• strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_handler_argument::init() should be compatible with views_handler::init(&$view, $options) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_argument.inc on line 33.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 17.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_node_status::operator_form() should be compatible with views_handler_filter::operator_form(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/modules/node/views_handler_filter_node_status.inc on line 6.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 14.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 25.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 255.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 260.
  • strict warning: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/date/date/date.theme on line 261.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /var/www/clients/client1/web34/web/2009/sites/all/modules/views/views.module on line 879.

creatività

Viaggio di istruzione virtuale

Far partecipare al viaggio di istruzione un ragazzo costretto a rimanere in casa a causa della malattia

1. Sommario progetto
Sommario: 

Ad un mese dall’inizio della scuola si comincia a discutere per organizzare il viaggio di istruzione. In classe l’euforia è altissima. Tre giorni assieme, ma la fatalità vuole che un ragazzo venga colpito da una malattia che gli impedisce la frequenza. Addio viaggio di istruzione. L’idea, far partecipare all’organizzazione del viaggio anche lui attraverso i mezzi informatici. Si stabiliscono la data, l’itinerario, i luoghi da visitare tutto attraverso la ricerca in internet. Non basta, il viaggio viene realizzato e l’alunno, attraverso messenger e le e-mail segue costantemente tutte le tappe del viaggio. Oltre ai messaggi e alle indicazioni sui luoghi visitati si scambiamo idee e riflessioni, fotografie. Durante il giorno, mentre i compagni visitano le località, segue, attraverso internet, tutto il percorso, raccoglie informazioni, e successivamente, al momento del contatto scopre se i compagni hanno seguito e apprezzato la visita. La preparazione del progetto prevede di far acquisire competenze informatiche a tutti i componenti la classe, per l’alunno ammalato, oltre al pc fisso viene usato anche quello portatile per i periodi di degenza in ospedale. Le esercitazioni sono settimanali e permettono di acquisire competenze di ricerca e organizzazione utilizzando internet, di mantenere i contatti con il compagno utilizzando e-mail e messenger

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Codroipo Friuli Venezia Giulia
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Scuola Secondaria Statale di 1° grado Giuseppe Bianchi
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Sandro Fabello
E-Mail: 
sandro.fabello@istruzione.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
http:// friuli.qnet.it/bianchi
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 15 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/11/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Obiettivi educativi e didattici viaggiano di pari passo: la scoperta dell’uso di internet per fare conoscenza e relazionare in forma attiva, Conoscere località a distanza. Riconoscere la complessità e l’adattamento a situazioni nuove e improvvise. Trovare risorse positive anche in situazioni drammatiche. Saper accettare e reagire alle difficoltà. Casa e scuola, imparare attraverso i mezzi informatici, sentirsi perciò partecipi della vita di classe

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

L’uso delle e-mail, di messanger, di internet, della web cam, di software ha permesso di apprendere e comunicare a distanza

Quali opportunità/problemi affronta: 

L’apprendimento a distanza, sentire la presenza della classe, vivere a distanza le opportunità degli altri, riconoscere le proprie difficoltà e superarle

Please explain what is unique or special in your project: 

In questa situazione l’unicità è rappresentata dal caso affrontato e dal come tutti hanno contribuito alla riuscita. Le idee risolutive venivano di giorno in giorno. I problemi venivano superati con grande sforzo di volontà

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Ottimi risultati per il ragazzo ammalato sia per l’apprendimento scolastico che per il superamento della malattia, per i coetanei è stata un’esperienza che ha fatto maturare la consapevolezza dell’aiuto reciproco, ha fatto comprendere come la volontà permetta di raggiungere grandi obiettivi

In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

Ottimi, perché l’obiettivo prefissato ha fatto sì che l’alunno non si lasciasse andare e soprattutto ha fatto vivere intensamente un’esperienza di collaborazione reciproca che per gli adolescenti non è sempre scontata

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

Tutte la classi

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

L’aiuto reciproco, la consapevolezza di poter contribuire alla riuscita di un progetto, la creatività nel dare idee hanno permesso di far maturare capacità di relazione molto forti

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

Docenti e alunni hanno messo in gioco le loro competenze per far funzionare l’intera organizzazione. Dall’uso dei pc e delle periferiche alle strategie didattiche e metodologiche

Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

Utilizzare e apprendere attraverso la multimedialità è stato l’argomento costante di tutto il progetto. Saper installare software, destreggiarsi tra mezzi informatici con il problem solving, apprezzare la tecnologia non solo per i giochi o per scaricare musica e filmati

Descrivete i criteri che usate per misurate i risultati raggiunti dal vostro progetto: 

l’osservazione sistematica dei risultati raggiunti sia in classe che casa, senza la competenza informatica o senza la conoscenza degli argomenti il progetto si sarebbe arenato. I tempi rispettati nelle consegne, la creatività nelle discussioni hanno permesso di adeguare il processo formativo.

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 3 a 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Finanziamenti pubblici o privati
Is your project economically self sufficient now: 
Si
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
No
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

Il progetto ha avuto origine pensando a come far partecipare un ragazzo impossibilitato a frequentare la scuola a tutte le iniziative che la scuola avrebbe intrapreso durante l’anno scolastico. Hanno partecipato all’iniziativa i docenti, gli alunni della classe e la famiglia. Inizialmente l’Ufficio Scolastico Regionale doveva contribuire all’acquisto della tecnologia, ma poi la famiglia ha fatto da sola.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Les couleurs de la vie

 

Una passeggiata tra i colori offerti dalla natura e dalla vita stessa.
1. Sommario progetto
Sommario: 

 

Il proggetto nasce dalla proposta della Grecia all’Italia , a cui si aggiungono ben presto il Portogallo e il Marocco.Una passeggiata tra immagini. Il progetto vuole affidare alle immagini l’obiettivo di stregare, incantare, risvegliare la curiosità, stupire.  I colori fanno da contrappunto ai numerosi colori offerti dalla vita e dalla natura. Colori che accompagnano le stagioni : il verde della primavera, i colori delle molteplici fioriture, il bianco della neve, i blu del mare e del cielo. E i colori della vita : il rosso della passione, il giallo della leggerezza … Ma ancora il grigio della montagna, i colori della notte e quelli … del tempo passato! E infine i colori … in tutte le lingue.
2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Caltanissetta
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Liceo Ginnasio “ Ruggero Settimo “ _
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Rossana Pintus
E-Mail: 
ttsantoro@tin.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
www.colorieimmagini.blogspot.com
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 18 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
27/10/2007
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

 

L’obiettivo è quello di effettuare con gli studenti una ricerca che mostri come l’Europa non si una mera e artificiale costruzione amministrativa. Bisogna arricchirsi reciprocamente affinché i giovani si rendano conto di avere culture diverse ma anche radici comuni. E così, partendo dai colori dominanti nel proprio Paese, dai colori della propria bandiera, hanno cercato di esaminarli in quanto simboli internazionali, nazionali, tradizionali e quotidiani, nei loro molteplici aspetti della vita per poi confrontarli con quelli dei loro partner europei. Si è cercato di esaminare ogni colore da diversi punti di vista – chimico, gastronomico -  e inoltre di capire se i colori evochino dappertutto gli stessi sentimenti …
Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

 

Le TIC hanno rappresentato un non indifferente elemento di motivazione per gli studenti . La posta elettronica , l’uso di MSN ha offerto agli studenti l’opportunità di comunicare molto rapidamente e di superare la propria timidezza personale in quanto immuni dalla valutazione tradizionale dei prof che, spesso, ne sanno meno di loro. Si è fatto un ampio uso dello spazio etwinning che gli studenti hanno molto apprezzato e al quale hanno avuto libero accesso grazie ad una password esclusivamente predisposta per la classe. Durante lo sviluppo del progetto gli studenti hanno usato numerosi strumenti informatici ed apparecchi tecnologici, applicazioni e programmi offerti da Internet sia per la creazione di attività ( webquestions ) che per la collaborazione e i contatti interpersonali tra studenti e con i docenti responsabili. Hanno usato YOUTUBE, ANIMOTO, BLOGGER, SLIDE.COM, e anche WORD, POWERPOINT, WINDOWS MOVIEMAKER, ADOBE PHOTOSHOP, SLIDESSHARE. Alcuni studenti hanno fatto uso, per le loro ricerche, di Internet Explorer , wikipedia,e di svariati motori di ricerca (GOOGLE, ALTAVISTA, ). Hanno appreso cosa sono le pagine wiky e hanno lavorato sul Blog , realizzato da loro stessi imparando a gestirlo in maniera sempre più autonoma e ricca, vincolati solo da alcune idee generali e regole direttrici . Naturalmente sono stati necessari, per la realizzazione di certi lavori lo scanner, la macchina fotografica, la videocamera digitale. Inoltre sono stati inviati messaggi e-mail tra partner ed anche SMS tramite telefonino.
 
