• strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_handler_argument::init() should be compatible with views_handler::init(&$view, $options) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_argument.inc on line 33.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_node_status::operator_form() should be compatible with views_handler_filter::operator_form(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/modules/node/views_handler_filter_node_status.inc on line 6.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 14.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.

tradizioni

Food for Thought

Allo scopo di promuovere la crescita di una generazione di europei più sani, consapevoli e sensibili ai temi dell’educazione alla salute, della tutela dell’ambiente e del dialogo

1. Sommario progetto
Sommario: 

Food for thought è un progetto Comenius di partenariato scolastico al quale partecipano due plessi scolastici del nostro istituto (la scuola primaria di Rignano sull’Arno e quella di Incisa in Val d’Arno) cooperando con altre otto scuole europee di diversi paesi (Galles, Inghilterra, Spagna, Slovenia, Danimarca, Turchia, Romania, Polonia).

Il progetto, oltre ad attività di carattere generale, finalizzate alla conoscenza delle realtà scolastiche e dei sistemi educativi e delle caratteristiche geografiche e culturali dei vari ambiti territoriali, si articola in sottoprogetti:
-          Climate – Clima
In ognuna delle scuole partner vengono rilevate giornalmente le temperature, si procede poi alla realizzazione di grafici mensili che permettono di confrontare i dati, formulando ipotesi e traendo conclusioni relativamente alle caratteristich climatiche dei vari Paesi
-          Greetings and weather dictionary - Dizionario multilingue dei saluti e del tempo
Il dizionario è già online e raccoglie espressioni di saluto e frasi relative al tempo meteorologico nelle nove lingue dei partner. E’ corredato da immagini e audio.
-          Songs - Canzoni
Raccolta multimediale di canzoni dei nove Paesi: testi, immagini, audio, video.
-          Grow your own dinner - Coltivazione dell’orto
Realizzazione in ogni scuola di un orto, nel quale vengono coltivati i prodotti più adatti al clima del luogo, con la collaborazione di genitori e nonni. Viene anche sperimentata una coltura comune, utilizzando dei semi di fagiolo inviati  a tutti i partner dalla scuola coordinatrice gallese. I ragazzi tengono un diario della crescita delle verdure, documentata anche attraverso foto, in modo da comparare le diverse colture e i tempi di coltivazione, anche correlandoli ai fattori climatici e ambientali. Il termine dell’attività viene festeggiato con una degustazione di cibi a base di verdure, riflettendo sulle loro caratteristiche nutrizionali.
-          Celebrating food – Cibo per le feste
Ricerca e raccolta, per un anno, dei piatti e delle tradizioni legati alle festività, in modo da realizzare un calendario europeo dei “cibi delle feste”, con ricette fotografiche dai vari paesi.
-          Healthy lifestyle – Vivere in salute
Ricerca e comparazione delle abitudini dei ragazzi dei nove paesi relativamente ai pasti, ai menù delle mense scolastiche, agli sport praticati
Il progetto, che verrà portato avanti per due anni scolastici (2008/2009 e 2009/2010), è stato definito da un gruppo costituito da un insegnante referente per ogni scuola partecipante, coordinato dalla scuola gallese. 
Tutto il lavoro viene documentato sul sito del progetto http://www.scuolerignanoincisa.it/foodforthought.htm
che è realizzato dalla scuola italiana con la collaborazione di tutti i partner, sia per quanto riguarda la fase progettuale che la raccolta dei materiali. Il sito è in lingua inglese, la lingua di scambio del partenariato, alcune parti (sintesi del progetto e newsletter) vengono realizzate da ciascuna scuola in lingua madre, per una maggior fruibilità da parte delle famiglie.
2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Rignano sull’Arno, Firenze
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Direzione Didattica di Rignano sull’Arno
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Assunta Nocentini
E-Mail: 
comenius@scuolerignanoincisa.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
http:// www.scuolerignanoincisa.it/foodforthought.htm
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 15 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/09/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Il programma Lifelong Learning, istituito dal Parlamento Europeo nel 2006, ha come obiettivo generale quello di contribuire, attraverso l'apprendimento permanente, allo sviluppo della Comunità Europea quale società avanzata basata sulla conoscenza, come previsto dalla Strategia di Lisbona.
Del programma LLP fa parte l’azione Comenius, che riguarda in particolare la scuola e si propone di promuovere scambi e attività di cooperazione tra allievi e docenti dei vari stati europei.

Tra i suoi obiettivi si trovano:
- lo sviluppo della conoscenza e della comprensione della diversità culturale e linguistica
- lo sviluppo personale dei giovani e la promozione della cittadinanza europea attiva
- l'apprendimento delle lingue straniere moderne
- la promozione dell’uso nuove tecnologie in campo educativo.

 

·        Il nostro progetto ha inoltre come obiettivi specifici:
- Promuovere la conoscenza e la riflessione sul clima, le coltivazioni e l’alimentazione a livello locale ed europeo, favorendo la crescita di una generazione di europei più sani, consapevoli e sensibili ai temi dell’educazione alla salute e del rispetto dell’ambiente.
- Rafforzare l’identità culturale attraverso una migliore conoscenza delle tradizioni e delle caratteristiche del proprio territorio.
- Promuovere la consapevolezza di far parte del contesto europeo attraverso la conoscenza e la cooperazione con le scuole partner, proiettando la nostra scuola in una dimensione europea.
- Sperimentare l’uso finalizzato delle nuove tecnologie, acquisendo la consapevolezza delle potenzialità comunicative degli strumenti telematici.
- Coinvolgere direttamente le famiglie e le comunità a livello locale e internazionale.
- Migliorare il processo di insegnamento/apprendimento in tutte le scuole partner, attraverso la conoscenza e il confronto dei sistemi di istruzione e delle tecniche didattiche
 
Il progetto viene portato avanti in nove scuole:  
- Barker’s Lane Community School - Wrexham - GALLES
- Szkola Podstawowa im. Lecha Badkowskiego - Luzino - Danzica – POLONIA
- Skolen Ved Bulowsvej - Frederiksberg - Copenaghen - DANIMARCA
- St Martins Garden Primary School - Bath - INGHILTERRA
- Scoala “Matei Basarab” - Targoviste - ROMANIA
- Osnovna šola - Fram - SLOVENIA
- Scuole primarie di Incisa in val d’Arno e Rignano sull’Arno Firenze – ITALIA
- Collegio Rinćon Añoreta - Rinćon de la Victoria -Malaga – SPAGNA
- Ozel Karsiyaka Yamanlar Ilkogretim Okulu - Smirne - TURCHIA
 
L’insieme delle scuole partner riflette la diversità all’interno dell’Unione Europea. Si tratta di realtà scolastiche molto variegate sia per le caratteristiche organizzative e territoriali che per l’età degli alunni. Infatti sono coinvolte nel progetto sia scuole private (come quella spagnola e quella turca) che scuole pubbliche; anche la dislocazione geografica è molto eterogenea, per le nazioni coinvolte e per le caratteristiche del territorio in cui operano i vari istituti: dalle piccole comunità rurali alle capitali urbane.
Inoltre, pur essendo tutte scuole primarie, a differenza della scuola italiana, i cui alunni hanno dai sei agli undici anni, in molti paesi partner l’età degli alunni va dai sei ai quindici – sedici anni.
Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

Per quanto riguarda la nostra scuola, il lavoro viene portato avanti attraverso incontri di progettazione di un gruppo di lavoro di insegnanti che provvedono poi a realizzare le attività nelle classi. Tutti i prodotti vengono tradotti in inglese e digitalizzati (testi, immagini, audio, video, presentazioni multimediali). A livello europeo, la comunicazione e lo scambio avvengono attraverso strumenti informatici e telematici (posta elettronica, forum, spazio eTwinning per i gemellaggi elettronico, sito web). Gli alunni vengono coinvolti in ogni fase del progetto: progettazione, realizzazione, scambio e confronto dei prodotti. Particolare importanza viene data alla conoscenza delle realtà scolastiche, attraverso lo scambio di foto e messaggi, la formulazione e la risposta a questionari finalizzati alla conoscenza.
Le famiglie, la comunità scolastica e locale vengono costantemente coinvolte attraverso spazi e incontri informativi, mostre, feste, open day.

Quali opportunità/problemi affronta: 

Conoscenza del proprio territorio e delle sue tradizioni, dialogo interculturale, educazione ambientale e alla salute.

Please explain what is unique or special in your project: 

I punti di forza del progetto sono a nostro avviso:
- la varietà e l’attualità delle tematiche affrontate,
- il coinvolgimento di tante scuole di paesi diversi,
- la condivisione e la visibilità date dal sito web,
- la possibilità di usare la lingua inglese in un contesto reale e significativo e di sperimentare un approccio ad altre lingue comunitarie,
- lo sviluppo di un atteggiamento consapevole e critico nell’uso dei media.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Nell’anno scolastico 2008/2009, il primo dei due anni previsti dal progetto, sono stati realizzati:
- Scambio di e-mail tra le scuole partner.

- Costruzione e progressivo aggiornamento del sito del progetto www.scuolerignanoincisa.it/foodforthought.htm  
- Realizzazione di un forum per la comunicazione tra gli insegnanti http://food4thought.forumfree.net/
- realizzazione di uno spazio per il gemellaggio elettronico, riservato alle scuole, sulla piattaforma www.etwinning.net  
- Newsletter periodiche (ogni due mesi circa, dopo ogni incontro di progetto) per dare informazioni sulla realizzazione del progetto alle famiglie e alla comunità scolastica e locale.
- Spazio espositivo murale nell’atrio della scuola con materiali e informazioni sul progetto.
- Tre incontri di progetto per gli insegnanti (uno in Spagna, uno in Turchia uno in Danimarca e Polonia), durante i quali i partecipanti hanno anche visitato le classi e scambiato con i ragazzi informazioni sulle scuole e i paesi di provenienza.

