e-learning

Mention Bien

"Everyone has a gift, a special talent he received from God in order to achieve a purpose in the society". This is what my uncle keeps saying anyway.

1. Sommario progetto
Sommario: 

www.mentionbien.com is the first educational social network. It aims to provide free pedagogical educative content to students in African french speking countries. The philosophy of the website is to provide the best free content available in an ergonomic way and in to respect most of the African curriculum for high school. A special attention has been done to provide a more than complete content for students in last year of high school (Terminale): more than 3000 questions in English grammar, 700 videos in Mathematics, Geography, Economy etc...The best content and the best format has been chosen for every matter: this website has really been done by students for students !

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Gabon
Città: 
Libreville
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Capricorn Interactive ltd
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Società
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
David Rokossa Kingbo
E-Mail: 
rokossa@gmail.com
6. Website
Il sito web del progetto: 
www.mentionbien.com
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 29 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/12/2005
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

www.mentionbien.com targets high school students in french speaking african countries but we would like to involve also teachers and older students who can share their experience and guide younger students.

We are proud to provide the first educational social network in Africa and are working hard on the mobile version of our website.

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

We are trying to improve drastically quality of education in Africa by using Internet  and the mobile phone. We want also to break the digital divide by letting people experience a tool that will be a bridge between students of the african diaspora and their young brothers in Africa. We want to help teachers teach another way, we want to help students have a new multicultural experience with our facebook like social network that allows people to create their own blog, express themselves on the forum or have a visioconference with more than three people for free !

Quali opportunità/problemi affronta: 

We adress the problem of lack and inequality of standard of education in Africa. We want to impose a new standard of quality using just free content. We want to permit to students to have a minimum required level only with an Internet connection.

Please explain what is unique or special in your project: 

www.mentionbien.com is a project done by students for students. Who better than young students can know and understand the needs of young students anyway ? www.mentionbien.com is also the first african educative social network and maybe the first social network of this kind.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

A complete curriculum that covers last year of high school and thousands of content we are integrating everyday in order to complete the curriculum from primary school to high school.

A technical solution that is unique and that is helping people to really succeed.

In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

A student willing to succeed or to make friends will find exactly what he is looking for:

- Succeed in high school by having a very good explanation of tough topics on every matter;

- Make friends, see them and discuss with them wherever they are in United States, Italy, France or Africa;

- Open students opportunity to a new level.

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

We have 6000 visitors per month and this number is growing day after day. This number will probably grow again with the marketing campaign we are trying to put in place.

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Più di 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 75.001 a 500.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Sponsorizzazioni
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
No
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

School without frontiers

School without frontiers to support students autonomy and improve better pedagogical strategies

1. Sommario progetto
Sommario: 

We are a private school near Lisbon with proximally 1000 students from 3 to 18 years old. This project begins in 2007 with teacher’s formation to improve educational technologies and pedagogical skills. We begin to use permanent technology in our classrooms with computers, presentations, interactive boards, multimedia pedagogical contents, production off our multimedia materials and pedagogical use of a e-learning platform. Our students from 10 years old already started in this project, in next year students from 7 years old will start use to.
With this project we want to improve students autonomy and more quality in their studies, guided and oriented from our teachers, in constant contact and interact. Using the Dokeos platform our teachers are using the doubts chat, thematic forums, interactive exercises, learning sequences, documents repository, guided workgroups,…
We felt our students must work warder after classes and the best way was guide them form their own teachers and no others. Actually we are satisfied with the positive results. We have more cooperative work, more collaborative work, more group work, more communication between students and their teachers and a little better academic results.
Our starting point was teachers skills to form autonomous teachers with multimedia resources. We have a internal formation department always available and working on that concern.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Portugal
Città: 
Lisbon
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Colégio Campo de Flores
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Renato Paiva
E-Mail: 
Renato.paiva@campodeflores.com
6. Website
Il sito web del progetto: 
http://www.campodeflores.com
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 18 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/09/2007
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

We had good teachers but with oldest pedagogical methodologies. We felt that we need to improve motivation in our students and get into their world. So we start in teachers graduation on technologies to improve theirs skills and during the year we had frequent meetings to discuss pedagogical materials, pedagogical methodology and feedback the results. We had near 1000 students and the earlier classrooms, off this project at the moment, are trying ward to improve their skills to get join in project next year with their students

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

We felt that we have more motivated students and teachers that interact more often with each other in pedagogical methodologies. We have more interactive classes and more autonomous students. We are starting to use more and more our own materials, produced by our teachers in each department

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Più di 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 30.001 a 75.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Commissioni
Is your project economically self sufficient now: 
Si
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

there are some schools using the elearning platform and trying to use as pedagogical recourse, but we are the only school concerned with teachers graduation at this level to improve their skills and get better practices.

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Recycling: a way of living

Recycling : way of living , lettura e salvaguardia del territorio

1. Sommario progetto
Sommario: 

Il progetto curriculare eTwinning “Recycling,way of living”, ha avuto lo scopo di rendere gli studenti consapevoli della realtà ambientale in cui vivono e protagonisti di comportamenti che possano realmente costruire uno “sviluppo sostenibile” di ciò che li circonda e indurli ad una conoscenza reciproca e all’uso di un comune strumento linguistico. L’input esterno del progetto è nato sia dall’esigenza di sperimentare nuovi percorsi didattici, che possano rendere l’allievo sempre più consapevole del suo ruolo attivo all’interno della scuola e della società, sia dall’esigenza di dare delle risposte a problemi palesemente condivisi, approfondire l’esplorazione del mondo circostante,attraverso l’osservazione diretta dei fenomeni ambientali e confrontarsi con i partners europei : Polonia,Grecia e Francia. Tali necessità hanno consentito al team progettuale e cooperativo, costituito da docenti, Dirigente scolastico, tecnico informatico e alunni di classi differenti di andare oltre la programmazione didattica curriculare. Il team,utilizzando la metodologia partecipativa del project work, ha sviluppato la responsabilità individuale e di gruppo, dove ogni componente ha avuto un ruolo preciso e ha dato anche un contributo in termini di creatività.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Catania
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato “E . Fermi”
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Lucia Turiano
E-Mail: 
liciaturi@alice.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
http:// www.etwinning.net
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 18 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/01/2007
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Il progetto si svolge in un istituto-IPSIA “E.Fermi”- ubicato nella periferia nord della città di Catania che accoglie studenti provenienti da diverse zone della città, a rischio e non, e dalla provincia. Il background socio-culturale è medio-basso e numerosi sono i giovani che vivono situazioni di disagio psicologico e familiare, per cui l’istituto diventa per molti l’unica alternativa al contesto di provenienza. La scuola si pone quindi come link tra queste realtà e si propone di intervenire con azioni progettuali fondate su metodologie partecipative ed integrative attivando da diversi anni, progetti di cooperazione europea come eTwinning, Comenius, Assistentato Comenius,etc. In particolare il progetto “ Recycling: a way of living” si prefigge di contribuire in maniera fondamentale allo sviluppo della dimensione europea nell'educazione, utilizzando la lingua straniera non come il fine di un apprendimento auto-referenziale ma come un mezzo di comunicazione, e all'uso delle Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione (TIC) per la pedagogia. • Sviluppare la dimensione europea dell’istruzione • Migliorare la competenza nella L2 creando occasioni di uso “reale” della lingua straniera attraverso lo scambio di informazioni tra pari di differenti culture • Diversificare l'apprendimento attraverso le Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione (TIC). • Usare le TIC per creare, comunicare e condividere. • Educare ad un approccio multidisciplinare e multiculturale al sapere • Far conoscere le principali tematiche relative all’ambiente • Utilizzare la nuova metodologia partecipativa del “ project work “ e del “cooperative learning” OBIETTIVI SPECIFICI • Sviluppo delle capacità autonome di ricerca • Sviluppo delle capacità di analisi e sintesi dei contenuti teorici • Sviluppo e potenziamento della lingua inglese • Utilizzo di strumenti informatici per le varie fasi del progetto

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

Il progetto ha utilizzato la cultura multimediale per la sua realizzazione, sfruttandone le sue straordinarie possibilità nella didattica. Così gli studenti hanno imparato a creare file di immagini, elaborare testi, utilizzare software e slideshows, navigare all’interno del Twinspace “eTwinning” usare word e power-point, utilizzare la scrittura collaborativa con Wiki ,creare un blog e realizzare e postare dei video. In particolare le applicazioni del Web 2.0 –blog. wiki, condivisione di risorse, social networking- si sono rivelati strumenti utili per docenti ed alunni perché hanno consentito di sperimentare una nuova modalità di lavoro e di poterla commentare. La realizzazione dei video da parte dei ragazzi ha permesso di esprimere la loro creatività con un mezzo nuovo ma vicino ai loro interessi e alle loro esigenze. Inoltre il progetto ha valorizzato la cultura dei new media, quali chat, sms, forum per ampliare la cooperazione e il dialogo tra pari, in un’ottica di cooperazione europea .

Quali opportunità/problemi affronta: 

Tale percorso ha consentito: • allo studente di uscire dal chiuso dell’aula scolastica • alle diverse componenti scolastiche di lavorare in team ( cooperative learning) • al Collegio dei docenti di condividere gli obiettivi • ai genitori e alunni dell’istituto di essere coinvolti attraverso un’informativa costante(circolari,albo dell’istituto,conferenze,etc.) • agli esponenti degli enti locali di partecipare ad incontri ,che hanno permesso agli alunni di venire a contatto con le problematiche ambientali del proprio territorio e di conoscere le soluzioni proposte e adottate dalle istituzioni.

Please explain what is unique or special in your project: 

L’innovazione e la creatività : la tematica sviluppata è risultata innovativa nelle argomentazioni perché ha indotto gli studenti a partecipare attivamente all’interiorizzazione del fenomeno studiato e a ricercare soluzioni che avessero una valenza scientifica e socio-economica. Ciò ha determinato l’uso di strategie quali il problem-solving ed il project work, metodologie partecipative che hanno guidato gli alunni nelle fasi di condivisione-ricerca-selezione–rielaborazione e sintesi dei dati raccolti. Il progetto ha permesso di “imparare ad imparare” perché la sua realizzazione ha consentito l’acquisizione di un nuovo metodo di studio, più responsabile e significativo. Proficua è stata l’organizzazione dei ragazzi in gruppi di lavoro,dove ogni componente ha avuto un ruolo e ha dato il proprio contributo, anche in termini di creatività,abituandosi a lavorare in team. Particolarmente innovativa è stata la presenza di un’assistente Comenius ,di nazionalità polacca ,durante la realizzazione del progetto,che ha stimolato i ragazzi al dialogo e al confronto.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Lo scambio didattico-pedagogico tra i docenti ha consentito una crescita professionale dovuta all’uso di nuove metodologie e incrementato la dimensione europea dell’istruzione ampliando gli orizzonti di comunicazione, di conoscenze, di esperienze per il conseguimento di obiettivi comuni. Gli alunni hanno migliorato la conoscenza della lingua inglese come lingua veicolare, l’uso positivo delle TIC e potenziato le competenze trasversali e le capacità organizzative e rielaborative. In un clima di collaborazione e competizione attiva hanno sperimentato, inoltre, un percorso di ricerca-azione e modalità di lavoro cooperativo tra differenti paesi europei su temi di importante attualità (ecologia , impatto ambientale, consumsmo), aumentando così la motivazione verso lo studio e il successo scolastico. Il progetto ha ottenuto un riconoscimento significativo con l’assegnazione del Quality Label Europeo e l’inserimento nel volume “Le competenze chiave nell’apprendimento: il contributo di eTwinning” sezione : Esempi di qualità per le competenze scientifiche.

In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

Il progetto, abbandonando l’aula scolastica e trasformando la lezione tradizionale in lavoro collaborativo e di condivisione , offre l’opportunità agli alunni di fare scuola in maniera innovativa, di migliorare le competenze linguistiche, di confrontarsi con i pari europei attraverso l’utilizzo delle TIC che consentono , in un contesto internazionale, di attivare differenti canali comunicativi per personalizzare il processo di insegnamento/apprendimento.Tutto ciò contribuisce inoltre a sviluppare un’ identità allargata,con alla base il rispetto per “l’altro” e la tolleranza,nella prospettiva dell’Europa del domani .

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

L’interazione tra docenti referenti (2) ed alunni (40 circa) avviene settimanalmente, durante le ore curriculari assegnate dal C.d.C. allo sviluppo del percorso progettuale.Le riunioni con il D.S. ,alle quali partecipano anche alcuni alunni, sono frequenti e costituiscono un momento importante di confronto e raccordo. I rapporti con i partners sono quasi quotidiani, con un proficuo scambio e confronto sugli obiettivi del progetto e si vanno via via trasformando in rapporti di amicizia e continua collaborazione con scambi di foto , riflessioni e aggiornamenti sul miglioramento della cooperazione e della dimensione europea dell’istruzione.

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

Il lavoro per progetti sviluppa anche competenze trasversali oltre che capacità organizzative e rielaborative, non solo tra gli studenti ma anche tra i docenti coinvolti che hanno interagito con dinamiche didattico-educative talvolta diverse e proprio per questo significative . Particolarmente formativi sono stati i contatti e l’incontro con i pari europei che si sono concretizzati con la realizzazione di un viaggio d’istruzione presso la scuola partner greca di Atene e quella francese di Bagneux con la condivisione della giornata, organizzata dall’ Università Paris-Sud d’Orsay, dedicata a “ Faites de la science” e all’esposizione di progetti scientifici, che ha consentito un ulteriore confronto con le esperienze didattico-scientifiche dell’istruzione francese.

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

Il lavoro collaborativo e di condivisione, non solo all’interno dei gruppi di lavoro ma anche con i docenti e studenti partner, con i quali si programmavano le tappe del percorso e si stabilivano le scelte operative per il proseguo dei lavori e la realizzazione dei vari prodotti ,ha ottimizzato la partecipazione di tutti i componenti del team di progetto. Frequenti sono stati infatti gli scambi di informazioni, comunicazioni, obiettivi e attività che hanno coinvolto sinergicamente tutti i protagonisti. I contatti sono stati frequenti e hanno sfruttato pienamente le potenzialità multimediali delle nuove tecnologie, utilizzando non solo gli strumenti del Twinspace:forum, chat, messaggi di posta, ma anche quelli dei social network ,videochiamate etc. L’articolazione del progetto esplicitato in un complesso di obiettivi e azioni specifiche ha consentito di lavorare in sinergia mettendo a reciproca disposizione la ricchezza e la complessità di conoscenze in un’ottica di pluri-interdisciplinarità.

Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

Un progetto di cooperazione europea implica necessariamente una comunicazione basata su competenze digitali finalizzate non solo al reperimento, analisi ,elaborazione, dati statistici etc ma ad una integrazione delle conoscenze, delle connessioni , degli scambi e delle relazioni con altri soggetti presenti negli stessi ambiti.Il progetto offre l’opportunità di utilizzare un luogo di interazione, un social network ad es. non solo per motivi di svago ma per la realizzazione di obiettivi ,confronti e esperienze in ambito internazionale.Naturalmente le nuove tecnologie vanno utlizzate, sotto il controllo dei docenti, con una valenza formativa,consapevolezza e per precisi obiettivi didattici.

