apprendimento

A SPASSO SU MARTE… (Prot. n. 3374/C24 del 27.7.2009)

Problem solving: costruzione e programmazione di robot in team in base a richieste interdisciplinari.

1. Sommario progetto
Sommario: 

Introduzione del concetto di robotica Approccio interdisciplinare (discipline coinvolte: matematica, fisica, biologia, logica, informatica). Gli studenti sono accompagnati a : - acquisire conoscenze tecniche specifiche - non soltanto programmare, ma anche sviluppare sistemi in gruppo - acquisire ed esercitare competenze di tipo non tecnico, ad esempio autonomia, capacità di gestione dei conflitti, fiducia in se stessi, capacità di espressione, affidabilità, senso di responsabilità e del dovere. I partecipanti scoprono di essere in grado di creare, cioè costruire e programmare sistemi tecnici. Inoltre provano con mano che le attività tecniche sono piacevoli e riescono a legare le loro attività a discipline e argomenti astratti presenti nel curricolo scolastico. Imparano a risolvere problemi lavorando in gruppo, nonchè a presentare e discutere idee e risultati mediante le normali attività del corso e l’utilizzo di strumenti legati al Web 2.0 per comunicare i propri risultati (uso del blog, di skype, di fotografie e filmati) Percorso progettuale : - Introduzione ai sistemi tecnici, all’automazione e alla robotica - Costruzione dei robot - Programmazione dei robot - Studio dei sensori - Costruzione e programmazione dei robot in base alle richieste interdiscplinari (introduzione di concetti legati alla matematica, geometria, fisica, informatica, biologia ecc. )

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
MILANO
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
S.M.S. G.B. TIEPOLO
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
MARIA MONACO
E-Mail: 
MIMM082001@istruzione.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
http:// _www.mediatiepolo.it
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 15 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/10/2007
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Il progetto è stato avviato su proposta di genitori che operano all’interno dell’IBM Italia ed ha incontrato interesse e disponibilità dei docenti, che ne hanno immediatamente riconosciuto le potenzialità innovative. Nel secondo anno il progetto ha beneficiato anche dell’apporto di idee della Associazione Scuola di Robotica.

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

Formazione docenti Tutoring di docenti e esperti Educazione al lavoro cooperativo Studio e valorizzazione dei collegamenti tra discipline e ambiti disciplinari

Quali opportunità/problemi affronta: 

Fa toccare con mano ai giovani che cosa sia la robotica, disciplina relativamente nuova che rappresenta un punto interessante di sintesi tra l’ambito umanistico (psicologia, linguistica, biologia) e quello scientifico. In tal senso aiuta a superare i confini tra le discipline.

Please explain what is unique or special in your project: 

Fa toccare con mano ai giovani che cosa sia la robotica, disciplina relativamente nuova che rappresenta un punto interessante di sintesi tra l’ambito umanistico (psicologia, linguistica, biologia) e quello scientifico. In tal senso aiuta a superare i confini tra le discipline.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Il progetto riesce a far rivevere ai ragazzi l’esperienza dei ricercatori che hanno coordinato le missioni spaziali su Marte.

In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

Va incontro alla naturale propensione verso le nuove tecnologie dei nativi digitali, stimolando il pensiero logico-critico e la verifica concretata dei principi teorici studiati

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

Un gruppo di formatori (professionisti IBM (anche genitori degli studenti dell’istituto), esperti della Associazione Scuola di Robotica di Genova I docenti del Dipartimento di materie scientifiche I docenti delle classi coinvolte Una o più classi terze

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

Abitua al lavoro in team e alla condivisione di informazioni Allena a prendere decisioni Stimola a superare i conflitti all’interno del gruppo in funzione del raggiungimento di un comune obiettivo Avvicina i giovani alle materie scientifiche e li orienta a considerarle per il proprio progetto futuro di studi

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Meno di 1 anno
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Finanziamenti pubblici o privati
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Future plans and wish list: 

Estendere la formazione tecnico-sperimentale ai docenti interessati e neoarrivati in modo da coinvolgere un maggior numero di classi Realizzare esperienze in rete tra classi parallele di diverse scuole; condividere con altri studenti le tappe di un lavoro scientifico: ‘Staffetta per una passeggiata su Marte’

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

“Lucania tra presente, passato e … futuro”

CONOSCERE E APPREZZARE LA RICCHEZZA DEL PATRIMONIO STORICO, AMBIENTALE E CULTURALE NEL QUALE VIVIAMO E LA NECESSITÀ DI RISPETTARLO.

1. Sommario progetto
Sommario: 

IL PROGETTO PLURIENNALE, NASCE DALL’ESIGENZA DI FAR CONOSCERE PIÙ ACCURATAMENTE IL TERRITORIO DI APPARTENENZA, DI IMPARARE A RAPPORTARLO ALLE ISTANZE DI GLOBALIZZAZIONE, CON LA FINALITÀ ULTIMA DI CONTRIBUIRE ALL’ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE BASE DI CITTADINANZA ATTIVA. LA CONOSCENZA DEL PROPRIO VICINO CULTURALE E AMBIENTALE È MEDIATA DAI CONTENUTI DI TUTTE LE DISCIPLINE COINVOLTE NEL CURRICOLO, È SUPPORTA DA LINGUAGGI DI MAGGIORE ATTRAZIONE PER LE NUOVE GENERAZIONI ED È REALIZZATA ATTRAVERSO UNA SERIE DI PERCORSI GUIDATI NEL PROPRIO PAESE, NELLA PROPRIA REGIONE E CON LA COLLABORAZIONE DI BAMBINI DI ALTRE SCUOLE DEL TERRITORIO LUCANO E DI ESPERTI. GLI ALUNNI CONFRONTANO LA LORO REGIONE CON I COMPAGNI DI SCUOLE DI ALTRE REGIONI ITALIANE, ED UTILIZZANDO IL PROBLEMA COME MOTORE DELLA SCOPERTA E DELLA CONOSCENZA, RILEVANO ASPETTI POSITIVI E PROBLEMATICHE. L’USO DELLE TECNOLOGIE È CONSIDERATO LO STRUMENTO ATTUATIVO DELLA DIDATTICA LABORATORIALE E COLLABORATIVA IN AMBIENTE COSTRUTTIVISTICO. ATTRAVERSO TUTTE LE DISCIPLINE (DALL’ITALIANO ALLA RELIGIONE) E PER GRADI (DAL : COSA E COME GUARDARE,. DOVE VIVO, VIAGGIO NELLA STORIA, GUARDIAMOCI INTORNO, PUBBLICITÀ INFORMATICA, DÉPLIANT - GUIDA TURISTICA) I BAMBINI SONO STATI GUIDATI ALLA CONOSCENZA DEL PROPRIO AMBIENTE DI APPARTENENZA SOTTO IL PROFILO STORICO, GEOGRAFICO E SOCIALE. PER OGNUNO DEGLI ASPETTI INDIVIDUATI SONO STATI USATI I POSSIBILI STRUMENTI DI INDAGINE: CARTINE, LIBRI, SITO INTERNET DEL COMUNE/REGIONE, FOTO, MATERIALE TURISTICO, PERSONE-RISORSA...OGNI VISITA DIDATTICA È STATA PRECEDUTA DAL LAVORO DI RICERCA SU MATERIALE CARTACEO FATTO IN CLASSE PER PICCOLI GRUPPI E RICERCA SU INTERNET. DURANTE LE VISITE GUIDATE I BAMBINI HANNO RACCOLTO INFORMAZIONI, HANNO FOTOGRAFATO I LUOGHI VISITATI ED IN CLASSE HANNO MESSO INSIEME LE INFORMAZIONI E LE FOTO ED HANNO PREPARATO LA PUBBLICAZIONE PER IL BLOG. CON L’UTILIZZO DI POWERPOINT E ALTRI SOFTWARE GLI ALUNNI HANNO CREATO UNA PRESENTAZIONE DEL PROPRIO TERRITORIO, UTILIZZANDO LE FOTO FATTE DURANTE LE USCITE. IN QUASI TUTTI I SITI VISITATI I BAMBINI SONO STATI ACCOMPAGNATI DA ESPERTI. IL PROGETTO CONTINUA ANCHE PER IL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO. SARANNO VISITATI ALTRI LUOGHI DI IMPORTANZA STORICA DEL PROPRIO PAESE, SI FARANNO ALTRI VIAGGI D’ISTRUZIONE NELLA REGIONE, SI COLLABORERÀ CON BAMBINI DI ALTRE SCUOLE DELLA REGIONE BASILICATA E DI ALTRE REGIONI D’ITALIA. L’INNOVAZIONE DIDATTICA METODOLOGIA SI È CONCRETIZZATA NEL BLOG IN CUI GLI ALUNNI CONTINUERANNO A RACCONTARE LE ATTIVITÀ IN ITINERE, SCAMBIARE DOCUMENTI PER RACCOGLIERE IN UN UNICO CONTENITORE/ESPOSITORE TUTTO IL LAVORO REALIZZATO. IL MATERIALE PRODOTTO E LE TESTIMONIANZE REPERITE SARANNO UTILIZZATE PER LA COSTRUZIONE DI UN GIOCO A TEMA PER I BAMBINI PIÙ PICCOLI, MENTRE I PIÙ GRANDI IDEERANNO UNA GUIDA TURISTICA.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Lauria (PZ) Basilicata
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
Direzione Didattica 1° Circolo Lauria – Potenza
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
CARMINA IELPO
E-Mail: 
carmina.ielpo@istruzione.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
http://progettoregioni.wordpress.com/
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 10 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/09/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

