disseminazione

“Dialogare per crescere” Percorso di formazione per documentarsi, confrontarsi, crearsi un’opinione e crescere

E’un macroprogetto di formazione per docenti e alunni coinvolti attivamente in percorsi differenziati e specifici a seconda dell’età e dei bisogni, per educare alla cittadinanza consapevole e attiva,

1. Sommario progetto
Sommario: 

Da settembre 2008 gli alunni della classe V ERICA B dell’IIS “Ferrini” si videro impegnati ad iniziare la realizzazione dell’Area di Progetto nel Laboratorio Europa, uno dei 12 percorsi formativi del progetto “Dialogare per crescere”, in cui, con la collaborazione dello sportello EURODESK del VCO, avrebbero dovuto sensibilizzare alunni e docenti degli istituti provinciali su tematiche europee, in particolare riguardanti il “2009 anno Europeo della creatività e dell’innovazione” e sugli strumenti europei per incentivare la partecipazione e la cittadinanza attiva dei giovani, promuovendo eventi on-line e off-line, finalizzati a mettere in contatto studenti di diversi Paesi Europei, favorendo l’aumento di competenze informatiche e coinvolgendo con attività stimolanti i partecipanti al convegno provinciale “Primavera d’Europa 2009”. Divisi in quattro gruppi, pronti a lavorare, utilizzando mezzi di comunicazione con cui poter esprimere desideri spontanei, interrogarsi sulle reali necessità , elaborare proposte e cercare soluzioni, per informare, sensibilizzare, documentare e di fatto crescere: realizzarono un blog http://youthbeacon.blogspot.org e un forum con diversi topic, destinati alla condivisione di opinioni tra ragazzi e adulti, un sito principale ( www.dialogarepercrescere.org ), dove vennero documentate tutte le attività connesse, crearono consultazioni on-line, aderendo a quelle europee (es. “Può la scuola stimolare la creatività?), manifesti, lettere di invito a partecipare, locandine, concorsi, questionari, interviste, articoli, schede di valutazione delle iniziative, volantini, grafici di commento, regole di utilizzo del sito, documentazione fotografica, video conferenza e contatti via skype ecc.
In base alle proprie attitudini, predisposizioni e competenze ebbero l’occasione di esprimersi autonomamente, liberando la propria creatività, migliorando la percezione di se stessi e la propria autostima, grazie anche alle riflessioni nello specifico condivise con altre classi in percorsi diversificati (“Come guidare la propria crescita personale”, “Il ruolo significativo dell’emotività nel coinvolgimento sulle tematiche”, “Pedagogia dell’altro, scoprire, entrare e capire l’empatia”).
Un’altra parte operativa fu sviluppata in primavera attraverso la realizzazione di due video-clip: il primo volto alla sensibilizzazione sui diritti umani e il secondo alla condizione di indifferenza tipicamente giovanile per incoraggiare al voto per il Parlamento europeo.
Con la crescita delle partecipazioni al sito interattivo, aumentavano il coraggio e l’interesse degli alunni: i protagonisti erano pur sempre giovani e, come gli altri, avevano priorità differenti e condividevano l’insicurezza di portare avanti le proprie idee; ciò che stava crescendo dentro ciascuno di loro era collegato alle azioni e ai pensieri di altri. All’aumentare dell’interesse aumentò, quindi, anche il coraggio e viceversa. Durante quest’anno i ragazzi si videro cambiare, scoprire e crescere; la crescita interessò la loro personalità e il loro senso di responsabilità civile.
Grazie al sito creato e agli strumenti a disposizione, con sezioni in italiano, inglese, francese e tedesco, studiate a scuola, fu possibile interagire anche con coetanei stranieri. Venne fatta un’inchiesta relativa alle scuole estere che avevano cooperato con l’IIS “Ferrini” e, una volta rintracciati, i docenti e gli alunni stranieri sono stati invitati a interagire. Si sono divertiti anche giocando con partner di tutto il mondo nell’Odysseenspiel, dove bisognava presentare se stessi e la propria realtà con indovinelli e scoprire la provenienza degli altri partecipanti, trovando così nuovi amici in Russia, Germania, Corea, Francia.
E che dire delle emozioni provate incontrando i Volti dell’Altro in una riflessione globale sui diritti umani: i volti dell’immigrazione e del rifugiato e le riflessioni che ne scaturirono insieme a coetanei provenienti da altre scuole del territorio?
Furono calati in una dimensione europea e oltre, confrontandosi in un percorso di insegnamento-apprendimento della storia e dell’informatica in un’altra lingua diversa da quella materna.
Nonostante alcune difficoltà iniziali organizzative, la comunicazione risultò efficace e positiva e le attività proposte attirarono l’interesse per l’Unione Europea nei suoi vari risvolti. Gli alunni, oltre alla ben più importante crescita individuale, acquisirono competenze informatiche e impararono a svolgere il lavoro all’interno del gruppo, dividendosi i compiti. “Degli aggettivi per descrivere il lavoro in team? Stimolante, innovativo, creativo e responsabile”.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Verbania (VB) Piemonte
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Istituto di Istruzione Superiore “Contardo Ferrini” Dirigente Scolastico: prof. Santo Mondello
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Marina Federici
E-Mail: 
marina_federici@fastwebnet.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
http://www.dialogarepercrescere.org
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 18 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/09/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