Descrivete i criteri che usate per misurate i risultati raggiunti dal vostro progetto: 

Le attività svolte in aula durante le ore curriculari sono documentate dai registri di classe e dai lavori laboratoriali.Controlli in itinere vengono effettuati sulla base delle attività svolte, sullo sviluppo delle competenze acquisite dagli alunni e sul raggiungimento degli obiettivi concordati con i partners.La valutazione avviene periodicamente effettuata attraverso questionari ed interviste, sull’avanzamento dei lavori postati ,sulle difficoltà incontrate, sull’interesse , la partecipazione, il profitto e le abilità acquisite.Sono previsti inoltre degli incontri di progetto per pianificare e monitorare il percorso progettuale.E’ doveroso , comunque , sottolineare che spesso, trattandosi di progetti che si sviluppano in itinere, i risultati, i compiti, le funzioni sono governati da variabili esterne e/o interne indipendenti e non prevedibili.Lavorare in team significa anche saper gestire sapientemente imprevisti e saper mediare tra culture diverse

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 3 a 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 10.001 a 30.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Finanziamenti pubblici o privati
Is your project economically self sufficient now: 
Si
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto: 

Gli esiti positivi conseguiti dal progetto hanno evidenziato l’efficacia delle strategie utilizzate. Il problem-solving e il project work hanno contribuito allo sviluppo di competenze ed abilità quali la capacità di selezionare informazioni, tabularle , contestualizzarle e trarre le conclusioni in base ai risultati. Predisporre anche il lavoro attraverso attività ludico-creativo ed interattive ha abituato i giovani al dialogo, alla tolleranza e al rispetto delle opinioni altrui, preparandoli così a diventare a pieno titolo futuri cittadini europei e ad acquisire la consapevolezza dei diritti della cittadinanza attiva. Tali caratteristiche consentono al percorso progettuale non solo di essere applicabile nella didattica ordinaria coinvolgendo diversi ambiti disciplinari ma l’estensione alle altre classi dell’istituto e la sua diffusione presso differenti corsi di studi,dal momento che l’obiettivo è stato ,al di là dei contenuti, “imparare ad imparare” e quindi il miglioramento del processo di insegnamento-apprendimento. Il superamento di competenze prettamente disciplinari ,senza rinnegarle, ha offerto un’occasione per acquisire le “ competenze chiave “ necessarie per sostenere un apprendimento permanente , orientarsi in situazioni problematiche di vita quotidiana ed esercitare consapevolmente la cittadinanza attiva.

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

Le scuole europee partners (fondatori e non): scuola, città, stato, doc. ref. SCUOLA : 1 Epal Ymittou - Atene – Grecia Docente referente : Eleftheria Politaki SCUOLA : Szkola Podstawowa im. Jana Pawla II –Jaworzni –Polonia Docente referente : Renata Mazur SCUOLA : Lycèe professionel Léonard de Vinci – Bagneux - Francia Docente referente : Marie-Edwige Mallet

Ostacoli: 

La sinergia riscontrata tra le scuole partners e gli operatori del progetto non si è invece riscontrata con i restanti docenti della scuola, questo è l’unico punto di debolezza rilevato, nonostante la condivisione degli obiettivi e finalità del percorso che si intendeva realizzare. Le cause di tale atteggiamento sono forse da addebitarsi alla permanenza,in un buon numero di docenti,di una visione tradizionalistica e contenutistica dell’insegnamento, la cui validità è assicurata solo quando lo studente conosce i contenuti della propria disciplina e non si occupa di altro che possa distoglierlo dallo studio “serio”.

Soluzioni: 

La scuola ha cercato e cerca ancora di modificare tale atteggiamento attraverso corsi di formazione di innovazione metodologica e il coinvolgimento di un sempre maggior numero di docenti in progetti di questo tipo.

Future plans and wish list: 

Gli alunni auspicano che la loro attività abbia una ricaduta positiva anche all’esterno della scuola e che si possano organizzare conferenze, meeting, tavole rotonde dove i protagonisti siano non i politici e/o i rappresentanti degli Enti Locali ma i giovani stessi, pronti a fare da tutors e a sensibilizzare i loro coetanei ai seri problemi ecologici del nostro pianeta e alle possibili soluzioni e terapie d’urto da adottare. Per far ciò non è necessario alcun finanziamento ma sarebbe sufficiente soltanto la disponibilità dei Dirigenti Scolastici del territorio ad aprire i loro istituti e dare la parola ai nostri giovani che rappresentano il futuro del mondo. LINK: http://twinblog.etwinning.net/2460/ twinblog http://www.etwinningsicilia.altervista.org/ eTwinningsicilia -Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia http://www.etwinningsicilia.altervista.org/index.php?option=com_fireboar... L'intervento sul forum da parte degli studenti della III A ome dell'I.P.S.I.A. E. Fermi di Catania http://etwinningstudents.blogspot.com/ Renewable energy – etwinningstudents blog - Classi II e III A OME Istituto "E.FERMI" CT http://picasaweb.google.com/fdsregional/ForumRegionalFaitesDeLaScience6D... Reportage photos du 6è forum regional "faites de la science" d'Orsay http://picasaweb.google.com/fdsregional/ForumRegionalFaitesDeLaScience6D... FOTO DELLE 2 SCUOLE : FRANCE + ITALY http://www.faitesdelascience.u-psud.fr/index.html HOME PAGE : faites de la science

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

ClaSSworks

CLASSworks guides a school through all the essential parts connected to the establishment,
management, maintenance, and use of a computer lab

1. Sommario progetto
Sommario: 

While ICT developments in Western societies are booming, many African countries are only
beginning to explore the possibilities of the use of ICT. More and more initiatives from the
West are aimed at closing this "gap", mainly focusing on hardware and training in software
use. The vision of Viafrica is that this focus produces an unsatisfactory effect. More attention
should be paid to the practical application of ICT within the local context. ICT should be used
for the purpose of strengthening existing developments; it is not an aim as such.
In 2003, Joost Dam, the founder of Viafrica has been approached by COSTECH (Tanzanian
Commission for Science and Technology) with a demand of schools and parents in the
Kilimanjaro region to develop an ICT programme there. Joost Dam went to Tanzania to meet
with COSTECH and to visit some schools and two pilot schools were picked for an initial
CLASSworks project. Later on, three schools from Uganda applied to become part of the
programme and were implemented. During this test phase CLASSworks was further
developed and has started to run at full speed in Tanzania and later Kenya since 2005. In
2009 the programme will be expanded to Sierra Leone together with the local partner Sierra
e-riders.
Viafrica works together primarily with secondary schools in sub Saharan Africa. The primary
target group are the teachers and students that are reached through their schools. The
2
expectation is that a new middle class emerges from that target group which is able to serve
as a motor for economy and further developments.
CLASSworks: CLASSworks is an abbreviation for 'Computer Learning And Sustainable
Support works', guides a school through all the essential parts connected to the
management, maintenance, and use of a computer lab. The programme begins with the
preparation and startup of a suitable computer room and continues with training of teachers
and supporting the school in maintaining hard- and software.
Schools who want to participate have to take care of a suitable location for the computer
room and release several teachers who are to receive training for becoming an IT-teacher.
Viafrica takes care of the follow-up: delivery of hard- and software, implementation, teacher
training and support and maintenance. Supporting measures are seminars, trainings,
maintenance and end-user support. After that, the school is responsible independently. For
further support and trainings the local service center is always available, of course. Schools
are responsible for the running costs, teachers and infrastructure. They can close a contract
with the service centers and regularly pay a cost covering amount for the services they
receive

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Kenya
Città: 
Kenya, Tanzania and Sierra Leone
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Foundation Viafrica
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Altro
Altro: 
non-profit organization
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Emmy Voltman
E-Mail: 
e.voltman@viafrica.org
6. Website
Il sito web del progetto: 
http://www.viafrica.org
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 18 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/01/2005
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

The goals on which grounds CLASSworks has been founded, are the possibilities for the
schools to
- broaden their curriculum by offering ICT lessons
- strengthen the existing curriculum by using computers and digital information methods
- support supporting activities (administration) through ICT
So the overall goal is to give education at secondary schools a broadening and deepening
impulse and to strengthen and extend the capacity in East Africa in the field of ICT servicing.
By offering ICT services on rural schools, we empower young people with ICT skills which
they will need on the labour market. The access to these skills is brought on an equal basis
on the schools to boys and girls whereas when not brought to secondary schools, access to
ICT is more focussed on boys and men. We thereby promote gender equality and empower
women.
The focus lies as well on partnerships for development. In cooperation with the private
sector, CLASSworks makes the benefits of new technologies, especially information and
communication available. It offers youth and local communities’ access to ICT and thereby
equips them for the changing economy and information structure. An effort towards closing
the digital divide. Self-evidently better, broader education offers great advantages for the students, be it during
their academic or during their future professional career

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

Equal access to ICT and ICT knowledge in African countries. Schools in Africa should be
able and equipped to provide high quality education that prepare students for the
requirements on the job market.
Viafricas vision on development is that projects should only be carried out when they have
legitimacy within the local context. This means that there has to be a local demand from
which the projects are formulated.
Apart from this, every project should be able to run independently after the project period.
This independence is shown in financial issues, but also in knowledge and a vision for the
future in which the projects turn into daily practice.
11.3 Which opportunities/problems does it address to?
African schools want to prepare their students as good as possible for the future, too. The
adaptation of education to social developments is very important. One social development is
automatisation which is is the starting point for CLASSworks (Computer Learning and
Sustainable Support Works).
There are hardly any possibilities to make use of ICT in education in sub-Saharan Africa due
to practical problems like
 the costs of a computer room at a school are too high
 knowledge about ICT/computers is absent or very limited
 there is no support and maintenance structure
 there is no education material/software
 there is no experience with computer education
The Digital Divide: There is an increasing importance of computer skills on the labour
market, secondary schools in East Africa strive to fulfill the requirements that are imposed
upon them by modern society. Those requirements are not only coming from the parents but
also from the public sphere and the labour market, an important subelement are computer
skills, crucial to prevent poverty.
Strengthen academic capacities in sub-Saharan Africa: Viafrica prepares students for
careers in higher education where computer skills are necessary; ICT means access to
knowledge and information needed for academic activities.
The strengthening of the ICT service capacity in East-Africa is justified through the demand
from the market that reaches our Service Centres in Moshi and Nairobi. This demand is
expressed by:
 the CLASSworks schools;
 non-CLASSworks schools with ICT infrastructure;
 other organisations with an ICT infrastructure.
In the regions where Viafrica is active there are no professional ICT service providers who
can answer this demand. The result is that we are confronted with a lot of broken hardware,
4
old software, viruses and users that are not geared for their tasks from other projects and
initiatives. The Viafrica Service Centres in Moshi and Nairobi more and more are asked to
provide an answer to these questions as we are one of the few organisations on the ground.

Please explain what is unique or special in your project: 

First of all, the projects of Viafrica are special because they focus on the middle class, not on
the poorest of the poorest. CLASSworks focuses on people with opportunities and develop
and expand them together. This does not mean that the poorest of the poorest need help
too. But, to work towards real sustainability and independence within development projects,
we think focusing on the middle class is the way to go forward. Humanitarian aid (focusing
mainly on the poorest of the poorest) is a different way of helping. Really necessary, but not
working in the field of development and education were Viafrica is present.
Secondly, Viafrica is an organisation working towards real sustainability, in a sense that all
funds for projects are only used for a start up / investment phase, but as soon as possible we
want projects to run on their own. A lot of development organisations or projects state that
they have the same goal. But in practice it is difficult to reach real sustainability because in a
lot of cases local (partner) organisations are not becoming project owners, whereas Viafrica
thinks this is the only way to become really independent. All schools (our local partners)
within the CLASSworks programme become project owners. They are responsible to run the
project in a sustainable manner. Viafrica only supports them to become and stay
independent.
During the last years it became clear that this way of working in Africa or in development
countries is quite unique.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

From 2004 till now, Viafrica has implemented 85 CLASSworks schools in Tanzania, Kenya
and Uganda. The schools are serviced by Service Centers. All schools are using the
computers for teaching and the reactions of both teachers and students are very positive. In
2008 the first schools joined the national examinations in computer science. Viafrica has
proved that with professional services it is very possible to sustain ICT within education
combined with a self-sustaining Service Center.
In 2005, the independent regional office and service centre in Moshi, Tanzania was set up. It
is is responsible for the CLASSworks programme in Tanzania and offers service contracts
for schools. Currently, the centre provides assistance to schools participating in the
CLASSworks programme, start-up of computer rooms, training for the teaching staff,
seminars for school boards and others who are interested, and maintenance of the ICT hardand
software. As a regional office, the team in Moshi is responsible for the overall
coordination of the CLASSworks programme. A second service centre, responsible for the
CLASSworks schools in Kenya has been established in Nairobi, Kenya.
The interest for the CLASSworks programme is large. More and more organisation
acknowledge the value and are interested in using the CLASSworks principles in their
environment. This interest comes from both international as well as local organisations. In
most cases the question is whether Viafrica can expand to new areas in which they work. Clearly Viafrica's capacity is not large enough to respond to these requests. However, there
are possibilities which are being explored. If Viafrica can find a good local partner with
sufficient experience and capacities it is very possible to expand CLASSworks through them.
So far this is being done with Ukengee in Tanzania, Linknet in Zambia and Sierra e-riders in
Sierra Leone.

In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

Students of CLASSworks school have access to computers / computer education
· Teachers have the opportunity to receive trainings and make use of the CLASSworks
box and e-learning material made available by Viafrica
· Schools are able to raise their profile and improve the education they can offer

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

In the Netherlands, external interaction with the CLASSworks project takes place primarily
through the Viafrica website and the quarterly newsletter that is being published.
In Africa, there are several modes of interaction with the CLASSworks schools. First of all,
headmaster seminars are organised on a regular basis where the headmasters of
CLASSworks schools are invited to discuss the development of the project and for evaluation
purposes. During regular school visits Viafrica employees visit the CLASSworks schools on
site, and teacher, students and headmasters can come up with any CLASSworks related
questions or problems they have. For this purpose, there is also a helpdesk available in the
local Viafrica offices that can be reached by phone, email, post or personally. There are
teacher trainings offered in the Viafrica office as well, where IT teachers are being trained
and CLASSworks related issues can be discussed.

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

At CLASSworks schools there are ICTs available and computer education can be
offered
· The computers can be used in other subject lessons as well
· Administrative activties are supported by the use of ICTs provided through the
CLASSworks programme
· The service centres are contact points for any maintenance related questions and
computer trainings

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

Viafrica organises headmaster seminars on a regular basis in the local service
centres in Moshi (Tanzania) and Nairobi (Kenya). The evaluation and input of the
schools is highly appreciated by Viafrica.
· Viafrica involves headmasters, teachers and students in evaluating the project
(school reports)

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Meno di 1 anno
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 75.001 a 500.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Finanziamenti pubblici o privati
Is your project economically self sufficient now: 
Si
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

Ukengee in Southern Tanzania (up and running)
· Linknet in Zambia (preparatory phase)
· Sierra e-riders in Sierra Leone (starting 2009)

Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto: 

South-South internships
Part of the professionalisation of the ICT network is offering internships to staff of ICT
companies within the network. During the internships at the service centres of Viafrica all
aspects of a service organisation are discussed and the intern will co-operate.
The aim of the internship is to have the staff experience in which way a professional service
centre functions and have him/her return to his/her own organisation to put it into practice.
The interns get their travelling expenses and accommodation reimbursed; any salary costs
have to be paid by the partner organisations.
South-South training
Next to the internships, specific training courses are organised for network organisations.
These training courses mainly take place on site and are attended by representatives of
multiple organisations.
The training courses are given by local employees of Viafrica from their experience with all
aspects of service management and CLASSworks. These training courses cover many
areas, from technical training to training on management software. The precise content of a
course is determined by the demand and the level of the network organisations.
Partnerships – Franchise
More organisations have shown interest in the CLASSworks concept. With one of them a
concrete cooperation has been established, which started early 2009. Within this
cooperation the CLASSworks framework is used in a new area in the South of Tanzania.
Viafrica will train the operational manager and trainers of the local partner Ukengee.
Ukengee will use the CLASSworks procedures for secondary schools in the South of
Tanzania. Viafrica in its turn will profit from the experience with solar energy and low-energy
consuming computers that will be used by Ukengee at the schools.
A Memorandum of Understanding with LinkNet Zambia has also been signed and is due to
start in 2009. In Sierra Leone Viafrica has selected a local partner as well. Early 2009 a pilot
tender was successfully carried out in Sierra Leone. In 2009 we expect to implement the first
CLASSworks schools in Sierra Leone through the Sierra e-riders, a local NGO. The main
idea is that Viafrica offers the local organisation everything there is to know about
CLASSworks, including the concept of the service contracts with schools. Through this
income the local organisation is able to sustain without external dependence. Only the initial
hardware investments, installation and training is funded. For every school the local
organisation receives a fixed amount and Viafrica provides the hardware and international
logistics.
With these and future partners in more areas and countries Viafrica aims at strengthening
more secondary schools and setting a solid and professional foundation by using a common
set of procedures and the same framework. As the network grows the accumulation of
knowledge, solutions and experience grows. From the Viafrica offices in both Kenya and
Tanzania it can already been seen that the exchange of employees brings new insights and
working approaches. Another advantage is the economies of scale that can be achieved for
hardware, shipments, training courses, etc...