Realizzazione delle attività previste per i sottoprogetti:

          Climate
Misurazione quotidiana della temperatura in tutte le scuole partner.
Costruzione di un grafico mensile sulle temperature rilevate nel proprio paese.
Confronto delle temperature mensili rilevate nei Paesi partner.
Costruzione di grafici mensili con le temperature rilevate in tutti i Paesi.
Riflessioni sui dati rilevati e verifica delle ipotesi iniziali.
Inserimento dei dati nel sito del progetto.

 

          Dictionary of greetings and weather
Costruzione di un dizionario sui saluti e le frasi del tempo nelle nove lingue dei paesi partner. Il dizionario è costituito da 27 frasi (testi, illustrazioni, audio) ed è stato realizzato in tre versioni: cartacea, online sul sito del progetto, digitale offline.

 

          Weather songs
Raccolta di canzoni sul tempo (una per ogni paese partner): testo, traduzione in inglese, audio, video.
Inserimento del lavoro sul sito del progetto.
Esecuzione di alcune delle canzoni dei partner.

 

          Grow your own dinner
Realizzazione dell’orto scolastico con la collaborazione di genitori e nonni.
Registrazione della crescita degli ortaggi e confronto tra i paesi partner.
Realizzazione di una coltura comune, i fagioli Runner beans inviati dal Galles a tutti i partner, e confronto della loro crescita tra i paesi partner.
Preparazione di una degustazione di piatti a base delle verdure coltivate e scrittura delle relative ricette.
Progressivo inserimento del lavoro sul sito del progetto.
          Celebrating food
Raccolta di ricette e tradizioni legate alle feste nei paesi partner (da marzo 2009 a febbraio 2010).
Progressivo inserimento del lavoro sul sito del progetto
          Weather stories
album fotografico sul tempo (fenomeni meteorologici e stagionali), scrittura di testi di vario tipo (storie, poesie, descrizioni…) ispirati alle immagini raccolte
Inserimento del lavoro sul sito della scuola, vedi
 
Realizzazione del Festival Comenius, feste finali di presentazione del progetto alle famiglie, con mostra dei lavori, esecuzione delle canzoni dei partner, drammatizzazioni del dizionario multilingue, degustazione dei prodotti dell’orto.
In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

Data la varietà delle tematiche e delle attività previste, il progetto è facilmente inseribile nel curricolo scolastico, selezionando le attività adatte alle varie classi e fasce di età, risultando così sostenibile e motivante sia per gli insegnanti che per gli alunni.

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

 

Scuole e nazioni

 
Alunni coinvolti nel progetto
Personale coinvolto nel progetto
Regno Unito - Galles
140
8
Italia
395
40
Spagna
210
8
Denmark
150
20
Polonia
200
20
Slovenia
120
10
Romania
250
12
Turchia
144
8
Regno Unito – Inghilterra
200
16

 

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

I ragazzi sono coinvolti in modo attivo nella realizzazione del lavoro, con attività e prodotti significativi: scoprono, studiano e condividono informazioni sul clima, sul cibo e sulle tradizioni di tutti i Paesi partner, usano le nuove tecnologie per confrontare le rilevazioni della temperatura per la durata di due anni, producono un dizionario multilingue sulle parole del tempo, coltivano, cucinano e consumano prodotti locali, realizzano un calendario internazionale del cibo delle feste, un libro di ricette internazionali e un libro-guida per uno stile di vita sano, basato sulla corretta alimentazione e sull’esercizio fisico.

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

Gli insegnanti referenti dei vari Paesi europei si sono messi in contatto attraverso un database per la ricerca dei partner, hanno costruito il progetto e continuano a comunicare e collaborare attraverso le nuove tecnologie (posta elettronica, forum online, social network) e si incontrano periodicamente (tre volte per ogni anno scolastico) per verificare lo stato di avanzamento del progetto e definire le attività in modo più dettagliato.

Le classi coinvolte nel progetto comunicano e collaborano attraverso la posta elettronica e lo spazio eTwinning, riservato per i gemellaggi elettronici
Attraverso la partecipazione al progetto la comunità scolastica e locale sperimenta forme di progettazione e cooperazione finalizzate alla realizzazioni di prodotti condivisi, che vanno al di là della tradizionale organizzazione della classe e della singola scuola.
Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

L’uso delle nuove tecnologie è parte integrante del progetto, in quanto indispensabile per la realizzazione, condivisione e fruizione dei prodotti.
L’uso dei sito web, della piattaforma eTwinning e della posta elettronica per la comunicazione e lo scambio dei materiali da parte dei ragazzi li rende più consapevoli delle potenzialità comunicative degli strumenti telematici. I bambini comunicano con gli amici europei, fruiscono di materiali digitali e ne realizzano: testi, immagini, libri, audio, presentazioni multimediali, video. In questo modo sperimentano che le loro originali produzioni  possono essere elaborate in modo da renderle fruibili in momenti diversi e da persone diverse, anche molto lontane. Attraverso lo scambio e la comunicazione telematica sperimentano un uso attivo delle tecnologie di cui hanno minore esperienza a livello personale. Questo aspetto, in una prospettiva educativa più ampia, favorisce anche lo sviluppo di un atteggiamento consapevole e critico nell’uso dei media.

Descrivete i criteri che usate per misurate i risultati raggiunti dal vostro progetto: 

A livello della nostra scuola la valutazione del progetto viene fatta:
-  in itinere dal gruppo di lavoro e dagli organi collegiali (Consiglio di Interclasse e di Istituto (con la presenza di insegnanti e genitori)
- al termine di ogni anno scolastico dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio di Istituto attraverso una scheda di valutazione presentata dall’insegnante responsabile e un questionario di valutazione compilato dalle classi partecipanti.

A livello internazionale gli incontri periodici degli insegnanti assicurano, oltre a una progettazione efficace del lavoro, una sua costante valutazione.
L’Agenzia Nazionale LLP Italia richiede inoltre alla scuola un report intermedio e uno finale.
11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 10.001 a 30.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Finanziamenti pubblici o privati
Is your project economically self sufficient now: 
Si
Insert date: 
09/01/2008
12. Trasferibilità
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto: 

Il progetto può essere realizzato anche in altre scuole in quanto prevede l’impiego di risorse e tecnologie generalmente presenti negli istituti scolastici: dotazioni tecnologiche di base, conoscenza di una lingua comunitaria da parte di alcuni insegnanti.

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Ostacoli: 

Nessun ostacolo per l’accettazione dei soggetti coinvolti, che hanno partecipato attivamente e con entusiasmo.
I problemi incontrati sono di ordine economico, relativi alle dotazioni informatiche delle scuole primarie, che risultano scarse e datate.

Soluzioni: 

Sono state utilizzate tecnologie e applicazioni semplici, a basso costo, non di ultima generazione. Inoltre sono stati contenuti molto i costi relativi alla mobilità degli insegnanti (voli low cost, sistemazioni economiche…), in modo da utilizzare il risparmio realizzato sul finanziamento europeo per l’acquisto di una dotazione informatica essenziale ma funzionale.

Future plans and wish list: 

Il progetto e la conseguente implementazione del sito continuano anche per il prossimo anno scolastico. Successivamente il sito rimarrà attivo e tutti i prodotti realizzati continueranno ad essere disponibili online. Si potrebbe prevedere un ulteriore arricchimento del sito da parte di altre scuole per alcuni sottoprogetti, per esempio il dizionario multilingue, le raccolte di canzoni, tradizioni, ricette. Per realizzare ciò sarebbero necessarie risorse per i compensi per le prestazioni aggiuntive del personale e il mantenimento di una dotazione tecnologica valida.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

UN MONDO DI GIOCHI

Laboratorio interculturale di giochi lingue e curiosità provenienti da varie aree del mondo.

1. Sommario progetto
Sommario: 

La raccolta di giochi(fondamentalmente rivolta ai bambini italiani per una loro crescita con una più ampia consapevolezza del mondo e dei rapporti interculturali) è composta di un testo (più utile per il lavoro di docenti,educatori e animatori) e di un c/d dedicato ai bambini dai 4/5 agli11 anni. I contenuti possono comunque offrire spunti per attività specifiche anche per i ragazzi dai 12 ai 14. Il progetto è stato concepito a 360 gradi e sfrutta il gioco come pretesto per obbiettivi educativi ed interculturali,per lo studio della geografia,per fare esercitazioni con la tecnologia informatica e con l’ area linguistica e volendo si possono sfruttare collegamenti con educazione all’immagine,storia,educazione musicale,scienze naturali e altro. Il c/d interattivo permette un approccio vivace e colorato con il continente ed il paese prescelto e con semplici abilità informatiche si potranno ascoltare l’inno nazionale,e le voci di bambini madre-linguisti che ci guidano per comunicare attraverso un piccolo vocabolario per giocare e per fare amicizia. La presenza di una matita segnala l’accesso alla forma scritta dell’Inglese,Francese,Spagnolo e Tedesco che crea collegamento con materie di studio..Contiene 23 lingue registrate tra cui Swahili, Tagalog, Urdu, Farsi e Bengali etc. e 38 di cui è stata scritta in modo semplificato la pronuncia (basta leggere come in italiano). Ogni progressiva scelta dal planisfero che, per primo appare sullo schermo, al continente, fino al paese prescelto con il suo menù dei giochi, mantiene un collegamento concreto con gli aspetti geografici della ricerca.. La bandiera,la cartina del paese e del continente sono costantemente presenti Ogni pagina come in un album di viaggio raccoglie immagini che, vogliono incuriosire e stimolare i soggetti cui è rivolto il C/D, catturando l’attenzione e stimolandoli a proseguire nella ricerca, Naturalmente vi si trova anche la descrizione del gioco del paese straniero (siamo finalmente alle scienze motorie) redatti in un linguaggio semplice, con la possibilità di chiarimenti forniti da foto e disegni da attivare attraverso un bersaglio