La finalità principale che si prefiggono tutti i percorsi formativi inseriti nel progetto è quella dell’educazione alla cittadinanza consapevole e attiva, che ha come obiettivo quello di dotare i giovani della capacità di contribuire allo sviluppo e al benessere della società nella quale vivono come cittadini responsabili e attivi. Si evidenziano tre aspetti fondamentali tematici da sviluppare negli alunni: - una cultura politica - un pensiero critico e determinati valori - una partecipazione attiva.
Macro-obiettivi
Lo sviluppo di una cultura politica può comprendere:
• lo studio delle istituzioni sociali, politiche e civiche, così come dei diritti umani (Percorsi A, B, C)
• lo studio delle condizioni in cui gli individui possono vivere in armonia, le questioni sociali e i problemi sociali attuali (Percorsi F, M)
• la preparazione dei giovani all’esercizio dei loro diritti e doveri come sono definiti nelle costituzioni nazionali (Percorsi D, H)
• la promozione del riconoscimento dell’eredità culturale e storica (Percorso I)
• la promozione del riconoscimento della diversità culturale e linguistica della società (Percorsi F, M)
Lo sviluppo di un pensiero critico e di certe attitudini e valori si basa su:
• l’acquisizione delle competenze necessarie alla partecipazione attiva alla vita pubblica come cittadino responsabile e critico (Percorsi B, C)
• lo sviluppo del riconoscimento e del rispetto di sé e degli altri allo scopo di favorire una maggiore comprensione reciproca (Percorsi F, M, N)
• l’acquisizione della responsabilità sociale e morale, compresa la fiducia in sé e un comportamento responsabile verso gli altri (Percorso H)
• il consolidamento dello spirito di solidarietà (Percorso F)
• la costruzione di valori che tengano pienamente conto della pluralità dei punti di vista all’interno di una società (Percorso L)
• imparare ad ascoltare e a risolvere pacificamente i conflitti (Percorso L)
• lo sviluppo di strategie più efficaci per lottare contro il razzismo e la xenofobia (Percorso L)
La partecipazione attiva degli alunni può essere incoraggiata attraverso i seguenti mezzi:
• permettendo loro di essere coinvolti maggiormente nella comunità in senso lato (a livello internazionale, nazionale, locale e scolastico) (Percorsi E, G)
• offrendo loro un’esperienza pratica di democrazia a scuola (Percorsi B, L)
• sviluppando la capacità individuale a impegnarsi gli uni verso gli altri (Percorso F)
• incoraggiando gli alunni a sviluppare iniziative congiunte con istituzioni (come associazioni, organizzazioni internazionali e organismi pubblici) e progetti che implichino altre comunità Percorsi C, E, G, M)

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

Il progetto in generale intende di fatto sostenere la diffusione delle key competences, in particolare:
comunicazione nella madrelingua per essere in grado di dialogare in modo costruttivo e critico in un’interazione consapevole tra pari;
comunicazione in lingue straniere soprattutto nei percorsi che vedono l’interazione diretta sulla piattaforma, nel forum, blog ecc. con studenti di altri Paesi;
competenza digitale nell’utilizzo diretto e consapevole delle tecnologie della società dell’informazione, con una riflessione critica e riflessiva su un uso responsabile dei mezzi di comunicazione interattivi;
competenza di imparare a imparare in quanto pur proponendo percorsi guidati di fatto gli studenti nei diversi percorsi proposti sono messi nelle condizioni di organizzare il proprio apprendimento, di valutare il proprio lavoro e apporto e di applicare in altri contesti lungo tutto l’arco della vita le attitudini acquisite ad affrontare i problemi per risolverli (e non trovarli già risolti)
Proprio tenendo conto di quanto sopra evidenziato, si sono individuati i mezzi più opportuni per raggiungere gli obiettivi sopra citati: ricorso agli strumenti della media education, possibilità di interazione diretta sul sito, interviste, conferenze, ecc.