GLI OBIETTIVI DEL PROGETTO SONO: OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO • -ESTENDERE LE PROPRIE CARTE MENTALI AL TERRITORIO ITALIANO E A SPAZI PIÙ LONTANI, ATTRAVERSO GLI STRUMENTI DELL’OSSERVAZIONE INDIRETTA (FILMATI E FOTOGRAFIE, DOCUMENTI CARTOGRAFICI E IMMAGINI DA SATELLITE, ECC.). • INDIVIDUARE PROBLEMI RELATIVI ALLA TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO NATURALE E CULTURALE, ANALIZZANDO LE SOLUZIONI ADOTTATE E PROPONENDO SOLUZIONI IDONEE NEL CONTESTO VICINO. • RAPPRESENTARE IN UN QUADRO STORICO-SOCIALE IL SISTEMA DI RELAZIONI TRA I SEGNI E LE TESTIMONIANZE DEL PASSATO PRESENTI SUL TERRITORIO VISSUTO. • RICERCARE INFORMAZIONI IN TESTI DI DIVERSA NATURA E PROVENIENZA PER SCOPI PRATICI E/O CONOSCITIVI APPLICANDO SEMPLICI TECNICHE DI SUPPORTO ALLA COMPRENSIONE (SOTTOLINEARE, ANNOTARE INFORMAZIONI, COSTRUIRE MAPPE E SCHEMI ECC.). • PRODURRE TESTI CORRETTI DAL PUNTO DI VISTA ORTOGRAFICO, MORFOSINTATTICO, LESSICALE, IN CUI SIANO RISPETTATE LE FUNZIONI SINTATTICHE E SEMANTICHE DEI PRINCIPALI SEGNI INTERPUNTIVI. • UTILIZZARE LE TIC NEL PROPRIO LAVORO. • GUARDARE E OSSERVARE INTENZIONALMENTE UN’IMMAGINE E GLI OGGETTI PRESENTI NELL’AMBIENTE DESCRIVENDO GLI ELEMENTI FORMALI E UTILIZZANDO LE REGOLE DELLA PERCEZIONE VISIVA E L’ORIENTAMENTO NELLO SPAZIO. • RICONOSCERE E APPREZZARE I PRINCIPALI BENI CULTURALI, AMBIENTALI E ARTIGIANALI PRESENTI NEL PROPRIO TERRITORIO OPERANDO UNA PRIMA ANALISI E CLASSIFICAZIONE. • - ASSUMERE COMPORTAMENTI RISPETTOSI DELLE COSE, DEGLI AMBIENTI E DELLE ALTRE PERSONE ANCHE NEL LINGUAGGIO • - ADOTTARE COMPORTAMENTI ADEGUATI PER LA PROPRIA E PER L’ALTRUI SICUREZZA ED INCOLUMITÀ, A SCUOLA E NELLE SITUAZIONI DI VITA QUOTIDIANA. OBIETTIVI FORMATIVI - INDIVIDUARE I PRINCIPALI INTERVENTI DI MODIFICA DEL PROPRIO TERRITORIO DA PARTE DELL’UOMO. - ANALIZZARE DAL PUNTO DI VISTA GEOGRAFICO IL PROPRIO TERRITORIO, UTILIZZANDO ALCUNI CRITERI DI LETTURA (FISICO - ECONOMICO — STORICO) E FACENDO RICORSO ALL’OSSERVAZIONE DIRETTA, ALL’INTERVISTA DI PERSONE SIGNIFICATIVE, ALLA RACCOLTA DI INFORMAZIONI SU MATERIALE CARTACEO E INFORMATICO. - SAPER RICONOSCERE E APPREZZARE LE BELLEZZE NATURALI E ARTISTICHE PRESENTI SUL PROPRIO TERRITORIO. - REDIGERE DEI TESTI INFORMATIVI (DÉPLIANT, GUIDA TURISTICA, DIZIONARIO/GLOSSARIO, IPERTESTI, BLOG) PER DOCUMENTARE IL PERCORSO (BLOG) ED ESPORRE LE INFORMAZIONI RACCOLTE. - UTILIZZARE LE FUNZIONI DI WORD ED ALTRI PROGRAMMI PER SCRIVERE UN IPERTESTO SUL PROPRIO TERRITORIO. IL PROGETTO SI SVOLGE IN TUTTE LE CLASSI DEL CIRCOLO E IN COLLABORAZIONE CON UNA SCUOLA DI RIONERO (NELLA REGIONE BASILICATA) E UNA SCUOLA DI PONTEDERA (TOSCANA), SONO PREVISTE ALTRE COLLABORAZIONI PER IL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO.

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

 ATTIVITÀ DI LABORATORIO E VISITE GUIDATE, CHE SI SONO CONCRETIZZATE CON LA PRODUZIONE DI LAVORI ORGANICI E LA SCRITTURA DI ARTICOLI SUL BLOG,  ANALISI DI DOCUMENTI DELL’ARCHIVIO DELLA CHIESA MADRE, DEL CONVENTO DEI CAPPUCCINI, DELLE CHIESETTE DEL RIONE SUPERIORE, FOTO DI FAMIGLIA DI AMICI E PARENTI CON CUI GLI ALUNNI HANNO CONOSCIUTO LA STORIA DEL LORO PAESE E SCOPERTO LA LORO IDENTITÀ STORICA E RELIGIOSA.  COLLABORAZIONE CON I PARROCI DON FRANCESCO SIRUFO, DON VINCENZO IACOVINO E PADRE TITO PER LE VISITE ALL’ARCHIVIO DELLA CHIESA MADRE, ALLE CHIESETTE DEL RIONE SUPERIORE E AL CONVENTO DEI CAPPUCCINI.  ANALISI DELLA RACCOLTA FOTOGRAFICA DEL GEOMETRA FITTIPALDI SUI RITROVAMENTI NELLA CHIESETTA DELL’ASSUNTA HA PERMESSO AI BAMBINI DI SPERIMENTARE L’IMPORTANZA DEI REPERTI PER LA DOCUMENTAZIONE STORICA DI UN SITO.  STUDIO DELLA ZONA INDUSTRIALE PER I BAMBINI DEL PLESSO “GALDO” PER CONOSCERE L’AMBIENTE FISICO, STORICO E SOCIALE INTORNO ALLA SCUOLA, AD USI E COSTUMI LEGATI AL TERRITORIO  APPROFONDIMENTO DELLA STORIA LOCALE,DI USI, COSTUMI E TRADIZIONI LEGATE AL FIDANZAMENTO E AL MATRIMONIO NEGLI ANNI TRENTA E CINQUANTA CON RICERCHE DOCUMENTALI SU IL CORREDO DELLA SPOSA, IL CONTRATTO DI MATRIMONIO, ANTICHE RICETTE  DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA DEL CENTRO ABITATO, E DELLE ORIGINI DI LAURIA, LE PORTE ED USI LEGATI AL CARNEVALE. I BAMBINI, INCURIOSITI DA ALCUNI SITI CHE NON CONOSCEVANO, HANNO COINVOLTO I GENITORI PER VISITARLI.  VISITA DELLA CITTÀ DI MATERA E DOCUMENTAZIONE DEL VIAGGIO SUL BLOG.  OSSERVAZIONE DELL’AMBIENTE INTORNO ALLA SCUOLA: LA VILLA COMUNALE, LE ATTIVITÀ PRESENTI E L’ALBERO SECOLARE IN PIAZZA OLMO.  USO DELLE TECNOLOGIE CONSIDERATE LO STRUMENTO ATTUATIVO DELLA DIDATTICA LABORATORIALE E COLLABORATIVA IN AMBIENTE COSTRUTTIVISTICO. SENZA L’USO DEL BLOG: http://progettoregioni.wordpress.com/ GLI ALUNNI NON AVREBBERO POTUTO CONOSCERSI, SCAMBIARE INFORMAZIONI SULL’AMBIENTE DI APPARTENENZA E FAR CONOSCERE AGLI ALTRI IL LORO LAVORO. NON SOLO, QUESTO STRUMENTO HA PERMESSO AI GENITORI, DI SEGUIRE IL LAVORO DEI FIGLI E DI INTERVENIRE CON I COMMENTI, E ALLA COLLETTIVITÀ DI CONOSCERE IL LAVORO DELLA SCUOLA. IL BLOG È PUBBLICATO SUL SITO DELLA SCUOLA: www.lauriaprimocircolo.it

Quali opportunità/problemi affronta: 

IL PROGETTO DA AGLI ALUNNI L’OPPORTUNITÀ DI CONOSCERE IN MANIERA APPROFONDITA IL TERRITORIO DI APPARTENENZA IN TUTTE LE SUE ANGOLAZIONI, DI RILEVARNE I PROBLEMI, DI CONFRONTARLO CON QUELLO DI COMPAGNI GEOGRAFICAMENTE LONTANI E COGLIERE UGUAGLIANZE E DIFFERENZE.