Quali opportunità/problemi affronta: 

 

Il progetto è stato destinato, sin dall’inizio, ad una classe precisa, con gli stessi prerequisiti linguistici, la stessa età e che potesse condividere gli interessi degli studenti degli istituti partner. Il Progetto è stato molto vario e dinamico grazie anche all’inserimento di un Paese del continente africano : il Marocco che ha costituito un’opportunità importante di conoscenza e confronto con un paese extraeuropeo. Il progetto ha concentrato la propria attenzione sul valore comunicativo dei colori che, oltre ad essere esteticamente gradevoli e piacevoli agli occhi, svolgono funzioni rilevanti nella comunicazione. Abbiamo potuto constatare che  il primo livello di comunicazione è dato proprio dai diversi colori. Essi trasmettono il nostro umore, le nostre sensazioni, il nostro carattere. Esso ha dato agli studenti un’ occasione per sviluppare liberamente e senza alcuna restrizione la loro creatività e la loro immaginazione. Per fare ciò sono stati usati come strumenti  : la lingua francese , le nuove tecnologie e la fotografia, potente strumento espressivo nelle mani di chi comunica con l'immagine. La fotografia non solo rappresenta, ma "esprime" le cose in un "certo modo" scelto dal suo autore. Il progetto ha subito suscitato grande interesse per la libertà del tema, per la dimensione multipla rappresentata dai i numerosi e svariati strumenti utilizzati : fotografia, video disegni, strumenti multimediali
 
Please explain what is unique or special in your project: 

 

 

Il docente si è arricchito tramite il confronto con ambienti di lavoro diversi, la messa in discussione di metodi e metodologie, la capacità di far fronte a un compito riuscendo a mettere in moto e orchestrare le proprie risorse interne e ad utilizzare quelle esterne in modo coerente e fecondo.
Gli studenti hanno migliorato la capacità di lavorare in gruppi multiculturali e in lingua straniera, a rispettare consegne e scadenze, a collaborare e condividere, trasformare opinioni in decisioni . Hanno imparato a organizzare il proprio apprendimento mediante una gestione efficace del tempo e delle informazioni, si sono resi consapevoli del proprio processo di apprendimento e dei propri bisogni. 
Ma soprattutto  , quello che ha reso il Progetto speciale , è che esso si è concretizzato in un reale scambio di classi con la Francia ( Amiens/Caltanissetta- Caltanissetta/Amiens ) che ha consentito agli studenti di conoscere personalmente i propri partner e di entrare a far parte della loro cultura ed abitudini, compreso  un breve soggiorno a Parigi con la visita dei più importanti monumenti, già frutto di studio da parte della classe, guidati a livello personale da una signora, parigina DOC che ci ha permesso di scoprire lati inediti di Parigi. Durante i reciproci periodi di soggiorno gli studenti, organizzati per gruppi biculturali hanno creato cartelloni, hanno arricchito di foto le pagine del blog, hanno creato degli Ikebana, hanno preparato prodotti multimediali, le attività si sono integrate e completate. L’impatto è stato molto positivo le aspettative ampiamente soddisfatte e ha visto nascere amicizie che si sono prolungate nel tempo e che hanno dato vita a successivi incontri personali e crescere l’interesse per la Francia, la sua lingua e la sua cultura. 
 
10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

 

Gli studenti sono stati messi di fronte alle loro esperienze linguistiche e culturali , imparando a capire che possono diventare protagonisti più consapevoli del loro successo nell’apprendimento delle lingue, delle nuove tecnologie, delle varie discipline, attraverso la continua riflessione sui risultati raggiunti ( numerosi questionari di autovalutazione sono stati sottoposti agli studenti nel corso del progetto ). Essi hanno imparato ad affrontare la lingua con spontaneità, felici di scoprire la loro capacità di comunicare al di fuori di un contesto strettamente scolastico e provando una sensazione di successo nell’apprendimento delle lingue , nella padronanza delle nuove tecnologie, che ha fatto aumentare la fiducia in loro stessi.
Gli insegnanti hanno messo a fuoco le potenzialità educative di questo nuovo modo di operare, constatando come esso faciliti la realizzazione di un nuovo e più motivante approccio metodologico.
Il progetto ha permesso di associare diverse,  importanti funzioni : quella pedagogica e  documentaria, quella creativa, basata sulla fantasia, inventività, l’estro, chiamando in causa fattori determinanti per l’apprendimento : la motivazione, la capacità di interpretazione critica,  l’autovalutazione, l’autonomia .
Esso ha accresciuto la motivazione dello studente, la consapevolezza delle sue capacità/potenzialità, promosso la sua autonomia.
 
In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

 

Il progetto ha suscitato entusiasmo dall’inizio alla fine. Esso è stato   vario   e dinamico per l’inserimento del Marocco . Gli argomenti sono stati diversificati e molto stuzzicanti. Gli studenti sono stati confrontati alle loro esperienze linguistiche e culturali , hanno capito che possono diventare protagonisti   del loro successo  , felici di scoprire la loro capacità di comunicare al di fuori di un contesto strettamente scolastico .
Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

 

I docenti e gli studenti delle classi europee, ovverossia, Italia, Portogallo, Francia e Marocco sono stati in costante contatto. Un incontro via skype tra i responsabili del progetto si è effettuato con cadenza settimanale oltre a l’invio di frequenti mail. Gli studenti sono stati liberi di contattarsi in base alle loro esigenze ma, per i più pigri, era previsto un incontro quindicinale obbligatorio per fare il punto dell’evoluzione del Progetto
Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

 

Esso ha
  • Promosso le competenze interculturali e le abilità di comunicazione,
  • Incrementato le competenze legate alle TIC, 
  • Consentito l'innovazione pedagogica,
  • Creato un ambiente di apprendimento accattivante per insegnanti,  studenti e l'intera scuola,
  • Fornito la base per progetti a lunga scadenza che possono svilupparsi nel  tempo attraverso nuove idee e strumenti del  Web 2.0.
  • Gli insegnanti hanno messo a fuoco le potenzialità educative di questo  modo di operare, constatando come  faciliti la realizzazione di un più motivante approccio metodologico.
Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

 

Il progetto è stato il frutto di una ineccepibile e costante collaborazione non solo tra i docenti dello stesso Istituto ( lingua francese e conversazione, informatica, arte, fisica, inglese, spagnolo ) ma anche con  i docenti degli istituti partner. La scelta dell’argomento centrale e delle unità individuali è stato il frutto di questa cooperazione avvenuta tramite posta elettronica, conversazioni via skype, MSN e SMS. Ogni paese ha poi scelto la propria tecnica per svilupparlo nella sua piena libertà in funzione dei propri obiettivi, livelli di preparazione linguistica e informatica degli studenti, nonché del numero delle ore a disposizione e di facilità di accesso ai laboratori. Durante tutto lo svolgimento del progetto c’è stato entusiasmo e vitalità. Gli studenti impegnati nel progetto fanno tutti parte della stessa classe cosa che ha facilitato l’andamento e l’organizzazione dei lavori.
Descrivete i criteri che usate per misurate i risultati raggiunti dal vostro progetto: 

 

Gli studenti hanno lavorato nel laboratorio linguistico in gruppo o individualmente. Alcuni lavori sono infatti stati completati a casa organizzando incontri nelle proprie abitazioni. Ognuno ha messo a disposizione del proprio gruppo e condiviso le proprie conoscenze informatiche e linguistiche attraverso uno sforzo collettivo e una formazione tra pari. Un importante contributo è stato dato dal docente di informatica che ha suggerito le strategie più efficaci per superare determinate difficoltà. Gli studenti hanno potuto valorizzare e approfondire le loro conoscenze nella lingua francese, applicarla nella pratica, effettuare traduzioni, conversare e confrontarsi con i partner, utilizzare la lingua in contesti reali di comunicazione , apprezzare le diversità linguistiche. Alcuni ostacoli linguistici sono stati superati attraverso la promozione di pratiche innovatrici. Glossari plurilingue hanno favorito l’apertura ad altre lingue . L’arte ha fatto riflettere sull’importanza del codice cromatico  . Sono stati sottoposti frequenti Test di valutazione e autovalutazione.
11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Come è finanziato il vostro progetto: 
Finanziamenti pubblici o privati
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto: 

 

 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

 

Credo che la qualità del progetto sia stata la  sinergia tra diverse caratteristiche del progetto stesso che lo hanno visto nascere, crescere e realizzarsi nel tempo con una sempre crescente motivazione da parte degli studenti. Sicuramente svolgere un’attività didattica divertendosi, senza accorgersi dell’ora che passa e così acquisire nuove competenze e conoscenze è senz’altro stata per me una grande soddisfazione.
Ostacoli: 

 

In realtà non ci sono stati veri problemi perché la motivazione era grande in ogni Paese. Devo dire che quindi, per la buona riuscita di qualunque progetto è molto importante, anzi fondamentale, trovare i partner giusti. Anche l’appoggio dell’istituzione scolastica e delle famiglie coinvolte è stata molto importante soprattutto al momento dell’accoglienza dei partner durante il soggiorno dei francesi a Caltanissetta.
 
Soluzioni: 

 

Con la collaborazione, il dialogo e il confronto. Di grande importanza è stato anche il sostegno e l’appoggio dell’Istituzione scolastica, l’intesa e la sintonia tra partner, comprese le famiglie,la disponibilità a accettare cambiamenti.
 
Future plans and wish list: 

 

Il progetto ha ottenuto dapprima il Label nazionale, come anche il Portogallo, e la Francia, cosa che ci ha dato accesso al Label europeo. Speriamo, grazie a questo successo, di poter essere tutti presenti e di ritrovarci all’incontro annuale internazionale organizzato dalle Agenzie etwinning.
 
Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Raccontare i Robot

Come impossessarsi del 'sapere' attraverso la destrutturazione dell’'oggetto' e la sua 'ri-creazione', valorizzando nel contempo la dimensione narrativa legata al 'fare'.

