fare scuola, è sempre il docente che prepara percorsi didattici in base alle esigenze curricolari della propria classe. L'insegnante ha però bisogno di poter progettare attività e percorsi su computer che siano già ampliamente arricchiti di risorse e che garantiscano sicurezza e poca manutenzione .

Come già detto, a differenza di qualsiasi computer usato normalmente, i computer del bambino devono richiedere pochissima manutenzione (sono sempre con lui), non devono prendere virus e devono proteggere la navigazione sia a casa che a scuola.

Con un'adeguata progettazione e con una collaborazione tra scuole tecniche superiori e scuole primarie ci siamo riusciti con ottimi risultati. Gli studenti dell'ITIS Majorana di Grugliasco - dove il professor Zucchini insegna informatica - hanno preparato i JumPC, testandoli e attrezzandoli con una ricca gamma di software pronti all'uso fin dai primi giorni di scuola e con il collegamento wireless a Internet. Il loro aiuto è stato fondamentale e ha sollevato gli insegnanti della scuola primaria da problemi eccessivi legati al collaudo e alle installazioni.

I computer  utilizzano un’interfaccia software utile a semplificare la gestione delle operazioni con icone grandi e accattivanti, e a tutelare i minori. Magic Desktop, questo è il nome dell’interfaccia, è avviato in automatico all’accensione del computer e permette al bambino di utilizzare soltanto i moduli previsti al suo interno (videoscrittura, giochi, disegni) e i programmi autorizzati dai genitori, previo inserimento di password.

Allo stesso modo è possibile controllare l’uso di Internet, mediante la  preselezione di  siti considerati navigabili. Quest’ultimo accorgimento è a mio parere uno dei più validi del “parental control” e viene chiamato “white list”: noi abbiamo autorizzato 900 siti sicuri e adatti ai bambini della scuola primaria, 80 “preferiti” facilmente raggiungibili.
Al motore di ricerca in dotazione è stato sostituito il motore “Ricerche Maestre” .

Sono stati selezionati e quindi utilizzati dai bambini numerosi programmi ritenuti utili nella didattica e il cui uso non pretende il pagamento di diritti  d’autore (si tratta di software libero): ambienti per l’elaborazione delle immagini, per la realizzazione di mappe mentali e concettuali, per lo studio della geometria e della geografia, per la scrittura e per il disegno.
 

What does it try to achieve and how: 

Tutta l'attività  é stata attentamente pianificata. 

Il progetto ha previsto l'individuazione di:

1. materie scolastiche/campi di apprendimento

2. obiettivi

3. aspetti metodologici

4. risorse digitali e motivazioni del loro impiego

5. risultati attesi

6. fasi di lavoro

7. schede di valutazione da parte degli insegnanti

8. schede di autovalutazione per gli alunni

Materia scolastica,

Obiettivi

Aspetti metodologici

Risorse digitali

Motivazioni dell'impiego delle risorse digitali

Risultati attesi

 

Area linguistico – espressiva

 

1.  1. Scrittura e lettura

Saper scrivere, modificare semplici testi

 

Saper inserire immagini

 

Saper inserire video, audio

 

Saper progettare in gruppo

Sintesi testuali

 

Creazione di storie, racconti e fiabe

 

Testi liberi

Programmi di word processing

Flessibilità offerta dalle risorse digitali:

Discutere

Progettare

Modificare

Scrivere

Correggere

Arricchire

Verificare

Cancellare

Integrare

Condividere

Adeguare

Valutare

Riorientare

 

Miglioramento nella strutturazione dei testi

Miglioramenti nella capacità di riassumere un testo.

Miglioramento nella capacità di autocorrezione.

Miglioramento della capacità di lettura.

Crescita nei rapporti di collaborazione.

 

 

 

 

2.    2. Scrittura e lettura LINGUA STRANIERA

Saper scrivere semplici testi

Saper fare semplici traduzioni

Saper inserire immagini e audio nel testo

 

Dettati

 

Dialoghi

 

Testi liberi

Programmi di word processing

 

Traduttori online

 

 

 

 

 

 

Flessibilità offerta dalle risorse digitali

Miglioramento nella strutturazione di semplici proposizioni in lingua inglese.

 

Miglioramento nella capacità di autocorrezione.

 

Più sicurezza nella lettura e nella traduzione

 

area matematico-scientifico-tecnologica

area storico-geografica

area linguistico-artistico-espressiva

 

3. Attività grafiche e creative

Saper disegnare al computer

Saper ricercare, importare, modificare, salvare le immagini(disegni, fotografie)

Saper creare fotogallery

Disegno libero o a tema

Modifica di una fotografia o di un disegno(con consegna)

Inserimento di elementi grafici in testi o fotografie.

Programmi per disegno

Programma per ritocco fotografico

 

Possibilità di di sviluppare la propria creatività utilizzando gli effetti grafici resi disponibili dai software di grafica

 

Sviluppo delle capacità grafico pittoriche

 

Maggior precisione nel disegno geometrico.

 

Capacità di progettare in maniera collaborativa

4. Ricerca, selezione, organizzazione e elaborazione di informazioni

 

Saper usare Internet per fare ricerche e per conoscere ambienti diversi

 

Saper selezionare tra le tante informazioni quelle utili al proprio lavoro.

 

Costruire un percorso di ricerca

 

Caccia al tesoro” digitale

 

Simulazione di viaggi

Visite ad ambienti virtuali

Motori di ricerca

 

Siti di interesse didattico

 

Link preorganizzati dai docenti

 

Ricchezza di informazioni a disposizione

 

Miglioramento nella capacità di ricerca di informazioni e di risposte a domande date.

Miglioramento della capacità di riassumere e rielaborare le informazioni acquisite

 

Miglioramento nell’esposizione del proprio lavoro di ricerca (scritto o orale)

5. Gioco

 

Saper trovare e usare giochi su internet e sul computer

Saper essere collaborativo nei momenti di gioco

 

Giochi su singole discipline per:

introdurre un nuovo argomento

Ripassare

Consolidare

Approfondire

Giochi caricati sul computer e su internet (portali per bambini)

 

Validità di molti giochi didattici utilizzabili nelle varie discipline

 

Capacità di coinvolgimento e stimolo al miglioramento dei giochi a punteggio.

 

Acquisizione più rapida e sicura di concetti legati alle diverse discipline.

 

 

 

 

 

6. Schematizzazioni e mappature

 

Saper progettare, collaborativamente e con l’aiuto dell’insegnante diagrammi, mappe mentali e concettuali

 

Produrre mappe in gruppo, con l’aiuto dell’insegnante e individualmente

 

Programmi per rappresentazioni grafiche della realtà

 

Possibilità di lavorare ad una mappa in diverse fasi, modificandola ed arricchendola nel corso dell’anno scolastico

 

Arricchimento delle capacità personali di rappresentazione grafica della realtà.

 

7.Modellizzazioni

Saper investigare

Ideare un'operazione o una sequenza di operazioni (modello) che riproduca il comportamento della macchina (sistema sperimentale).