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
MODENA/ EMILIA ROMAGNA
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
C.S.I. Centro Sportivo Italiano comitato provinciale di Modena
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Egle Saltini
E-Mail: 
eglesaltini@virgilio.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
http://uef.usp.scuole.bo.it/pubblicazioni/usp/Mondo-di-.giochi.php
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 10 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/10/2004
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

La raccolta “ Un mondo di giochi nasce con l’intento di dare un piccolo contributo al processo educativo di integrazione,in un concetto più avanzato che è l’educazione alla diversità. Ci si rivolge ad una fascia privilegiata ,in cui la mente è ancora priva di pregiudizi e disponibile a recepire nuovi messaggi Il progetto si propone questi obbiettivi e finalità: Conoscere: giocare è un bel modo per imparare a conoscersi,l’occasione di un incontro costruttivo Accogliere:giocare è un bel modo di ricevere un nuovo arrivato sia dal suo paese che all’ingresso in una nuova classe Comunicare:giocare è un bel modo di cominciare a scambiare semplici frasi e grandi emozioni Confrontare: giocare è un bel modo di osservare. Cogliere similitudini e differenze è la base per una educazione interculturale Valorizzare : giocare è un bel modo di far apprezzare la cultura del paese che esprime il gioco e per rafforzare l’identità del bambino immigrato. Rispettare : le semplici,ma indispensabili regole del gioco di ciascun paese Integrare : giocare è un bel modo per arrivare ad interagire efficacemente,come in una squadra sportiva

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

Gli obiettivi prefissati e rivolti ai bambini dai 4/5 agli 11 anni possono essere raggiunti attraverso il fare attivo, che rimane poi bagaglio personale significativo e, il riuscire a stimolare la curiosità del bambino che è motore di accensione per le sue scelte e degli approfondimenti personali. L’esperienza ludica nella educazione interculturale può considerarsi estremamente formativa coinvolgendo tutta la sfera umana con effetti che spaziano in campo cognitivo,affettivo e motorio; in particolare analizzando la sfera della socialità,esso diventa un importante collante i cui effetti proseguono nel tempo,al di là del momento in cui il gioco si svolge

Quali opportunità/problemi affronta: 

Opportunità di : educare i bambini italiani alla diversità, saper coglier similitudini e differenze è la base del dialogo interculturale saper superare,riconoscendo all’altro un patrimonio di giochi, gli stereotipi di povertà e sottosviluppo ; Possibilità di rafforzare dell’identità del bambino straniero ;Occasione di far giocare, come nel loro paese di origine, i bambini con genitori stranieri nati in Italia. Conoscere La CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI Alcune immagini ,volutamente scelte (sia nel testo che nel C/D), hanno lo scopo di indurre i nostri bambini a farsi domande e riflettere sui loro coetanei che lavorano,che sono affamati, che vanno in guerra, che non possono studiare etc. Il Tibet pur facendo politicamente parte della Cina è stato volutamente messo in evidenza rispetto alla proprio contesto per offrire un pretesto per ricordare le difficoltà e i problemi che affliggono la popolazione. Problemi delle difficoltà nei rapporti tra diverse etnie, emarginazione e forme di razzismo

Please explain what is unique or special in your project: 

Piace a tutti : ai bambini per la semplicità e vivacità del messaggio, la sua facile comprensione,e la praticità dello strumento,che fa divertire imparando e , giocando anche con la geografia nel C/D che li porta in giro per un mondo fatto di curiosità_ ai grandi: per il suo agevole utilizzo in tante occasioni (e anche per la possibilità di scaricare e stampare le singole schede) perché i suoi elementi chiave danno garanzia di risultati perché è estremamente attuale rispetto alle problematiche affrontate per l’immediata possibilità di comunicare (in tantissime lingue attraverso “il vocabolario per giocare e fare amicizia” interagendo col C/D) perché un messaggio semplice non esclude di essere un messaggio importante

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

il grande gradimento testimoniato da e-mail di docenti e dai sorrisi dei bambini 1)Il progetto continua ad essere utilizzato come “buona pratica” nella scuola pilota Ceccherelli di Modena (78% di alunni stranieri). 2) E’inserito nel progetto di attività motoria “GIOCASPORT” 2005-2006:2006/07:2007/08 2008/09 promosso dall’Assessorato allo Sport del Comune di Formigine (Mo) e dal C.S.I. nel 1°e2°Circolo ( 5 scuole primarie ) e nelle scuole primarie di tutta l’area dell’Appennino modenese con un coinvolgimento di oltre 2000 bambini ogni anno. 3) E’ stato individuato dall’ Istituto Comprensivo di Montefiorino come parte del proprio progetto dell’attività motoria ,fisica e sportiva nella scuola primaria relativo alla direttiva ministeriale n°56_del16/6/05. 4)Il C/D un Mondo di Giochi è stato inserito nella raccolta verde ( in kit con altri 7 c/d ) distribuita dall’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia Romagna ad ogni ordine e grado di scuole sul territorio regionale nell’ambito del Piano di Formazione in servizio per insegnanti di Educazione Fisica e dell’Area Motoria. Ne sono state distribuite 6000 copie attraverso i C.S.A. provinciali. 5)Il Comitato Provinciale Coni di Modena che ha prodotto il testo in 2500 copie e il c/d in 5000 copie ha provveduto ,come era intento del progetto e dell’autore, alla distribuzione gratuita di un testo in tutte le scuole primarie della regione. 6) L’ufficio Educazione Fisica del USP. di Modena ha provveduto alla consegna di un c/d per ogni provincia d’Italia ai vari coordinatori provinciali riuniti in occasione di un convegno nazionale nel 2006. 7)Il Comitato Provinciale di Modena del Centro Sportivo Italiano ha organizzato negli ultimi 5 anni,vari corsi di formazione residenziali (in tutta la provincia di Modena all’incirca 8 per ogni anno) per operatori e animatori dei centri estivi dove il progetto educativo multiculturale è stato argomento di lezioni teoriche ed esercitazioni nel capoluogo e nelle più grandi cittadine della provincia. Anche il Comitato CSI di Imola ha organizzato 2 incontri (2005 e 2006) di formazione e divulgazione dell’Educazione interculturale attraverso testo e C/D “Un mondo di giochi. La UISP, altro ente di promozione sportiva, ha inserito anche nei corsi di formazione dei propri operatori il progetto “Un mondo di Giochi” 8)Su invito dell’USP di Forlì si è tenuto a settembre 2008 un Corso di Formazione sul tema dell’intercultura da “Un Mondo di Giochi”per diplomati ISEF e docenti del progetto provinciale di attività motoria nella Scuola Primaria e dell’Infanzia_ 9)_Negli anni scolastici 2007/08 e 2008/09 l’Assessorato all’Istruzione del Comune di Modena ha promosso corsi di formazione per i docenti della Scuola dell’Infanzia 10)Nel 2008/09__bambini e famiglie di due scuole d’infanzia Marconi e Costa sono stati coinvolti in un progetto interculturale sperimentale denominato “Giochi con mamma e papà” dal quale è stato ricavato un manuale di giochi da varie parti del mondo da giocare in famiglia e nel tempo libero 11) Dal 2006 è attivo un progetto in Palestina nel villaggio di Ain_Arik in una scuola costruita con contributo del CSI di Modena e gestita insieme a volontari modenesi_ 12) nell’anno scolastico 2009/10 all’Istituto Comprensivo di Spilamberto (Mo) (5 scuole d’Infanzia 5 scuole primarie e una scuola media ) funzionerà il curricolo in verticale ESPLORANDO IL MONDO improntato sul rispetto reciproco e delle regole nel quale i giochi ed il C/D saranno utilizzati dai bambini ;rimarrà attivo almeno 3 anni-

In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

E’ indispensabile una educazione alla convivenza e alla tolleranza, stimolare il bisogno di conoscersi meglio e di confrontarsi,di accettarsi come diversi ma simili,di imparare a rispettare le regole, sono una necessità incalzante della realtà italiana( ma non solo) che si sta velocemente trasformando in multietnica ;farlo giocando è meglio

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

Non è possibile quantificare ma è prevedibile che siano in grandissimo numero. Nonostante i libri stampati siano da tempo esauriti, la presenza del C/D nella MEDIATECA dell’ USP di Bologna permette di scaricare gratuitamente il prodotto informatico di “un mondo di giochi” e di sfruttarne i contenuti secondo le necessità

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

In “Un Mondo di Giochi” appare evidente l’applicazione della didattica laboratoriale (sapere-saper fare-saper essere) dove le attività proposte arrivano a sollecitare tutte le dimensioni della persona (cognitiva,operativa, relazionale ed espressiva) ,la naturale interdisciplinarità e trasversalità degli obiettivi e delle sollecitazioni,che mirano allo sviluppo delle competenze del bambino (dove la trasversalità è indispensabile) e del cittadino con una metodologia gradevole in grado di suggerire anche adeguati stimoli per una crescita armonica attraverso le attività motorie proposte.