1. Sommario progetto
Sommario: 

Che cosa prevede il progetto: L'esperienza a cui si riferisce il progetto assume un ruolo di rottura rispetto alla didattica tradizionale perché la costruzione di conoscenza avviene attraverso il 'fare' e il 'fare per capire'. Questo concetto si può applicare a quasi tutte le attività svolte nelle scuole che fanno parte del progetto e ne costituisce l'ossatura. Ad esempio la costruzione del robot inizia da un robot costruito e passa attraverso queste fasi: osservo il robot, cerco di capire come funziona, lo smonto e lo rimonto; la programmazione di un robot parte da un programma modello e segue questo percorso: leggo il programma, ne interpreto il significato, uso i simboli per scrivere un nuovo programma, modifico il programma in base ai risultati che ottengo; la creazione di un oggetto 'artistico' passa attraverso queste fasi: smonto una strumentazione elettronica (immaginata come parte di un robot), reinvento il significato di una parte e la riutilizzo all'interno di un nuovo oggetto. In questo paradigma 'raccontare i robot' è un'espressione che va interpretata in senso lato (racconto come si costruisce il robot, racconto il programma, racconto una storia di cui è protagonista un robot, racconto un oggetto fatto con parti di robot), alla base c'è l'idea di narrazione e l'uso funzionale della lingua, sia scritta sia orale, la lingua non solo per comunicare ma anche per capire.
Come è nata l’idea di questo progetto: esistevano sul territorio nazionale diverse realtà scolastiche che si occupavano di robotica educativa, per collegarle e farle avanzare nella progettazione e nella ricerca era necessario inventare strumenti che permettessero una comunicazione rapida ed efficace, nel rispetto delle competenze e di ognuno e sfruttando anche le risorse già esistenti; Scuola di Robotica ha fatto da tramite per unire le esperienze favorendo lo scambio, aumentando le occasioni di incontro fra le persone, valorizzando i prodotti e aumentandone progressivamente la qualità. Per tenere collegate le varie realtà e sviluppare progetti di robotica educativa era importante la documentazione delle attività e questo è avvenuto attraverso l’uso di strumenti (blog, portali, wiki, social network) che utilizzano diverse modalità comunicative (chat, videoscrittura, scrittura collaborativa, filmati, slideshow, album fotografici) promuovendo la creatività degli allievi e degli insegnanti e l'innovazione didattica con una introduzione finalizzata di nuove tecnologie.
 
Chi ha sviluppato l'idea: Scuola di Robotica, con il progetto Robot@scuola, ha avviato il contatto con le scuole, con le attività successive si è potenziata la relazione e si è allargato anche l’uso della rete con tutte le sue potenzialità, non solo per comunicare/collegare ma anche per facilitare l'accesso a sempre nuove risorse.

Chi realizza oggi il progetto: il progetto ha prodotto una grande 'storia di robot' interconnessa tramite la rete che si amplia ogni anno perché questa struttura permette alle scuole di inserirsi immediatamente, non in modo formale, ma attraverso contributi concreti; scrive e pubblica sui blog e/o sugli altri strumenti, solo chi ha qualcosa da raccontare, quindi se una scuola realizza un’attività, immediatamente il suo lavoro è presente sulla rete ed è a disposizione di tutti; questo consente una ricchezza altrimenti impensabile delle forme di espressione e valorizza le capacità di ognuno ma richiede anche una grande disponibilità e generosità da parte degli insegnanti nel mettere tutto ciò che pensano e realizzano a disposizione di tutti.
Il gruppo degli insegnanti che collabora al blog 'Percorso Soave' [progetto ideato e curato da Linda Giannini] http://blog.edidablog.it/blogs//index.php?blog=87 è stato invitato a partecipare al Corso di formazione Roberta, tenutosi a Genova nel 2008. Così è nata la convinzione che la Robotica possa 'tradursi' in un valido strumento didattico. Il passaggio successivo è stato quello di predisporre consapevolmente un approccio didattico fruibile dai bambini, rispondente alle realtà dei vari reparti di un ospedale, ai bisogni e agli interessi dei medesimi basando la proposta didattica su questa procedura metodologica:
1. De-costruzione dei materiali di recupero (circuiti stampati, bulloni, viti, bobine, etc.);
2. Osservazione;
3. Progettazione creativa;
4. Creazione di storie.
Il progetto e' stato condiviso con altre scuole grazie a "Raccontare i Robot", evento organizzato a Genova a maggio 2009.

A questo proposito rimandiamo a:
[comunicato stampa]
http://www.descrittiva.it/calip/0809/RaccontareRobotComunicato.pdf
http://www.scuoladirobotica.it/  
http://www.scuoladirobotica.it/retemiur/
Sui siti di Scuola di Robotica (il primo quello ufficiale, il secondo la sezione dedicata in specifico al progetto Robot@Scuola) compaiono le informazioni relative all'attività del gruppo e dell'Associazione; sono stati aperti svariati forum per discussioni su argomenti specifici monitorati dagli esperti di scuola di robotica. E' in corso di realizzazione un nuovo sito più adeguato alle necessità della community che diventa sempre più vasta ed 'esigente' sia rispetto all'accesso a spazi per la documentazione e per la comunicazione sia rispetto alla reperibilità di materiali e informazioni sulla robotica in generale e sulla robotica educativa in particolare.

http://www.descrittiva.it/calip/0809/percorsi_lego.htm
http://www.descrittiva.it/calip/0809/percorso_soave.htm
http://www.descrittiva.it/calip/0809/raccontare-robot.htm
Pagine curate da Linda Giannini che si trovano all'interno de' La scatola delle Esperienze. spiegare che cosa è In esse vengono riportate quasi giornalmente le documentazioni di tutte le attività della scuola e della rete di cui la scuola fa parte.

http://www.edscuola.it/lre.html
Il sito - ospitato da Edscuola - contiene i materiali del Laboratorio Ricerca Educativa a cura del LRE/Università di Firenze diretto da Paolo Manzelli.
                                                                                                                                                                                      
http://www.edidablog.it/b2evolution/blogs/index.php?blog=275
http://www.edidablog.it/b2evolution/blogs/index.php?blog=87
I due blog sono ospitati su Edidablog. Il primo nasce a seguito del Progetto Robot@Scuola - Rob&Ide, il secondo e' collegato al Percorso Soave. Entrambi continuano a tutt'oggi a raccogliere i materiali dei due gruppi di reti di scuole che, col tempo, si sono intrecciate e collegate nei percorsi e nelle attivita'.
 
http://trilussa.primocircolopinerolo.it/circolo/?page_name=progetto_robotica
Sul sito della Direzione Didattica del 1° circolo di Pinerolo sono raccolte le documentazioni delle attività di robotica dall'ottobre del 2000; il sito nel tempo si è modificato perchè le risorse offerte dalla rete si sono ovviamente ampliate. Attualmente lo strumento utilizzato per documentare la robotica è il wiki del portale, uno strumento agile che permette sia agli insegnanti sia agli alunni di scrivere direttamente sul web senza bisogno di supporti tecnici. In un primo momento i contributi sono stati quasi esclusivamente di tipo testuale poi, a mano a mano che gli insegnanti acquisivano le competenze indispensabili, sono state inseriti immagini fisse, gallerie di immagini, slideshow, e, infine, filmati. La competenza acquisita per documentare la robotica ha permesso un ampliamento della base degli insegnanti formati sulle ICT anche per quanto riguarda l'uso di altri strumenti come la chat. Ora tutti i laboratori del circolo sono dotati di almeno una web cam e, all'occorrenza, le classi possono colloquiare, in audio e video, tramite Skype sia all'interno del circolo sia all'esterno con il controllo degli insegnanti. Ripercorrendo le pagine del sito si costruisce sotto gli occhi di chi legge una grande storia della robotica educativa e del suo inserimento progressivo nel curriculum della scuola dell'infanzia e primaria del circolo.
 
http://roberta.isii.it/
Sul blog, istituito nell'ambito del progetto Formez, vengono raccolte le esperienze dei docenti che partecipano al progetto Roberta. Il Blog che inizialmente era nato come condivisione delle scuole di Piacenza partecipanti al progetto Formez si è così aperto a tutti i docenti che stanno lavorando sulla robotica educativa con un occhio di riguardo all'apprendimento di genere. Il blog è ancora in fase beta (non tutti i docenti di 'Roberta' hanno la possibilità di scrivervi). Sullo stesso blog sono state raccolto durante l'anno scolastico 2008-09 le esperienze delle scuole che hanno avviato il progetto Roberta in seguito alla formazione svolta con i corsi realizzati in Piemonte a Torino, Pinerolo (TO), Oleggio (NO), Buriasco (TO) in diversi circoli didattici dagli insegnanti certificati dal Fraunhofer Institut. Sempre per stimolare la comunicazione e dare impulso alla community che si è venuta creando, periodicamente gli insegnanti erano raggiunti da una mail contenente le News del progetto (corsi fatti, esperienze avviate, eventi esterni a cui partecipare ecc.).
 
http://www.mcetorino.it/roberta.htm    http://www.fogliacci.it/progetto_roberta/roboticaeducativa.htm
Il primo è il sito del MCE Torino, che contribuisce alla realizzazione del progetto Roberta in Piemonte (l'MCE è un ente riconosciuto dal MIUR per la formazione degli insegnanti). Il secondo è il sito del Gruppo Nazionale Informatica, il gruppo territoriale sempre del MCE che si occupa in modo specifico dell'informatica a vari livelli. Questi siti hanno una ruolo essenzialmente informativo e raggiungono altre realtà sul territorio nazionale che si occupano a vario titolo di robotica educativa anche al di fuori del Progetto Roberta.

http://www.facebook.com/home.php#/group.php?gid=58389654714&ref=search&sid=0ef9c954f03f0171b3ec4e993dcfda87
Lo spazio su Facebook per il gruppo è utile sia per raggiungere un pubblico più vasto sia per tenere collegati gli insegnanti che frequentano il social network in modo più immediato e personale.

http://www.flickr.com/photos/scuoladirobotica/
Uno spazio in cui inserire velocemente le fotografie scattate durante gli incontri in occasione di convegni, stage ecc.; diventa anche un comodo archivio a cui attingere per documentare l'attività del gruppo.

