• strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_handler_argument::init() should be compatible with views_handler::init(&$view, $options) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_argument.inc on line 33.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_node_status::operator_form() should be compatible with views_handler_filter::operator_form(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/modules/node/views_handler_filter_node_status.inc on line 6.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 14.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.

Laboratorio

Tassellatura e matematica in un ambiente di apprendimento laboratoriale

L'incontro tra arte e geometria, attraverso il lavoro creativo di una esperienza di laboratorio, quale strategia di intervento didattico mirato a contrastare il fenomeno dell'abbandono scolastico,

1. Sommario progetto
Sommario: 

Ideazione

Il progetto nasce, si sviluppa e viene realizzato dalla prof.ssa Norma Lisa Neiman nell'anno scolastico 2008/2009 edè finalizzata alla ricerca di ambienti di apprendimento efficaci nel motivare gli alunni allo studio della matematica, come prevenzione dell'abbandono e del fallimento scolastico.Per questo viene inserito all'interno di una classe prima, composte da alunni con diverse entroterra culturali e con differenti interessi, motivazioni e stili di apprendimento.All'interno di un esperienza di laboratorio si vuole stimolare la partecipazione e stimolare gli alunni, dando la possibilità ad ognuno, anche lo studente più fragile nella materia ad essere autore del proprio lavoro creativo e quinid integrare lo studio con un apprendimento attivo, condiviso, e cooperativo.Gli aspetti che hanno caratterizzato questa esperienza didattica sono i seguenti:l'integrazione tra arte e geometria, l'aggancio con fenomeni e situazioni della vita quotidiana(la tassellatura); il coinvolgimento attivo degli alunni, la cooperazione tramite momenti di discussione all'interno di gruppi di lavoro e di fronte alla classe, l'utilizzo di nuove tecnologie(software grafico), il divertimento.

Finalità, obiettivi specifici e scelte di contenuto

Il progetto si propone di: suscitare interesse e promuovere attitudini nei confronti della matematica lavorando tramite la motivazione;fornire stimoli e strumenti diversi (modelli artistici, strumenti tradizionali, software grafica)allo scopo di valorizzare i diversi stili d'apprendimento; evidenziare il legame tra arte, mondo fisico e modelli geometrici; favorire l'auto-apprendimento attraverso la creatività ed il confronto con le idee dei compagni; aiutare gli alunni a interpretare le proprie esperienze, tramite la discussione a fine lavoro e a costruire conoscenze e competenze via via più formalizzate a partire da quanto già sanno; sviluppare competenze realtive all'indagine sperimentale (osservare, indagare, misurare, trattare ed interpretare dati).

Metodi di insegnamento/apprendimento,risorse/strumenti e procedure

L'approccio a tutte le fasi del percorso èstato di tipo operativo e in genere si è sviluppato secondo il seguente schema:rappresentazione di un oggetto, trasformazioni geometriche dell'oggetto, indivuazione delle proprietà geometriche.Dal punto di vista organizzativo, si sono integrati momenti di attività individuale nel laboratorio e di gruppi, con momenti di lavoro all'interno della classe, discussione degli elaborati.Le risorse utilizzate sono il laboratorio di informatica, il software grafico (Paint,programma accessorio di Windows) ed il testo diM.C. Escher "Grafica e Disegni" editore Taschen

Valutazione

Si valuta l'esperienza attraverso:l'osservazione diretta dei ragazzi durante lo svolgimento delle attività, in particolare per valutare in che misura erano in grado di trasferire in situazioni diverse abilità e conoscenze messe in gioco in un'indagine precedente, verifica del prodotto ottenuto.