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

Un mondo di giochi (testo e C/D ) viene utilizzato da: 1) Bambini (in modo autonomo) 2)Docenti di 3 ordini di scuola (infanzia ,primaria e secondaria di primo grado)_con le loro classi. 3)Educatori e Animatori di Centri Estivi 4)Animatori all’interno di polisportive e parrocchie 5)Operatori all’interno di stand o zone gioco in manifestazioni (Bambinopoli 2006/07/08;Children’s Tour 2008 e 09; Akuna Matata_( fiera della multiculturalità) 16/18 dic 2005; Spazio giochi dal mondo al “Tempo della Festa” primo convegno inter-religioso Modena 5-6 maggio 2006; Spazio giochi del CSI all’interno della Fiera di Modena aprile/maggio2007 2007 e 08_; Work-shop nell’iniziativa “Formigine per la Pace”_20/21 marzo 2009. Work-shop ai Giardini Ducali di Modena stand di “Giochi dal Mondo nell’iniziativa “ I Giardini d’Estate luglio/agosto 2009_ 6) Volontari_nell’estate 2008 e 2009 “un mondo di giochi”_ hanno utilizzato all’interno del “Progetto Amazzonia” in corsi di formazione per educatori locali a Manhaus. Volontari modenesi In agosto 2009 a Itaberai in Guyana utilizzeranno “un mondo di giochi” per animare le loro attività.; è attivo anche un progetto in Africa (Kenia ? 7) Organizzatori di feste a tema organizzate da scuole,quartieri,comuni associazioni parrocchie etc 8)Famiglie nel tempo libero

Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

Entrare in confidenza con le nuove tecnologie è indispensabile alle nuove generazioni, il C/D è stato pensato per essere utilizzato in modo interattivo e autonomo dai bambini incuriosendoli con particolari che li portino ad approfondire altre discipline e a formare la loro coscienza di cittadini. Poiché l’attivazione del progetto all’interno di una scuola allarga facilmente gli orizzonti di partenza con ricerche e dispense, queste hanno richiesto e quindi facilitato l’uso di foto filmati e registrazioni, oltre che a richiedere ulteriori ricerche in internet. Spesso anche nel reperimento dei materiali (giochi e lingue) ragazzi un po’ più grandi hanno inviato la loro testimonianza utilizzando il web

Descrivete i criteri che usate per misurate i risultati raggiunti dal vostro progetto: 

Il gradimento e la curiosità dei bambini che ne sono stati coinvolti;l’attiva disponibilità degli stranieri testimoni per le lingue e narratori dei giochi;le richieste e l’approvazione dei docenti e delle famiglie straniere

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Più di 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Finanziamenti pubblici o privati
Is your project economically self sufficient now: 
Si
Insert date: 
10/01/2004
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

L’autrice Egle Saltini docente di Educazione Fisica ha ospitato ragazzi di numerose nazionalità attraverso esperienze personali come genitore dal 1987, nell’associazione CISV (Children international summer villages) affiliata UNESCO ,che ha come obiettivo l’educazione alla pace e alla convivenza .Come docente ha visto crescere il numero di bambini stranieri iscritti nelle nostre scuole toccando con mano i molteplici problemi del loro adattamento e inserimento,e apprezzando strategie ,metodi e risultati di quei docenti di scuola primaria che incalzati dalle necessità e dall’affetto verso i loro alunni hanno costruito a poco a poco un nuovo modo di insegnare. Alla raccolta del materiale hanno partecipato fornendo la materia prima: bambini della scuola primaria,alcuni genitori,alcuni alunni delle superiori, amici dei figli dell’autrice, studenti in Erasmus a Modena. Il materiale è arrivato su fogli ordinati,foglietti,via e-mail,a volte in lingua originale e allora c’è stato bisogno di altri amici residenti a Modena per tradurlo Tutti hanno dato il loro contributo dimostrando di condividere l’entusiasmo che ha sempre accompagnato il lavoro dell’autrice, e la convinzione della sua validità come mezzo educativo. C’è stato modo di ricordarli e ringraziarli ufficialmente inserendo il loro nome di battesimo nelle pagine di quello che è stato costruito come un album di ricordi di un viaggio. Altro materiale proviene da vecchie pubblicazioni e da ricerche su internet. Tutti i disegni,la copertina e le scelte grafiche sono dell’autrice stessa

Ostacoli: 

Reperimento fondi per poter distribuire gratuitamente l’opera

Soluzioni: 

Con infinita pazienza e fiducia ,perché comunque ogni soggetto interpellato aveva dimostrato grande apprezzamento ed aveva rimandato la propria partecipazione ad un momento di maggiore disponibilità finanziaria. Sono stati necessari 2 anni dopo il completamento della stesura

Future plans and wish list: 

Realizzare un secondo volume corredato da relativo C/D che possa contenere con la stessa veste nuovi giochi, e soprattutto colmare le lacune relative ai paesi non compresi in questa edizione e per sollevare altre tematiche su cui far riflettere i nostri bambini,da distribuire ancora gratuitamente e liberamente scaricabile da internet. Servono fondi. Le aspettative dell’ autrice del progetto educativo sono che, realmente, il mondo diventi il paese di tutti i bambini e, un domani molto prossimo, il mondo dove tutti potranno stare meglio con se stessi e con gli altri e, di poter contribuire, con il proprio piccolo mattoncino “Un Mondo di Giochi” e “Un Mondo di Nuovi Giochi alla costruzione della società futura.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

“ TASTES OF EUROPE”

Scoprire differenti culture e tradizioni attraverso ricette tipiche dei paesi europei.

1. Sommario progetto
Sommario: 

il progetto nasce dallo scambio di idee tra scuole partner “etwinning”: si è voluto far scoprire agli studenti tradizioni religiose e culturali attraverso le tradizioni gastronomiche delle scuole partner. Esse sono state:Polonia, Romania e Italia. lo scambio di foto,ricerche su prodotti e piatti tipici del proprio paese durante festività religiose quali il Natale, il Carnevale, la Pasqua, o tipiche celebrazioni locali concludendo con ricette dell’estate.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Catania
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
LICEO SCIENTIFICO STATALE “ E.BOGGIO LERA” - CATANIA
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
CATERINA MUSUMECI
E-Mail: 
tirena57@hotmail.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
http://tastesofeurope.wikispace.com
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 18 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
30/12/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Ampliare gli orizzonti dei giovani su culture e tradizioni europee in un contesto scuola, nella fattispecie laboratorio di informatica e linguistico.

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

Uso della lingua inglese come lingua veicolare e di comunicazione con le scuole partner; uso delle tecnologie informatiche per la creazione del sito web , dove vengono illustrate le ricette gastronomiche associate alle tradizioni popolari.

Quali opportunità/problemi affronta: 

Le tematiche affrontate dal progetto sono state rielaborate nel contesto classe attraverso discussioni sulle differenze e somiglianze delle tradizioni dei rispettivi paesi sempre in lingua inglese.

Please explain what is unique or special in your project: 

In particolar modo, nella scuola polacca le ricette italiane sono state preparate e cucinate in quanto essa è una scuola professionale alberghiera con futuri giovani cuochi i quali sono venuti a contatto con tradizioni gastronomiche italiane che potranno un giorno riproporre come cucina internazionale in occasioni speciali.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Creazione del sito web in lingua inglese e applicazione della conoscenze informatiche

In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

Il sito web creato può essere visitato facilmente dai navigatori del Web i quali possono prendere spunto dal nostro sito per riprodurre piatti tipici locali siciliani in qualsiasi parte del mondo.

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

Gli utenti di Internet possono seguire i links creati da ogni singola scuola partner per ottenere le ricette in formato word con relative foto o video.

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

Il progetto, attraverso lo scambio di ricette e foto delle festività nazionali e internazionali, mette i giovani a contatto con realtà. Usi e costumi diversi dai propri, allargando così i propri orizzonti culturali ed anche linguistici.

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

Gli studenti hanno partecipato entusiasticamente e con competenza al progetto sia nella creazione del sito sia per la ricerca sulle tradizioni popolari.

Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

L’uso delle nuove tecnologie è stato fondamentale: dallo scambio di e-mail tra gli studenti delle diverse scuole allo scambio di piatti tipici e preparazione degli stessi attraverso ricerche sul web, approfondimenti storico-culturali sulle origini dei piatti stessi. Anche i docenti hanno messo alla prova le loro competenze informatiche , in quanto hanno mantenuto i contatti usando la piattaforma TWINSPACE creata appositamente per il progetto.

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Meno di 1 anno
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
No
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Ti racconto la storia della mia città

Il progetto si propone di recuperare la memoria storica del paese e del territorio per i 2500 anni dalla fondazione di Lodi Vecchio.
1. Sommario progetto
Sommario: 

L’Istituto Comprensivo “A. Gramsci” di Lodi Vecchio ha aderito alla proposta del Comune di partecipare alle celebrazioni in occasione della ricorrenza dei 2500 anni di storia della città, e lo ha fatto elaborando un progetto globale ed articolato che ha coinvolto alunni e docenti dei tre ordini scolastici.

Sotto il titolo "Ti racconto la storia della mia città" si cela un lavoro collettivo che ha saputo valorizzare al meglio le potenzialità di ogni studente e che ha fatto di questa occasione un momento di crescita formativa ed educativa.

Il progetto si è proposto di recuperare la memoria storica del paese e del territorio. Nel contempo, dato il numero sempre crescente di alunni di origine straniera inseriti nelle nostre scuole, ha inteso favorire la loro integrazione attraverso la condivisione di questo ricco patrimonio culturale.

Il punto di partenza è stata la convinzione che difficilmente i bambini e gli adolescenti di oggi si interrogano sulla storia del paese in cui vivono; raramente la loro famiglia vi risiede da generazioni, più spesso i genitori vi abitano da una manciata di anni e in qualche caso loro stessi sono giunti da poco tempo, provenendo da un altro comune d'Italia o da un altro paese del mondo.

Eppure basta pochissimo a risvegliare il loro interesse e la loro curiosità: è sufficiente invitarli ad osservare il territorio in cui vivono e a domandarsi perché c'è quella chiesa, quella cascina, quell'autostrada, chi li ha costruiti e cosa c'era prima al loro posto.

Guardare il proprio paese con occhi nuovi, riconoscere le tracce del passato, ricostruirne la storia, immaginarsi come doveva essere viverci 100 o 1000 anni fa, tutto questo ha reso bambini e ragazzi, qualunque fosse la loro provenienza, un po' più cittadini, di Lodi Vecchio certo, ma anche un po' più cittadini nel senso più ampio del termine.

Il progetto, inoltre, ha fornito l’occasione per promuovere, costruire e consolidare rapporti di collaborazione con gli enti territoriali e con tutte le componenti che intervengono nella quotidianità dell’Istituto Comprensivo.

L’intero lavoro è stato sponsorizzato dalla società Trelleborg, leader mondiale nel settore della stampa, che ha sede nella nostra città. Al termine del progetto, ha deciso di lasciare un ricordo agli alunni raccogliendo in una pubblicazione una selezione dei lavori prodotti.