[il programma]
http://www.descrittiva.it/calip/0809/RaccontareRobotCALENDARIOattivit.pdf
Durante la settimana, oltre alla costruzione e programmazione di robot, le scuole hanno avuto modo di condividere Le Storie di...  [Genova] - [Gambolo'] - [Milano] - [Pinerolo] - [B.go Sabotino] - [Latina poesie] [Latinastorie] Si tratta di una raccolta delle Storie Robotiche realizzate durante l'a.s. 2008-09 nelle diverse scuole della rete e rappresentano la parte espressiva e creativa dal punto di vista linguistico. Alle storie si è affiancata  l'esposizione dei robot creativi
Le risorse che il gruppo sta utilizzando in rete sono multiformi. L'elenco è sicuramente provvisorio perchè ogni giorno la rete offre nuove possibilità di comunicazione e di espressione che il gruppo esplora, valuta ed eventualmente adotta.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
[Liguria] Scuola di Robotica [Liguria] Scuola Infanzia Gaslini di Genova * [Lazio] Istituto Comprensivo Don Milani Latina [Lazio] Liceo Artistico Statale di Latina [Lazio] SSIS Universita' del Lazio: Arte e Disegno [Lombardia] Scuola dell'Infanzia Istituto Comprensivo "Thomas Mann" Milano * [Lombardia] Istituto Comprensivo "G. e G. Robecchi" di Gambolo' - Scuola Secondaria di 1° Grado "G. Marconi" [Lombardia] Polo Tecnico professionale industriale ITIS "A.Righi" Treviglio (BG) [Piemonte] 1° Circolo Didattico di Pinerolo (TO) [Piemonte] M.C.E. Movimento di cooperazione educativa - Gruppo Territoriale di Torino
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Scuola di Robotica
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Associazione
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Fiorella Operto
E-Mail: 
operto@scuoladirobotica.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
www.scuoladirobotica.it/retemiur
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 18 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
23/09/2002
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

“Imparare facendo” stimola la creatività, tutelando lo sviluppo psicologico, relazionale e cognitivo, promuovendo nuove acquisizioni e superando la “deprivazione cognitiva”.Il progetto prevede la collaborazione di scuole in tutto il territorio italiano e scuole in ospedale. La complessa realtà dell’ospedale può influire pesantemente sulla motivazione all’apprendimento. Attraverso queste attività, svolte con spirito di collaborazione tra le scuole e sfruttando le competenze di insegnanti ed esperti, il progetto mira ad un innalzamento qualitativo delle pratiche didattiche migliorando nel contempo le competenze degli alunni nelle aree disciplinari coinvolte a vario titolo nel progetto.

Quindi il miglioramento è visto da due differenti punti di vista: educativo con una crescita nelle diverse tipologie di scuole e sociale con la possibilità dei bambini in ospedale di sentirsi comunque al centro dell'attenzione della scuola e dei loro compagni al di fuori dell'ospedale.

Obiettivi

  • innovare la didattica delle materie scientifiche tramite pratiche che fanno largo uso delle ICT, dal blog al social network; 
  • stimolare gli insegnanti all’uso delle ICT e fornire il supporto necessario per la loro formazione in questo ambito;
  • diffondere la robotica educativa come strumento per motivare gli studenti allo studio delle discipline scientifiche;
  • mantenere il contatto tra la scuola e la ricerca didattica in diversi ambiti con particolare attenzione all’informatica e alle discipline scientifiche (matematica, fisica, chimica, biologia…);
  • sviluppare capacità espressive ed artistiche attraverso la costruzione di oggetti, l’invenzione di storie, il disegno, la pittura collegate con le attività di robotica. Contesto Reti di scuole, scuole in ospedale e scuole singole di diverso ordine e grado su tutto il territorio nazionale che hanno attivato progetti di robotica educativa nelle loro classi.
Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

Il progetto si basa sulle reti di scuole pre esistenti con esperienza nella robotica educativa. La robotica diventa lo strumento, il mezzo per realizzare e incentivare la collaborazione fra scuole diverse, fra studenti di età e culture differenti, fra docenti ed esperti del settore. Le tecnologie utilizzate oltre ai robot (costruiti, progettati, immaginati, programmati) sono i computer, le webcam,siti internet, blog e chat. Grazie a questi strumento studenti e docenti lontani fra loro hanno interagito lavorato insieme a un unico obbiettivo: Raccontare i robot!

Quali opportunità/problemi affronta: 

"Raccontare i robot" è un progetto che prevede e incentiva l'interazione fra le varie scuole. Questa è l'opportunità più importante nata da progetti incentrati sulle tecnologie didattiche. Riuscire a creare una grande rete dove tutti gli studenti e le studentesse possano interagire, collaborare conoscersi, sentirsi a casa. Grazie a questo incentivo, alla collaborazione dovuta alla natura stessa della robotica, che stimola le diverse intelligenze a comunicare fra loro, si è potuta creare una forte collaborazione fra scuole diversissime e lontane fra loro. Le problematiche affrontate sono quelle legate alla scienza e tecnologia, al coinvolgimento di tutti i discenti nello studio della scienza e della tecnologia, senza preclusioni dovute al sesso, allo stato mentale o fisico, al luogo in cui ci si trova. "Raccontare i robot" ha creato un luogo virtuale dove tutti hanno potuto affrontare in maniera "Personale" la conoscenza della scienza. In numerosi incontri i docenti hanno coinvolto i propri studenti a pensare alle conseguenze i un uso estremo della robotica e da qui anno discusso di roboetica.

Please explain what is unique or special in your project: 

Narrare la scienza per renderla di tutti, usufruibile, personalizzabile, originale. Nella scuola moderna sempre più evidente che l'insegnamento delle materie scientifico tecnologiche non puo’ rimanere astratto ma deve coinvolgere tutti gli studenti in un percorso a loro riconoscibile. Raccontare i robot ha reso possibile queste intenzioni. Utilizzando l'oggetto che ad oggi racchiude maggiore tecnologia e maggiori potenzialità per il futuro per capire meglio le materie scolastiche classiche (matematica, scienza, fisica, disegno, biologia ecc.) gli insegnanti sono riusciti a coinvolgere tutti gli studenti, ogni intelligenza diversa è stata individuata ed esaltata. Grazie all'oggetto robot si è potuto raccontare la scienza e la tecnologia. La narrazione è vero e proprio insegnamento come lo è la personalizzazione, il rendere proprio il robot (nel senso di oggetto interattivo, oggetto artistico e di fantasia o ancora come oggetto di studio o come oggetto di narrazione multimediale). La personalizzazione dello studio e la conseguente creatività ha reso possibile la condivisione su tutti i fronti. Ogni studente e ogni docente ha tracciato il proprio percorso evolutivo, conoscitivo e messo in condivisione con gli altri. Queste sono le caratteristiche uniche e speciali di "Raccontare i robot": il ritorno alla scienza passando per metodi umani e legati all'umanesimo come l'arte, la scrittura, il testo multimediale. L'impatto etico di tale processo è evidente, la tecnologia non è più vissuta come dominatrice ma come strumento catalizzatore delle "arti" dell'Uomo.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

La partecipazione al Progetto, non vincolata all’età e al genere, ha fatto nascere gruppi di lavoro dove ogni bambino e ogni bambina ha potuto dare un contributo originale.

Inoltre l'utilizzo delle ICT ha consentito:

  • la documentazione delle attività svolte in tempo reale;
  • la comunicazione continua fra gli insegnanti e scuola di robotica tramite tutti gli strumenti a disposizione (mailing list, blog, chat, social network;
  • la visibilità delle attività con la partecipazione continua ad eventi e convegno;
  • una crescita qualitativa degli interventi didattici determinata dallo spirito di emulazione;
  • il contatto continuo con la ricerca nell’ambito della robotica e della didattica;
  • lo stimolo continuo a cercare nuove strade per introdurre la robotica nella scuola e coinvolgere sempre nuove scuole e nuovi insegnanti;
  • il coinvolgimento di enti esterni alla scuola;
  • l'instaurazione di relazioni personali, in un clima di collaborazione e di supporto reciproco;
  • il supporto all’azione didattica da diversi punti di vista: tecnico, didattico, organizzativo. La diversità di competenze che il progetto ha messo in relazione ha portato ad un arricchimento reciproco continuo.
In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

Gli studenti oggi hanno bisogno di esprimere la propria intelligenza che in un mondo sempre più multimediale si sta stratificando su livelli sempre più diversi rispetto ai curricula classici. Intelligenze pratiche o estremamente astratte hanno la possibilità grazie ai robot di essere rese reali, di realizzarsi nel compimento di opere artistiche, di progetti scientifici o di programmazioni complesse. Gli studenti hanno bisogno di comunicare e i robot sono catalizzatori della comunicazione, grazie alla propri interdisciplinarietà consentono la condivisione fra studenti diversi, con capacità e intelligenze varie e difficilmente confrontabili. Narrare robot significa rendere confrontabili intelligenze, lingue, personalizzazioni altrimenti lontane e non individuabili. I docenti anche loro in qualche modo utenti hanno potuto migliorare le proprie conoscenze tecniche (robotiche ma non solo per esempio sulle tecnologi e web 2.0).
 