Please explain what is unique or special in your project: 

LA POSSIBILITA’ DI CONOSCERE PIÙ ACCURATAMENTE IL TERRITORIO DI APPARTENENZA E IMPARARE A RAPPORTARLO ALLE ISTANZE DI GLOBALIZZAZIONE PER PORRE LE BASI DELLE COMPETENZE DI CITTADINANZA PARTECIPATA E ATTIVA. L’INTERAZIONE TRA I RAGAZZI, LA POSSIBILITÀ DI VISITARE I SITI OGGETTO DI STUDIO E L’ANALISI DI DOCUMENTI PERMETTE UN’ACQUISIZIONE DI CONOSCENZA MAGGIORE DI QUELLA OTTENUTA SOLO IN CLASSE. LA POSSIBILITÀ DI ESSERE INFORMATORI RECIPROCI DELLA PROPRIA REALTÀ SOCIALE E CULTURALE AUMENTA E STIMOLA L’INTERESSE DEGLI ALLIEVI VERSO LA CONOSCENZA DI SOMIGLIANZE E DIFFERENZE DELLO SPAZIO COMUNE REGIONALE E NAZIONALE E LI PREPARA A COLLABORAZIONI FUTURE.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

LE ATTIVITÀ SVOLTE PER PICCOLI GRUPPI HANNO FAVORITO LA CAPACITÀ DI COLLABORARE PER UN OBIETTIVO COMUNE. L’APPLICAZIONE DI UN AMBIENTE COSTRUTTIVISTA HA PERMESSO L’APPLICAZIONE DI UN’UNICA REGOLA: IL CONFRONTO DEMOCRATICO. LE ATTIVITÀ SVILUPPATE, MOTIVATE DAL CONFRONTO CON L’ALTRO HANNO STIMOLATO UNA MAGGIORE CURA DEL LESSICO, RICERCA DI DATI, CURA DELLA DOCUMENTAZIONE, RISPETTO PER I VALORI DELL’ALTRO.

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

LA COMMISSIONE DI PROGETTO, COMPOSTA DAI REFERENTI DEI VARI PLESSI DEL CIRCOLO, PERIODICAMENTE SI INCONTRA PER ANALIZZARE IL LAVORO SVOLTO, PROGRAMMARE E COORDINARE LE NUOVE ATTIVITÀ CHE VERRANNO CONDIVISE NEI PLESSI DURANTE LA PROGRAMMAZIONE SETTIMANALE CON GLI INSEGNANTI DI CLASSE, IL DIRIGENTE SEGUE I LAVORI DELLA COMMISSIONE E NEI PLESSI.

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

IL PROGETTO AIUTA I BAMBINI A PORRE LE BASI DELLE COMPETENZE DI CITTADINANZA PARTECIPATA E ATTIVA ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DELLA LORO IDENTITÀ STORICA, E RELIGIOSA, IL RICONOSCIMENTO E APPREZZAMENTO DELLE BELLEZZE NATURALI E ARTISTICHE PRESENTI SUL TERRITORIO LOCALE, REGIONALE E NAZIONALE PER ASSUMERE COMPORTAMENTI RISPETTOSI DELLE COSE, DEGLI AMBIENTI E DELLE ALTRE PERSONE ANCHE NEL LINGUAGGIO, L’INDIVIDUAZIONE DI PROBLEMI RELATIVI ALLA TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO NATURALE E CULTURALE, ANALIZZANDO LE SOLUZIONI ADOTTATE E PROPONENDO SOLUZIONI IDONEE AL CONTESTO VICINO; IMPARANDO, CON L’USO DI STRUMENTI MULTIMEDIALI, A COLLABORARE NEL GRUPPO DEI PARI PER PREPARARSI A COLLABORAZIONI FUTURE.

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

DURANTE LE VISITE GUIDATE I LUOGHI VISITATI E GLI INTERESSI SUSCITATI DAGLI ESPERTI SONO RISULTATI OLTRE CHE UN MOMENTO DI GRANDE AGGREGAZIONE L’ELEMENTO CHE HA FUSO L’ATTENZIONE CON LA MOTIVAZIONE SIA DEI PICCOLI CHE DEI GRANDI ACCOMPAGNATORI E I PROFESSIONISTI CHE SEGUIVANO IL PROGRAMMA.

Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

UTILIZZANDO IL BLOG GLI ALUNNI, SOGGETTI ATTIVI IN UN AMBIENTE COLLABORATIVO, POSSONO RACCONTARE LE ATTIVITÀ IN ITINERE, SCAMBIARE DOCUMENTI E RACCOGLIERE IN UN UNICO CONTENITORE TUTTO IL LAVORO REALIZZATO. CON L’UTILIZZO DI POWERPOINT O ALTRI SOFTWARE GLI ALUNNI POSSONO CREARE PRESENTAZIONI DEL PROPRIO TERRITORIO, UTILIZZANDO LE FOTO FATTE DURANTE LE USCITE E CREANDO DELLE SEMPLICI DIDASCALIE CON LE INFORMAZIONI ACQUISITE ATTRAVERSO I PERCORSI DI RICERCA. CON L’USO DI GOOGLE MAPS POSSONO COSTRUIRE PERCORSI E INDIVIDUARE I SITI DA VISITARE E I LUOGHI DI APPARTENENZA DEI COMPAGNI DELLE ALTRE SCUOLE DELLA PROPRIA REGIONE E DELLE ALTRE REGIONI.

Descrivete i criteri che usate per misurate i risultati raggiunti dal vostro progetto: 

LE ATTIVITÀ DI AULA SONO STATE DOCUMENTATE CON I MODI ED I TEMPI DELLA PROGRAMMAZIONE DI CLASSE: DIARIO DI BORDO; RUBRICHE DI VALUTAZIONE, GRIGLIE DI OSSERVAZIONE DEGLI OBIETTIVI MISURABILI: COMPORTAMENTO, COLLABORAZIONE, INTERESSE, SERIETÀ D’IMPEGNO, CAPACITÀ DI COMUNICARE ATTRAVERSO CODICI VERBALI E NON, AMPLIAMENTO DEL PATRIMONIO LESSICALE, COERENZA DI INTERVENTI, QUESTIONARI, VERBALIZZAZIONI SCRITTE E ORALI; RIFLESSIONE IN ITINERE E FINALE SULLE PROPRIE ESPERIENZE PER DAR LORO UN SIGNIFICATO. CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE. IL PERCORSO COMPLESSIVO È STATO DOCUMENTATO CON IL BLOG: http://progettoregioni.wordpress.com/ CONSULTABILE DAL SITO DELLA SCUOLA: www.lauriaprimocircolo.it

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Finanziamenti pubblici o privati
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
No
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Ostacoli: 

IL PROGETTO È STATO ACCETTATO CON PIACERE DAL COLLEGIO DEI DOCENTI, DAI GENITORI E DAGLI ALUNNI. IN ALCUNE CLASSI ABBIAMO AVUTO PROBLEMI CON INTERNET E SPESSO GLI ALUNNI HANNO DOVUTO VISITARE DA CASA IL BLOG. UN ALTRO PROBLEMA È STATO IL COINVOLGIMENTO DI ALTRE SCUOLE, A LIVELLO REGIONALE E NAZIONALE, PER LA COLLABORAZIONE ONLINE

Soluzioni: 

GLI ALUNNI APPARTENENTI ALLE CLASSI INTERESSATE CHE DISPONGONO DI UN COLLEGAMENTO INTERNET A CASA, HANNO LAVORATO SUL BLOG CON L’AIUTO DEI GENITORI. IL DIRIGENTE È STATO INFORMATO DEL PROBLEMA E CERCHERÀ UNA SOLUZIONE PER IL NUOVO ANNO SCOLASTICO. HO PRESENTATO IL PROGETTO A COLLEGHE DI ALTRE SCUOLE CON E-MAIL E NEGLI INCONTRI DI AGGIORNAMENTO ETWINNING.