Risultati e ricaduta sul resto della didattica

La valutazione complessiva dell'esperienza è positiva,soprattutto per quanto riguarda la ricaduta sotto l'aspetto dell'interesse e della motivazione ed affiatamento in classe.In alcuni casi questo atteggiamento positivo non è rimasto circoscritto all'ambito dell'esperienza ma si è tradotto in una maggiore disponibilità a partecipare alle lezioni di matematica.Dai commenti dei ragazzi emerge il piacere di lavorare attraverso il fare e sfruttare le proprie attitudini, esperienze e creatività e di poter esplorare e di condividere con compagni e l'insegnante le proprie scoperte.Le opere create dagli alunni sono state incorniciate ed esposte nella scuola con accanto il commento di ogni singolo lavoro

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Roma
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
ITCS Piero Calamandrei
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Norma Lisa Neiman
E-Mail: 
normalisa.neiman@istruzione.it
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/11/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Suscitare interesse e motivazione nei confronti della matematica, fornire stimoli e strumeti diversi (modelli artistici, strumenti tradizionali, sfotware grafico) allo scopo di valorizzare i diversi stili di apprendimento

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Ricaduta didattica si sotto l'aspetto  dell'interesse che della motivazione ed affiatamento classe si è tradotto alcune volte in una maggiore disponibilità a partecipare alle lezioni di matematica

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Meno di 1 anno
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Altro
Altro: 
fondo d'istiuto
12. Trasferibilità
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

Il riferimento teorico generale è dato dalle teorie costruttiviste, i testi di Steinberg, le opere di Escher, il Master "arte della matematice e matematica dell'arte"

Future plans and wish list: 

Inserirlo all'interno di un modulo curriculare

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Laboratorio Teatrale Integrato Piero Gabrielli

Il progetto nasce da un’intesa interistituzionale tra Comune di Roma, ex Provveditorato agli Studi, oggi MIUR, Teatro di Roma che hanno sottoscritto un protocollo d’intesa esplicitando la seguente fin

1. Sommario progetto
Sommario: 

Il progetto prevede l’organizzazione di alcuni laboratori condotti da un esperto e/o dalle insegnanti, in particolare quest’anno sono stati creati 3 laboratori: Recitazione, Scene e Costumi e Documentazione (quest’ultimo per documentare l’esperienza attraverso un giornale telematico sul sito www.ilpierino.it). Sono stati coinvolti 44 bambini delle due IV del plesso di Angeli della Città, di cui 9 bambini certificati e 4 con difficoltà. Il progetto si è concluso con la messa in scena dello spettacolo “Il cerchio magico” al teatro di SS Assunta (un teatro di quartiere), con una prima e tre repliche. Il progetto è stato supervisionato e monitorato dal Coordinamento del Piero Gabrielli, costituito da un team di professionisti (pedagogista, neuropsichiatria infantile e regista) che affiancano le scuole per rendere l’esperienza laboratoriale un momento di crescita sia del singolo alunno che di tutto il gruppo coinvolto. Nell’ultimo biennio è stata costituita la Rete delle scuole del Piero Gabrielli alla quale aderiscono istituti di ogni ordine e grado che condividono questa esperienza.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Roma
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
196° circolo didattico
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Anita Carpi
E-Mail: 
anita.carpi@fastwebnet.it
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 10 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/09/2004
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

• attivare il processo d’integrazione attraverso la pratica teatrale utilizzando il modello del laboratorio e usufruendo di competenze professionali specifiche e diversificate;
• dare a tutti i componenti del gruppo la possibilità di far emergere le proprie potenzialità e di sviluppare le proprie abilità comunicative e cognitive mediante un’attività che non li pone in confronto competitivo e che dà a ciascuno- nella libertà dei ruoli differenziati- il modo di esprimere se stessi;
• rafforzare il livello di autostima degli studenti, attraverso l’attività gratificante del teatro, per fare evolvere il processo di autonomia all’interno dei rapporti e delle relazioni nella struttura familiare e scolastica e nel più ampio contesto sociale;
• contribuire, attraverso la diffusione e il consolidamento di questa esperienza, al superamento di preconcetti personali e pregiudizi sociali nei confronti della disabilità e alla valorizzazione di ogni forma di diversità;
• fornire alle scuole di diverso ordine e grado un ulteriore strumento operativo le cui prospettive educative, realizzandosi nella trasversalità dei curricoli, arricchiscono le possibilità degli alunni con e senza difficoltà e si adoperano al raggiungimento di traguardi formativi;

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Attraverso il percorso laboratoriale gli alunni hanno acquisito una maggior consapevolezza di sé e degli altri in un ambiente basato sul confronto e non sulla competizione, in cui poter far emergere le proprie potenzialità e le proprie abilità comunicative ed espressive attraverso i linguaggi verbali e non verbali. Ogni laboratorio ha poi sviluppato i linguaggi e le competenze che gli erano propri.