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

→ the CLASSworks programme has been continuously running since it has been established and there is no end date planned. However, within the CLASSworks programme the individual school projects can be singled out. If a school is becoming a CLASSworks school, there is an implementation period of less than one year. During that time the school receives the equipment for a computer lab and initial teacher trainings. After that period the schools become project owners themselves and are able to run the project independently. Most of the times they close a service contract with the Viafrica service centre for maintenance of the computer lab CLASSworks schools become project owners and are independent after the implementation period is over. However, new implementations of the CLASSworks programme require initial funding. NB: Viafrica Business Solutions (VBS). VBS is an initiative of the Foundation Viafrica. It is a for profit organisation that sells hardware, software and ICT trainings. A large portion of its profit is going to support the activities of the Foundation and contributes to increase financial independence

Political unrest
The year 2008 started with political unrest in Kenya which resulted in riots and a very
insecure situation. Viafrica Kenya was very much affected. Our employees origin from
Nairobi and are Kikuyu. However the Viafrica Kenya office and the CLASSworks schools
were situated in Kisii which is a Luo area. The clash was between those two groups. The
Viafrica Kenya employees were put in a very insecure, and potentially life threatening,
position. In the Rift Valley, on the road from Nairobi to Kisii was a lot of violence against
“other” tribes. Next to this the situation in and around Kisii became very tense. People started
speaking their mother tongue instead of Swahili. Viafrica employees were therefore
constantly recognized as “aliens” and verbally harassed.
Viafrica took the decision to organise a training month in the Viafrica Tanzania office in
Moshi. The decision was made to await how the situation would develop and take further
decisions in February. At that time things luckily cooled down and, although still tense, were
workable. However, as nobody could predict how the situation on the longer term would
develop, Viafrica decided to move its office from Kisii to Nairobi. This decision was
communicated to the CLASSworks schools, which of course were disappointed but also
understood the decision. It was agreed that three times a year Viafrica Kenya employees
visit the schools for support. Something that proved very workable for both the schools and
Viafrica. The office in Nairobi was organised quite fast and early May Viafrica started
introducing the CLASSworks programme in deprived areas in and around Nairobi. This
resulted in 18 new CLASSworks schools in Kenya. All in all the political situation of early
2008 had a great impact on both the employees and the practical operation in Kenya.
However, the outcome is that there is a well Illustration 2: outside the new Viafrica Kenya
office in Nairobi established office in Nairobi and that all involved came out well.
Safety situation
Late 2008 and early 2009 saw a huge increase in robberies in Moshi. It is normal that before
Christmas and Eastern there is an increase as people need money for these days. However
the situation remained bad all over. Organised robberies are performed almost every night. It
became really close when the Viafrica guards told us that they were offered part of the profit
when they would cooperate with certain robbers. Luckily enough they decided to inform
Viafrica so that we could increase the security level even more. However in the same period
robbers went a few times for the private house of one of our employees. He faced eight
armed (knives and guns) guys who were looking for “the guy who worked with Wazungu”
(white people). Apparently they didn't know who exactly to look for and tortured the
neighbour, a very old lady, to tell them, without success. These guys have come back five
times during night but were scared away by the dogs and new guards. Although not
9
Viafrica's prime responsibility, the employees safety at home is an issue. The Viafrica
employees become targets because they work for a successful organisation. Where possible
Viafrica assist the employees to improve the security situation. Besides the district officer has
been informed about the situation.
Personnel changes
By the end of 2008 three Viafrica Tanzania employees left. All three choose for a career
somewhere else. Unfortunately Viafrica Tanzania didn't get the chance to negotiate with
them and keep them. Apart from one trainer, the other two just didn't appear any more. No
explanations, we can just guess for the real reasons. One of the reasons could be that other
NGO's offer much higher salaries as Viafrica does. Salaries for which they can never be
competitive in the local market. However this is not an issue for these organisations as they
are totally internationally funded. These developments are killing for the local economies as
the people with knowledge will no longer be interested in working for local companies with
local salaries like Viafrica Tanzania. We realise that we are an excellent place to start a
career, but that we will most likely not be able to keep our employees for years. There for
from early 2009 onwards we will make sure that we offer continuous internships in both the
Kenya and the Tanzania office. This pool of interns will be our buffer if we need new
employees. On the other hand, these internships are very useful for the interns as they
acquire practical knowledge and skills.
Some bottlenecks of CLASSworks
The current modus operandi is restricted by the following factors which we have to address
in order to be able to reach a next level of use with the schools.
Practice versus theory
Teachers have ample experience with computer teaching. Within the formal CLASSworks
training programme they acquire the basic knowledge needed to start training the national
ICT curriculum. However, this knowledge does not turn them into ICT teachers as there is
little time for practical teaching.
Teaching ICT requires different skills, however, in comparison to the more traditional
classes. It is more interactive, allows more exploration by the students and the possibilities
are much broader.
Rural context
The rural context of most CLASSworks schools makes it difficult for the schools to send
teachers and staff to the Viafrica training centre. It involves a lot of travel time and costs,
apart from the fact that most schools cannot miss their staff or teachers for days in a row.
Experience shows that organising training courses during school holidays does not work as
well as few teachers stay in the same area. Most of them visit family living all over the
country or have other activities.
Different levels at the schools
Not all schools are at the same level when it comes to computer use. Some have more
experienced computer teachers, they did not receive computers at the same time and
therefore use computers for a different period, schools have different demands, etc. It is very
difficult to match this with a standardised training programme that goes beyond basic use
which is currently the level of the Viafrica training courses.
Experience and expectations
Most schools have hardly any experience with computers and computer maintenance.
Neither teachers nor headmasters do exactly know what to expect in practice. Despite the
fact that Viafrica puts it on the agenda during seminars, headmasters and teachers still have
difficulties reporting faulty hardware, breakdowns or software errors to the Viafrica service
centres.
The result is that Viafrica discovers this only during the six-monthly on-site service visits. In
some cases computers were not used for months because of a faulty power socket which
1
could be fixed in five minutes. However as long as there are schools where headmasters
blame the computer teachers and hold them personally responsible, this behaviour will not
change.
Fear for the national rankings
Every school is ranked for the national examinations per subject/class. These rankings are
published annually and are publicly available. Viafrica noticed that schools were hesitant to
offer national examinations in computer science. The main obstacle was the lack of
experience and confidence with the subject and the fear that this would result in bad results
for the national examinations.
Part of the decision of parents for a school for their children is based on the national ranking.
A low ranking can thus result in fewer students and thus fewer school fees.
For all the above bottle necks a possible solution is to work more closely with the schools in
the school environment. The advantages are:
· work with all involved at the same time
· see the reality of the teachers and headmasters
· support the users during their daily work
· work for longer periods with the users
· offer assistance during classes
The future plans listed below give an idea of how Viafrica is planning to tackle these current
questions.
16.4 Future plans and wish list: Briefly describe future plans or ambitions for your
project and what you would require to make them true.
The strategy for CLASSworks is to go to the next level and stimulate the use of computers as
a tool within education. CLASSworks 2009 – 2011 is focussed on the facilitation of this next
step for most schools. Activities entail more on site support, training of more teachers and
staff at the schools and the development of cross subject materials.
Part of this strategy is to work in closer relationship with the governments. The Tanzanian
Education Authority is interested in a Memorandum of Understanding with Viafrica. From this
and other, more regional, cooperations we hope to get more leverage for CLASSworks.
Another important issue is to get accreditation of Ubuntu/the use of OpenSource for
examination of the national curriculum. Besides, other educational related solutions will be
explored. Viafrica has a programme for primary schools called KIDSworks that will be
launched early 2010. A solution for locations without proper infrastructure is also being
developed so that we can extend our activities to other areas in Tanzania and Kenya.
CLASS works Award: Good computer usage within the school environment has to be
stimulated from within the school. Therefore Viafrica challenges all Tanzanian schools with
two awards. From 2009 onwards, Viafrica grants anually an award to the school with the best
idea for the use of ICT within education and to the schools which perform best in the national
computer education examination. Prizes to win range from new computers for the schools to
free training courses at the Viafrica traning centres, memory sticks, certificates etc.
During a one-day event all CLASSworks schools can present their idea for the use of ICT
within education. Of course this idea has to be presented by electronic means. Most
important is that Viafrica will facilitate the further development of the idea and dissemination
to other CLASSworks schools.
The schools that perform best in the national computer education curriculum also receive
CLASSworks awards. The objective of this award is to stimulate schools to participate and
excel in the national examinations and thus enable their students to receive an officially
recognised examination score.

The objective of the CLASSworks awards is to stimulate schools to explore the possibilities
of ICT in the context of their school and share these with other schools. Furthermore,
schools should be stimulated to participate and excel in the national ICT examinations and
thus enabling their students to receive an officially recognised examination score.
CLASS works box: Another tool to stimulate the potential of ICT for education is the
CLASSworks box. This box is a set of learning tools, assignments and materials. Each box
has one subject that is approached from multiple points of view. The assignments are
focussed on exploring and developing competence based learning. The idea is that this
multidisciplinary approach supports the exchange between the subjects taught in the school
and shows the value of computers within the educational process. Students are encouraged
to use knowledge from different subjects to complete the assignments. The tasks are
performed both inside and outside the classrooms and focus on a team effort, the use of the
environment and alternative sources of information. Finally, the usage of the available ICTs
at the schools should not be restricted to the computer education lessons. Other teachers
should make use of these technologies as well in their respective subjects lessons.
E-learning platform: Viafrica is currently working on the development of an e-learning
platform that provides access to digital educational material for the CLASSworks schools.
This platform will be accessible through a server that will be installed at all CLASSworks
schools. The CLASSworks box will be linked to educational material that is available via the
platform.
Internet: Currently most CLASSworks schools do not have an internet connection because
they are located in rural areas and additionally internet access is generally very expensive.
Viafrica is looking for a payable solution for internet access in rural areas. This has been
made a topic together with the magazine Computable.
CLASSworks franchise: In the upcoming years, Viafrica hopes to be able to build more,
strong partnerships with local organisations in Africa who are interested in the CLASSworks
programme.
A well functioning knowledge transfer system in order to meet the educational needs of
present and future employees. Besides the already implemented knowledgesystems the
regional team in Tanzania has to develop further. This team is crucial for the local support of
the service centres. In 2008 the first steps have been taken. A new cooperation with the
company TOPdesk is being established. TOPdesk focusses on service management
systems that can be used at Viafrica's local offices.
A well functioning service organisation that can serve Viafrica's target group most
efficiently. In 2006 the grounds have been layed through an independent consultant. Since
2008 Viafrica has extended its cooperation with the company IT-staffing that sends
independent IT consultants to the local Viafrica service centres. Several of such missions
have already been completed and yielded important insights for improvements and further
professionalisation.
E-Waste: Viafrica will work further on awareness raising and solutions for e-waste. In
cooperation with the Technical University Delft and the organisation ICT~Milieu the possibilities
for a (pilot) project are being developed.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Vacanze estive in piattaforma e-learning

Compiti di matematica per le vacanze mediante l’utilizzo della piattaforma di e-learning moodle

1. Sommario progetto
Sommario: 

L'idea che ha suggerito la proposta di questo progetto è stata, da un lato, la constatazione che al rientro dalle vacanze estive i ragazzi non ricordano più nulla di quanto appreso durante il precedente anno scolastico e, dall'altro, che il consiglio di libri per le vacanze o il suggerimento di esercitarsi durante l'estate rimane spesso lettera morta. Molti si limitano a scopiazzare qualcosa dai compagni più volenterosi, giusto per non deludere il professore.
Da qui la proposta, in via sperimentale, di provare con le nuove tecnologie sfruttando le potenzialità di internet in un ambiente di apprendimento protetto, la classe virtuale, in cui ci si può sostenere a vicenda con l'aiuto del professore. Per alcuni può rappresentare un modo per continuare i corsi di recupero degli ultimi mesi.
Il materiale pubblicato a cadenza quindicinale consiste in schede di ripasso, proposte di esercizi, quiz, giochi, siti da visitare. Nel contempo è attivo un forum di aiuto dove poter esprimere le difficoltà che si dovessero incontrare nel risolvere i compiti assegnati. Qui, l’insegnante o qualche compagno, possono fornire le spiegazioni necessarie per proseguire nella risoluzione dei compiti assegnati.
Di volta in volta sono date indicazioni su ciò che si deve fare e su come far pervenire i compiti svolti.
Ad ogni ragazzo è stata assegnata una chiave di accesso personale; tutte le attività svolte dagli alunni nell’ambiente di apprendimento sono registrate e quindi rintracciabili; l’accesso è consentito solo agli utenti registrati ed autorizzati.
È stato previsto anche per i ragazzi sprovvisti di un accesso internet a casa di poter svolgere i compiti con qualche compagno oppure di poter usufruire del laboratorio di informatica della scuola.
Per visionare il progetto: www.icao.it/moodle - (per il login inserire come ud: “ospitiprof” e come pw. “ospitiprof”)

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Fabro (TR)
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Istituto Comprensivo Alto Orvietano – FABRO (TR) Scuola secondaria I grado di Fabro Scalo (TR)
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Renata Stella
E-Mail: 
renata.stella@istruzione.it
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 15 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/07/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Svolgere attività di ripasso utilizzando un sistema innovativo, interattivo e piacevole, restando in contatto sia con i compagni che con l’nsegnante

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

I ragazzi hanno risposto in modo positivo, mostrandosi interessati e partecipi

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Is your project economically self sufficient now: 
Si
Insert date: 
07/01/2008
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

In una classe V di scuola Primaria, per attività di studio delle regioni italiane

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

“TALKSCHOOL- A Windows Into The World”

SCAMBIO CULTURALE TRA SCUOLE PARTNER EUROPEE E MONDIALI,
ATTRAVERSO L’UTILIZZO DI UN SOCIAL NETWORK SCOLASTICO IN
LINGUA INGLESE.