Future plans and wish list: 

IL PROGETTO È APERTO A TUTTE LE SCUOLE D’ITALIA E LE SUE LE ATTIVITÀ CONTINUERANNO ANCHE PER L’ANNO SCOLASTICO 2009/2010,. SI VUOLE INNANZITUTTO CONTINUARE AD OFFRIRE AGLI ALUNNI LA POSSIBILITÀ DI CONOSCERE IL PROPRIO PAESE E LE PROPRIE RADICI ATTRAVERSO LA RICOSTRUZIONE STORICA, GEOGRAFICA E SOCIALE MEDIATA DALL’ESPERIENZA DIRETTA E DALL’ANALISI DEI DOCUMENTI, CI È STATO DETTO CHE QUESTO PROGETTO È TROPPO AMBIZIOSO, MA NOI CONTINUIAMO A PENSARE AL BLOG NON COME UN SITO STATICO PENSATO E REALIZZATO SOLO DAI GRANDI, MA UN SITO DINAMICO IN CUI I BAMBINI RACCONTANO LE LORO ESPERIENZE SUL TERRITORIO E LE TRASMETTONO AI LORO COETANEI, ESPRIMONO GIUDIZI E FANNO DOMANDE A CUI LORO STESSI POSSONO RISPONDERE. INSOMMA CHI VISITERÀ IL BLOG CONOSCERÀ UN’ALTRA ITALIA, QUELLA VISTA DAI NOSTRI BAMBINI CON LE LORO SENSAZIONI E LE LORO IMPRESSIONI. IL BLOG SARÀ UTILIZZATO ANCHE PER PRESENTARE IL NOSTRO PAESE NEI PROGETTI DI GEMELLAGGIO EUROPEI SVILUPPATI NELLE NOSTRE SCUOLE. INFATTI È STATO INSERITO IL TRADUTTORE ELETTRONICO DELLA LINGUA INGLESE. PER REALIZZARE IL PROGETTO IN TUTTE LE SUE PARTI AVREMMO BISOGNO DI FINANZIAMENTI PER: ATTREZZATURE MULTIMEDIALI PIÙ EFFICIENTI, INTERNET FUNZIONANTE IN TUTTE LE CLASSI DEL CIRCOLO, UN NUMERO MAGGIORE DI VIAGGI D’ISTRUZIONE PER LA CONOSCENZA DIRETTA DELLA NOSTRA REGIONE. INOLTRE SAREBBE AUSPICABILE LA COLLABORAZIONE DI PIÙ SCUOLE DI ALTRE REGIONI.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Un computer per ogni studente

“L’obiettivo di usare un personal computer quotidianamente a casa e a scuola, al pari di un quaderno e non come strumento accessorio, è certamente ambizioso e non è mai

1. Sommario progetto
Sommario: 

Il progetto che prevede di usare un personal computer quotidianamente a casa e a scuola, al pari di un quaderno e non come strumento accessorio,  si sposa con la certezza che vada superato il modello dell’ora di informatica.

Il computer non è della scuola ma del bambino, può essere usato tutte le mattine a scuola e, quando si vuole, al pomeriggio; il computer affianca il quaderno e la classe ridiventa un laboratorio.

Alle famiglie degli studenti, giustamente interessate, è stata  garantita la piena congruenza del progetto con gli obiettivi e le finalità  delle classi coinvolte.  Il ruolo delle famiglie è, come sempre, molto importante: a loro è richiesto di seguire i figli nello svolgimento dei compiti a casa, siano essi assegnati su quaderni, libri o computer.

A scuola i computer non sono stati usati in modo continuativo per più di un'ora, e per non più di due ore nell'arco della giornata.

 

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Rivoli, Novi Ligure e Pavone Canavese
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
1° Circolo Didattico Rivoli e Istituto Majorana di Grugliasco (TO)
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Paola Limone
E-Mail: 
paola.limone@gmail.com
6. Website
Il sito web del progetto: 
http://share.dschola.it/olpc/jumpc.aspx
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 10 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
06/10/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Il principale obiettivo che la sperimentazione si propone è quello di verificare le potenzialità dell'inserimento dell'uso del "computr nello zainetto" nei percorsi didattici quotidiani e di sperimentare l'uso di strumenti  "inusuali" nelle scuole. 

L'aspetto innovativo del progetto risiede nella possibilità di “rendere le tecnologie digitali di comunicazione un elemento davvero importante per la facilitazione degli apprendiment"i. Ogni allievo, avendo il suo pc portatile, è stato guidato ed invitato ad usarlo nelle attività didattiche e nei diversi campi di conoscenza.

Il lavoro di preparazione del "kit didattico" (scelta dei siti autorizzati per la navigazione, scelta dei software didatticamente utili da installare) è un altra importantissima novità. Non è la macchina a fare scuola, è sempre il docente che prepara percorsi didattici in base alle esigenze curricolari della propria classe. L'insegnante ha però bisogno di poter progettare attività e percorsi su computer che siano già ampliamente arricchiti di risorse e che garantiscano sicurezza e poca manutenzione .

Come già detto, a differenza di qualsiasi computer usato normalmente, i computer del bambino devono richiedere pochissima manutenzione (sono sempre con lui), non devono prendere virus e devono proteggere la navigazione sia a casa che a scuola.

Con un'adeguata progettazione e con una collaborazione tra scuole tecniche superiori e scuole primarie ci siamo riusciti con ottimi risultati. Gli studenti dell'ITIS Majorana di Grugliasco - dove il professor Zucchini insegna informatica - hanno preparato i JumPC, testandoli e attrezzandoli con una ricca gamma di software pronti all'uso fin dai primi giorni di scuola e con il collegamento wireless a Internet. Il loro aiuto è stato fondamentale e ha sollevato gli insegnanti della scuola primaria da problemi eccessivi legati al collaudo e alle installazioni.

I computer  utilizzano un’interfaccia software utile a semplificare la gestione delle operazioni con icone grandi e accattivanti, e a tutelare i minori. Magic Desktop, questo è il nome dell’interfaccia, è avviato in automatico all’accensione del computer e permette al bambino di utilizzare soltanto i moduli previsti al suo interno (videoscrittura, giochi, disegni) e i programmi autorizzati dai genitori, previo inserimento di password.

Allo stesso modo è possibile controllare l’uso di Internet, mediante la  preselezione di  siti considerati navigabili. Quest’ultimo accorgimento è a mio parere uno dei più validi del “parental control” e viene chiamato “white list”: noi abbiamo autorizzato 900 siti sicuri e adatti ai bambini della scuola primaria, 80 “preferiti” facilmente raggiungibili.
Al motore di ricerca in dotazione è stato sostituito il motore “Ricerche Maestre” .

Sono stati selezionati e quindi utilizzati dai bambini numerosi programmi ritenuti utili nella didattica e il cui uso non pretende il pagamento di diritti  d’autore (si tratta di software libero): ambienti per l’elaborazione delle immagini, per la realizzazione di mappe mentali e concettuali, per lo studio della geometria e della geografia, per la scrittura e per il disegno.
 

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

Tutta l'attività  é stata attentamente pianificata. 

Il progetto ha previsto l'individuazione di:

1. materie scolastiche/campi di apprendimento

2. obiettivi

3. aspetti metodologici

4. risorse digitali e motivazioni del loro impiego

5. risultati attesi

6. fasi di lavoro

7. schede di valutazione da parte degli insegnanti

8. schede di autovalutazione per gli alunni

Materia scolastica,

Obiettivi

Aspetti metodologici

Risorse digitali

Motivazioni dell'impiego delle risorse digitali

Risultati attesi

 

Area linguistico – espressiva

 

1.  1. Scrittura e lettura

Saper scrivere, modificare semplici testi

 

Saper inserire immagini

 

Saper inserire video, audio

 

Saper progettare in gruppo

Sintesi testuali

 

Creazione di storie, racconti e fiabe

 

Testi liberi

Programmi di word processing

Flessibilità offerta dalle risorse digitali:

Discutere

Progettare

Modificare

Scrivere

Correggere

Arricchire

Verificare

Cancellare

Integrare

Condividere

Adeguare

Valutare

Riorientare

 

Miglioramento nella strutturazione dei testi

Miglioramenti nella capacità di riassumere un testo.

Miglioramento nella capacità di autocorrezione.

Miglioramento della capacità di lettura.

Crescita nei rapporti di collaborazione.

 

 

 

 

2.    2. Scrittura e lettura LINGUA STRANIERA

Saper scrivere semplici testi

Saper fare semplici traduzioni

Saper inserire immagini e audio nel testo

 

Dettati

 

Dialoghi

 

Testi liberi

Programmi di word processing

 

Traduttori online

 

 

 

 

 

 

Flessibilità offerta dalle risorse digitali

Miglioramento nella strutturazione di semplici proposizioni in lingua inglese.