Quali opportunità/problemi affronta: 

Il progetto ha permesso:
- la condivisione sistematica tra i tutor dei percorsi e il referente di progetto (con incontro finale supportato da schede di monitoraggio e di valutazione) ha aiutato a valutare il lavoro svolto in modo da poterne trarre utili suggerimenti per un miglioramento continuo, anche da intendersi come modello operativo in futuri contesti e altri progetti e percorsi di formazione.
- la significatività, lo spessore culturale e professionale dei relatori intervenuti, l’ampiezza degli argomenti proposti, l’interazione fra pari (studenti) e fra alunni e docenti
- miglioramento della consapevolezza nei giovani a conoscere, crescere, dialogando e confrontandosi in maniera costruttiva, ricorrendo ai moderni strumenti di comunicazione tecnologica.
- occasione per i giovani di esprimersi autonomamente, liberando la propria creatività, migliorando la percezione di se stessi e la propria autostima, grazie anche alle riflessioni nello specifico condivise con altre classi in percorsi diversificati, in base alle proprie attitudini, predisposizioni e competenze
- uso veramente consapevole delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione basandosi sulla sicurezza informatica

Please explain what is unique or special in your project: 

Del progetto si ritiene particolarmente importante disseminare:
 La condivisione di risorse e iniziative educative non solo tra gli Istituti coinvolti nella Rete ma anche la condivisione alla base dell’avvio di ogni percorso tra i soggetti coinvolti, quindi principalmente tra docenti e alunni
 La sperimentazione di modalità di collaborazione e di gestione condivisa fra Istituti riuniti in Rete
 La consapevolezza e il nuovo atteggiamento (vivibile anche all’interno per esempio del gruppo classe) di apertura e di accettazione conseguente dell’altro da sé (compagno di classe straniero, diversamente abile, ecc.) acquisiti dai beneficiari
 La cooperazione transnazionale in partenariato fra istituzioni diverse di diversi Paesi (sito interattivo, esperienze di partenariati e-Twinning)