 

"elaboratori" che acquisiscono dei dati (input) e li trasformano in un risultato (output)

 

 

Migliorare l'abilità di calcolo a mente e la comprensione delle operazioni aritmetiche

applicare il concetto di modello

 

Traguardi di Competenze (tratti dalle Nuove indicazioni)

 

1. Essere in grado di usare le tecnologie e i linguaggi multimediali per sviluppare il proprio lavoro in più discipline, per presentarne i risultati e anche

per potenziare le proprie capacità comunicative.

2.Utilizzare strumenti informatici e di comunicazione in situazioni significative di gioco e di relazione con gli altri.

3.Seguire istruzioni d’uso e saperle fornire ai compagni.

4.Usare oggetti, strumenti e materiali coerentemente con le funzioni e i principi di sicurezza che gli vengono dati.

 

Fasi di lavoro
 

OTTOBRE-NOVEMBRE

Fase di familiarizzazione con il jumpc ( a casa ed a scuola)

Attività di gioco (vedi punto 5)

Attività grafiche e creative (vedi punto 3)

Parallelamente i bambini avranno il compito di esercitarsi nella scrittura alla tastiera, per permetter loro di affrontare con maggior sicurezza le attività di scrittura.

DICEMBRE –GENNAIO

Inizio attività di scrittura e lettura in lingua italiana e straniera (punti 1 e 2)

Inizio attività di ricerca, selezione, organizzazione ed elaborazione di informazioni (punto 4)

Inizio produzione di schematizzazioni e mappature (punto 6)

FEBBRAIO

Stesura primi risultati della sperimentazione (preferibilmente in concomitanza con la preparazione delle schede di valutazione)

Consegna agli alunni di una scheda di autovalutazione e di valutazione del jumpc

Febbraio:
 

  1. Fase di familiarizzazione con il jumpc ( a casa ed a scuola) (solo classe di NOVI LIGURE

  2. Attività di gioco ( punto 5)

  3. Attività grafiche e creative (punto 3)

  4. Attività di esercitazione nella scrittura alla tastiera ( leggermente difforme da quella che utilizzano normalmente)

Marzo – Aprile – 15 Maggio

 

  1. Attività di scrittura e lettura in lingua italiana e straniera (punti 1 e 2);

  2. Attività di ricerca, selezione, organizzazione ed elaborazione di informazioni (punto 4)

  3. Produzione di schematizzazioni e mappature (punto 6)

  4. Attività di investigazione come modello del metodo scientifico

 

15 Maggio – Giugno
 

  1. Attività di verifica
     

  1. Consegna di un questionario di autovalutazione e di valutazione del jumpc
     

  1. Stesura dei risultati della sperimentazione
     

 

 

Which opportunities/problems does it address to: 

Alcune riflessioni:
 

perchè progetti simili abbiano successo sul piano didattico/formativo è indispensabile un accordo e la partecipazione  di tutte le componenti del team (insegnanti contitolari, prevalenti, di sostegno, di lingua straniera, prevalenti, stellari, planetari....). Tale partecipazione potrà ovviamente avere livelli di competenza e  tempi diversi, ma vedrà comunque unito il corpo docente intorno al curricolo da sviluppare anche con l'apporto delle tic in classe.
 

non ha senso che un collega di una singola disciplina (o di poche) sia lasciato solo a gestire tutta l'attività: è il fallimento della nostra idea, l'esatto contrario di quanto ci si sta prefiggetndo come obiettivo.
 

     

Please explain what is unique or special in your project: 

Alcune riflessioni:
 

perchè progetti simili abbiano successo sul piano didattico/formativo è indispensabile un accordo e la partecipazione  di tutte le componenti del team (insegnanti contitolari, prevalenti, di sostegno, di lingua straniera, prevalenti, stellari, planetari....). Tale partecipazione potrà ovviamente avere livelli di competenza e  tempi diversi, ma vedrà comunque unito il corpo docente intorno al curricolo da sviluppare anche con l'apporto delle tic in classe.
 

non ha senso che un collega di una singola disciplina (o di poche) sia lasciato solo a gestire tutta l'attività: è il fallimento della nostra idea, l'esatto contrario di quanto ci si sta prefiggetndo come obiettivo.
 

     

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Il valore della condivisione

Il progetto “Un computer per ogni studente” ha previsto, fin dai primi passi, che il materiale prodotto dal gruppo di lavoro fosse messo a disposizione di tutti in rete: schede tecniche e didattiche, suggerimenti per la configurazione dei computer, elenchi dei programmi installati e suggerimenti di attività e percorsi attuabili, riflessioni sull’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione nella didattica, programmazioni di classe, relazioni sul lavoro in corso di svolgimento.
A supporto della comunicazione ci è stato offerto anche un blog nelle pagine del quotidiano La Stampa: è in questo spazio che noi docenti abbiamo raccontato i passaggi più significativi del nostro lavoro in classe, linkando materiali prodotti dai bambini e documenti che possono essere utili o interessanti per chiunque stia seguendo il progetto.

 

How does it fulfill the users’ needs: 

Le attività realizzate in maniera gradevole, stimolante, collaborativa, propositiva si traducono in apprendimento.

Non solo: si dà modo a tutti di esprimersi, realizzare e costruire conoscenze con attività insolite, diversificate e personalizzate.

Ma permette anche agli insegnanti di predisporre attività mirate per tutti gli alunni. 

How many users interact with your project per month and what are the preferred forms of interaction: 

coinvolto 4 classi di tre scuole primarie più una scuola superiore

9 docenti di scuola primaria e 3 docenti della scuola superiore di secondo grado, 33 ragazzidelle superiori.

How has it improved the quality of educational and/or training services: 

Gli elementi che rendono il progetto una “buona pratica” per migliorare l'educazione e la formazione dei giovani a nostro parere possono essere: 

- dal punto di vista metodologico:  il lavoro collaborativo ( tutti partecipano alla costruzione e condivisione delle conoscenze con un apporto personale e ciò vale anche gli alunni che presentano  difficoltà )

- dal punto di vista delle abilità, il divenire capaci di selezionare le informazioni raccolte

- dal punto di vista dei contenuti, l’acquisizione di conoscenze anche con l'utilizzo di strumenti multimediali

- l'acquisizione di una maggiore autostima  nel rendersi partecipi e protagonisti del proprio apprendimento
 
 

How has it improved the participation of professionals, children, youth and other stakeholders: 

Il progetto ha permesso di migliorare:

  1. la capacità degli insegnanti di collaborare e  di confrontarsi con altre metodologie didattiche.
  2. la competenza nell’uso delle TIC.
How does it promote the use of ICT for the educational and cultural development by professionals, children and youth: 

Gli elementi che rendono il progetto una “buona pratica” per migliorare l'educazione e la formazione dei giovani a nostro parere possono essere: 

- dal punto di vista metodologico:  il lavoro collaborativo ( tutti partecipano alla costruzione e condivisione delle conoscenze con un apporto personale e ciò vale anche gli alunni che presentano  difficoltà )

- dal punto di vista delle abilità, il divenire capaci di selezionare le informazioni raccolte

- dal punto di vista dei contenuti, l’acquisizione di conoscenze anche con l'utilizzo di strumenti multimediali

- l'acquisizione di una maggiore autostima  nel rendersi partecipi e protagonisti del proprio apprendimento
 
 

Describe how you measure (parameters) these results: 

Tutte le attività realizzate sono pubblicate sul sito http://share.dschola.it/olpc/jumpc.aspx 

Il nostro interesse , in quanto docenti, è soprattutto quello di vedere i nostri studenti pieni di curiosità e di voglia di imparare, impegnati e cooperativi, pronti ad affrontare nuove difficoltà nel passaggio ad una classe o ad un livello di scuola successivo.
Il computer e la rete in classe ci hanno aiutato molto, molto abbiamo dovuto fare con le nostre programmazioni e la nostra esperienza.