 

Miglioramento nella capacità di autocorrezione.

 

Più sicurezza nella lettura e nella traduzione

 

area matematico-scientifico-tecnologica

area storico-geografica

area linguistico-artistico-espressiva

 

3. Attività grafiche e creative

Saper disegnare al computer

Saper ricercare, importare, modificare, salvare le immagini(disegni, fotografie)

Saper creare fotogallery

Disegno libero o a tema

Modifica di una fotografia o di un disegno(con consegna)

Inserimento di elementi grafici in testi o fotografie.

Programmi per disegno

Programma per ritocco fotografico

 

Possibilità di di sviluppare la propria creatività utilizzando gli effetti grafici resi disponibili dai software di grafica

 

Sviluppo delle capacità grafico pittoriche

 

Maggior precisione nel disegno geometrico.

 

Capacità di progettare in maniera collaborativa

4. Ricerca, selezione, organizzazione e elaborazione di informazioni

 

Saper usare Internet per fare ricerche e per conoscere ambienti diversi

 

Saper selezionare tra le tante informazioni quelle utili al proprio lavoro.

 

Costruire un percorso di ricerca

 

Caccia al tesoro” digitale

 

Simulazione di viaggi

Visite ad ambienti virtuali

Motori di ricerca

 

Siti di interesse didattico

 

Link preorganizzati dai docenti

 

Ricchezza di informazioni a disposizione

 

Miglioramento nella capacità di ricerca di informazioni e di risposte a domande date.

Miglioramento della capacità di riassumere e rielaborare le informazioni acquisite

 

Miglioramento nell’esposizione del proprio lavoro di ricerca (scritto o orale)

5. Gioco

 

Saper trovare e usare giochi su internet e sul computer

Saper essere collaborativo nei momenti di gioco

 

Giochi su singole discipline per:

introdurre un nuovo argomento

Ripassare

Consolidare

Approfondire

Giochi caricati sul computer e su internet (portali per bambini)

 

Validità di molti giochi didattici utilizzabili nelle varie discipline

 

Capacità di coinvolgimento e stimolo al miglioramento dei giochi a punteggio.

 

Acquisizione più rapida e sicura di concetti legati alle diverse discipline.

 

 

 

 

 

6. Schematizzazioni e mappature

 

Saper progettare, collaborativamente e con l’aiuto dell’insegnante diagrammi, mappe mentali e concettuali

 

Produrre mappe in gruppo, con l’aiuto dell’insegnante e individualmente

 

Programmi per rappresentazioni grafiche della realtà

 

Possibilità di lavorare ad una mappa in diverse fasi, modificandola ed arricchendola nel corso dell’anno scolastico

 

Arricchimento delle capacità personali di rappresentazione grafica della realtà.

 

7.Modellizzazioni

Saper investigare

Ideare un'operazione o una sequenza di operazioni (modello) che riproduca il comportamento della macchina (sistema sperimentale).

 

"elaboratori" che acquisiscono dei dati (input) e li trasformano in un risultato (output)

 

 

Migliorare l'abilità di calcolo a mente e la comprensione delle operazioni aritmetiche

applicare il concetto di modello

 

Traguardi di Competenze (tratti dalle Nuove indicazioni)

 

1. Essere in grado di usare le tecnologie e i linguaggi multimediali per sviluppare il proprio lavoro in più discipline, per presentarne i risultati e anche

per potenziare le proprie capacità comunicative.

2.Utilizzare strumenti informatici e di comunicazione in situazioni significative di gioco e di relazione con gli altri.

3.Seguire istruzioni d’uso e saperle fornire ai compagni.

4.Usare oggetti, strumenti e materiali coerentemente con le funzioni e i principi di sicurezza che gli vengono dati.

 

Fasi di lavoro
 

OTTOBRE-NOVEMBRE

Fase di familiarizzazione con il jumpc ( a casa ed a scuola)

Attività di gioco (vedi punto 5)

Attività grafiche e creative (vedi punto 3)

Parallelamente i bambini avranno il compito di esercitarsi nella scrittura alla tastiera, per permetter loro di affrontare con maggior sicurezza le attività di scrittura.

DICEMBRE –GENNAIO

Inizio attività di scrittura e lettura in lingua italiana e straniera (punti 1 e 2)

Inizio attività di ricerca, selezione, organizzazione ed elaborazione di informazioni (punto 4)

Inizio produzione di schematizzazioni e mappature (punto 6)

FEBBRAIO

Stesura primi risultati della sperimentazione (preferibilmente in concomitanza con la preparazione delle schede di valutazione)

Consegna agli alunni di una scheda di autovalutazione e di valutazione del jumpc

Febbraio:
 

  1. Fase di familiarizzazione con il jumpc ( a casa ed a scuola) (solo classe di NOVI LIGURE

  2. Attività di gioco ( punto 5)

  3. Attività grafiche e creative (punto 3)

  4. Attività di esercitazione nella scrittura alla tastiera ( leggermente difforme da quella che utilizzano normalmente)

Marzo – Aprile – 15 Maggio

 

  1. Attività di scrittura e lettura in lingua italiana e straniera (punti 1 e 2);

  2. Attività di ricerca, selezione, organizzazione ed elaborazione di informazioni (punto 4)

  3. Produzione di schematizzazioni e mappature (punto 6)

  4. Attività di investigazione come modello del metodo scientifico

 

15 Maggio – Giugno
 

  1. Attività di verifica
     

  1. Consegna di un questionario di autovalutazione e di valutazione del jumpc
     

  1. Stesura dei risultati della sperimentazione
     

 

 

Quali opportunità/problemi affronta: 

Alcune riflessioni:
 

perchè progetti simili abbiano successo sul piano didattico/formativo è indispensabile un accordo e la partecipazione  di tutte le componenti del team (insegnanti contitolari, prevalenti, di sostegno, di lingua straniera, prevalenti, stellari, planetari....). Tale partecipazione potrà ovviamente avere livelli di competenza e  tempi diversi, ma vedrà comunque unito il corpo docente intorno al curricolo da sviluppare anche con l'apporto delle tic in classe.
 

non ha senso che un collega di una singola disciplina (o di poche) sia lasciato solo a gestire tutta l'attività: è il fallimento della nostra idea, l'esatto contrario di quanto ci si sta prefiggetndo come obiettivo.
 

     

Please explain what is unique or special in your project: 

Alcune riflessioni:
 

perchè progetti simili abbiano successo sul piano didattico/formativo è indispensabile un accordo e la partecipazione  di tutte le componenti del team (insegnanti contitolari, prevalenti, di sostegno, di lingua straniera, prevalenti, stellari, planetari....). Tale partecipazione potrà ovviamente avere livelli di competenza e  tempi diversi, ma vedrà comunque unito il corpo docente intorno al curricolo da sviluppare anche con l'apporto delle tic in classe.
 

non ha senso che un collega di una singola disciplina (o di poche) sia lasciato solo a gestire tutta l'attività: è il fallimento della nostra idea, l'esatto contrario di quanto ci si sta prefiggetndo come obiettivo.
 

     

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Il valore della condivisione

Il progetto “Un computer per ogni studente” ha previsto, fin dai primi passi, che il materiale prodotto dal gruppo di lavoro fosse messo a disposizione di tutti in rete: schede tecniche e didattiche, suggerimenti per la configurazione dei computer, elenchi dei programmi installati e suggerimenti di attività e percorsi attuabili, riflessioni sull’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione nella didattica, programmazioni di classe, relazioni sul lavoro in corso di svolgimento.
A supporto della comunicazione ci è stato offerto anche un blog nelle pagine del quotidiano La Stampa: è in questo spazio che noi docenti abbiamo raccontato i passaggi più significativi del nostro lavoro in classe, linkando materiali prodotti dai bambini e documenti che possono essere utili o interessanti per chiunque stia seguendo il progetto.

 

In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

Le attività realizzate in maniera gradevole, stimolante, collaborativa, propositiva si traducono in apprendimento.

Non solo: si dà modo a tutti di esprimersi, realizzare e costruire conoscenze con attività insolite, diversificate e personalizzate.

Ma permette anche agli insegnanti di predisporre attività mirate per tutti gli alunni. 

Quanti utenti interagiscono con il progetto mensilmente e in quale modo: 

coinvolto 4 classi di tre scuole primarie più una scuola superiore

9 docenti di scuola primaria e 3 docenti della scuola superiore di secondo grado, 33 ragazzidelle superiori.