1. Sommario progetto
Sommario: 

IL PROGETTO TALKSCHOOL NASCE NELL'ORMAI LONTANO 2004 CON
L'OBIETTIVO DI FORNIRE AI RAGAZZI DELLA SCUOLA PRIMARIA E
SECONDARIA UNO STRUMENTO SICURO DI COMUNICAZIONE VIA
INTERNET CON I LORO COETANEI IN EUROPA E NEL MONDO. LA
SICUREZZA È GARANTITA DA UNA RICERCA DEGLI ISTITUTI PARTNER CHE
AVVIENE ATTRAVERSO CANALI UFFICIALI (AMBASCIATE, E-TWINNING,
AGENZIE NAZIONALI EUROPEE).
NEGLI ANNI IL PROGETTO HA AVUTO UNA EVOLUZIONE ESPONENZIALE
PASSANDO DA UN NUMERO DI PARTNER INIZIALE DI 3 ISTITUTI ALLE
ATTUALI 33 SCUOLE PARTNER DI DIFFERENTI PAESI (STATI UNITI, GHANA,
UGANDA, UNGHERIA, INGHILTERRA, ITALIA, GRECIA, SVEZIA, SLOVENIA,
POLONIA, PORTOGALLO, UCRAINA, LITUANIA, IRLANDA).
LA RETE ORMAI ASSUME DEI CONNOTATI ABBASTANZA ROBUSTI IN
QUANTO OGNI ANNO SI ORGANIZZA UN MEETING INTERNAZIONALE IN
UNA DIFFERENTE NAZIONE DOVE I PARTNER STESSI SI RIUNISCONO PER
DISCUTERE LE EVOLUZIONI DEL PROGETTO.
L'OCCASIONE È UTILE PER SCAMBIARE IDEE, CONOSCERSI DI PERSONA,
MA ANCHE PER AVVIARE UNO SCAMBIO FRA RAGAZZI SFRUTTANDO
L'ACCOGLIENZA DELLE FAMIGLIE. E' QUINDI UNA MOBILITÀ ED UN
EVENTO CHE COINVOLGE NON SOLO I DOCENTI MA ANCHE I RAGAZZI
(CIRCA 20 UNITÀ OGNI ANNI PROVENIENTI DALLE DIVERSE NAZIONI)
IL PROGETTO INOLTRE È DIVENTATO UN CANALE MEDIATICO NEL
QUALRE CONVOGLIARE E SVILUPPARE LA CONOSCENZA DEL NOSTRO
TERRITORIO ALL'ESTERO DIVENTANDO DI FATTO UNO STRUMENTO DI
PROMOZIONE TURISTICA.
QUESTO CI HA PERMESSO DI CONSOLIDARE NEL TEMPO UN RAPPORTO
PRIVILEGIATO CON IL MINISTERO REGIONALE PUGLIESE CHE OGNI ANNO
FORNISCE IL PROPRIO PATROCINIO ALL'INIZIATIVA.
IL PROGETTO TALKSCHOOL ANNOVERA ALL'ESTERO UNA SERIE DI
SUCCESSI COME IL QUALITY LABEL E-TWINNING IN UNGHERIA DOVE LA
SCUOLA UNGHERESE PARTNER HA VINTO IL PRIMO PREMIO E IL
COFINANZIAMENTO IN INGHILTERRA DA PARTE DELL'AGUSTA WESTLAND
(GRUPPO FINMECCANICA) CON LA PARTECIPAZIONE ANCHE
DELL'EUROPARLAMENTARE GRAHAM WATSON.
4
CIÒ NONOSTANTE IN ITALIA (SUO PAESE DI ORIGINE) STENTA AD
OTTENERE UNO STATUS DEGNO DEL CLAMORE E DELLO SVILUPPO
INTERNAZIONALE CHE HA AVUTO.
SUL SITO INTERNET SONO INOLTRE DISPONIBILI UNA SERIE DI ARTICOLI
PUBBLICATI SULLA STAMPA ITALIANA ED ESTERA CHE TESTIMONIANO
QUANTO DETTO.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Pulsano(TA)
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
I.C.S. GIANNONE
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
D’Amato Emiliano
E-Mail: 
info@talkschool.org
6. Website
Il sito web del progetto: 
http://www.talkschool.org
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 15 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/10/2005
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

L’OBIETTIVO GENERALE È QUELLO DELLA COESIONE SOCIALE TRA
SCUOLE DI DIVERSA PROVENIENZA ED ORIGINE ALL’INTERNO DEL
PROGETTO
• GLI OBIETTIVI SPECIFICI SONO:
• MIGLIORARE LE COMPETENZE E L’INTRAPRENDENZA LINGUISTICA
DEI RAGAZZI
• MIGLIORARE LA TOLLERANZA E LA COMPRENSIONE DI POPOLI DI
DIVERSA NAZIONALITÀ E DI DIVERSA CULTURA
• APPRENDERE L’IMPORTANZA DELLA LINGUA INGLESE IN MODO
FATTIVO (LEARNING BY DOING)
• MIGLIORARE LA DIMESTICHEZZA NELL’USO DELL’INFORMATICA
• APPREZZARE IL CONCETTO DELL’”EUROPEIZZAZIONE”
IL PROGETTO SI SVOLGE IN UN CONTESTO SCOLASTICO, QUESTO
PERMETTE AI RAGAZZI DI PRENDERE FAMILIARITÀ CON GLI STRUMENTI
INFORMATICI UTILIZZANDO L’USO DELLA LINGUA INGLESE.

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

IL PROGETTO SI SERVE DI DUE MEZZI SEMPLICI:
• INTERNET,
• LINGUA INGLESE,
• UNA RETE DI SCUOLE PARTNER SIN DAL 2005,
• UN MEETING INTERNAZIONALE CHE VEDE COINVOLTI 30 DOCENTI
E 20 ALUNNI PROVENIENTI DA OGNI PARTE DEL MONDO.
• UNA RETE DI AMICI PRIMA DI TUTTO
5
• BUONA VOLONTÀ
OGNI ANNO IL MEETING VIENE OSPITATO DA UNA SCUOLA DIVERSA.
• 2005 ITALIA
• 2006 ITALIA
• 2007 INGHILTERRA
• 2008 POLONIA
• 2009 PORTOGALLO
• 2010 …SI SPERA SLOVENIA ANCORA DA CONFERMARE.
CI SERVIAMO DI UN PORTALE ATTRAVERSO IL QUALE I RAGAZZI INVIANO
MESSAGGI SU UN FORUM GESTITO DIRETTAMENTE DA TUTTI I DOCENTI
PARTECIPANTI AL PROGETTO, IL TUTTO IN LINGUA INGLESE.

Quali opportunità/problemi affronta: 

AFFRONTA PROBLEMI CULTURALI, GENERAZIONALI, DI CITTADINANZA
ATTIVA ALL’INTERNO DELLE LOCALITÀ SCOLASTICHE E CULTURALI CHE
DIVENTANO PARTNER DEL PROGETTO; MA ANCHE DI INTEGRAZIONE
SOCIALE. IL PROGETTO USA COME PRETESTO TEMI CHE I RAGAZZI
SENTONO MAGGIORMENTE VICINI PER AFFRONTARE LA QUOTIDIANITÀ
DELL’USO DELLA LINGUA INGLESE NELLA COMUNICAZIONE
INTERPERSONALE.

Please explain what is unique or special in your project: 

- L’AUTOGESTIONE DA PARTE DEI DOCENTI DELLE SCUOLE PARTNER
CHE ADERISCONO AL PROGETTO; OGNUNA DELLE SCUOLE PARTNER
PERCEPISCE IL PORTALE COME PROPRIO LIBERO QUINDI DI POTERNE
SFRUTTARE LO STRUMENTO ANCHE PER UNA RETE INTERNA
INFRASCOLASTICA;
- L’AUTOREFERENZIALITÀ DEI FONDI CHE PERMETTONO OGNI ANNO DI
FARE UNO MEETING FINALE DI PROGETTO CON LE POCHE RISORSE
SCOLASTICHE DI OGNUNA DELLE SCUOLE PARTNER;
- GLI SCAMBI TRA RAGAZZI E QUINDI LA POSSIBILITÀ DI FAR
APPREZZARE SIN DALL’ETÀ DI 10-13 ANNI L’IMPORTANZA DI CONOSCERE
ALTRE CULTURE E QUINDI DI COMUNICARE ANCHE E SOPRATTUTTO AL
DI FUORI DEI CLASSICI CANALI FINANZIATI CON PROGRAMMI EUROPEI
COME IL PROGETTO COMENIUS E ALTRI.
- LA RETE DI SCUOLE PARTNER CHE CREDONO NEL PROGETTO DA
ORMAI OLTRE 5 ANNI. PARTITI CON 3 SCUOLE EUROPEE NEL 2005, OGGI
IL PROGETTO COINVOLGE PIÙ DI 30 SCUOLE NEL MONDO.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

IL MIGLIORAMENTO TANGIBILE DELLA LINGUA INGLESE NEI RAGAZZI
ADERENTI AL PROGETTO NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE; I
RISULTATI SONO MISURATI DAL LORO APPREZZABILE LIVELLO
LINGUISTICO ALLE SCUOLE SUPERIORI TESTIMONIATO QUINDI DAI
DOCENTI CHE RICEVONO I RAGAZZI DOPO IL PERCORSO FATTO ALLE
SCUOLE MEDIE ITALIANE CHE ADERISCONO AL PROGETTO
TALKSCHOOL.
DALLA CURIOSITÀ DEI RAGAZZI DI APPROCCIARE L’INFORMATICO IN
MODO COSTRUTTIVO E DI AVER INSTAURATO UN DIALOGO CONCRETO
CON I LORO COETANEI STRANIERI CHE ORMAI CONSIDERANO LORO
AMICI; I RAGAZZI CHE PARTECIPANO AL PROGETTO SONO QUINDI PIÙ
DISPONIBILI ALL’APPRENDIMENTO DELL’INGLESE E DELL’INFORMATICA

In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

IN MODO CONCRETO E OPERATIVO E SENZA VINCOLI DI
COORDINAMENTO FORZATO. OGNI SCUOLA ITALIANA O ESTERA PUÒ
GESTIRE ALL’INTERNO DELLA PROPRIA DIDATTICA IL PROGETTO

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

AL PROGETTO INTERAGISCONO 33 SCUOLE D’EUROPA E DEL MONDO; DI
CONSEGUENZA RAGAZZI E INSEGNANTI DELLE RISPETTIVE SCUOLE SI
COLLEGANO OGNI GIORNO TRAMITE IL SITO www.talkschool.org.
MENSILMENTE IL NUMERO DEI RAGAZZI CHE INTERAGISCONO
CORRISPONDE AL NUMERO TOTALE DEI RAGAZZI PARTECIPANTI IN
QUANTO IN OGNI SCUOLA PARTNER ALMENO UNA VOLTA LA SETTIMANA
SI HA UNO SPAZIO (SCOLASTICO O EXTRASCOLASTICO) DEDICATO AL
PROGETTO.
IN QUESTO MODO SONO ALL’INIZIO GLI STESSI INSEGNANTI A
SOLLECITARE I RAGAZZI E IL LORO ENTUSIASMO ALL’USO DELLA
PIATTAFORMA.
IL PROGETTO SI BASA MOLTO SULLA COESIONE DEL CORPO DOCENTE
CHE ORMAI SI INCONTRA DA OLTRE 5 ANNI. BEN PRIMA DI AVVIARE
FORMALMENTE IL PROGETTO.

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

L’APPROCCIO USATO DAI DOCENTI CHE AFFIANCANO I RAGAZZI È
QUELLO DEL SUPPORTO E NON DEL CONTROLLO E CORREZIONE. IN
QUESTO MODO I RAGAZZI SI SENTONO MENO PRIGIONIERI DELLA
REGOLA LINGUISTICA E POSSONO “PROVARE” A CIMENTARSI NELLA
COMUNICAZIONE IN LINGUA COI LORO COETANEI SENZA “SUBIRE” IL
7
MOMENTO DELLA VERIFICA E DEL CONTROLLO. SPESSO INFATTI I
RAGAZZI DOPO LE PRIME 5 LEZIONI DI AVVICINAMENTO ALLO
STRUMENTO INFORMATICO SI SENTONO LIBERI DI INSTAURARE LEGAMI
DI AMICIZIA CHE COLTIVANO SULLA PIATTAFORMA ANCHE DA CASA.
TUTTE LE COMUNICAZIONE VENGONO POI VALIDATE DAL DOCENTE
INTERNO CHE PUÒ QUINDI VERIFICARE LA CORRETTEZZA E NELLO
STESSO TEMPO USARLO COME VERIFICA DELLO STATO DI
APPRENDIMENTO E OLTRETUTTO COME CONTROLLO DI SICUREZZA
CIRCA LE COMUNICAZIONE SCAMBIATE.
L’UTILIZZO DELLA LINGUA INGLESE AIUTA I RAGAZZI AD APPRENDERE
MEGLIO LA LINGUA STRANIERA E A COGLIERE MEGLIO LA NECESSITÀ
DELLA COMPRENSIONE DI UN MAGGIOR NUMERO DI VOCABOLI
INOLTRE L’USO DELL’INFORMATICA DI BASE QUALE NECESSARIO
MEZZO PER ACCORCIARE LE DISTANZE TRA SÉ STESSI E I LORO AMICI,
RAFFORZA IL LORO SENSO DI ADEGUATEZZA NEI CONFRONTI DI UN
MEZZO OSTICO E LA CAPACITÀ DI SPERIMENTARE PUR DI RIUSCIRE A
COMUNICARE COI LORO COETANEI;

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

L’OTTIMIZZAZIONE È DATA DAL MEETING DEI DOCENTI E TUTOR CHE
VIENE FATTO A VALLE DI OGNI ANNO SCOLASTICO E PERMETTE AI
NUOVI DOCENTI DI SENTIRSI PARTE DI UNA RETE E AI DOCENTI CHE GIÀ
PARTECIPANO DA PIÙ ANNI DI OFFRIRE LA LORO ESPERIENZA SU
QUANTO SVOLTO DURANTE L’ANNO E SOPRATTUTTO DI SCEGLIERE LE
TEMATICHE CHE SARANNO AFFRONTATE NELL’ANNO SCOLASTICO
SUCCESSIVO.
AL MEETING PARTECIPANO ANCHE DUE O TRE RAGAZZI PER OGNI
SCUOLA ADERENTE E VENGONO OSPITATI DIRETTAMENTE NELLE CASE
DEI LORO AMICI CON CUI HANNO SCAMBIATO MESSAGGI DURANTE
TUTTO L’ANNO SCOLASTICO. QUESTO GENERA DI ANNO IN ANNO UN
ENTUSIASMO POSITIVO E VITALE MOTIVANDO I NUOVI RAGAZZI
ADERENTI AL PROGETTO.

Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

L’APPRENDIMENTO DELL’INFORMATICA DI BASE È VISSUTO DAI DOCENTI
E DAI RAGAZZI COME UN MOMENTO NECESSARIO LEGATO
PRINCIPALMENTE AL FINE ULTIMO: RIUSCIRE A FAR PARTE DELLA RETE
DI AMICI E QUINDI COMUNICARE! QUESTO HA GENERATO COL TEMPO
NEI DOCENTI LA SERENITÀ CHE POCHE E SEMPLICI REGOLE POSSONO
BASTARE PER L’USO ESSENZIALE DEL PC E NEI RAGAZZI LA POSSIBILITÀ
DI SPERIMENTARE AD USARE IL PC ANCHE PER PARLARE IN CHAT E
8
MESSAGGIARE SUL FORUM, CAMBIARE LA LORO IMMAGINE NEL
PROFILO PUBBLICO ECC..ATTIVITÀ CHE IN GENERE SVOLGONO GIÀ A
CASA MA QUESTA VOLTA È LA SCUOLA CHE DIVENTA UN SOCIAL
NETWORK DIVERTENTE E FACILE DA USARE

Descrivete i criteri che usate per misurate i risultati raggiunti dal vostro progetto: 

OGNI MESE VIENE INVIATA UNA MAIL PER OGNI SCUOLA PARTNER CON
IL NUMERO DEI MESSAGGI TOTALI CHE SONO STATI INVIATI DAGLI
UTENTI CHE SONO ATTRIBUITI A QUELLA SCUOLA. IN QUESTO MODO IL
DOCENTE REFERENTE È A CONOSCENZA DEL GRADO DI UTILIZZO
DELLO STRUMENTO. INOLTRE OGNI SETTIMANA IL DOCENTE
REFERENTE DI PROGETTO ALL’INTERNO DELLE SUE ORE SCOLASTICHE
O EXTRASCOLASTICHE FA USARE LA PIATTAFORMA AI PROPRI
STUDENTI CHE SE VOGLIONO POSSONO DISPORRE DI UN TUTOR PER
L’USO E LA NAVIGAZIONE DELLA PIATTAFORMA E UN DOCENTE DI
LINGUA INGLESE PER MIGLIORARE L’IMPOSTAZIONE DELLA FRASE CHE
STANNO SCRIVENDO AI LORO AMICI.

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Più di 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 10.001 a 30.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Finanziamenti pubblici o privati
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

Il progetto è diventato un progetto a scala europea

Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto: 

CHE LA RETE DÀ MAGGIORE FORZA E CONSISTENZA AD UN PROGETTO
LINGUISTICO E CHE L’USO DELLE MODERNE TECNOLOGIE È
IMPRESCINDIBILE DALLA MODERNA COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE.