"Ti racconto la storia della mia città” ha costituito, altresì, un importante momento di lavoro condiviso fra i diversi ordini scolastici dell’Istituto Comprensivo.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Lodi Vecchio
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Istituto Comprensivo Statale "Antonio Gramsci"
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Maria Luisa Bosi
E-Mail: 
luisa_bosi@libero.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
http://www.scuolalodivecchio.it/2500anni/index.html
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 10 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/03/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Lodi Vecchio è un comune di circa 7000 abitanti, in provincia di Lodi.

In un contesto prevalentemente rurale, ha visto sorgere piccoli insediamenti industriali ed artigianali che danno lavoro a molti dei suoi abitanti. L’ultramillenaria storia di questo insediamento è testimoniata dai continui ritrovamenti di reperti di epoca romana e dalla magnifica basilica romanica dei XII Apostoli.

L’Istituto Comprensivo “A. Gramsci” comprende una scuola per l’infanzia, una scuola primaria e una scuola secondaria di primo grado, per un totale di 650 alunni. Il POF dell’istituto pone attenzione alle esigenze di innovazione e rispetto della tradizione, che la compagine socio-culturale manifesta (nuove tecnologie, lingue straniere, dimensione europea, riscoperta delle tradizioni, apertura alla società civile).

Il progetto si è proposto, in particolare, di
• recuperare la memoria storica del paese e del territorio
• favorire, dato il numero sempre crescente di alunni di origine straniera inseriti nelle nostre scuole, la loro integrazione attraverso la condivisione di questo ricco patrimonio culturale
• stimolare il coinvolgimento emotivo e l’interesse nel conoscere il proprio contesto socio-ambientale
• rendere vivace e motivante l’apprendimento di molte discipline scolastiche
• valorizzare al meglio le potenzialità di ogni studente
• trasformare quest’occasione in un momento di crescita formativa ed educativa
• sviluppare la consapevolezza di essere “cittadini”
• usare il computer come mezzo di ricerca delle informazioni e come veicolo di organizzazione e di comunicazione delle stesse

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

Per la realizzazione del progetto sono stati utilizzati sia materiali tradizionali (carta, cartoncino, colori, riviste, pastelli, pennarelli, china, carboncino), sia videocassette o DVD per gli approfondimenti, sia le nuove tecnologie.

L’uso delle nuove tecnologie, che ogni docente ha inserito nel proprio percorso, è stato fondamentale nella realizzazione del progetto. Mai come in questa occasione è parso evidente come lavorare con le Nuove Tecnologie significhi usare nuove e più efficaci forme di informazione, formazione, comunicazione e documentazione per conservare (futuro della memoria) e valorizzare il materiale prodotto.

Accedendo regolarmente ai laboratori d’informatica, gli alunni hanno imparato
• ad usare semplici programmi di videoscrittura
• ad utilizzare internet ed i principali motori di ricerca per la ricerca dei contenuti
• a digitalizzare disegni e immagini con lo scanner
• a catturare immagini e momenti particolari con fotocamere e videocamere.

I docenti hanno affinato le loro conoscenze informatiche per poter guidare gli alunni con competenza.

I materiali prodotti si sono rivelati di grande qualità, evidenziando l'impegno con cui sono stati realizzati. Per questo è stata fatta la scelta di inserirli tutti nell’ipertesto, così che ognuno si sentisse gratificato dal ritrovare nell'universo di internet il proprio contributo alla riuscita dell'iniziativa.
L'aver trasformato tutto il materiale in pagine web ha comportato un lungo e paziente lavoro, ma solo così rimarrà nella memoria del nostro istituto e costituirà un'importante "fonte storica e di documentazione" per chi vorrà recuperare un passato denso di tradizioni e di fatti storici importanti.

Quali opportunità/problemi affronta: 

Il Collegio Docenti ha individuato gli argomenti da sviluppare, in modo che non si verificassero sovrapposizioni e che i diversi contributi fossero complementari.

La scuola dell’infanzia ha scelto come argomento “Danze, canti e musiche dal Medioevo” ed i suoi piccoli alunni hanno fatto rivivere alla città l’atmosfera di quel periodo sfilando per le vie cittadine con dei costumi d’epoca. Bambini e insegnanti hanno lavorato da febbraio a maggio 2008 per preparare costumi e coreografie (aiutati da mamme e nonne). La manifestazione è stata ripresa con una videocamera; il filmato, riprodotto su DVD, è stato regalato a tutte le famiglie dell’Istituto Comprensivo.

La scuola primaria ha approfondito i seguenti temi:
• Feste, ricorrenze e tradizioni di Lodi Vecchio.
Le classi prime hanno disegnato le feste, le ricorrenze e le tradizioni di Lodi Vecchio e con i disegni è stato realizzato il calendario “Un anno insieme”.

• Le cascine ludevegine.
Le classi seconde hanno svolto una ricerca sui mestieri di una volta, riaffiorati nei ricordi dei nonni, e sulle cascine di Lodi Vecchio. Il percorso è stato sviluppato attraverso escursioni sul territorio ed anche grazie all’incontro con gli “Amici di Santa Maria” e con i dipinti di un “nonno-pittore”.

• Miti e leggende.
Le classi terze hanno lavorato su due leggende locali: la boga di San Pietro (La "boga" è un pezzo di ferro, a cui vengono attribuite miracolose proprietà taumaturgiche: infatti chi, addentato da un cane idrofobo, venga ancor oggi a Lodi Vecchio a "baciare" la boga, viene guarito dalla rabbia) e la Dea Mefite, la cui immagine è diventata il logo del progetto.

• Visita alla Basilica di San Bassiano.
Le classi quarte hanno approfondito la storia della Basilica di San Bassiano. Si sono recate sul posto, dove hanno incontrato il responsabile della Basilica e hanno, poi, realizzato dei disegni.

• Alla ricerca delle nostre origini.
Le classi quinte, legandosi al loro programma scolastico, hanno approfondito la storia di Lodi Vecchio, dalle origini al periodo romano. La loro ricerca si è concretizzata nella realizzazione di originali disegni. Inoltre, guidati dalle insegnanti di Religione, hanno approfondito la vita di San Bassiano.

La scuola secondaria di I grado ha riprodotto alcuni scorci caratteristici di Lodi Vecchio e ha scritto dei testi sia sulla storia della città che sull’integrazione dei ragazzi stranieri nel nostro istituto.

Please explain what is unique or special in your project: 

Una scuola di qualità sa conservare la memoria del passato, ascoltare i segni del presente e guardare con responsabilità al futuro.

Il progetto “Ti racconto la storia della mia città” ha unito questi tre momenti:

• è partito dal presente, dall’osservazione dell’esistente per chiedersi cosa c'era prima
• ha riportato al passato, alla scoperta delle proprie radici, a conoscere come era la vita 100 o 1000 anni fa
• ha reso bambini e ragazzi un po' più cittadini e gli ha offerto gli strumenti per guardare al futuro con più responsabilità.

Filo conduttore di questo viaggio nel tempo sono state le Nuove tecnologie che hanno raccolto le tracce del passato e le hanno elaborate per affidarle al futuro.
Questi sono gli elementi che fanno del nostro progetto un momento di formazione “unico e speciale”.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Il progetto ha risposto alle esigenze di innovazione e rispetto della tradizione (nuove tecnologie, riscoperta delle tradizioni e delle proprie radici, apertura al territorio) a cui il POF dell’istituto pone particolare attenzione ed ha fornito l’occasione per promuovere, costruire e consolidare rapporti di collaborazione con gli enti territoriali e con tutte le componenti che intervengono nella quotidianità dell’Istituto Comprensivo.

É stato, inoltre, considerato un importante momento di lavoro condiviso dai docenti dei diversi ordini scolastici che, pur facendo parte dello stesso Istituto Comprensivo, spesso si comportano da “separati in casa”: ognuno vive, progetta e lavora senza chiedersi che cosa faccia l’altro.

Grazie alla trasversalità e alla molteplicità dei contenuti, ha offerto l’opportunità di
• rendere vivace e motivante l’apprendimento di molte discipline scolastiche
• coinvolgere e facilitare l’inserimento di alunni con disabilità
• superare, nella collaborazione con gli altri, i propri limiti
• usare in modo vivo le nuove tecnologie
• crescere e maturare nel confronto con gli altri

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Come è finanziato il vostro progetto: 
Sponsorizzazioni
12. Trasferibilità
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto: 

Il nostro progetto può fornire ad altri soggetti un percorso e un metodo di lavoro per arrivare, in modo stimolante e interessante, alle proprie radici.

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Future plans and wish list: 

Il progetto si è concluso, ma si è pensato ad un modo molto originale per esportare la storia e la vita di Lodi Vecchio in tutto il mondo: la mail art.

La mail art, ovvero l’arte postale per corrispondenza, è un movimento artistico che utilizza il servizio postale per comunicare, per far circolare l’arte.
L’idea di utilizzarla per far conoscere la nostra città e la sua trasformazione nel tempo, per farne apprezzare le ricchezze e salvaguardarne i beni presenti, deriva dal fatto che l’arte unisce, emoziona, sperimenta, è creativa ma anche scientifica.
La mail–art rappresenta la voglia di aprire una finestra sul mondo all’esterno della scuola, di recuperare il valore dello scambio epistolare, di esprimersi utilizzando diversi linguaggi, di vivere il momento dell’attesa e il desiderio di scoprire e immaginare chi c’è dall’altra parte.
Il progetto vedrà impegnati, ancora una volta, tutti gli alunni dell’Istituto Comprensivo, a cui sarà spiegato cos’è l’arte postale. Si proseguirà con la decorazione di buste che verranno inviate in Italia, in Europa e in tutto il mondo. Le buste conterranno l’invito per i destinatari (individuati grazie ad appositi siti internet, ma non solo) a visitare l’area del nostro sito dedicata al progetto “Ti racconto la storia della mia città” e ad inviare una busta decorata con un soggetto che faccia riferimento a Lodi Vecchio.