E’ sempre e comunque l’insegnante a dover progettare percorsi significativi, e a dover cercare le migliori strategie per raggiungere gli obiettivi previsti. Il computer è uno dei tanti strumenti a sua disposizione.
Siamo convinte che se il modello di lezione resta di tipo frontale difficilmente l’utilizzo di tecnologie potrà incidere in modo significativo sull’apprendimento.
 

Le strategie per prova e verifica in un’ottica costruzionista, la valutazione/autovalutazione in progress e collaborativa, la consapevolezza della perfezionabilità, possono invece rendere docenti e allievi protagonisti nel percorso di apprendimento e autoapprendimento. 

Riportiamo la valutazione qualitativa finale del progetto:

Motivazioni emerse:

La  possibilità offerta di avere “il mondo sulla porta di casa” ha stimolato la volontà di fare ricerca e di reperire informazioni nel web, oltre che sui libri scolastici.

La possibilità di salvare in rete i propri lavori, rendendoli così pubblici e condividendoli ha maggiormente motivato gli alunni, che hanno posto maggior cura nell’esposizione e nell’autocorrezione.

Cosa e' cambiato, cosa ha funzionato, cosa non ha funzionato, qualche sorpresa?

Maggiore facilità nel fare ricerche, utilizzando libri e internet in classe.

Sono migliorati i rapporti di cooperazione in attività quali la scrittura e la ricerca, la produzione di semplici video.

 

·        Grazie al computer i bambini hanno anche imparato ad utilizzare le fotografie, i files musicali (registrazioni vocali e musica), i disegni, i video le parole per esprimere sentimenti e per raccontare.

·        Le mappe mentali e concettuali che abbiamo fatto per anni sui quaderni e alla lavagna ora sono costruite dai bambini sui loro computer, sono salvate in rete e quindi  riutilizzabili da qualsiasi luogo ed in qualsiasi momento

·        La possibilità di avere un controllo ortografico automatico (la sottolineatura) ha aiutato i bambini a riflettere sulla lingua e sui possibili errori commessi. Grande vantaggio in particolare per i bambini stranieri.

·        I ragazzini che hanno avuto l'opportunità di partecipare a questo progetto hanno acquisito un modo diverso di pensare al computer: non solo gioco, ma lavoro, apprendimento, condivisione, collaborazione.

·        Molte delle loro famiglie hanno conosciuto un modo diverso di lavorare fianco a fianco con i propri figli, in molte occasioni imparando da loro.

·        Abbiamo avuto naturalmente anche dei problemi, di perdita di documenti e di blocco dei computer in momenti inopportuni, o di password di protezione da sostituire.

·        D'altra parte l'esperienza è stata utile per ribadire (nel caso ce ne fosse ancora bisogno) l'importanza di una protezione per i minori che, per quanto consapevoli e responsabilizzati, sono pur sempre bambini/ragazzini con tutte le curiosità perfettamente naturali alla loro età, curiosità che possono soddisfare in pochi minuti (non parliamo qui della qualità delle risposte ma della quantità) grazie alla rete.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Other
Other: 
Gruppo Consiliare Regionale "Insieme per Bresso" , Intel e Olidata (computer in comodato d' uso perl'anno scolastico 2008-2009)
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
Yes
Specify: 

Il progetto si è svolto nelle scuole del 1° Circolo di Rivoli (TO), nel 1° Circolo di Novi Ligure (AL) e nel Circolo di Pavone Canavese (TO).

Molte scuole italiane ci hanno contattati, ed hanno tratto spunto dal nostro progetto e dai materali da noi messi a disposizione per preparare progetti analoghi

Intel, Olidata e Mondo Digitale hanno organizzato in alcune scuole di Roma e Palermo laboratori informatici con i jumpc.

A Roma si è trattato di un laboratorio prettamente dedicato alla lingua inglese, a Palermo all' ambito matematico.

In questi casi i computer rimanevano a scuola.

I docenti avevano la possibilitò di utilizzare un software di controllo di tutti i computer degli studenti (che nel nostro progetto abbiamo scelto di non usare.)

What lessons can others learn from your project: 

Sviluppare le capacità informatiche nella consapevolezza che  anche le nuove tecnologie sono un mezzo per realizzare gli obiettivididattici.

Sviluppare la creatività

Creare motivazione apprendere

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Barriers: 

Occorre che il team sia disponibile non solo a collaborare, ma ad acquisire competenze informatiche.

Future plans and wish list: 

Speriamo per il futuro, che chi si occupa ad alti livelli di istruzione si renda conto di quanto di buono, nascendo dalla scuola per le scuole, possa essere valorizzato e replicato in altre realtà.
La collaborazione tra scuola primaria e scuola secondaria si è rivelata vincente, un valore aggiunto senza il quale nulla avrebbe funzionato così bene.

 

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Nuove tecnologie antichi valori: radio K2

Una web radio per conoscersi, comunicare, crescere.

1. Project summary
Summary: 

Il progetto in sintesi - Il lavoro è frutto di un percorso triennale svolto con alunni ricoverati presso la sezione ospedaliera della SMS Ranzoni presso l’Istituto Auxologico Italiano di Piancavallo (VB). L'attività ha coinvolto ragazzi tra gli undici e i quindici anni che inizialmente hanno utilizzato il podcast come fruitori e, in una seconda fase, sono diventati gli autori e i protagonisti di serie radiofoniche a tema. Nel 2008 è nata “Radio k2”: una comunità collaborativa per abbattere le distanze fisiche e psicologiche che troppo spesso definiscono “chi è dentro” e “chi è fuori” e creano inquietudine e frustrazione negli adolescenti specie se in una situazione di debolezza, dovuta alla malattia o al disagio psicologico/sociale. La otto puntate della serie “la montagna raccontata agli altri” vogliono avere un taglio brillante, attraverso il metodo dell’intervista e della raccolta inedita di aneddoti, racconti, esperienze, riflessioni, per narrare una realtà che può essere di esempio e di stimolo ad un approccio meno superficiale all’ambiente e alle persone che lo abitano. 