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

IL PROGETTO NASCE DALL’IDEA DI DUE APPASSIONATI DI INFORMATICA
E DI SCAMBI CULTURALI EMILIANO D’AMATO E MORENA SCRASCIA, CHE
PENSANO DI RIUSCIRE A COSTRUIRE UNA RETE DI SCUOLE SU
INTERNET. SUCCESSIVAMENTE NASCE L’IDEA DI POTENZIARE L’IDEA
PROGETTO INIZIALE CON LA COSTITUZIONE DI UNA RETE EUROPEA DI
SCUOLE PER IL POTENZIAMENTO E L’USO DELLA LINGUA INGLESE
NELLE SCUOLE ITALIANE DELLA PROVINCIA DI LECCE E DI TARANTO E DI
POTER DARE AD ALCUNI STUDENTI LA POSSIBILITÀ DI VIAGGIARE SIN DA
GIOVANISSIMI. L’OPPORTUNITÀ DI VIAGGIARE E LA CURIOSITÀ DI
SCOPRIRE IL MONDO È LA SPINTA ED IL PRETESTO CHE FA PARTIRE
EMILIANO NELLA COSTRUZIONE DI UN PORTALE DEDICATO ALLA
COMUNICAZIONE E MORENA NELLA RICERCA DI PARTNERS (SCUOLE
ITALIANE VOGLIOSE DI PROVARE QUESTA ESPERIENZA ED ESTERE
1
DISPOSTE A DARE CREDITO A QUESTA INIZIATIVA); IN QUESTO I MOLTI
SITI DELLA COMMISSIONE EUROPEA, I CONSOLATI ESTERI SONO STATI
UN UTILE STRUMENTO DI RELAZIONI PER LA RICERCA DI PARTNERSHIP.
IL PRIMO ANNO LA RETE DELLE SCUOLE ERA SOLO DI UNA SCUOLA NEL
COMUNE DI PULSANO (TARANTO) E DUE SCUOLE DELL’INGHILTERRA;
IL SECONDO 2 SCUOLE ITALIANE E 5 SCUOLE ESTERE DI CUI UNA
AMERICANA;
DAL TERZO IL PROGETTO HA AVUTO UN’ESPLOSIONE ESPONENZIALE
DELLA RETE CON SCUOLE UGANDESI E GHANESI CHE NE HANNO
CHIESTO L’ACCESSO E SFRUTTANO LA PIATTAFORMA IN MODO
COSTANTE.
NESSUNA SCUOLA È USCITA DAL PROGETTO; ANZI I DOCENTI ESTERI
HANNO SAPUTO AMPLIARE LA RETE NEL LORO PAESE.
IL PROGETTO HA AVUTO NOTEVOLI RICONOSCIMENTI ESTERI MA
NESSUNO IN ITALIA.
PER BEN DUE VOLTE HA PARTECIPATO AL LABEL DI QUALITÀ ETWINNING
ITALIANO SENZA MAI CLASSIFICARSI.
QUEST’ANNO HA AVUTO IL RICONOSCIMENTO DEL LABEL E-TWINNING
UNGHERESE.
QUESTO FA RIFLETTERE COME LE VALUTAZIONI SIA SOLO SOGGETTIVE
E NON OBIETTIVE, E COME IL MARCHIO DI QUALITÀ PER ECCELLENZA A
LIVELLO EUROPEO PER LA SCUOLA SIA COSÌ POCO EQUIPARATO DA
PAESE A PAESE EUROPEO. SINGOLARE CHE UN PROGETTO NATO E
COORDINATO IN ITALIA ABBIA SIA VALORIZZATO ALL’ESTERO E NON
ITALIA.

Ostacoli: 

TECNOLOGIE LEGATE SPESSO AD UN CORPO DOCENTE RESTIO AD
APPREZZARNE I CONTENUTI E A VOLER INVESTIRE IN QUESTA
MODALITÀ DI APPRENDIMENTO.
OSTACOLI DI TIPO ECONOMICO; LE SCUOLE PARTNER ESTERE
USUFRUISCONO DEL SERVIZIO IN MODO GRATUITO; IL
COORDINAMENTO E IL TUTORAGGIO PER GLI STUDENTI ITALIANI VIENE
PAGATO SOLO DALLA SCUOLA ITALIANA.
- OSTACOLI A VALORIZZARE L’ESPERIENZA IN ITALIA.

Soluzioni: 

MAGGIORE DIFFUSIONE DELL’ESPERIENZA DIDATTICA SU RIVISTE E
GIORNALI SPECIALISTICI.
1
- PARTECIPAZIONE A FIERE E CONVEGNI.

Future plans and wish list: 

VORREMMO CHE IL PROGETTO DIVENISSE PARTE INTEGRANTE DI
AMBITO TERRITORIALE ALLARGATO, MARCHIO DI QUALITÀ PER IL
TERRITORIO PUGLIESE, ELEMENTO DI MARKETING TERRITORIALE.
PER REALIZZARLO SERVIREBBERO PIÙ FONDI, PER POTER ALLARGARE
IL GRUPPO DI LAVORO SIA CHE GESTISCE LA RETE SIA CHE GESTISCE IL
COORDINAMENTO, LE TECNOLOGIE E IL TUTORAGGIO LINGUISTICO E
INFORMATICO.
VORREMMO FINALMENTE AVERE IL MARCHIO DIQUALITÀ E-TWINNIG.
PER POTER PARTECIPARE A PROGETTI DIFINANZIAMENTO PUBBLICO,
EUROPEO CON MAGGIORI POSSIBILITÀ.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Piattaforma e-learning

Piattaforma e-learning per la condivisione di materiale di corsi strutturati per adulti

1. Sommario progetto
Sommario: 

La piattaforma è strutturata per inserire e condividere materiale presentato dai relatori nei corsi di formazione svolti nell'istituto.Si accede alla piattaforma dal sito della scuola www.eduardovillanova.it.Il materiale può essere condiviso da tutti facendo il login.Alcuni corsi sono protetti da chiave d'accesso poichè riservati agli isciritti.Le scuole del Consorzio si sono poste come obiettivo la condivisione di materiali forniti dai relatori e per la strutturazione della piattaforma per la formazione a distanza

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Villanova di Guidonia - Roma
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Istituto Eduardo di Filippo
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Angela Tassi
E-Mail: 
angelatassi@libero.it
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 10 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/10/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

L'obiettivo è mettere a disposizione materiale informativo che riguardi la formazione

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Gli isciritti sono aumentati negli ultimi 2 mesi con l'attivazione di un corso "Abito mentale alla legalità"

12. Trasferibilità
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Informazioni aggiuntive
Future plans and wish list: 

Utilizzare al massimo le potenzialità della piattaforma

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Mathematic@

Il progetto presentato prevede una formazione matematica in modalità blended/e-learning attraverso una piattaforma sempre consultabile on line

1. Sommario progetto
Sommario: 

Creazione di una piattaforma didattica per fornire agli alunni opportunità di potenziamento e recupero

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Roma
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
IC Fratelli Cervi
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Ciancaglini Giuseppe
E-Mail: 
icscervi@quipo.it
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 15 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/09/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Il progetto vuole mettere a disposizione corsi di recupero e potenziamento on-line

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

La piattaforma di apprendimento è stata utilizzata con succeso da parte degli alunni

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Finanziamenti pubblici o privati
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

scuole in rete

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Forgotten Diaries

Forgotten Diaries is a highly acclaimed new project that aims to shed light on and raise global awareness of the lives of children and young people growing up in forgotten conflict zones: wars that

1. Sommario progetto
Sommario: 

‘Forgotten Diaries’ is a long-term initiative with a one-year pilot project, and its objectives are as follow:

 
·        Select five young people aged 15-29 from each of ten of the most pressing conflict zones, making sure to represent a variety of points of view, backgrounds, ethnicities and gender balance, and offer them a one-month online training course on basic reporting techniques and on the ICTs and tools to be used throughout the project (blogs, podcasts, videos and other), releasing a certificate at the end of it. Two more trainings are offered on “Project Management and Leadership Skills” and “Story Telling”.
 
·        Develop a website which will be used as a unique tool through which the neglected voices of youth in conflict zones will be heard by the global audiences and interested parties in the media and online. Focused campaigns and advocacy efforts will then contribute to make these intercultural exchanges and youth-led program known through the media, with preference to the online community.
 
·        Promote the exchange of perspectives among participants (from within the same country and among all the countries involved) through their weekly blogs, posts, videos, interviews and photos, with a view to foster long-term intercultural dialogue and an enhanced understanding of different backgrounds and experiences of conflicts
 
·        Engage the global audience – young people and adult alike - in an ongoing dialogue with participants about their perspectives and the conflicts they live in through blogs and forums, encouraging them to contribute to the project by also taking part in campaigns, advocacy efforts and contributing their time and skills in different fields. The global audience will also have the opportunity to volunteer in assisting youth projects in conflict zones and in advocacy efforts.
 
 
ITALIANO
 
Forgotten Diaries è una inziativa a lungo termine con una fase pilota di un anno, i cui obiettivi sono i seguenti:
 
·        Selezionare cinque giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni, da ciascuna delle dieci delle “zone di conflitto” individuate, avendo cura di rappresentare una varietà di punti di vista, di background, di etnie e equilibrio tra i sessi, e di offrire loro un mese di corso di formazione on-line sui fondamentali della tecniche di comunicazione attraverso i new media e sulle tecnologie e gli strumenti da utilizzare in tutto il progetto (blog, podcast, video e altro), rilasciando un certificato alla fine del corso. Due nuovi corsi di formazione sono inoltre stati offerti: "Project Management e capacità di leadership" e "Story Telling”
 
·        Sviluppare un sito web utilizzato come unico strumento attraverso il quale le voci dei giovani che vivono in zone di conflitto avranno l'opportunità di esprimersi, e di attirrare l'attenzione del pubblico globale, dei media e dei navigatori del web. Campagne mirate di sensibilizzazione e di impegno contribuiscono a rendere questi scambi inteculturali conosciuti attraverso i media con preferenza per la comunità online.
 
·        Promuovere lo scambio di prospettive tra i partecipanti (all'interno dello stesso paese e tra tutti i paesi coinvolti) attraverso il loro blog settimanale, i post, i video, le interviste e le foto. Con una prospettiva di lungo termine inoltre si ha l'obiettivo di promuovere il dialogo interculturale e una migliore comprensione delle diversità culturali e della situazione di chi vive in zone di conflitto.
 
·        Coinvolgere il pubblico globale – sia giovani che adulti - in un dialogo continuo con i partecipanti sulle loro prospettive e sugli sviluppi dei conflitti in cui vivono, attraverso blog e forum, incoraggiandoli a contribuire al progetto prendendo per esempio parte a campagne di sensibilizzazione o a contribuire investendo parte del proprio tempo o competenze in diversi campi. Il pubblico globale avrà anche l'opportunità di aiutare i giovani volontari in progetti in zone di conflitto.
2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Mezzago
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Youth Action for Change (YAC)
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Associazione
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Selene Biffi
E-Mail: 
selene@youthactionforchange.org
6. Website
Il sito web del progetto: 
www.forgottendiaries.org
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 29 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
16/06/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

There are now over 100 ongoing conflicts and crisis in world, and despite the fact that some of these have been going on for over ten years and have claimed several thousands lives, they have received very little coverage by mainstream media (over 25 years in Sri Lanka & 40 in Colombia, for example). Thus has made them, de facto, shunned by the international community at large and are referred to as 'forgotten conflicts'.

 
Several millions children and young people are confronted daily with war, and have no chance to tell the outer world about their lives, hopes and expectations, nor the way they perceive conflicts and their struggle to survive.
 
To continue the long-standing tradition of young people keeping a diary of their lives and their struggles in conflicts (as much as those of Anne Frank and Zlata Filipovic), the internationally acclaimed organisation, Youth Action for Change (YAC) will offer them a platform though this project to voice their thoughts, feelings and hopes and promote ongoing dialogues between young people from all sides of the identified conflicts as well as the global audience.
 
Our main target is with children and young people living in conflict and post conflict areas, aged 15-29. We have identified then ten most neglected conflicts and crisis worldwide: Kosovo, Chechnya, Kurdistan, East Timor, Caucasus, Ethiopia, India & Pakistan, Niger & Niger delta, Sri Lanka, Uganda. We have chosen five young people per conflict area to be our reporter on the field.
 
Other than young people and youth-led organisations coming from neglected conflict and post-conflict areas, we also aim to inspire and involve the global audience, both young and adult alike.

 

 

ITALIANO

Ad oggi nel mondo sono più di 100 i conflitti e le crisi in corso. Nonostante alcuni di questi conflitti siano in corso da oltre dieci anni (oltre 25 anni nello Sri Lanka e 40 in Colombia, per esempio) e abbiamo sacrificato diverse migliaia vita, hanno ricevuto poca attenzione da parte dei media. Questo li ha resi, di fatto, “conflitti dimenticati” allontanandoli dall'occhio delle opinione pubblica mondiale.

 
Diversi milioni di bambini e giovani si confrontano giornalmente con la guerra, e non hanno alcuna possibilità raccontare al mondo la loro vita, le speranze e le aspettative per il futuro, né il loro modo di percepire i conflitti e la loro lotta per sopravvivere. 

Per continuare la lunga tradizione dei giovani di tenere un diario della loro vita e delle loro lotte (come quelle di Anne Frank e Zlata Filipovic), l'organizzazione di fama internazionale, Youth Action for Change (YAC) offre loro una piattaforma che gli consentirà di esprimere i propri pensieri, i sentimenti e le speranze e promuovere il dialogo tra giovani provenienti da zone afflitte da conflitti dimenticati e il pubblico globale. 

Il nostro obiettivo principale è coinvolgere bambini e giovani che vivono in aree di conflitto o post conflitto, di età compresa tra 15 e 29 anni. Abbiamo quindi individuato dieci tra i più trascurati conflitti e crisi: Kosovo, Cecenia, Kurdistan, Timor Est, Caucaso, Etiopia, India e Pakistan, Niger e delta del Niger, Sri Lanka, Uganda.

Abbiamo scelto quindi cinque giovani per zona che hanno accettato di essere i nostri reporter sul campo. 
Oltre che i giovani reporter selezionati e i giovani di organizzazioni che provengono dalle zone di conflitto individuate, abbiamo anche lo scopo di ispirare e coinvolgere il pubblico mondiale sia giovane che adulto.
Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

 

-         Training: participants received online training on “New Media Skills”, “Project Management and Leadership Skills”, “Story Telling” to allow them to communicate their voice clearly in the online platform built on www.forgottendiaries.org . (Phase 1 of the Project)
 
-         Photo Galleries: creation, maintenance & promotion of a photo gallery section for the Forgotten Diaries website where FD participants will be able to visually document their lives in conflict zones through a single consolidated platform.
 
-         Youth-led projects: participants will be trained to create and implement community building projects locally, financed by small grants. (Phase 2 of the Project)
 
-         Documentary: production of a 30-60min documentary depicting some of the stories of the FD participants in conflict zones, the conflict's impact on their lives, and how they are overcoming challenges. The documentary will also raise awareness of youth-led community projects that participants will create and aim to raise support for the projects

 

 

 

ITALIANO 

-         Formazione: i partecipanti hanno seguito corsi di formazione online su temi quali “Nuovi mezzi di comunicazione”, “Gestione di Progetti”, “Raccontare storie attraverso Immagini”, che hanno permesso loro di comunicare in modo chiaro ed efficace le proprie storie nella piattaforma online creata appositamente sul sito www.forgottendiaries.org (Fase 1 del progetto).
 
-         Galleria fotografica: creazione, mantenimento e promozione di una galleria fotografica per il sito di Forgotten Diaries nel quale i partecipanti di Forgotten Diaries possono e potranno documentare le proprie vite in zone di conflitto all’interno di un’unica piattaforma.
 
-         Progetto gestiti da giovani: i partecipanti seguiranno una formazione che li portera’ a gestire progetti locali finanziati da piccole sovvenzioni (Fase 2 del progetto).
 
-         Documentario: produzione di un documentario di 30 – 60 minuti che mostri alcune delle storie dei partecipanti di FD nelle zone di conflitto, l’impatto del conflitto sulle loro vite e come questi ragazzi cerchino di superare le sfide quotidiane. Il documentario si focalizzera’ anche sui progetti locali iniziati dai partecipanti di FD cercando di aumentarne la visibilita’ con lo scopo di attrarre fondi a favore degli stessi.
Quali opportunità/problemi affronta: 

 

Children are amongst the first casualties of any armed conflict, the most vulnerable and innocent of victims. In the last decade alone 1.5 million children have died in wars; four million have been disabled and a further 10 million traumatized.
Children in war zones have to cope with very difficult circumstances. Not only do they suffer physical wounds, hunger and malnutrition but they also have problems with recurring nightmares, sleep disorders, depression, explosions of anger or anguish, concentration problems, and many more. Many are very sombre about their future as they feel that a future is not guaranteed.
Forgotten Diaries is an initiative which will allow these children to keep in contact with the external world, communicating about their experiences, fears and dreams. It is a unique opportunity for their voice to be heard.
We strongly believe that Forgotten Diaries, together with local grass roots organizations’ initiatives (of which we are not responsible), through both short-term emergency relief and long-term rehabilitation programs, will help improve the living conditions of war-affected children and young people.
 