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Risultati concreti:
 sviluppare nelle nuove generazioni il senso dell’identità europea e i valori della civiltà europea
 formare i giovani ad una più responsabile e piena partecipazione allo sviluppo sociale ed economico dell’ Unione europea
 responsabilizzare i giovani coinvolti con prese di posizione, sostenendo le proprie posizioni e idee con motivazioni e avvalorate da approfondimenti
 accrescere la conoscenza degli Stati membri dell’Unione Europea e di altri Stati e delle politiche comunitarie sotto l’aspetto storico, culturale, economico e sociale
 contribuire alla formazione di cittadino responsabile verso se stesso e verso gli altri, nell’ottica di acquisizione di competenze e conoscenze trasversali alle singole discipline, permettendo quindi allo studente reso più responsabile di diventare vero protagonista dello sviluppo delle proprie capacità di scoperta e di classificazione.
Il sito web realizzato nell’ambito di uno dei percorsi proposti garantisce la pubblicazione di diverse tipologie di prodotti creativi, realizzati dai ragazzi o con l’attiva collaborazione degli stessi, e dei docenti, tra questi in particolare: news letter, mailing list, laboratori on-line, software e percorsi, internet, giochi tematici, ricerca, forum, blog, prodotti video/audio
PRODOTTI concreti:
- presentazione in ppt del progetto per CdD (predisposta da referente progetto)
- schede di presentazione progetto, dei 12 percorsi di formazione e di adesione per i CdC (predisposte da referente progetto)
- scheda modello assunzione incarico per tutor percorsi formazione (predisposta da referente progetto)
- scheda per iniziative di formazione per docenti e scheda adesione (predisposta da referente progetto)
- scheda dettagliata integrata del percorso E Laboratorio “L’Europa per te” (predisposta da referente progetto con tutor percorso e esperto)
- scheda autovalutazione partecipanti agli interventi di formazione (prodotta da studenti)
- scheda monitoraggio in itinere (predisposta da referente progetto)
- regole partecipazione attiva al sito in 4 lingue (forum, blog, ecc. prodotte da studenti)
- sito www.dialogarepercrescere.org (prodotto da alunni V ERICA sez. B aggiornato in itinere)
- articoli di giornale pubblicati su diversi giornali locali e nazionali realizzati da alunni dell’IIS Ferrini e da giornalisti professionisti (n. 14) relativi ai diversi percorsi attivati e pubblicati sul sito www.dialogarepercrescere.org
- resa in Francese, Inglese e Tedesco dei contenuti del progetto inserite sul sito sezione francese, inglese e tedesca (predisposte da alunni)
- creazione di un blog http://youthbeacon.blogspot.org (creato dagli studenti)
- attivazione e gestione di un forum con diversi topic, destinati alla condivisione di opinioni tra ragazzi e adulti
- consultazioni on-line, aderendo a quelle europee (es. “Può la scuola stimolare la creatività?)
- manifesti, lettere di invito a partecipare, locandine, concorsi, questionari, interviste, volantini (realizzati dagli studenti)
- materiali forniti prima degli incontro per favorire la riflessione (prodotti dai referenti dei percorsi) visibili sul sito nelle sezioni di riferimento
- schede relative alle attività da svolgersi durante le ore di area di progetto del Percorso formativo E (predisposte dal referente del progetto)
- volantino relativo al concorso indetto per la partecipazione al forum (prodotto da studenti)
- volantino relativo al concorso indetto per la partecipazione al blog (prodotto da studenti)
- scheda di presentazione dettagliata delle attività relative al Laboratorio UExte presentate e attivate al Convegno provinciale 7.04.09 nel Percorso B (prodotta dal referente del percorso) e presentazione in italiano e in inglese dell’iniziativa consultazione on-line (prodotta da studenti)
- video-clip “Euro cup 2009”relativo ai diritti umani (prodotto da alunni) pubblicato sul sito
- video-clip relativo alle elezioni del Parlamento Europeo (prodotto da alunni) pubblicato sul sito
- video conferenze e registrazioni di seminari e conferenze (organizzate da team di docenti e studenti)
- documentazione fotografica di tutti i percorsi (realizzata da studenti); fotografie inserite nelle gallerie fotografiche dei diversi percorsi
- gioco formativo “L’Europa in un sogno” (realizzato da studenti) pubblicato con le regole sul sito nelle 4 lingue
- promozione di eventi on-line e off-line, finalizzati a mettere in contatto studenti di diversi Paesi Europei (realizzati dagli studenti con la collaborazione di esperti di settore)
- presentazione in ppt delle attività del Percorso E relativo al sito e alla documentazione (prodotta da studenti) presentata al Convegno provinciale “Primavera d’Europa” il 7.04.2009 e caricato sul sito
- grafici relativi alle rilevazioni ricavate dalle schede on-line compilate da studenti e docenti partecipanti agli incontri (prodotti dagli studenti)
- relazioni relative alla partecipazione delle classi alle attività dei percorsi.
- scheda di valutazione finale del progetto predisposta per i referenti dei 12 percorsi formativi (predisposta da referente progetto) visibili sul sito

In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

Il progetto è nato dall’esigenza concreta di valorizzare risorse e esperienze locali, in sinergia con altri Istituti e altri soggetti della realtà locale e internazionale, sensibilizzando verso la dimensione europea dell’educazione.
I percorsi di formazione, in cui è articolato il macroprogetto attivato, individuano nel dettaglio i bisogni degli studenti a cui si è inteso rispondere, strettamente connessi con il territorio e l’ambito economico locale:
• bisogno di formarsi attivamente in un contesto europeo con la consapevolezza dell’appartenenza alla realtà locale, nazionale e europea
• bisogno di crescita personale attraverso il confronto e la condivisione di esperienze professionali e culturali e percorsi di formazione tra coetanei
• bisogno di crescere come cittadino attivo e consapevole
• bisogno di partecipare alla vita sociale e democratica nel rispetto della diversità e nel riconoscimento di altre culture
• bisogno di migliorare le proprie conoscenze linguistiche, soprattutto dal punto di vista applicativo

•Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo?
Il progetto ha visto coinvolti nel corso dell’a.s. 2008-2009 attivamente circa 1350 studenti e circa 50 docenti, nonché professori, testimonial dei vari percorsi di formazione.