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

Sono centinaia di studenti e decine di docenti che mensilmente si collegano al blog del progetto e che collaborano attivamente fra loro.

Inoltre in occasione dell'incontro reale si possono conteggiare utenti della mostra laboratorio in più di 400 studenti in 5 giorni di mostra.

 

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

Migliorare l'educazione e la formazione dei giovani significa inquesto progetto, rendere gli studenti cittadini consapevoli dell'uso della scienza e della tecnologia, persone capaci di gestire la tecnologie in maniera etica.

Migliorare la formazione significa raggiungere un numero sempre più alto di partecipazione e in questo progetto è importantissimo il coinvolgiento di tutte le "intelligenze".

Migliorare l'educazione e la formazione significa aggiornare i docenti e la formazione e l'aggironamento dei docenti è stato un principio fondante di questi percorsi dove la robotica ha costituito l'oggetto narrativo, il catalizzatore per parlare di scienze e tecnologia in maniera nuova e coinvolgente.

 

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

Grazie al coordinamento di Scuola di Robotica, associazione da sempre legata a importanti centri di ricerca universitari e non solo si è riusciti a far partecipare al porgetto importanti ricercatori o professori universitari. Grazie alla rete di scuoel preesistente si è riusciti a coinvolgere entità diverse come EGOCREANET o l'Università del Lazio.

La partecipazione di tuti è stata ottimizzata grazie all'uso del blog Rob&Ide ounto di incontro per tutti, bambini, docenti, esperti, industrie (Kuka su tutte) e esterni interessanti alla mission di creare una scuola capace di formare giovani cittadini liberi di pensare e  capaci di usare tutti gli strumenti che la scienza ci mette a disposizione.

 

Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

Come nella precedente richiesta è internet e il blog l'ambiente usato per tenere unito il gruppo e per stimolare il lavoro. Grazie all'essenza stessa della robotica che coinvolge gli studenti e stimola alla comunicazione possiamo individuare nella robotica stessa lo strumento catalizzatore della comunicazione.

Per comunicare bisogna mettere in comuni nozioni, opinioni e idee. La robotica stimola ogni intelligenza e ogni studente, ogni docente per poter rendere reali le propprie idee ha dovuto condividerle sul blog, via skype, con fotografie e testi multimediali. Queste necessità assolutamente naturale è il punto di forza del progetto che partendo da nuove tecnologie stimola l'uso di altri nuovi strumenti, conducendo i partecipanti in un aggironamento conoscitivo continuo.

Descrivete i criteri che usate per misurate i risultati raggiunti dal vostro progetto: 

I risultati del progetto non hanno bisogno di test o questionari per quantizzarli. Questo progetto ha come risultato la continua crescita del network di partecipanti, il crescente numero di partecipanti che è risultato ma anche verifica immediata del risultato stesso.

Ogni docente ha potuto valutare i propri studenti nelle maniere più diverse, il progetto invece si è autotestato grazie alla continua partecipazione sul blog, blog che si può monitorare facilmente con le statistiche sulle visite e sui post scritti.

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Più di 6 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 30.001 a 75.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Altro
Altro: 
Il progetto vive di autofinanziamento delle scuole e di SdR (tramite erogazione di lavoro gratuito). In questi anni il progetto ha visto coinvolte le scuole partecipanti ad altri progetti europei o nazionali (Robodidactics, Robot@Scuola, Roberta, bandi provinciali o bando scuole aperte per esempio) che hanno consentito ad alcune scuole della rete di acquistare e/o rinnovare la propria strumentazione tecnica.
Is your project economically self sufficient now: 
Si
Insert date: 
07/27/2002
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

Il progetto è trasferibile nel momento in cui altre scuole entrano in rete, nel corso degli anni questo è periodicamente già accaduto. L'ampia documentazione delle attività consente agli insegnanti che entrano per la prima volta di riconoscersi subito nelle proposte e, anche solo per imitazione, diventare subito operativi.

Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto: 

Il nostro progetto puo’ proporre pratici esempi di:

  • documentazione
  • collaborazione
  • attivazione di percorsi interdisciplinari
  • uso delle ICT
     
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

Il progetto nasce dall'incontro di diversi percorsi: Soave Kids con l'interazione su blog delle scuole in ospedale e altre scuole italiane, le scuole del network Robot@Scuola (2005) e del blog Rob&Ide (2007) che insieme a Scuola di Robotica da anni si occupano di robotica educativa.  I percorsi si sono contaminati grazie a questa sinergia, ogni partecipante ha capito l'importanza di non mantenere i due percorsi paralleli ma di intersecarli e scambiarli fra loro. In poco tempo si sono moltiplicati i messaggi, le interazioni, le idee, che si potevano condividere in ogni percorso. La convergenza definitiva è avvenuta nei primi mesi del 2008 quando un ulteriore nuovo progetto (il progetto Roberta- Le ragazze scoprono la robotica) ha consentito la formazione di alcuni docenti della scuola in Ospedale sulla robotica educativa focalizzata sulle metodologie e sull'approccio alla valorizzazione di intelligenze diverse. Grazie a questo corso la scuola in ospedale ha definitivamente introdotto l'uso dei robot come strumento didattico. Dalle interazioni nate dal febbraio 2008 ad oggi il progetto, trasportato dall'entusiasmo degli insegnanti e degli studenti (di qualsiasi ordine o grado), si è evidenziato per una particolare propensione narrativa. La scienza e la tecnologia non è stata più insegnata attraverso i metodi tradizionali, ma è stata narrata e la robotica ha aiutato fortemente questo processo di narrazione. La narrazione testuale, grafica, musicale, cinematografica, video ha consentito agli studenti di conoscere la scienza in maniera diversa, di 'dubitare' delle certezze e di comprendere ancor più profondamente. Grazie a "Raccontare i robot" si sono verificate narrazioni particolari, non solo ortodosse. Ad esempio, i ragazzi di Sassuolo hanno fatto da Tutor ai bambini di Pinerolo, gli studenti e le studentesse di Gambolò hanno spiegato e narrato la robotica per una settimana a studenti più piccoli e più grandi all'interno di una grande biblioteca per ragazzi. Narrare in questo progetto significa collaborare, mettere in comune, trovare nuovi linguaggi, nuove esperienze. E' la narrazione dei bambini in ospedale che hanno rielaborato il concetto di robot, hanno creato opere d'arte basandosi sul riciclaggio di strumentazioni elettroniche, usando la tecnologia, rielaborandola senza mai subirla, comprendendola e dominandola in maniera nuova rispetto alla consuetudine.

Tutti i partecipanti al progetto hanno interagito fra loro, creando ponti e relazioni. Questi ponti fanno parte anch'essi della narrazione. La settimana del maggio 2009 ha coronato con una mostra laboratorio il lavoro di anni di bambini che crescendo sono rimasti legati al progetto, alla grande narrazione dell'educazione, dove ogni passo è in avanti, è costruzione e non distruzione dei saperi già acquisiti. Lo studente anche trovandosi in ospedale comprende di far parte di un percorso più ampio, e non di un atto episodico o fortuito. La forte documentazione dei due percorsi Soave Kids e Rob&Ide consente agli studenti di ritrovarsi, di essere consapevoli della propria crescita vissuta in maniera lineare (il sapere cresce con gli studenti) e non come un eterno ripetersi di nozioni. La consapevolezza del cambiamento è una caratteristica della scienza e della tecnologia che vengono accettate e usate al meglio solo da cittadini consapevoli della propria crescita passata e futura.

Gli sponsor del progetto sono sempre stati docenti e dirigenti scolastici che hanno cercato le risorse e le hanno indirizzate verso questo progetto. Tutte le scuole partecipanti hanno reperito da sole i fondi necessari per realizzare i progetti di robotica educativa e questo ha avuto conseguenze positive sul percorso avviato con "Raccontare i Robot" perché ogni scuola ha imparato dalle altre come reperire risorse e come organizzarsi

I progetti con cui "Raccontare i Robot" si interseca sono "Robodidactics" e "Roberta" due progetti europei, Robot@Scuola progetto finanziato nel 2005 dal MIUR, vari progetti locali. L'evento "Raccontare i Robot" è stato invece sponsorizzato e patrocinato da: Biblioteca Internazionale dei Ragazzi "E. De Amicis",La Città dei bambini e dei Ragazzi, Women&Technologies, Ferrero, Kuka, Firma, My Page, il Comune di Genova e da Scuola di Robotica stessa.

La forza di questi percorsi è l'utilizzo di strumenti duraturi (come i robot) e tecnologie gratuite (blog, forum, software open source ecc.) in modo da rendere i percorsi educativi indipendenti ma continui nel tempo, non episodi una tantum. I fondi reperiti sono stati quindi utilizzati dalle singole scuole per consentire l'acquisto della strumentazione idonea a portare avanti i corsi.

La ricchezza di questo progetto sta nella crescita continua di competenze in tanti settori diversi e soprattutto nella contaminazione delle esperienze che vengono avviate da una scuola e poi reinventate da un'altra. In questo processo continuo "Raccontare i robot" è veramente una storia che non può avere fine.