Riferimenti internet.
Il sito di Radio K2 www.radiok2.wordpress.com

Dove scaricare documentazione e prodotti: http://www.scuolapiancavallo.it/sito/GJC/radiok2.htm

Perché proprio la montagna? La scuola media di Piancavallo, sede dell’emittente, è una scuola d’ospedale, sita in un luogo isolato, a 1300 metri di altezza.

Chi ha sviluppato l’idea - Due docenti tutor, le prof.sse Palmina Trovato (area letteraria/tecnologica) e Rita Torelli (area scientifica/ambientale) hanno ideato e pianificato il progetto e coordinano le attività con i ragazzi, osservando i processi per promuovere la messa in comune di abilità individuali a servizio del gruppo e della crescita di un sapere comune intorno ad obiettivi condivisi.
Collaborano al progetto:
1. due “scuole test”, scuola primaria “Lorenzo Milani” di Domodossola (ins. Simonetta Siega) e IC Ornavasso (ins. Claudia Beltrami) che sono invitate ad ascoltare il prodotto e a compilare una scheda mettendo in evidenza punti di forza, di debolezza, criticità relative agli argomenti di ogni puntata e a proporre opportuni correttivi per le puntate successive;
2. un amico, Antonino Trovato, che produce o interpreta brani su indicazione dei ragazzi;
3.  esperti per attività di laboratorio o incontro/intervista. Per la redazione delle puntate sono state coinvolte persone quali (a titolo esemplificativo): guardiaparco del Parco Naturale Veglia-Devero (VB), un esperto del Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino, un guardiano di una diga, Club Alpino Italiano, alpinisti, abitanti di frazioni montane, rappresentanti di attività lavorative di montagna, sportivi, un monaco tibetano. In ogni puntata, inoltre, la signora Corinna, esperta di cucina offre una ricetta tipica delle nostre montagne.

Prodotti

1.  8 puntate della durata di 15’ ciascuna, 14 ricerche a tema. Per un dettaglio vedi: http://www.scuolapiancavallo.it/sito/GJC/radiok2.pdf
2. Giornalino: una sorta di “guida ai programmi” di radio K2 http://www.scuolapiancavallo.it/sito/GJC/radiok2.htm

3 . Oggetti didattici creati dai docenti per introdurre gli studenti al progetto: gioca e impara le regole del podcast (PowerPoint); cos’è e come si registra un podcast (video tutorial); abbonarsi ad un podcast (video tutorial). http://www.scuolapiancavallo.it/sito/GJC/radiok2.htm 
 

Il Contesto scolastico: la scuola media di Piancavallo  è una scuola ospedaliera che fornisce un servizio all’Istituto Auxologico Italiano, fin dall’anno 1958. L’istituto di ricovero e cura a carattere scientifico, si trova a 1300 metri di altezza sul Lago Maggiore nel nord del Piemonte, in provincia di Verbania. I ragazzi provenienti da tutte le regioni d’Italia, sono nella quasi totalità ricoverati presso la Divisione di Auxologia (grandi obesità, disfunzioni endocrine, anomalie cromosomiche, genetiche e malformative, basse stature, anoressia mentale). La didattica è rivolta a gruppi classe di numero variabile e mai a singoli alunni (come avviene nella maggior parte delle scuole ospedaliere), si segue la programmazione curricolare con approfondimenti tematici anche legati alle varie esigenze dell’alunno ricoverato per periodi lunghi e ripetuti di degenza.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Verbania
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Scuola Media Statale Ranzoni sede di Piancavallo
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Trovato Palmina e Rita Torelli
E-Mail: 
trovatopalmina@tiscali.it
6. Website
The website of the project: 
www.radiok2.wordpress.com
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 18 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
02/06/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Dal punto di vista disciplinare, la realizzazione di un podcast didattico prevede una serie di fasi che attivano un gran numero di abilità. Il lavoro permette di affinare competenze scientifiche, linguistiche e relazionali; di compiere un esercizio di stile utilizzando un linguaggio appropriato all’epoca e ai personaggi oggetto delle puntate; di riflettere su come debba essere costruita una comunicazione efficace; di conoscere le tecniche corrette dell’intervista.   
Obiettivi educativi sono:
1.      ampliare i propri interessi nei confronti di realtà non stereotipate;
2.      prendere coscienza di altri modelli di comportamento e stili di vita semplici ma “sani” che possono arricchire e modificare i moderni stili di vita;
3.      riflettere sulla diversa concezione del tempo e della velocità (confronto tra i ritmi di vita in città e in montagna);
4.      trasformare la condizione di isolamento del ricovero e dell’ambiente montano nel quale sorge la scuola in una potenzialità e non in un ostacolo utilizzando la creatività per sviluppare nuove forme di comunicazione;
5.      imparare a lavorare in team rispettando e integrando il lavoro di tutti;
6.      comprendere che per sviluppare un lavoro complesso non si può contare solo sulle proprie forze ma è necessario coordinarsi e portare responsabilmente a compimento il compito che è stato assegnato;
7.      sviluppare una tematica in modo creativo e coinvolgente che sappia lasciare un segno e un insegnamento.
 

What does it try to achieve and how: 

Il lavoro é stato attentamente pianificato attraverso una scansione che prevede tempi, risorse, materiali da utilizzare e prodotti intermedi e finali. Come da tabella.
 

Tabella fasi di lavoro Radio K2

Please explain what is unique or special in your project: 

Punti di forza rilevati

Elemento di innovazione: linguaggio veloce e di efficacia comunicativa, possibilità di veicolare contenuti antichi attraverso forme moderne e con la sensibilità del giovani.
 
Valore didattico: esercitazione a tutto campo su abilità trasversali, possibilità di veicolare contenuti disciplinari attraverso una metodologia efficace, piacevole e coinvolgente.
 
Ampia diffusione del prodotto: la forma della puntata radiofonica offre anche una maggiore e veloce fruibilità dei contenuti e una grande diffusione attraverso il sito; la possibilità del podcast, inoltre permette di salvare, scambiare, riascoltare le puntate tramite semplici lettori mp3.
 
Peer education: il linguaggio utilizzato ne fa uno strumento per la diffusione della conoscenza della montagna non convenzionale, da giovane a giovane (peer education).
 
 

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Nell'evoluzione del podcast didattico di Radio k2 abbiamo verificato una forte componente innovativa rispetto alla didattica tradizionale. In questo caso, le nuove tecnologie fungono da veri e propri “amplificatori dell'apprendimento” (P. Rivoltella): linguaggio veloce e comunicativo, forte componente interdisciplinare e ampia possibilità di veicolare contenuti classici attraverso forme moderne che riflettono la sensibilità dei giovani. Il podcast, inoltre, si è proposto come efficace strumento di manipolazione, produzione e diffusione di una conoscenza non convenzionale, stimolando l'apprendimento reciproco e l'educazione tra coetanei.