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 3 a 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 10.001 a 30.000
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

Il progetto coinvolge molte altre scuole di Roma (dalle elementari alle superiori) che lavorano in rete.

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

“L’ELETTRICITA”

IL LICEO SCINTIFICO D’ASSISI ANTICIPA DAL QUINTO AL QUARTO ANNO LO STUDIO DELL’ELETTRICITA.

1. Sommario progetto
Sommario: 

IL PROGETTO “ELETTRICITA” è RIVOLTO ALLE CLASSI DELLA SPERIMENTAZIONE PIANO NAZIONALE DI INFORMATICA (PNI) CHE ANTICIPA AL PRIMO ANNO DI CORSO DEL LICEO SCIENTIFICO GLI INSEGNAMENTI DI FISICA E INFORMATICA. PARTECIPANO A LIVELLI DIVERSI DI APPROFONDIMENTO I RAGAZZZI DEL BIENNIO E DEL TRIENNIO, SPECIE QUELLI CON INTERESSI IN MATEMATICA, FISICA, INFORMATICA. SI è TENTATA POI LA SPERIMENTAZIONE CHE ANTICIPA PER UN GRUPPO DI RAGAZZI DEL QUARTO ANNO LO STUDIO DELL’ELETTRICITA, CHE APPARTIENE AL PROGRAMMA DI QUINTO ANNO. GIA DA ALCUNI ANNI NEL MESE DI NOVEMBRE IN ORARIO SCOLASTICO, IL LICEO SCIENTIFICO D’ ASSISI APRE LE PORTE A CIRCA TRECENTOCINQUANTA STUDENTI DELLE SCUOLE MEDIE DEL TERRITORIO, PER FAR VEDERE NEL LABORATORIO DI INFORMATICA COME SI UTILIZZANO CERTI PROGRAMMI E NEL LABORATORIO DI FISICA PROPORRE ESPERIMENTI DI FENOMENI FISICI DELLA VITA QUOTIDIANA. NEL LABORATORIO DI FISICA, I RAGAZZI DEL CORSO SPERIMENTALE- DELLE CLASSI DALLA SECONDA A LLA QUINTA - ACCOMPAGNATI DALL’INSEGNANTE A ROTAZIONE IN NUMERO DI CIRCA QUINDICI PER VOLTA ESEGUONO E ILLUSTRANO AI RAGAZZI PIU PICCOLI LE ESPERIENZE CHE SI POSSONO FARE AL LICEO ATTRAVERSO L USO DEGLI SPECCHI O COME CALCOLARE LA GITTATA DI UN OGGETTO DI CUI è NOTA LA MASSA. INOLTRE CON L’UNIVERSITA DI TOR VERGATA PER IL PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE, CON IL PROFESSOR CASALGRANDI PER LA FISICA E CON IL PRFESSOR GHIONE PER LA MATEMATICA NELL’A.S. 2005/2006 è PARTITA LA PROGETTAZIOE DI UN CD ROM SUI TEMI DELLE ONDE, DELLA TERMODINAMICA E DELLA FISICA QUANTISTICA CHE PUR ESSENDO UN ARGOMENTO ATTRAENTE PER I RAGAZZI DEL LICEO, NON SEMPRE SI RIESCE A TRATTARE PER COME SONO STRUTTURATI I PROGRAMMI. NEL SITO WEB DELLA SCUOLA SONO PRESENTI PRESENTAZIONI IN POWER POINT DI MATEMATICA, SULLE MATRICI E SISTEMI DI EQUAZIONI LINEARI SUGGERIMENTI DI ESPERIMENTI DI FISICA SULLA DENSITA E SUL VOLUME CHE SONO MOTIVO DI ORGOGLIO E SODDISFAZIONE PER I RAGAZZI.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Roma
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
LICEO SCIENTIFICO F. D’ASSISI
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
ANGELA FANTI
E-Mail: 
RMPS10000A@istruzione.it
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 18 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/09/2005
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