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

I diversi percorsi di formazione attivati sono strettamente collegati con il Piano dell’Offerta Formativa dei singoli Istituti che hanno aderito alla Rete, condividendone le finalità e strategie di interventi. In particolare la finalità precipua è la “formazione di giovani cittadini consapevoli, responsabili, dotati di spirito critico in grado di confrontarsi con l’attuale complessità di ogni giorno, di inserirsi proficuamente in ambito produttivo, di riqualificarsi attraverso l’auto aggiornamento delle competenze acquisite”
L’apprendimento basato su progetto è un metodo di insegnamento sistematico che impegna gli studenti ad imparare e a sviluppare competenze attraverso un processo di ricerca estesa, strutturato intorno a domande complesse e reali e intorno a prodotti e compiti attentamente progettati. Di fatto contribuisce in modo decisamente rilevante al miglioramento del percorso educativo formativo dei giovani.

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

Considerando alcune riflessioni esternate da docenti e alunni, (quali perché affaticarsi nel seguire corsi di formazione presso i quali bisogna recarsi, durante i quali a volte ci si annoia perché alcune parti si conoscono già? Perché le metodologie di conduzione non sono delle più idonee? Perché il percorso è uguale per tutti e non tiene conto dei pregressi di ciascuno?) per ovviare a queste situazioni di fatto, si è cercato di proporre un’impostazione di base innovativa che non solo ricorre all’uso consapevole e funzionale degli strumenti multimediali, ma vede coinvolti gli studenti attivamente con dinamiche e strategie differenziate.
Si sottolineano inoltre i seguenti elementi di contesto significativi nella realizzazione del macroprogetto, articolato nei diversi percorsi di formazione:
 analisi di interessi e bisogni dei giovani coinvolti delle diverse classi
 considerando che generalmente i nostri studenti manifestano scarsi interessi culturali e legati alla vita pubblica e politica, è parso urgente porsi la questione dell’educazione alla cittadinanza democratica - un investimento a lungo termine per la promozione dei diritti umani, della tolleranza e del pluralismo culturale. Intendendo in questo senso la scuola proprio come promotrice di educazione interculturale: verso l’inclusione sociale
 anche nella Provincia del VCO la scuola va assumendo un ruolo importante nel processo nel processo di integrazione socio-culturale degli immigrati. Sebbene il fenomeno dell’immigrazione non abbia raggiunto ancora le cifre presenti in altre realtà italiane, anche negli Istituti superiori di I e II grado si è assistito ad un rapido incremento di alunni stranieri. Per cui risultano di particolare interesse quei percorsi che approfondiscono tali aspetti
Considerando questi punti si è creata una sinergia positiva che ha coinvolto attivamente tutti i soggetti attori del progetto: professionisti che hanno collaborato non solo intervenendo alle conferenze ma anche interagendo sul sito, mettendo a disposizione materiali di approfondimento; docenti, che hanno partecipato attivamente oltre le ore canoniche di servizio, mettendo a disposizione degli studenti competenze e conoscenze, e approfondendo la propria formazione nel corso sulla media education; alunni che hanno interagito attivamente e creativamente.

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

Innanzitutto si ritiene innovativo e apprezzato dagli studenti l’utilizzo degli strumenti multimediali (blog, chat, forum, anche interviste ad alte personalità italiane e straniere), il linguaggio vicino al loro mondo, una dinamica di gioco premiante e del tutto trasparente.
I docenti possono considerare positivo nel complesso gli elevati contenuti formativi del progetto stesso associato ad una innovativa didattica, al coinvolgimento in eventi pubblici e alla possibilità di un costante contatto (tramite sito web e forum dedicato) con esperti sia sulla parte organizzativa che su quella contenutistica.
Il progetto nella sua molteplicità concorre a sostenere la crescita di coordinamenti territoriali, che valorizzino l’esperienza delle scuole e a sostenere l’impegno di tutti i soggetti coinvolti per la definizione e realizzazione di un’ offerta formativa a dimensione europea.
Così strutturato il percorso formativo favorisce il protagonismo dei giovani nel percorso di costruzione della loro identità di cittadini europei e del mondo.
Tutta la documentazione (interviste, questionari, domande, manifesti, diari di bordo, etc.) è stata pubblicata in Rete nel sito dedicato al progetto
Le attività programmate e gli strumenti utilizzati hanno inoltre permesso di:
* Seguire percorsi personalizzati
* Usufruire di materiali di approfondimento
* Adoperare materiali multimediali
* Avvalersi dell'assistenza di tutor online
* Interagire direttamente con esperti
* Autovalutare i propri risultati
* Collaborare con chi manifesta stessi interessi
* Scegliere tra più opzioni