How does it fulfill the users’ needs: 

In primo luogo, va certamente indicato il desiderio e l'esigenza dei docenti promotori di offrire un'esperienza didattica inclusiva, che tenga conto di quella che Dario Ianes definisce “speciale normalità” che nel nostro caso si declina nella volontà di offrire agli studenti ricoverati, disabili e non, un orizzonte di lavoro e di studio normale, senza però chiudere gli occhi sui bisogni speciali che ciascun ragazzo ha il diritto di esprimere e ai quali il docente ha il dovere di offrire una risposta professionale e attenta.
Nella nostra scuola è importante che i ragazzi possano sperimentare in maniera forte, toccare con mano le potenzialità che offre un lavoro fatto insieme e le nuove tecnologie (come in questo caso l’uso del podcast) sono un ottimo strumento che crea un clima favorevole al lavoro in team.
Imparare a credere nell’efficacia di un lavoro insieme è ancora più importante in una situazione di disagio o di malattia, quando si deve imparare a non contare solo sulle proprie forze, ci si confronta con la propria insufficienza e con il bisogno di affidarsi all’altro, a scoprire che la cura diverrà efficace solo con il contributo di tutti. Anche i lavori didattici che proponiamo e le strategie che adottiamo hanno come peculiarità questo bisogno che è per noi un obiettivo educativo: non c’è un protagonista che arriva prima e da solo ma c’è una condivisione di obiettivi dove si deve arrivare tutti insieme. Data la peculiarità della nostra scuola (1300 metri di altitudine), inoltre, un altro bisogno molto sentito è superare la condizione di isolamento e trasformarla in una potenzialità e non in un ostacolo. Tale condizione è superabile attraverso la forma della web radio e il coinvolgimento di enti del territorio che condividono obiettivi comuni e che mettono a disposizione le loro competenze offrendo la loro collaborazione attraverso incontri con gli alunni.
 

How many users interact with your project per month and what are the preferred forms of interaction: 

I ragazzi ricoverati che hanno partecipato direttamente alla redazione delle puntate sono stati 45.
Nel corso dell’anno scolastico 2008/2009 sono pervenute e sono state analizzate 255 schede di ascolto inviate dalle scuole delle test e dai visitatori del web.
Accessi diretti al sito www.radiok2.wordpress.com: 1529
 

 

How has it improved the quality of educational and/or training services: 

Gli elementi che rendono il progetto una “buona pratica” per migliorare l'educazione e la formazione dei giovani (non solo coloro che hanno realizzato le puntate ma anche gli ascoltatori della web radio), secondo noi sono:
 
- dal punto di vista metodologico il lavoro collaborativo inteso come una reale partecipazione alla costruzione e condivisione delle conoscenze grazie all’apporto personale di ciascun soggetto coinvolto (anche di soggetti con difficoltà cognitive o emotive che possono portare il loro contributo e accrescere così la fiducia nelle proprie potenzialità ed elaborare una più realistica percezione di sé e del proprio valore)
- dal punto di vista delle abilità, l’acquisizione di un metodo di studio che si fondi sulla capacità di selezionare e scegliere nella massa di informazioni raccolte per offrire un prodotto efficace e valido dal punto di vista informativo e comunicativo
- dal punto di vista dei contenuti, l’acquisizione di conoscenze che facciano maturare la capacità di vivere un territorio in modo non convenzionale, per un approccio non scontato alla realtà che ci circonda
- dal punto di vista della cura, l'acquisizione di una maggiore autostima e una diversa opportunità per esprimere se stessi che apre i ragazzi al dialogo e alla riflessione personale su temi anche complessi quali il sacrificio, la sfida, la capacità di reagire, il rispetto e la fiducia nel prossimo.
 
 
Inoltre, la scelta dell’utilizzo, quando possibile, di software libero è dettata dalla possibilità di duplicazione e di libera distribuzione dello stesso, elemento che consente agli studenti di accrescere le competenze acquisite anche in ambiente domestico ed “esportarle” nelle scuole di appartenenza senza costi e senza dover incorrere nella duplicazione illegale di software proprietario. In questo modo si promuove trasversalmente anche una cultura della legalità e del sapere come condivisione e non come possesso.
 
 
 
 

How does it promote the use of ICT for the educational and cultural development by professionals, children and youth: 
Per realizzare la nostra web radio, utilizziamo una semplice strumentazione costituita da PC con collegamento internet a banda larga, microfono+anti pop, scheda audio. La produzione delle puntate è volutamente artigianale, in modo da permettere ai ragazzi di prendere consapevolezza e sperimentare la costruzione e la pubblicazione del prodotto nella sua complessità
Come si é detto, tra l'altro, la rete di interazioni virtuali creata dalla radio e dal sito che la accoglie www.radiok2.wordpress.com non si riduce – come spesso accade - ad una chiacchiera da forum o da chat, ma lascia una traccia visibile, diventando un reale scambio di conoscenze e una reciproca occasione di crescita. Educa dunque ad un uso attivo e consapevole delle nuove tecnologie che, utilizzate in quest’ottica, sono efficaci e duttili strumenti di promozione di un sapere comune che si accresce grazie al contributo personale e originale di tutti i ragazzi, nessuno escluso. 
 
Describe how you measure (parameters) these results: 

Come è consuetudine per le attività collaborative attuate presso la nostra scuola, anche il lavoro di autovalutazione da parte dei singoli studenti, accanto alla valutazione del docente, ha un ruolo molto importante, perché il progetto non si riduca a un processo che si chiude con un voto ma sia soprattutto la “ricerca di occasioni che consentano agli studenti di dimostrare ciò che hanno imparato” (Gardner) per migliorare la qualità degli apprendimenti e dei prodotti futuri. La riflessione sui risultati, pertanto, è condivisa da tutti e utilizza una varietà di strumenti. Se ne elencano qui di seguito i principali.

1. I docenti coinvolti compilano una sorta di diario di bordo dove annotano osservazioni sul campo. Ogni trimestre compilano una scheda per verificare la corrispondenza tra risultati attesi e risultati ottenuti. Nel caso di un riscontro negativo vengono concordate delle modifiche.
2. Al termine della costruzione di ogni puntata viene proposto agli alunni e alle scuole test   un questionario per valutare il gradimento e la ricaduta del progetto (verificata anche attraverso alcune domande di comprensione e attraverso la valutazione della partecipazione attiva e dell’apporto personale nelle varie fasi di lavoro). Insieme ci si trova a discutere sui risultati ottenuti e sulle strategie da utilizzare per migliorare il prodotto.
3. Gradimento, ricaduta, suggerimenti, vengono verificate anche attraverso l’osservazione del numero di contatti registrati sul sito alla pagina del podcast e nel forum di discussione aperto agli ascoltatori del web.

  

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
Is your project economically self sufficient now: 
Yes
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
What lessons can others learn from your project: 

I risultati raggiunti sia come rispetto degli obiettivi prefissati sia come prodotto finale, in una realtà complessa e difficile come la scuola ospedaliera, rendono il progetto sicuramente esportabile nella scuola “normale” dove il poter contare su un gruppo classe stabile diventa un valore aggiunto per la realizzazione dell'attività del podcast. Del resto la scuola in ospedale é spesso indicata come luogo privilegiato per sperimentare nuove pratiche metodologiche e didattiche.
La ricaduta positiva su soggetti con varie disabilità, inoltre, ci invita a suggerire questa “buona pratica” anche nelle classi con alunni “difficili”, realtà ormai presenti in quasi tutte le scuole.