NELLE SCUOLE NON CI SONO CANALI DA SEGUIRE PER DIFFONDERE I PROPRI PRODOTTI. AD ESEMPIO PER IL CALCOLO COMBINATORIO CI SARANNO MOLTI MATERIALI IN TUTTA ITALIA, MA LE NOTIZIE NON VENGONO SUFFUICIENTEMENTE SCAMBIATE QUINDI OGNUNO SENTE IL BISOGNO DI PROVEVDERE PER PASSARE I LAVORI AI COLEGHI CHE NE HANNO BISOGNO. LO SCAMBIO DELLE INFORMAZIONI è DUNQUE TRA I PRINCIPALI OBIETTIVI CHE SI PROPONE IL PROGETTO, OLTRE ALLO SVILUPPO E ALLA CRESCITA DEI RAGAZZE CHE VI PARTECIPANO.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

I PROPOSITI EDUCATIVI E SOCIALI E LA VALENZA EDUCATIVA DEL PROGETTO “ELETTRICITA” SONO STATI PIENAMENTE RAGGIUNTI. L’USO DELLE TECONOLOGIE è SERVITO PER IMPARARE ATTRAVERSO PROGRAMMI CHE USANO UN LINGUAGGIO TECNICO SPECIALISTICO, QUALI AD ESEMPIO UN SIMULATORE GEOMETRICO E UNO PER GRAFICI DI FUNZIONE E PER MATRICI, E PER COMUNICARE CON PRESENTAZIONI IN POWER POINT. LA CAPACITA DI APPRENDERE IN RETE è STATA ESERCITATA COOPERATIVAMENTE IN INTERNET IN PRESENZA DOVE IN GENERE DUE ALLIEVI LAVORANO AD UNO STESSO COMPUTER.INOLTRE LE ALLIEVE E GLI ALLIEVI HANNO MIGLIORATO L’INTELLIGENZE LINGUISTICA TRASMETTENDO LE LORO CONOSCIENZE SCIENTIFICHE IN FORMA ANCHE SCRITTA A COMMENTO DELL’ESPERIMENTO. SI è TRATTATO DI UN OTTIMO ESERCIZIO ANCHE PER LO SVILUPPO DELL’INTELLIGENZA CORPOREO CINESTETICA CHE REGOLA IN LABORATORIO LA MANUALITA FINE E LA MOTILITA PIU GROSSOLANA, E PER L’INTELLIGENZA PERSONALE ESERCITATA NELLA COLALBORAZIONE CON ALTRI A UNO STESSO FINE.

12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

OLTRE ALLA CITATA “SETTIMANA DELLO STUDENTE” SONO STATI PREDISPOSTI, TRAMITE LA COLLABORAZIONE CON I LABORATORI NAZIONALI DI FRASCATI DELL’ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE, UNO “STAGE MASTER CLASS 2007”, VISITE GUIDATE E CONFERENZE TENUTE DA ESPERTI.

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Laboratorio del gusto

Educazione alla cultura del cibo in relazione ai campi sensoriali

1. Sommario progetto
Sommario: 

Il percorso ha preso spunto da una proposta della Regione Lazio - Educazione Alimetare "Sapere i Sapori".Il preogetto in classe si è sviluppato nelle seguenti fasi:
-Individuazione dei gruppi alimentari
-Scelta di 3 campioni per ogni alimento
-Elaborazione di schede strutturate in base agli ambiti sensoriali
-Degustazione e analisi dei campioni
-Tabulazione ed elaborazione dei dati
-Presentazione dei lavori in Power Point
-Ricerca di ricette legate ai campi analizzati
-Realizzazione a classi aperte di stand gastronomici delle ricette