Si passerà, quindi, alla fase dell’attesa ... nella speranza che sia ben ripagata.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

“Traditions Across Europe”

È un progetto etwinning basato sullo scambio di informazioni su aspetti , attività e tradizioni particolari del proprio paese fra 20 scuole europee.

1. Sommario progetto
Sommario: 

L’idea del progetto è nata nell’ambito degli scambi etwinning ad opera della Comanesti School -Suceava- Romania , è stata condivisa e sviluppata dai docenti delle scuole coinvolte e realizzata dagli stessi con gli alunni nelle proprie. I lavori inviati sul blog sono sempre stati frutto di attività previste dal curriculum. Le attività del progetto sono state incentrate sul recupero e lo scambio delle tradizioni locali al fine di creare senso di identità culturale e di apertura verso realtà diverse. Sono state coinvolte Inglese, Informatica, Scienze, Geografia, Educazione Ambientale e i relativi docenti con il compito di curare il lavoro in classe. Sono state utilizzate per il progetto 1 ora di Inglese ed 1 di Informatica a settimana.
Sono stati affidati compiti individuali di ricerca di tradizioni mediante interviste sul territorio. In classe sono stati organizzati grandi gruppi per la simulazione di attività tradizionali e piccoli gruppi per la selezione dei lavori da inviare. La ricerca individuale, la sperimentazione di attività tipiche, la produzione di lavori vari hanno favorito la scoperta consapevole del proprio territorio e della propria cultura e il consolidamento di competenze atte a esprimerli in modo creativo.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Francavilla in Sinni (PZ)
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Istituto Comprensivo "Don Bosco" - Francavilla in Sinni (PZ)
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Gina Antonietta Mango, Carmelo Mario Martino
E-Mail: 
mangogina@jumpy.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
http://traditionsacrosseurope.wordpress.com
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 15 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
14/02/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Obiettivi del progetto sono : guidare gli alunni alla graduale e consapevole scoperta del proprio territorio e condividere e confrontare con i partner stranieri gli aspetti più tipici e particolari .
Gli alunni sono stati guidati alla scoperta del proprio territorio mediante la raccolta di immagini, la realizzazione di interviste sul territorio, la sperimentazione in classe di quanto scoperto. Hanno condiviso e confrontato con i partner mediante l’uso delle TIC, del blog e del twinspace per comunicare ed inviare materiali e immagini delle
tradizioni esistenti .

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

Nel perseguire gli obiettivi prefissati si è utilizzata la seguente metodologia.
- Presentazione degli argomenti da sviluppare e delle attività da realizzare.
- Realizzazione di visite sul territorio.
- Sperimentazione in classe di quanto osservato durante le visite sul territorio.
- Presentazione del lessico in Inglese legato alle attività svolte.
- Produzione di documenti Word e powerpoint con immagini e didascalie nelle due lingue per socializzare le attività svolte con i partner stranieri .
Sono state utilizzate le seguenti risorse e strumenti interni ed esterni all’istituto:
interni all’istituto:
- Insegnante di Lingua Inglese
- Insegnanti di classe
- collaboratori scolastici
- laboratorio linguistico ed informatico( Word, Paint, Powerpoint, Windows Movie Maker, videoconferenza, posta
elettronica, blog...)
esterni all’istituto:
- Genitori ed anziani del paese
- Proprietari delle cantine e dei frantoi visitati
- Cantine e frantoi
- Strumenti e materie prime per la produzione del vino, del sidro e dell’olio

Quali opportunità/problemi affronta: 

La scuola opera in un piccolo paese di collina alle porte del Parco Nazionale del Pollino, un ambiente rurale, ricco di tradizioni popolari, usanze , attività tipiche dal gusto originale e genuino che potrebbero venire annientate dall’incalzare della globalizzazione se non opportunamente riscoperte e valorizzate. Il progetto affronta questa tematica e vuole essere motivo di riflessione sulle ricchezze culturali presenti nel nostro ambiente.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Il risultato generale più rilevante è la scoperta del proprio territorio, delle attività tipiche in esso presenti, delle proprie tradizioni e la condivisione ed il confronto con i partner stranieri utilizzando la lingua Inglese e le nuove tecnologie informatiche .
In particolare si evidenziano:
 Affinamento della capacità degli insegnanti di collaborare e di relazionarsi con gli altri operatori scolastici e di confrontarsi con altre realtà scolastiche e metodologie didattiche. Miglioramento della competenza nell’uso delle TIC.
 Da parte degli alunni una migliore conoscenza della storia e delle tradizioni del proprio paese, una maggiore capacità di relazionarsi con i partner mediante un migliore utilizzo delle TIC. Affinamento della capacità di esprimersi artisticamente in diverse forme (disegni, canti, produzioni multimediali) e miglioramento della capacità espressiva in lingua inglese.

In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

Il progetto è stato motivo per far rivivere e valorizzare a scuola aspetti caratteristici della nostra realtà sociale e culturale.

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

Interagiscono con il progetto 20 scuole europee.
La collaborazione con i colleghi delle scuole interessate, in lingua Inglese, è stata più intensa nella fase di progettazione grazie all’uso di email e videoconferenze. A progetto avviato i contatti sono stati meno intensi ma costanti mediante il blog e le email. In particolare con la Churchfields Primary School la cooperazione è andata oltre le attività del progetto e ha previsto anche scambi di materiali didattici. Gli alunni hanno avuto frequenti contatti con i bambini inglesi attraverso la posta elettronica e quella tradizionale ed è stato realizzata anche una videoconferenza per permettere una conoscenza più diretta tra le due classi. Con gli allievi delle altre scuole essi hanno invece lavorato in modo parallelo con il solo confronto e scambio finale di quanto prodotto sul blog.

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

Il progetto ha guidato gli alunni verso la consapevole scoperta e la riappropriazione di alcuni aspetti tipici del territorio e della propria identità culturale.

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

Studenti e docenti sono stati stimolati mediante il rapporto continuo con una realtà scolastica, territoriale e culturale diversa dalla nostra ed in particolare il progetto ha promosso:
- Affinamento della capacità degli insegnanti di collaborare e di relazionarsi con gli altri
operatori scolastici e di confrontarsi con altre realtà scolastiche e metodologie didattiche.
Miglioramento della competenza nell’uso delle TIC.
- Da parte degli alunni una migliore conoscenza della storia e delle tradizioni del proprio
paese, una maggiore capacità di relazionarsi con i partner mediante un migliore utilizzo
delle TIC. Affinamento della capacità di esprimersi artisticamente in diverse forme (disegni,
canti, produzioni multimediali) e miglioramento della capacità espressiva in lingua inglese.

Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

Settimanalmente abbiamo utilizzato la posta elettronica per lo scambio di informazioni e materiali, Word e Paint per la realizzazione di testi e immagini, Powerpoint per raccolte multimediali, Flashmeeting per le videoconferenze, il blog come spazio virtuale per la socializzazione e mezzo più utile, perché più visibile, per diffondere la propria cultura e confrontarla con altre. Gli strumenti TIC che sono stati usati in modo più creativo sono stati Paint, Word, Windows Movie Maker e soprattutto Power point . Gli alunni hanno realizzato con Paint disegni legati ad alcune tradizioni e festività che hanno inserito in documenti Word o inviati sul blog in slideshow ( realizzate utilizzando gli appositi siti e strumenti disponibili nel web); con Power point sono state prodotte presentazioni con fotografie , disegni, sfondi, effetti, didascalie e musiche; con Windows Movie Maker sono stati prodotti filmati che sono stati acquisiti sul blog mediante “You Tube”.

Descrivete i criteri che usate per misurate i risultati raggiunti dal vostro progetto: 

- Capacità di realizzare interviste mirate sul territorio - Capacità di far proprio aspetti culturali caratteristici del nostro territorio. - Capacità di realizzare quanto attività, giochi e quant'altro evidenzianto dalle ricerche sul territorio . - Capacità di utilizzare programmi per la produzione di file multimediali ed il web per la condivisione.

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

Il progetto è stato realizzato in tutte le scuole gemellate

Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto: 

- Capacità di relazionarsi con il proprio territorio. - Capacità di confrontarsi con realtà diverse in lingua inglese usando le TIC.

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

"Traditions across Europe" è un progetto etwinning. Non abbiamo alcun supporto finananziario perchè tutti gli scambi avvengono online ed i materiali inviati sul blog sono frutto del lavoro dei nostri alunni. Il team è formato dalle seguenti scuole: St. Brendan’s N.S.- Ireland (Thomas Duggan) Humoreni and Comanesti Schools- Romania (Liliana Mihalachi) Istituto Tecnico per il Turismo e Geometri- Italy (Anastasia Ciavattella) Bundesbildungsanstalt für Kindergartenpädagogik- Austria (Barbara Cermak) ImPULS Schule Schmiedefeld- Germany (Christine Amberg) Colegiul National “Nicu Gane”- Romania (Daniela Varvarei) Istituto Comprensivo “Don Bosco”- Italy (Gina Antonietta Mango, Carmelo Mario Martino) Saint Attracta’s Senior National School- Ireland (Joseph Molloy) Vilniaus Prano Mašioto pradinė mokykla- Lithuania ( Jurate Masiuliene) Zespół Szkół w Deszcznie- Poland ( Katarzyna Latuska) CEIP Sara Fernandez- Spain (Maria Jesus Sendra) Churchfields Primary School- England (Philip Johnson) Scuola Secondaria di I grado “A.VIVALDI”- Italy (Piera Ferranti) “Geo Milev” English Language School- Bulgaria (Tsvetelina Ilieva) Zespół Szkół RCKU- Poland (Wioletta Pietrzak-Dukalewska) Fludaskoli- Iceland (Elin Jona Traustadottir) Margaret Mortimer Girls Junior Lyceum- Malta (Noel Vella) Zespół Szkół Ogólnokształcących nr 8, Gimnazjum nr 18, Gdańsk-Poland (Anna Li Gregni) Szkoła Podstawowa nr 5 w Gdańsku -Poland (Izabella Łukaszewska) Scoala cu clasele I-VIII nr. 92. Bucuresti-Romania (Irina Vasilescu) Üzümlü Şehit Mehmet Primary School Beysehir, KONYA - Turkey (Nihan Kandiş) collaboratori individuali Dragos Apostu (Romania), www.dragosescu.com

Future plans and wish list: 

Vorremmo che studenti ed insegnanti che hanno lavorato nel progetto si incontrassero per almeno 2 - 3 giorni e per questo necessita un supporto finanziario.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

“I NOSTRI TERRITORI: IL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO ( MONTE CARAMOLA) E NEWCASTLE-UNDER-LYME”

Il progetto, nato nell’ambito degli scambi etwinning, coinvolge la Sc. primaria "A. Ciancia" dell’I. C.