With this initiative we will address three main opportunities:
 
·        Giving children and young people the opportunity and the tools to report on their daily lives and the conflict they live in
 
·        Educate the global audience about unreported and underreported conflicts, crisis and issues while giving them a chance to get involved through a host of activities (campaigns, advocacy efforts and fundraising)
 
·        Encourage the implementation of youth-led, on-the-ground activities in the countries and communities targeted by ‘Forgotten Diaries’

 

 

ITALIANO

 

I bambini rappresentano le prime vittime di ogni conflitto armato, le piu’ vulnerabili ed innocenti. Nell’ultimo decennio, un milione e mezzo di bambini sono deceduti durante le guerre; 4 milioni sono stati feriti in modo permanente e altri 10 milioni hanno subito un trauma incalcolabile.
 
I bambini che vivono in zone di conflitto devono far fronte quotidianamente a sfide continue. Non solo sono vittime di ferite, fame e malnutrizione, ma soffrono anche di disturbi frequenti di incubi, insonnia, depressione, nervosismo, concentrazione, ad altri ancora. Molti di questi bambini smettono di pensare al futuro dato che non esiste alcuna certezza riguardo al futuro.
 
Forgotten Diaries e’ un’iniziativa che permettera’ ai partecipanti di mantenere un contatto con il mondo esterno, riportando delle proprie esperienze, dei propri sogni e delle proprie paure. Si tratta di un’esperienza unica di dar voce a questi ragazzi.
 
Crediamo fermamente che Forgotten Diaries, in collaborazione con organizzazioni locali (delle quali non siamo responsabili) attraverso sia piani a corto termine che programmi di riabilitazione a lungo termine contribuira’ a migliorare le condizione di vita dei bambini e dei giovani colpiti dalla guerra.
 
 
Please explain what is unique or special in your project: 

‘Forgotten Diaries’ is a long-term initiative initiated through a one-year pilot project started in July 2008. Forgotten Diaries is an online initiative which aims at shedding light on the most unreported and underreported conflicts, crisis and issues by involving those most affected by these: children and young people.

 
Forgotten Diaries is the first project of its kind, striving to bring attention to youth in conflict zones and pioneering the use of a range of ‘new media’, creative technologies and techniques to train and empower young people in conflict zones with the ability to share their stories with the world. It also support young people coming from this areas with the skills and tools they need to implement local project so as to actively contribute to peace and justice within their own communities.

 

 

ITALIANO

“Forgotten Diaries” e’ un’iniziativa a lungo termine iniziata attraverso un progetto pilota di durata annuale partito a luglio 2008. Forgotten Diaries e’ un’iniziativa online che vuole far luce sui conflitti, crisi e temi non ascoltati e in genere dimenticati, coinvolgendo coloro che da questi ne sono piu’ coinvolti: i bambini e i giovani.
 
Forgotten Diaries si tratta della prima iniziativa di questo genere; un’azione che si pone come obiettivo quello di attirare l’attenzione sui giovani nelle zone di conflitto attraverso l’utilizzo di una serie di nuovi mezzi di comunicazione, tecnologie e tecniche creative per educare i giovani nelle zone di conflitto affinche imparino a condividere le proprie storie con il mondo esterno.
 
Il progetto aiuta anche i giovani in queste zone a sviluppare le capacita’ necessarie ad attivare progetti di sviluppo a livello locale.
10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

In it’s short life, Forgotten Diaries has already won numerous awards and received international press coverage. Some of its key achievements to date include:

- Over 20,000 hits to date (global audience)

- Media Coverage: TG5, Sole24Ore, Rai International, Il Giorno, Corriere della Sera (Italy) and SKY and the UN and others (International)

- Partnerships: established with Oxfam OIYP · Grant from ArtAction, an art foundation based in Singapore

- Awards: ‘Econtent Award Italy 2008’, Politecnico di Milano, Takunda Award as ‘Best Humanitarian Project of 2009’ , CESVI and the Italian Ministry of Foreign Affairs, Official endorsement of the Italian Ministry of Youth

- Due to its unique, innovative and inspiring approach, ‘Forgotten Diaries’ has already received endorsements, support or expressions of interest from numerous people and organizations including:

 

Oxfam OIYP
Pulitzer Center on Crisis Reporting
Mr. Kevin Sites – Former CNN and NBC war correspondent and instigator of the ‘In the Hot Zone’ feature on Yahoo!
Mr. Charles London - Writer, author of 'One Day the Soldiers Came'
Forgotten Diaries is now helping participants in designing and implementing local development projects aiming at building peace. Some examples include the creation of peace clubs to train children and teenagers in schools in Ethiopia and mobilize women and young people to take part in the current peace talks in Northern Uganda.

 

ITALIANO

Durante il primo anno di vita, Forgotten Diaries e’ stato insignito di numerosi premi ed ha ricevuto l’attenzione della stampa italiana ed internazionale. Alcuni dei traguardi chiave raggiunti sono:

 
-         Piu’ di 20,000 visite del sito alla data attuale;
 
-         Copertura di vari mezzi di comunicazione: TG5, Sole24Ore, Rai International, Il Giorno, Corriere della Sera, SKY, UN e altri ancora;
 
-         Partenariati:stabiliti con Oxfam OIYP, Sovvenzione da ArtAction, una Fondazione con sede a Singapore e concentrate sullo sviluppo artistico.
 
-         Premi: “Econtent Award Italy 2008”, Politecnico di Milano; Takunda Award in qualita’ di “Miglior Progetto Umanitario del 2009”, CESVI; e Patrocinio ufficiale del Ministro della Gioventu’.
 
-         Grazie alle sue caratteristiche di unicita’ed innovazione, Forgotten Diaries ha gia’ ricevuto il patrocinio, il supporto e l’interesse di varie personalita’ ed organizzazioni quali:
 
Oxfam OIYP
Centro Pulitzer Unita’ di Crisi
Kevin Sites, già Corrispondente di Guerra per CNN e NBC e investigatore per Yahoo nella sezione “In the Hot Zone”
Charles London – Scrittore e autore di “One day the Soldiers Came”
 
 
Forgotten Diaries sta ora aiutando i partecipanti a realizzare e mettere in pratica progetti di sviluppo a livello locale. Alcuni esempi includono la creazione di centri di pace per educare bambini ed adolescenti in scuole in Etiopia; e centri per mobilitare le donne e i giovani negli attuali processi di pace in Uganda del Nord.
 
In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

FD responds to user's needs in a number of ways. Firstly users include the youth participants in the project from forgotten conflict zones, other youth from conflict zones, professionals with an interest in the project, NGO's who may use information from FD to complement their work on the ground and the global audience who visit the site and learn about forgotten conflicts.

The site itself is highly interactive and simple. Participants maintain country blog, upload photo-journals and converse with each other. Visitors to the site and any other stakeholder can comment on the blog and share their views and ask questions. Surveys are also carried out by FD's participant coordinator for continual improvement and participants also rely on the participant coordinator when they need help implementing local projects.

Other stakeholders have the chance to contact the FD team with queries and suggestions, and based on such feedback, we are soon to open a FD photo gallery section.

As a result of these measures, FD is responsive to the requests and needs of its Users.

 

 

ITALIANO

FD soddisfa i bisogni dei propri utenti in molteplici modi. Prima di tutto gli utenti sono i partecipanti del progetto stesso, provenienti dalle zone di conflitto dimenticate, poi altri giovani da altre zone di conflitto, esperti con un interesse nelle progetto, le ONG che possono utilizzare l’informazione fornita all’interno del sito di Forgotten Diaries per completare il proprio lavoro e il pubblico in generale che visita il sito e impara in questo modo sui conflitti dimenticati.
 
Il sito internet e’ semplice e molto interattivo. I partecipanti sono responsabili della manutenzione del blog del proprio paese, devono inserire foto e conversare fra di loro. I visitatori del sito cosi come tutte le parti interessate possono lasciare commenti sul sito e condividere i propri punti di vista, cosi come porre domande. Il coordinatore del progetto di Forgotten Diaries si occupa anche di gestire tutta una serie di sondaggi tra i partecipanti per migliorare continuamente il sito e i partecipanti possono contare sul coordinatore in caso di aiuto nell’attuazione dei progetti a livello locale.
 
Le altre parti interessate possono contattare il Team di Forgotten Diaries con richieste e suggerimenti, e sulla base di tali riscontri abbiamo ora deciso di aprire una galleria fotografica.
 
E’ possible affermare quindi che Forgotten Diaries risponde alle richieste ed ai bisogni dei propri utenti.
 
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

Our target group, apart from our participants (young people aged 15-29 from ten conflict areas) include other young people from all over the world, adults, NGOs, Media and International Organisations, among others.

 
 We receive around 1,000 hits a month, with people blogging, reading the entries, leaving comments and interacting among themselves. We also have people receiving our newsletter and interacting on our Facebook group.

 

ITALIANO

Il gruppo da noi preso in considerazione, eccezion fatta per i partecipanti (giovani di eta’ compresa tra i 15 e i 29 anni provenienti da 10 zone di conflitto) include giovani provenienti anche da altre zone al mondo, adulti, ONG, mezzi di comunicazione, ed organizzazioni internazionali.

 
La pagina internet di Forgotten Diaries ha ricevuto circa 1000 visite al giorno, con persone che hanno partecipato ai blog, letto le testimonianze, lasciato commenti e interagito. Parecchie persone ricevono la nostra Newsletter e altri ancora interagiscono sul gruppo che appositamente abbiamo creato in Facebook.

 

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

FD improves the education of young people in numerous ways.

 Firstly, one of the key objectives of FD is to help young people in forgotten conflict zones connect with one another, sharing stories and experiences and helping one another overcome the challenges they face.
 
Secondly, FD provides training to young people in conflict zones. Since its inception, in June 2008, FD have run courses online for its youth participants on online media, community project development and storytelling through photography. These courses were designed to help the participants reach out to the world and share their perspectives and stories of life in conflict zones, while also teaching them how to start and run small community projects to help their peers. Several projects have been started since, including a “sports for peace” project in Nigeria where an FD participant is using sport to bring youth together and teach them to play peacefully. Through this model, FD achieves a leveraged impact as its participants use their new found skills to train others in their community.
 
Finally, FD has brought increased attention and awareness about the plight of youth in forgotten conflict zones to the rest of the world. With thousands of mostly young people visiting the website, reading about the conflicts and reading the personal blogs of the participants, many have learnt about forgotten conflict zones and development issues.
 
 
ITALIANO
 
Forgotten Diaries, ormai noto attraverso l'acronimo FD, ha contribuito a migliorare il livello di istruzione dei giovani in piu’ modi.
 
Innanzi tutto, uno degli obiettivi principali di Forgotten Diaries consiste nell’aiutare i giovani provenienti dalle zone di conflitto dimenticate da tutti a ristabilire un contatto con il mondo esterno e con gli altri partecipanti, condividendo storie ed esperienze ed aiutandosi reciprocamente a superare gli ostacoli della vita quotidiana.
 
In secondo luogo, Forgotten Diaries fornisce opportunita’ di formazione per i partecipanti. Dalla sua creazione in poi, ovvero fin dal mese di giugno 2008, Forgotten Diaries ha gestito corsi online per i propri partecipanti su temi quali nuovi mezzi di comunicazione, sviluppo di progetti locali e fotografia come testimonianza e strumento di comunicazione. Tali corsi sono stati studiati in modo da permettere ai partecipanti di comunicare con il mondo esterno e condividere le proprie esperienze e storie di vita nelle zone di conflitto, e allo stesso tempo sviluppare le capacita’ necessarie per iniziare e gestire piccoli progetti a livello locale nei quali siano coinvolti i loro coetanei. Gia’ alcuni progetti sono stati inizati, come ad esempio un progetto “sport per la pace” in Nigeria, dove un partecipante di Forgotten Diaries vuole usare lo sport per riunire i giovani ed insegnar loro a giocare in modo pacifico. Utilizzando questo modello, Forgotten Diaries amplifica ulteriormente l’impatto ottenuto dato che i propri partecipanti utilizzano le nuove capacita’ per formare ed istruire altri giovani nella comunita’.
 
Infine, Forgotten Diaries e’ riuscito a risollevare l’attenzione del pubblico in generale sulla piaga rappresentata dai giovani che vivono in zone di conflitto ormai dimenticate. Migliaia di giovani che visitano la pagina internet e che leggono dei conflitti e delle vite dei partecipanti, hanno imparato e appronfondito le tematiche relative alle zone di conflitto e allo sviluppo in generale.

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

FD involves a range of stakeholders including professionals and young people.

 Young People: Youth are directly involved and the main focus of the project. FD aims to raise awareness of those most directly and heavily affected by forgotten conflict zones, youth. FD directly engages over 40 youth from a selection of 10 forgotten conflict zones at present, providing training for them and resources and support including funding opportunities for community projects they can choose to start. The 40+ youth blog regularly on the FD website, allowing a global audience to gain a unique perspective into the lives of youth in conflict zones and the challenges they face. However, FD presents a much more positive image. Many of the participants are community youth leaders and some have engaged in starting their own community projects with the help of FD, all which is also displayed on the website for the international audience to learn about. Furthermore, FD is completely run and was designed by a team of young volunteers from around the world.
 
Professionals: FD involves a number of professionals as well. Firstly FD was fortunate to engage Mr. Kevin Sites a former CNN conflicts reporter and the Author of “In the Hot Zone” as a key mentor for the project. Furthermore, FD has run three skills training sessions for its participants, each which have been run by professionals in the respective fields of the training. FD is currently working on shooting a brief documentary on youth in conflict zones which will directly engage many of its participants and which will be made by film professionals.
 
Other Stakeholders: FD has engaged with numerous journalists and media representatives over the past year appearing in over 50 articles around the world. Furthermore, FD has also worked with numerous other NGOs and international organisations. For example FD worked together with Oxfam to run one training course in 2008. FD also uncovered accounts of human rights violations in one of the conflict zones surveyed and worked with a United Nations’ agency to bring attention to the issue. 
 

ITALIANO

Forgotten Diaries coinvolge una gamma di stakeholder che include giovani e professionisti.
 
Giovani: I giovani sono direttamente coinvolti, è l'obiettivo principale del progetto.
FD, mira a sensibilizzare le persone più direttamente e fortemente influenzate dalle zone di conflitti dimenticati: i giovani.
 
FD coinvolge direttamente oltre 40 giovani provenienti da una selezione di 10 zone di conflitti attualmente in corso ma dimenticati offrendo loro formazione, risorse, sostegno e opportunità d finanziamento per i progetti a carattere locale che hannos celto di avviare.
Gli oltre 40 blog di giovani presenti sul sito web di Forgotten Diaries, permettono al pubblico glibale di avere una prosettiva unica della vita dei giovani che vivono nelle zone di conflitti dimenticati e delle sfide che hanno di fronte.
 
 Tuttavia, Forgotten Diaries presenta un quadro molto più positivo di immagine. Molti dei partecipanti sono giovani leader della c propria comunità e alcuni si sono impegnati ad avviare propri progetti per la comunità, con l'aiuto di FD, tutto ciò è inoltre disponibile anche sul sito web perchè il pubblico internazionale possa conoscere direttamente le azioni concrete messe in campo.. Inoltre, FD è stato completamente progettato e gestito da un team di giovani volontari provenienti da tutto il mondo.
 
Professionisti: Forgotten Diaries coinvolge anche un certo numero di professionisti. In primo luogo Forgotten Diaries ha avuto la fortuna di coinvolgere come mentore principale il Sig. Kevin Sites, un ex corrispondente di gueraa per CNN e autore di "In Hot Zone". Inoltre, Forgotten Diaries ha eseguito tre sessioni di formazione per i suoi partecipanti. Ciascuna sessione è stata gestita da professionisti nei rispettivi settori. Forgotten Diaries sta attualmente lavorando su un breve documentario sui giovani che vivono in zone di conflitto, impegnando direttamente molti dei suoi partecipanti e che sarà girato da professionisti del cinema. 
 