Descrivete i criteri che usate per misurate i risultati raggiunti dal vostro progetto: 

Per il monitoraggio in itinere dell’intero progetto è stata attuata una precisa rete di contatti con i vari soggetti coinvolti partner in modo da poter seguire le diverse iniziative attivate e intervenire in itinere sulle eventuali problematiche tenendo conto che gli Istituti partner aderendo al progetto si sono impegnati ad attivarsi in queste azioni di monitoraggio e controllo, individuando un team di responsabili tutor che hanno mantenuto i contatti per tutta la durata del progetto tra di loro e i soggetti coinvolti per garantire una costante informazione e una concreta possibilità di intervento in caso di situazioni critiche.
I beneficiari/alunni dei diversi percorsi formativi attivati hanno redatto diari di bordo, annotando esperienze maturate, impressioni, eventuali difficoltà, strategie adottate per risolverle ecc.
La valutazione dell’intero progetto e nel dettaglio dei singoli percorsi è stata attuata attraverso una procedura che ne garantisca la qualità, che prevede:
• il monitoraggio e la misurazione della soddisfazione dei soggetti coinvolti
• il monitoraggio e la misurazione dello stato di avanzamento del progetto
• il coordinamento e la gestione della comunicazione con i soggetti coinvolti nel progetto
• la valutazione dei risultati del monitoraggio e della misurazione
Nello specifico il processo di valutazione ha previsto:
• la valutazione in itinere, sulla base dei monitoraggi e dei feedback provenienti da tutti i soggetti via via coinvolti. I risultati della valutazione in itinere sono stati utilizzati soprattutto per capire l’andamento dell’esperienza e porre in atto, ove possibile, eventuali correttivi.
• La valutazione finale al termine delle attività progettuali proposte sulla base di relazioni finali, questionari di soddisfazione, interazione sul forum ecc.
La valutazione ha riguardato come evidenziato tutti i soggetti coinvolti nel progetto:

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Finanziamenti pubblici o privati
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
No
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

Brevemente si ritiene importante sottolineare ancora, oltre a quanto già illustrato, che il macroprogetto così impostato delinea di fatto un modello organizzativo di relazioni sul territorio, che vede protagonisti e attori principali dell’intero processo di formazione tutti i soggetti via via coinvolti. (cofinanziato dalla Fondazione per Scuola della Banca San Paolo, dalla Provincia del Verbano Cusio Ossola, da diversi Comuni, da Associazioni culturali e di volontariato). Spesso si riscontra una distanza abissale tra il “mondo” dei giovani a scuola e quello intorno oltre la scuola quasi ci dovesse essere uno sdoppiamento della persona come alunno e come cittadino. Da queste riflessioni, è nata l’esigenza di approfondire il fenomeno e percorrere strategie possibili, tendenti all’avvicinamento dei due mondi, attraverso attività che possono arricchire e integrare i reciproci saperi e ridurre le “distanze”, in modo da facilitare il “normale” essere del giovane a scuola e fuori dal mondo scolastico.
Emerge inoltre nella comunità scolastica e culturale il bisogno di una aggiornamento professionale permanente nell’ottica di un long life learning, realizzabile soprattutto attraverso l’apprendimento in rete e in stretto contatto con la realtà locale con la possibilità effettiva e fattibile di confrontarsi con colleghi.
Il progetto contribuisce quindi di fatto ad accrescere la capacità di fare rete, sia a livello istituzionale che a livello europeo e questo aspetto risulta di particolare rilevanza: da una parte per la capacità di sviluppare buone prassi di cooperazione intra e interistituzionale e dall’altra per la creazione di reti di partenariato transazionale che possono essere valorizzate anche in altri ambiti progettuali.
L’utilizzo di una piattaforma e-learning a integrazione della didattica tradizionale, ha offerto inoltre significativi vantaggi: documentazione: materiali, attività e lavori individuali e di gruppo di studenti e docenti sono memorizzati sulla piattaforma e questo consente di analizzare criticamente a posteriori tutte le fasi delle diverse attività didattiche sviluppate e l’operato di ciascuno. personalizzazione: l’insegnante ha la possibilità non solo di tenere sotto controllo le attività del singolo alunno, ma anche di fornire feedback individualizzati molto più frequenti e costanti che nella normale didattica d’aula, consentendo effettivamente agli studenti la possibilità di imparare dai propri errori come da quelli dei compagni, dal momento che ciascuno può condividere i lavori di tutti; collaborazione: l’utilizzo della piattaforma facilita fortemente attività impostate sul modello del cooperative learning (ricerche in internet, stesura a più mani di relazioni, svolgimento in gruppo di compiti complessi), perché gli studenti, da scuola come da casa, possono lavorare insieme alla realizzazione di un prodotto comune.