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Roma
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
SMS Riccardo Quartararo
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Menichetti Marcella, Battista Serena
E-Mail: 
m.fioroni@tiscali.it
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 15 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/09/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Promuovere nei ragazzi adolescenti la cultura del cibo nelle sue diverse forme, finalizzata ad una educazione alla biodiversità e alla prevenzione delle patologie alimentari

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Maggiore consapevolezza rispetto ad una corretta alimentazione

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
No
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Homo faber: laboratorio di archeologia

Corso sulle tecniche di lavorazione dei manufatti antichi in ceramica.

1. Sommario progetto
Sommario: 

L'idea è nata perchè i bambini potessero apprendere lo studio della storia in maniera pratica attraverso una didattica laboratoriale.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Roma
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Scuola Papa Wojtyla
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Viviana Balzamonti
E-Mail: 
vivibalza@alice.it
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 10 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/12/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Conoscere il lavoro dell'archeologo in modo ludico e realizzando una presentazione multimediale.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Realizzazione di una presentazione multimediale.

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Meno di 1 anno
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
No
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

“Mangiar sano e mangiar mediterraneo…”

L’Istituto Comprensivo Leonori tra altre sue iniziative d’integrazione tra scuola e territorio nella scuola secondaria ha promosso la realizzazione di svariati libri di ricette di cucina nostrana.

1. Sommario progetto
Sommario: 

Il progetto “Mangiar sano mangiar mediterraneo… ricette ma non solo”, è la prosecuzione del primo lavoro importante del laboratorio d’informatica della scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo Leonori, di cui si conserva memoria grazie al libro di ricette omonimo Il gusto del sapere. I cibi poveri della cucina mediterranea. Nell’a. s. 2002/2003, entro il progetto Sapere i sapori promosso dall’Assessorato all’Agricoltura della Regione Lazio, il progetto “Il gusto del sapere” ha coinvolto una classe prima della scuola secondaria inferiore. Le ragazze e i ragazzi hanno intervistato i genitori e i nonni sulla preparazione di alcuni cibi familiari e hanno steso quindici ricette in italiano che poi hanno tradotto in inglese. Nel ricettario, le ricette sono accompagnate da un vocabolario inglese – italiano. Alcune ricette sono state realizzate nel laboratorio di cucina che allora era ancora attivo. Con la partecipazione dell’insegnante d’italiano, la successione delle fasi di preparazione dei cibi è stata rappresentata con un diagramma di flusso steso prima a mano libera poi utilizzando l’oggetto forme del programma Microsoft Word, che è utile a ordinare le operazioni perché consente di ripercorrere i passi potendoli variare. Il compito di descrivere in italiano e in inglese la preparazione anche di un piatto semplice come la bruschetta richiede ai ragazzi di selezionare e nominare gli ingredienti, individuare e ordinare le operazioni da compiere, spostare il punto di vista sulla cucina tradizionale.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Roma
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Istituto Comprensivo A. Leonori scuola secondaria di primo grado
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Rosalba Mazzocca
E-Mail: 
nomail@nomail.nomail
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 10 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/09/2006
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Il progetto “Mangiar sano mangiar mediterraneo… ricette ma non solo” diretto a educare a una sana e corretta alimentazione, a valorizzare la dieta mediterranea e i prodotti della nostra terra, nella constatazione che le cattive abitudini alimentari spesso sono diffuse tra i giovani