Descrivete in quale modo il progetto contribuisce a migliorare l'educazione e la formazione dei giovani: 

Gli elementi che rendono il progetto una “buona pratica” per migliorare l'educazione e la formazione dei giovani a nostro parere possono essere: 

- dal punto di vista metodologico:  il lavoro collaborativo ( tutti partecipano alla costruzione e condivisione delle conoscenze con un apporto personale e ciò vale anche gli alunni che presentano  difficoltà )

- dal punto di vista delle abilità, il divenire capaci di selezionare le informazioni raccolte

- dal punto di vista dei contenuti, l’acquisizione di conoscenze anche con l'utilizzo di strumenti multimediali

- l'acquisizione di una maggiore autostima  nel rendersi partecipi e protagonisti del proprio apprendimento
 
 

Descrivete in quale modo il progetto ha ottimizzato la partecipazione di professionisti, ragazzi, giovani o altri soggetti: 

Il progetto ha permesso di migliorare:

  1. la capacità degli insegnanti di collaborare e  di confrontarsi con altre metodologie didattiche.
  2. la competenza nell’uso delle TIC.
Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

Gli elementi che rendono il progetto una “buona pratica” per migliorare l'educazione e la formazione dei giovani a nostro parere possono essere: 

- dal punto di vista metodologico:  il lavoro collaborativo ( tutti partecipano alla costruzione e condivisione delle conoscenze con un apporto personale e ciò vale anche gli alunni che presentano  difficoltà )

- dal punto di vista delle abilità, il divenire capaci di selezionare le informazioni raccolte

- dal punto di vista dei contenuti, l’acquisizione di conoscenze anche con l'utilizzo di strumenti multimediali

- l'acquisizione di una maggiore autostima  nel rendersi partecipi e protagonisti del proprio apprendimento
 
 

Descrivete i criteri che usate per misurate i risultati raggiunti dal vostro progetto: 

Tutte le attività realizzate sono pubblicate sul sito http://share.dschola.it/olpc/jumpc.aspx 

Il nostro interesse , in quanto docenti, è soprattutto quello di vedere i nostri studenti pieni di curiosità e di voglia di imparare, impegnati e cooperativi, pronti ad affrontare nuove difficoltà nel passaggio ad una classe o ad un livello di scuola successivo.
Il computer e la rete in classe ci hanno aiutato molto, molto abbiamo dovuto fare con le nostre programmazioni e la nostra esperienza.

E’ sempre e comunque l’insegnante a dover progettare percorsi significativi, e a dover cercare le migliori strategie per raggiungere gli obiettivi previsti. Il computer è uno dei tanti strumenti a sua disposizione.
Siamo convinte che se il modello di lezione resta di tipo frontale difficilmente l’utilizzo di tecnologie potrà incidere in modo significativo sull’apprendimento.
 

Le strategie per prova e verifica in un’ottica costruzionista, la valutazione/autovalutazione in progress e collaborativa, la consapevolezza della perfezionabilità, possono invece rendere docenti e allievi protagonisti nel percorso di apprendimento e autoapprendimento. 

Riportiamo la valutazione qualitativa finale del progetto:

Motivazioni emerse:

La  possibilità offerta di avere “il mondo sulla porta di casa” ha stimolato la volontà di fare ricerca e di reperire informazioni nel web, oltre che sui libri scolastici.

La possibilità di salvare in rete i propri lavori, rendendoli così pubblici e condividendoli ha maggiormente motivato gli alunni, che hanno posto maggior cura nell’esposizione e nell’autocorrezione.

Cosa e' cambiato, cosa ha funzionato, cosa non ha funzionato, qualche sorpresa?

Maggiore facilità nel fare ricerche, utilizzando libri e internet in classe.

Sono migliorati i rapporti di cooperazione in attività quali la scrittura e la ricerca, la produzione di semplici video.

 

·        Grazie al computer i bambini hanno anche imparato ad utilizzare le fotografie, i files musicali (registrazioni vocali e musica), i disegni, i video le parole per esprimere sentimenti e per raccontare.

·        Le mappe mentali e concettuali che abbiamo fatto per anni sui quaderni e alla lavagna ora sono costruite dai bambini sui loro computer, sono salvate in rete e quindi  riutilizzabili da qualsiasi luogo ed in qualsiasi momento

·        La possibilità di avere un controllo ortografico automatico (la sottolineatura) ha aiutato i bambini a riflettere sulla lingua e sui possibili errori commessi. Grande vantaggio in particolare per i bambini stranieri.

·        I ragazzini che hanno avuto l'opportunità di partecipare a questo progetto hanno acquisito un modo diverso di pensare al computer: non solo gioco, ma lavoro, apprendimento, condivisione, collaborazione.

·        Molte delle loro famiglie hanno conosciuto un modo diverso di lavorare fianco a fianco con i propri figli, in molte occasioni imparando da loro.

·        Abbiamo avuto naturalmente anche dei problemi, di perdita di documenti e di blocco dei computer in momenti inopportuni, o di password di protezione da sostituire.

·        D'altra parte l'esperienza è stata utile per ribadire (nel caso ce ne fosse ancora bisogno) l'importanza di una protezione per i minori che, per quanto consapevoli e responsabilizzati, sono pur sempre bambini/ragazzini con tutte le curiosità perfettamente naturali alla loro età, curiosità che possono soddisfare in pochi minuti (non parliamo qui della qualità delle risposte ma della quantità) grazie alla rete.

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Altro
Altro: 
Gruppo Consiliare Regionale "Insieme per Bresso" , Intel e Olidata (computer in comodato d' uso perl'anno scolastico 2008-2009)
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
Si
Specifica: 

Il progetto si è svolto nelle scuole del 1° Circolo di Rivoli (TO), nel 1° Circolo di Novi Ligure (AL) e nel Circolo di Pavone Canavese (TO).

Molte scuole italiane ci hanno contattati, ed hanno tratto spunto dal nostro progetto e dai materali da noi messi a disposizione per preparare progetti analoghi

Intel, Olidata e Mondo Digitale hanno organizzato in alcune scuole di Roma e Palermo laboratori informatici con i jumpc.

A Roma si è trattato di un laboratorio prettamente dedicato alla lingua inglese, a Palermo all' ambito matematico.

In questi casi i computer rimanevano a scuola.

I docenti avevano la possibilitò di utilizzare un software di controllo di tutti i computer degli studenti (che nel nostro progetto abbiamo scelto di non usare.)

Che cosa possono imparare altri soggetti dal vostro progetto: 

Sviluppare le capacità informatiche nella consapevolezza che  anche le nuove tecnologie sono un mezzo per realizzare gli obiettivididattici.

Sviluppare la creatività

Creare motivazione apprendere

Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Ostacoli: 

Occorre che il team sia disponibile non solo a collaborare, ma ad acquisire competenze informatiche.

Future plans and wish list: 

Speriamo per il futuro, che chi si occupa ad alti livelli di istruzione si renda conto di quanto di buono, nascendo dalla scuola per le scuole, possa essere valorizzato e replicato in altre realtà.
La collaborazione tra scuola primaria e scuola secondaria si è rivelata vincente, un valore aggiunto senza il quale nulla avrebbe funzionato così bene.

 

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Tassellatura e matematica in un ambiente di apprendimento laboratoriale

L'incontro tra arte e geometria, attraverso il lavoro creativo di una esperienza di laboratorio, quale strategia di intervento didattico mirato a contrastare il fenomeno dell'abbandono scolastico,

1. Sommario progetto
Sommario: 

Ideazione

Il progetto nasce, si sviluppa e viene realizzato dalla prof.ssa Norma Lisa Neiman nell'anno scolastico 2008/2009 edè finalizzata alla ricerca di ambienti di apprendimento efficaci nel motivare gli alunni allo studio della matematica, come prevenzione dell'abbandono e del fallimento scolastico.Per questo viene inserito all'interno di una classe prima, composte da alunni con diverse entroterra culturali e con differenti interessi, motivazioni e stili di apprendimento.All'interno di un esperienza di laboratorio si vuole stimolare la partecipazione e stimolare gli alunni, dando la possibilità ad ognuno, anche lo studente più fragile nella materia ad essere autore del proprio lavoro creativo e quinid integrare lo studio con un apprendimento attivo, condiviso, e cooperativo.Gli aspetti che hanno caratterizzato questa esperienza didattica sono i seguenti:l'integrazione tra arte e geometria, l'aggancio con fenomeni e situazioni della vita quotidiana(la tassellatura); il coinvolgimento attivo degli alunni, la cooperazione tramite momenti di discussione all'interno di gruppi di lavoro e di fronte alla classe, l'utilizzo di nuove tecnologie(software grafico), il divertimento.