Ostacoli: 

E’ stato rilevato che le attività della maggior parte dei percorsi si sono concentrate quasi sempre da marzo 2009 all’ultimo periodo dell’a.s. e ciò ha creato qualche difficoltà a causa di una tempistica un po’ ristretta.
La difficoltà maggiore, dovuta soprattutto alla locazione isolata della loro provincia, è stata l’individuazione di mezzi adatti ad attirare l’attenzione di un grande numero di persone e, grazie alle grande creatività di cui gli alunni attori in prima linea sono dotati, supportata validamente dai propri insegnanti, vennero coinvolti numerosi professori - anche universitari –, studenti stranieri e di altri istituti, in video conferenza anche da Gela, intervenuti a seminari e conferenze, che accettarono l’invito a visitare e a interagire anche sul sito.
“Abbiamo gettato le basi per permettere alle classi future di continuare sulle nostre orme, ampliando i propri orizzonti e imparando ad amare la diversità, così da farne un punto di forza, utilizzando come base il sito creato e …….. proseguendo di sicuro all’insegna della creatività e spirito di iniziativa di ogni giovane”.

Soluzioni: 

Due incontri (relativamente del Percorso A e del percorso L) sono stati spostati a causa di impedimenti sopraggiunti dei relatori all’inizio del prossimo a.s.: avranno luogo entro comunque la metà di ottobre 2009. Gli impegni di spesa relativi a questi incontri sono già stati considerati nella rendicontazione finale.
Nel Percorso G si è preferito posticipare la realizzazione operativa del magazzino del mondo nella seconda settimana di avvio del prossimo a.s. in quanto alla fine del presente anno gli studenti erano molto presi con verifiche e interrogazioni, inoltre tutte le classi III e IV dell’IIS “Ferrini” erano coinvolte nel progetto Alternanza Scuola Lavoro e quindi di fatto non più presenti a scuola dal 25.05.2009. Si ritiene inoltre che questa ripresa sia particolarmente funzionale al progetto stesso nel prossimo nuovo anno scolastico a livello informativo, di disseminazione in quanto prodotto e realizzato l’anno precedente e di stimolo a continuare laddove se ne intraveda l’interesse anche in classi nuove.

Future plans and wish list: 

I risultati della valutazione dell’intero macroprogetto sono stati raccolti, analizzati e resi pubblici sul sito interattivo al fine di:
o avviare nuovi progetti e/o iniziative complementari nell’ambito del quadro di attività portate avanti dalle amministrazioni provinciali coinvolte
o sperimentare e mettere a sistema buone pratiche valutate nell’ambito dello svolgimento delle iniziative didattiche attivate, da estendere ad altre aree territoriali limitrofe seguendo la logica dell’area vasta che si sta imponendo come scelta politico-amministrativa ottimale per la gestione di numerosi servizi di rilievo pubblico
o rafforzare e mirare maggiormente le azioni integrate a sostegno dello sviluppo locale e delle politiche di formazione e del lavoro
o alimentare il dibattito tra i soggetti istituzionali e parti sociali sui temi maggiormente trattati
Follow-up a distanza di un anno: verifica degli effetti delle attività previste dal progetto relativamente a: crescita personale, atteggiamenti e comportamenti assunti, percorso formativo e professionale.

Per realizzare quanto sopra indubbiamente occorrono cofinanziamenti da parte di enti, associazioni in quanto attualmente la scuola da sola non è in grado di supportare finanziariamente le diverse iniziative (interventi di esperti, relatori, formazione specifica per docenti, ecc.)

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali
Condividi contenuti