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Future plans and wish list: 

Piani per il futuro: continueremo sulla strada intrapresa con nuove serie radiofoniche a tema.
Desideri: considerando gli ottimi risultati raggiunti, ci piacerebbe che il modello di radio k2, sotto varie forme, fosse esportato in ambienti dove la realtà di disagio (sociale/psicologico/ ambientale) non permette lo svolgimento di una didattica di tipo "tradizionale". Saremmo molto motivate a coordinare/collaborare con operatori/insegnanti per elaborare esperienze di questo tipo.
Cosa servirebbe per realizzarli? L'esperienza é stata condotta in una piccola realtà. Serebbe interessante andare oltre il locale e avere le risorse per costituire un  gruppo di lavoro motivato che si dedicasse a promuovere/supervisionare/ coordinare/ supportare dal punto di vista teorico e pratico la trasferibilità di progetti di questo tipo. 

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

Lacadalet Magazine

Lacadalet Magazine is a bridge over Mediterrian sea.

1. Project summary
Summary: 

Democratic Republic of Congo comes through the third phase of large-scale civil war and genocide mainly  in Goma area (North Kivu). We have contacted local organization ADECOP, engaged forthe maintenance of peace, development of awareness and education, fighting against violent crime and sexual violence. Within the newly created Project Poetry Helps to Needs in the Congo a public literary reading and discussion Is poetry solidar? was introduced, and this way we will continue with further public events at the turn of March and April. Contacting civic associations and organizations in the Czech Republic operating in the African environment in the future we may provide support for this project, which aims to not only get money for humanitarian aid from voluntary admission to literary reading and discussion (in the spirit of Poesia e solidarietà, central motta of Trieste Youth Forum 2008). We encourage local citizens and young people through media, radio, periodicals, we prepare student exchange, workshops and working in the territory of both countries.

The main way how we support the cultural diversity and yet the similarity, is provided by a magazine platform in which response is discovered by citizens (not only) of both countries. We would also organize an international literary competition and promote education through czech project Talnet, running in the Czech Republic for more than 6 years. Crucial role in this project a grant policy, the promotion of cultural objects and cooperation with other organizations such as Platform2 or Friends of the Congo play.

Our main area of work, Lacadalet Magazine, has started to run in March of this year (the readings were held in December 2008 for the first time), and now our growing readership also introduces itself by our sites because we believe not only Czech-Congo relationships could be mirrored by our platform. We host every issue international young writer, whose works are connected to some problem in one or the other coutry introduced in the current issue.

Firstly, our magazine hadn't stable internet form, but the last weeks magazine is fully electronized (it was more like correspondence before) and the selection blog is running where redactors choose the works published in the issue. But no work is lost and anybody could read anything we get, because awareness isn't bordered by "quality" or "topic". We would like to encourage readers to write also, to think about the meanings of authors published and we would like to support also electronical discussion.

We have wide readership around the globe - Brazil, Australia, Russia, Tanzania, Germany, Bulgaria, Albania, Spain,... our magazine provides connection and learning from each other. We can show how the literature bring us to one ship and how we become friend unless we have the same social background, life experience and language. Language is typically czech and French, translated into english and texts are always published in the original language with translation.

Not only literature - we speak out also about our language in the general, about our culture in the general (we share songs, news, spirit) - not only poetry, but mainly poetry connects us. We are displaced friends who believe in each other.

I'm student of highschool and this project I started on my own half year ago. I know that people are needed to success and I know that my goal - student exchange and competition - is too far for me now. But; I never let something gone unless doing my best. Now I think the number involved in the program I started as one person, is great. Please visit our sites at least. I hope that this competition will inform at least about our action and that we are there for you.

2. Country (City / Region)
State: 
Czech Republic
City: 
Trutnov
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Hana Sustkova
4. Type of organization
Select type: 
Other
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Hana Sustkova
E-Mail: 
MonCheval24@gmail.com
6. Website
The website of the project: 
http://lacadalet.wz.cz
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 29 years
Helping youth step in the job market: 
Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
17/12/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Civic war in the Congo D.R. and societal problems in the common view. We want to let people learn and teach us what is the bacroung of people, what we do in the same way and is the word humanity.

Which opportunities/problems does it address to: 

People don't believ that the other coutries have also problems and that tey are not ideal. Also we show young generation that war is not needed and fortune is unless when you haven't family and friends. We fight against unawareness where many problems like civic wars starts. We learn but are also teached to be tolerant and try to see the world by somenes' else eyes.

Please explain what is unique or special in your project: 

People don't need to know anything, tehy need only access to internet or somebody who has and spread the magazine in paper version, and litteracy. Our project support litteracy also in the artistic way. We help people to grow their ego that they could change something in their lives to better, we are not a "group" or place where you have to go, we are there forever, everywhere, in your mind. We are friends' community and you are voluntary among us. You are informed very slightly about the surronding world and you'll find what for life is in Europe, in Africa, that it isn't any fairytale but colorful reality.

You could really be absolutely ungifted writer and artistic illiteral. You could be prizoner, you'll find that people are the same regardless they are rich or they have stolen something. And it will be first international comeptition which I will private support.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

lacadalet new issue

Our results are our friendship anc that we have growing community from schools in Congo, D.R, Italy Trieste University, Belgrade, New York, Tanzania and much more Young artists look for us to publish with us and we are one step far from the student-exchange..

People visit our sites and also public readings.

Our site http://laccacheletemps.as2.cz has reached 3000 visits in few weeks...

 

How does it fulfill the users’ needs: 

We have only responses of the community. People write to the redaction:
"Moi j'aime les action comme les votres aussi pour aide' le congo.
je suis congolais vivant a Dublin, si nous pouvons etre en contact pour essaye' de travaille' ensemble avec vous cela me fera bien plaisir.

J'attend votre reponse.

fyotim"

or

"..Nous allons envoyé aussi des poémes et des photos des enfants que nous encandrons. Jevais aussi cooperer avec vous pour l'énchange des idées et experiénce...

Albert Wunda"

or texts in czech, and much more.

How many users interact with your project per month and what are the preferred forms of interaction: 

Per internet, appr. about hundrets of income. We can show you Traffic map.

How has it improved the quality of educational and/or training services: 

We speak, and that's the main stream of information income!

How has it improved the participation of professionals, children, youth and other stakeholders: 

A lot - M. Guelord Mbaenda, ADECOP, Mojca Krajl, teacher,...international, but it is not so needed for our well function. But, our main source was Talnet and the psychologists there -

I have prepared this article, you can here the article here:

http://www.houndbite.com/?houndbite=12762

shorten: "

Education of young people is a problem for developing society. Talented children are not always mild and is not always possible to satisfy them by usual way of schooling. To diversify their lives - and not only their but also their parents - I speak from my own experience, are ready online courses at a high level, which literally inspire your children.