Finalità, obiettivi specifici e scelte di contenuto

Il progetto si propone di: suscitare interesse e promuovere attitudini nei confronti della matematica lavorando tramite la motivazione;fornire stimoli e strumenti diversi (modelli artistici, strumenti tradizionali, software grafica)allo scopo di valorizzare i diversi stili d'apprendimento; evidenziare il legame tra arte, mondo fisico e modelli geometrici; favorire l'auto-apprendimento attraverso la creatività ed il confronto con le idee dei compagni; aiutare gli alunni a interpretare le proprie esperienze, tramite la discussione a fine lavoro e a costruire conoscenze e competenze via via più formalizzate a partire da quanto già sanno; sviluppare competenze realtive all'indagine sperimentale (osservare, indagare, misurare, trattare ed interpretare dati).

Metodi di insegnamento/apprendimento,risorse/strumenti e procedure

L'approccio a tutte le fasi del percorso èstato di tipo operativo e in genere si è sviluppato secondo il seguente schema:rappresentazione di un oggetto, trasformazioni geometriche dell'oggetto, indivuazione delle proprietà geometriche.Dal punto di vista organizzativo, si sono integrati momenti di attività individuale nel laboratorio e di gruppi, con momenti di lavoro all'interno della classe, discussione degli elaborati.Le risorse utilizzate sono il laboratorio di informatica, il software grafico (Paint,programma accessorio di Windows) ed il testo diM.C. Escher "Grafica e Disegni" editore Taschen

Valutazione

Si valuta l'esperienza attraverso:l'osservazione diretta dei ragazzi durante lo svolgimento delle attività, in particolare per valutare in che misura erano in grado di trasferire in situazioni diverse abilità e conoscenze messe in gioco in un'indagine precedente, verifica del prodotto ottenuto.

Risultati e ricaduta sul resto della didattica

La valutazione complessiva dell'esperienza è positiva,soprattutto per quanto riguarda la ricaduta sotto l'aspetto dell'interesse e della motivazione ed affiatamento in classe.In alcuni casi questo atteggiamento positivo non è rimasto circoscritto all'ambito dell'esperienza ma si è tradotto in una maggiore disponibilità a partecipare alle lezioni di matematica.Dai commenti dei ragazzi emerge il piacere di lavorare attraverso il fare e sfruttare le proprie attitudini, esperienze e creatività e di poter esplorare e di condividere con compagni e l'insegnante le proprie scoperte.Le opere create dagli alunni sono state incorniciate ed esposte nella scuola con accanto il commento di ogni singolo lavoro

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Roma
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
ITCS Piero Calamandrei
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Norma Lisa Neiman
E-Mail: 
normalisa.neiman@istruzione.it
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
NOT in Creativity and Social Innovation
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/11/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Suscitare interesse e motivazione nei confronti della matematica, fornire stimoli e strumeti diversi (modelli artistici, strumenti tradizionali, sfotware grafico) allo scopo di valorizzare i diversi stili di apprendimento

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Ricaduta didattica si sotto l'aspetto  dell'interesse che della motivazione ed affiatamento classe si è tradotto alcune volte in una maggiore disponibilità a partecipare alle lezioni di matematica

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Meno di 1 anno
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Meno di 10.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Altro
Altro: 
fondo d'istiuto
12. Trasferibilità
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

Il riferimento teorico generale è dato dalle teorie costruttiviste, i testi di Steinberg, le opere di Escher, il Master "arte della matematice e matematica dell'arte"

Future plans and wish list: 

Inserirlo all'interno di un modulo curriculare

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

School@Home

Piattaforma informatica realizzata con software opensource con l'obiettivo di migliorare e rendere più efficente l'attività di insegnamento e apprendimento in un ottica di digitalizzazione generale.

1. Sommario progetto
Sommario: 

- E' una piattaforma informatica orientata per le attività di formazione ed amministrazione, pensata in modo specifico per la scuola primaria e secondaria.
- Realizza un ambiente collaborativo e riservato tra docenti, studenti e genitori, operante sul web, per la condivisione delle informazioni e lo svolgimento delle comuni attività all'interno dell'ambiente scolastico, offrendo uno strumento attrattivo, moderno ed efficiente.
- E' personalizzabile in quanto può essere inserita ed adattata in un qualsiasi contesto lavorativo di un istituto scolastico, realizzando ad hoc le opportune modifiche al software.
- E' integrabile con altri sistemi già operativi, in quanto sono state sviluppate le interfacce verso i software più diffusi negli ambienti scolastici.
- Forma una comunità virtuale dedicata, stimolando la socializzazione fra tutte le componenti coinvolte, con conseguente creazione e sviluppo di attività educative, anche extrascolastiche.

L'idea è nata per cercare di semplificare e organizzare meglio il lavoro del docente e dell'ambiente scolastico in genere, snellendo le procedure ed azzerando l'uso del cartaceo (ove possibile).
Inoltre diventa uno strumento con cui le famiglie e gli studenti sono parte integrante dello sviluppo educativo proposto dalla scuola. Questo progetto è stato sviluppato e realizzato dal prof. Roberto Atzori e dal prof. Osvaldo Marullo sulla base di un opensource (dokeos) al quale sono stati apportati notevoli cambiamenti per adattarlo alle esigenze scolastiche.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Cagliari
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
ITC "F. Besta"
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Prof Roberto Atzori, Osvaldo Marullo
E-Mail: 
fabiobesta@tiscali.it
6. Website
Il sito web del progetto: 
http://www.schoolathome.it
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 18 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
01/09/2008
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Gli obiettivi del progetto sono:
- Agevolare lo svolgimento delle comuni attività didattiche e amministrative, in modo da avere una gestione ed organizzazione più ordinata ed efficace del lavoro:
- creare dei percorsi di apprendimento personalizzati, accessibili in diversi formati multimediali
- monitoraggio delle verifiche e delle valutazioni
- comunicazioni più efficienti con studenti e genitori
- gestire registro di classe, il registro personale, e tutta la documentazione richiesta (circolari, programmi, modulistica, relazioni, ecc),
- eliminare il cartaceo (ove possibile).

- fornire uno strumento per l'autoformazione e la formazione a distanza (fad) per tutte le componenti scolastiche.

Come, e con quali mezzi cerca di raggiungere gli obiettivi prefissati: 

Il progetto per sua natura, utilizza al massimo le nuove tecnologie (PC, internet, intranet), incrementando l'accessibilità per studenti, docenti e personale della scuola alle risorse interne, anche attraverso la migliore organizzazione ed il potenziamento delle stesse.

Quali opportunità/problemi affronta: 

Forma una comunità virtuale dedicata (docenti, genitori e alunni) che rende più efficace il percorso educativo poichè genitori e docenti insieme hanno la possibilità di monitorare gli strudenti in maniera esaustiva e veloce utilizzando strumenti di comunicazione ormai di uso comune.

Please explain what is unique or special in your project: 

E' un progetto sviluppato e realizzato da docenti esperti di informatica per i docenti, per gli studenti e per le famiglie. E' speciale e unico perchè studiato nei minimi particolari tenendo conto appunto delle esigenze burocratiche e metodologiche dei docenti, oltre che della completezza delle informazioni per gli studenti e le famiglie.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

La possibilità di abbandonare il cartaceo (registro di classe e registro personale del docente), una maggiore trasparenza nei confronti dei ragazzi e delle famiglie, un maggiore coinvolgimento e presa di coscienza dei ragazzi nell'intraprendere strade innovative, un maggiore controllo e/o monitoraggio della situazione classe, ad esempio tramite statistiche.

In che misura risponde ai bisogni degli utenti: 

Gli studenti, tramite l'uso delle nuove tecnologie, sono molto più stimolati all'apprendimento ed alla socializzazione.

Descrivete in quale modo il progetto favorisce l'uso delle nuove tecnologie da parte di professionisti, ragazzi e giovani per lo sviluppo culturale e didattico: 

Un percorso didattico è una sequenza di "passi" con cui strutturare uno o più moduli didattici. Esso può essere basato su contenuti, sui attività o su una combinazione di entrambe per promuovere, consolidare o accertare la conoscenza e le competenze in relazione ai contenuti di un determinato corso.

Il percorso didattico è interamente utilizzabile attraverso le nuove tecnologie (internet, podcast, video, ecc).

11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: 
Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro): 
Da 30.001 a 75.000
Come è finanziato il vostro progetto: 
Altro
Altro: 
Fondo di istituto
Is your project economically self sufficient now: 
No
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
No
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

Questo progetto è stato sviluppata e realizzato dai prof. Roberto Atzori e dal prof Osvaldo Marullo sulla base di un opensource (dokeos) al quale sono stati apportati notevoli cambiamenti per adattarlo alle esigenze scolastiche.

Ostacoli: 

L'ostacolo che si presenta puntualmente è la diffidenza del corpo docente nell'utilizzare uno strumento innovativo penando di dover fare doppio lavoro (utilizzare uno strumento informatico e continuare a compilare i registri cartacei).
Altro problema è l'avere o meno un pc in ogni classe collegato in rete (problema che scaturisce da un impiego cospicuo del PC e della loro interconnessione, oltre che dal fattore sicurezza e della loro manutenzione).