1. Sommario progetto
Sommario: 

L’idea del progetto è nata nell’ambito degli scambi etwinning , è stata condivisa e sviluppata dai docenti delle due scuole e realizzata dagli stessi con gli alunni nelle proprie classi ( 5^B in Italia e 4^ in Inghilterra) e con il coinvolgimenti di genitori ed imprenditori locali per le ricerche e le esplorazioni sul territorio. I lavori inviati sul blog sono sempre stati frutto dell’integrazione fra le attività previste dal progetto e quelle previste dal curriculum delle discipline coinvolte: Inglese, Informatica, Scienze, Geografia, Educazione Ambientale,. Le attività del progetto hanno impegnato gli alunni per tutto l’anno scolastico. Tutte sono state svolte in fasi successive ognuna delle quali ha previsto l’integrazione nel curriculum delle diverse discipline:
- Presentazione degli argomenti da sviluppare e delle attività da realizzare.
- Realizzazione di visite sul territorio (cantine e frantoi).
- Sperimentazione in classe di quanto osservato durante le visite sul territorio ( produzione del vino, del sidro e dell’olio).
- Presentazione del lessico in Inglese legato alle attività svolte.
- Produzione di documenti Word e powerpoint con immagini e didascalie nelle due lingue per
socializzare le attività svolte con i partner stranieri.
- Condivisione dei lavori sul web

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Francavilla in Sinni (PZ)
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Isituto Comprensivo "Don Bosco" - Francavilla in Sinni (PZ)
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Gina Antonietta Mango, Carmelo Mario Martino
E-Mail: 
mangogina@jumpy.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
http://italiachiamaeuropa.blogspot.com
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 10 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
14/11/2005
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

L’idea del progetto è nata nell’ambito degli scambi etwinning , è stata condivisa e sviluppata dai docenti delle due scuole e realizzata dagli stessi con gli alunni nelle proprie classi ( 5^B in Italia e 4^ in Inghilterra) e con il coinvolgimenti di genitori ed imprenditori locali per le ricerche e le esplorazioni sul territorio. I lavori inviati sul blog sono sempre stati frutto dell’integrazione fra le attività previste dal progetto e quelle previste dal curriculum delle discipline coinvolte: Inglese, Informatica, Scienze, Geografia, Educazione Ambientale,. Le attività del progetto hanno impegnato gli alunni per tutto l’anno scolastico. Tutte sono state svolte in fasi successive ognuna delle quali ha previsto l’integrazione nel curriculum delle diverse discipline:
- Presentazione degli argomenti da sviluppare e delle attività da realizzare.
- Realizzazione di visite sul territorio (cantine e frantoi).
- Sperimentazione in classe di quanto osservato durante le visite sul territorio ( produzione del vino, del sidro e dell’olio).
- Presentazione del lessico in Inglese legato alle attività svolte.
- Produzione di documenti Word e powerpoint con immagini e didascalie nelle due lingue per
socializzare le attività svolte con i partner stranieri.
- Condivisione dei lavori sul web
1. culturali: Confrontare aspetti culturali; riappropriarsi delle proprie tradizioni e della propria storia.
2. sociali: Scoprire e valorizzare aspetti della propria realtà sociale.
3. professionali: valorizzare attività ed imprese tipiche legate al territorio.

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

Nel perseguire gli obiettivi prefissati si è utilizzata la seguente metodologia:
- Presentazione degli argomenti da sviluppare e delle attività da realizzare.
- Realizzazione di visite sul territorio.
- Sperimntazione in classe di quanto osservato durante le visite sul territorio.
- Presentazione del lessico in Inglese legato alle attività svolte.
- Produzione di documenti Word e powerpoint con immagini e didascalie nelle due lingue per
socializzare le attività svolte con i partner stranieri .
Sono state utilizzate le seguenti risorse e strumenti interni ed esterni all’istituto:
interni all’istituto:
- Insegnante di Lingua Inglese
- Insegnanti di classe
- collaboratori scolastici
- laboratorio linguistico ed informatico( Word, Paint, Powerpoint, videoconferenza, posta
elettronica, blog)
esterni all’istituto:
- Genitori ed anziani del paese
- Proprietari delle cantine e dei frantoi visitati
- Cantine e frantoi
- Strumenti e materie prime per la produzione del vino, del sidro e dell’olio

Quali opportunità/problemi affronta: 

La scuola opera in un piccolo paese di collina alle porte del Parco Nazionale del Pollino, un ambiente rurale, ricco di tradizioni popolari, usanze , attività tipiche dal gusto originale e genuino che potrebbero venire annientate dall’incalzare della globalizzazione se non opportunamente riscoperte e valorizzate. Il progetto affronta questa tematica e vuole essere motivo di riflessione sulle potenzialità di benessere economico e sociale presente nel nostro ambiente.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Gli alunni hanno scoperto il proprio territorio, le attività tipiche in esso presenti, le proprie tradizioni ed hanno condiviso e confrontato ogni cosa con i coetanei inglesi utilizzando la lingua Inglese e le nuove tecnologie informatiche .

In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

Il progetto è stato motivo per far rivivere e valorizzare a scuola aspetti caratteristici della nostra realtà sociale e culturale. La scuola è divenuta così il luogo in cui riappropriarsi della propria identità culturale e della propria storia. Si rivolge alla scuola, alle imprese, a tutte le agenzie ed associazioni culturali affinchè si impegnino a portare alla luce e a valorizzare aspetti tipici del nostro territorio capaci di divenire fonte di benessere sociale ed economico.

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

Interagiscono con il progetto 3 insegnanti e oltre 40 alunni fra italiani ed inglesi.
La collaborazione con il collega della scuola partner è stata intensa e continua in tutte le fasi dello svolgimento del progetto grazie all’uso di email e del blog. Si è collaborato nella progettazione delle varie attività e nella loro realizzazione e spesso la cooperazione è andata oltre le attività del progetto e ha previsto anche scambi di materiali didattici. Gli alunni hanno avuto frequenti contatti con i bambini inglesi attraverso la posta elettronica e quella tradizionale e la videoconferenza. Hanno condiviso, socializzato, commentato e confrontato i lavori realizzati e spesso suggerito ulteriori attività mediante la pubblicazione sul blog.

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

Il progetto ha guidato gli alunni verso la consapevole scoperta e la riappropriazione di alcuni aspetti tipici del territorio e della propria identità culturale

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

Studenti e docenti sono stati stimolati mediante il rapporto continuo con una realtà scolastica, territoriale e culturale diversa dalla nostra ed in particolare il progetto ha promosso:
- Affinamento della capacità degli insegnanti di collaborare e di relazionarsi con gli altri
operatori scolastici e di confrontarsi con altre realtà scolastiche e metodologie didattiche.
Miglioramento della competenza nell’uso delle TIC.
- Da parte degli alunni una migliore conoscenza della storia e delle tradizioni del proprio
paese, una maggiore capacità di relazionarsi con i partner mediante un migliore utilizzo
delle TIC. Affinamento della capacità di esprimersi artisticamente in diverse forme (disegni,
canti, produzioni multimediali) e miglioramento della capacità espressiva in lingua inglese.

Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

Settimanalmente abbiamo utilizzato la posta elettronica per lo scambio di informazioni e materiali, Word e Paint per la realizzazione di testi e immagini, Power point per raccolte multimediali, il blog come spazio virtuale per la socializzazione e mezzo più utile, perché più visibile, per diffondere la propria cultura ed il proprio territorio e confrontarli con altri. Gli strumenti TIC che sono stati usati in modo più creativo sono stati Paint, Word e soprattutto Power point. Gli alunni hanno realizzato con Paint disegni legati ad alcune tradizioni e festività che hanno inserito in documenti Word o inviati sul blog in slideshow ( realizzate utilizzando gli appositi siti e strumenti disponibili nel web); con Power point sono state prodotte presentazioni con fotografie , disegni, sfondi, effetti, didascalie e musiche.

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 3 a 6 anni
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

Il progetto è stato realizzato anche nella scuola partner Churchfields Primary School- Chesterton,Newcastle-under-Lyme- England-UK

Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto: 

- Capacità di relazionarsi con il proprio territorio. - Capacità di confrontarsi con realtà diverse in lingua inglese usando le TIC.

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

“I NOSTRI TERRITORI: IL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO ( MONTE CARAMOLA) E NEWCASTLE-UNDER-LYME”
è un progetto etwinning. Non abbiamo alcun supporto finananziario perchè tutti gli scambi avvengono online ed i materiali inviati sul blog sono frutto del lavoro dei nostri alunni. Il team è formato dalle seguenti scuole: Istituto Comprensivo “Don Bosco”- Italia (Gina Antonietta Mango, Carmelo Mario Martino) e Churchfields Primary School- England (Philip Johnson) .

Future plans and wish list: 

Vorremmo che studenti ed insegnanti che hanno lavorato nel progetto si incontrassero per almeno 2 - 3 giorni e per questo necessita un supporto finanziario.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

“Scuola, territorio, tradizioni: due culture a confronto/ School, territory, traditions: two cultures in comparison"

È un progetto etwinning basato sullo scambio di informazioni su aspetti , attività e tradizioni particolari del proprio paese fra due scuole Europee:” Scuola Primaria “A.