Talnet - online to natural sciences: Talnet is a project which focuses on education of talented pupils and students. The project is under the heading NIDM and realized by Laboratory of distance education didactics Physics Department Faculty of Mathematics and Physics Charles University Prague, but works internationally.

“Working with talented students in the classroom at school is certainly not easy for individual access to talented individuals neinther in the subjects nor the time and space. Talnet may become a necessary resource for student activities, which are lacking in the academic teaching time. Your talented student which will develop Talnet activity in terms of their capabilities, the state may re-enrichment of their class and for your teaching, ” says management of Talnet to teachers.
 
Distance education, this is not just a “net”, it is an opening gateway into the world of knowledge to calm your children and let them sleep. Caring for gifted students has to be taken seriously, but also with love. The example of Talnet met this goals fully. Students are not due to  online shape of courses benefited or disadvantaged for their residence, it does not matter whether your gifted child jumping for pear trees or roofs of prefabricated houses. Everything takes place online in the community as well zapálených pundit, avšakl child remains in contact with the real world. ” It is so completely on the “elitism”, which is sometimes criticized for specialized education. “The main activities are the Talnet T-courses,” explains project coordinator, “being primarily an online form. Courses begin initial full focus in September and consist of four teaching blocks. In the autumn of collective learning takes place the first block followed by a block devoted to individual work seminary student to work under the guidance of an instructor, the defense of the online college. The common concentration of winter in February presenting their work before the plenary. Jarní learning takes place under the same block diagram, as in the autumn. T-courses ending the joint třídenním concentrating summer in June. “

http://quazen.com/kids-and-teens/school-time/gifted-children-its-your-turn/

Describe how you measure (parameters) these results: 

Society grown and letters to redaction. Also we monitor the online discusion and we are concerned in the amount of people who participate to public readings and discussions -

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
More than 6 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Other
Other: 
personal contribution
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
What lessons can others learn from your project: 

Poetry could help impruve the world. It is not only word or piece of art. It is a part of truth.

We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

As everything was created

Democratic Republic of Congo is located in a state of civil war. Despite the turbulent history, which began to chronicle the country especially after independence from colonial powers, Belgium, to the first free elections only recently, even now found peace and true democracy and independence. The Conference Youth Forum 2008 Trieste was among a number of votes of countries around the world hear the voice of středoafrického Congo, and thus began our journey to try to fill subtitle of this conference, where I had to represent our country - is solidarietà Poesía, Poetry solidarity --
It is not easy to find in this case the phrase, we can actually fill out (it was also the aim of the conference, therefore, how can today to help in the world of poetry?). And although the countries and areas that were represented at the conference and would need a helping hand, is undoubtedly much more, I was committed to Mr. Mbaendovi of the local Congolese Adecop organizations that do everything in my power to help local young people who War takes the opportunity and space for learning and growing their own culture. We want to jointly create a project as a multicultural bridge between the Czech Republic and the Republic of Congo, where young people can find a mutual language and options, help each other and transmit the experience to life. We want poetry, which even today can be solidarity, not only wild words, but words, what hýbou continents.
We have options to stop killing or promote local culture so that everyone or at least a large part of girls and boys from the affected area has the necessary education and thus vytoužených dreams. So far, no foreign or our association did not support the resulting project, even one of their company in February to suspend aid organizations Adecop (Mr Mbaenda is its president), which came on the substantial assistance in the territory of North Kivu.
But we have enthusiasm and time, which we work. We believe in the power of human ideas, which have often proved that he can overcome even the greatest obstacles.
We believe in the future most of solidarity among young Czechs and Congolese. We believe in assisting Poetry After-třebným.

The first action

We have the first objective, which fell on the day with poetry, and the intercultural dialogue between the Czechs and the Congolese, the concentration of our lives to help the arts and perhaps even extend the learning
for all who need it.
Poetry Project Helping the needy in the Congo for the first time oživl Poetry solidarity in action?
from mid-December of 2008. After the whole campaign at a grammar school in Trutnov pre week expressed his opinion more than 15 young people and other students and teachers are invited to read a literary work and his own poetry. Thanks to this solidarity meeting laděnému
Humanitarian Action has received a fair and thus officially introduced to the life.

Barriers: 

Amount of people intereted in program which was not spread was quite small. But it was growing because of the "oral advert".

Future plans and wish list: 
  • student exchange and meeting
  • international competition
  • far future - end of civic war?
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

“ Volo a canestro”

Il progetto è teso a promuovere il gioco come attività aggregante che permetta ai giovani di condividere emozioni ed esperienze, e che nel sano confronto e non nell'antagonismo, contribuisca all’accet

1. Project summary
Summary: 

L’idea è nata per favorire la conoscenza reciproca e lo sviluppo del senso d'appartenenza ad un gruppo (spirito di squadra) fatto di collaborazione, di sostegno e di solidarietà, attraverso il rispetto delle regole, il raggiungimento e la condivisione del risultato; il gioco è stato pensato dai ragazzi e le regole sono state individuate sempre dai ragazzi.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
Scuola secondaria di 1° grado statale “Luigi Di Liegro”
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Anna Tonachella
E-Mail: 
galileo4@alice.it
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 15 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/03/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Coinvolgere i giovani affinché guardino con occhio più attento, cosciente e sensibile le esigenze e le difficoltà dei coetanei diversamente abili, portatori di handicap e privilegiare la partecipazione attiva dei giovani perché imparino a condividere, in gruppi eterogenei, spazi, regole, finalità ed i valori positivi del confronto;

What does it try to achieve and how: 

Attraverso un gioco ideato dagli stessi ragazzi

Which opportunities/problems does it address to: 

L’integrazione personale e sociale
Il rispetto per sé, per il compagno di squadra, per l'avversario, per l'ambiente.

Please explain what is unique or special in your project: 

Sperimentare e vivere nei giochi quei valori che, se sviluppati nei giovani, restano valori assoluti da applicare al quotidiano.

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Il progetto favorisce, attraverso il gioco, la partecipazione attiva dei giovani perché imparino a condividere, in gruppi eterogenei, spazi, regole, finalità ed i valori positivi del confronto.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
From 1 to 3 years
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Other
Other: 
Fondo istituito dalla scuola
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data

SuperHeroes - Progetto Comenius "I'd like to meet you in a story"

Le nuove tecnologie per uscire dalla classe ed entrare in Europa.