 

Ostacoli: 
  • Difficoltà di tipo finanziario (pochissimi finanziamenti e quasi tutti a carico delle scuole)
  • Scetticismo da parte di alcuni dirigenti scolastici (non tutti per fortuna!) e a volte poca collaborazione da parte delle istituzioni.
  • Scarse competenze di alcuni insegnanti sull'uso delle ICT.
  • Limiti logistici: spazi e tempi della struttura ospedaliera, tempi limitati delle scuole per realizzare attività a piccoli gruppi
     
Soluzioni: 
  • Corsi per gli insegnanti: la Robotica come occasione di confronto e di attivita’ pratica per imparare a usare le ICT
  • Creazione di reti di scuole per sostenere i progetti
  • Programmazione flessibile (per inserire le attività di robotica gli insegnanti hanno dovuto modificare orari, fare cambi con colleghi e coinvolgerli in alcune fasi ecc.)
  • Programmazione di percorsi da svolgere in parte a piccoli gruppi e in parte a classe intera
  • Supporto di esperti esterni in particolari momenti dell'attività
     
Future plans and wish list: 

Abbiamo in programma di estendere il progetto ad altre scuole, cosi' da avere nuove idee e nuovi stimoli da mettere in comune con quanto gia' condiviso ora. Ovvio che per far evolvere il progetto sara' importante l'utilizzo dei kit Lego Mindstorms, WeDo e l'aggiornamento in itinere delle nuove scuole che si sono inserite nella rete e/o che si inseriranno nel progetto. Per acquistare i kit da fornire alle scuole, che con sempre maggior difficoltà riescono a reperire un budget anche minimo, servono finanziamenti adeguati. La struttura di rete consente scambi e utilizzi a rotazione dei kit e dei materiali, ma nello stesso tempo l'ampliamento continuo della rete stessa richiede sempre nuovi investimenti.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

rete e servizi informatici scuola media F. Petrarca

Il progetto consiste nella realizzazione della rete informatica e dei relativi servizi per i due plessi della scuola media statale F. Petrarca di Roma.

1. Sommario progetto
Sommario: 

Il progetto consiste nella realizzazione della rete informatica e dei relativi servizi per i due plessi della scuola media statale F. Petrarca di Roma.

Il progetto nasce da una richiesta della scuola che aveva a disposizione alcuni fondi derivanti da un finanziamento di una fondazione privata, per la riqualificazione del parco macchine e la realizzazione di servizi informatici di ausilio alla didattica.

Il bando pubblicato dalla scuola è stato vinto dalla Cooperativa Binario Etico che ha provveduto alla realizzazione dell'infrastruttura e a fornire la formazione e l'assistenza necessaria alla gestione della rete a regime.

Attualmente la cooperativa gestisce l'infrastruttura informatica in collaborazione con alcuni docenti della scuola.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Roma
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Binario Etico Soc. Coop. a r.l.
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Società
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Fabrizio Nasti
E-Mail: 
fabrizio.nasti@binarioetico.org
6. Website
Il sito web del progetto: 
www.binarioetico.org/petrarca
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 18 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
19/12/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

1. Fornire ai docenti e agli studenti strumenti informatici all'avanguardia di supporto ai percorsi formativi all'interno dell'istituto scolastico.

2. Permettere l'erogazione di di corsi di informatica per gli studenti e per i giovani del quartiere, volti a dare competenze avanzate su tecnologie e applicativi software spendibili nel mondo del lavoro.

3. Abbattere i costi di acquisto di hardware

4. Ridurre gli sprechi e la produzione di rifiuti informatici.

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

Gli obiettivi 1 e 2 sono stati raggiunti attraverso la realizzazione di un'infrastruttura di rete e la implementazione di sevizi avanzati.

Gli obiettivi 3 e 4 sono stati raggiunti attraverso l'utilizzo di tecnologie basate sul software libero come LTSP che hanno consentito la riqualificzione e il riutilizzo del parco macchine (obsoleto) in possesso della scuola. Abbattendo in tal modo i costi legati all'acquisto di licenze e dell'hardware nuovo e gli sprechi legati alla dismissione di PC obsoleti per i software proprietari ma ancora perfettamente funzionanti e adatti alle esigenze formative della scuola.

Quali opportunità/problemi affronta: 

1. La disponibilità di un consistente numero di computer obsoleti in possesso della scuola è stata trasformata da problema (carenza di hardware utilizzabile, costi di smaltimento) ad opportunità, grazie al loro utiizzo per funzionalità di server e come client nell'ambito del sistema thin client LTSP

2. La strutturale carenza di fondi a disposizione delle scuole è stata trasformata da problema ad opportunità, grazie all'implementazione di un'infrastruttura informatica quasi esclusivamente basata su software libero, e dunque esente da costi di licenza per il software e sul riutilizzo di hardware obsoleto

Please explain what is unique or special in your project: 

1. Impiego pressochè esclusivo di software libero

2. Sviluppo di servizi di rete (autenticazione centralizzata, sistema LTSP, condivisione delle risorse, filtri sulla navigazione Internet) non comuni all'interno delle scuole

3. Sviluppo di un'infrastruttura di rete (server, switch, cablaggio) basata su tecnologie di ultima generazione, non comuni all'interno delle scuole

4. Messa a disposizione degli studenti di strumenti e applicazioni informatiche innovative e all'avanguardia, spendibili nel loro percorso curriculare e nel mondo del lavoro

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

1. 120 computer obsoleti riqualificati con software libero

2. Allestimento di 2 laboratori informatici multimediali dotati di tutte le attrezzature e gli strumenti per la promozione della creatività degli studenti

3. Attivazione di corsi per studenti, giovani e anziani ("nonni su Internet")

In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

L'infrastruttura risponde completamente alle molteplici necessità di una struttura scolastica. Sia per quanto riguarda gli studenti sia per quanto riguarda le esigenze dei docenti e del personale tecnico amministrativo.

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

Circa 500 utenti (tra studenti e docenti) mensilmente fruiscono della infrastruttura per attività di formazione.

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

Il progetto fornisce strumenti informatici di base ed avanzati che supportano e integano la didattica e al contempo consentono l'erogazione di corsi su tecnologie e applicazioni specifiche (programmi di grafica, montaggio video, ecc. ecc.) che incrementano il livello di competenze degli studenti anche in prospettiva di sbocchi lavorativi futuri.

Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

Il progetto fornisce strumenti informatici di base ed avanzati che supportano e integano la didattica e al contempo consentono l'erogazione di corsi su tecnologie e applicazioni specifiche (programmi di grafica, montaggio video, ecc. ecc.) che incrementano il livello di competenze degli studenti anche in prospettiva di sbocchi lavorativi futuri.

Descrivete i criteri che usate per misurate i risultati raggiunti dal vostro progetto: 

Numero di utenti e loro grado di soddisfazione in base al monitoraggio costante del livello di attività della struttura e in base ai continui feedback ricevuti dai docenti e dal personale tecnico-amministrativo della scuola.

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 10.001 a 30.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Finanziamenti pubblici o privati
Is your project economically self sufficient now: 
Si
Insert date: 
07/23/2009
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto: 

Impiego ottimale delle risorse hardware in possesso della scuola

La possibilità di impiegare software libero sia per la gestione dei servizi avanzati di rete che per le normali attività lato utente consente di abbattere i costi di licenza fornendo un prodotto tecnologicamente altrettanto valido rispetto ai comuni software proprietari e che si adatta molto meglio alle risorse hardware datate generalmente in possesso delle scuole.

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Future plans and wish list: 

Realizzazione della stessa infrastruttura in altre scuole.

Erogazione di un numero maggiore di corsi aperti ai cittadini al fine di diffondere le conoscenze informatiche, la cultura del software libero e della condivisione delle conoscenze.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

PROGETTO etwinning ARBRE SACRE' :tra bambini francesi ed africani ed adolescenti italiani.

Creare,crescere,condividere un'esperienza aristica e pedagogica utilizzando le nuove tecnologie a partire da un patrimonio ricchissimo : le fiabe popolari. http://italiefrance.blogspot.com/

1. Sommario progetto
Sommario: 

La fiaba da cui prende il nome il nostro progetto è una fiaba africana,del Burkina Faso, un Paese francofono.Questa fiaba è stata il punto di partenza per un confronto suitemi del rispetto della natura,della necessità di pensare autonomamente,della tolleranza e della pace utilizzando un blog ed i disegni dei bambini francesei ed africani.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Livorno
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Liceo Scientifico Francesco Cecioni
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Marina Marino
E-Mail: 
marinomarina2@gmail.com
6. Website
Il sito web del progetto: 
http://italiefrance.blogspot.com/
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 18 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
13/03/2006
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

L'idea di mettere in relazione bambini ed adolescenti facendoli "fare" è venuta a me ,insegnante di francese L2 in un Liceo,ed al collega Bruno Aguilée ,insegnante elementare in una scuola Parigina. Abbiamo voluto dimostrare che è possibile lavorare in verticale con soddisfazione ed arricchimento reciproco confrontandoci attraverso una didattica orientata all'azione anche con bambini africani uniti a noi dallla lingua francese (veicolare) e l'obiettivo pedagogico.

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

Utilizzando un blog e le ITC,la lingua francese strumento di comunicazione veicolare,ci ha permesso di scoprire le differenze culturali,talvolta enormi,rispetto ai piccoli africani, ma anche di riscoprire valori,sentimenti ed emozioni che ,declinati in forme così diverse,tuttavia sono uguali e ci appartengono in quanto Esseri Umani.