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

I propositi educativi e sociali e la valenza educativa del progetto “Mangiar sano mangiar mediterraneo…ricette ma non solo” sono stati raggiunti appieno: i ragazzi hanno imparato che l’uso delle tecnologie è per comunicare attraverso videoscrittura e presentazioni in Power Point La produzione di testi scritti coinvolge l’intelligenza linguistica, sono usate parole come quelle che indicano cibi o ingredienti, azioni usuali, utensili comuni che infrequentemente compaiono nei testi; l’intelligenza spaziale interviene nella delineazione del diagramma di flusso che percorre i passi da compiere per cucinare un piatto L’integrazione è stimolata dall’esperienza della diversità dei cibi e degli stili di vita. La responsabilità compare nel confronto con i dati reperiti spesso da diverse fonti, che costituiscono il termine cui rapportarsi per la descrizione degli ingredienti e dei passi da compiere per cucinare un piatto Il pensiero critico consente di correlare le diversità alimentari allo spazio e al tempo, che mutano le condizioni della vita; il pensiero creativo è strumento di comunicazione efficace. L’autocoscienza si giova della possibilità di una maggiore autonomia, data dalla possibilità di conoscere e quindi scegliere per una sana e corretta alimentazione ed eventualmente di preparare un semplice piatto.

12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

Con l’esperienza di “Mangiar sano, mangiar mediterraneo” l’Istituto Leonori potrà partecipare alla Settimana Tematica dedicata all’alimentazione, pianificata dalla Fondazione Mondo Digitale presso la Città Educativa di Roma.

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

TAGLIA CORTO CON LA DROGA

Progetto per lo sviluppo di interventi di prevenzione di: assunzione di sostanze stupefacenti, disagio minorile, emarginazione e devianza, mediante l’utilizzo dello strumento della Media education.

1. Sommario progetto
Sommario: 

Il progetto, della durata di 6 mesi, si divide in diverse fasi:

1. Individuare un Istituto di Scuola Media Inferiore nel Comune di Pontecorvo (FR), in cui proporre attività laboratoriali
2. Dopo aver formato dei gruppi di ragazzi, coincidenti con le classi di terza media, si procede a svolgere una serie di incontri per la documentazione del problema, in compagnia di esperti – educatori, operatori di comunità, ecc. – che introducono ed approfondiscono il tema della tossicodipendenza.
3. In seguito con la guida di media-educator i ragazzi potranno scegliere di produrre uno spot pubblicitario, oppure un corto metraggio, un documentario o un foto romanzo, che possa esprimere i loro pareri sul tema.
4. Al termine dei laboratori, le classi partecipanti iscriveranno i propri video-lavori in un vero e proprio concorso con giuria e premi. Il tutto verrà presentato in un convegno organizzato ad hoc, in cui a partire da tematiche di carattere generale discusse da esperti del settore, si arriverà alle proposte scaturite dai ragazzi, con la presentazione dei lavori fatti.

Partner del progetto:
• Provincia di Frosinone Settore Politiche Giovanili (Ente promotore e finanziatore del progetto, patrocinio all’iniziativa)
• Scuola Media di Pontecorvo
• Fondazione Exodus (Responsabile scientifico delle prime fasi del progetto, partner per i relatori del convegno)
• RAI – Radio Televisione Italiana (partecipazione alla giuria del concorso)

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Frosinone
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
FINISTERRAE COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Altro
Altro: 
Cooperativa sociale
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
PIETRO NOCE
E-Mail: 
pietro@coopfinisterrae.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
http://www.coopfinisterrae.it/progetti.asp?id=38
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 15 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/10/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Obiettivi generali:
• Definire strategie e metodi di prevenzione che coinvolgano la partecipazione propositiva ed attiva della popolazione giovanile (da destinatari ad attori)
• Stimolare interventi che abbiano la forza di incidere sugli stili di vita e sui valori giovanili a partire dalle loro caratteristiche e bisogni specifici, rafforzando i fattori di auto-protezione, piuttosto che proporre interventi informativi sui rischi collegati all’uso/abuso di sostanze psicotrope legali ed illegali
• Attivare processi creativi ed educativi con linguaggi vicini al mondo giovanile, come la Media Education (spot pubblicitari, comunicazione mediale), che possano essere più incidenti sul comportamento dei ragazzi, che da passivi spettatori possono trasformarsi in promotori impegnati socialmente
Il progetto si svolge in un contesto di periferia e di degrado urbano. I destinatari del progetto sono gli alunni di una Scuola Media di Pontecorvo, un piccolo Comune in provincia di Frosinone con un alto tasso di tossicodipendenza giovanile.
Elemento di innovazione del progetto è l’utilizzo di linguaggi e metodologie vicine al mondo adolescenziale (utilizzo di tecnologie e modalità aggregative di lavoro di gruppo): abbiamo scelto di affrontare un tema così impegnativo e difficile con modalità di partecipazione attiva, considerando i ragazzi non come utenti-destinatari spettatori, ma come attori protagonisti del processo progettuale, attori protagonisti del lavoro educativo e ludico.