1. Sommario progetto
Sommario: 

L’idea del progetto è nata nell’ambito degli scambi etwinning , è stata condivisa e sviluppata dai docenti delle due scuole e realizzata dagli stessi con gli alunni nelle proprie classi ( 5^B in Italia e 4^ in Inghilterra) e con il coinvolgimento di genitori e nonni per le ricerche sul territorio. I lavori inviati sul blog sono sempre stati frutto dell’integrazione fra le di attività previste dal progetto e quelle previste dal curriculum delle discipline coinvolte: Inglese, Informatica, Geografia, Educazione Ambientale, Arte e immagine, Attività Motorie . Le attività del progetto sono state organizzate per moduli, alcuni di breve durata, altri di più largo respiro, quali “ Discovering our and our partner’s territory” e “Old games and toys”, hanno impegnato gli alunni per tutto l’anno scolastico. Tutte sono state svolte in fasi successive ognuna delle quali ha previsto l’integrazione nel curriculum delle diverse discipline:
- Ricerca sul territorio mediante interviste e raccolta di immagini (Geografia, Ed. Ambientale)
- Sperimentazione in classe ed in palestra di quanto ricavato dalle ricerche ( Geografia, Attività Motoria e Tecnologia)
- Presentazione del lessico in Inglese legato alle attività svolte (Inglese)
- Produzione di documenti Word, Powerpoint e WMV con immagini e didascalie nelle due lingue, scambio di email e invio di post sul blog per socializzare le attività svolte con i partner stranieri ( Informatica , Inglese, Arte e immagine).

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Francavilla in Sinni-PZ
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Istituto Comprensivo "Don Bosco"- Francavilla in Sinni (PZ)
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Gina Antonietta Mango, Carmelo Mario Martino
E-Mail: 
mangogina@jumpy.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
http://italiachiamaeuropa.blogspot.com
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 10 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
05/11/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

 Obiettivi del progetto sono : guidare gli alunni alla graduale e consapevole scoperta del
proprio territorio e condividere e confrontare con i partner stranieri gli aspetti più tipici e
particolari ( I giochi ed i giocattoli dei nonni).
 Gli alunni sono stati guidati alla scoperta del proprio territorio mediante la raccolta di
immagini, la realizzazione di interviste sul territorio, la sperimentazione in palestra di
quanto scoperto. Hanno condiviso e confrontato con i partner mediante l’uso delle TIC, del
blog e del twinspace per comunicare ed inviare materiali e immagini del proprio paese , delle
tradizioni esistenti e dei giochi raccolti e sperimentati.

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

Nel perseguire gli obiettivi prefissati si è utilizzata la seguente metodologia.
- Presentazione degli argomenti da sviluppare e delle attività da realizzare.
- Ricerca sul territorio mediante interviste agli anziani del paese.
- Sperimentazione in classe di quanto raccolto mediante le interviste.
- Presentazione del lessico in Inglese legato alle attività svolte.
- Produzione di documenti Word e powerpoint e WMV con immagini e didascalie nelle due lingue per socializzare le attività svolte con i partner stranieri .
Sono state utilizzate le seguenti risorse e strumenti interni ed esterni all’istituto:
interni all’istituto:
- Insegnante di Lingua Inglese
- Insegnanti di classe
- collaboratori scolastici
- laboratorio linguistico ed informatico( Word, Paint, Powerpoint, e WMV, posta
elettronica, blog)
esterni all’istituto:
- Genitori, nonni ed anziani del paese

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Il risultato generale più rilevante è la scoperta del proprio territorio, delle attività tipiche in esso presenti, delle proprie tradizioni e la condivisione ed il confronto con i partner stranieri utilizzando la lingua Inglese e le nuove tecnologie informatiche .
In particolare si evidenziano:
 Affinamento della capacità degli insegnanti di collaborare e di relazionarsi con gli altri operatori scolastici e di confrontarsi con altre realtà scolastiche e metodologie didattiche. Miglioramento della competenza nell’uso delle TIC.
 Da parte degli alunni, una migliore conoscenza della storia e delle tradizioni del proprio paese, una maggiore capacità di relazionarsi con i partner mediante un migliore utilizzo delle TIC. Affinamento della capacità di esprimersi artisticamente in diverse forme (attività ginniche, lavoro di squadra, produzioni multimediali) e miglioramento della capacità espressiva in lingua inglese.

In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

Il progetto è stato motivo per far rivivere e valorizzare a scuola aspetti caratteristici della nostra realtà sociale e culturale.
.

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

Interagiscono con il progetto 3 insegnanti e oltre 40 alunni fra italiani ed inglesi.
La collaborazione con il collega della scuola partner è stata intensa e continua in tutte le fasi dello svolgimento del progetto, grazie all’uso di email e del blog. Si è collaborato nella progettazione dei vari moduli e nella realizzazione delle attività previste e, spesso, la cooperazione è andata oltre le attività del progetto e ha previsto anche scambi di materiali didattici. Gli alunni hanno avuto frequenti contatti con i bambini inglesi attraverso la posta elettronica e quella tradizionale. Hanno condiviso, socializzato, commentato e confrontato i lavori realizzati e spesso suggerito ulteriori attività mediante la pubblicazione sul blog.

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

Il progetto ha guidato gli alunni verso la consapevole scoperta e la riappropriazione di alcuni aspetti tipici del territorio e della propria identità culturale.

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

Studenti e docenti sono stati stimolati mediante il rapporto continuo con una realtà scolastica, territoriale e culturale diversa dalla propria ed in particolare il progetto ha promosso:
- Affinamento della capacità degli insegnanti di collaborare e di relazionarsi con gli altri
operatori scolastici e di confrontarsi con altre realtà scolastiche e metodologie didattiche.
Miglioramento della competenza nell’uso delle TIC.
- Da parte degli alunni, una migliore conoscenza della storia e delle tradizioni del proprio
paese, una maggiore capacità di relazionarsi con i partner mediante un migliore utilizzo
delle TIC. Affinamento della capacità di esprimersi artisticamente in diverse forme e
miglioramento della capacità espressiva in lingua inglese

Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

Settimanalmente abbiamo utilizzato la posta elettronica per lo scambio di informazioni e materiali, Word e Paint per la realizzazione di testi e immagini, Windows Movie Maker per raccolte multimediali, Google Maps(satellitare) per compiere viaggi virtuali ed esplorare il proprio paese e quello dei partner, il blog come spazio virtuale per la socializzazione e mezzo più utile, perché più visibile, per diffondere la propria cultura ed il proprio territorio e confrontarli con altri. Gli strumenti TIC che sono stati usati in modo più creativo sono stati Paint, Word e soprattutto Windows Movie Maker. Gli alunni hanno realizzato con Paint disegni legati ad alcune tradizioni e festività o ad angoli particolari del proprio paese che hanno inserito in documenti Word o inviati sul blog in slideshow ( realizzate utilizzando gli appositi siti e strumenti disponibili nel web); con Windows Movie Maker sono stati prodotti filmati con fotografie , disegni, sfondi, effetti, didascalie e musiche.

Descrivete i criteri che usate per misurate i risultati raggiunti dal vostro progetto: 

- Capacità di realizzare interviste mirate sul territorio
- Capacità di far proprio le regole dei giochi dei nonni.
- Capacità di realizzare i giochi rispettandone le regole.
- Capacità di utilizzare programmi per la produzione di file multimediali.

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

Il progetto è stato realizzato anche nella scuola partner Churchfields Primary School-Chesterton,Newcastle-under-Lyme-england-UK

Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto: 

- Capacità di relazionarsi con il proprio territorio.
- Capacità di confrontarsi con realtà diverse in lingua inglese usando le TIC.

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

“Scuola, territorio, tradizioni: due culture a confronto/ School, territory, traditions: two cultures in comparison"è un progetto etwinning. Non abbiamo alcun supporto finananziario perchè tutti gli scambi avvengono online ed i materiali inviati sul blog sono frutto del lavoro dei nostri alunni. Il team è formato dalle seguenti scuole: Istituto Comprensivo “Don Bosco”- Italia (Gina Antonietta Mango, Carmelo Mario Martino) e Churchfields Primary School- England (Philip Johnson) .

Future plans and wish list: 

Vorremmo che studenti ed insegnanti che hanno lavorato nel progetto si incontrassero per almeno 2 - 3 giorni e per questo necessita un supporto finanziario.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Feste nel mondo

Conoscere e confrontare le modalità di festeggiamenti nei vari paesi del mondo.

1. Sommario progetto
Sommario: 

La nostra scuola ha una lunga tradizione di studenti immigrati, per questo è nata quasi spontaneamente l'esigenza, legata anche ad una corretta accoglienza degli alunni, di conoscere come e quando si festeggiano le varie specifiche ricorrenze. Siamo partiti dal confronto sulle varie modalità di come si festeggia il natale (cibi, canti, tradizioni, abiti, usanze) tra le varie etnie presenti in classe, per poi passare ad analizzare altre feste del mondo.
Questo percorso ha permesso di aprire le esperienze degli studenti ed allargare i loro orizzonti, imparare a rispettare gli altri. Per realizzare il tutto sono state coinvolte le famiglie degli studenti stranieri che hanno contribuito a portare oggetti di artigianato, costumi, cibi ed a raccontare le loro storie di immigrazione, creando una vera immersione nell'altrove.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Roma
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
IC "Palombini"
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Rosaria Carta
E-Mail: 
cartamaros@libero.it
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 10 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/09/2009
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Aver coinbolto le famiglie nel ruolo di facilitatori delle conoscenze.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Favorito l'inserimento degli alunni stranieri

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Meno di 1 anno
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

In altre classi dell'istituto che avevano alunni di diverse etnie

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Informazioni aggiuntive
Future plans and wish list: 

Approfondire la cultura dei paesi analizzati, scambio culturale o gemellaggio con bambini dei paesi studiati.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali
Condividi contenuti