Quali opportunità/problemi affronta: 

scambiare e arricchire le conoscenze reciproche sugli aspetti socio-culturali dei rispettivi Paesi e Continenti; dipingere un'immagine delle societàdi appartenenza quanto più vicina possibile alla realtà e,soprattutto,al vissuto dei nostri alunni metttere a fuoco e riflettere sui problemi quali l'ambiente, la realizzazione dei sogni futuri ...sollecitare un dialogo quanto più spontaneo e sincero possibile tra i giovani su temi che fanno parte delle vite quotidiane. utilizzare le ITC come non come fine ma come mezzo

Please explain what is unique or special in your project: 

L'apprendimento peer to peer tra bambini ed adolescenti francofoni; la lingua francese come strumento di comunicazione e di confronto di idee e linguaggi; il confronto tra culture; la scoperta della differenza tra oggetto/ parole ed idea con il variare delle culture; il dialogo interculturale ed il rispetto per il contesto socioculturale dell'Altro

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

nostri alunni sono motivati ad apprendere le lingue,nel nostro caso il francese, in un contesto più largamente "educativo" utilizzando le nuove tecnologie ed il disegno . Gli adolescenti italiani accettano le "correzioni" dei bambini francesi poichè sono motivati dall'obiettivo comune: la comunicazione,attraverso il francese con i piccoli del Burkina Faso.

In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

sottolinere la necessità dello studio della lingua straniera promuovendo l'avvicinamento tra i popoli ,il rispetto dell'ambiente e la cittadinanza attiva utilizzando le ITC a scuola in contesto di CLIL

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

...I ragazzi entrano nell'ambiente virtuale quando vogliono e senza il "filtro" degli insegnanti anche dalle loro case. I bambini del Burkina Faso hanno ricevuto una telecamera dalla scuola francese ( che hanno voluto restituire alla fine del percorso) per rendere viva la loro presenza poichè la loro scuola è spesso all'aperto. I disegni ci sono stati inviati per Posta. I bambini hanno dipinto le vetrate della scuola () in un'attività laboratoriale) con i disegni che illustrano la fiaba . Gli adolescenti italiani hanno riscritto la fiaba in francese adattandola al nostro contesto storico-sociale e l'hanno proposta ai bambini francesi che l'hanno corretta linguisticamente in un ricco scambio reciproco.

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

Per i giovani è l'occasione di tessere legami "europei" non soltanto sul piano scolastico ma soprasttutto affettivo. Divenire coscienti della comune appartenenza di ogni Essere Umano alla Umanità attraverso l'Humanitude.

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

Collaborazione con i giovani studenti del Burkina Faso. Creazione di un sito in cui studenti con insegnanti,hanno lavorato insieme promuovendo l'autostima e collaborazione. Autonomia per una pubblicazione dei prodotti .

Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

Le nuove tecnologie sono state il mezzo per accorciare le distanze tra continenti ma anche tra le diverse età dei giovani divenendo unmezzo per "fare".

Descrivete i criteri che usate per misurate i risultati raggiunti dal vostro progetto: 

Obiettivi formativi; conoscenze maturate; abilità informatiche; partecipazione; motivazione ed interesse per le attività.

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 3 a 6 anni
Is your project economically self sufficient now: 
Si
Insert date: 
07/19/2009
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
No
Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto: 

un insegnamento che nel suo insieme (e non solo parlando di lingua straniera) viva, non solo dica, tolleranza, rispetto reciproco, accoglienza, pace. contribuire alla formazione dell'uomo quale essere completo..

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

Il progetto è coordinato dagli insegnanti Marina Marino, insegnante di lingua francese al Liceo Francesco Cecioni di Livorno ,dal professor Bruno Aguilée ,insegnante elementare alla scuola primaria Paul Fort, Parigi, Francia

Ostacoli: 

Gli ostacoli di ordine pratico ( distanza ,differenza di mezzi tecnologici..) sono stati superati dall'entusiasmo,la creatività e l'iniziativa di tutti.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Fare cinema: video in campo: (Villa Emma) "Ragazzi al buio"

I ragazzi hanno studiato alcuni temi e su questi hanno realizzato dei video (razzismo, segregazione raziale)

1. Sommario progetto
Sommario: 

Visione di film, analisi di temi, scittura di una sceneggiatura, realizzazione di un cortometraggio

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Roma
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
S.M.S. P. Stefanelli
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Mario Pomeridiano
E-Mail: 
mario.pomeridano@yahoo.it
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 15 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/09/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Diversi

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Diversi

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Altro
Altro: 
contributo volontario
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

In diverse classi della scuola

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

Il tema del progetto è stato "L'allontanamento" ed ha prodotto 4 cortometraggi

Future plans and wish list: 

Occorrerebbero maggiori finanziamenti

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Fare cinema: video in campo: "Mondi distanti"

I ragazzi hanno studiato alcuni temi e su questi hanno realizzato dei video

1. Sommario progetto
Sommario: 

Visione di film, analisi di temi, scrittura di una sceneggiatura, realizzazione di un cortometraggio

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Roma
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
S.M.S. P. Stefanelli
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Mario Pomeridiano
E-Mail: 
mario.pomeridano@yahoo.it
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 15 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/09/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Diversi

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Diversi

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Altro
Altro: 
contributo volontario
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

in diverse classi della scuola

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

Il tema del progetto è stato "L'allontanamento"

Future plans and wish list: 

Occorrerebbero maggiori finanziamenti

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Farecinema: video in campo: "Scatti di una vita"

I ragazzi hanno studiato alcuni temi e su questi hanno realizzato un video.

1. Sommario progetto
Sommario: 

Visione di film, analisi di temi, scrittura di una sceneggiatura, realizzazione di un cortometraggio.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Roma
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
SMS "Paolo stefanelli"
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Mario Pomeridiano
E-Mail: 
mario.pomeridiano@yahoo.it
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 15 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/09/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Diversi

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Diversi

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Altro
Altro: 
Contributo volontario
Is your project economically self sufficient now: 
Si
Insert date: 
09/01/2008
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

In diverse classi della scuola

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

Il tema del progetto è stato "l'allontanamento" ed ha prodotto 4/quattro cortometraggi

Ostacoli: 

Nessuno

Future plans and wish list: 

Occorrebbero maggiori finanziamenti.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Fare cinema: video in campo:"L'amore ai tempi delle medie"

I ragazzi hanno studiato alcuni temi e su questi hanno realizzato un video

1. Sommario progetto
Sommario: 

Visione di film, analisi di temi, scrittura di una sceneggiatura, realizzazione di un cortometraggio

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Roma
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
S.M.S. P. Stefanelli
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Mario Pomeridiano
E-Mail: 
mario.pomeridano@yahoo.it
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 15 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/09/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Diversi

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Diversi

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Altro
Altro: 
contributo volontario
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

In diverse classi della scuola

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

Il tema del progetto è stao "L'allontanamento" ed ha prodotto 4 cortometraggi

Future plans and wish list: 

Occorrerebbero maggiori finanziamenti

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Intercultural communication in a peer group

Creazione di un sito che ha come tema centrale il dialogo interculturale, visto attraverso esperienze di Peer Education, tra giovani italiani e polacchi

1. Sommario progetto
Sommario: 

Intercultural communication in a peer group è il prodotto dello sforzo creativo degli studenti dell'I.T.I. A.Monaco di Cosenza in collaborazione con il liceo T.Kosciuszki di Myslowice in Polonia, nostri partners europei per le TIC. In seguito all'esperienza del precedente progetto eTwinning "Young people serach for personal identity", che ha suscitato molto interesse in ambito europeo, è maturato il passo successivo: esplorare il mondo spesso oscuro delle emozioni spesso incontrollate dai giovani.Saper riconoscere e incanalare tanta energia ha richiesto un lungo periodo di formazione con il supporto di esperti del servizio socio sanitario del territorio.Far lavorare i giovani in un gruppo di pari è più efficace perchè si ascoltano l'un l'altro, si fidano, si confidano.Educare attraverso l'aiuto e l'ascolto reciproco è un modo efficace per attivare la comunicazione tra adolescenti troppo spesso silenzionsi.La PEER EDUCATION è insegnamento tra pari.Dopo un periodo di training, sia i nostri studenti che quelli polacchi, nostri partners nel progetto, hanno realizzato un primo video ostrando tecniche per avviare una comunicazione efficace.Il passo successivo ha visto i ragazzi entrare in azione perchè avessero un ruolo attivo nella società attuale in così rapido mutamento.La società europea del nostro secolo si sta preparando a diventare multicuturale e multietnica, è quindi necessario preparare le future generazioni a entrare in relazione, a comunicare, a comprendere gli aspetti interculturali della vita moderna.In occasione dell'anno europeo del dialogo interculturale, gli studenti polacchi e italiani hanno deciso di focalizzare l'azione dei peer educator sull'educazione dei giovani per diventare "cittadini planetari" superando l'etnocentrismo.Sono stati realizzati 38 video che testimoniano l'impegno, l'interesse , la motivazione, dei giovani ad essere protagonisti e non più spettatori dell'ambiente in cui vivono. Manifestazioni, eventi, interviste, spettacoli, canzoni con videoclip originali, documentari, simulazioni sono il frutto di un lungo lavoro sul territorio durato circa 2 anni. Tutto il materiale è stato raccolto in un sito i cui punti focali sono: -INTRODUZIONE, MAIN VIDEO, VIDEOCLIP 7 COLORS -COMUNICAZIONE INTERCULTURALE -PEER EDUCATION -PEER EDUCATION E DIALOGO CULTURALE -IMMIGRAZIONE ED EMIGRAZIONE -PEERS EDUCATORS E VOLONTARIATO Il sito è in lingua inglese con sottotitoli nei documenti realizzati in lingua madre.Si è deciso di utilizzare un jukebox quale contenitore dei video scaricati sui portali Youtube e Vimeo per la loro consistenza. Il porgetto è una applicazione "Full Flash" totalmente sviluppato sul web con l'uso di Flash.I video sono stati realizzati con una videocamera non professionale, i montaggi e le creazioni sono stati realizzati con software Pinnacle, Wave Lab, Photoshop, Windows Movie Maker, Any Video Converter, Macromedia Flash MX, Unlead Video Studio e MS Voice Recorder. La base musicale del videoclip "7 COLORI" è stata registrata con una strumentazione non professionale.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Cosenza
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
I.T.I.S Antonio Monaco
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Paola Lico
E-Mail: 
paolalico@libero.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
www.itimonaco.eu/etwinning2008
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 18 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/11/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