Altre parti interessate: Il progetto Forgotten Diaries ha avuto contatti conn numerosi giornalisti e rappresentanti dei media nel corso dell'ultimo anno e compare in più di 50 articoli in tutto il mondo. Inoltre, FD ha inoltre lavorato con numerose altre ONG e organizzazioni internazionali. Ad esempio: con Oxfam per tenere uno corso di formazione nel 2008. FD ha inoltre scoperto e segnalato alle Nazioni Unite un caso di violazione dei diritti umani.
Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

Our project FD, uses ICTs to bring young people and professionals from around the world on our website www.forgottendiaries.org for an educational and cultural experience.

 
Firstly, as described in previous questions, the FD platform connects young people from 10 selected forgotten conflict zones around the world. These young people share their experiences about growing up and living in conflict zones with one another, and with a global audience through online media including the blogs available on the website, exchanging photos, stories and journals. Many cultural perspectives are also shared as some of the conflicts themselves have their roots in cultural differences thus necessitating an understanding of the cultures to properly understand the situations. Several professionals also have used the FD website to learn about these conflict zones. Furthermore, through the colourful stories and journal entries, the hundreds of young people visiting the website every month have the opportunity to learn a host of information about the cultures of the participants involved, while also directly interacting with them.
 
On the educational front, as described previously, FD enlists the help of several professionals to lead training courses for the youth participants from forgotten conflict zones. FD uses it’s parent organisation (Youth Action for Change’s) online platform to link both youth and professionals together for the training.
 
And finally as also described previously, FD uses its unique online platform to allow for the dissemination of grass-roots information from forgotten conflict zones onto the world stage. In 2008, this allowed FD to identify a case of human rights violation in one of the countries it tracks due to a participant reporting a serious incident. FD was then able to relay this information to professionals who were able to take action.

 

 

ITALIANO

l nostro progetto FD, utilizza le TIC per portare giovani e professionisti provenienti da tutto il mondo sul nostro sito web www.forgottendiaries.org , per un esperienza educativa e culturale. 

In primo luogo, come descritto nelle precedenti domande, la piattaforma connette giovani provenienti da 10 zone di conflitti dimenticati selezionati in tutto il mondo. Questi giovani, condividono le loro esperienze di vita in zone di conflitto, l'uno con l'altro e soprattutto con il pubblico globale. Tutto questo grazie ai blog disponibili sul sito web, lo scambio di foto, racconti e diari.

Molte sono anche le prospettive culturali condivise: alcune dei conflitti hanno le loro radici in ragioni storiche e culturali. Attraverso la condivisione e il confronto tra culture è possibile quindi capire meglio le situazioni che coinvolgono i vari paesi. Diversi professionisti hanno anche utilizzato il sito per saperne di più sulle zone di conflitto. Inoltre, attraverso il variopinto quadro di storie e voci che scaturisce dai diari, le centinaia di giovani che visitano il sito ogni mese hanno la possibilità di apprendere una serie di informazioni sulle culture dei partecipanti, ma anche di interagire direttamente con loro. 

Sul fronte educativo, come descritto in precedenza, FD conta sull'aiuto di vari professionisti per tenere corsi di formazione rivolte ai giovani partecipanti provenienti da zone di conflitti dimenticati. FD utilizza la piattaforma online di Youth Action for Change ( l'associziazione che ha ideato il prgetto) per collegare giovani e professionisti nei momenti di formazione. 

E, infine, anche per quanto descritto in precedenza, FD, utilizza la sua speciale piattaforma online per consentire la diffusione di informazioni di base da zone di conflitti dimenticati su scala mondiale. Tutto questo ha permesso a Forgotten Diaries nel corso del 2008 di identificare e segnalare alle autorità di competenza e su segnalazione di uno dei giovani coinvolti dal progetto, un grave caso di violazione dei diritti umani.

Descrivete i criteri che usate per misurate i risultati raggiunti dal vostro progetto: 

 ‘Forgotten Diaries’ is an ongoing initiative with a one-year pilot phase, the first evaluation was carried out halfway through it (after the first six months), while the final one is expected for December 2009. To assess the impact of ‘Forgotten Diaries’ and the outcomes of it, we use the following indicators:

 
 
1. STAKEHOLDERS
 
PARTICIPANTS
 
· Number of participants
· Gender balance
· Different backgrounds, perspectives and ethnicities
· Conflicts or crisis areas covered
· Skills and competencies acquired after the two online training courses
· Number and quality of blog posts, pictures, videos and interviews
 
 
LOCAL NGOS and OTHER PARTNER ORGANISATIONS
 
· Number of organisations involved
· Geographic scope represented
· Social, Political, Economic and Ethnic backgrounds represented
· Quality and diversity of services offered to local communities
· Involvement with ‘Forgotten Diaries’ and the support provided to our participants (venue, tools and other as needed)
· Involvement and mentoring to activities on the ground initiated by our participants
· Ongoing communication and support with YAC staff
 
 
GLOBAL AUDIENCE
 
· Number of individuals involved (those who sign up to our newsletter)
· Number of people volunteering their time and skills toward ‘Forgotten Diaries’ or projects on the ground
· Number of comments on blogs and forum
 
 
 
2. PROGRAM ACTIVITIES
 
ACTIVITIES ON THE GROUND
 
· Number of activities designed and implemented by participants in their local communities
· Issues addressed (Human Rights, Environment…)
· Duration of the activities and possible replication
· Number of other young people empowered by the activities
· Venue where the activities where delivered
· Impact on their local communities
· Comments and suggestions by community members and other local stakeholders
 
 
WEBSITE
 
· Number of total viewers a month
· Polls data
· Comments left by viewers on blogs and forum
· Graphic quality
· Quality of the information provided
 
 
CAMPAIGNS and ADVOCACY
 
· Number and quality of the actions undertaken
· Number of emails and petitions signed and sent through our website
· Coverage of ‘Forgotten Diaries’ in mainstream media
· Local outcomes of our campaigns in the targeted countries
 
 

ITALIANO

 

Forgotten Diaries è una iniziativa in corso, con una fase pilota di un anno. La prima valutazione è stata effettuata a metà percorso (dopo i primi sei mesi), mentre quella finale è prevista per dicembre 2009. Per valutare l'impatto di 'Forgotten Diaries' e gli esiti raggiunti, usiamo i seguenti indicatori: 

1. STAKEHOLDER 

 
PARTECIPANTI 

Numero di partecipanti 
Bilancio di Genere
Diversità, prospettive ed etnie 
Aredd i crisi o conflitti coperte
Abilità e competenze acquisite, dopo i due corsi di formazione online 
Numero e qualità dei post del blog, immagini, video e interviste 

 
 
ONG locali e altre organizzazioni partner 

Numero di organizzazioni coinvolte 
Copertura geografica rappresentata 
Rappresentatività Sociale, politica, economica ed etnica
La qualità e la diversità dei servizi offerti alle comunità locali 
Partecipazione a 'Forgotten Diaries' e il sostegno fornito ai nostri partecipanti (luogo, gli strumenti e le altre come necessario) 
Partecipazione ad attività di mentoring sul campo avviate dai nostri partecipanti 

Comunicazione e supporto al personale di YAC  - Youth Action for Change

 
Pubblico globale 

Numero di persone coinvolte (coloro che si iscrivono alla nostra newsletter) 
Numero di persone che prestano servizio volontariato o parte del loro tempo e competenze verso 'Forgotten Diaries' o progetti sul campo 
Numero di commenti su blog e forum 

2. PROGRAMMA DI ATTIVITÀ 

 
Attività in loco 

Numero delle attività progettate e realizzate dai partecipanti nelle loro comunità locali 
Questioni affrontate (diritti umani, ambiente ...) 
Durata delle attività e l'eventuale replica 
Numero di altri giovani coinvolti dalle attività 
Luogo in cui le attività sono state realizzate
Impatto sulla comunità locali coinvolte
Commenti e suggerimenti dai membri della comunità e altri attori locali 

 
SITO WEB 

Numero totale di visitatori al mese 
Dati dei sondaggi
Commenti lasciati dai visitatori sul blog e forum 
Qualità Grafica
Qualità delle informazioni fornite 

 
CAMPAGNE e ADVOCACY 

Numero e qualità delle azioni intraprese 
Numero di e-mail e petizioni firmate e inviate tramite il nostro sito web 
Copertura dei media rispetto al progetto Forgotten Diaries

Risultati delle nostre campagne a livello locale nei paesi individuati
11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Altro
Altro: 
Personal savings, grants and donations
Is your project economically self sufficient now: 
Si
Insert date: 
01/01/2009
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto: 

There are two key fronts along which others can learn from this project.

The first front involves learning about the issues this project aims to raise awareness of. This includes learning about forgotten conflict zones, learning about the lives of youth in these areas, the backgrounds of the conflict, the progress, and also how to support communities there. Furthermore, FD showcases many positive examples of youth who are, despite the hardships they face, still striving to make a difference and help their communities through the enactment of community projects. Rather than portraying youth as victims, FD showcases youth as catalysts for change and as a significant asset for community development. Overall Forgotten Diaries aspires to create a more informed global community, and one which can empathise with the numerous conflict zones and sympathise with policy involved at helping those affected by such zones.

The second front along which others can learn from this project is through sheer power of ICTs. FD has demonstrated a unique model for using ICTs to empower youth, link young people across the world, and raise awareness of issues not covered by the media, and most importantly inspire grass roots community development. Furthermore, professionals and non-profit organisations also may be able to learn valuable lessons from FD. They may be able to observe our low-cost model and the way we were able to achieve grass roots action on a very large scale through our online platform and management model.
 
 
 
ITALIANO
 
Ci sono due principali fronti su cui le persone posso imparare da questo progetto.
 Il primo fronte implica la conoscenza delle questioni su cui il progetto mira a sensibilizzare. Ciò include: l'apprendimento circa la situazione delle zone di conflitti dimenticati, imparare circa la vita dei giovani in queste zone, imparare riguardo agli sfondi politici, sociali e sulturali dei conflitto, imparare in merito ai progressi , e anche a come dare sostegno a queste comunità.
 
Inoltre, FD funge da vetrina per molti esempi positivi di giovani che sono, nonostante le difficoltà che hanno di fronte, ancora impegnati a fare la differenza e aiutare le loro comunità attraverso l'attuazione di progetti comunitari. Piuttosto che ritrarre i giovani come vittime, FD offre loro una vetrina presentandoli come catalizzatori per il cambiamento e come un importante risorsa per lo sviluppo della comunità. Nel complesso Forgotten Diaries aspira a creare una comunità mondiale più informata, e più empatica verso le numerose zone di conflitto, stimolando inoltre l'impegno ad aiutare attivamente coloro che sono coinvolti nelle drammatiche situazioni di queste zone.
Il secondo fronte su cui le persone possono apprendere da questo progetto è la grande potenzialità delle nuove tecnologie (TIC).
 
FD ha dimostrato un modello unico per l'utilizzo delle TIC per consentire a giovani di collegarsi ad altri giovani in tutto il mondo, per accrescere la consapevolezza in merito a questioni non coperte dai media tradizionali e, cosa più importante ispirare lo sviluppo delle comunità locali. Inoltre FD è anche un modello per i professionisti e le organizzazioni senza scopo di lucro perchè possano prendere ispirazione dal nostro modello a basso costo e osservare come attraverso il nostro modello di gestione e la nostra piattaforma on line ci sia stato possibile raggiungere e diffondere informazioni su scala mondiale.
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

 

Forgotten Diaries is a project of Youth Action for Change (YAC). Striving to reach out to and empower those young people not included by other programs – those living in neglected conflicts – YAC decided to design and launch Forgotten Diaries as the first platform of its kind ever.
 
Youth Action for Change (YAC) is an innovative international youth run organization which equips young people with knowledge and skills that enable them to directly get involved in improving their communities livelihoods. Based in Italy, YAC employs a ‘leveraged impact’ model. We believe that young people have enormous untapped potential and can be very effective in instigating positive change in their communities. Our work involves training and supporting young people so that they are empowered to then instigate positive community development projects and train their peers on vital development issues.
 
YAC implements its work through two key streams, online action focused courses and through instigating targeted grass roots youth empowerment projects.
 
With a mission of “Education in Action”, YAC offers free, online, youth-led educational courses and opportunities in a vast array of subjects providing young people with the knowledge & tools they need to make change happen, supporting and empowering them to realize their vision of a fairer, safer and more equitable world. YAC courses not only teach young people around the world about vital developmental issues facing them from HIV to Entrepreneurship, but also empower them to do something about these issues, starting local community projects and passing their new knowledge to their peers. Experienced young people from around the world volunteer to develop action oriented courses, and teach YAC’s participants through YAC’s online platform. Young people log into YAC’s courses through internet café’s (hired by YAC) or from their universities or homes. Many YAC students have then progressed to starting their own community projects often using peer-to-peer education.
 
YAC also occasionally runs courses specifically tailored towards the needs of other development organisations to assist them with educating youth about specific issues. Over 1000 youth from over 100 countries have participated in YAC’s courses to date.
 
YAC also identifies specific and urgent areas where young people are seriously being disadvantaged and receiving little attention and where it’s online courses alone may not be enough to empower those young people to a level where they could bring about significant change in their communities. YAC’s response has been to create specialised and targeted projects focussing on the needs of these groups of young people, capturing global interest and also training them about the issues and to create community projects. In effect YAC acts as an instigator in these situations as well as providing training support.
 
YAC has come a long way from humble beginnings. It’s pioneering approach to empowering young people in communities around the world through online based action focused education has inspired dozens of youth-originated community projects in developing nations. YAC was profiled in the World Bank’s World Development report, and has been recognized by organizations including The United Nations, The Council of Europe, Ashoka, Youth Action Net and Art Action.
 
In 2009 it has been elected as a “Young Global Leader” at the World Economic Forum.
 
Future plans and wish list: 

The pilot project has allowed the team to understand both the strengths and weaknesses of the existing model. The success of the project thus far has presented the team with a number of opportunities to leverage of the achievements to date including the following:

  • Expanding the site to cover several more forgotten conflict zones
  • Initiating advocacy efforts to bring justice to human rights violations uncovered through the project and prevent future occurrences
  • Initiating global campaigns for greater support for youth in conflict zones
  • Expanding the scale of grass roots training being carried out by YAC and FD to teach communities in conflict zones about key development issues, how they could help their communities overcome basic problems and also inform them how to identify potential human rights violations
  • Enhancing the interactivity of the site providing a range of resources through which the global audience could contribute to helping young people in conflict zones
Further to these ideas, a brief documentary on forgotten conflict zones is planned to be produced in the next few months and a new photo gallery section will also be created on the website for participants to tell their stories through images.
Forgotten Diaries is now looking to expand to cover a wider range of countries, provide a comprehensive set of resources to connect the global community with opportunities to get involved in advocacy and helping those living in conflict ridden communities. We also plan to continue offering training to youth in conflict zones and assist them in developing community projects.
Forgotten Diaries has large plans for further media outreach to leverage of the large attention it has received over the past year and is also seeking resources to take specific action on urgent problems and human rights violations uncovered by its participants.
 
 

ITALIANO

Il progetto pilota ci ha permesso di capire sia i punti deboli che forti dell’attuale modello. In ogni caso, il successo riscontrato fin’ora dal progetto ci ha anche confrontato con una serie di opportunita’ da sfruttare, tra le quali vanno sicuramente citate:
 
-         l’espansione del sito per coprire ulteriori zone di conflitto dimenticare dai mezzi di comunicazione e dal pubblico in generale;
-         l’inizio di attivita’ di pressione per fare in modo che giustizia sia fatta nei casi di violazioni di diritti umani scoperte attraverso il progetto e che ulteriori violazioni si producano in queste zone;
-         l’inizio di campagne d’informazione a livello globale per sostenere ulteriormente i giovani nelle zone di conflitto;
-         l’espansione dei progetti di formazione in loco gestiti da YAC e FD e focalizzati sull’insegnamento, nelle comunita’ nelle zone di conflitto, di tematiche chiave di sviluppo che possano contribuire a superare problemi basici e/o identificare le violazioni dei diritti umani;
-         Il miglioramento dell’aspetto interattivo  della pagina internet attraverso una serie di risorse con le quali il pubblico in generale potra’ contribuire ad aiutare i giovani nelle zone di conflitto.
 