Soluzioni: 

Per ovviare alla diffidenza dei docenti si sono organizzati dei corsi di formazione per dimostrare i reali vantaggi dello strumento oltre che insegnare il suo utilizzo. Circa il Pc in ogni classe si è realizzata una rete wi-fi e sono stati adottati dei netbook (pc di dimensioni ridotte).

Future plans and wish list: 

Il nostro piano prevede un uso sempre più diffuso di tale strumento.
In relazione alle infrastrutture, per il raggiungimento di tali obiettivi possono essere poste in essere le seguenti azioni concorrenti:
- incrementare le dotazioni di periferiche e tecnologie audiovisive (esempio: dotare ogni aula didattica di videoproiettori e lavagna multimediale).
- dotare ogni aula didattica di cattedra multimediale protetta, cioè avente possibilità di conservare in sicurezza il notebook in modo da renderlo disponibile ai vari docenti quotidianamente.
- dotare il nostro istituto di server e collegamenti ADSL adeguati, per fornire un servizio di hosting alle scuole italiane (o parte) che volessero utilizzare questo strumento senza doversi fare carico degli aspetti tecnici.
- creare un team di informatici e docenti per la manutenzione della piattaforma nonchè della sua evoluzione.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Un’applicazione del metodo simultaneo per l’insegnamento della letto-scrittura

L’idea dell’applicazione del metodo simultaneo per la letto-scrittura è nata nel 182° Circolo Didattico dalla ricerca nel World Wide Web di nuovi metodi d’insegnamento.

1. Sommario progetto
Sommario: 

L’applicazione del Metodo Simultaneo nella Scuola Primaria Fellini è iniziata nell’a. s. 2006/2007 grazie all’iniziativa e alla curiosità dell’insegnante
Daniela Bianchi che è venuta a conoscenza di questo nuovo metodo attraverso la Rete. Il Metodo Simultaneo per l’insegnamento della letto-scrittura nelle prime classi della scuola primaria è nato alcuni anni fa nell’Istituto Comprensivo di Trescore Cremasco, con la coordinazione del Dirigente scolastico Tullia Guerrini Rocco e delle insegnanti Ilaria Tebaldo e Antonella Melato. L’Istituto Comprensivo di Trescore Cremasco, tra altre iniziative di sperimentazione e ricerca didattica, ha dato i natali al Tappeto Interattivo per l’insegnamento della storia nella scuola primaria e secondaria. Il testo di riferimento per l’applicazione del Metodo Simultaneo a cura del Gruppo progetto lettura è Urrà: testo alternativo per la classe prima. Leggere e scrivere col metodo simultaneo, itinerario metodologico-didattico, che può essere richiesto contattando direttamente l’Istituto di Trescore Cremasco e acquistato a pagamento insieme a altri materiali che prima di essere divulgati sono stati testati. Il Metodo Simultaneo inserisce un elemento nuovo per volta in un contesto noto ed è articolato in fasi:
1° Fase (le vocali) - Il percorso ha inizio con le
vocali, che sono protagoniste nel racconto della fiaba
della maga EA. Infatti i nani EI, OI, UI accompagnano
la maga EA, le sue risate AAA, EEEE, III e i suoi
lamenti AI, AIA.
2° Fase (M, la prima consonante) - Con una sola
consonante tra le vocali è possibile comporre frasi
come “IO AMO MIA MAMMA”, “MIA MAMMA MI
AMA”, “MIAO AMA MUMMIA”. La M di mamma è la
prima tra le consonanti a comparire.
3° Fase (R, L, … le consonanti) – L’aggiunta di
una consonante per volta nell’inventario delle vocali
e delle consonanti già note consente di comporre un
numero sempre maggiore di frasi. La R è la seconda
a comparire tra le consonanti con la possibilità di
costruire storie di re.
Le caratteristiche principali del Metodo
Simultaneo sono
• espansione progressiva dell’inventario linguistico delle vocali e delle consonanti familiari in forma scritta e orale;
• introduzione progressiva di vocali e consonanti in contesti dotati di senso;
• consapevolezza dell’espansione progressiva dell’inventario scritto e orale delle vocali e consonanti familiari;
• possibilità di generare frasi in numero progressivamente crescente;
• consapevolezza della corrispondenza tra la forma scritta e orale delle vocali e delle consonanti e della possibilità dei foni e delle lettere di essere riferiti a se stessi;
• possibilità di individualizzare i percorsi a seconda del ritmo di apprendimento. Secondo Daniela Bianchi è importante diffondere questo metodo che può aiutare le bambine e i bambini a vivere la lettura come un percorso divertente. Il
metodo può essere utile per l’insegnamento della lingua italiana ai bambini stranieri. Le bambine e i bambini della classe seconda della scuola primaria che l’anno precedente avevano sperimentato il Metodo Simultaneo con l’insegnante
Daniela Bianchi ci hanno raccontato in coro divertiti la filastrocca della maga EA e dei nanetti.

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Roma
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
182° Circolo Didattico F.Fellini
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Daniela Bianchi
E-Mail: 
se.fellini@romascuola.net
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 10 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
15/09/2006
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Il progetto è un metodo di apprendimento di base innovativo finalizzato all’insegnamento delle basi della lingua italiana attraverso un apposito libro di testo e attraverso delle piattaforme per l’apprendimento in rete. L’apprendimento viene integrato tramite il software gratuito per l’educazione linguistica disponibile ad esempio accedendo al sito web vbscuola.it. La capacità di apprendere in rete è esercitata cooperativamente in presenza, in genere in gruppi di tre o quattro bambine e bambini che lavorano insieme a uno stesso computer.

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Il metodo simultaneo per l’insegnamento della letto-scrittura pare offrire stimoli nel senso dell’integrazione nella misura in cui le piccole e i piccoli apprendenti procedono secondo il ritmo personale verso la piena padronanza delle capacità linguistiche. La consegna d’inventare frasi a partire da un numero limitato di fonemi e di parole può condurre alla compresenza nella scena narrata di elementi imprevisti e imprevedibili e stimolare il pensiero creativo.

12. Trasferibilità
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
13. Informazioni aggiuntive
Background: 

L’origine è determinate dalla necessità di sperimentare una nuova metodologia dell’approccio alla letto scrittura in una classe prima, mediante l’uso di materiale predisposto da altri, rivisto, corretto e riutilizzato a “misura nella classe I A della scuola Federico Fellini.

Ostacoli: 

Gli ostacoli non ci sono stati in quanto la stessa insegnante che sperimentava era coinvolta direttamente nella
gestione del progetto e poteva rimuovere all’impronta l’eventuale ostacolo o difficoltà. Era lei stessa che decideva
come e quando affrontare le varie situazioni e introdurre nuovi elementi di conoscenza.
Questo non ha significato approssimazione, ma la realizzazione di un percorso programmato nei minimi particolari
e documentato passo passo.

Soluzioni: 

Come già detto non si sono presentati ostacoli di alcun genere, e là dove se ne poteva presentare uno era la stessa
Docente che riusciva a prevedere e risolvere anticipatamente, mantenendo alto il livello di qualità del perorso che si stava
Realizzando.

Future plans and wish list: 

Una maggiore informazione della metodologia agli insegnanti in modo che, tutti possano sperimentarne la valenza
e la validità. Si potrebbe ipotizzare uno stage formativo a livello scolastico e interscolastico (distrettuale) in modo da informare e formare più persone contemporaneamente. Per realizzare questo occorrono finanziamenti adeguati sia per i formatori che per
i materiali necessari. Molto utile potrebbe essere l’uso didattico della LIM.

Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali

Alfabetizzazione informatica

Conoscenza del PC e delle sue potenzilaità nell'esercizio della didattica scolastica

1. Sommario progetto
Sommario: 

Alfabetizzazione informatica

2. Paese (Città / Regione)
Stato: 
Italy
Città: 
Roma
3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: 
I. C. S "Via Tiburtina Antica, 25"
4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: 
Scuola
5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: 
Sandro Silvestri
E-Mail: 
sandro.silvestri@istruzione.it
7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: 
Fino a 15 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: 
NOT Helping youth step in the job market
Creatività e Innovazione sociale: 
Creatività e Innovazione sociale
8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 
26/09/2007
9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project: 

Apprendimento di tutte le discipline, potenziamento delle competenze

10. Risultati
Describe the results of your project as per today: 

Maggior partecipazione degli alunni, miglioramento dell'attenzione

11. Sostenibilità
Come è finanziato il vostro progetto: 
Finanziamenti pubblici o privati
12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove: 
No
Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti: 
We are not available to help others starting or working on similar projects.
Legge sulla privacy
Do you authorize the FMD to the treatment of your personal data?: 
Autorizzo la FMD al trattamento dei miei dati personali
Condividi contenuti