-Accrescere il senso di appartenenza ad una società sempre più globalizzata non perdendo mai di vista le proprie particolarità e le proprie radici -Sviluppare la socializzazione e l'inter-realzione attraverso lo sviluppo di un maggiore spirito di adattamento e di attenzione verso le esigenze degli altri -Sviluppare il lavoro croopertivo, la condivisione di percorsi, il rispetto dei ritmi di performance individuali -Sviluppare la creatività, l'autonomia, il senso di responsabilità, lo spirito critico, l'autonomia -Conoscere paesi e culture diverse p'er facilitare il rispetto della prorpia e dell'altrui diversità -Educare alla convivenza ed alla diversità -Utilizzare strumenti diversificati ripetto a quelli quotidianamente usati nell'ambiente scolastico per stimolare la cittadinanza attiva, la convivenza ed il rispetto reciproco -Usare consapevolmente strumeti di comunicazione diversificati, dalla videocamera alla videoconferenza, dall'intervista alla simulazione scenica, dalla musica al videoclip -Usare programmi software impegnativi (Pinnacle, Wave Lab, Photoshop, Windows Movie Maker, Any Video Converter, Macromedia Flash MX, Unlead Video Studio e MS Voice Recorder) -Usare nel modo più creativo le TIC e la lingua inglese per rafforzare le abilità linguistiche, la consapevolezza interculturale e abbattere gli ostacoli alla comunicazione

Please explain what is unique or special in your project: 

Quando si avvia un processo di cresita personale o socio-culturale si presuppone che continui anche in età adulta.Diventando più responsabili, affidabili e solidali si sperimenta che tali virtù ed azioni positive, sia in qualità di peer educators che eventualmente da adulti impegnati al servizio della società, aiutano l'individuo a riconoscere il significato profondo e ricercare l'umanità allontanando lo spettro dell'indifferenza emotiva che affligge la gioventù odierna.Con le attività di Peer education nuovi studenti saranno incoraggiati a seguirne il percorso valoriale.I valori universali del progetto, i problemi comuni che esso affronta, l'importanza di costruire una comunicazione efficace e di promuovere la coesistenza delle culture tramite dei materiali tangibili on line ( video report, video relativi ad attività educative da proporre in classe, videoclip creativi relativi a canzoni scritte ed interpretate dagli stessi allievi) non possono non rivelarsi utili ad altri educatori che potranno inserire nei loro moduli i contenuti delle varie sezioni del nostro percoso formativo, illustrato dal relativo sito web.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Il progetto ha offerto agli studenti l'opportunità di essere formati come Peer Educators in un ambito che si discosta dalla classica formazione perché siamo consapevoli che spesso l’insegnamento tradizionale, il passaggio della conoscenza dall’alto in basso non è sempre funzionale. Allora è il caso di sperimentare mezzi, linguaggi e modi di stare insieme diversificati, pensiamo che in questo modo non passi solo una conoscenza frammentata ma una educazione ed una formazione adeguata ai tempi e alle richieste dei giovani (che altri programmi di solito propongono)..In una società sempre più mutlietnica e differenziata, i nostri studenti hanno intrapreso un percorso di dialogo interculturale al fine di poter diventare i cittadini attivi e solidali del domani. Il lungo percorso ha visto impegnati studenti dell'istituto appartenenti a varie fasce d'età.Dalla formazione di gruppo ristretto di ragazzi appartenenti ad una classe si è passati alla formazione in itinere attraverso l'educazione tra pari. Si è verificato nel corso degli anni il passaggio del testimone da un gruppo ad un altro e tale processo, una volta innescato, lo si vede crescere e modificarsi a seconda delle esigenze e delle capacità dei giovani che si mettono in gioco.I ragazzi coinvolti sono passati dall'anonimato al gruppo valoriale, diventando così punto di riferimento non solo per i giovani della loro scuola ma anche per tutti coloro che hanno l'opportunità di visitare il loro sito web.

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Altro
Altro: 
Scuola e autofinanziamenti dei soggetti coinvolti
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

Alcuni video sono stati presentati in vari contesti ed eventi socio-culturali, riscuotendo sempre il plauso delle giurie

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

In occasione dell'anno europeo dedicato al dialogo interculturale i docenti e gli studenti dell'I.T.I. Monaco, coinvolti nel progetto eTwinning, hanno prodotto un sito in lingua inglese in collaborazione con i parteners polacchi del liceo ZSO I LO in Myslowice.Insieme, puntando sul valore del gruppo, si è costruito un percorso del quale il sito rappresenta la cornice mentre il corpo è costituito dal processo educativo e conoscitivo stimolato dalle attività realizzate tra le quali una serie di video realizzati sul nostro territorio che testimoniano il coinvolgimento dei ragazzi in eventi e realtà sociali diversificate.A partire dal 2007, inseme ad esperti dell'ASL, sono state studiate ed applicate strategie di Peer Education per far passare i ragazzi dal branco al gruppo valoriale. Questi gruppi già attivi nella realtà anglosassone mirano alla formazione di alcuni membri di un gruppo che a loro volta diventeranno i formatori di altri giovani.E' la formazione tra pari.Sono state realizzate interviste ai protagonisti di manifestazioni svolte in città.I ragazzi così coinvolti, hanno visto crescere la loro sensibilità verso problemi sociali troppo spesso ignorati o sottovalutati dalle nuove generazioni.Sono diventati operatori dell'informazione in grado i comunicare con i loro coetanei perchè hanno usato un linguiaggio accessibile, hanno toccato argomenti di vita quotidiana usando la sensibilità propria dei giovani. Hanno rivolto domande semplici perchè semplice è la loro competenza specifica ma sono stati presenti là dove si parla di valori, oggi poco condivisi dagli adulti ma fondamentali per esseri in formazione, come legalità, solidarietà, giustizia.Con un computer e con la conoscenza di programmi specifici sono stati in grado di registrare un telegiornale e renderlo pubblico grazie alla rete.Sono stati i testimoni attivi di ciò che si svolge sul loro territorio in grado di condividere la loro esperienza e conoscenza con altri giovani.Vivere in un mondo dove valori e sentimenti autentici sono messi al bando è una triste realtà per molti giovani. Lavorare in modo completamente gratuito per il piacere di condividere esperienze, di conoscere situazioni differenti anche molto lontane dalla realtà quotidiana troppe volte fatta di piccolezze, meschinità, piccole cattiverie, è raro ma non impossibile. Un piccolo gruppo di studenti del nostro istituto ha cercato di rendere visibile la solidarietà, l'altruismo, la gioia di stare insieme e condividerla con altri coetanei.Quando sul nostro territorio si è svolto un evento significativo, quando animati dalla volontà di comprendere meglio il mondo che ci circonda, si è presa la telecamera ed il microfono per documentare, ecco che i peer educators sono diventati i testimoni del nostro tempo e del nostro territorio.Un filo sottile lega il percorso effettuato: è quello della solidarietà.Solidarietà verso i popoli più lontani che con la loro sofferenza, il loro lavoro, con lo sfruttamento al quale vengono sottoposti rendono possibile l'abbondanza dei nostri mercati. Solidarietà verso chi è l'ultimo, povero di beni e di sentimento. Solidarietà con chi lotta contro l'illegalità tanto dilagante nel nostro paese.

Ostacoli: 

Impiegare tante ore extracurriculari per prendere parte agli eventi di cittadinanza attiva e volontariato sul territorio, crearne report video; tradurre tutto in inglese; formarsi per creare un sito particolarmente creativo. Insomma si può dire che oltre alle ore curriculari gli studenti hanno impiegato anche gran parte del loro tempo libero grazie ad un radicato processo di empatia e coinvolgimento emotivo tra docenti e studenti e referenti di enti e associazioni di volontariato

Soluzioni: 

Passione, spiccato senso del dovere, spirito di sacrificio, persone amiche che gratuitamente ci hanno aiutato nel nostro percorso

Future plans and wish list: 

Continuare ad essere punto di riferimento per le associazioni culturali e di volontariato del nostro territorio.Possiamo dire con orgoglio che un gruppo di ragazzi è ormai pronto a vivere le esperienze più disparate come peer educators, per la voglia di condividere e crescere insieme, piuttosto che per ottenere punti di credito per la loro carriera scolastica!

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali
Condividi contenuti