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

La metodologia utilizzata è quella della Media education, l’utilizzo cioè dei media per veicolare contenuti educativi tra i giovani e per favorire l’alfabetizzazione sulle tecnologie e l’utilizzo e la fruizione consapevole dei media stessi. E’ stato organizzato un concorso di cortometraggi sul tema della droga a cui i ragazzi hanno partecipato con gruppi di lavoro di interclasse.

Quali opportunità/problemi affronta: 

- Definire strategie e metodi di prevenzione che coinvolgano la partecipazione propositiva ed attiva della popolazione giovanile (da destinatari ad attori)
- Stimolare interventi che abbiano la forza di incidere sugli stili di vita e sui valori giovanili a partire dalle loro caratteristiche e bisogni specifici, rafforzando i fattori di auto-protezione, piuttosto che proporre interventi informativi sui rischi collegati all’uso/abuso di sostanze psicotrope legali ed illegali
- Attivare processi creativi ed educativi con linguaggi vicini al mondo giovanile, come la Media Education (spot pubblicitari, comunicazione mediale), che possano essere più incidenti sul comportamento dei ragazzi, che da passivi spettatori possono trasformarsi in promotori impegnati socialmente

Please explain what is unique or special in your project: 

Il progetto si distingue particolarmente per il fatto che rende i giovani realmente protagonisti delle attività, come raramente accade, permettendo loro di sperimentare nuove tecnologie non sempre a tutti accessibili e di confrontarsi su tematiche molto delicate con un tipo di approccio soft e vicino al linguaggio giovanile.

10. Risultati
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

Hanno partecipato al progetto n. 9 classi terze della Scuola Madia di Pontecorvo (FR), divise in tre sottogruppi che hanno progettato e concorso nella competizione per il cortometraggio migliore sul tema della tossicodipendenza.
I ragazzi si sono riuniti per circa due mesi per gli incontri con gli educatori sul tema del progetto (un incontro in plenaria e due divisi per sottogruppi a Ottobre 2008, due divisi per sottogruppi a Novembre 2008). Hanno proseguito poi con incontri tecnici con i media educator per progettare e realizzare i cortometraggi per il concorso (tre incontri divisi per sottogruppi a Gennaio 2009 e tre incontri divisi per sottogruppi a Febbraio 2009), per concludere poi il 26 Febbraio 2009 con il convegno fiale e la premiazione del concorso.

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

Il progetto ha permesso un’ottima sinergia tra le realtà territoriali che si occupano di prevenzione al disagio giovanile e di professionisti in diverse discipline:
Hanno collaborato al progetto: Provincia di Frosinone (Ente promotore e finanziatore del progetto), Comune di Pontecorvo (Ente ospitante il progetto), Fondazione Exodus (Responsabile scientifico delle prime fasi del progetto, partner per i relatori del convegno), Comunità di recupero In Dialogo di Trivigliano (FR) (partner per i relatori del convegno), Comunità di recupero Nuovi Orizzonti di Piglio (FR) (partner per i relatori del convegno), (RAI – Radio Televisione Italiana (partecipazione alla giuria per il concorso di cortometraggi).
Inoltre hanno partecipato alla realizzazione tecnica del progetto diverse figure professionali, ognuna nelle diverse fasi di competenza: Educatori, Registi, Animatori, Media Educator, Sociologi, Psicologi.

Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

La Media Education: Con il termine Media Education si indicano, ormai da molti anni, tutte quelle attività adottate dalla scuola o da altre agenzie educative per insegnare ai ragazzi il linguaggio dei media aiutandoli a riflettere dal punto di vista critico sui loro messaggi.
Il termine inglese Media education si presta, meglio di altri usati nelle lingue latine, ad esprimere la molteplicità degli approcci che si intendono instaurare tra le due realtà dell’educazione e dei media. Il termine viene ad indicare infatti sia:
• Educazione con i media (media come strumenti da utilizzare nei processi educativi generali);
• Educazione ai media (comprensione critica dei testi e del sistema dei media, intesi non solo come strumenti, ma come linguaggio e cultura);
• Educazione per i media (rivolto alla formazione dei professionisti)
Le ragioni che rendono oggi irrinunciabile il lavoro educativo con i media sono di tipo sociale e culturale. La nostra cultura, infatti, è segnata dalla presenza dei media e delle tecnologie tanto da consentirci di parlare di un vero e proprio “media climate”, un’atmosfera mediale che tutti noi respiriamo. Sul piano sociale, poi, è difficile non riconoscere ai media un peso decisivo nell’orientamento dei consumi, dei gusti, dei valori e dei comportamenti delle persone. L’intervento educativo dunque non è proprio rinviabile.
Il progetto attiva processi creativi ed educativi con linguaggi vicini al mondo giovanile, con l’utilizzo della metodologia propria della Media Education, che possano essere più incidenti sul comportamento dei ragazzi, che da passivi spettatori possono trasformarsi in promotori impegnati socialmente. L’utilizzo dei media a fini didattici ed educativi, è stato utilizzato quindi non come fine ultimo, ma come mezzo per affrontare contenuti sociali importanti e di difficile argomentazione. Come effetto benefico collaterale, tutti i ragazzi impegnati nel progetto hanno potuto sperimentare divertendosi tecniche e strumenti elettronici (videocamera, computer, fotocamera, microfono, ecc.) che di solito risultano inaccessibili ai più.

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Meno di 1 anno
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Finanziamenti pubblici o privati
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
No
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Ostacoli: 

Le difficoltà maggiori sono state convincere l’amministrazione pubblica (la Provincia di Frosinone in questo caso) ad investire anche se poco in un progetto sperimentale ed innovativo del genere. Per ciò che concerne il mondo della Scuola, invece, abbiamo ricevuto completa collaborazione e riconoscimento. Progetti come questo, di cui si fa fatica a riconoscere la convenienza “politica”, sono e saranno sempre di difficile finanziamento, ma non si può prescindere da una gratuità completa per i ragazzi destinatari, e quindi dall’intervento pubblico.

Soluzioni: 

Con l’ostinazione e la passione che ci contraddistingue, abbiamo perseverato nell’opera di convincimento presso il settore della Provincia (le Politiche Giovanili) che ha alla fine recepito e fatto suo il progetto, e che forse rifinanzierà per l’anno prossimo in altri territori della Provincia.

Future plans and wish list: 

Come accennato c’è la possibilità di poter rifinanziare il progetto di nuovo sempre da parte della Provincia di Frosinone, per allargare l’intervento nei tre distretti socio/assistenziali rimasti scoperti (la Provincia di Frosinone è divisa in quattro distretti S/A, il Comune in cui si è svolto il progetto, Pontecorvo, si trova nel distretto D, rimangono i distretti A, B, C). L’obiettivo finale, è quello di allargare il progetto e fargli assumere un carattere regionale, per poter implementare un modello esportabile che comprende l’organizzazione di un concorso nazionale pubblico di cortometraggi progettati e realizzati dai ragazzi delle scuole medie e superiori, e permettere l’incontro e il gemellaggio di diverse scuole e comuni della regione Lazio. Per far questo bisognerà trovare il canale giusto, magari presso il POGAS o altro Ministero, presso la Regione Lazio o presso Fondazione privata. Siamo alla ricerca di partner pubblici e privati per lavorare insieme e raggiungere gli obiettivi su descritti.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali
Condividi contenuti