Ancora, un breve documentario sulle zone di conflitto dimenticate e’ in fase di produzione ed una galleria fotografica sara’ anche creata nella pagina Internet, gestita dai partecipanti che racconteranno in questo modo il loro quotidiano.
 
Forgotten Diaries sta ora cercando di espandere il numero di paesi coperti. Vogliamo anche continuare ad offrire corsi di formazione ai giovani nelle zone di conflitto continuando poi ad aiutarli a gestire progetti di sviluppo locale.
 
Infine, Forgotten Diaries ha ulteriori progetti anche a livello mediatico: appoggiandosi sui grandi risultati ottenuti fino ad ora stiamo anche cercando di attivarci in modo specifico su questioni urgenti e violazioni di diritti dell’uomo che ci sono state riportate dai partecipanti nel nostro progetto. 
Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

TAKORADI EDUCATIONAL RESOURCE CENTRE

THE TAKORADI EDUCATIONAL RESOURCE CENTRE HELPS CHILDREN AGES 6-15 REACH THEIR FULL POTENTIAL AND OBTAIN SKILLS FOR A BETTER FUTURE.

1. Sommario progetto
Sommario: 

TO BE WORLDWIDE IS A FOUNDATION THAT HELPS CHILDREN IN DEVELOPING COUNTRIES REALISE THEIR FULL POTENTIAL, SO THAT LATER THEY CAN HELP BUILD THEIR COMMUNITIES. TO BE WORLDWIDE HAS MADE A MEANINGFUL CONTRIBUTION TOWARDS ACCESS TO FACILITIES FOR QUALITY EDUCATION. FOUNDED IN 20024 BY NELLIE KIRSCHNER-TIMMER, WHO IS OF GHANAIAN/DUTCH DECENT.

NELLIE WANTED TO CONTRIBUTE TO HER GHANAIAN ROOTS BY USING HER EDUCATION AND EXPERIENCE GAINED IN EUROPE. SHE HAS USED HER BACK GROUND AS A HUMAN RESOURCE SPECIALIST TO DEVELOP THE CONCEPT OF THE EDUCATIONAL RESOURCE CENTRE.

TO BE WORLDWIDE BUILDS & OPERATES EDUCATIONAL RESOURCE CENTRES THAT COMPLEMENT THE EXISTING PUBLIC SCHOOL STRUCTURE. EACH FACILITY OFFERS A LIBRARY, A COMPUTER CENTRE AND AN ACTIVITIES PROGRAM TO STIMULATE THE DEVELOPMENT OF CHILDREN'S CREATIVE AND TECHNOLOGICAL SKILLS. THE CENTRE OFFERS INNOVATIVE E-LEARNING MATERIAL THAT REFLECT WHAT THE CHILDREN ARE TAUGHT AT SCHOOL. THE CENTRES WORK WITH LOCAL GOVERNMENT SCHOOLS TO PROVIDE COMPUTER LESSONS DURING SCHOOL HOURS AND OFFER A RANGE OF ACTIVITIES (E.G. DIGITAL PHOTOGRAPHY PROJECTS ETC.) FOR AFTER SCHOOL. CHILDREN PAY A NOMINAL FEE TO USE THE CENTRE THEREBY ENSURING COMMITMENT. WWW.TOBEWORLDWIDE.ORG

THE OBJECTIVE OF THIS PROJECT IS TO SCALE UP THE CONCEPT OF THE EDUCATIONAL RESOURCE CENTRE IN DIFFERENT REGIONS OF GHANA. SCALING UP THE CONCEPT WILL BASED ON THE (SUCCESSFUL) EXPERIENCE OF THE FIRST EDUCATIONAL RESOURCE CENTRE LOCATED IN TAKORADI, A 4 HOUR DRIVE FROM ACCRA, AND SERVES
MORE THAN 12 LOCAL GOVERNMENT SCHOOLS.

TO BE WORLDWIDE STRIVES TO PROVIDE CHILDREN IN GHANA WITH SKILLS THAT WILL BETTER PREPARE THEM FOR THE FUTURE, FOR THE LABOUR MARKET AND FOR AN OPPORTUNITY TO CONTRIBUTE TO THEIR COMMUNITY.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Ghana
Città: 
TAKORADI , WESTERN REGION
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
To Be Worldwide
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Altro
Altro: 
Foundation/Ngo
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
NELLIE KIRSCHNER- TIMMER
E-Mail: 
nellie.kirschner@tobeworldwide.org
6. Website
Il sito web del progetto: 
http://www.tobeworldwide.org
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 15 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
24/07/2004
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

TO BE WORLDWIDE WANTS TO DEVELOP 4 EDUCATIONAL RESOURCE CENTERS BETWEEN NOW AND 2013. SHE THEN WANTS TO MAKE THE CONCEPT OF THE EDUCATIONAL RESOURCE CENTRE AVAILABLE TO PARTNER ORGANISATIONS TO SET UP IN AREAS IN GHANA AND EVENTUALLY OTHER DEVELOPING COUNTRIES WHERE THESE PARTNERS WILL HAVE A BETTER UNDERSTANDING OF THE NEEDS OF THAT PARTICULAR REGION OR COUNTRY. TO BE WORLDWIDE WILL PROVIDE HER EXPERIENCE AND STANDARDS TO MAKE THE IMPLEMENTATION SUCCESSFUL. WITH THE 4 CENTERS SHE REALIZES HERSELF SHE WANTS TO REACH 25000 CHILDREN OF THE AGES 6-15 YEARS.

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

THE PRESENT EDUCATIONAL, RESOURCE CENTRE BASED IN TAKORADI GHANA, REACHES 3000 CHILDREN. IT IS OUR INTENTION TO INCREASE THE ENROLLMENT AT THE CENTRE AND WORK CLOSELY WITH THE MINISTRY OF EDUCATION AND THE LOCAL SCHOOLS TO MAKE SURE WE HAVE THE RIGHT MATERIAL AND PROGRAMS THAT COMPLEMENT THE REGULAR SCHOOL SYSTEM. THEN TO BE WORLDWIDE WILL CONTINUE TO CREATE INNOVATION BY BRINING IN EXCITING E-LEARNING COURSEWARE, WORKSHOPS, EXCHANGE PROGRAMS ETC. ALL GEARED AT EMPOWERING THE CHILDREN WHO MAKE USE OF OUR FACILITIES. WE WILL THEN DOCUMENT ALL THESE PROCESSES IN ORDER TO MAKE THE SCALING UP MORE EFFICIENT.

Quali opportunità/problemi affronta: 

WE REALISED THAT ALTHOUGH GHANA HAS A GOOD EDUCATION SYSTEM IT IS STILL DEALING WITH A HIGH DROP OUT RATES WHEN CHILDREN TRANSITION FROM PRIMARY SCHOOL TO SECONDARY SCHOOL AND BEYOND. WE HOPE WE CAN CONTRIBUTE, BY MAKING LEARNING EXCITING AND OFFERING MORE FACILITIES, TO KEEPING CHILDREN AND PARENTS MORE INTERESTED IN EDUCATION AND THUS KEEPING CHILDREN LONGER IN SCHOOL.

Please explain what is unique or special in your project: 

OUR PROJECT IS UNIQUE AS IT IS INNOVATIVE IN ITS APPROACH, TRANSPARENT AND EFFICIENT IN ITS MANAGEMENT. BUT MOST OF ALL ALTHOUGH WE TARGET CHILDREN AGES 6-15 YEARS WE INVOLVE THEIR TEACHERS AND THEIR PARENTS ON ALL LEVELS, THUS PAVING THE WAY FOR THE CHILDREN TO MAKE BETTER DECISIONS WITH THEIR PARENTS AND COMMUNITY ABOUT THEIR FUTURE.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

AS MENTIONED BEFORE WE HAVE BEEN ABLE TO REACH AROUND 3000 CHILDREN, MAKING A DIFFERENCE IN THE LIVES OF SO MANY CHILDREN. WE HAVE SEEN STUDENTS USE SOME OF THE SKILLS OBTAINED AT OUR CENTRE TO SET UP SMALL BUSINESSES (USING POWER POINT TO MAKE ADVERTISING STILL FOR LOCAL SHOPS AND EARNING A LITTLE MONEY TO FURTHER THEIR EDUCATION) TEACHERS HAVE CONFIRMED THAT CHILDREN WHO USE OUR FACILITIES HAVE IMPROVED IN THEIR REGULAR SCHOOL WORK

In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

CLASSES AND MATERIALS AT OUR CENTRE COMPLEMENT THE CURRICULUM OF THE EXISTING SCHOOL SYSTEM IN GHANA. THIS MAKES IS VERY USEFUL TO THE USERS. CHILDREN ARE ABLE TO EXPLORE TOPICS TAUGHT AT SCHOOL AT OUR CENTRE AND LEARN MORE, BY USING THE INTERNET TO RESEARCH OR EVEN USING THE REFERENCE BOOKS IN THE LIBRARY.

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

ABOUT 470 CHILDREN VISIT THE EDUCATIONAL RESOURCE CENTRE EACH WEEK/1800 A MONTH. THESE ARE REOCCURRING USERS. CHILDREN COME TO THE CENTRE TO TAKE ICT COURSES, USE THE INTERNET, BORROW BOOKS , READ AND PARTICIPATE IN ACTIVITIES

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

WE HAVE ALSO OFFERED ICT TRAINING TO THE TEACHERS OF ALL THE SCHOOLS WE SERVICE IN THE COMMUNITY. WE HOPE THAT THIS WILL HELP THEM UNDERSTAND THE NEW IMPLEMENTED CURRICULUM BY THE MINISTRY OF EDUCATION. WE ALSO HOPE THAT HAVING ACCESS TO THE INTERNET THROUGH OUR CENTRE WILL HELP THEM PREPARE THEIR CLASSES AND MAKE THEM MORE APPEALING FOR THEM SELVES AND THE CHILDREN

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

WE FEEL THAT WE ARE MORE AND MORE ABLE TO CONTRIBUTE TO THE COMMUNITY AS A WHOLE KEEPING OUR TARGET GROUP OF CHILDREN AGES 6-15 IN MIND. RECENTLY A SURVEY FOR CHILDREN’S PARENTS MADE US REALISE THAT A SUBSTANTIAL NUMBER OF PARENTS WERE ILLITERATES. WE THEN PROCEEDED TO CONTACT THE NON-FORMAL EDUCATION DEPARTMENT TO DISCUSS POSSIBILITIES TO HOLD LITERACY CLASSES FROM OUR FACILITIES IN EVENING HOURS WHICH WILL THEN ALSO ALLOW US TO OFFER THIS OPPORTUNITY TO THE CHILDREN’S PARENTS. WE FEEL THAT ONCE THEY ARE ALSO FUNCTIONALLY LITERATE THEY ARE IN A BETTER POSITION TO HELP THEIR CHILDREN PLAN FOR A BETTER FUTURE.

Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

THE CENTRE OFFERS A BASIC COMPUTER SKILLS COURSE TO CHILDREN AGES 6-15 YEARS. MOST OF THEM COME FROM SCHOOLS WITHIN A 10 MIN. WALKING RADIUS OF OUR CENTRE. BUT THERE ARE ALSO STUDENTS THAT COME FROM ACROSS TOWN. THE BASIC COMPUTER SKILLS COURSE IS ALSO OFFERED TO ADULTS, BUT AT A FEE, WHICH ALLOWS US TO GENERATE INCOME LOCALLY.
THE COURSE CONSISTS OF MS OFFICE, INTERNET AND WORKING WITH THE E-LEARNING COURSEWARE AVAILABLE. DIFFERENT PROJECTS ARE INITIATED USING ICT, E.G. EXCHANGE PROGRAMS SUCH AS THE GLOBAL TEENAGER PROGRAM OR DIRECT EXCHANGES WITH DIFFERENT SCHOOLS.

Descrivete i criteri che usate per misurate i risultati raggiunti dal vostro progetto: 

WE REGISTER THE NUMBER OF USERS AND THE NUMBER OF BOOKS BORROWED EACH MONTH. IT IS STILL VERY DIFFICULT TO MEASURE THE EXACT IMPACT OUR WORK HAS ON THE CHILDREN. WE DO HOLD SURVEYS AMONGS OUR USERS AND WILL SOON BE WORKING ON A REPORT CARD COMPARISON TO OBTAIN INFORMATION ON HOW CHILDREN WHO HAVE USED OUR FACILITIES HAVE FARED COMPARED TO CHILDREN WHO HAVE NOT USED OUR FACILITIES. OBTAINING THE RIGHT MEASURING INSTRUMENTS IS ONE OF OUR WISHES.

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Più di 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 10.001 a 30.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Finanziamenti pubblici o privati
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

WE ARE CURRENTLY BUILDING A SECOND EDUCATIONAL RESOURCE CENTRE IN ANOTHER REGION IN GHANA. WE EXPECT THE CAPE COAST EDUCATIONAL RESOURCE CENTRE TO BE UP AND RUNNING IN THE FALL OF 2009 .

Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto: 

WE INVITE ANYONE WHO HAS THE INTENTION TO SET UP A SIMILAR TYPE OF PROJECT TO CONTACT US AS WE ARE ALL FOR SHARING OUR EXPERIENCES AND LIKE TO LEARN FROM OTHERS AS WELL. OUR STRENGHTS LIE IN OUR APPROACH. THE FOUNDER AND MANAGER IS OF BOTH WORLDS, THE WESTERN WORLD AND THE DEVELOPING WORLD. THIS COMBINED WITH OUR EXPERIENCE IN THE CORPORATE WORLD AS WELL AS THE NGO WORK MAKES US VERY CAPABLE AT CREATING A CONCEPT AND IMPLEMENTING IT.

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

I (NELLIE KIRSCHNER-TIMMER) WAS BORN IN TAKORADI GHANA AND I AM HALF DUTCH , HALF GHANAIAN. I HAVE SPENT MANY YEARS STUDYING AND WORKING IN EUROPE AND EVENTUALLY DECIDED THAT I WANTED TO CONTRIBUTE TO THE DEVELOPMENT OF GHANA USING MY SKILLS. THIS LEAD TO THE DEVELOPMENT OF THE CONCEPT OF THE EDUCATIONAL RESOURCE CENTRE. WE HAVE WORKED HARD AT REALISING THE FIRST CENTRE WITH THE ASSISTANCE OF PARTNERS SUCH AS UNICEF GHANA, EUROPEAN UNION IN GHANA AND MANY OTHER SPONSORS AND VOLUNTEERS. WE ARE NOW ON OUR WAY TO OPEN A SECOND EDUCATIONAL RESOURCE CENTRE.

Ostacoli: 

AMONGST OUR CHALLENGES WAS THE FACT THAT OUR PROJECT DID NOT, IN THE EYES OF SOME POTENTIAL FUNDERS, ADDRESS THE ISSUES SUCH AS HUNGER, DISEASE POVERTY DIRECTLY, THUS MAKING FUNDRAISING IN THE BEGINNING VERY DIFFICULT. ANOTHER CHALLENGE IS MAKING A BUDGET AND WORKING WITHIN IT. WHEN DEALING WITH INFLATION IN DEVELOPING COUNTRIES, YOUR BUDGET FOR BUILDING A CENTRE ENDS UP DIFFERENTLY THEN INTENDED.

Soluzioni: 

BY TRAIL AND ERROR , EXPERIENCE AND NOT GIVING UP EVENTUALLY GOT US THROUGH MOST OF THE BARRIERS. E.G WHEN MAKING A BUDGET FOR BUILDING CALCULATE IN A LARGER AMOUNT FOR INFLATION AN FLUCTUATION OF PRICES OF BUILDING MATERIAL.

Future plans and wish list: 

AS MENTIONED BEFORE. OUR ORGANISATION WOULD LIKE TO DEVELOP 4 CENTERS BY 2013. THIS WILL REQUIRE FUNDS TO BUILD AN OTHER 2 CENTERS ( € 100’000). BUT EQUALLY AS IMPORTANT IS TO BUILD OUR ORGANISATION IN GHANA TO MANAGE THESE CENTERS, TO SUSTAIN THE QUALITY OF EDUCATION GIVEN AND REMAIN INNOVATIVE. THIS REQUIRES THE RIGHT PEOPLE IN THE RIGHT POSITIONS. FUNDS FOR RECRUITMENT AND CAPACITY BUILDING (€ 25000).

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali
Condividi contenuti