1. Project summary
Summary: 

SuperHeroes nasce nell'ambito del Progetto Comenius "I'd like to meet you in a story" come lavoro di chiusura dopo 3 anni di attività con 4 paesi europei. I bambini in questi 3 anni, giorno dopo giorno hanno preso dimestichezza con le nuove tecnologie (internet: email - piattaforma EUN - navigazione; Programmi: Word, Power Point, programmi di fotoritocco, movie maker, programmi di registrazione dello schermo; Strumenti: fotocamera, videocamera, lettori mp3, scanner, stampanti, cuffie e microfono, masterizzatori). Dopo un'iniziale "alfabetizzazione" sono stati aiutati ad acquisire autonomia nell'utilizzo degli strumenti a loro disposizione (nell'aula sono presenti due postazioni complete con connessione internet). SuperHeroes è un cartoon-movie realizzato interamente dagli alunni con la supervisione dell'intero team docenti. La storia tratta di due gruppi di supereroi chiamati a realizzare 3 missioni. La prima (realizzata dal primo gruppo) per la ricerca nel mondo intero di tecnologie utili. La seconda missione vede impegnato il secondo gruppo di supereroi, che grazie alla tecnologia reperita sarà in grado di viaggiare in Europa, avere contatti con bambini di diversi paesi alla ricerca di un monumento rappresentativo per ogni nazione. L'ultima missione rivolta ad entrambi i gruppi prevede la creazione di una città multiculturale destinata ad accogliere tutti i cittadini europei, dove potranno vivere insieme in un clima di serenità, scambio e rispetto. Il messaggio che si vuole trasmettere è che grazie alla tecnologia oggi è possibile stabilire contatti con chi è più lontano, abbattendo non solo le barriere logistiche!

Fasi di realizzazione del progetto:
- Ricerca notizie sulle capitali europee: storia e monumenti
Attività svolta sotto la supervisione dell'insegnante dell'ambito antropologico. Gli alunni divisi in 5 gruppi (un gruppo per ogni paese), hanno utilizzato il laboratorio di informatica per "navigare" alla ricerca di notizie.
- Scelta del monumento
Attività svolta sotto la supervisione dell'inzegnante dell'ambito antropologico e dell'insegnante di sostegno. Ogni singolo gruppo autogestendosi ha scelto un monumento tra quelli scoperti nella precedente fase. Questa attività ha costituito una preziosa opportunità per imparare a relazionarsi attraverso l'ascolto ed il confronto.
- Invenzione della trama, scelta dei personaggi e delle ambientazioni, creazione dei dialoghi
Attività svolta sotto la supervisione dell'insegnante di italiano. Dopo un ciclo di lezioni frontali di presentazione ed analisi della struttura di fiabe e storie, gli alunni hanno scritto la trama.
- Invenzione della trama, scelta dei personaggi e delle ambientazioni
Attività svolta sotto la supervisione dell'insegnante di italiano. Dopo un ciclo di lezioni frontali di presentazione ed analisi della struttura di fiabe e storie, gli alunni hanno scritto la trama e successivamente prodotto un copione con i dialoghi.
- Traduzione dei dialoghi in inglese
Attività svolta sotto la supervisione dell'insegnante d'inglese. Essendo l'inglese lingua veicolare del progetto è stato necessario procedere alla traduzione. Come di consueto gli alunni divisi in gruppi e con la possibilità di utilizzo del vocabolario (sia cartaceo, sia on-line), hanno inserito le parole già conosciute e cercato le altre. Per la costruzione delle frasi sono state ovviamente coadiuvati dall'insegnante.
- Utilizzo della fotocamera per la creazione dei volti dei personaggi
Gli alunni hanno avuto a completa disposizione per un giorno la fotocamera digitale. Sono stati invitati a scattarsi reciprocamente foto che rispettassero alcuni parametri (foto del viso, primo piano, sfondo chiaro ed omogeneo). In completa autonomi,a nei momendi della ricreazione o dell'intervallo tra una lezione e l'altra, hanno scattato le fotografie.
- Disegni dei corpi dei personaggi
Attività svolta sotto la supervisione dell'insegnante di arte e immagine. Ogni alunno ha disegnato su un foglio di carta il corpo di un personaggio.
- Scansione disegni, download fotografie, creazioni dei personaggi al computer
Dopo un mini ciclo di lezioni sull'utilizzo del programma di fotoritocco (funzione degli astrumenti di ritaglio, lazzo magnetico, selezione aree, funzione dei livelli tagliati e copiati, salvare un disegno in formato GIF), i bambini divisi in piccoli gruppi (sempre in completa autonomia, nei momenti della ricreazione o nell'intervallo tra una lezione e l'altra) hanno scansionato i disegni e scaricato le fotografie sul PC. Hanno creato ogni singolo personaggio attraverso la tecnica del fotomontaggio: unendo il viso fotografato al corpo disegnato.
- Animazione della storia, registrazione dei dialoghi, inserimento della colonna sonora
Con il registratore di suoni sono state registrate le battute in inglese dell'intera storia e salvate creando raccolta di file-audio. Gli alunni sono stati divisi in gruppi. Ogni gruppo, utilizzando power point, ha animato una parte di storia ed ha inserito i relativi dialoghi precedentemente registrati. L'intera classe ha scelto i brani musicali. Un piccolo gruppo ha curato l'inserimento di tali brani e la creazione del file video contenente il cartoon-movie.

Il progetto ha permesso di aumentare la conoscenza delle nuove tecnologie, di migliorare le competenze nella lingua inglese, di imparare a lavorare attraverso la cooperazione e la collaborazione nel pieno rispetto degli altri, di ampliare le conoscenze di alcuni paesi europei, di aumentare l'autonomia operativa.

2. Country (City / Region)
State: 
Italy
City: 
Roma
3. Company/organization/institute presenting the project
Organization: 
196 circolo didattico - Classi IV A e IV B plesso Cardinal Massaia
4. Type of organization
Select type: 
School
5. Project coordinator
Name and Surname: 
Carolina Biscossi
E-Mail: 
carolina.biscossi@gmail.com
7. Please select the category in which you candidate your project
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Up to 10 years
Helping youth step in the job market: 
NOT Helping youth step in the job market
Creativity and Social Innovation: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. How long has your project been running?
From: 
01/09/2008
9. Targets and Elements of Innovation
Please explain the targets and the background of your project: 

Obiettivi: Utilizzo delle nuove tecnologie come mezzo per conoscere ed imparare; miglioramento dei rapporti interpersonali; migliroamento delle competenze linguistiche (L2); imparare a collaborare e cooperare; accrescimento dell'autonomia operativa; conoscenza di alcuni paesi europei.
Contesto: Progetto Comenius "I'd like to meet you in a story"; classi interessate IV A e IV B Cardinal Massaia

10. Results
Describe the results of your project as per today: 

Il progetto ha permesso agli alunni di conoscere meglio alcuni paesi europei; migliorare le competenze tecnologiche; imaparare a lavorare autonomamente; imparare a collaborare rispettando gli altri; guardare alla tecnologia come mezzo per superare barriere.

11. Sustainability
What is the full duration of your project: 
Less than 1 year
What is the approximate total budget for your project (in USD): 
Less than 10.000
What is the source of funding for your project: 
Grants
12. Transferability
Has your project been replicated/adapted elsewhere: 
No
We are available to help others starting or working on similar projects: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Background information
Background: 

SuperHeroes costituisce il lavoro finale realizzato dagli alunni coinvolti nel progetto Comenius "I'd like to meet you in a story".

Privacy Law
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
I do authorize the FMD to the treatment of my personal data
Syndicate content